\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Repubblica Ceca
Di Fabrizio (del 23/03/2009 @ 09:02:34, in Europa, visitato 992 volte)

Da Czech_Roma

© The Prague Daily Monitor

I residenti di Janov osservano da un balcone, mentre gli estremisti marciano per le strade. (ČTK)

15/3/2009- Domenica circa 60 supporter e rappresentanti del Partito dei Lavoratori (DS) di estrema destra hanno marciato nell'insediamento di Janov, abitato soprattutto da Rom, ma non è stato riportato nessun incidente. L'azione era controllata dalla polizia che ha trattenuto due persone. Uno di loro prima dell'evento stava attaccando illegalmente dei manifesti. Gli estremisti hanno anche presentato il loro sindaco ombra della città. Dice il partito che la sua carica è un'espressione del disaccordo del DS su come il comune di Litvinov ha affrontato la situazione a Janov. Il sindaco ombra è Vladan Renak, 33 anni, insegnante di scuola secondaria, che non è un membro del DS. Afferma di ritenere che niente cambierà nella città senza il DS. La città è malata, ha detto, la cura sarà lunga, ma radicale ed effettiva.

Il sindaco di Litvinov, Milan Stovicek, ha detto che il DS cancella problema dell'insediamento che il municipio sta già risolvendo da tempo. La leadership del partito ha annunciato di avere fondato l'associazione civica Gioventù dei Lavoratori, tra i 15 e i 35 anni di età, come reazione alla presunta grave risposta alle sue azioni. Secondo la loro pagina web, il raggruppamento sposa il nazional socialismo e rigetta il capitalismo e il comunismo. Dopo una delle azione del DS a Litvinov l'anno scorso, i suoi partecipanti avevano marciato verso Janov. L'evento era terminato in duri scontri tra centinaia di radicali di destra ed i poliziotti, lasciandosi dietro diversi feriti da ambo le parti. Circa 6.000 persone vivono a Janov, dove persone socialmente deboli sono state spostate da varie parti del paese. Molti sono disoccupati e indebitati. Il governo voleva che il DS fosse bandito, ma il Tribunale Amministrativo Supremo ha deciso all'inizio del mese che le prove presentate dal governo erano inconcludenti ed ha rigettato la proposta.