Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 07/08/2008 @ 08:59:31, in Europa, visitato 1710 volte)

Da Czech_Roma

30 luglio, 2008 - By Gwendolyn Albert

Anita Danka/European Roma Rights Centre.
Elena Gorolova, a sinistra, a Madrid con una reduce alla sterilizzazione forzata, Marta Pušková.


Negli ultimi quattro anni, sono stata coinvolta nell'aiutare le reduci delle sterilizzazioni forzate nella Repubblica Ceca, nella loro lotta per ottenere dal governo una riparazione per i danni da loro sofferti, e per impedire che violazioni simili accadano ancora negli ospedali cechi. Assieme ad OnG locali ed internazionali, le donne della comunità Rom di Ostrava in particolare, hanno perseverato in questa ricerca, nonostante le minime risorse ed appoggio. Il loro solo alleato è il difensore pubblico dei diritti Ceco (ombudsman), le cui raccomandazioni fatte nel 2005 rimangono inadempiute dal governo, nonostante i richiami dei consulenti governativi di riconoscere la responsabilità per le violazioni, scusarsi con le vittime e fornire una riparazione.

Qualche settimana fa, mi sono trovata in un albergo di Vienna, dopo una settimana di attivismo ad una grande conferenza a Madrid sui diritti delle donne. Assieme ad alcune delle reduci di Ostrava ed allo staff dell'European Roma Rights Centre, avevo raccolto firme per richiedere ai governi ceco, ungherese e slovacco di riparare queste violazioni. Curiosa di vedere le notizie, ho girato sulla CNN - e quasi sono caduta per la sorpresa. Uno spot annunciava che il documentario Processo per un Bambino Negato, sulla sterilizzazione coercitiva nella Repubblica Ceca, sarebbe stato trasmesso durante la serie "Storie Mai Raccontate dal Mondo". Essendo stata coinvolta da vicino nell'assistere i produttori del film, ero strafelice di vedere il loro lavoro raggiungere il mondo.

Ma per me, lo sviluppo più importante negli scorsi quattro anni è stato il cambiamento che ho osservato nelle donne stesse. Nonostante alcune difficoltà - come le cronache ostili nella stampa locale dopo che avevano dimostrato fuori dall'ospedale di Ostrava nel 2006 - queste donne hanno superato lo stigma che chiunque proverebbe a discutere dettagli sulla propria vita così intimi. In un recente incontro con le donne Rom della Slovacchia che sono state oggetto degli stessi abusi, le reduci delle sterilizzazioni di Ostrava parlarono appassionatamente del bisogno di raggiungere in qualche modo il pubblico attraverso i media, non solo di scambiarsi le proprie esperienze privatamente. Anche dopo quattro anni di quasi silenzio dal governo, ed anche sapendo che loro sono coscienti che la grande maggioranza di loro non vedrà mai quel giorno in tribunale, rimangono focalizzate e desiderose di giustizia.

Nessuna personifica questa trasformazione così chiaramente come Elena Gorolova, che fu sterilizzata senza il suo consenso nel 1990, nel corso del suo secondo parto cesareo. Durante il travaglio in sala parto, con un'enorme paura e sotto l'influenza dei sedativi, i dottori le diedero un pezzo di carta e le dissero: "Firma o morirai." Credendogli, firmò senza nemmeno leggere il documento - come disse più tardi, "In quel momento, avrei firmato la mia condanna a morte."

Il "consenso" ottenuto da Elena sotto queste circostanze è tipico dei reclami del post-comunismo registrati dall'ombudsman. Lei non scelse di essere sterilizzata - i dottori scelsero per lei.

Quattro anni fa, quando riportai per la prima volta di queste violazioni alle Nazioni Unite di New York, fu il suo primo viaggio aereo. Così ci organizzammo per un'altra donna, che l'avrebbe accompagnata e mostrato la rotta. Quest'estate, per il nostro viaggio a Madrid, Elena non solo ha volato da Ostrava da sola, ma è stata lei ad offrire supporto ad un'altra che a sua volta volava per la prima volta. Ha anche imparato ad usare, l'e-mail e Skype. L'esperienza di parlare in pubblico ed interagire con i giornalisti ha rafforzato non solo l'autostima di Elena, ma anche quella delle sue colleghe, come il documentario dipinge così bene. Elena è anche stata nominata recentemente membro della società civile del Consiglio Governativo per gli Affari della Comunità Rom, un organo consultivo del governo sulle tematiche Rom.

Solo un'individualità veramente forte può aver sostenuto l'esperienza recente di un'intervista online con i lettori del server di notizie iDNES.cz, che Elena ha voluto fare mentre eravamo a Madrid. I partecipanti alla conversazione, alcuni firmandosi "Dottore", accusavano Elena e le sue compagne di vari motivi clandestini, come quello di voler diventare "ricche alla svelta" - un'accusa ridicola per chiunque abbia familiarità con i tempi del sistema legale ceco, e le somme tradizionalmente basse dei compensi elargiti solo in casi eccezionali.

Quanti interrogavano sembravano afferrare a fatica che le doglie non sono il momento migliore per chiedere ad una donna se volesse essere sterilizzata. Tentavano di spiegare ad Elena che il "vero problema" era il desiderio di suo marito di avere più figli, non quello del dottore che la sterilizzava senza il suo informato consenso. Questo implicava che avere bambini era solo uno stratagemma per ricevere appoggio sociale. Le hanno chiesto se fumasse, quali voti avesse a scuola e perché non adottasse un figlio. Le hanno chiesto perché i Rom abusino del sistema sociale, perché si perdano nel gioco, droghe e alcool - domande razziste che non hanno niente a che fare con gli abusi dei diritti umani.

Come era sua prerogativa, non ha risposto alle domande più ignoranti. Ha risposto a quelle che riteneva utili, ripetendo la sua storia intensamente personale forse per la millesima volta, nello sforzo di far capire alla gente che non solo lei, ma molte altre, ci sono passate. Ho trovato la sua stamina semplicemente incredibile.

Il governo ceco assumerà la presidenza UE nella prima metà del 2009, seguito dalla Svezia. Dieci anni fa, quella nazione decise di fare quanto la Repubblica Ceca non ha ancora fatto: riconoscere che il programma di sterilizzazione adottato dai primi anni '30 sino agli anni '70 portava all'abuso dei diritti umani, e compensò le vittime di questa pratica. Per quanto ne so, il riconoscimento di questa verità non è costato niente al governo svedese nei termini di prestigio internazionale - invece, ha sollevato la condizione del paese fra i fautori dei diritti umani e della giustizia.

Grazie agli sforzi di quanti hanno lavorato sull'argomento delle sterilizzazioni forzate in questo paese sin dalla fine degli anni '70, il governo ceco ha ora un'enorme opportunità di unirsi al gruppo di quei paesi capaci di auto-riflessione ed espiazione. La domanda è se i leader cechi hanno abbastanza compassione per farlo.

The author is the Director of the Women’s Initiatives Network of the Peacework Development Fund.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/08/2008 @ 08:43:27, in blog, visitato 1126 volte)

Da Roma_Francais

BIENVENUE CHEZ LES ROMS (blog)

Miei cari amici Rom,

Porto un toast al vostro coraggio ed a ciò che dovete sopportare per me. Da quando sono stato nominato presidente del Consiglio dei ministri, ho rinunciato a scegliere tra i mandati più difficili e optato per quelli che mi avrebbero apportato più cre-di-bi-li-tà. Dopo aver passato in rivista i grandi assi della mia politica, mi son dovuto arrendere all'evidenza. I soli che mi potevano salvare la pelle eravate proprio voi, Voi, miei amici Rom!

Ho rinunciato alla lotta alla mafia poiché tutti i miei amici ne fanno parte. Il potere d' acquisto sul quale non ho nessuna influenza. La lotta alla povertà, alla miseria e all'indigenza, chi se ne frega! Tutte queste preoccupazioni per le quali non posso strettamente fare nulla non avendo le competenze ed ancor meno l'interesse. Fortunatamente, sono definitivamente scappato alla giustizia mettendomi al riparo da azioni giudiziarie. Unica cosa efficace che so riuscito sinora ad ottenere.

Pregando Dio in ginocchio, l'imploravo di mostrami la strada giusta e come rassicurare gli Italiani. Guardando lungamente la croce sulla quale Gesù sacrificato ha versato il suo sangue per me. Di colpo, un'illuminazione straordinaria. Al posto di Gesù, ho visto un Rom.

Sì! Una rivelazione divina. Dio mi aveva inviato i Rom per venirmi in aiuto. Voi siete stati designati, come l'agnello sacrificale sull'altare della politica italiana. Immolati per far dimenticare agli Italiani che tutto va alla deriva. Mi lanciai, in ginocchio, sul pavimento della Chiesa, per ringraziare il Padre nostro di avervi designato tra noi.

E gli Italiani sono contenti dell'olocausto che gli offro. Mi incensano, mi onorano, voi siete seguiti con tutti gli altri immigrati, ho inviato loro l'esercito per le strade. Si sentono infine amati, compresi, rassicurati. Avevano bisogno di un padre, ebbene, ce l'hanno. Onnipresente. Penso per  loro, decido per loro. L'uniforme, l'esercito, sono simboli potenti della forza del padre, d'ora in poi si manifesterà a tutti gli angoli di strada.

Allora, miei amici Rom, lasciatemi ringraziarvi di avermi aiutato ad erigere questa statua che io rappresento e che l'Italia intera adora. Per il vostro coraggio, per il vostro dono di sé, sarete ricompensati davanti la Porta di San Pietro. Prego tutti i giorni perché voi accediate al Paradiso, senza indugi, in grazia dei servizi resi all'Italia.

Per finire, Cari amici Rom, siete i migliori cittadini italiani che il paese ha mai avuto e meritereste, per questo, di essere decorati.

Alla vostra salute, leviamo i nostri bicchieri, tutti assieme, e beviamo alla vostra gloria!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/08/2008 @ 12:55:19, in musica e parole, visitato 1951 volte)

Ricevo da Luisa

Da GEYGER DISF

Ieri è stato presentato alla regione Puglia il programma del Festival della "Notte della Taranta", la cui XI edizione si terrà fra il 7 e il 23 agosto nei Comuni della Grecìa Salentina, per concludersi nel concertone finale di Melpignano, durante il quale è prevista la partecipazione di Caparezza, Aprés la classe, Sud Sound System, Radiodervish, Richard Galliano e Rokia Traore' (nei prossimi giorni maggiori informazioni).

Benché siano in molti, anche qui in Puglia, ad associare la "Notte della Taranta" quasi soltanto al concertone di Melpignano, in realtà da anni questo Festival di pizziche e contaminazioni folk è diventato itinerante, e per molti seguaci, "carovaniero" per tutto il Basso Salento, con circa 15 serate sparse fra Calimera e Alessano, passando per Otranto e Galatina. Per non parlare di tutte le rassegne, sagre, piccoli festivals ed eventi che costellano il Salento per tutta l’estate, fornendo ampiamente scelte alternative per una stessa serata.

Anche il pubblico è perciò eterogeneo ed itinerante. Ad uno stesso concerto del Festival, un terzo del pubblico è composto dalla popolazione locale- ma in buona parte sono migranti italianissimi. Un altro terzo è composto da vacanzieri con il culto dell’esotico, e l’ultimo terzo è costituito dai giovani travellers d’Italia e ormai anche d’Europa (l’anno scorso ho anche incontrato sudamericani). Al pubblico occorre aggiungere la non piccola comunità temporanea degli ambulanti e degli addetti ai lavori, dei giocolieri e degli artisti di strada, di chi organizza le varie rassegne e di chi fa commercio (anche di dischi, magliette e libri). A volte la distinzione fra festival e sagra s’assottiglia pericolosamente, a tutto vantaggio degli stands gastronomici, che pagano di più ai Comuni. Altre volte i vigili lasciano fare, e ciò rende la serata meno "istituzionalizzata" e "bottegaia".

Per molti giovani travellers il festival diventa davvero un’esperienza nomadica "per scelta", assai simile ai fasti dell’Umbria Jazz d’un tempo,durante la quale si incontrano, oltre il variegato mondo dell’ambulantato, anche gli "zingari", in particolare nelle celebrazioni di San Rocco a Torrepaduli. Bands di origine "zingara", come Mascarimirì di Claudio "Cavallo" Giagnotti, Crifiu, Ziringaglia, sono presenti in parecchie serate, ma in genere molte formazioni mixano ecletticamente ogni sorta di fonti musicali folk, etniche, world, afro, reggae. Vi sono poi serate particolari in cui si incontrano "maestri" e "regine", come a Sternatia lo scorso anno, Lucilla Galeazzi ed Esma Redzepova "the Queen of Gypsies" con il Canzoniere Grecanico Salentino.

Stratificazioni antiche, a volte rivendicate come "identitarie", e linee di fuga contemporanee si intrecciano in un meticciato culturale reso più eccitante da o’ sole, o’ mare, sex drugs and rock’n’roll, dai mille incontri occasionali a volte stimolanti, a volte divertenti, a volte convenzionali. Come sempre. Con la "paura" di tornare a casa, alla solita vita scuola-lavoro-famiglia. E sullo sfondo un Salento che con gli anni tende sempre più a "imborghesirsi", a sedentarizzarsi, a recintarsi, sempre meno "selvaggio" e "primitivo" sempre più "bottegaio". Prima di tutto lo "sviluppo", il "marketing del territorio", in funzione turistica: villaggi, resort, bed & breakfast, strade, porti, etc. L’alternativa fra nomadismo e sedentarietà oscilla fra le scorribande notturne e la noia vacanziera, compresenti sullo stesso territorio per qualche mese estivo.

Nulla che in fondo non sia un déjà vu, da queste parti. Dove al tradizionale incontro/scontro fra contadini, zingari e classi agiate si è sovrapposto quello post-moderno fra migranti, vacanzieri, nuovi nomadi, artisti di strada, giocolieri, e… affaristi. Più i nuovi Rom arrivati di recente dalla ex Jugoslavia, e in particolare dal Kosovo, in seguito alle guerre etniche ed "umanitarie".

Il gruppo più antico di Rom in Italia, proveniente dai Balcani, si è insediato fin dal XV sec. nell’Italia centro-meridionale, fra Abruzzo, Molise, Campania, Puglia e Calabria. Esercitavano le attività di fabbri, mercanti di equini, giostrai. Fino agli anni successivi la seconda guerra mondiale durante la bella stagione giravano per i mercati con carrozzoni trainati da cavalli; svernavano vicino a qualche borgo, in stalle o fienili presi in affitto. Col tempo la lingua romani, già fortemente influenzata dai dialetti regionali, è stata quasi del tutto abbandonata o sopravvive nell’uso di alcune frasi gergali. Allo stesso modo, il nomadismo è diventato stagionale e i più si sono "fermati" in campi e baraccopoli alle periferie delle città.

La loro partecipazione ad alcune feste religiose le influenza in maniera determinante come nel caso della festa di S. Rocco a Torrepaduli e della festa dei SS. Cosma e Damiano a Riace (CZ). La presenza degli zingari è sensibilmente diversa da quella dei contadini:

"i contadini trascorrono la notte accampati in chiesa, seguono la processione cantando, suonano e danzano la tarantella solo in spazi e in momenti a margine della festa vera e propria; gli zingari si accampano in automobili, camion o furgoni, nei pressi del santuario. A Riace precedono la processione danzando; a Torrepaduli, dopo la processione, si impadroniscono del sagrato dando vita per tutta la notte a delle "ronde" di "pizzica". Qui agli zingari (e, in misura minore, ad altri marginali e a gente di malavita) spetta prevalentemente il ruolo di danzatori, ai contadini quello di suonatori di tamburello e di armonica a bocca. La tarantella ballata a Torrepaduli in occasione della festa di S. Rocco è detta la "scherma": due uomini si affrontano danzando, indice e medio della mano destra tesi a simulare la presenza di un coltello, e duellano fino a che uno dei due contendenti viene toccato per la terza volta dalle dita dell’avversario"(Nico Staiti).

La "pizzica-scherma" verrebbe dalla Calabria, dov’è chiamata anche "tarantella maffiusa", tipica non degli zingari, ma come danza di contadini, pastori, e gente di malavita. Ma i Rom salentini restano comunque gli interpreti principali della "scherma", e sono loro ad averla importata dalla Calabria nel Salento. Com’è tipico del nomadismo e degli zingari, sono questi ad aver svolto un ruolo di mediatori di tradizioni fra due diverse regioni dell’Italia meridionale, cosa impossibile fra culture "chiuse", e allo stesso tempo, a Torrepaduli come a Riace, svolgono un ruolo complementare rispetto agli altri partecipanti.

La grande capacità degli zingari, come sottolineava Luca Guglielminetti nel post di ieri, "La nuova musica zingara: il Jazz dei Balcani", è quella di costruire i brani musicali attraverso "l'apprendimento, come per la lingua parlata, di arie e melodie popolari dai luoghi di passaggio, e l'estro individuale particolarmente esaltato dalla pratica molto frequente dell'improvvisazione. È difficile individuare una musica originale zingara. Si possono riconoscere però stili diversi…".

Questo tipo di "ibridazione", di "musica ibrida ai confini del mondo in un cocktail irresistibile di musiche balcaniche…ricche di echi arabi, turchi e mediorientali in un turbinio di ritmi etc." costituisce il contributo specifico della musica "zingara" alla musica "etnica" del Salento. La sua profondità (Liszt) riflette "un dato di precarietà sociale eccezionale" percepito con intensità e forza straordinarie, alla quale, forse, anche il più distratto vacanziero o migrante di ritorno, colto in un attimo di libertà fuori dalle consuete costrizioni del lavoro e del quotidiano, s’abbandona mollemente.

"Se il dato primario degli zingari è la capacità (necessità) di adattarsi a contesti sociali sempre nuovi, cui prestare attenzione per percepire quanto serve per sopravvivere, è ben possibile che, come per i neri americani, prestando orecchio a quanto le tradizioni musicali popolari fornivano nei contesti dei luoghi nei quali si aggiravano abbiano condotto a queste strepitose "sintesi" o "rivitalizzazioni" di tradizionali arie in forme dotate di una autonoma cifra stilistica" (Luca Guglielminetti).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/08/2008 @ 09:34:30, in casa, visitato 1463 volte)

Da Roma_Francais

LE MONDE | 31.07.08 | 13h19

LAMEZIA TERME (ITALIE) ENVOYÉ SPÉCIAL - I fiori di plastica abbelliscono le finestre delle baracche. I bambini giocano in mezzo ai contenitori d'acqua. La biancheria asciuga sul filo spinato. Il campo rom di Lamezia Terme, in Calabria, incastrato tra la pendenza della ferrovia, il recinto dell'ospedale ed un muro di 4,5 metri di altezza per 50 di lunghezza, è un ghetto con un solo accesso, il tunnel sotto la strada ferrata.

"Il muro c'era già quando siamo arrivati, ma era più basso", si ricorda Massimo che è cresciuto qui. "Poco a poco, i residenti l'hanno alzato e messo del filo spinato per impedirci di saltare dall'altra parte." Massimo, cognome italiano come tutti quelli della famiglia: Berlingeri. Il muro separa dal resto della città degli italiani da generazioni, con meno diritti e condizioni di vita inumane.

"Zi' Antonio", la memoria del campo, ricorda in dialetto locale e con un forte accento calabrese: "Prima di andare a dormire, chiamo una dozzina di giovani che vengano coi bastoni e mi aiutino a cacciare i ratti dalla baracca." Attorno, si conviene. Se non sono i ratti, sono le blatte. Un alloggio degno: è quello che domandano le 84 famiglie che sono istallate in questo campo "provvisorio" dal 1982.

E se si parla loro del censimento dei Rom in corso, aggirano la questione con un gesto della mano. Qui, dove vive la più forte comunità rom del Sud dopo Napoli, non è questo il problema. Anche se siano riunite tutte le condizioni per accedere agli alloggi sociali, è tutto bloccato. "E' un vicolo cieco", riconosce il sindaco della città, Gianni Speranza. "Il rialloggiamento in stabili ad affitto moderato è la sola soluzione, e finirà per arrivare, ma quel giorno, spiega, temo una guerriglia contro i Rom."

I Rom sono accusati di provocare fumi tossici incendiando i pneumatici per ricavarne materiale da rivendere. Si rimprovera loro di avere trasformato i dintorni del campo in uno scarico di rifiuti ingombranti o tossici. "Più facile per i privati o le imprese girare un biglietto di 10 o 20 euro tra di loro per sbarazzarsi dei rifiuti, che seguire la filiera obbligatoria con i costi che comporta", spiega Antonio Rocca, dell'associazione Ciarapani. Da qui l'amalgama, Rom, criminalità. L'associazione vuole mostrare che esiste un'altra via: ha messo in piedi una cooperativa incaricata dal comune di raccogliere le immondizie. "Grazie al mio lavoro, sono riuscito a trovare un alloggio in città", spiega Massimo, fiero della sua uniforme di spazzino. "Sono dei cittadini. E' scandaloso rinchiuderli in un ghetto, quando avrebbero diritto, come tutti, alla scolarizzazione, alla formazione, alle opportunità di lavoro e ad un alloggio", spiega Marina Galati, presidente dell'associazione. Ma la paura ei Rom, denunciata dalla sinistra, dalle associazioni cattoliche e della difesa dei diritti, allontana tutte le soluzioni. Il muro di Lamezia Terme non è pronto a cadere.

Salvatore Aloïse
Article paru dans l'édition du 01.08.08

PS: Di Marina Galati, segnalo "Fare cittadinanza insieme ai rom"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/08/2008 @ 08:56:08, in Italia, visitato 3099 volte)

28 luglio 2008 - Nei mesi scorsi l'Italia è stata sotto i riflettori per l'aumento degli attacchi e la crescita del pregiudizio razziale contro le sue comunità Rom e Sinti.

Opera Nomadi è la principale organizzazione che lavora con le comunità nomadi in Italia. Molti dei suoi componenti sono Rom e Sinti. Guida progetti sull'istruzione, la sanità, l'abitare e le relazioni comunitarie nelle città italiane, incluse Milano, Roma, Napoli e Padova.

Matilde Ceravolo, dell'MRG, ha parlato col Vice Presidente dell'Opera Nomadi, Maurizio Pagani (in foto), sul peggioramento della situazione per i Rom in Italia.

Quali sono le vostre relazioni con le autorità locali italiane?

I sindaci italiani tendono a delegare il lavoro con le comunità Rom a terze parti, spesso OnG. Il problema è che non coinvolgono o consultano le comunità stesse. Buona parte del lavoro dell'Opera Nomadi è facilitare il dialogo e la mediazione culturale.

Recentemente il lavoro è diventato sempre più difficile. Ci sono delle distinzioni tra le città, che dipendono dalla posizione politica dei sindaci, ma generalmente ci sono forti contraddizioni nelle politiche sociali implementate da tutti i partiti. Riguardo le comunità nomadi, il contesto politico e sociale è andato sempre più peggiorando durante gli ultimi due anni.

Può spiegare come la situazione delle comunità Rom e Sinti sta peggiorando in Italia? Cosa sta causando questa situazione?

Da luglio, il governo ha adottato misure discriminatorie, ad un livello mai visto nel passato. Le comunità Rom e Sinti si sentono minacciate ora come mai prima. Crediamo che ci sia un serio rischio di discriminazione etnica e che ci stiamo avvicinando verso il disegno di politiche pubbliche discriminatorie.

Tuttavia, questo non dev'essere visto soltanto come una parte di un'ondata anti-nomadi. Quanto sta accadendo adesso è parte di più vaste politiche migratorie. Negli ultimi anni, il dibattito politico sulla migrazione ha assunto forti toni demagogici. L'Italia è stata sul lato sbagliato di massicce migrazioni dall'Est Europa, soprattutto dalla Romania, da quando quel paese ha raggiunto la UE. Molti di quei migranti erano Rom rumeni, a cui è stata data l'unica possibilità di sistemarsi in campi alle periferie delle città, creando nuove baraccopoli. La presenza di queste comunità di Rom rumeni ha poi creato forti conflitti sociali nelle periferie, e questo ha recentemente attirato più attenzione sui Rom e si è trasformato in una crescente ondata di razzismo.

Campo di Rom rumeni, Milano - Paolo Poce

Ma la vera ragione per cui accadono questi esplosivi conflitti sociali è che l'improvvisa migrazione dalla Romania non è stata gestita adeguatamente. Non ci sono state politiche dell'emergenza, sono state abbandonate le politiche dell'integrazione. Le istituzioni non hanno facilitato il processo, non hanno offerto soluzioni, ed hanno terminato discriminando i migranti su base etnica. Le questioni sociali affrontate dai Rom sono state trattate come qualcosa di differente dall'assistenza sociale a cui hanno diritto gli altri cittadini.

Qual'è la sua opinione sulle misure che sta adottando il governo, come registrare tutti i Rom e prendere le impronte digitali ai bambini?

Avevamo in precedenza denunciato i Prefetti di Roma, Milano e Napoli a cui è stato dato il ruolo di "Commissari Speciali sull'Emergenza Rom" col compito di sviluppare il censimento della popolazione Rom, dicendo che questo non sarebbe stato un comune censimento della popolazione, ma sarebbe stato basato sull'etnia... Avevamo ragione.

Metà della gente Zingara nel paese sono cittadini italiani, che hanno gli stessi documenti di ogni altro cittadino italiano. Nondimeno, come parte di questo censimento, è richiesto loro di mostrare i loro documenti, che vengono fotografati e tenuti in uno speciale archivio parallelo, differente dal registro civile usato per tutti gli altri, Sfortunatamente, anche la Croce Rossa Italiana sta partecipando al censimento.

Riguardo alle impronte, anche se molto ne è stato scritto, al momento è accaduto in pochi casi, con l'eccezione di Napoli. A Roma, il Commissario Speciale ha avuto il coraggio di dichiarare che rifiutava di prendere le impronte, tranne in casi eccezionali, dove fosse altrimenti impossibile identificare la persona.

La società civile, e specificatamente l'Opera Nomadi, cosa stanno facendo per rispondere a questa situazione?

Abbiamo immediatamente preso alcune azioni legali. Sono informato di due casi in Lombardia dove sono stati citati i diretti responsabili della presa di impronte (polizia e carabinieri). L'Opera Nomadi sta appoggiando una famiglia di Rom italiani fornendo assistenza legale al caso.

Abbiamo anche deciso di denunciare pubblicamente la sfaccettatura discriminatoria di questa misura. Critichiamo la mancanza di politiche pubbliche effettive nell'affrontare i problemi delle comunità nomadi. Siamo a conoscenza che i problemi esistono, ma sinora non abbiamo visto nessuna politica volta ad affrontare problemi come l'accesso all'istruzione, al  lavoro, alla casa, di queste comunità. Abbiamo scritto al Prefetto di Milano offrendo di incontrarsi e discutere tutti questi argomenti. Stiamo ancora aspettando una risposta, e siamo ancora aperti al dialogo.

La società civile generalmente ha  esercitato una pressione critica su chi deve prendere le decisioni. La "Federazione Rom e Sinti", che include rappresentanti di ogni comunità, è stata molto attiva.

Roberto Maroni, Ministro degli Interni, sta presentando la presa delle impronte come un'azione umanitaria. Ha dichiarato che lo scopo è fornire cittadinanza a quei bambini che sono stati "venduti, abbandonati, lasciati a chissà chi". Può commentare?

In Italia abbiamo un immenso problema dei bambini nati senza cittadinanza. Riguarda principalmente i Rom dell'ex-Yugoslavia, che non hanno assolutamente documenti d'identità o cittadinanza. Non viene neanche assegnato loro un certificato di apolidia. Stimiamo che siano circa 15-20.000. Opera Nomadi non può ma accoglierebbe con favore una decisione che garantisse loro la cittadinanza.

Sfortunatamente, quello che il signor Maroni suggerisce, riguardo solo i minori che sono stati vittime di violenze terribili, che sono stati allontanati dai genitori dai tribunali, o quelli che non hanno famiglia. Secondo l'Osservatorio Minori, nel 2007 c'erano 8.000 casi simili nei registri (il numero reale è chiaramente superiore). Molti di questi casi sono di stranieri, ma i Rom sono probabilmente non più di poche centinaia. Molti di questi bambini vengono dal Maghreb. Sono messi sotto la protezione dei servizi sociali, ma perdono la loro condizione quando compiono diciott'anni. A loro non viene fornito nemmeno un permesso di lavoro, e spesso rimangono senza cittadinanza.

Campo di Rom rumeni, Milano - Paolo Poce

In questa situazione, che il signor Maroni voglia loro garantire la cittadinanza è certamente una buona notizia. Nondimeno, dev'essere chiaro che è solo una forma di protezione per un gruppo molto specifico. Non cambia il fatto che la legge italiana sulla cittadinanza abbia bisogno di una riformulazione radicale. Non è accettabile che famiglie che sono qui da 4 generazioni non possano ancora ottenere la cittadinanza.

Due notti fa un campo Rom ha preso fuoco a Roma. Il giorno prima i corpi di due ragazze Rom che erano annegate sono state lasciate nell'indifferenza sulla spiaggia di Napoli. E' questa la cima dell'iceberg del razzismo contro i Rom?

Io penso si debba essere molto prudenti con affermazioni simili. Nello stesso modo in cui il rigetto dei Rom è diventato molto più visibile, è anche vero che parte dei media e della società civile è troppo incline ad interpretare ogni fatto come una manifestazione di razzismo. E' molto importante verificare la credibilità delle informazioni prima di darle per assodate. Per esempio, non c'è prova che al campo sia stato dato fuoco di proposito. Al momento, sembra più probabile che sia stato solo un incidente.

Riguardo al caso delle due ragazze affogate. Sfortunatamente, credo che sia un sintomo della nostra società malata. Non credo che l'episodio sia accaduto per l'etnia delle ragazze. Lo stesso sarebbe probabilmente successo con chiunque altro.

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/08/2008 @ 08:46:00, in Europa, visitato 1639 volte)

Da Nordic_Roma

31 luglio 2008 1:50am BST - By Agnieszka Flak and Julie Breton

HELSINKI (Reuters) - Aurelia non porta più con sé sua figlia di quattro anni a mendicare per le strade della capitale Helsinki. La donna Rom di 35 anni ha troppa paura che le prendano la bambina per darla in affido.

La Finlandia sta perseguendo i Rom, o zingari, che elemosinano con i loro bambini, minacciando di rimandare madri e figli nel loro paese di origine o di dare i bambini in affido. Lo scopo, dicono le autorità, è di proteggere i bambini.

Ma i gruppi dei diritti umani dicono che la mossa, introdotta alla fine del 2007, è sinora una delle più dure misure anti-Rom d'Europa, e costituisce una forma di ricatto che divide le famiglie invece di proteggerle.

La Finlandia non è sola nell'introdurre misure che i critici dicono essere discriminatorie contro i Rom. L'esecutivo dell'Unione Europea ha sollecitato gli stati membri ad offrire migliori opportunità ai Rom, cui spesso non vengono date pari opportunità di avanzare socialmente.

I Rom dell'Est Europa sono stimati in 9-12 milioni, sono il settore della società più povero nella regione, e molti sono fuggiti nei più ricchi stati occidentali, in cerca di una vita migliore. Ma, spesso, hanno trovato soltanto negligenza, discriminazione e schiacciante povertà.

In Italia, il governo è stato severamente criticato per il piano di prendere le impronte digitali ai Rom, inclusi i bambini, come componente di un severo provvedimento sui crimini, che molti italiani imputano agli immigrati.

I critici dicono che le misure proposte portano alla discriminazione etnica ed alla violazione delle regole UE. L'Italia ha replicato che le impronte verranno prese a tutti i cittadini, una mossa per disinnescare le critiche.

Astrid Thors, Ministra Finlandese per le Migrazioni e gli Affari UE, ha difeso la posizione del suo paese, dicendo che le autorità devono reagire se i bambini sono in pericolo.

"Stiamo cercando di agire nell'interesse dei bambini - Può essere problematico, ma è anche bene che la gente che arriva qui sappia che questa è la regola," ha detto.

Aurelia, che ha rifiutato di dare il suo cognome, elemosina ancora ma le entrate sono diminuite da quando ha smesso di portare sua figlia.

"Mendicare è ancora meglio che avere fame nel paese da cui arrivo," ha detto, agitando il bicchiere di plastica vuoto sul marciapiede vicino alla stazione di Helsinki.

"Alcune delle mie amiche sono andate via perché hanno sentito che i loro bambini sarebbero stati prese. Io non ho altra possibilità. Non ho altri sistemi migliori per appoggiare la mia famiglia a casa."

PIU' ORGANIZZATI

Il governo stima che vivano in Finlandia circa 10.000 Rom, anche se dicono che il numero potrebbe essere molto più alto, perché tracciare i loro movimenti è quasi impossibile.

Molti Rom arrivano dalla Romania e dalla Bulgaria, che hanno raggiunto l'Unione Europea nel 2007.

Quelli arrivati recentemente spesso dormono in tende o in comunità improvvisate sugli svincoli autostradali e raramente hanno accesso al servizio sanitario per prendersi cura delle loro famiglie.

Per legge, i Rom non possono essere deportati, a meno ché non commettano un crimine serio. Mendicare non è illegale.

Quando i Rom mendicanti, una presenza ubiqua nella capitale norvegese Oslo, apparvero per la prima volta l'anno scorso nelle strade di Helsinki, causarono fermento nei media locali e misero in evidenza una certa intolleranza verso gli stranieri.

I Rom non sono l'unico gruppo che ha affrontato la discriminazione in Finlandia, dove spesso la gente è ostile verso i nuovi venuti sino ai recenti segni  che l'economia avrebbe sofferto se il paese non avesse adottato un approccio più positivo.

Con un clima duro ed una lingua parlata solo da pochi, la Finlandia sta ora cercando di attrarre gli immigrati per puntellare un'economia indebolita dal rapido invecchiamento della popolazione europea ed una forza lavoro ristretta.

La popolazione della Finlandia è di circa 5,3 milioni e ci sono circa 122.000 stranieri, la maggior parte dalla Russia e dall'Estonia.

Mentre il numero dei mendicanti Rom in Finlandia è ancora piccolo - meno di 100 secondo uno studio del ministro degli interni - la polizia dice che stanno diventando più organizzati ed aggressivi, a volte arrivano su mini bus noleggiati alla bisogna per la loro giornata lavorativa ad Helsinki.

E la presenza dei bambini ha fatto arrabbiare alcuni Finlandesi.

Outi Parkkinen, una madre che vive a Helsinki, ha detto che non potrebbe contribuire a suddividere la colpa dopo aver visto bambini dormire per strada ad una temperatura sotto zero.

Chiede: "La gente dice che la Finlandia non è aperta all'immigrazione ogni volta che si parla dell'arrivo dei Rom. Dovremmo forse lasciarli vagare e rischiare che qualcuno di questi bambini muoia?"

Thors ha detto che la Romania deve assumersi la responsabilità dell'integrazione della sua minoranza nomadica e prevenire che migliaia di persone inondino le altre città europee.

Pure altri stati nordici hanno iniziato a reprimere, specialmente da quando il numero dei mendicanti Rom è cresciuto dal 2007.

Le lamentele contro i mendicanti aggressivi ad Oslo hanno portato l'anno scorso i politici norvegesi a discutere il divieto di elemosina.

Anche se questa proposta è caduta, è nuovamente dibattito aperto che nuovi gruppi di Rom mendicanti, principalmente dalla Romania, hanno iniziato ad arrivare nella città più cara d'Europa.

Circa cinque anni fa, la Danimarca cercava di mettere i bambini Rom in classi speciali e di ritirare gli assegni di disoccupazione ai genitori Rom se i loro figli non frequentavano la scuola. Tutte e due le pratiche sono state ritenute illegali e da allora sono cessate.

(Additional reporting by Sakari Suoninen and Sami Torma in Helsinki, Kim McLaughlin in Copenhagen, Adam Cox in Stockholm and John Acher in Oslo; Editing by Clar Ni Chonghaile)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
USA
Di Fabrizio (del 05/08/2008 @ 10:45:39, in media, visitato 1562 volte)

Da British_Roma

Un mio amico ha comprato un film dal titolo
I Ricchi: Stanno rubando il Sogno Americano

E' un trailer ed una serie per il cinema

E' UNA TERRIBILE PROPAGANDA ANTI-ROM

Le star sono Eddie Izzard e Minnie Driver con 2 bambini, Shannon Marie Woodward, Noel Fischer, Adrian Mitchell.

Creatore Dmitry Lipkin

E' fatto dalla 20th century Fox e programmato per il Fox movie channel (Fox è un canale molto razzista qui negli USA)

Loro reclamano di essere Viaggianti (con la V maiuscola) e nell'introduzione dicono che "alcuni ci chiamano Zingari". Sono mostrati mentre guidano un caravan, i bambini non vanno a scuola, e c'è un "campo" con molti altri che loro visitano occasionalmente e che è guidato da un uomo molto violento e orribile, ch tratta le donne e le ragazze terribilmente, picchiandole e facendo maritare le ragazzi da molto giovani.

La premessa della serie è che sono tutti ladri. Minnie Driver li definisce come ladri professionisti e questa è la loro occupazione.

Inutile da dire, questo è solo alimentare gli esistenti terribili stereotipi e bisogna protestare sino all'ultimo.

Non ho idea se diventerà mai una serie TV, perché non ho TV! (neanch'io, qualcuno potrebbe informarmi? ndr)

Ma ho pensato di farvelo sapere.

Dianne Post - Phoenix, AZ

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/08/2008 @ 09:33:21, in scuola, visitato 1290 volte)

Da Polska_Roma

By MONIKA SCISLOWSKA - WARSAW, Poland (AP) - Il Ministro dell'Istruzione ha programmato di chiudere le classi per soli Zingari, a seguito delle proteste per cui sarebbero discriminatorie.

"Non ci sarà più assolutamente alcuna forma di classi separate per i bambini Rom" ha detto venerdì Katarzyna Hall a radio Tok FM. "Dobbiamo porre una fine a questo".

Nel 2004, il Consiglio d'Europa si era appellato alla Polonia e ad altre nazioni con una minoranza Rom, di porre una fine alle classi segregate.

Ma il giornale polacco Dziennik ha riportato questa settimana che, secondo dati del Ministero degli Interni, ci sono state classi separate quest'anno in cinque città meridionali ed orientali.

I bambini Zingari erano spediti in classi separate col pretesto che non parlavano polacco, riporta il giornale, anche se molti lo parlavano fluentemente.

Una scuola aveva persino ingressi separati per Zingari e Polacchi, secondo il giornale.

Krzysztof Stanowski, delegato alla Camera, ha detto all'Associated Press che dal 1 settembre tutti i bambini saranno messi insieme, indipendentemente dall'etnia.

"Il ministro sta parlando con tutte le autorità locali dell'istruzione coinvolte e ha detto che a partire da quest'anno scolastico non saranno più formate classi separate per i Rom," ha detto Stanowski.

Ha detto che il Ministero dell'Istruzione si è opposto ad ogni tipo di discriminazione, ed elogiato il giornale per aver sollevato la questione.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/08/2008 @ 09:04:45, in lavoro, visitato 1353 volte)

Da Czech_Roma

I 4 milioni di Rom nella regione, affondati nella disoccupazione, povertà e malattia, sono una ruggine sociale e un'opportunità economica persa
by S. Adam Cardais

28 giugno 2008 - Sempre più spesso nell'Europa Centrale la disperazione della popolazione Romani nella regione rimane vergognosamente rimossa dai pubblici scrutini in ghetti nascosti all'esterno da capitali come Praga o Bratislava.

Ma viaggiando a sud attraverso i Balcani sino a Podgorica, dove con i bimbi al collo tirano le braccia ai turisti per mendicare, o Sarajevo, dove protette, delicate donne Romani circolano con i loro bambini - a mani tese - attraverso i caffè nella Città Vecchia Turca. Questo grida la disperazione della disoccupazione, della povertà e della malattia rampanti tra i circa 4 milioni di Rom nell'Europa Centrale ed Orientale. Gli stessi disperati paesi come la Repubblica Ceca cercano di marginalizzare - se non coprire - attraverso quello che un'organizzazione dei diritti umani con base a Praga chiama "tacito apartheid".

La quasi totale esclusione sociale dei Rom - spesso denominati Zingari - nell'Europa Occidentale ed Orientale ha ricevuto recentemente molta attenzione, specialmente dal "Decennio di Inclusione Rom", iniziativa lanciata nel 2005 da nove governi dell'Europa centrale e del sud-est per promuovere l'integrazione. Tuttavia, come può facilmente vedere qualsiasi viaggiatore nei Balcani, i Rom sono appesi a margini disperati. Di più, la recente decisione dell'Italia di prendere le impronte digitali ai Rom rivela la profondità di sotterranei sentimenti anti-Rom in Europa.

Data la considerevole attenzione, ed i miliardi di di Euro di aiuto dell'Unione Europea al "Decennio di Inclusione Rom", perché così pochi progressi? Non è mancanza di idee o di fondi, dicono gli esperti di integrazione Rom. Non è neanche che i Rom lavorino timidamente, teoria sposata dagli scettici sull'inclusione. No, dicono gli esperti, il problema è la debole volontà politica.

Però mantenere i Rom al fondo dovrebbe essere inaccettabile nella moderna Europa. Non solo è ingiusto ed immorale - è cattiva economia.

LE DIFFICOLTÀ DI CHI PAGA LE TASSE

"La povertà è costosa", dice Gwendolyn Albert di Peacework, un'organizzazione internazionale sullo sviluppo umano. "E' quello che la maggior parte della gente non capisce."

Effettivamente, l'esclusione dei Rom ha significativi costi economici che dovrebbero essere gridati fra gli argomenti a favore dell'integrazione. Può essere un approccio cinico, ma può anche avere le gambe politiche che sembrano mancare alle considerazioni morali.

I costi iniziano col lavoro. A causa della discriminazione o della mancanza di istruzione e specializzazioni, la disoccupazione Rom è sproporzionatamente alta nell'Europa Centrale ed Orientale, raggiungendo il 70% in alcuni paesi.

Nel contempo, la popolazione maggioritaria sta avanzando verso le sedie a rotelle piuttosto che i tricicli. I mercati lavorali nei prossimi decenni faranno a meno di decine di migliaia di lavoratori, così i governi dovrebbero provare a capitalizzare la loro economica e disponibile forza lavoro Romani. Ma per lo più non è così. Invece, paesi come la Repubblica Ceca stanno reclutando lavoratori stranieri per riempire il gap.

"E' assurdo portare gente dalla Mongolia alla Boemia o alla Moravia settentrionali, quando ci sono un gran numero di Rom disoccupati," dice Albert.

Specialmente considerando che la disoccupazione porta molti Rom all'assistenza sociale. Un rapporto del 2003 del Programma di Sviluppo ONU (UNDP) trovò che per oltre il 70% dei Rom nell'Europa Centrale ed Orientale, il loro reddito deriva da fonti statali come gli assegni per l'infanzia o la disoccupazione. Questa dipendenza sociale è chiaramente costosa, ma consideriamo anche che molti Rom con bassi stipendi non pagano tasse per supportare questi programmi ed i costi dell'esclusione sono chiari: il paese perde lavoratori, denaro pubblico e ingresso di tasse.

Misurare questi costi è difficile perché sono limitati i dati certi sui Rom. Quelli UNDP sono i più recenti, e coprono soltanto Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania e Slovacchia. Ma gli economisti Luchezar Bogdanov e Georgi Angelov hanno calcolato il drenaggio di esclusione della Bulgaria.

In uno studio del 2007 per l'ufficio Open Society Institute di Sofia, i ricercatori hanno trovato che in 10 anni la Bulgaria avrebbe guadagnato l'equivalente dai 7 ai 16 miliardi di euro dalla piena integrazione e che il ritorno dell'investimento supererebbe il costo con un rapporto di 3 a 1.

Dicono gli esperti che il percorso per realizzare l'ambiziosa meta della "piena integrazione" nella regione deve partire con riforma politica, strutturata e coerente, che salti dalla pura consapevolezza al migliorare formazione e la sanità nelle comunità Romani. Gabriela Hrabanova, del Consiglio governativo Ceco per gli Affari Comunitari Rom e lei stessa per metà Romani, dice che il programma di Assistenza Insegnanti Rom, che forma gli insegnanti per lavorare meglio con i bambini Romani, è un progetto modello.

Sfortunatamente, dicono lei ed altri, gli sforzi di integrazione sia di Bruxelles che dei governi regionali non sono focalizzati, viene data più enfasi al progettare piani d'azione che programmi effettivamente di base. La Coalizione Politiche Rom della UE, un gruppo di organizzazioni di difesa legale, è arrivata ad una conclusione simile riguardo l'agenda UE del 2 luglio sull'affrontare l'esclusione, dicendo che lasciava la responsabilità agli stati membri, non riuscendo a proporre una singola strategia europea effettiva.

La coalizione spera in progressi reali alla Conferenza UE di settembre sui Rom. Senza dubbio la si svolgeranno molte discussione sul cammino dell'Europa sul tema dell'integrazione.

Forse qualcuno inghiottirà il relativo cinismo e ne farà un argomento economico. Potrebbe incitare i leader all'azione.

Provided by Transitions Online - Intelligent Eastern Europe

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/08/2008 @ 23:11:56, in casa, visitato 1381 volte)

Savorengo Ker: a parole nostre
Lettera aperta di Francesco Careri, responsabile del progetto Savorengo Ker: una risposta alle polemiche sollevate dalla presentazione della casa di tutti; un appello ad aderire a un'idea abitativa sperimentale.

Savorengo slideshow
Una rassegna delle migliori fotografie scattate dagli amici che ci hanno seguito e sostenuto in questa lunga e incredibile avventura.

Savorengo Ker: istruzioni per l'uso
Un breve video di presentazione dei lavori di Savorengo Ker. Disponibili in download anche il Press Kit e la Rassegna Stampa

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/11/2019 @ 04:11:40
script eseguito in 166 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 870 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source