Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 15/06/2009 @ 09:39:44, in Italia, visitato 1541 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte

In occasione della chiusura di CAMPUS ROM, martedì 16 giugno alle ore 16.30, in Via Aldo Manuzio 72 (Ex Mattatoio di Testaccio) ci sarà la conferenza:

"dal campo alla città" come favorire l'autorappresentazione e l'autopromozione delle comunità rom

Saluto introduttivo:
Francesco Careri - Dipartimento di Studi Urbani, Università di Roma Tre
Presenta:
Lorenzo Romito - Stalker/Osservatorio Nomade
Modera:
Lanfranco Sbardella - Radio Popolare Roma

Intervengono:
Najo Adzovic – scrittore, rappresentante del Casilino 900
Antun Blazevic- scrittore, mediatore culturale
Graziano Halilovic - Romà Onlus
Nazzareno Guarnieri - presidente Federazione Rom e Sinti Insieme
Giorgio De Acutis – Focus – Casa dei diritti sociali

Roberto De Angelis - antropologo Università La Sapienza, Roma

Tano D’Amico- fotografo
Simona Caleo - fotografo
Giorgio de Finis - fotografo
Max Intrisano - fotografo
Stefano Montesi - fotografo
Fulvio Pellegrini – fotografo, docente di Sociologia Economica presso l’Università La Sapienza di Rom

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/06/2009 @ 09:00:21, in Italia, visitato 1291 volte)

Segnalato da Carlo Motta e Flora Afroitaliani

[...] Negli ultimi due anni i media hanno registrato trecentodiciannove casi di violenza razzista in Italia e le aggressioni sono in continuo aumento. Centodiciannove nel 2007, centoventiquattro nel 2008 e nei primi quattro mesi 2009 si contano già settantasei atti di violenza. Numeri che riguardano persone reali. Una ricostruzione solo parziale, la punta dell'iceberg si potrebbe definire, di un fenomeno in costante crescita. Cronache di ordinaria intolleranza documentate nel "Libro bianco sul razzismo in Italia" curato dall'associazione Lunaria e oggi nella Sala delle Pace di Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma. "É un lavoro collettivo-spiega il presidente di Lunaria Gulio Marcon aprendo la conferenza-uno strumento utile a gruppi e associazioni per capire e arginare un fenomeno montante", quello del razzismo. Un tentativo di decostruzione dei pregiudizi e degli stereotipi comuni nell'opinione pubblica e nel discorso dei media attraverso l'analisi di otto casi esemplari: dal pogrom di Ponticelli alla strage di Erba, dalla violenza subita da Navtej Singh a Nettuno sino al caso dello stupro della Caffarella.

I curatori del Libro bianco fanno una premessa: l'Italia non è un paese razzista, ma è innegabile che esistano preoccupanti fenomeni di razzismo. Nel paese sembra essere in atto un processo di legittimazione culturale, politica e sociale del razzismo che vede protagonisti gli attori pubblici e istituzionali. E, in un Europa che sembra sempre più pervasa da pulsioni xenofobe, il caso italiano appare ancora più inquietante. L'opinione pubblica internazionale e le istituzioni europee guardano con sempre maggiore preoccupazione al caso Italia. E il rapporto di Lunaria è aggiornato all'aprile 2009, quando ancora l'Europa non aveva visto l'Italia all'opera nel lavoro di respingimento degli immigrati e nella diatriba con Malta su chi dovesse ospitare i migranti alla deriva sul cargo Pinar. Preoccupa tuttavia la saldatura avvenuta tra razzismo istituzionale, xenofobia popolare e stigmatizzazione mediatica dello straniero.

Un circolo vizioso che, secondo Anna Maria Rivera, docente e etnologia all'università di Bari e autrice di uno dei capitoli del Libro bianco, ha portato al "crollo dei freni inibitori nel proporre discorsi razzisti e a una banalizzazione stessa del razzismo".Un processo lungo, che nel corso dell'ultimo ventennio ha portato alla de-umanizzazione dei migranti e delle minoranza. Un processo in rapida accelerazione negli ultimi due anni dovuto all'azione del governo di centrodestra attualmente in carica, che ha dato continuità alle decisioni prese dal centro sinistra negli anni passati. Anna Maria Rivera parla di "piatto pronto" e cita l'esempio delle reazioni all'omicidio di Giovanna Reggiani nell'autunno del 2007 a Roma, delitto che provocò la dura reazione dell'allora sindaco della capitale Veltroni e una forte ondata anti-rumena. Ma non solo.

Analizzando e confutando il reato di immigrazione clandestina il magistrato Angelo Caputo mostra come esso sia la traduzione in termini giuridici del "netto discrimine" tra regolari e irregolari enunciato nella legge Turco-Napolitano. Un discrimine degenerato in quella che Caputo definisce "la menzogna della differenza ontologica tra migrante irregolare e regolare". Tale menzogna unita a un costante richiamo alla "percezione dell'insicurezza" ha condotto allo spostamento del discorso dal sociale al penale. A riprova di questo l'inclusione delle norme sui migranti all'interno del pacchetto sicurezza. E con il reato di immigrazione alla criminalizzazione non dei comportamenti della persona, ma del suo stesso stato d'essere.

Una politica che, secondo Lunaria, criminalizzando lo straniero alimenta i fenomeni di "giustizia fai te" alla base dell'aumento della violenza organizzata e per bande. Violenze soprattutto fisiche, che ormai hanno superato di numero le discriminazioni e le offese verbali. Omicidi, pestaggi, baby-gang. Fenomeni che colpiscono gli adulti, ma che vedono sempre più spesso protagonisti i giovani. Il Libro bianco rivela come i "figli dell'immigrazione", la seconda generazione siano spesso separati dai loro coetanei italiani, senza che si formino rapporti interculturali. Una forte discriminazione, spesso reciproca, ben descritta da una ragazza straniera intervistata per realizzare il Libro: "i miei genitori appena arrivati lottavano per lavorare. Noi dobbiamo lottare per vivere". (da http://www.lettera22.it/showart.php?id=10555&rubrica=24 )

IL LIBRO BIANCO SUL RAZZISMO è SCARICABILE QUI:
http://www.lunaria.org/allegati/librobiancorazzismo.pdf

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/06/2009 @ 09:43:16, in Europa, visitato 1097 volte)

Da Roma_Francais (mi ricorda qualcosa)

Radio Srbija 8 giugno 2009

Una delle priorità della politica estera della Repubblica di Serbia nel quadro del riavvicinamento alla UE e dell'entrata nella lista bianca di Schengen e la prevenzione della migrazione illegale, come l'ammissione e l'inserimento delle persone che ritornano, sulla base degli accordi bilaterali sulla riammissione. Dopo la fase iniziale della messa in opera dell'accordo, a partire dal gennaio 2008, sono tornate in Serbia 586 persone, la maggior parte dalla Germania, dalla Svizzera e dalla Svezia. [...]

Nella struttura nazionale delle persone che ritornano, i Rom sono i più numerosi, circa 149, 61 sono Serbi e circa 80 non si sono pronunciati. E' stato approntato un Ufficio di riammissione per organizzare meglio l'ammissione delle persone deportate e di assicurare il loro reinserimento nella vita quotidiana serba. I rappresentanti dell'Ufficio di riammissione hanno stabilito il contatto diretto con le 355 persone deportate, nei locali del controllo poliziesco dei documenti e di transito, all'aeroporto "Nikola Tesla" di Belgrado [...]. In collaborazione col Commissariato per i rifugiati, sette ex centri collettivi sono stati trasformati in centri di ammissione urgente per le persone che ritornano, nei quali sono alloggiate soprattutto in funzione del loro precedente domicilio.

Secondo i dati della polizia, nel corso dei prime cinque mesi dell'anno in corso, la Serbia ha ottenuto 774 domande di ritorno di suoi cittadini che soggiornavano illegalmente all'estero, e 109 sono ritornati, ha dichiarato Rade Dubajic, rappresentante della Squadra di reinserimento che ritornano e consigliere del vice-primo ministro del governo, Jovan Krkobabic. Presentando il rapporto sull'aiuto alle persone che ritornano, Dubajic ha dichiarato che non aveva dati esatti sul numero di persone ritornate, perché gli uffici di riammissione non esistono a tutti i passaggi frontalieri. Ha ugualmente aggiunto che dei 109 totali, 77 sono tornati dalla Svizzera, 12 dalla Croazia e 7 dalla Danimarca. Dubajic ha messo in rilievo che è in corso d'elaborazione un libro informativo per chi torna, perché conoscano più facilmente i loro diritti, e che la mancanza di soldi per la realizzazione dei progetti d'aiuto alle persone che ritornano, pone un grande problema.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/06/2009 @ 14:23:52, in scuola, visitato 1078 volte)

15:32 - CRONACA- 15 GIU 2009 Così la comunità di Sant'Egidio ha portato a scuola 30 bambini

Roma, 15 giu. (Apcom) - Una borsa di studio di 100 euro al mese destinata a ogni bambino che frequenta la scuola con regolarità. Poche e semplici regole: non superare le tre assenze ingiustificate al mese, partecipare alle attività extrascolastiche, incluse le gite, e niente accattonaggio. Così a Roma la comunità di Sant'Egidio ha recuperato 30 bambini rom, di famiglie originarie della ex Jugoslavia. Il progetto, partito dal campo di via dei Gordiani e da un centro di accoglienza della Comunità, si è via via esteso ad altri insediamenti, coinvolgendo 42 bambini in tutto. Il progetto è stato presentato questa mattina dal presidente della comunità di Sant'Egidio, Marco Impagliazzo e dal direttore generale del dipartimento immigrazione del ministero del Welfare, Giuseppe Silveri. L'iniziativa, ha spiegato Impagliazzo, è partita a settembre e punta sulla responsabilizzazione dei genitori che non solo devono garantire la regolare frequenza del figlio, ma partecipare attivamente, presentandosi spesso a scuola per parlare con gli insegnanti. I risultati, ha sottolineato, sono stati sorprendenti: la maggior parte dei genitori ha usato i soldi per acquistare quaderni e materiale scolastico. Su 42, solo 12 bambini non hanno rispettato le regole e non hanno ottenuto la borsa, vale a dire solo uno su quattro. Quasi tutti i bambini coinvolti sono stati inseriti nella scuola elementare Iqbal Masih; ma anche altre 5 scuole primarie sono state coinvolte, con l'inserimento di 7 bambini. "Questo è un progetto esemplare con un successo evidente - ha sottolineato Silveri - spiegando che è stato il ministero del Welfare a finanziare l'iniziativa con i fondi destinati all'integrazione. Già il Comune di Napoli e quello di Milano - ha aggiunto - hanno mostrato interesse per il progetto". Il costo dell'operazione è stato 134mila euro, ha spiegato Impagliazzo. Una cifra, ha sottolineato, piuttosto contenuta a fronte dei risultati ottenuti. "Ma la cosa più importante - ha aggiunto - è che il progetto è replicabile anche con operatori non della Comunità di Sant'Egidio. Il problema di molti progetti di inserimento scolastico - ha continuato - è che puntano tutto sull'inserimento e poi trascurano la frequenza. Negli ultimi anni sono cresciute molto le iscrizioni a scuola. Ma su 17.500 minori rom e sinti in Italia, solo 219 sono quelli iscritti alle superiori. Li perdiamo per strada. Questa iniziativa premia la frequenza, investendo tutto sulla continuità". Coinvolgendo e responsabilizzando la famiglia nella scolarizzazione del bambino - ha proseguito Impagliazzo - si mettono le basi per l'integrazione. Il risultato è un circolo virtuoso, che ci ha permesso di organizzare feste di quartiere a cui hanno partecipato famiglie italiane e rom, che si sono svolte senza alcun problema di razzismo. Quello che ci auguriamo ora è che diverse amministrazioni locali seguano l'esempio, adottando questo modello". "I soldi ci sono", ha sottolineato Silveri: "Le amministrazioni comunali - ha spiegato - hanno a disposizione i fondi erogati dal ministero del Welfare agli enti locali proprio per questo tipo di progetti". Ma dove i municipi manterranno i cordoni della borsa troppo stretti, la Comunità, ha annunciato Impagliazzo, lancerà "l'adozione a distanza": "Oggi noi - ha spiegato - seguiamo 8mila adozioni a distanza nei Paesi dell'Africa e dell'America Latina. Proporremo alle famiglie di buona volontà di fare altrettanto per bambini meno distanti, ma che hanno altrettanto bisogno: chiederemo di adottare un bambino rom, per permettergli di andare a scuola".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/06/2009 @ 08:53:15, in Italia, visitato 1736 volte)

Ricevo da Rosanna Ferrucci

Alla luce dell'esperienza del il Primo Congresso Nazionale della “Federazione Rom e Sinti insieme” riprendono a grandi passi, i lavori di quei Sinti e quei Rom che pensano al futuro dei loro diritti, quelli che si identificano nella sintesi dei principi emersi da questa prima consultazione nazionale.

Il primo grande innovamento è portato dell'esigenza generalizzata di aprire le porte a tutte le comunità di rom presenti sul territorio nazionale ed europeo. Attraverso una visione unitaria che non pretende di rappresentare tutti i rom ma dichiara di voler perseguire obiettivi unitari che riguardano anche tutti i gruppi europei: Rom; Sinti; Kalé; Manouches; Romanichels (oltre a rom, sinti e camminanti italiani).

Questo significa da un lato rilanciare i temi ormai condivisi:
1. il riconoscimento di minoranza linguistica
2. la conoscenza della cultura Romanì
3. abbandonare la politica dei campi nomadi per avviare una politica abitativa pubblica per tutti i cittadini
4. abbandonare ogni forma di politica differenziata, le forme di assistenzialismo culturale e definire un ruolo propositivo per il popolo Romanò
5. recupero e sviluppo di una economia romanì, tra tradizione e modernità.

Ponendo al centro dell’azione politico/culturale l’unità e la partecipazione attiva della popolazione Romanì, la promozione della cultura Romanì con il riconoscimento e la valorizzazione delle professionalità Rom e Sinte, quale strategie sia per stimolare processi di formazione alla partecipazione attiva, sia per l’orientamento delle scelte politiche e culturali.

Dall'altro lato significa aggiungere scopi e valori contestuali all'Europa.
La popolazione romanì è la più grande minoranza europea!
È arrivato il momento di cimentarsi nella progettazione e nella ricerca sul livello europeo oltre che sul livello nazionale.
Come prima conseguenza propone una nuova denominazione: FEDERAZIONE ROMANÌ.
Il popolo romanò ha la forza e le competenze per determinare il suo cammino.
La Federazione Romanì vuole essere lo strumento per realizzare questo cammino.

Il presidente
Nazzareno Guarnieri

Federazione Romanì
Sede legale: Via Altavilla Irpinia n. 34 - 00167 Roma
Codice fiscale 97322590585 – Email: federazioneromani@yahoo.it
Web: http://federazioneromani.wordpress.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/06/2009 @ 09:07:42, in musica e parole, visitato 1211 volte)

Da Roma_Italia

Associazione Nazionale "THÈM ROMANÓ" ONLUS

In considerazione dei recenti avvenimenti sismici che hanno colpito l'Abruzzo si stanno organizzando una serie di iniziative su tutto il territorio Italiano volte a sostenere l'Orchestra Sinfonica Abruzzese duramente colpita dal sisma.

In tale contesto si propone l'esecuzione di un "Concerto di musica romanì"

con l'Orchestra Sinfonica Abruzzese da realizzarsi a Roma, Lanciano e Ancona nei giorni 13, 14 e 15 Novembre 2009.

SI RICHIEDE

Un valido sostegno!!!! !!! In tre modi e a seconda delle proprie possibilità:

Come coorganizzatore, come collaboratore e come aderente.

1) La coorganizzazione dell'evento prevede i seguenti termini:
compartecipazione con 2000 euro a copertura della spese dei concerti dell'Orchestra Sinfonica Abruzzese
(cachet orchestra, teatro, pagamento della stampa delle partiture, pubblicità, SIAE, etc.).
Tutti e tre i concerti avranno una pubblicità unica di carattere nazionale e ciascuna associazione coorganizzatrice avrà diritto di apporre il proprio logo sul materiale pubblicitario ufficiale prodotto dall'Istituzione Sinfonica Abruzzese.
La conferenza stampa di presentazione dei concerti avverrà a Roma, in Campidoglio all'inizio di Novembre 2009 e ciascuna delle associazioni coorganizzatrici ha diritto di presiedervi, assieme ai sindaci delle tre città, alle autorità e al direttore artistico della Sinfonica Abruzzese M° Vittorio Antonellini.

2) La collaborazione consiste nel promuovere l'evento presso i propri contatti e i propri canali (riviste, mailing list etc.), nel cercare contatti con radio e riviste che possono sostenere l'evento (unico nel suo genere e di portata mondiale), di procurare contatti con musicisti rom diplomati capaci di suonare con l'orchestra sinfonica che sarà diretta, probabilmente, dal kalò spagnolo Paco Suarez (dipende dai mezzi economi a che avremo).

3) L'adesione: consiste nella libera sottoscrizione da parte di associazioni e di privati sul conto corrente postale dell'associazione Them Romano Onlus causale: Concerto Orchestra Sinfonica Abruzzese

CONTO CORRENTE POSTALE 201665
oppure sull' IBAN dell'associazione Them Romano Onlus
IBAN IT46Z07601155000000 00201665

Le associazioni coorganizzatrici finora sono:
Ass. Them Romanò Onlus di Lanciano, Ass. Altrevie di Roma, Arci Solidarietà Lazio di Roma, Coop. Ermes di Roma, Ass. Piemonte Grecia "Santorre di Santarosa" di Torino, Fondazione Casa della Carità di Milano, Ut Orpheus di Bologna, CNI di Roma, Ethnoworld di Milano.

Le associazioni collaboratrici finora sono:
Gruppo Everyone di Pesaro, Amici della musica di Campovalano di Teramo, Ass. Adriatica Mediterranea di Ancona, Istituto di Cultura Gitana (Barcellona) , Cooperativa L'occhio del Riciclone di Roma.

Le associazioni che aderiscono finora sono: Casa Laboratorio San Giacomo di Palermo.

Le radio che collaborano finora:
Radio Spazio 103 di Udine, Radio Flash di Torino, Radio Kjoi Voce della Speranza di Roma, Radio Onda D'Urto di Brescia, Radio Popolare di Roma.

Per ulteriori informazioni e delucidazioni non esitate a contattarci. Vi terremo informati costantemente sugli sviluppi dell'organizzazione!!!!!!!!!!!

BUT BAXT TA SASTIPE'!!!!!!!

Per il Coordinamento Nazionale Antidiscriminazione Sa Phrala

Ass. Them Romanò

Dott. Prof. Santino Spinelli "Alexian"

per contattarci
tel. 0872 660099
cell. 340 6278489
spithrom@webzone.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di cicciosax (del 17/06/2009 @ 09:24:27, in Italia, visitato 1642 volte)

La moglie del romeno ucciso: "L'ambulanza solo dopo mezz'ora" di Cristina Zagaria

"Il mio Petru è stato lasciato morire. C' era una sola ambulanza e ha portato via il 14enne. Mio marito è rimasto a terra per 30 minuti. Se era italiano sarebbe stato diverso, a noi ci lasciano finire così". Parole forti nella denuncia di Mirella, la compagna del romeno Petru Birlandeanu ucciso per errore dai killer della camorra. Un delitto compiuto durante una sparatoria tra la folla avvenuta poco prima delle otto di sera martedì a Montesanto.

"Per 5 minuti ha parlato. Per 10, mi ha guardato fisso negli occhi e, quando io gridavo, lui scuoteva la testa e mi stringeva più forte la mano. Per mezz' ora il corpo di mio marito Petruè rimasto per terra e nessuno ha fatto niente. Ci guardavano tuttie c' era anche chi mi scattava fotografie. È arrivata un' ambulanza, ma non era per noi era per il bambino ferito. Due feriti un' ambulanza sola... per l' italiano". Un' accusa. Lunga trenta minuti. Mirella è spaventata e arrabbiata. Mirella ha poco più di vent' anni ed è la moglie di Petru Birlandeanu, il romeno ucciso per errorea Montesanto. Mirella fumae piange. Fuma e si preme le mani sulla testa. Fuma Winston blu e si accuccia per terra, seduta sul cordolo dell' aiuola davanti all' obitorio, tenendo stretta la mano al fratello. Ernesto Cravero, docente della Federico II, sul sito di Noi Consumatori, conferma il racconto di Mirella: "Ritorno verso il ferito, il poveretto non si muove più, la donna che era con lui piange in silenzio. Sento delle sirene, penso: è l' autoambulanza. No, è una volante. Sono disorientato...eppure l' ospedale dei Pellegrini è lì a 100 metri. Chissà, portarvi quell' uomo a braccia o in barella. Alle 20 gli addetti della funicolare chiudono le portea vetro per isolare quel poveretto che è ancora lì e non si muove più". La sparatoria è avvenuta tra le 19.30 e le 19,40: trenta minuti prima. L' accusa di Mirella è dura: "Se era italiano sarebbe stato diverso. Agli italiani noi romeni facciamo paura e ci lasciano morire". E Mirella, piccola donna vestita di nero, con le ciabatte aperte e due cerchi d' oro alle orecchie, in Italia da tre anni, non trova spiegazione né tregua. "Mio marito è morto per 8 euro. Tanti erano i soldi che aveva in tasca. Tanti i soldi che racimoliamo ogni giorno e spediamo quasi tutto in Romania, dove c' è la mia bambina". Petru e Mirella hanno due figli, la più grande ha 10 anni, il più piccolo ne ha 6 e vive a Napoli. "Ma non lo portavamo quasi mai con noi al lavoro", fa notare Mirella. Lavoro? Petru suonava la fisarmonica sulla Cumana, ma era un calciatore. Mirella mostra la carta di identità del marito e racconta: "Era un centravanti del Poli Iasi, serie A rumena. Amava seguire le partite del Napoli e quando poteva giocava con i bambini, insegnava a giocare a calcio anche agli italiani. Perché Petru era romeno, non rom". Quando pronuncia la parola "italiani" grida: "Gli italiani vogliono ammazzare anche me. Non ho visto niente, niente... ma ero lì e la mafia ora mi sta cercando". Un motorino sfreccia nel viale e lei scoppia a piangere. Un attimo dopo una sirena. Mirella si rannicchia e poi balza in piedi. I rumori della paura fanno affiorare i ricordi: "Siamo alla stazione. Sentiamo gli spari. Petru mi afferra e dice: "Corri". Vedo il sangue, ma lui mi dice che è solo un graffio e che devo correre. Fino alla fine ha pensato a me, a salvare me...a lui non ha pensato nessuno e io non potevo fare niente". Torna la rabbia, appannata dall' impotenza. Ora accanto a Mirella c' è suo fratello, una interprete romena, Elisabeta, Enzo Esposito dell' Opera Nomadi, Federico Zinnae Carlo Parato del Partito Identità Romena della Campania. Chi è accanto a Mirella ha già avviato la domanda in Prefettura (che si è già attivata) perché Petru sia riconosciuto vittima di mafia, mentre il Comune si è offerto di organizzare il trasferimento della salma in Romania. Ma Mirella non riesce a seguire niente. Si prepara a passare la notte piangendo, senza che le sue lacrime sfiorino mai il corpo di Petru, come vuole la tradizione. Telefona in Romania: "Preparate il vestito da sposo di Petru. Deve essere tutto pronto, per il funerale. Torniamo a casa presto, per sempre".
(16 giugno 2009)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/06/2009 @ 07:19:29, in Europa, visitato 1404 volte)

Da La voix des Rroms

 (video in inglese)

In Italia ci si consegna ai pogrom, in Repubblica Ceca si fa campagna proponendo la "soluzione finale", un po' dappertutto nell'Europa Centrale ed Orientale si piazzano i bambini rrom nelle scuole per handicappati mentale, in Francia si strappano le tende di famiglie che si mettono per strada, ora, è la volta dell'Irlanda del Nord, dove da qualche giorno, gruppi estremisti hanno per obiettivo delle famiglie rrom originarie della Romania.

Dove va l'Europa? Adolf Hitler aveva un progetto europeo. All'indomani della II guerra mondiale, gli Stati Europei misero in atto l'Unione Europea proprio per evitare il ritorno di quel progetto. Siano ancora a tempo per evitare quel ritorno.

La voix des Rroms chiede alle istituzioni europee di adottare rapidamente lo Statuto quadro dei Rrom nell'Unione Europea, proposto dalla Rete rrom degli attivisti sulle questioni giuridiche e politiche (RANELPI)*. L’adozione immediata di questo statuto quadro che ha appena ricevuto l'appoggio della presidenza dell'Unione Rromani Internazionale (OnG a statuto consultivo presso l'ONU) e la sua messa in opera diviene ormai un'urgenza.

* Il progetto di Statuto quadro è disponibile in inglese, francese, ungherese, italiano, polacco e rumeno sul sito http://www.rroma-europa.eu

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/06/2009 @ 09:06:32, in musica e parole, visitato 1356 volte)

Ricevo da Veniero Granacci

INVITO: La Casa della Resistenza e l’Istituto storico della Resistenza "P. Fornara" vi invitano per un aperitivo cui seguirà la presentazione della mostra "Porrajmos" e lo spettacolo "Rom Cabaret"

Sabato 20 giugno 2009, ore 20.00 - 23.00
Casa della Resistenza
Via Turati 9, Verbania Fondotoce

Una storia da raccontare La persecuzione di Rom e Sinti tra ieri e oggi

"Quanti conoscono la parola Porrajmos? Pochissimi. Questo è l’indizio più significativo di come la memoria dei popoli che ci ostiniamo a chiamare zingari e nomadi fatichi a trovare ascolto e cittadinanza in Italia. Porrajmos è la parola che nelle lingue Sinte e Rom definisce il ‘divoramento’ subito in Europa tra il 1934 e il 1945".

L’Associazione Casa della Resistenza, in collaborazione con la Regione Piemonte, Assessorato alla Cultura, organizza una giornata di riflessione sul tema della discriminazione e della persecuzione verso le popolazioni Rom e Sinte attraverso la mostra storica Porrajmos. Sulle tracce della memoria che sarà presentata dal curatore, Carlo Berini, ricercatore dell’Istituto di cultura Sinta di Mantova.

Rom Cabaret Spettacolo con testi e musica popolare di artisti Rom
di Dijana Pavlovic
con Diana Pavlovic, Jovica Balval, Marta Pistocchi

"La convivenza tra comunità diverse in un medesimo territorio – non solo possibile, ma anche auspicabile – passa anche attraverso l’incontro e la conoscenza delle reciproche culture, unica via per dissipare incomprensioni, pregiudizi, luoghi comuni, diffidenze di tutti i tipi".

Alla presentazione della mostra seguirà lo spettacolo teatrale Rom Cabaret di Dijana Pavlovic, con Jovica Balval e Marta Pistocchi. Lo spettacolo è nato come occasione di incontro tra la cultura Rom e la rappresentazione che ne ha fatto la tradizione occidentale attraverso l’immagine romantica del mondo zingaro. Di fronte alle vicende drammatiche degli ultimi anni, che a partire dal caso di Opera sono culminate nella cosiddetta "emergenza Rom", è nata l’esigenza di attualizzare lo spettacolo e trasformarlo in uno strumento non solo di conoscenza e confronto, ma anche di denuncia. Attraverso poesie e racconti, musica e canzoni popolari, interviste e immagini si racconta la storia del popolo Rom (anche nei suoi momenti più drammatici, come lo sterminio nei campi di concentramento nazisti) e la condizione attuale dei Rom in Italia tra sgomberi e pregiudizi. Il tono è ora poetico, ora amaro e drammatico, senza dimenticare l’ironia e anche l’autoironia delle barzellette Rom.

Con il patrocinio di:

Consiglio Regionale del Piemonte - Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione Repubblicana
Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel VCO P. Fornara"

Sezione didattica
Istituto storico Resistenza e società contemporanea "P. Fornara"
Corso Cavour 15, 28100 Novara
tel. 0321 392743; fax 0321 399021
email: didattica@isrn.it ; sito web: www.isrn.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/06/2009 @ 09:23:26, in conflitti, visitato 1373 volte)

Segnalazione di Ivana K Roman

da: U.R.Y.D. diaspora_rroms@yahoo.fr (5 giugno 2004) tradotto in Arcobaleno a Foggia

ASCOLTA IL FIUME IBAR

Ogni singola poesia, ogni parola, ogni pensiero espresso in questo libro - il primo di Neziri Nedžmedin - descrive la paura, la sofferenza e la nostalgia della casa della sua famiglia, quella della Rromani mahàla [area tipica Rromani nelle città balcaniche] nella "Kosovaqi Mitrovica" e per le case costruite secoli fa lungo le rive del fiume Ibar. Sono poesie legate a un dramma umano ben conosciuto. Una tragedia là accaduta, e come in ogni tragedia vissuta dai Rrom, impiglia di sofferenza e paura le tettoie rotte, gli anziani, tutte le case che hanno testimoniato la nascita e la crescita dei numerosi bambini, ma anche i vicoli polverosi dove scuri e sporchi correvano i Rrom a piedi nudi, ridendo e tenendo in mano una fetta di pane nero. La paura portata dei "dannati", che hanno incendiato il Kossovo e espulso tutti i diversi, anche quelli che non avrebbero fatto male a una mosca. Non è frutto della fantasia, è storia vera, di una sofferenza che solo i Rrom e chi abitava vicino a loro può comprendere. Nel nostro secolo. Dando il mio supporto a questo libro, mi aggiungo alla sua preghiera. E' stato scritto nel momento giusto, nel modo giusto. Per piangere la nostra tragedia. Sperando che non debba ripetersi ancora!
Alija Krasnići, scrittore Rromani

NON DIMENTICARE

1.

Proprio lungo l'Ibar
Scorreva la sua vita
La Rromani mahàla
Nella stretta via della Fabbrica
E qui erano germogliate le case
Come funghi dopo la pioggia
Offrivano un nido tiepido
Ognuno dipinto con caldi colori
A me, a te, a tutti
Lucidati vivamente
E con la forza della grazia
Assieme ai canti degli uccelli
Il sole
Coi suoi raggi d'argento
Fa brillare quei bambini scuri
E tutti i bambini echi della musica Rromanì
Che da da secoli
Presero l'anima e
Alleggerirono i cuori di quanti
Crebbero, invecchiarono e
Morirono lì.



2.

Arrivò infine il 1999
Anno scuro di miserie
Vide nascere le carovane
di Rrom colpiti dalla disgrazia
Guardate i piedi nudi dei bambini
Piangono e cercano
Chi amano
Dove ritroveranno una casa?
Dio mio, anche nel nido
L'uccello ha cessato di cantare
E gli strumenti han perso la loro voce
nei vicoli di Mitrovica
Non ci sono più giovani che sono per mano
Un acre odore di bruciato
Tutto è vuoto e cenere
Ogni casa, ogni incrocio
Nerofumo anche il cuore e l'anima
Persino la notte è piena di paura
Le case bruciarono a lungo
Dentro, solo cenere e carbone

3.

No, la tua foto non è più qui
Neanche la mia, o quella dei tuoi figli
Né i tuoi genitori
O la mia mentre camminavo per strada
nemmeno i miei amici del reggimento
Anche il cane ha smesso di abbaiare
Anche lui distrutto dalla mano del diavolo
Quindi, Rrom,
Apri i tuoi occhi:
Non potrai mai dimenticare
L'acqua fresca che ti scorreva accanto
O i fiori di Djurdjevdan
Neanche i fuochi
Con cui ci scaldavamo
E le tombe
E le nostre ombre
O la dolcezza del fiume Ibar
O Dio
Questo hanno fatto
Hanno separato il bambino da sua madre
E hanno gettato l'anziano nel fuoco

4.

Una madre indifesa è stata picchiata con odio
L'hai visto anche tu, mio Dio
Ci hanno gettato a terra come un vecchio straccio
E calpestato la nostra antica fratellanza
Bruciato tutto quel che ricordava
La tua presenza e la mia
Osservo da lontano
Non riconoscendo più
Brucia il mio cuore e piange
Come se fossimo divorati
Da ombre assetate di sangue umano
Ci hanno sottratto le ossa
E affamati fiutano i nostri passi
Non mi rimane una goccia di sangue Rom
Sole,
Perché i tuoi raggi
Non mi scaldano più
Cosa importa se l'oscurità è diventata la nostra casa
Cosa importa se il nostro cuore è avvolto nel dolore
Ritorna ancora l'andare dei Rrom

5.

Che la maledizione arrivi
Sul gradino della tua casa
e rafforzi i Rom
Che riprendono la strada del vento
O Vento, da quando mi sono fermato vicino all'Ibar
Il fiume che tu preferivi e carezzavi
Ho visto così tante immagini colme di dolore
In 500 anni
I miei antenati non ricordano
Qualcosa di simile
Voi, Dio, Sole e tu Vento
Terra dei miei nonni
Confidenti delle nostre estati
Persino le tombe
Non sono state risparmiate
La paura dei Rrom non può rimanere silenziosa
Se nessuno sa riconoscerla
Una fredda oscurità ha davanti agl occhi
Gli anni possano bruciare
Le pietre piangano le pietre
E le madri la tomba delle loro madri

6.

Cosa importa dove mi porterà l'esilio
Ho lasciato le ossa di mia nonna
Là, sulle sponde dell'Ibar
Come calmerò il pianto
Del bambino nella culla
Cosa racconterò all'anziano
Di quel che sta succedendo qui
E dove - ma cosa importa dove,
potranno tornare le ombre delle tombe
mentre i miei pensieri si confondono
Come la luce della lampada
Nella piccola casa che aveva mio nonno
In questa notte sorda
Anche la mia canzone Rromani
E' stata strangolata
Tutta la casa sta piangendo
Chi è scomparso
Cresce piano una nuova sofferenza
E sbuca la paura dal nido
La paura di una canzone che non potè nascere

7.

Dovunque vada
Avrò perso la strada di casa mia
Il giorno diviene notte
Una notte lunga, sempre più lunga...
Lunga come la morte
Non ci sono più
I raggi argentati del sole per i Rrom
Non ci scalderanno più
Buio, abbandono
Povera gente
Senza più danze
Là, accanto al fiume Ibar
Quando il diavolo
Ha mostrato
La realtà dietro il sogno
Tutte le pietre
Rimosse dai muri
Hanno lasciato un solo segno della loro scomparsa
Scure ustioni
Di ceneri
Silenti
gementi
Un'antichissima presenza cancellata

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


08/04/2020 @ 20:09:59
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 Il libro con le storie di via Idro... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4452 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Offerta libera del prestito senza problemaSono un ...
08/04/2020 @ 15:53:28
Di nathalie
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source