Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 03/10/2008 @ 09:42:15, in Regole, visitato 1255 volte)

Ricevo da Clochard

La recente richiesta di archiviazione delle denunce presentate sulla base della notissima ordinanza fiorentina contro i "lavavetri" sposta sul piano del diritto un dibattito che sino ad oggi è stato dominato dalla politica. Inutile disquisire se il procuratore di Firenze sia tecnicamente nel giusto nella sua richiesta di archiviazione, tanto più che la politica muscolare prospettata dal sindaco Domenici preannuncia una ricerca con il lanternino del comma utile a fungere da deterrente verso la temuta rioccupazione degli incroci. Tanto vale quindi attendere il prossimo atto. E' invece utile fornire ai cittadini qualche dato di contesto sino ad oggi trascurato.

Per chi non ami nascondersi dietro un dito, è evidente che l'attività dei lavavetri è nella quasi totalità dei casi una forma malamente dissimulata di mendicità. Ne condivide la funzione economica, e pone gli stessi, oggettivi, problemi di potenziale sfruttamento e difficile inserimento nel tessuto urbano. Ora, piaccia o no, la mendicità degli adulti è nel nostro ordinamento perfettamente lecita. La sanzione della mendicità "semplice" è stata dichiarata incostituzionale nel 1995. Cosa ancora più imbarazzante, e da nessuno sinora ricordata, è che il reato di mendicità "invasiva", che la sentenza della corte costituzionale aveva lasciato in piedi, venne cancellato dal legislatore nel 1999, senza introdurre alcuna sanzione amministrativa. Scelta incauta del governo dell'epoca? Forse, ma comprensibilmente ciò non muta la realtà del diritto. Il lavavetri e il mendicante possono commettere reati comuni (molestie, minacce, e così via)? Certo. Ed è anche possibile che gli strumenti a disposizione per la repressione di questi reati (che spesso prevedono una querela della parte offesa) siano deboli. Esistevano, in paesi e epoche non remoti, norme che punivano più gravemente i reati commessi da mendicanti. Pochi, credo, ne sosterrebbero pubblicamente la reintroduzione.

Non occorre poi essere giuristi raffinati per comprendere che il potere degli amministratori locali di proibire atti altrimenti leciti con ordinanze la cui violazione diventa indirettamente un reato è un'arma potenzialmente insidiosa per la libertà individuale, vista la discrezionalità insita nelle valutazioni sottostanti. Anche qui, va mantenuto un minimo di rigore. Le richieste ai semafori possono essere, come altre disavventure del quotidiano, fastidiose. Anche i lavavetri (come avvocati, professori, assessori, e così via) possono essere maleducati ed arroganti. E' anche però onesto chiedersi su quale base si valuti l'effettiva dimensione dei fenomeni di comportamento realmente aggressivo, al di là della generica intolleranza diffusa nella popolazione. "Leggende metropolitane" e altri fantasmi sono moneta corrente in queste vicende, e sarebbe interessante sentire come i lavavetri percepiscono noi automobilisti.

L'occasionale lavaggio non richiesto può essere - anche per chi scrive - fonte di irritazione. Ma siamo sicuri che l'interesse alla totale tranquillità del cittadino in quella peculiare e sacra appendice che è ormai l'automobile sia un'adeguata motivazione per la messa in moto di strumenti sanzionatori così solleciti e severi? A questo interrogativo aggiungeremo un dubbio anche più sgradevole. Rispettare lo "stato di diritto" nella quotidianità politica e amministrativa impone certamente di non espandere a discrezione l'area di quanto è suscettibile di sanzione penale. Ma presuppone anche che la messa in moto di qualsiasi macchina sanzionatoria sia scevra da sospetti di parzialità e doppi standard. La stretta sui lavavetri arriva invece quando quest'attività è a Firenze in grande prevalenza svolta da Rom, verso i quali esiste un radicatissimo pregiudizio In un paese dove, nonostante le costanti smentite giudiziarie, continua a sopravvivere il mito dei "Rom che rubano i bambini", ogni sospetto è lecito. Anche quello che l'ordinanza sia solo l'ennesimo caso in cui tutta la potenza di un diritto lasciato ordinariamente "dormiente" viene risvegliata solo per allontanare un gruppo comunque sgradito. Chi volesse curiosare tra i fascicoli dei vari procedimenti penali che portarono alla dichiarazione di incostituzionalità del reato di mendicità scoprirebbe che in tutti i casi, nessuno escluso, quella norma penale altrimenti notoriamente disapplicata era stata azionata contro Rom. E così via, in un'infinita serie di simili vicende, italiane e non. Per la sua campagna di legalità il comune di Firenze potrebbe in fondo trovare tra i Rom qualche valido consulente, visto che di "tolleranza zero", a loro spese, hanno esperienza da qualche secolo.

Alessandro Simoni
professore di sistemi giuridici comparati nell'Università di Firenze

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/10/2008 @ 09:19:03, in Regole, visitato 1095 volte)

Da Romano Them

Roma, 21 settembre 2008 - Parlano italiano, mangiano italiano e tifano per le star del calcio italiano, ma non sono italiani. Nei fatti, è difficile dire cosa sono.

Migliaia di persone stanno vivendo in Italia senza cittadinanza o documenti d'identità di un qualche paese. Molti erano cittadini di paesi che non esistono più, come la Jugoslavia o l'Unione Sovietica. Ma non hanno mai ricevuto la cittadinanza dai paesi che hanno rimpiazzato la loro nazione che non c'è più, ed inoltre sono venuti a mancare i requisiti per diventare cittadini in Italia.

E' difficile capire quanti siano perché sopravvivono ai margini della società, ma la Comunità di Sant’Egidio, un'organizzazione cattolica di Roma, pone il numero tra i 10.000 e i 15.000 Sono spesso cacciati dalle autorità, che cercano di deportarli come immigranti illegali anche se non hanno dove andare.

La vita nel limbo può essere particolarmente dura per chi è nato ed è andato a scuola in Italia. Una volta che compiono 18 anni, per la legge diventano poco più che immigranti illegali.

"Noi non siamo jugoslavi, non siamo italiani. Siamo come nuvole," dice Toma Halilovic, che vive con i suoi genitori, moglie e bambini in due container in un campo improvvisato alla periferia di Roma.

Halilovic, 26 anni, è nato nella capitale italiana da genitori jugoslavi arrivati qua illegalmente negli anni '70. Ha frequentato la scuola dell'obbligo, fatto amicizie con i bambini del posto e si è appassionato per la squadra di calcio dell'AS Roma.

Quando compì 18 anni, pensava avrebbe ottenuto la cittadinanza. I figli nati da stranieri in Italia non ottengono automaticamente la cittadinanza, ma possono richiederla tra i 18 e i 19 anni se hanno vissuto continuativamente e legalmente nel paese.

Halilovic dice che la sua richiesta è stata rigettata per un tecnicismo. Alla nascita non è stato registrato come residente, perché in quel periodo non era richiesto dalla legge.

"Mi hanno detto che sono nato in transito," dice. "Cosa significa? Questo è il mio paese."

In alcuni casi, i genitori non registrano i figli alla nascita perché hanno perso la cittadinanza del loro paese d'origine e non possono rinnovare i loro permessi di residenza italiani, dice Paolo Morozzo della Rocca, professore di legge sull'immigrazione all'Università di Urbino.

Molti dei quasi invisibili in Italia sono Zingari dall'ex Jugoslavia. La mancanza di carte d'identità e permessi di lavoro offre loro poche opportunità di studiare, avere un lavoro e lasciare i poveri accampamenti che ospitano molta della popolazione di 150.000 Zingari in Italia.

Una soluzione per quelli come Halilovic è di dichiararsi ufficialmente apolidi. Una convenzione del 1954 dell'ONU, riconosce loro uno speciale passaporto, permesso di risiedere e lavorare in Italia, ed un rapido percorso verso la cittadinanza.

L'Alto Commissariato ONU per i Rifugiati dice che nel 2007, i governi hanno riconosciuto 886 apolidi in Italia, 948 in Francia, 4.461 nei Paesi Bassi e 9.091 in Germania. La Francia ha approntato un ufficio governativo per investigare sulle richieste di apolidia e trovato che impiegano di solito circa sei mesi.

Ma in Italia c'è una situazione da comma 22: il Ministero degli Interni richiede un permesso di residenza per riconoscere l'apolidia. Ed il permesso non può essere ottenuto senza un passaporto valido, che gli apolidi non hanno. Il Ministero dell'Interno non ha commentato.

L'unica alternativa è far causa al ministero in un tribunale civile, cosa che può prendere almeno tre anni, dice Morozzo della Rocca. Nota che la maggior parte della gente senza documenti manca del tempo e dei soldi per rivolgersi ad un tribunale.

"L'Italia si sta comportando con disonestà nell'applicare la convenzione," dice.

Il Ministro degli Interni Roberto Maroni ha detto recentemente che il governo intende garantire la cittadinanza ai bambini Zingari abbandonati nati in Italia. Ma i gruppi umanitari dicono che la vera sfida è accellerare il processo per dare agli apolidi i loro diritti.

Un problema è la difficoltà nel distinguere tra chi è veramente senza cittadinanza ed i migranti clandestini che si sbarazzano dei loro documenti dopo essere entrati in Italia, sperando di evitare il rimpatrio, dice Oliviero Forti, capo dell'ufficio immigrazione della Caritas.

"Per qualcuno è un piano: Strappano i loro documenti e prendono vantaggio dalla situazione," dice Forti. "Ma ci sono anche quelli nati nel nostro paese, hanno vissuto qui ed improvvisamente si scoprono ad essere illegali."

Source: Associated Press


PS: Una storia da Kelebek

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/10/2008 @ 09:00:05, in casa, visitato 1387 volte)

Da Chiesa Evangelica Zigana

Brunella Torresin (19 settembre 2008) L'Espresso Repubblica

Ieri sono state assegnate le case a Bruna, Samuel, Nicola, Gabriella, Natalina. Non sono state consegnate loro delle chiavi, ma "un'autorizzazione": un foglio di carta timbrato, in sostanza un contratto. Le case non sono proprio come le nostre case, ma il nuovo campo nomadi di via Dozza, quartiere Savena, a ridosso dei vivai Ansaloni, che è stato inaugurato ieri, nella giornata della conferenza a Bologna delle Città Europee contro il razzismo, per molti altri aspetti è un condominio. Vi abiteranno un'ottantina di Sinti: cittadini italiani da generazioni, tutti con residenza nel Comune di Bologna, da una ventina d'anni sistemati qui. Nomadi per cultura e per origine, ma più stanziali di tanti altri cittadini italiani. Il precedente campo, che si stendeva sullo stesso terreno comunale, era solo un'area sosta attrezzata: con bagni e docce in batteria e allacciamenti per le roulotte. C'è stato un periodo in cui una sola doccia funzionava, e le altre no. Nel 2005, il bando regionale per l'assegnazione di contributi ai Comuni che intendessero migliorare le aree per i nomadi, ha dato la possibilità di ristrutturare ma più ancora di ripensare come organizzare il campo. L'intervento è costato 700mila euro, la Regione l'ha finanziato per l'85 per cento. Ha spiegato ieri la vice sindaco Adriana Scaramuzzino, anche assessore ai servizi sociali, che è possibile dare accoglienza senza creare esclusione, offrire servizi dignitosi senza tradire costumi e tradizioni. La qualità della convivenza si determina in base alla condivisione dei progetti e dei servizi. Qui è stata usata molta pazienza, e poi anche fantasia. I Sinti hanno scelto alcuni loro rappresentanti, e hanno partecipato a una serie di incontri con gli operatori del Quartiere Savena - c'è un giovane assistente sociale che si occupa specialmente di loro, Marco Tocco - con i funzionari dei Lavori Pubblici del Comune e con il responsabile della progettazione, Piero Vendruscolo, che già tre anni fa aveva disegnato il campo sinti di Borgo Panigale. I Sinti desiderano continuare a vivere nelle loro case mobili, come fanno da generazioni. Anche al Savena continueranno a vivere nelle loro roulotte, ma avranno a disposizione, appena fuori casa, bagni riscaldati e cucine, in muratura. Ma poiché, ad esempio, i piani di cottura in comune non erano graditi, ci si è inventati "i locali cucina" sotto il portico. Ogni portico ne contiene tre, separate da divisori. La comunità conta un'ottantina di persone: il più piccolo, Justin, ha sei mesi, la più anziana 71 anni. È la comunità che ha il più alto grado di scolarizzazione tra i Sinti di Bologna, alcuni ragazzi hanno frequentato anche le superiori. È formata da cinque famiglie allargate, composta ciascuna da tre, quattro nuclei. Perciò l'area è stata divisa in cinque "microaree", separate tra loro da una rete: ogni microarea, cioè ogni cortile, accoglie le roulotte e i camper della stessa famiglia allargata. In ciascuna delle cinque microaree è stata costruita una "casetta" in muratura, dipinta con i colori di Bologna: rosso e ocra gialla, alternati sulle pareti e sotto i portici. Ogni casetta ospita tre (o quattro) bagni completi con antibagno, con altrettante caldaie, e tre (o quattro) cucine, uno e una per ciascun nucleo famigliare. Le cucine sono all'aperto, ma al coperto, riparate dal portico che corre sui tre lati di ciascuna "casetta". È un po' come un campeggio. Ma ogni nucleo familiare è intestatario del contratto per la fornitura di elettricità, acqua e gas: non era mai successo prima. Pagheranno utenze e consumi. E ogni famiglia, prima di accettare "l'autorizzazione", ha saldato quanto doveva al Quartiere di affitto arretrato per la sosta nel "vecchio" campo. Attorno alle casette è stato steso l'asfalto: e sull'asfalto la comunità di Bruna, Luigi, Natalina, Samuel..., sposterà le sue roulotte, i suoi camper e case mobili che per un anno, quanto sono durati i lavori, ha sistemato, stretto e concentrato sui terreni attigui. C'è anche la chiesa: la comunità ospita un pastore evangelico, Chiesi Luigi Ministro di Culto, Della MEZ e conta un discreto gruppo di fedeli. Potrà fungere anche da sala per riunioni o assemblee

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Segnalo un bellissimo post di Alain Goussot su Rom Sinti @ Politica... mentre lo leggo sento alla radio di un'ulteriore aggressione a Milano ad un ambulante senegalese

Gli episodi di violenza a danno di cittadini stranieri continuano; Abdul ieri a Milano morto dopo un vero linciaggio e oggi Emannuel nella 'civile' Parma picchiato brutalmente da alcuni vigili, è di oggi il linciaggio da parte di alcuni adolescenti italiani a Tor Vergata di un cittadino cinese di 25 anni.

Cosa sta succedendo e perché le autorità istituzionali più alte della Repubblica tacciono?

I grandi quotidiani riportano le notizie ma sono pochi quelli che s'indignano; anzi ve ne sono che mettono anche l'olio sul fuoco aizzando le folle contro il Rom, lo straniero, il clandestino e il negro.

Non possiamo stare zitti, non possiamo stare a guardare, non basta dire "mi dispiace", occorre agire seriamente sul piano sociale, educativo , culturale e politico.

Non è tollerabile che un paese che si dichiara civile possa fare sua la regola della violenza discriminatoria e razzista, il disprezzo dell'altro semplicemente perché ha un colore di pelle , una religione o degli usi e costumi diversi.

La televisione, i giornali e la stessa legislazione (vedi le impronte ai bambini rom oppure la schedatura dei bambini stranieri nelle scuole…) contribuiscono ad alimentare l'ostilità verso chi viene da fuori, verso chi è povero, verso chi parla un'altra lingua o pratica un'altra religione.

Si sta creando il capro espiatorio per deviare l'attenzione da chi ha delle responsabilità nel degrado sociale che sta producendo povertà e diseguaglianze. Serve un responsabile di tutti i mali: lo straniero, lo zingaro, il nero!!

La legge in qualche modo, avendo creato un trattamento differenziato per chi è diverso etnicamente e culturalmente, legittima la diffidenza e anche l'aggressione.

Voglio ricordare quello che diceva uno dei pensatore del pensiero liberale europeo; Benjamin Constant: "L'obbedienza alla legge è un dovere, ma come tutti i doveri, è relativo; riposa sulla supposizione che la legge parte da una fonte legittima, e si rifugia nei suoi giusti limiti.

Ma nessun dovere ci legherebbe verso delle leggi che non solo restringerebbero le nostre legittime libertà e s'opporrebbero a delle azioni che non avrebbero il diritto di proibire ma ci costringerebbero a contrariare i principi eterni della giustizia , della pietà, che l'uomo non può non osservare senza smentire la propria natura…

Ogni legge che ordina la delazione, la denuncia , non è una legge; ogni legge che mette in discussione l'inclinazione che comanda all'uomo di offrire un rifugio a chi richiede asilo non è una legge…

Se la legge ci ordinasse la perfidia verso i nostri simili, o ancora la persecuzione verso i vinti non sarebbe una legge, sarebbe solo barbarie ".


Riflettiamo su queste parole scritte quasi duecento anni fa e chiediamoci se quello che sta succedendo sia non solo accettabile ma umanamente tollerabile.

Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità perché vale ancora il monito di Bertold Brecht sulla co-responsabilità di chi taceva di fronte alla persecuzione verso gli ebrei diventando così complici di un crimine contro l'umanità.

Martin Luther King diceva : "Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano"

E tra le cose che contano vi è la dignità della persona umana!!

Ci rendiamo conto che questi appelli rischiano di cadere nel vuoto ma consideriamo di grande importanza la reazione civile e democratica che sappia denunciare il degrado delle relazioni sociali nel nostro paese. Pensiamo anche come Carlo Cattaneo (vedi le 'Interdizioni israelitiche' 1857) che "la legge è strumento di giustizia, non è strumento d'ingiurie. Non vi sono due giustizie diverse; né la giustizia ha due diverse misure. Eseguiamo con umiltà ciò che la giustizia ci detta, e avremo sparso negli uomini tutti i semi dell'onore e della virtù".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/10/2008 @ 16:46:43, in Regole, visitato 3448 volte)

Questo articolo di La Repubblica è segnalato da Marco Brazzoduro

La Procura di Venezia apre un fascicolo sul vice sindaco di Treviso
Le frasi alla festa della Lega: "Vadano a pisciare nelle loro moschee"

"Dal palco istigazione al razzismo" Indagato il leghista Gentilini

 da youtube la registrazione integrale del comizio di Gentilini

L'ARTICOLO: VENEZIA - La Procura di Venezia ha aperto un fascicolo sulle frasi contro gli islamici pronunciate dal vice sindaco di Treviso Giancarlo Gentilini durante la festa della Lega Nord a Venezia, il 14 settembre scorso. L'ipotesi di reato è di istigazione all'odio razziale.

IL DISCORSO DA "LA TRIBUNA DI TREVISO"
Dal palco, lo "sceriffo" aveva tuonato "contro quelli che vogliono aprire le moschee e i centri islamici", scagliandosi contro "i phone center, i cui avventori si mettono a mangiare in piena notte e poi pisciano sui muri: che vadano a pisciare nelle loro moschee". Gentilini se l'era poi presa con "i bambini che vanno a rubare agli anziani" e aveva dichiarato di non volere vedere "neri, marroni o grigi che insegnano ai nostri bambini".

L'azione della magistratura non sembra comunque turbare l'esponente leghista: "Ho detto quelle cose perché non voglio zingari che chiedano l'elemosina, clandestini che compiano atti illegali e, almeno per ora, moschee e centri islamici, perché questo è un problema nazionale".

Gentilini afferma di aver solo riportato le lamentele dei suoi concittadini e di voler continuare a battersi "per la disciplina, l'ordine e il rispetto delle regole".

(2 ottobre 2008)

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/10/2008 @ 13:24:50, in Italia, visitato 1560 volte)

Da Irpinianews

Avellino - "Per il governo i poveri non sono più una voce di spesa. L'Italia, con la Grecia, è l'unica nazione europea a non avere un piano di lotta contro la povertà. L'unica ad aver cancellato ogni sostegno.

Per la prima volta la stanchezza dei poveri, la rabbia degli immigrati e la concentrazione dei criminali, generano una spinta inarginabile.

Il governo non lotta più contro la povertà, ma contro i poveri. L’allarme sicurezza è stato creato per distogliere l’attenzione dalle emergenze vere come la povertà e la violenza che vede le donne sempre più di frequente vittime di abusi, molto spesso all’interno della famiglia. Secondo l’indagine Istat 2007 non è la criminalità straniera ma la violenza subita dalle donne in famiglia, spesso da parenti, il vero elemento preoccupante.

L'allarme sicurezza che prende di mira rumeni e rom è infondato. Per capire la ‘questione’, è necessario disingarbugliare quanto noi stessi abbiamo prodotto: pregiudizi, leggende metropolitane, discriminazioni pratiche, misconoscimento di diritti".

Proprio contro il pregiudizio la federazione del Prc ha organizzato una festa allo scopo di far conoscere l’interessante storia, l’interessante cultura, e le persecuzioni degli zingari: "La festa dei figli del vento" ad Avellino il 4 ottobre 2008 alla Scuola Media "Francesco Solimena" alle ore 16.30. Ci sarà una conferenza sul tema del razzismo dilagante in Italia e la persecuzione degli zingari, la loro sconosciuta e interessante cultura e l’integrazione. , Interverranno Isadora Rapimmo, assessore alla Pace e all’Immigrazione della Provincia di Napoli, Nihad Smajovic della Comunità Rom di Scampia, Carlo Luglio Regista. Alle ore 18.00 proiezione del film "Sotto la Stessa luna", regia di Carlo Luglio, produzione associazione "I figli del Bronx". Ore 19.30 proiezione del video "Zingari" montato da Umberto Gemma. Ore 20,00 proiezione del documentario di Carlo Preziosi : "Rom – Frammenti metallici". Ore 20.30 concerto della "Banda di Branko e Dusko". Ci sarà uno stand di cucina zingara. Hanno partecipato all’organizzazione lo Zia Lidia Social Club, Rosso fisso e il Centrodonna.

(mercoledì 1 ottobre 2008 alle 13.01)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/10/2008 @ 09:30:15, in Kumpanija, visitato 1728 volte)

Ricevo da Roberto Malini

Verona, 1 ottobre 2008. E' morto Cesare Togni, uno dei protagonisti della cultura circense in Italia. Aveva 84 anni ed era ancora in piena attività. Si è spento a Bussolengo, cittadina ostile come poche altre agli "zingari", lui che si è sempre mostrato profondamente orgoglioso delle sue origini sinte. Proprio a Bussolengo, in provincia di Verona, si è consumato meno di un mese fa un grave abuso nei confronti di tre famiglie Rom, umiliate, picchiate e torturate da rappresentanti delle forze dell'ordine. Alle 9 del mattino di oggi il cuore di Cesare si è fermato, a causa di un infarto. Si trovava nell'ospedale di Bussolengo per un controllo, in attesa di ripartire con i tendoni e le meraviglie del suo circo. La nonna di Cesare, Teresa de Bianchi, era una straordinaria cavallerizza "zingara", che mise al mondo ben 10 figli. Nella giovinezza, Cesare era stato un notevole trapezista, ma anche un valente addestratore di animali. Alla fine degli anni 1960 fondò il circo che porta il suo nome. Nessun giornale, nessun telegiornale ha ricordato oggi, nel giorno del suo decesso, le sue origini sinte né la sua fierezza di appartenere al mondo degli "zingari". R.M.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/10/2008 @ 09:25:41, in Europa, visitato 1643 volte)

Da British_Roma

26 settembre 2008, Basildon, UK: L'autorità locale sta minacciando di demolire un centro comunitario costruito dai Traveller di Dale Farm, creando nuove tensioni nella lunga battaglia per lo sgombero di Dale Farm che è arrivata in tribunale.

Il Centro di San Cristoforo che è stato aperto a maggio, è diventato l'ultimo obiettivo del Consiglio di Basildon, da quando sta cercando di rimuovere circa 90 famiglie di Traveller dalle loro case nell'Inghilterra del sudest.

"Stanno montando il terrore per farci andare via," ha detto Richard Sheridan, presidente della Dale Farm Housing Association.

Per due volte, nel 2005 e nel 2007, il Consiglio ha votato per sgomberare i Traveller, ritenendo che vivano a Dale Farm illegalmente e senza permesso. Questi ordini di sgombero furono fermati a maggio dal giudice Andrew Collins dell'Alta Corte. Il giudice ordinò al Consiglio di trovare una terra alternativa dove i Traveller potessero vivere. Il Consiglio ha fatto ricorso in appello, e l'udienza in Corte d'Appello è programmata il 5 dicembre.

Nel frattempo, i Traveller stanno anche aspettando un'ingiunzione ed un controllo giurisdizionale dell'Alta Corte per fermare la demolizione di San Cristoforo, secondo Grattan Puxon, segretario della Dale Farm Housing Association.

L'Advocacy Project (AP) ha lavorato con la Dale Farm Housing Association dal 2005, ed appoggiato i Traveller nella loro lotta contro lo sgombero.

Il Centro di San Cristoforo è stato costruito per i bambini di Dale Farm, molti di loro non frequentano le scuole locali per via del bullismo e degli insulti razzisti. Nel Centro sono stati installati dei computer per permettere corsi sulla tecnologia informatica, e questo mese devono partire corsi di fotografia e sartoria. Il Centro è anche usato dal Club Giovanile Chaveys, che istruisce i ragazzi, e per gli incontri di preghiera ogni giovedì.

Malgrado un appello all'ultimo minuto di Lord Eric Avebury, membro della Camera dei Lord, ed un rapporto della Commissione per l'Uguaglianza Razziale dell'Essex, il Consiglio di Basildon ha votato giovedì scorso (16 settembre) la demolizione di San Cristoforo, adducendo che è stato costruito in spregio ai piani regolatori distrettuali. I ragazzi del Club Giovanile Chaveys hanno protestato all'esterno della riunione svoltasi a porte chiuse, ma è stato rifiutato loro di entrare per patrocinare il caso.

I Traveller rispondono che il Centro, un edificio in legno, non aveva bisogno di alcun permesso perché costruito adiacente ad un edificio preesistente. La disputa è ulteriormente complicata dal fatto che è il Centro è patrocinato dal Dipartimento per l'Infanzia, le Scuole e la Famiglia (DCSF) che ne detiene la proprietà. Il Consiglio di Contea dell'Essex (ECC), l'autorità regionale, l'ha finanziato. Però i funzionari del DCSF e dell'ECC non hanno risposto alle richieste dell'AP.

La minaccia a San Cristoforo agita le famiglie Traveller, che sono sempre più preoccupate di perdere il prossimo appello e che venga permesso di procedere all'evacuazione.  Secondo Puxon, il Consiglio di Basildon ha messo da parte circa 5 milioni di $ per spianare Dale Farm e distruggere oltre 130 chalet, case mobili e caravan. Incluso la casa da viaggio di una giovane madre in attesa di u parto trigemino.

Nelle recenti settimane, le famiglie sono anche state allertate per un piano che prevede di porre i loro bambini in temporaneo affido governativo, nel caso di uno sgombero. I genitori sono preoccupati che il processo possa essere traumatico per i bambini, e di finire senza casa ed incapaci di riavere i propri figli. Hanno anche paura che i funzionari possano obbligarli a lasciare la contea in cambio di riottenere i figli.

Durante un incontro il 19 settembre, ECC ha confermato che gli assistenti sociali non possono prendere i bambini senza una decisione del tribunale, ma può farlo la polizia su richiesta del commissario. Nel prossimo futuro è programmato un altro incontro tra l'ECC ed i genitori di Dale Farm, si sta inoltre cercando un incontro col commissariato.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/10/2008 @ 00:58:18, in musica e parole, visitato 1400 volte)

Da Roma_Italia

 Alexian group in concerto

A Roma, venerdì 3 ottobre alla Feltrinelli Libri e Musica di Piazza Colonna 31/35, con inizio alle 18.00, sarà presentata in prima assoluta la collezione di partiture musicali per orchestra sinfonica del musicista e compositore Alexian Santino Spinelli  intitolata "Romanó Drom". Il libro, contenente 11 canzoni, è pubblicato e distribuito internazionalmente dalle edizioni Ut Orpheus di Bologna, prestigiosa casa editrice di musica classica, in collaborazione con CNI Music. Sarà presentata la versione Ensamble ed assolo per Fisarmonica. Ogni volume avrà un colore differente: blu, verde e rosso che sono i colori della bandiera Romanì riconosciuta dall'ONU. Il lavoro è unico perché è la prima collezione di lavori per orchestra sinfonica composta e pubblicata da un Rom. Verrà anche presentato il nuovo CD del gruppo musicale Alexian, intitolato "Me pase ko Murdevèlë - io vicino a Dio" (Compagnia Nuove Indie CNI).

Partecipano all'evento l'editore internazionale Roberto De Caro (Edizioni Ut Orpheus) e Paolo Dossena (CNI Music), rappresentanti della stampa nazionale e straniera.

L'evento verrà ripreso dalla RAI.

cell. + 39 340 6278489
tel.+ 39 0872 660099 - skype: alexiansantinospinelli
email: spithrom@webzone.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/10/2008 @ 13:30:41, in Italia, visitato 1419 volte)

A Messina: Piccole "Impronte di pace"

Bambini italiani, rom, srilankesi e filippini, tutti uniti da interessi comuni come il gioco e il sorriso. Le loro impronte colorate sono simbolo della loro spensieratezza. Sono i protagonisti di un'esperienza di integrazione che per le due prime settimane di luglio ha coinvolto quaranta bambini e alcuni adolescenti a Messina. Il progetto si chiama "Impronte di Pace 2008", in risposta al provvedimento del ministro degli Interni Roberto Maroni di raccogliere le impronte digitali nei campi nomadi italiani. "Bisogna partire dai piu' piccoli - spiega padre Antonio Palazzotto, viceparroco della chiesa di Santa Maria di Pompei e promotore dell'iniziativa -. Attraverso il loro linguaggio diretto si costruiscono forti rapporti di conoscenza reciproca".

A scuola di dialogo dai bambini, dunque, se la comunicazione fra gli adulti non funziona. La realtà messinese non è molto diversa da quella di altre città: i due principali accampamenti rom sono cittadelle isolate e invalicabili. Almeno fino allo scorso 6 giugno, quando l'associazione culturale rom "Baxtalo drom" ("buona fortuna") ha "simbolicamente" aperto ai cittadini messinesi, per una festa, le porte del villaggio Fatima San Ranieri, a ridosso della stazione ferroviaria.

Una trentina di roulotte e casupole di lamiera, servizi igienici deteriorati, topi e scarafaggi dappertutto: è il panorama del piccolo villaggio rom costruito 20 anni fa a Messina.

"Con la giunta dell'ex sindaco Francantonio Genovese - spiega Patrizia Maiorana, vicepresidente dell'Arci Messina che opera dal 2002 con i nomadi - erano state avanzate alcune soluzioni abitative ma non si è fatto mai nulla". Anche il nuovo primo cittadino Giuseppe Buzzanca ha dimostrato sensibilità nei confronti dei problemi dei rom. Tuttavia, la bonifica del litorale sud di Messina, proposta dalla giunta Buzzanca, non sembra essere compatibile con la presenza dei circa 100 "zingari" che vivono fra la ferrovia e il mare. "Se costruiranno il ponte potremo finalmente affacciarci e vedere le nostre baracche", commenta ironicamente Saverio R., 58 anni, uno degli anziani del campo nomadi.

A San Ranieri vivono soprattutto bambini e adolescenti, perciò la Caritas punta su scolarizzazione e coinvolgimento dei più giovani per stabilire vettori di dialogo tra italiani e rom. Provengono dai Balcani e fino al 1998 avevano un permesso di soggiorno umanitario. "Perso lo status di profughi - spiega la Maiorana - non hanno più i documenti necessari e nemmeno la possibilità di trovare un lavoro". Per questo e altri motivi l'intera comunità vive di elemosina.

Per due settimane, a luglio, i piccoli hanno lasciato il campo tutti i pomeriggi. Gli animatori, tutti con esperienza di servizio nel campo, sono rimasti colpiti nel vedere una tale sintonia tra bambini di diverse etnie. "Loro, certi problemi non se li fanno", commenta Ivana Risitano, una volontaria.

L'iniziativa della chiesa messinese e della Caritas diocesana è stata un'occasione preziosa sia per i bambini che per i genitori che hanno partecipato attivamente alla realizzazione del progetto.

"C'è ancora molto da fare. I pregiudizi di anni non si cancellano in pochi giorni e anche il divario economico e sociale", conclude suor Gabriella D'Agostino della Caritas.

L'iniziativa, sfruttando l'onda mediatica, ha puntato i riflettori su una realtà trascurata, quella dei nomadi messinesi e gli organizzatori sperano che le uniche impronte lasciate in queste settimane siano quelle colorate dei bimbi. Un lenzuolo bianco e le loro impronte di pace.

Laura Conti [30.9.2008 - 13.24]


Napoli - Vita da profughi - Campi rom: la prigione della civiltà

La notizia degli abusi perpetrati sui piccoli rom, in quel vicoletto degli orrori alle spalle di Palazzo San Giacomo, è arrivata nelle case di cartone dei nomadi stanziati a Scampia e Secondigliano. Qui, tra un campo abusivo e uno autorizzato, vivono più di duemila persone. È difficile la vita tra le baracche dell'insediamento di Scampia, quello abusivo, situato ai margini di via Ghisleri sotto i ponti dell'Asse mediano. Un esercito di senza nome, un migliaio di individui divisi in quattro campi in base a provenienze etniche e religiose. Senza identità, senza documenti. I bambini corrono tra enormi pozzanghere, alcuni a piedi nudi. L'aria è quasi irrespirabile, resa pesante dai fumi di plastica e immondizia data alle fiamme. I rifiuti sono ovunque, non esiste alcun sistema di raccolta, per questo l'unico modo per disfarsene è bruciarli. È qui che si è svolta la visita del consigliere regionale Luisa Bossa, accompagnata da padre Pizzuti, dal pastore della chiesa evangelica zigana Gaetano Meglio, da padre Sergio Sala e da alcuni ragazzi dell'associazione "Chi rom e chi no".

Forte è lo sconcerto seguito alla scoperta degli abusi sui bambini. Essenziale capire e vedere da vicino, toccare con mano le condizioni di vita dei nomadi sistemati sul territorio cittadino. «Vedo tanti bambini e tanti topi - racconta Luisa Bossa -. Ho visitato il carcere di Poggioreale, ma questa è un'altra prigione, la prigione della civiltà». I bambini corrono incuriositi, i più grandi raccontano le loro storie. «Noi ci prendiamo cura dei nostri bambini - dice uno di loro - cerchiamo di vestirli bene e di mandarli a scuola. Ma guardate dove viviamo: loro giocano e si sporcano nel fango e nelle pozzanghere; rischiano tutti i giorni di buscarsi delle malattie».

Sapete cosa è successo ad alcuni bambini, del fatto che si siano prostituiti? «Sì, e siamo sconvolti - proseguono -. Ma questo non vuol dire che tutti facciamo così». Zanzare e altri insetti ronzano sulle pozzanghere, mordono senza lasciare tregua. Bruciano pure i morsi della scabbia che infesta le braccia di una bimba rintanata in un angolo della sua baracca, in isolamento. Ci spiegano che qui, più che altro, vivono profughi e rifugiati provenienti dalla ex Jugoslavia. «È la prima volta che sento parlare di questi casi di pedofilia - dice Barbara Pierro, dell'associazione "Chi rom e chi no" -. Al campo sono rimasti tutti molto colpiti. Hanno avuto come uno scatto d'orgoglio e bisogna chiarire che questi tremendi fenomeni non sono legati alla cultura rom, ma sono frutto di situazioni di estremo disagio».

Sulla stessa linea il pastore della chiesa zigana, Gaetano Meglio: «Quello che si è verificato dimostra l'enorme stato di bisogno di questa umanità. Le istituzioni devono intervenire, non solo elargendo denaro ma dando sostegno morale e sociale alle tante associazioni che quotidianamente lavorano in questi insediamenti».

Dal campo abusivo a quello autorizzato. È stretto fra la circumvallazione esterna e il carcere di Secondigliano. Container, strade asfaltate, molti bambini che corrono a giocare. E immondizia, tanta immondizia. Il campo, sulla carta, dovrebbe ospitare poco più di cento persone; ce ne sono quasi mille. Qui, raccontano, è un po' come stare in galera. «Io ho tre figli - dice Antonich -, voglio trovare un lavoro e vivere onestamente, ma senza documenti come si fa? Siamo qui da vent'anni e molti di noi non hanno ancora i documenti. Senza lavoro uno è costretto a rubare o a fare l'elemosina. E per guadagnare qualcosa possono anche capitare queste cose orribili».

Danilo Cirillo [30.9.2008 - 12.26]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/12/2019 @ 14:33:33
script eseguito in 167 ms

 

Immagine
 Thomas Hammarberg in visita a Milano per verificare la situazione dei Rom... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 10691 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
12/12/2019 @ 08:20:56
Di ANNA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source