Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Franco Bonalumi (del 24/03/2009 @ 10:54:47, in Europa, visitato 1086 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

17 marzo 2009

Il Ministro del Lavoro e del Welfare serbo intende ricollocare 62 famiglie rom che attualmente vivono in un insediamento illegale sotto il ponte di Gazela a Belgrado, nel paese di Vranje nella Serbia meridionale, nonostante le proteste delle autorità locali.

La nota del ministero diretta al sindaco di Vranje, e che Balkan Insight ha avuto l'occasione di leggere, dice che "il ricollocamento di queste famiglie è una priorità" e che "dev'essere eseguito in conformità alle disposizioni in materia di sfratti" stabilite dalla Banca di Investimento Europea e dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, che hanno finanziato un prestito per la ricostruzione del ponte di Gazela.

"Le autorità locali non concordano con quest'ordine del ministero, tuttavia stiamo subendo forti pressioni affinché ci adeguiamo", ha dichiarato a Balkan Insight Branimir Stojancic, ministro delle Politiche per il Welfare a livello locale a Vranje.

"Ci viene chiesto di organizzare il trasporto dei Rom a Vranje da soli, ma al ministero non interessa dove queste persone vivranno o di che cosa" ha aggiunto.

Secondo Stojancic, la decisione rappresenta una discriminazione ad opera di chi vive nella capitale, e la ricollocazione dei Rom metterà in pericolo il loro fondamentale diritto umano di poter scegliere autonomamente dove vivere.

"Il luogo di residenza di questi rom è Vranje, ma essi hanno il diritto di scegliere da sé dove vogliono vivere. Sono arrivati a Belgrado molto tempo fa, sperando di riuscire a farsi una vita migliore", dice Stojancic.

Il ministero ha stabilito che delle 175 famiglie che vivono sotto al ponte, 113 possiedono i requisiti per ricominciare la propria vita in un luogo diverso di Belgrado. La nota che il ministero ha inviato alle autorità di Vranje stabilisce che le restanti famiglie non possono invece restare, poiché ciò "incoraggerebbe ulteriori migrazioni verso Belgrado, esercitando una pressione inaccettabile sul Welfare della città e sulle sue politiche residenziali".

Ma Stojancic sostiene che il ministero non abbia un piano per aiutare le autorità locali che dovrebbero accogliere le famiglie ricollocate.

"Il paese di Vranje ha un budget annuale per il Welfare che ammonta a 800.000 Euro, ricavati da un budget totale di 18 milioni di Euro, ed i Rom rappresentano il 70% degli utenti del Welfare. Semplicemente, non possiamo farci carico di queste 62 famiglie", dice Stojancic.

Mile Bajramovic, presidente dell'Associazione Civile Rom, ha dichiarato che questo è il classico caso di discriminazione verso i Rom.

"La decisione presa dal ministero va contro il suo stesso fondamentale ruolo di regolatore del Welfare e del Lavoro. Di cosa vivrebbero quelle persone, una volta tornate a Vranje?" si chiede.

"Vengono cacciati da Belgrado, nonostante siano gli stessi rom a provvedere alla pulizia della città. Temo che qualcuno possa arrivare a decidere di espellerci dalla stessa Serbia", dice Bajramovic.

I Rom in Serbia sono circa 150.000, ed hanno ricevuto lo status di minoranza nel 2002. Gran parte degli osservatori ritiene che i Rom siano il gruppo etnico economicamente e socialmente più vulnerabile in Serbia.

La popolazione di Vranje, paese a 350 kilometri a sud di Belgrado vicino al confine col Kosovo e la Macedonia, è di 88.000, il 10% dei quali è Rom. La Serbia meridionale è considerata una regione impoverita, con parametri economici inferiori alla media della repubblica.

"Il ministero vuole portarci nuovi casi da Welfare di cui noi non possiamo occuparci. Se insistono nel portare avanti tale politica, perché non ordinano anche a tutti i nostri scienziati, professori, uomini d'affari e agli altri cittadini di Vranje che vivono a Belgrado di tornare in paese?", si chiede Stojancic.

Contattato da Balkan Insight, il Ministero del Lavoro e del Welfare ha dichiarato che il progetto è solo alla sua fase iniziale e che gli incontri coi rappresentanti delle autorità locali in merito all'argomento devono ancora cominciare.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/03/2009 @ 09:44:05, in Europa, visitato 1558 volte)

Ricevo da RomNews Network

http://spring96.org/en/news/27114/

Il 5 gennaio il dipartimento di polizia distrettuale Partyzanski di Minsk ha trattenuto oltre 80 rappresentanti della minoranza zingara nel sobborgo di Stsiapianka, prendendo loro le impronte.

Tutti i trattenuti sono stati fotografati per gli archivi della polizia. I trattenuti accusano la polizia di ostinatezza ed illegalità. Una di loro ha detto che alle 8.30 di mattina ha fatto irruzione nella casa dove vive la sua famiglia. "Non hanno bussato. Correvano e buttavano giù tutto gridando: -A terra, puttane!- Abbiamo dovuto stare sdraiate sul pavimento per circa 40' quasi nude, visto che molte di noi stavano dormendo quando tutto è iniziato."

"Poi hanno iniziato a cercare senza mostrare alcun mandato. Non ci hanno nemmeno detto che erano della polizia. Hanno chiesto ad una anziana dove tenesse l'oro. Poi ci hanno fatto mettere in fila e ci hanno messo sul loro furgone..." ha detto una delle vittime.

"Tutti i vicini ci guardavano... Ci hanno portato alla polizia dove c'erano già circa 70-80 zingari. Ci hanno detto che volevano prenderci le impronte e poi ci avrebbero lasciati. Siamo tornati a casa soltanto alle 16. Ci hanno detto: -Avete sentito dell'azione terroristica?- Ora stanno facendo di noi dei terroristi", ha aggiunto.

Alcuni sono stati trattenuti mentre erano fuori casa. "Mentre stavo portando la macchina fuori dal cortile, tre persone mascherate hanno bloccato la strada. Mi hanno tirato fuori, sbattuto nella neve e hanno iniziato a picchiarmi. Ho un occhio nero e mi hanno fratturato la gamba", ha detto un altro trattenuto.

"Abbiamo detto alla polizia che che avremmo protestato contro di loro. Ci hanno risposto che allora la prossima volta avrebbero trovato della droga al nostro posto e che avrebbero tenuto raid simili ogni mese", ha detto.

Kalinin Nicolas
Delegate in European Roma Travelers Forum

+375296575463

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/03/2009 @ 09:38:19, in musica e parole, visitato 1204 volte)

Da Roma_Francais

"Il Collettivo della Giornata Mondiale dei Rrom" organizza una Settimana della cultura rromanì attorno alla giornata dell'8 aprile, giorno che simbolizza l'emancipazione del popolo rrom. Quattro associazioni rrom hanno iniziato nel 2005 la celebrazione dell'8 aprile in Francia. Non solo, circondate ad ogni edizione da nuovi partner, continuano a fare di ogni 8 aprile un'occasione privilegiata di riconoscimento e di dichiarazione dell'identità rromanì come parte essenziale dell'eredità culturale europea e mondiale.

Per questa quinta edizione, il Collettivo organizza una Settimana della cultura rromanì dal 3 al 10 aprile (www.rromaniday.info), con iniziative a Parigi, Saint-Denis, La Courneuve et Montreuil. [...]

La voix des Rroms , Rromani Baxt, Ternikano Berno, Centre Aver contre le racisme

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/03/2009 @ 09:02:25, in musica e parole, visitato 1802 volte)

Naviglio Piccolo Associazione culturale senza fini di lucro
Viale Monza 140 I Piano - MILANO (M1 Gorla - Turro)

Giovedì 26 Marzo - ore 21.00

Conversazioni sul jazz e il suo futuro
Django Reinhardt e lo stile manouche

Jean Baptiste "Django" Reinhardt (Liberchies, 23 gennaio 1910 – 16 maggio 1953) chitarrista belga, di etnia sinti. Dopo un lungo girovagare in varie nazioni europee e nordafricane, la sua carovana si fermò alla periferia di Parigi, che Reinhardt ebbe come scenario per quasi tutta la sua carriera. Quando aveva solo diciotto anni, Reinhardt, il quale aveva già iniziato una carriera da apprezzato banjoista, subì un grave incidente: un incendio divampato di notte nella sua roulotte gli causò l'atrofizzazione dell'anulare e del mignolo della mano sinistra.

Questo incidente era destinato a cambiare la sua vita e la storia stessa della chitarra jazz. Infatti, a causa della menomazione alla mano sinistra, Reinhardt dovette abbandonare il banjo e cominciò a suonare una chitarra che gli era stata regalata, meno pesante e meno ruvida. Nonostante le dita atrofizzate, o forse proprio grazie a tale limitazione, egli sviluppò una tecnica chitarristica rivoluzionaria e del tutto particolare che ancora oggi lascia di stucco e suscita ammirazione per la perizia virtuosistica, la vitalità e l'originalità espressiva. In breve tempo era già in attività con diverse orchestre che giravano la Francia. A metà degli anni Trenta, Reinhardt e il violinista Stéphane Grappelli formarono un quintetto di soli strumenti a corda che divenne presto famoso, grazie anche all'appoggio dell'Hot Club de France, una delle prime associazioni di promozione del jazz in Europa. Sull'onda di questo successo Reinhardt si rivelò come uno dei musicisti europei più talentuosi nel jazz tradizionale. Subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, venne invitato negli Stati Uniti da Duke Ellington, che lo presentò come ospite in alcuni concerti, l'ultimo dei quali alla Carnegie Hall di New York. Con l'avvento del bebop, Reinhardt diede ulteriore prova di maturità ed originalità artistica incidendo dei brani memorabili con la chitarra elettrica: la poesia Manouche miscelata alle sonorità più moderne fanno di tali assoli una delle pagine più originali del jazz dell'epoca. Reinhardt rallentò sensibilmente la sua attività durante i suoi ultimi anni, forse anche per le cattive condizioni di salute; la sua decisione di non consultare medici, per paura delle iniezioni, gli costò la vita. Reinhardt è ricordato sia come un eccezionale virtuoso del proprio strumento, sia come compositore fertilissimo. Inoltre, numerose leggende nell'ambiente jazzistico ne descrivevano la particolarissima forma mentis, in parte derivata dalle sue origini zingaresche.

Fa da guida alla serata, Peppo Delconte con la collaborazione di Franco Baglietti.
Peppo Delconte, socio di Naviglio Piccolo, giornalista specializzato nel settore musica e spettacolo, autore di alcune pubblicazioni sul jazz e direttore responsabile della rivista culturale Nostos. Inoltre è tra i fondatori del Jumpin' Jazz Club di viale Monza 140.

Quote di partecipazione ad ogni incontro:

  • Normale € 2,00.
  • Soci di Naviglio Piccolo € 1,00.
  • Per chi si associa al momento gratuita
  • Quota associativa a Naviglio Piccolo € 15,00

Informazioni: www.navigliopiccolo.it - email naviglio.piccolo@navigliopiccolo.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/03/2009 @ 09:26:25, in Italia, visitato 1335 volte)

di Domenico Pizzuti

Le "politiche"- in senso anglosassone – in generale ed in particolare quelle di integrazione ed inclusione sociale dipendono dalla definizione delle situazioni da parte degli attori istituzionali e sociali. Non significa la stessa cosa definire una popolazione "minoranze senza territorio", portatori di diritti e doveri riconosciuti da norme internazionali, "nomadi" stereotipo da verificare o "Rom", non riconosciuti in Italia come minoranza linguistica, "etnonimo" che nella lingua "romanes" significa "uomo" e comunque portatori di diritti universali. Il sito del Ministero dell'Interno li usa in maniera interscambiabile, ma non l'ordinanza n. 3678 del presidente del Consiglio dei ministri 30 maggio 2008 che conteneva "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare lo stato di emergenza in relazione agli insediamenti di comunità rom nel territorio" delle regioni Lombardia, Lazio e Campania, che in seguito al censimento effettuato nelle tre regioni per lo meno numericamente non si è rivelato tale. (Il totale "nomadi" censiti dalla Prefettura di Napoli è pari a 2.784).

Insieme ad altre categorie sociologiche che definiscono la condizione di queste comunità rom sul territorio (marginalizzazione, ghettizzazione, segregazione, esclusione, stigmatizzazione), si rivela utile anche ai fini di valutazioni di progetti e proposte di ricollocazione delle comunità rom nello spazio sociale la categoria sociologica di "distanza sociale" ripresa in alcune recenti ricerche sociologiche, che ha un ruolo fondamentale nella produzione e organizzazione dello spazio sociale. La costruzione dei gruppi sociali – e di conseguenza le relazioni che tra questi si instaurano - è il risultato di processi di distanziamento, che aprono o chiudono possibilità di relazione tra i soggetti, e producono o meno un certo livello di distanza tra questi. "Per distanza sociale si intende l' indisponibilità e la chiusura relazionale – di intensità variabili – di un soggetto nei confronti di altri percepiti e riconosciuti come differenti sulla base della loro riconducibilità a categorie sociali. Essa è la risultante dell'intreccio dinamico di fattori dislocati su tre differenti dimensioni dello spazio: fisico, simbolico e geometrico" (V. Cesareo, La distanza sociale. Una ricerca nelle aree urbane italiane, FrancoAngeli, Milano 2007, 11). I fattori fisici sono relativi alla concreta collocazione dei soggetti sul territorio ed ai luoghi dove si svolge la loro vita quotidiana. Nel caso dei Rom e romeni periferie di periferia come per i campi di Scampia e Secondigliano, o adiacenze del cimitero di Poggioreale (S. Maria del Pianto), o fabbriche dismesse come in via Maddalena o sotto i ponti nell'entroterra napoletano. I fattori simbolici sono costituiti dalle categorie che il soggetto, insieme a quelle già cristallizzate all'interno della cultura in cui è inserito, costruisce e utilizza nella conoscenza della realtà sociale e nella identificazione riconoscimento dell'altro, nel nostro caso nomade, rom, extracomunitario, neocomunitario e così via. I fattori geometrici (ad esempio la distinzione tra centro e periferia), sono i punti di contatto tra spazio fisico e spazio simbolico. La diversa collocazione nello spazio urbano dei cosiddetti "campi nomadi", anche a breve distanza quelli di Scampia e Secondigliano, può essere conseguenza di una persistente segregazione sociale che gioca un ruolo non secondario nella stessa organizzazione fisica della città. .

E' chiara la valenza di questa categoria di "distanza sociale" anche per la valutazione di progetti e proposte riguardante la ricollocazione delle comunità rom nello spazio sociale dell' area napoletana, in riferimento al contributo o meno al superamento della distanza sociale tra abitanti indigeni ed allogeni. E nel contempo serve a svelare non solo interessi di istituzioni ed organizzazioni, ma i fattori simbolico-culturali soggiacenti a tali proposte ed alla politiche si vogliono adottare per la "protezione civile" in senso pieno delle comunità Rom sul nostro territorio.

Perciò ben vengano proposte che mirano a diminuire la distanza sociale con idonee progettazioni di riqualificazione urbanistica, come "Linee guida e progettualità integrata per il superamento dei campi rom a Scampia, e la riqualifica dell'area indicata all'art. 132 norme di attuazione Dpgr 323/04 Variante Prg e zone limitrofe", presentato dall'Associazione di promozione sociale "Chi rom e…chi no" Onlus nel convegno di ieri "I rom tra stato di diritto e stato di eccezione. Proposte di trasformazione urbana". Prevede che l'area in questione, come da piano regolatore, sia destinata al vantaggio del quartiere e dell'intera città e dotata di servizi e strutture necessarie per la crescita ed il miglioramento delle condizioni di vita di tutte le persone, in primo luogo di quelle che vivono nel quartiere, realizzando la convivenza di italiani e rom.

La cultura anche politica napoletana, al di là di consuete prassi e politiche emergenziali e per di più senza partecipazione democratica di attori coinvolti o interessati nell'ambito delle stesse politiche sociali, ha bisogno di nuove idee cioè di innovazioni culturali che si traducono in proposte e progetti di fattibilità con la volontà politica di attuarli. Ne acquista la nostra civiltà ed umanità!

del 19-03-2009 num. 053

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/03/2009 @ 09:02:34, in Europa, visitato 967 volte)

Da Czech_Roma

© The Prague Daily Monitor

I residenti di Janov osservano da un balcone, mentre gli estremisti marciano per le strade. (ČTK)

15/3/2009- Domenica circa 60 supporter e rappresentanti del Partito dei Lavoratori (DS) di estrema destra hanno marciato nell'insediamento di Janov, abitato soprattutto da Rom, ma non è stato riportato nessun incidente. L'azione era controllata dalla polizia che ha trattenuto due persone. Uno di loro prima dell'evento stava attaccando illegalmente dei manifesti. Gli estremisti hanno anche presentato il loro sindaco ombra della città. Dice il partito che la sua carica è un'espressione del disaccordo del DS su come il comune di Litvinov ha affrontato la situazione a Janov. Il sindaco ombra è Vladan Renak, 33 anni, insegnante di scuola secondaria, che non è un membro del DS. Afferma di ritenere che niente cambierà nella città senza il DS. La città è malata, ha detto, la cura sarà lunga, ma radicale ed effettiva.

Il sindaco di Litvinov, Milan Stovicek, ha detto che il DS cancella problema dell'insediamento che il municipio sta già risolvendo da tempo. La leadership del partito ha annunciato di avere fondato l'associazione civica Gioventù dei Lavoratori, tra i 15 e i 35 anni di età, come reazione alla presunta grave risposta alle sue azioni. Secondo la loro pagina web, il raggruppamento sposa il nazional socialismo e rigetta il capitalismo e il comunismo. Dopo una delle azione del DS a Litvinov l'anno scorso, i suoi partecipanti avevano marciato verso Janov. L'evento era terminato in duri scontri tra centinaia di radicali di destra ed i poliziotti, lasciandosi dietro diversi feriti da ambo le parti. Circa 6.000 persone vivono a Janov, dove persone socialmente deboli sono state spostate da varie parti del paese. Molti sono disoccupati e indebitati. Il governo voleva che il DS fosse bandito, ma il Tribunale Amministrativo Supremo ha deciso all'inizio del mese che le prove presentate dal governo erano inconcludenti ed ha rigettato la proposta.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/03/2009 @ 09:16:40, in Kumpanija, visitato 1569 volte)

Da Roma_Daily_News

La comunità mondiale da tempo non è più silente sull'apolidia. Negli anni recenti, paesi come il Bangladesh, l'Estonia, la Mauritania, il Nepal, e lo Sri Lanka hanno fatto passi significativi per proteggere i diritti delle persone apolidi. E' migliorata la risposta delle Nazioni Unite. Le agenzie non governative, gli esperti legali, gli interessati ed altri stanno unendo le forze per condividere informazioni più accurate e ridurre l'incidenza di questo fenomeno globale spesso sottovalutato. E' cresciuta l'attenzione dei media. Circa 12 milioni di persone nel mondo sono ancora apolidi, ed il progresso verso la fine del problema è lento e limitato. La campagna per i diritti di nazionalità è lungi dal dirsi conclusa.

La nazionalità è un diritto umano fondamentale ed un fondamento di identità, dignità, giustizia, pace e sicurezza. Ma l'apolidia, o la mancanza di nazionalità effettiva, riguarda milioni di uomini, donne e bambini in tutto il mondo. Essere apolidi significa non avere protezione legale o diritto di partecipare ai processi politici, inadeguato accesso al sistema sanitario e scolastico, scarse prospettive di lavoro e povertà, poche opportunità di possedere proprietà, restrizioni di movimento, esclusione sociale, vulnerabilità ai traffici, minacce e violenze. L'apolidia ha un impatto sproporzionato sulle donne e bambini.

Le persone apolidi si trovano in tutte le regioni del mondo. Tra i gruppi più vulnerabili ci sono i Rohingya a Burma ed in Asia, i Bidun in Medio Oriente, i Rom in Europa, i figli dei migranti haitiani nei Caraibi, individui dell'ex blocco sovietico, Kurdi denazionalizzati, alcuni palestinesi ed alcuni gruppi in Thailandia. La loro situazione di limbo legale dipende da molti fattori come i cambiamenti politici, l'espulsione da un territorio, discriminazione, nazionalità basata sulla sola discendenza e leggi che regolano il matrimonio e la registrazione delle nascite.

Dato che gli stati hanno il diritto sovrano di determinare le procedure e le condizioni per l'acquisizione e la perdita della cittadinanza, l'apolidia e le nazionalità controverse vanno risolte per ultimo dai governi. Ma la decisioni dello stato sulla cittadinanza devono conformarsi ai principi generali della legge internazionale. Numerosi strumenti internazionali, inclusa la Dichiarazione Universale sui Diritti Umani, affermano i diritti di nazionalità. Esistono da tempo due convenzioni ONU sull'apolidia, ma non sono ratificate estesamente. Ad oggi, 63 paesi sono diventati partecipi della Convenzione del 1954 riguardo lo Status delle Persone Apolidi, e 35 paesi hanno aderito alla Convenzione del 1961 sulla Riduzione dell'Apolidia.

La Convenzione del 1954 identifica una persona apolide come qualcuno che non ha un legame legale di nazionalità con alcuno stato. Quanti legittimamente reclamano la cittadinanza, ma che non possono provarla, o a cui i governi rifiutino di dare effetto alla loro nazionalità, sono pure considerati apolidi. Il numero delle persone apolidi nel 2009 uguaglia circa quello di rifugiati in tutto il mondo. Ma a differenza dei rifugiati, gli apolidi - particolarmente quelli che non possono essere classificati come rifugiati - spesso non beneficiano della protezione ed assistenza dei governi, agenzie di aiuto, o dell'ONU, nonostante il mandato di quell'istituzione di assistere le persone apolidi.

Dal 2004, Refugees International (RI) ha visitato oltre una dozzina di paesi per valutare la situazione di chi è apolide o a rischio di esserlo. Nel 2005, RI pubblicò il suo primo studio globale sull'apolidia, Lives on Hold: The Human Cost of Statelessness, per rinnovare l'attenzione sul problema, asserendo che "doveva chiudersi il gap tra diritti e realtà".

Questo rapporto, Nationality Rights for All: A Progress Report and Global Survey on Statelessness, fornisce uno studio globale ed aggiornato sull'apolidia in oltre 80 paesi ed accerta i progressi dal 2005 nel proteggere i diritti umani delle persone apolidi e nel prevenire e ridurre l'apolidia. In cambio sono riflessi importanti sviluppi nella legge internazionale e nei passi intrapresi da governi, organizzazioni internazionali ed OnG. E mentre l'Ufficio ONU dell'Alto Commissario per i Rifugiati (UNHCR) sta pensando più strategicamente di prima per mantenere fede ai suoi obblighi, le agenzie dell'apolidia rimangono severamente sotto organico e mal finanziate rispetto le altre funzioni organizzative. Deve migliorare il coordinamento tra le agenzie ONU che si occupano di apolidia.

Tre casi di progresso - Bangladesh, Etiopia e Kenia - illustrano come possono accadere i miglioramenti, ma anche quali sfide rimangono per completare e rafforzare le soluzioni sull'apolidia. Questi tre casi dimostrano il ruolo critico della volontà politica (o della sua mancanza), dei quadri legali di riferimento internazionali e nazionali, degli sforzi di collegamento tra l'ONU e le altre agenzie, come pure delle iniziative degli apolidi stessi.

  • In Bangladesh, a seguito di un precedente legale, la maggior parte della minoranza di lingua urdu (chiamati anche "Bihari" o "Pakistani in difficoltà") è stata riconosciuta come cittadini in un giudizio dell'Alta Corte del maggio 2008. Dal 1971, almeno 200.000 ma probabilmente 500.000, componenti di questa minoranza hanno vissuto in squallide baraccopoli, con accesso limitato alla sanità, istruzione [...] Per 37 anni, né il Bangladesh né il Pakistan li hanno riconosciuti come cittadini. Come primo passo verso l'integrazione, l'Alta Corte ha ordinato la registrazione al voto degli adulti consenzienti ed emesso le carte nazionali d'identificazione.
  • In Etiopia, almeno 120.000 ma forse 500.000 persone di origine eritrea furono private della cittadinanza durante il conflitto di confine con l'Eritrea del 1998-2000. Circa 75.000 furono deportati in Eritrea, dividendo diverse famiglie. Chi non venne deportato apparentemente sembrava in grado di riacquisire la cittadinanza con la Proclamazione Eritrea della Nazionalità, ma è difficile ottenere numeri certi.
  • In Kenia, circa 100.000 Nubiani hanno avuto meno difficoltà nell'ottenere le carte d'identità, particolarmente da quando fecero causa nel 2003 e nel 2004 contro il governo, attraverso l'Alta Corte del Kenia e la Commissione Africana sui Diritti Umani con base in Gambia.

Redatto alla luce di questi sviluppi, questo rapporto ha lo scopo di espandere la comprensione del problema dell'apolidia, aumentare il riconoscimento del diritto di nazionalità e promuovere soluzioni per la fine del'apolidia. I tre casi mostrano che soluzioni fattive per l'apolidia si estendono oltre l'individuazione delle determinazioni accurate dello status giuridico. Comprendono processi di integrazione a lungo termine e la gestione della diversità. I governi devono assicurare che le istituzioni pubbliche - scuole, ospedali, comuni, tribunali - applichino pienamente la legge. La direzione governativa è importante per instaurare un tono conciliatorio.

Dato che l'apolidia è spesso un problema nascosto, un soggetto sensibile e talvolta ad un punto morto diplomatico, si sbiadisce sullo sfondo. Ma la perdita della nazionalità e la sua negazione protratta spesso portano al diniego massivo dei diritti umani. Le iniziative locali per risolvere l'apolidia devono essere incoraggiate, ma l'impegno dell'UNHCR è essenziale per aumentare la forza e la legalità degli standard internazionali legali sui diritti di nazionalità ed il loro sviluppo nella pratica.

Verso queste mete, Refugees International raccomanda a tutti gli stati di rispettare ed assicurare il diritto di ogni persona ad avere una nazionalità, lavorare per l'acquisizione della nazionalità, e sostenere gli standard internazionali per proteggere le persone apolidi, prevenire e ridurre l'apolidia. Refugees International preme anche sull'UNHCR perché compia passi concreti per tenere pienamente fede al suo mandato. Anche i gruppi non-governativi hanno un importante ruolo da giocare. Sforzi concreti per terminare l'apolidia sono in grave ritardo.

Download Nationality Rights for All: A Progress Report and Global Survey on Statelessness - 1 MB Pdf

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/03/2009 @ 09:10:04, in Europa, visitato 1238 volte)

Da Nordic_Roma

17.3.2009 00:01 - Mari Nurminem

Conversazione reale in savo in una città nel 1989:

Guy: - Così lei è americana? Quel posto ha un sacco di problemi sociali! Un sacco di problemi.

Io: - Sì, vero, ce ne sono.

Guy: - Come il razzismo! In Finlandia non abbiamo razzismo.

Io: - Beh, non avete neanche tante razze. Benché abbiate gli zingari…

Guy: -(questa frase è in finnico): - Niin... mutta onneks ei oo niitä paljoo!

IL RAZZISMO PUO' ritenersi come un nuovo tema qui in Finlandia, dato che negli ultimi 10-15 anni abbiamo avuto molta gente arrivata qui da altri paesi.

Ma non è nuovo, e penso sia un errore parlarne come una cosa nuova che ha a che fare solo con i nostri nuovi immigranti.

Dato che dobbiamo affrontarlo, fino a che la Finlandia non si occuperà del proprio buon vecchio razzismo tradizionale ed esperto, non potrà passare ad occuparsi [di questo] di nuovo tipo.

Quello tradizionale è così familiare che non sono sicuro che la gente persino lo riconosca.

Per alcune ragioni sembra esserci un'opinione che sia una cosa differente, non è razzismo, o per lo meno, non è come il razzismo in altri posti.

Ho avuto gente che mi diceva:

- Ma questo è differente! Noi non diciamo queste cose. In questo caso, sono davvero REALI!

Sembrano non sapere che i razzisti di ogni tipo in tutte le parti del mondo hanno le stesse identiche proteste.

MI RICORDO un altro caso vero e reale di qualche tempo fa.

Quando mi a figlia aveva circa 7 anni, ci accadde di vedere un film una domenica pomeriggio sul primo bambino afro-americano che andò in una scuola per soli bianchi.

Lei mi ha chiesto perché fosse così difficile andare a scuola, perché i bambini avessero bisogno di uomini armati che li scortassero.

Le ho risposto come ho potuto, raccontandole la storia del razzismo negli USA.

Quando le ho detto che nel Sud erano comuni i cartelli "Solo per Bianchi", lei ha risposto:

- Ma non succede in Finlandia?

Le ho detto di no.

E speravo di aver ragione.

Ma la settimana seguente lei ed io eravamo nel centro di Tampere e stavamo andando in una piccola drogheria, quando notammo un cartello sulla porta:

"Qui gli Zingari non saranno serviti."

Era il 1997.

LE COSE SI SONO evolute un poco più tardi. Ci sono stati tentativi un po' alla volta di comprendere meglio la loro cultura.

E ci stiamo abituando ad usare il termine corretto per la gente rom (ho dovuto cercare il termine inglese in internet, il mio"Uusi suomi-englanti suur-sanakirja" del 1984 non conteneva la parola "romani").

La mia speranza è che un giorno mi a figlia racconterà ai suoi bambini la storia di quel cartello, e spero che saranno sorpresi che una cosa simile sia accaduta, perché per loro sarà inimmaginabile.

VOCABOLARIO: Zingaro: mustalainen (e mi scuso per usare questo termine, ma è l'unico usato sinora), Immigrato: maahanmuuttaja, Avere a che fare con: käsitellä, Riconoscere: tunnistaa, Reclamare: väite, Inimmaginabile: jota ei voi kuvitella.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/03/2009 @ 09:45:51, in musica e parole, visitato 1488 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

Lunedì sera? ....Muzikanti!
Al circolo ARCI BELLEZZA (via Giovanni Bellezza 16, Milano) lunedì 23 marzo
serata culturale, culinaria e danzereccia

BORDER - Percorsi attraverso il concetto di confine

Parte la rassegna BORDER, una rete che coinvolge più realtà del panorama artistico culturale milanese. Prima serata al Bellezza proposta da Opera Nomadi

BORDER - PERCORSI ATTRAVERSO IL CONCETTO DI CONFINE
dal 20 marzo al 4 aprile - rassegna autoprodotta
programma completo con tutti gli artisti e le sedi coinvolte sul sito border.fotoup.com


23 marzo al Bellezza
dalle ore: 18.00
*OPERA NOMADI presenta “I ROM E L’AZIONE PUBBLICA”
libro a cura di G. Bezzecchi, M. Pagani, T. Vitale
* Romharmony
documentario di Mariano Leotta. Alla ricerca dell'armonia romanì.
*PROIEZIONE di filmati sulla cultura zingara a cura di OPERA NOMADI
www.operanomadimilano.org
*APERITIVO ETNICO
a cura della cooperativa Romano Drom (percorso zingaro)

ore: 21.30
*I MUZIKANTI
concerto di musiche balcaniche rom - JOVICA BALVAL JOVIC, MARTA PISTOCCHI, ALESSIO RUSSO

BORDER si propone come un progetto in divenire, una rete di persone, associazioni e luoghi, discipline e linguaggi che attraverso una serie di appuntamenti intende esplorare i significati del confine con l’obiettivo di ritrovare al suo epicentro la valorizzazione delle diversità, la socializzazione, la responsabilità sociale, lo scambio interculturale, le pratiche artigiane, altre pratiche del vivere e dell’abitare, la città come territorio di relazioni, e non ultimo, un punto di vista inedito che ribadisca che il confine non è una linea che separa bensì un territorio dove avvengono relazioni, scambi e contaminazioni in termini di arricchimento.
BORDER.FOTOUP.NET

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/03/2009 @ 09:40:01, in Italia, visitato 2445 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

Atto di diffida e messa in mora

delle seguenti associazioni, facenti parte del coordinamento Tavolo Rom:

ARCI, Aven Amentza, CGIL, Comitato per le libertà e i diritti sociali, Federazione rom e sinti insieme, NAGA, Nocetum, Opera Nomadi, Avvocati per niente, Asgi, in persona del loro legale rappresentante pro-tempore,

tutte elettivamente domiciliate presso lo studio degli avv.ti Alberto Guariso e Livio Neri, in Milano, Viale Regina Margherita 30

Premesso che

  1. Nei giorni scorsi diversi organi di stampa hanno riportato la notizia dell’intenzione del Comune di Milano di procedere in tempi brevi allo sgombero forzato del campo nomadi situato nelle aree del cavalcavia Bacula e di via della Pecetta;
  2. Nel suddetto campo nomadi al momento vivono circa 150 persone, per lo più cittadini comunitari di nazionalità rumena e di etnia rom, in condizioni di gravissimo disagio abitativo e sociale;
  3. Fra loro vi sono numerosi minori (alcuni dei quali frequentano la scuola dell’obbligo); donne in gravidanza o in puerperio; individui affetti da varie infermità, riscontrate nel corso delle visite mediche effettuate da medici appartenenti alle suddette associazioni;
  4. L’annunciato sgombero avverrà secondo modalità e in data non conosciute agli interessati, senza alcuna preventiva consultazione e possibilità di contraddittorio, senza che ai nuclei familiari che vivono nel campo sia stata prospettata alcuna alternativa abitativa e senza che si siano adottate misure atte a proteggere il diritto all’abitazione, all’istruzione e alla salute delle persone;
  5. I nuclei familiari in questione sono stati oggetto nell’ultimo anno di altri interventi di sgombero forzato, e in particolare dello sgombero dall’area dismessa della Bovisasca effettuato nel mese di marzo del 2008, con distruzione delle loro abitazioni e dei loro beni personali, con l’allontanamento dei minori dalle scuole frequentate, con nessun supporto sociale e abitativo e nessuna garanzia di accesso alle cure mediche essenziali;
  6. Un ulteriore sgombero dei suddetti nuclei familiari sarebbe illegittimo, in quanto costituirebbe una violazione del diritto di partecipazione al procedimento amministrativo e del diritto al contraddittorio del destinatario dei provvedimenti amministrativi; nonché una violazione del diritto alla privacy, al domicilio e alla vita familiare, protetti, oltre che dagli artt. 14 e 29 Cost., e dagli artt. 7 e 33 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, dall’art. 8 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (CEDU), dall’art. 12 della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo, dall’art. 17 del Patto internazionale sui diritti civili e politici e dalle relative leggi di ratifica; una del diritto a un’abitazione tutelato, oltre che dall’art. 2 Cost., dall’art. 34 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, dall’art.11 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, dall’art. 25 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, dall’art. 5 della Convenzione Internazionale per l'Eliminazione di Tutte le Forme di Discriminazione Razziale, dall’art. 14 della Convenzione per l'eliminazione di tutte le Forme di Discriminazione contro le Donne e dall’art. 27 della Convenzione sui Diritti dell'Infanzia e dalle relative leggi di ratifica; del diritto all’istruzione dei minori, tutelato, oltre che dall’art. 34 Cost., dall’art. 14 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, dall’art. 13 del Patto Internazionale sui diritti economici, sociali e culturali,dagli artt. 28 e 29 della Convenzione sui Diritti dell'Infanzia e dalle relative leggi di ratifica; del diritto alla salute, tutelato dall’art. 32 della Cost., dall’art. 35 Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, dall’art. 12 del Patto Internazionale sui diritti economici, sociali e culturali,dall’art. 24 della Convenzione sui Diritti dell'Infanzia e dalle relative leggi di ratifica;
  7. La violazione delle sopra citate disposizioni di diritto internazionale (come ha chiarito di recente la Corte Costituzionale nelle importanti sentenze n. 348 e 349 del 2007) vanno considerate una violazione anche del limite previsto dall'art. 117, comma 1 Cost., che impone ai poteri pubblici di rispettare gli obblighi internazionali;
  8. Detti parametri di legittimità sono costituiti non soltanto dalle norme di diritto internazionali in sé, ma anche dalle norme come interpretate dagli organismi cui è deputato il compito di garantirne l’applicazione;
  9. Le Prescrizioni delle Nazioni Unite in materia di sgomberi forzati, stabilite nelle Linee guida sugli sgomberi forzati del 20 maggio 1997 del CESCR (Comitato per l’osservanza dei diritti economici, sociali e culturali), e la Raccomandazione 2005 (4) adottata il 23 febbraio 2005 dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa stabiliscono precise e cogenti garanzie procedurali e sostanziali, relative fra l’altro a dettagliati obblighi di: (a) consultazione genuina delle persone e dei gruppi interessati; (b) adeguata e preventiva notifica a tutte le persone interessate della data e delle modalità dello sgombero; c) identificazione dei soggetti istituzionali incaricati di eseguire lo sgombero; d) garanzia del contraddittorio e di accesso alla tutela in giudizio dei propri diritti; f) predisposizione di adeguate alternative abitative per i nuclei familiari affetti; g) garanzia della vita familiare e dei diritti fondamentali delle persone;
  10. Il mancato rispetto di tali norme a danno dei nuclei familiari soggiornanti nell’area affetta dagli annunciati sgomberi, in considerazione della loro appartenenza all’etnia Rom, deve considerarsi anche una violazione del divieto di discriminazioni razziali ed etniche, stabilito da numerose norme di diritto internazionale, comunitario e nazionale, ed in particolare dall'art. 43 D.Lgs. 286/1998 (T.U. immigrazione) e dall’art. 2 D.Lgs. 215/03, di recepimento della direttiva CE 2000/43 sul divieto di discriminazioni basate sulla razza e l’origine etnica;
  11. Sia il T.U. 286/1998 che il D.lgs. 215/03 assegnano alle associazioni che operano a tutela dei diritti degli immigrati e delle persone affette da discriminazioni razziali ed etniche la facoltà di agire a difesa degli interessi delle persone lese e dell’interesse collettivo alla non discriminazione;
  12. Il Prefetto di Milano è stato nominato Commissario per l’emergenza Rom in forza del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21 maggio 2008, con cui è stato dichiarato, fino al 31 maggio 2009, lo stato di emergenza in relazione agli insediamenti di comunità nomadi nel territorio delle regioni Campania, Lazio e Lombardia, e dell’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2008, n. 3677;
  13. Con detti provvedimenti il Prefetto è stato delegato, fra l’altro, alla “realizzazione dei primi interventi idonei a ripristinare i livelli minimi delle prestazioni sociali e sanitarie”;
  14. Per l'avvio dei primi interventi di cui alla suddetta ordinanza, è stato assegnato al Commissario delegato un primo stanziamento di euro 1.000.000;

Tutto ciò premesso, le Associazioni in epigrafe

INTIMANO

Al Prefetto di Milano, …..e al Comune di Milano, in persona del Sindaco Letizia Moratti,

  • di astenersi dal compiere o dal far compiere lo sgombero annunciato a danno degli abitanti del campo nomadi dell’area del cavalcavia Bacula
  • di adottare i provvedimenti indicati dalle Prescrizioni del CESCR del 20 marzo 2007 e dalla Raccomandazione del Consiglio d’Europa del 23 Febbraio 2005, ed in particolare, di individuare idonee alternative abitative ed interventi idonei a ripristinare i livelli minimi delle prestazioni sociali e sanitarie a favore degli abitanti del suddetto campo nomadi, come prescritto dall’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2008, n. 3677

AVVERTONO

Che in mancanza adempimento agiranno in giudizio, anche nella loro qualità di associazioni iscritte nel registro di cui al Dlgs 215/03, ai sensi degli articoli 44 Dlgs 296/98 e art. 2 Dlgs 215/03.

Milano 12 marzo 2008

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/09/2019 @ 21:23:58
script eseguito in 169 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4536 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source