Le comunità Rom si sentono minacciate come non mai in Italia - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

\\ Mahalla : Articolo
Le comunità Rom si sentono minacciate come non mai in Italia
Di Fabrizio (del 06/08/2008 @ 08:56:08, in Italia, visitato 3150 volte)

28 luglio 2008 - Nei mesi scorsi l'Italia è stata sotto i riflettori per l'aumento degli attacchi e la crescita del pregiudizio razziale contro le sue comunità Rom e Sinti.

Opera Nomadi è la principale organizzazione che lavora con le comunità nomadi in Italia. Molti dei suoi componenti sono Rom e Sinti. Guida progetti sull'istruzione, la sanità, l'abitare e le relazioni comunitarie nelle città italiane, incluse Milano, Roma, Napoli e Padova.

Matilde Ceravolo, dell'MRG, ha parlato col Vice Presidente dell'Opera Nomadi, Maurizio Pagani (in foto), sul peggioramento della situazione per i Rom in Italia.

Quali sono le vostre relazioni con le autorità locali italiane?

I sindaci italiani tendono a delegare il lavoro con le comunità Rom a terze parti, spesso OnG. Il problema è che non coinvolgono o consultano le comunità stesse. Buona parte del lavoro dell'Opera Nomadi è facilitare il dialogo e la mediazione culturale.

Recentemente il lavoro è diventato sempre più difficile. Ci sono delle distinzioni tra le città, che dipendono dalla posizione politica dei sindaci, ma generalmente ci sono forti contraddizioni nelle politiche sociali implementate da tutti i partiti. Riguardo le comunità nomadi, il contesto politico e sociale è andato sempre più peggiorando durante gli ultimi due anni.

Può spiegare come la situazione delle comunità Rom e Sinti sta peggiorando in Italia? Cosa sta causando questa situazione?

Da luglio, il governo ha adottato misure discriminatorie, ad un livello mai visto nel passato. Le comunità Rom e Sinti si sentono minacciate ora come mai prima. Crediamo che ci sia un serio rischio di discriminazione etnica e che ci stiamo avvicinando verso il disegno di politiche pubbliche discriminatorie.

Tuttavia, questo non dev'essere visto soltanto come una parte di un'ondata anti-nomadi. Quanto sta accadendo adesso è parte di più vaste politiche migratorie. Negli ultimi anni, il dibattito politico sulla migrazione ha assunto forti toni demagogici. L'Italia è stata sul lato sbagliato di massicce migrazioni dall'Est Europa, soprattutto dalla Romania, da quando quel paese ha raggiunto la UE. Molti di quei migranti erano Rom rumeni, a cui è stata data l'unica possibilità di sistemarsi in campi alle periferie delle città, creando nuove baraccopoli. La presenza di queste comunità di Rom rumeni ha poi creato forti conflitti sociali nelle periferie, e questo ha recentemente attirato più attenzione sui Rom e si è trasformato in una crescente ondata di razzismo.

Campo di Rom rumeni, Milano - Paolo Poce

Ma la vera ragione per cui accadono questi esplosivi conflitti sociali è che l'improvvisa migrazione dalla Romania non è stata gestita adeguatamente. Non ci sono state politiche dell'emergenza, sono state abbandonate le politiche dell'integrazione. Le istituzioni non hanno facilitato il processo, non hanno offerto soluzioni, ed hanno terminato discriminando i migranti su base etnica. Le questioni sociali affrontate dai Rom sono state trattate come qualcosa di differente dall'assistenza sociale a cui hanno diritto gli altri cittadini.

Qual'è la sua opinione sulle misure che sta adottando il governo, come registrare tutti i Rom e prendere le impronte digitali ai bambini?

Avevamo in precedenza denunciato i Prefetti di Roma, Milano e Napoli a cui è stato dato il ruolo di "Commissari Speciali sull'Emergenza Rom" col compito di sviluppare il censimento della popolazione Rom, dicendo che questo non sarebbe stato un comune censimento della popolazione, ma sarebbe stato basato sull'etnia... Avevamo ragione.

Metà della gente Zingara nel paese sono cittadini italiani, che hanno gli stessi documenti di ogni altro cittadino italiano. Nondimeno, come parte di questo censimento, è richiesto loro di mostrare i loro documenti, che vengono fotografati e tenuti in uno speciale archivio parallelo, differente dal registro civile usato per tutti gli altri, Sfortunatamente, anche la Croce Rossa Italiana sta partecipando al censimento.

Riguardo alle impronte, anche se molto ne è stato scritto, al momento è accaduto in pochi casi, con l'eccezione di Napoli. A Roma, il Commissario Speciale ha avuto il coraggio di dichiarare che rifiutava di prendere le impronte, tranne in casi eccezionali, dove fosse altrimenti impossibile identificare la persona.

La società civile, e specificatamente l'Opera Nomadi, cosa stanno facendo per rispondere a questa situazione?

Abbiamo immediatamente preso alcune azioni legali. Sono informato di due casi in Lombardia dove sono stati citati i diretti responsabili della presa di impronte (polizia e carabinieri). L'Opera Nomadi sta appoggiando una famiglia di Rom italiani fornendo assistenza legale al caso.

Abbiamo anche deciso di denunciare pubblicamente la sfaccettatura discriminatoria di questa misura. Critichiamo la mancanza di politiche pubbliche effettive nell'affrontare i problemi delle comunità nomadi. Siamo a conoscenza che i problemi esistono, ma sinora non abbiamo visto nessuna politica volta ad affrontare problemi come l'accesso all'istruzione, al  lavoro, alla casa, di queste comunità. Abbiamo scritto al Prefetto di Milano offrendo di incontrarsi e discutere tutti questi argomenti. Stiamo ancora aspettando una risposta, e siamo ancora aperti al dialogo.

La società civile generalmente ha  esercitato una pressione critica su chi deve prendere le decisioni. La "Federazione Rom e Sinti", che include rappresentanti di ogni comunità, è stata molto attiva.

Roberto Maroni, Ministro degli Interni, sta presentando la presa delle impronte come un'azione umanitaria. Ha dichiarato che lo scopo è fornire cittadinanza a quei bambini che sono stati "venduti, abbandonati, lasciati a chissà chi". Può commentare?

In Italia abbiamo un immenso problema dei bambini nati senza cittadinanza. Riguarda principalmente i Rom dell'ex-Yugoslavia, che non hanno assolutamente documenti d'identità o cittadinanza. Non viene neanche assegnato loro un certificato di apolidia. Stimiamo che siano circa 15-20.000. Opera Nomadi non può ma accoglierebbe con favore una decisione che garantisse loro la cittadinanza.

Sfortunatamente, quello che il signor Maroni suggerisce, riguardo solo i minori che sono stati vittime di violenze terribili, che sono stati allontanati dai genitori dai tribunali, o quelli che non hanno famiglia. Secondo l'Osservatorio Minori, nel 2007 c'erano 8.000 casi simili nei registri (il numero reale è chiaramente superiore). Molti di questi casi sono di stranieri, ma i Rom sono probabilmente non più di poche centinaia. Molti di questi bambini vengono dal Maghreb. Sono messi sotto la protezione dei servizi sociali, ma perdono la loro condizione quando compiono diciott'anni. A loro non viene fornito nemmeno un permesso di lavoro, e spesso rimangono senza cittadinanza.

Campo di Rom rumeni, Milano - Paolo Poce

In questa situazione, che il signor Maroni voglia loro garantire la cittadinanza è certamente una buona notizia. Nondimeno, dev'essere chiaro che è solo una forma di protezione per un gruppo molto specifico. Non cambia il fatto che la legge italiana sulla cittadinanza abbia bisogno di una riformulazione radicale. Non è accettabile che famiglie che sono qui da 4 generazioni non possano ancora ottenere la cittadinanza.

Due notti fa un campo Rom ha preso fuoco a Roma. Il giorno prima i corpi di due ragazze Rom che erano annegate sono state lasciate nell'indifferenza sulla spiaggia di Napoli. E' questa la cima dell'iceberg del razzismo contro i Rom?

Io penso si debba essere molto prudenti con affermazioni simili. Nello stesso modo in cui il rigetto dei Rom è diventato molto più visibile, è anche vero che parte dei media e della società civile è troppo incline ad interpretare ogni fatto come una manifestazione di razzismo. E' molto importante verificare la credibilità delle informazioni prima di darle per assodate. Per esempio, non c'è prova che al campo sia stato dato fuoco di proposito. Al momento, sembra più probabile che sia stato solo un incidente.

Riguardo al caso delle due ragazze affogate. Sfortunatamente, credo che sia un sintomo della nostra società malata. Non credo che l'episodio sia accaduto per l'etnia delle ragazze. Lo stesso sarebbe probabilmente successo con chiunque altro.

Articolo Articolo Commenti Oppure (4) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


06/06/2020 @ 02:29:52
script eseguito in 44 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3174 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< giugno 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buona sera per la ragione della malattia da corona...
01/06/2020 @ 12:25:35
Di danielagrosu
Buongiorno,Sono un individuo che offre prestiti in...
26/05/2020 @ 15:07:32
Di Aurelio Buono
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source