Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/03/2009 @ 09:13:34, in Europa, visitato 1345 volte)

Segnalazione di Clochard

12 marzo 2009 di Carlos Enrique Bayo

Gli assalti ai comandi del Servizio di Sicurezza di Ucraina (SBU) alle sedi di Kiev del monopolio del gas Naftogaz e dell'autorità che controlla i gasdotti del paese Urkrtransgaz, hanno colpito la nostra attenzione negli ultimi giorni. Ma senza ombra di dubbio è molto più importante e preoccupante l'assalto cittadino che si sta protraendo di fronte alle succursali ucraniane della Banca Rodovid, che ha limitato il prelievo di soldi a meno di 28 euro giornalieri perché è sul bordo della bancarotta.

In realtà, ciò che è in bancarotta è lo stesso stato di Ucraina, dove città intere, per interi giorni, sono rimaste senza riscaldamento e acqua corrente perché le istituzioni non possono pagare le bollette; il servizio della metropolitana di Kiev è vicina al collasso per mancanza di fondi; gli stabilimenti siderurgici e l'industria chimica, motori economici del paese, stanno licenziando a migliaia di operai e il valore della moneta nazionale, l'hryvnia, è crollato.

L'Ucraina è il paradigma del fallimento dell'Europa Centrale come conseguenza della crisi globale e deve metterci all'erta su quello che è sul punto di succedere negli altri paesi ex-sovietici della regione che sono membri dell'UE ma che vedono rifiutati le loro richieste di aiuto. Il primo ministro ungherese, Ferenc Gyurcsany ha messo in guardia i suoi colleghi che una "nuova cortina di ferro divida l'Europa", ma è stato inutile. Aveva richiesto un fondo speciale di 190.000 milioni di euro per proteggere i membri più deboli dell'UE, e il suo governo ha fatto circolare un documento che riportava la cifra di 300.000 milioni di euro come preventivo per coprire il vero bisogno che quest'anno per la ri-finanziazione dell'Europa centrale.

Questa cifra è uguale a quella che hanno sborsato i governi dell'Ue per ri-capitalizzare le banche oltre ad aver dato garanzie di credito per 2.5 mille milioni di euro.

Ma i crediti continuano a non arrivare alle aziende e ai privati che dovrebbero riattivare l'economia. In questo modo i paesi ricchi, cominciando dalla Germania (dove il cancelliere, Angela Merkel, affronterà le elezioni generali a settembre), negano questo carissimo salvagente ai membri più orientali, che presto dovranno dichiarare la sospensione dei pagamenti: Ungheria, Romania e i paesi baltici.

Queste nazioni sono sul punto di naufragare perché alla crisi economica mondiale si è aggiunto la caduta delle sue divise(moneta) di fronte all'euro, e si vedono impossibilitati a ridare i crediti alle banche dell'eurozona(che sono i loro principali creditori) in un momento di una forte riduzione della domanda dei suoi prodotti in Europa occidentale. Il nucleo duro dei 16 paesi che condividono l'euro (con un economia nel suo insieme tanto importante quanto quella degli Usa) ha la pretesa di salvarsi escludendo ai suoi soci più recenti. Ma le misure protezionistiche non manterranno a galla potenze come la Germania, la cui prosperità dipende dalle esportazioni a mercati che non hanno una capacità d'acquisto.

Il rischio non è solo economico, ma anche geopolitico, dato che quei soci orientali hanno vissuto la recente esperienza di rinunciare ai loro sistemi economici centralizzati e super regolati, attraversando una terapia d'urto che li ha sottomessi a grandi penurie quando avevano appena cominciato a recuperare e stabilizzarsi.

Proprio quando erano a punto di degustare il miele del capitalismo prospero, questo affonda e nega loro l'ancora di salvezza.

Il caso dell'Ucraina è da esempio e la sua stabilità è fondamentale per il continente perché la Russia non solo approfitterà del suo crollo per dominarla attraverso il suo predominio etico e linguistico nell'est e nel sud del paese, ma il Cremlino presenterà questo fallimento come paradigmatico di ciò che succede quando le economie ex-sovietiche si sommergono nel libero mercato.

L'Ue non può permettere che la crisi affoghi i suoi membri più deboli, neanche i suoi vicini orientale, perché non è sufficiente con il non saperne nulla per evitare che chi affonda, disperato, trascini anche noi nel fondo.

Fonte:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/03/2009 @ 08:54:19, in Kumpanija, visitato 1305 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati


Non aver paura, apriti agli altri, apriti ai diritti from Strayorange on Vimeo.

ROMA – Un fantasmino giallo che non fa paura, anzi sorride: è uno spauracchio, ce lo ha pure scritto addosso. È questo il simbolo della Campagna nazionale contro il razzismo, l’indifferenza e la paura dell’altro "Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti", presentata questa mattina al Teatro Ambra Jovinelli di Roma.

Disegnato da Viorel Samuel Cirpaciu, bambino rom di 11 anni, lo ‘spauracchio’ è il simbolo di una campagna organizzata da 26 organizzazioni, tra cui l’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati, associazioni religiose e laiche e Ong internazionali, oltre che i sindacati. "È una campagna che abbiamo voluto lanciare oggi non a caso – ha spiegato Laura Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato Onu per i rifugiati -, alla vigilia di una data importante che è il 21 marzo, Giornata mondiale contro il razzismo. Una campagna che ha la pretesa di essere un’iniziativa culturale, grazie al fatto che abbiamo convogliato diverse organizzazioni diverse, un’ampia fetta della società civile italiana".

Obiettivo della campagna, sensibilizzare la società civile al tema del razzismo tramite l’impegno delle organizzazioni aderenti che saranno protagoniste di quella che definiscono una vera e propria maratona di iniziative locali e nazionali, e una raccolta di firme che sottoscrivano il manifesto dell'iniziativa. L'invito alla riflessione è rivolto anche al mondo politico e alle istituzioni, anch’esse invitate a firmare contro il razzismo." In questi anni – ha spiegato Boldrini - una buona parte della politica ha coniugato l’immigrazione con la sicurezza, trascurando tutti gli altri aspetti dell’immigrazione, positivi che non hanno avuto il peso che meritavano".

Punta di diamante della campagna uno spot televisivo e radiofonico firmato da Mimmo Calopresti, con l’interpretazione di Francesca Reggiani, Lello Arena, Salvatore Marino e Cumbo Sall. "I media in questi anni - ha affermato Boldrini - non ci hanno aiutato a capire l’importanza del fenomeno migratorio. Hanno dato grande spazio alla cronaca nera legata all’immigrazione oscurando il resto, oppure hanno usato termini allarmistici e questo ha generato paura. Questa paura è basata sull’immagine dell’immigrazione resa, che non necessariamente corrisponde alla realtà".

Nello spot, i diversi attori si ritrovano a riscoprire le loro piccole posizioni razziste, nonostante si dichiarino non razzisti a vicenda. Bloccati da una intricata rete di fili, Francesca Reggiani interpreta una persona del Nord Italia che guarda con sospetto i meridionali. Il ‘sospettato’ è interpretato proprio da Lello Arena, che nella parte diffida degli arabi. Marino, cittadino italiano con madre eritrea scarica la colpa sugli africani ed infine Sall, anche lei italiana di padre senegalese restituisce il colpo sui rom. Da questo groviglio di parole e di fili, spunta proprio Viorel, l’autore del fantasmino giallo, che a differenza degli altri protagonisti, riesce a venire fuori dalla matassa.

La campagna giunge in un anno che gli organizzatori definiscono ‘nero’. "Ci siamo chiesti se il razzismo fosse cresciuto – ha spiegato Boldrini -. Da marzo 2008 a marzo 2009, limitandoci alla semplice raccolta di eventi riportati dalle agenzie di stampa, abbiamo raccolto 8 pagine di eventi di razzismo, centinaia di eventi che hanno portato a definire quest’anno un anno da dimenticare".

L'iniziativa è promossa dalle Acli, l'Alto Commissariato dell'Onu per i rifugiati, Amnesty, Antigone, Arci, Asgi, Cantieri sociali, Caritas italiana, Centro Astalli, Cgil, Cir, Cisl, Cnca, Comunità di Sant'Egidio, Csvnet, Emmaus Italia, Federazione Chiese evangeliche in Italia, Federazione Rom e Sinti, FioPsd, Gruppo Abele, Libera, Rete G2, Save the Children, Sei - Ugl, Terra del Fuoco e Uil.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/03/2009 @ 10:23:42, in media, visitato 1268 volte)

Ricevo da Paolo Buffoni:

Se un non rom fosse fotografato di faccia e di profilo con un cartello e un numero, cosa accadrebbe? A fare questa domanda è un prete cattolico che vive tra i rom. Schedature di massa in Veneto, persecuzioni a Roma: l’apartheid è una realtà. A questi temi è dedicato il servizio di apertura e la copertina [con il titolo "La questione zingara"] del nuovo numero di Carta in edicola a Milano da ven. 20/03

Nel frattempo, ecco un anticipo pubblicato online

Pierluigi Sullo [19 Marzo 2009]

Nelle scorse due settimane il telefono di Anna Pizzo ha squillato molto più del solito. Lei è consigliera regionale, e il suo cellulare è solitamente irrequieto, ma questa volta ha superato tutti i limiti e io, che vivo con lei, mi stavo innervosendo. A chiamare in continuazione era un certo Sandro. Anna mi ha infine spiegato chi è Sandro: è uno dei capifamiglia di una famiglia allargata di Rom, una cinquantina, metà circa bambini e ragazzi, tutti cittadini italiani. "E che vogliono da te?", ho domandato. Lei mi ha spiegato che si erano aggrappati a quella unica piccola finestra aperta sulle istituzioni per cercare di risolvere il loro problema. "E qual è il problema?". La spiegazione è stata lunga.

Prima c’è un gruppo di Rom che, dal Veneto, si trasferiscono molti anni fa a Roma per lavorare. Fanno i "calderash", lavorano con i metalli, e sono così bravi che ogni anno si trasferiscono al nord, dove molte chiese affidano loro lavori di restauro. Negli anni, finiscono per stabilirsi nell’ex Mattatoio romano, abbandonato e vuoto. Poi accadono due cose. La giunta Veltroni decide di aprire lì la Città dell’Altra economia, iniziativa ottima che però comporta lo spostamento dei Rom un po’ più in là, sulla sponda del Tevere. Veltroni se ne va e arriva Alemanno, e il giorno dopo che il prefetto di allora, Mosca, aveva dichiarato "non ci saranno mai più sgomberi di Rom", la polizia si presenta in forze al lungotevere Testaccio, fa staccare luce e acqua e intima ai Rom di andarsene. Dove?, chiedono loro. Non si sa. Mettono in fila camper e roulottes e si avviano in un largo giro che si conclude nell’estrema periferia sud, dalle parti della università di Tor Vergata. Il rettore protesta, allora vengono ancora spostati: a Tor Sapienza. Un’unica fontanella e niente luce, nonostante loro abbiano già pagato l’allaccio all’Enel. Passano mesi, e i cinquanta di Sandro decidono di andarsene: il posto, già inospitale, si è ulteriormente affollato. Comincia così un’odissea dentro e attorno a Roma: Romanina, Ardeatina, Capannelle, uno spiazzo momentaneamente libero dal mercato settimanale, un parcheggio semi-abbandonato, il terreno che provvisoriamente un parroco affitta loro a prezzo assai modico, ecc. Ogni volta si presenta un carabiniere, un poliziotto, una presunta ronda di individui con pettorine fosforescenti, la guardia privata di un istituto di ricerca, per intimare loro di andarsene. Subito. I cinquanta Rom caricano ogni volta la decina di camper e roulottes e se ne vanno: non cercano rogne, e telefonano all’unica persona delle istituzioni che – evidentemente – è disposta ad ascoltarli. La quale chiama assessori e presidenti di Municipio, e perfino centri sociali, per trovare uno slargo, uno spazio, un posto qualunque dove gli zingari erranti possano fermarsi. Nel frattempo, i bambini non possono più andare a scuola, com’è ovvio, anche se le maestre e molti genitori della scuola che frequentavano, al Testaccio, hanno raccolto firme in loro appoggio. La figlia grande di Sandro ha appena finito la quinta elementare, in pagella ha tutti voti ottimi.

Però nessuno sembra provare interesse per questi connazionali di cultura Rom, con nomi e cognomi italiani e la faccia delle brave persone, per cui si supporrebbe che tutti gli stereotipi sui Rom sporchi e ladri e mendicanti e ladri di bambini debbano fare più fatica a penetrare nelle menti, per non parlare delle amministrazioni. E d’altra parte, non erano quasi tutti cittadini italiani i Sinti che all’inizio di marzo 150 poliziotti – che avevano fatto irruzione all’alba in 15 campi del Veneto – hanno fotografato di faccia e di profilo, con addosso un cartello con le generalità e, in molti casi, un numero? Ma anche l’argomento "sono italiani" è debole: come spiega Tommaso Vitale, sociologo e studioso dell’argomento, nel numero di Carta settimanale in uscita domani [la cui copertina è dedicata alla "questione zingara"], in Italia si sono inventati i "campi nomadi" e si è costruita – con la perdita di memoria sull’Olocausto Rom e con un arsenale di schemi culturali razzisti – la figura dell’"eterno straniero".

Negli ultimi giorni il cellulare di Anna si è placato, Sandro e i suoi hanno trovato un posto: un campeggio di Bracciano, vicino Roma, dove potranno stare per un mese pagando un prezzo molto scontato. Il proprietario del camping non ha di questi pregiudizi, infatti è tedesco.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/03/2009 @ 09:31:59, in Italia, visitato 1082 volte)

Segnalazione di Consuelo Pollini

Da corriere.it - I nomadi al cavalcavia Bacula: l'ennesimo blitz, a giorni, è già deciso. L'appello: alcuni vogliono integrarsi

Il campo rom al cavalcavia Bacula (Fotogramma)

MILANO - Prima che "quelli di Bacula", nella geografia delle migrazioni metropolitane dei rom loro sono conosciuti come "quelli della Bovisasca". Attorno alle 150 unità, questi nomadi, romeni, l'anno scorso vennero sgomberati da un prato di via Bovisasca in una giornata calda e tesa che fece arrabbiare e in certi frangenti vergognare — "Violati i diritti umani" disse la Curia —, dopodiché gran parte degli immigrati finì appunto sotto il cavalcavia Bacula. Là, nel sottosuolo, c'era l'arsenico regalo delle vecchie fabbriche chimiche, mentre sul suolo galoppavano i topi; qui, è pure peggio. Per com'è posto, in campo aperto, sotto il cavalcavia il vento arriva con raffiche che gelano e spengono i fuocherelli. Ci son tanti bimbi. E adulti che spesso non lavorano, campano di elemosina, si lasciano andare.


Nell'insieme, per la Diocesi, "la situazione non è degna di una città civile". Milano, a sentire il Comune, agirà con l'ennesimo blitz. A giorni. È già deciso. Sostiene la Diocesi, nello specifico con un cartello che unisce Caritas, Casa della Carità, Acli e Padri somaschi: "L'esperienza dovrebbe insegnare che se ci limiterà all'azione di forza i rom se ne andranno da questo precario insediamento ma — poco dopo — troveranno un altro posto ancora più nascosto, ancora più indecente, ancora più inumano, dove tentare di sopravvivere". Ora, non si dice che debbano rimanere dove sono. Anzi: "In quelle condizioni non possono più stare". Si dice, piuttosto, che non "bisogna vanificare il lavoro svolto", non "bisogna far cadere queste disponibilità". Il riferimento è alle stesse quattro realtà elencate prima, che sotto il cavalcavia hanno quasi quotidianamente inviato operatori e volontari, e non soltanto coperte e generi di prima necessità.

È un appello, quello della Diocesi. Un invito. Non è un monito, almeno a leggerlo così come è scritto. Ecco un altro passaggio: "Parte delle persone accampate ha mostrato la volontà di integrarsi. Vanno riconosciuti e incoraggiati i comportamenti civili e virtuosi di chi non delinque". Per vedere baracchette e tende, dovete scendere di sotto, dal ponte si vede poco; si vedono, questo sì, i panni stesi sulla massicciata che costeggia i binari delle Nord, e chi di voi è pendolare non può non averci fatto caso. Davanti alle baracchette e alle tende, c'è un campo, non piano. Attorno al prato, cespugli usati come bagni. A inizio mese, c'era stato un corteo della Lega, nel quartiere. Lungo il tragitto, erano comparsi ragazzi dei centri sociali e del Naga, i medici e gli infermieri che nel dopolavoro curano i clandestini. Avevano gridato: "razzisti"; "fascisti". Nulla di che, ma leggere tensioni c'erano comunque state. "Tutte tensioni inutili", aveva comunque detto il vicesindaco Riccardo De Corato, "perché entro marzo i nomadi saranno allontanati. Sono già previsti gli interventi per la impedire la rioccupazione attraverso la realizzazione di una recinzione di tre metri e mezzo".

Andrea Galli
19 marzo 2009

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/03/2009 @ 09:22:45, in musica e parole, visitato 1138 volte)

Ticinonline il portale della Svizzera Italiana

Gli zingari li rubano davvero i bambini? La risposta nello spettacolo "Ma ke razza di treno"

BELLINZONA - In occasione della Giornata Cantonale della memoria e della giornata mondiale contro il razzismo, andrà in scena sabato prossimo, alle 20.30 allo Spazio Aperto di Bellinzona, lo spettacolo "Ma ke razza di treno" con la compagnia Sugo d'inchiostro.



Nelle stazioni e nei treni nessuno é a casa. È tutto un brulicare di viaggiatori, ognuno con il proprio bagaglio di sogni e paure. Una massa informe dove tutti si sfiorano senza riconoscersi. Ma un giorno una musica misteriosa e una notizia di cronaca spingono tre viaggiatori a togliersi la maschera e a mettere a confronto le proprie storie nello scompartimento di un treno.
Qual'è il filo che lega la studentessa che vorrebbe viaggiare, l’uomo impegnato allergico agli stranieri e il clandestino rumeno col violino? E poi: gli zingari li rubano davvero i bambini?

Uno spettacolo che scava fra i pregiudizi e gli stereotipi della vita quotidiana, organizzato dalla Commissione Cantonale per l'integrazione degli stranieri e la lotta contro il razzismo, dalla Commissione Cantonale Nomadi e dall'Associazione Specchiati e Rifletti.

Interpreti: Simone Jaquet-Richardet, Marco Mottai, Francesco Mariotta

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 

LABORATORIO DI SVILUPPO LOCALE PARTECIPATIVO IV Edizione – Marzo-Giugno 2009
Organizzazione e Coordinamento: Prof. Andrea Membretti
Supervisione: Prof. Angelo Bugatti
Informazioni e contatti: andrea.membretti@unipv.it

Comune di Pavia Settore Servizi Sociali

Università di Pavia - Facoltà di Ingegneria
CdL Ingegneria Edile/Architettura
Corso di Sociologia Urbana e del Territorio

Il Laboratorio di Sviluppo Locale Partecipativo
Il Laboratorio - a cui partecipano gli studenti del 4° anno del CdL in Ingegneria Edile/Architettura, unitamente ad alcuni esperti esterni - è una attività correlata al Corso di Sociologia Urbana e del Territorio; le sue attività di studio e di ricerca progettuale si focalizzano sui temi dello sviluppo socio-economico e territoriale di Pavia e provincia, con particolare attenzione al rapporto tra dinamiche partecipative, qualità della vita e dimensioni dell’abitare.

I Sinti abitano Pavia.
La quarta edizione del Laboratorio è dedicata al tema dell’abitare in riferimento alle comunità di Sinti che vivono stabilmente nella città di Pavia, all’interno dei cosiddetti “campi nomadi”. L’obiettivo generale del Laboratorio è quello di contribuire, tramite uno studio partecipativo di natura progettuale che coinvolga direttamente i Sinti pavesi, a fare emergere possibili soluzioni insediative in alternativa al modello dei “campi”: soluzioni che siano in grado di coniugare il rispetto della norme vigenti con le esigenze e la cultura di cui sono portatori i destinatari dell’intervento, favorendo nel contempo una dialettica costruttiva con il resto della città e della popolazione in essa residente.

I seminari pubblici
Il Laboratorio prevede, come inquadramento generale del tema trattato, la realizzazione dei seguenti incontri:

26 marzo, ore 18: Presentazione del Laboratorio presso l’insediamento sinti di P.le Europa (sulla destra del Palazzo Esposizioni), con la partecipazione degli studenti, della comunità sinta e del Comune di Pavia

30 marzo, ore 14: Lezione aperta sull’antiziganismo presso l’insediamento sinti di Via Bramante (Borgo Ticino), con Andrea Membretti (sociologo) e con Erasmo Formica (Associazione Sinti Italiani di Pavia)

6 aprile, ore 18, Sala Conferenze della Prefettura (p.zza Guicciardi): Zingari: storia di un’emergenza annunciata, presentazione - in anteprima pavese, con la partecipazione dell’autrice e del Prefetto di Pavia – dell’omonimo volume (Liguori, 2008) di Anna Rita Calabrò, docente di Sociologia, Università di Pavia

15 aprile, ore 14, aula A2 di Ingegneria: Politiche locali per i rom e per i sinti in Italia, presentazione (in anteprima pavese e con la partecipazione di alcuni degli autori) del volume collettivo (a cura di T. Vitale): Politiche possibili. Abitare la città con i rom e con i sinti (Carocci, 2009)

20 aprile, ore 14, aula 8 di Ingegneria: Tra ghettizzazione, persecuzione ed espulsione: il difficile rapporto tra comunità zigane e territorio. Confronto con il regista e sceneggiatore Francesco Scarpelli, a partire dalla visione di alcuni estratti dai suoi documentari su Rom e Sinti nell’area milanese

22 aprile, ore 14, aula A2 di Ingegneria: Partecipazione collettiva e gestione degli insediamenti sinti e rom: il caso di Buccinasco e il caso di Voghera, con Ernesto Rossi e Augusto Luisi, dell’Associazione ApertaMente di Buccinasco (Milano) e con Laura Giusti, volontaria Opera Nomadi di Voghera

27 aprile, ore 14, aula 8 di Ingegneria: Realizzare insediamenti con i Sinti e con i Rom: esperienze a confronto, con Armando de Salvatore, associazione Architettura delle Convivenze (Milano)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/03/2009 @ 09:12:19, in lavoro, visitato 1040 volte)

Da Bulgarian_Roma

Lunedì, 16 marzo 2009 - Diverse centinaia di dipendenti della compagnia di raccolta rifiuti Novera si sono riuniti per protestare fuori dal municipio di Sofia lo scorso 16 marzo chiedendo il mantenimento del posto di lavoro e il pagamento dei salari.

Secondo diverse cronache, il numero dei dipendenti di Novera varierebbe tra i 300 e i 1000.

I dipendenti, la maggior parte dei quali sono Rom, chiedono la preservazione del loro lavoro alla luce della decisione del sindaco Boiko Borissov di concludere la concessione a Novera alcuni giorni fa, concessione che originariamente doveva terminare solo nel 2014.

La protesta è seguita ad una settimana di recriminazioni tra Borissov e Novera, che ha lasciato il centro della città coperto di rifiuti per circa una settimana.

Novera rimprovera alla città di aver ritardato il pagamento di milioni di leva alla compagnia, mentre il municipio rimprovera a Novera di averlo ricattato per ottenere più fondi, rifiutando di raccogliere la spazzatura.

Ora i dipendenti di Novera hanno chiesto garanzie sul mantenimento del loro lavoro. Secondo il giornale Dnevnik, hanno minacciato di commettere illegalità pur di dare da mangiare ai loro figli, se questo non accadesse.

Alla polizia è stato chiesto di controllare la protesta. Secondo il municipio, non è stata autorizzata e dev'essere sgomberata.


SOMMARIO: Protesta dei lavoratori delle pulizie cittadine - 16 marzo 2009 | 14:27 | FOCUS News Agency

Sofia. I lavoratori di Novera, la compagnia che sino a pochi giorni fa aveva l'appalto municipale per le pulizie delle strade, ha inscenato una protesta pacifica. I Rom hanno iniziato a sfilare da tre punti a Sofia e si sono riuniti davanti al municipio. Non hanno intralciato il traffico. Hanno insistito sul mantenimento dei loro lavori e in un incontro col sindaco Boyko Borisov. Si sono dispersi quando la polizia gliel'ha chiesto.

"Simpatizziamo con le richieste dei lavoratori e li comprendiamo, ma la protesta non è stata organizzata dalla compagnia e dalla sua dirigenza," ha detto Dimitar Dimitrov, portavoce di Novera.

Ha aggiunto che Novera ha oltre 2.000 dipendenti.

"Sinora i lavoratori sono stati pagati. Nessuno è stato dismesso o licenziato. Quando i legali si informeranno sui motivi per cui la municipalità ha rescisso il contratto, prenderemo le misure necessarie. I lavoratori chiedono la sicurezza del lavoro e probabilmente è questa la ragione della loro protesta spontanea," ha aggiunto.

"La municipalità di Sofia non ha dato il permesso per la protesta dei lavoratori di Novera," ha detto il sindaco Boyko Borisov.

"Non capisco le ragioni della protesta visto che hanno rifiutato di lavorare per dieci giorni, senza nessuna ragione. Dopo dieci giorni hanno lasciato Sofia in crisi. Abbiamo pagato Novera con 18 milioni di BGN per due mesi. Da anni i cittadini si chiedono perché vengono pagati così tanti soldi per un lavoro che non viene finito," ha detto.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 19/03/2009 @ 13:34:32, in blog, visitato 1209 volte)

Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti
Il prossimo 18 marzo a Roma verrà presentata alla stampa la campagna nazionale "Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti". Ben 26 organizzazioni promotrici hanno dato vita a uno schieramento inedito, per ampiezza e pluralità. L’Alto commis...

Minoranze fra identità e culture maggioritarie
In preparazione all’ evento “minoranze: diritti e doveri” che si terrà a Parma nei prossimi giorni, pubblichiamo un testo di Gianluca Lottici, organizzatore dell’evento...

Napoli, i Rom tra stato di diritto e stato di eccezione: proposte di trasformazione urbana
Si terrà a Napoli, il 16 marzo, il convegno “I rom tra stato di diritto e stato di eccezione: proposte di trasformazione urbana”, organizzato da OsservAzione e dall’associazione chi rom e…chi no, nell’ambito del progetto “Roma Mig...

Ungheria, allarme aggressioni razziste
Le aggressioni armate contro rom in Ungheria ricordano le azioni del Ku-Klux-Klan negli anni '60 in Usa, secondo l'ERTF. Il presidente, Rudko Kawczynski (in foto), e' intervenuto alla riunione dopo ...

Rom: favorire l'integrazione prima che sia troppo tardi
Pubblichiamo l’intervista a Magda Kósáné Kovács, dopo la votazione del Parlamento europeo sulla Risoluzione del Parlamento europeo dell'11 marzo 2009 sulla situazione sociale dei rom e su un lo...

Bruno Morelli, il nuovo spazio web
Sucardrom invita tutti a visitare il nuovo spazio web di Bruno Morelli, intellettuale e poliedrico artista rom abruzzese, dove potrete visionare molte delle sue opere...

Rom e Sinti nella letteratura/4 - IL SEICENTO
Con il tempo, i Rom-Sinti diventano i protagonisti di canzoni e filastrocche della tradizione popolare di tutta Europa; disprezzati e derisi in alcune zone e più considerati in altre, fino a divenire, nell...

Liberate Karol Racz
Il cittadino rumeno Karol Racz, anche se brutto, sporco e cattivo, è una persona innocente, fino a prova contraria non ha commesso alcun reato e deve essere dunque immediatamente s...

Ddl sicurezza, appello ai parlamentari
L’art. 45, comma 1, lett. f) del disegno di legge “Disposizioni in materia di sicurezza”, approvato dal Senato e attualmente all’esame della Camera (C. 2180), introduce l’obbligo per il cittadino straniero di esibir...

Mitrovica, una città e il suo doppio
Nonostante gli anni, la mercedes beige sorpassa con disinvoltura i trattori e gli altri veicoli che affollano la strada a due corsie che attraversa il Kosovo da nord a sud. La destinazione è Mitrovica...

Milano, interviene anche Amnesty International contro la furia degli sgomberi
Sara, piccola romena paralizzata dalla distrofia muscolare, è ancora nella sua prigione di legno e cellophane sotto il ponte Bacula. Ma la luce dei suoi occhi e il sorriso dei suoi sette anni hanno bucato il buio della c...

Mestre (VE), sospeso il Consiglio comunale
Mentre la Lega Nord impegna il Consiglio regionale per non far realizzare un abitare dignitoso per le famiglie sinte veneziane, il Consiglio Comunale di Mestre è stato sospeso dopo pochi minuti dal suo inizio. L’ordine del giorno: il referendum promosso dalla Lega Nor...

Sbattere in prima pagina il mostro italiano
Il numero in edicola di Gazeta Romaneasca, il settimanale dei romeni in Italia, ha una prima pagina diversa da tutti i numeri precedenti. L’apertura è dedicata al pedofilo italiano che a Napoli ha stuprato un bambin...

Venezia, Genitlini processato per istigazione all'odio razziale
Il vicesindaco di Treviso Giancarlo Gentilini sarà processato per le parole contro immigrati, Rom e Sinti pronunciate lo scorso settembre, durante la Festa dei Popoli a Venezia (guarda il video...

Venezia, il referendum non si farà
Il Consiglio comunale non ha approvato l'ammissibilità del referendum popolare, quindi non ci sono più ostacoli all' allestimento del...

Ddl sicurezza, dal Pdl 101 pugni alla Lega Nord
Stupore. Disappunto. Rabbia. Sono i sentimenti che circolano tra le fila dei deputati e dei senatori della Lega Nord dopo che 101 parlamentari del Popolo della Libertà, guidati da Alessandra Mussolini, hanno incalzato il premier sul disegno di legge sicurezza ("Inaccettabili il reato di clandestinità e l'obbligo di denuncia che s...

Pavia, progettiamo insieme il superamento urbanistico e sociale dei "campi nomadi" pavesi
La quarta edizione del Laboratorio di Sviluppo Locale Partecipativo (marzo-giugno 2009) - attività che si tiene presso l'Università di Pavia, CdL in Ingegneria Edile/Architettura, Corso di Sociologia Urbana e del Territorio - è dedicata al tema dell’a...

Milano, gli immigrati in Lombardia
Il 31 marzo 2009 a Milano si terrà l’8° Convegno Nazionale “Gli immigrati in Lombardia. La Ricerca e la sperimentazione al servizio del territorio. Rapporto 2008”, presso l’Auditorium “G. Gaber", P.zza Duca D’Aosta 3, ore 9.00. Promuovono ORIM Osservatorio Regionale per l’integrazione e la Multietnicità, Fondazione ISMU e Regione Lombardia...

Ministri a braccetto con neofascisti
I ministri Andrea Ronchi e Ignazio La Russa in posa con i neonazisti, come scritto da Paolo Berizzi nel suo libro "Bande nere" e riportato su Repubblica, hanno aperto un altro fronte polemico fra governo ed opposizione. Il Pd ha inviato una lettera a Berlusconi per chi...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Franco Bonalumi (del 19/03/2009 @ 11:29:37, in sport, visitato 2397 volte)

Da Roma_Francais (con questo post, Franco Bonalumi inizia la sua collaborazione con Mahalla)

Greg Lamazères: Ultimo round a Neuengamme

Johann Trollmann, zigano tedesco, un pugile agile, inafferrabile, scaltro e affascinante, stella del ring nella Repubblica di Weimar, diventa la bestia nera del III Reich a causa del suo sangue ritenuto impuro e della sua "razza corrotta"; i suoi pugni, il suo spirito ed i suoi piedi troppo rapidi e la sua sola presenza erano un insulto all’ideale nazista.

Assieme a lui, e mentre lo stesso accade agli ebrei, è un intero popolo che la Germania di Hitler inghiotte sistematicamente, nonché una parte della propria popolazione.

Dai club di Hannover alle grandi birrerie di Berlino, dai ring illuminati ai palchi delle fiere, dai tavoli dei migliori cabaret alla prima linea del fronte, sino all’ultima sfida, divenuta mitica; sino alle nevi del fronte orientale e all’universo opprimente del campo di Neuengamme: gloria, declino e caduta di Johann Trollmann, il campione zigano che i nazisti hanno "divorato". Cause che, per la loro risonanza, hanno lasciato traccia nella nostra memoria.

Un importante romanzo sulla storia inedita del genocidio zigano.

Editions Privat.
ISBN : 978-2-7089-5858- 6
Parution le 15 janvier 2009 dans toutes les librairies
18 € / 224 pages
Contact presse: Isabelle de la Raitrie
isabelle.de.la.raitrie@editions-privat.com 05 61 33 77 05.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 19/03/2009 @ 09:14:16, in media, visitato 1400 volte)

[ http://www.estnord.it ]
Davide Casadio, presidente dell'Associazione Sinti Italiani [ http://sintiitaliani.blogspot.com/ ], visita il campo di viale Cricoli a Vicenza. Pochi giorni prima, il 5 marzo 2009, la polizia è entrata nel campo [e in molti altri del Veneto] schedando tutti i residenti, compresi i minori. Qui alcune testimonianze di quella notte, e una panoramica sulle condizioni di vita nel campo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/09/2019 @ 03:46:07
script eseguito in 202 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2506 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source