Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 15/05/2009 @ 09:30:35, in lavoro, visitato 1038 volte)

Da Roma_Francais

(riassunto)

13.05.2009 | 09:40 - Il 28% dei salariati dicono di essere stati vittime di discriminazione

Secondo un sondaggio dell'Halde, che consegna questo mercoledì il suo rapporto all'Eliseo, l'età, l'impegno e l'origine sono visti come i tre principali fattori di discriminazione sul lavoro.

Vittime e/o testimoni, i salariati sembrano sempre più sensibili alle discriminazioni nel quadro del loro lavoro. E' ciò che rivela mercoledì il 13 maggio un sondaggio CSA realizzato dalla Alta autorità di lotta contro le discriminazioni e per le pari opportunità e l'OIT (Organizzazione Internazionale del Lavoro), lo stesso giorno in cui il presidente della Halde, Louis Schweitzer, rimetterà alle 17.00 all'Eliseo il suo rapporto annuale al presidente Nicolas Sarkozy. Nel settore privato, il 28% dei salariati dicono di essere stati vittime di discriminazioni, il 22% nel settore pubblico. Un sondaggio simile realizzato nel 2008 aveva donato il 25% nel privato ed il 22% nel pubblico.

Come fattore di discriminazione, l'età (oltre 45 anni) è citata dal 32% dei salariati nel privato e dal 38% nel pubblico. L'impegno politico o sindacale è citato dal 25% nel privato e dal 33% nel pubblico e l'origine etnica dal 35% nel privato e dal 26% nel pubblico.

La gens du voyage la più discriminata

Più di un terzo dei salariati dicono di essere stati testimoni di discriminazione (38% nel privato e 37% nel pubblico). Le persone della comunità della gens du voyage sono le più suscettibili ad essere discriminate a competenza legale, si stima il 50% dei salariati nel privato (44% nella funzione pubblica).

Il secondo criterio è l'handicap (43%) e l'età superiore a 45 anni (36% nel privato, 34% nel pubblico). In compenso la gioventù (meno di 25 anni), l'omosessualità ed il fatto di essere una donna o francese di origine straniera, non sono percepiti né come un vantaggio né come un inconveniente.

Riguardo alla discriminazione, vissuta o osservata, il 33% dei lavoratori dipendenti del privato ne ha parlato alla direzione o al responsabile (44% nel pubblico), il 24% ha allertato i sindacati nel privato (40% nel pubblico) ed il 7% hanno aperto una procedura nel privato (15% nel pubblico).

I mezzi di prevenzione

Il ricorso ai sindacati ed ai rappresentanti del personale è considerato come il livello efficace d'intervento dal 67% dei salariati nel privato e dal 78% di quelli del pubblico.

Per prevenire le discriminazioni sul lavoro, i salariati credono alla pubblicazione dei risultati di azioni a favore dell'uguaglianza nelle imprese, e poi alla possibilità di allertare la direzione in maniera confidenziale ed anonima sui casi di discriminazione.

Seguono poi i CV anonimi ed i marchi di diversità. In compenso i pareri sono mitigati sulla possibilità di un ricorso a quote d'assunzione.

- Sondaggio realizzato dal 18 al 21 marzo 2009 per telefono su un campione rappresentativo di 1.000 persone (500 del privato, 500 del pubblico).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:43:38, in Europa, visitato 1151 volte)

Da Roma_Daily_News

7 maggio 2009, Economist.com Incomprensi e bloccati nel fango

POCHI argomenti destano più controversie dei Rom nell'ex regione comunista. E' facile caricaturare le posizioni più esplicite. Da una parte, attivisti prezzolati che non vedono altro che razzismo di un'arrogante maggioranza bianca. Dall'altro, retti cittadini, soddisfatti di sé stessi che ritengono i Rom (messa gentilmente) autori delle loro sfortune, o (meno gentilmente) un assieme di ladri parassiti buoni a nulla.

La realtà è molto più complicata. Chiaramente il non-intervento, l'approccio punitivo dei Rom - delinquenti non è una risposta. Rinchiudere i Rom (per esempio, come l'America imprigiona il suo sottoproletariato nero) non è solo futile, ma sbagliato. La sofferenza di così tanti milioni di Europei dovrebbe scuotere la coscienza del continente. La schiavitù rom terminò soltanto circa 150 anni fa. Sono stati l'unico gruppo razziale, con gli Ebrei, che Hitler tentò di sterminare. I regimi comunisti resero illegale il loro modo di vita. Le riforme economiche hanno tagliato la loro rete di sicurezza.

Reuters

Inoltre, gli argomenti dei Rom - delinquenti sono fragili. Asseriscono simultaneamente che la discriminazione non è il problema mentre contemporaneamente rilasciano ampie dichiarazioni sulla criminalità rom, la loro avversione all'istruzione, ed inaffidabilità. La disgustosa esperienza dei bambini rom adottati alla nascita da genitori non-rom mostra che il razzismo è almeno una parte del problema.

In verità, le generalizzazioni sulle questioni rom sono inaccurate dal punto di vista dell'inutilità. Chiaramente non tutti i Rom sono poveri (o senza istruzione, o abusano dell'assistenza pubblica, o inclini alla criminalità). Difatti, le caratteristiche comuni sono rare: l'uso della lingua romanì, per esempio, varia ampliamente. Certamente i Rom non sono del tutto innocenti per le critiche stereotipate su di loro. In effetti, pochi attivisti rom vorrebbero dimostrare il contrario.

Ma ragionare sull'accuratezza di queste generalizzazioni è futile, specialmente perché la definizione stessa di "Rom" è contestata. Per fortuna, i paesi civilizzati non usano i test del DNA per stabilire l'etnia e scrivere il risultato sui documenti d'identità. Indipendentemente da ciò, "Rom" è una questione di auto-descrizione. Alcune parti del problema si vedono meglio come questioni etniche. Piuttosto, si può capire di più come il risultato di una povertà profondamente radicata in un sottoproletariato. Come puntualizza Petra Gelbart, un'attivista rom ceca ora in America, molti dei problemi ascritti ai Rom, come le frodi nell'assistenza pubblica, sono presenti anche nelle comunità povere non-Rom.

Quei Rom che conducono vite miserabili nell'Europa orientale (e migrano verso quella occidentale per trovarsi vilipesi anche lì), lo fanno principalmente perché sono poveri, non a causa di una loro (spesso apparente) connessione linguistica e culturale con una datata migrazione dall'India. Cercare di fermare la discriminazione e promuovere la lingua romanì può aiutare quanti già attaccano la mobilità. Ma cercare di terminare una cultura di povertà radicata per generazioni, probabilmente è più importante.

Questo non rende facile le risposte. Soprattutto nelle politiche sociali, un meccanismo statale determinato ma flessibile è il requisito centrale. Una scuola locale dinamica che offre pasti caldi gratuiti e sovvenzioni le divise scolastiche può cambiare le attitudini familiari sul mandare lì i propri figli. Combinato con un sistema di assistenza che renda i benefici dipendenti da bassi tassi d'interesse e tutto ciò diventa ancora più efficace.

Tutto questo richiede fondi e buon governo. Questo sembra nel breve termine. I paesi ex-comunisti hanno fatto fatica nella gestione anche quando i tempi erano buoni. Poiché la diminuzione economica comprime la spesa pubblica, prestare attenzione urgente ad una minoranza disprezzata non sembra una mossa vincente.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:36:12, in Italia, visitato 1312 volte)

Un caro saluto da Ernesto Rossi, presidente associazione "ApertaMente di Buccinasco"

Gentili Signore e Signori, cari Amici,

vi rivolgiamo l'invito, che si avvia ormai a divenire tradizionale, alla 3^ Festa dei Sinti del Quartiere Terradeo, che si terrà sabato 16 maggio in via dei Lavoratori 2, col patrocinio del Comune di Buccinasco, nell'ambito della 14^ edizione di “Giovani ed Associazioni in Festa.

Quest'anno essa è specialmente dedicata a bambini e ragazzi, e pertanto il programma prevede giochi e animazioni, con una merenda al seguito. Alle 17 la celebrazione della Messa, dedicata al Beato gitano Ceferino. Mentre i ragazzi giocano, potremo accogliere gli ospiti, autorità e associazioni, cui presentare il Quartiere, la sua associazione e i suoi programmi.

Come molti sanno ormai, la Festa è un'occasione d'incontro reciproco fra gli abitanti del Terradeo e la cittadinanza, con l'obiettivo di eliminare progressivamente le distanze che si frappongono ad una completa inclusione di questa comunità in quella più grande di Buccinasco.

ore 14,00: festa dei giovani Sinti e i loro amici con giochi vari, visita al quartiere Terradeo
ore 16,15: merenda
ore 17,00: Santa Messa al campo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:07:40, in Kumpanija, visitato 1185 volte)

E' di queste settimane una polemica tra Canada e Repubblica Ceca, a proposito dei Rom che chiedono rifugio in Canada, a causa delle discriminazioni che subiscono in patria. Il fatto a cui si riferisce la notizia qua sotto è questo

I Rom in Canada raccolgono quasi 20.000 corone per aiutare la piccola Natálka
Toronto/Hamilton, 11.5.2009 (ROMEA)

I Rom che vivono in Canada e hanno firmato per l'iniziativa Dosta! (Ne abbiamo Abbastanza!) ed hanno anche tenuto dimostrazioni, come parte di ciò hanno contribuito con 1.140 dollari canadesi per aiutare la famigli di Vítkov. La somma totale raccolta nelle dimostrazioni mondiali raggiunge ora la somma di quasi 67.000 corone ceche.

I Rom in Canada hanno fatto due raccolte, una in una festa ad Hamilton il 2 maggio, dove sono stati raccolti 700 dollari canadesi, ed una alla manifestazione del 3 maggio a Toronto.

"Auguriamo alla famiglia ed alla piccola Natálka un veloce ricovero, e forza ed unità a tutti i Rom nella Repubblica Ceca nel lavorare per i loro obiettivi comuni per le prossime elezioni, che sono molto importanti per noi Rom. Rom, unitevi!!!!"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 13/05/2009 @ 10:31:39, in blog, visitato 1658 volte)

Ddl sicurezza, posta la fiducia per delle norme razziste
Il consiglio dei ministri ha posto la fiducia sul ddl sicurezza. La Lega nord ha chiesto ed ha ottenuto la blindatura di un testo che da più parti viene definito razzista...

Ungheria, il Governo renda pubblica l'inchiesta
Tre organizzazioni per i diritti civili hanno chiesto oggi che il governo ungherese renda pubblici i risultati dell'inchiesta sull'uccisione di un padre e un bambino a febbraio. Lo scrive l'agenzia di stampa Mti...

Milano, le parole del Vice Sindaco sono incivili!
La Polizia Municipale ha denunciato due persone, padre e figlio, rispettivamente di 50 e 20 anni, per omissione di soccorso. Il 4 maggio, alla guida di una Rover in via Gallarate in compagnia del genitore, il ragazzo, che non ha la patente, aveva causato un incidente...

Bruxelles/Budapest/Firenze/New York, l’Italia viola le norme comunitarie
ERRC, OsservAzione e l'Open Society Institute hanno inviato un rapporto alla Commissione europea denunciando le gravi violazioni che il Governo italiano sta perpetrando dal maggio 2008 contro le popolazioni sinte e rom...

Roma, Tonizingaro e la speranza
Sabato 9 Maggio alle 21.00 presso il laboratorio socio-culturale FUSOLAB, via G. Pitacco n 30 (zona Largo Telese), sarà presentato il libro “Speranza” di Antun Balzevic (in foto), in arte Tonizingaro. In occasione della presentazione Tonizingaro sarà protagonista di ...

Roma, nel world press photo ci sono anche i Rom
L'agente Kole avanza in una casa che pare devastata da un terremoto o da una battaglia. E' armato di tutto punto e cammina, pistola in pungo, tra sedie rovesciate e cartacce sparse sulla...

Napoli, confermata la condanna ad Angelica
Angelica compirà 17 anni a novembre, e da più di un anno è rinchiusa nel carcere minorile di Nisida (in foto), a Napoli. E' la prima rom ad essere stata condannata in I...

Razzismo, la Lega nord preme sull'acceleratore
Oramai siamo alla frutta e la strategia della Lega Nord è quella di alzare il prezzo per far votare in Parlamento delle norme razziste. Dopo la scottatura subita con il decreto sicurezza, non ci pensano certo due volte ad innalzare il livello di scontro per far com...

Ue, l’Italia è il Paese più razzista
Il 94% delle persone intervistate in Italia ha affermato di sentirsi discriminato. Seguono Grecia, Ungheria e Francia. Lo studio include più di 23mila interviste a membri di minoranze etniche e immigrati, raccolte in 27 paesi della UE. Un vasto rapporto dell’Agenzia dei Diritti Fondamentali dell’UE...

Ddl sicurezza, ispirazione razziale
Il Presidente della Camera Gianfranco Fini ha manifestato il suo dissenso rispetto al pacchetto sicurezza mettendo l’accento sulle norme che riguardano i medici-spia e i presidi- spia mettendo in guardia il governo anche da probabili profili d’incostituzionalità di queste norme. Sembrerebbe che il governo e tutta la mag...

Dall'intolleranza al razzismo
L'intolleranza consiste nell'atteggiamento abituale di chi avversa le opinioni altrui, specialmente in materia politica e religiosa. È un atteggiamento improntato ad una rigida e risentita chiusura dogmatica nei confronti degli altri, che si manifesta dalle origini dell'uomo, con la sottomissione degli schiavi, le persecuzioni d...

Rep. Ceca, la minaccia neonazista
Marce minacciose in quartieri svuotati dalla paura e aggressioni con bombe molotov contro i rom. Negli ultimi giorni è questa la realtà in alcune città della Repubblica Ceca. Protagonisti delle violenze, che hann...

Verona, il cadavere di una donna trovato lungo l'argine dell'Adige
Non si sa chi sia, da dove venga, né come e perché sia morta. Era completamente nuda, in posizione supìna, nascosta da arbusti in fiore e dalla vegetazione rigogliosa di questo periodo dell'anno, di giorni di caldo quasi estivo dopo piogge abbondanti. Anche il suo vis...

Al mercato della paura
Oramai è impossibile affrontare il tema della "sicurezza" nel dibattito pubblico, ridotto a materia di propaganda politica. Sui giornali e in Parlamento. Se ne parla per catturare il consenso dei cittadini, non per risolvere i problemi. Nel sostenerlo ci pare di scrivere lo stesso articolo. Un'altra volta. Eppu...

Un giorno da dimenticare
Il 7 maggio del 2009 per il Ministro Maroni è stata una giornata “storica”: la si leggeva in faccia la sua soddisfazione. Per la prima volta, da quando è al governo, 227 disperati erano stati “respinti” sulle coste libiche. Altri ne seguiranno e la storia sembra ripetersi: militari con il cuore piccolo piccolo ...

Genova, la bocciofila sfrattata è anche sinta
Quasi non avevano ancora posato le valigie. Tre anni fa i 200 soci dell’Associazione bocciofila Bolzanetese erano stati sfrattati dalla loro sede di via Bruzzo, per fare spazio a un posteggio. L’amministrazione comunale li aveva destinati a una nuova struttura ...

Bolzano, partecipa anche tu al concerto per l'Abruzzo
Ricordiamo a tutti che a Bolzano, domenica 17 maggio 2009, dalle ore 20.30, presso il teatro Cristallo in via Dalmazia n. 30, si terrà il “concerto di beneficenza in favore delle le vittime del terremoto in Abruzzo”. L’evento è organizzato dalle associazioni Nevo Drom e U Giaven. So...

I Rom sono senza voce, anche nel "dizionario"...
La Stampa ha pubblicato un articolo del giornalista Giuseppe Caliceti, dal titolo “Come vede il nostro Paese e i suoi stili di vita una scolaresca emiliana di extracomunitari”. Il giornalista estrae dal suo libro «Italiani per esempio» (edito da Librerie Feltrinelli, 64 pag. 7 euro ...

Ddl sicurezza, appello ai Deputati
Era stata annunciata. E puntuale è scattata la fiducia i tre maxi-emendamenti presentati dal governo per modificare il ddl sicurezza. Domani il voto. E giovedì il via libero definitivo. Ma sull'...

Europee, anche i Rom rumeni voteranno
“Anche i Rom voteranno il 6 e il 7 giugno per l'elezione del Parlamento Europeo, propongo un confronto tra tutte le forze politiche sul tematiche dei Rom da tenersi in un campo attrezzato della Capitale, invitando anche l'ambasciata rumena”...

Termoli (CB), sfrattata una coppia di ‘abusivi‘ ma tante sono le perplessità
Sono stati sfrattati questa mattina, da un’abitazione di via Asia, con tanto di pargoli al seguito. ‘Abusivi’ di certo, anche se qualcosa nella loro storia non quadra. Si tratta di un ragazzo rom italiano...

Elezioni, la Lega cavalca la paura, oggi come un anno fa
Telegiornali, un giorno qualsiasi del Marzo 2008: stupri, romeni, campi rom, paura e necessità di sicurezza. Telegiornali, un giorno qualsiasi del Maggio 2008: immigrati, sbarchi di clandestini, paura e necessità di sicurezza. Nel mezzo? I problemi reali degli Italiani: crisi economica, gent...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/05/2009 @ 09:45:33, in Italia, visitato 1391 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

AMNESTY INTERNATIONAL invita
Nei giorni 21, 22, 28 e 29 maggio dalle 16 alle 20 al corso di Educazione ai Diritti Umani:

DIRITTI ECONOMICI, SOCIALI E CULTURALI:
DIRITTI CALPESTATI, RIVENDICAZIONI E BATTAGLIE DI OGGI

organizzato dal gruppo 001 presso la sala convegni della Città dell’altra Economia in Largo Frisullo a Roma. In quattro incontri il seminario svilupperà il tema dei Diritti Economici, Sociali e Culturali, i cosiddetti diritti di seconda generazione. I forti livelli di disuguaglianza economica e sociale sperimentati oggi nel mondo si traducono in gravi violazioni degli obblighi internazionali in materia di diritti umani. I diritti all’alimentazione, all’alloggio, alla salute, all’istruzione e al lavoro sono anch’essi pilastri imprescindibili della Dignità Umana, insieme ai diritti civili e politici. Oggi in tutti i paesi i movimenti sociali portano avanti rivendicazioni sulla base di tali diritti, negati o violati dalle macro riforme economiche e da scelte politiche orientate al perseguimento di obiettivi economici più che di benessere sociale. Le lezioni-dibattito vedranno la presenza di numerosi attivisti ed esperti, che hanno portato avanti battaglie in prima persona o che le hanno sostenute, e che descriveranno i “desc” nel loro contesto giuridico e attraverso testimonianze concrete. Al fine di comprendere al meglio la complessità, ma allo stesso tempo l’universalità e indivisibilità dei diritti umani, abbiamo selezionato tre aree geografiche diverse tra loro ma caratterizzate tutte dall’urgenza di porre rimedio a situazioni di violazione grave della Dignità Umana: Messico, Nigeria e Italia.

Per iscriversi basta scrivere a
Amnesty International Gruppo 1 - gr001@amnesty.it
Oppure telefonare a 320.2364565 / 349.4444370

Per informazioni:
www.amnestyroma1.it (sito Gruppo 1 di Amnesty)
www.amnestylazio.it (sito Circoscrizione Lazio di Amnesty)
www.amnesty.it (sito Sezione Italiana di Amnesty)

DIRITTI ECONOMICI, SOCIALI E CULTURALI:
DIRITTI CALPESTATI, RIVENDICAZIONI E BATTAGLIE DI OGGI

CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA - SALA CONVEGNI Largo Dino Frisullo (ex Mattatoio Testaccio)
Tutti gli incontri si terranno con orario 16:00-20:00

Giovedì 21 Maggio “LE IMPRESE
Diana Cortese (Amnesty Gruppo 1) Presentazione del corso.
Gerardo Romei (Amnesty International) Multinazionali e diritti.
Benedetto Fassanelli (Comm. Equo e Solidale) Imprese e commercio equo.

Venerdi 22 Maggio “IL MESSICO
Diana Cortese (Amnesty Gruppo 1) Messico: Protestare è un delitto.
Proiezioni del Centro di Diritti Umani della Montagna di Tlachinollan.
Monica Mazzoleni (Amnesty International) Le azioni di Amnesty in Messico.
Alejandro Gonzalez (Attivista Diritti Umani) Diritto all’Informazione in Messico.

Giovedì 28 Maggio “L’ITALIA ED I ROM
Marika Vellei (Amnesty Gruppo 1) Essere Rom in Italia.
Prof. Marco Brazzoduro (Docente “La Sapienza”) Diritto all’abitazione in Italia
Girolamo Grammatico (rivista Shaker) Abitare le case e abitare la mente.
Romà ONLUS (Ass. di Rom e Sinti italiani) Diritto all’abitazione dei ROM.

Venerdi 29 Maggio “LA NIGERIA
* presso la Sala Riunioni della CAE
Diana Cortese (Amnesty Gruppo 1) Nigeria: economia, risorse e diritti.
Javier Gonzalez (Amnesty International) Le azioni di Amnesty in Nigeria.
Prof.ssa Adriana Piga (Docente “La Sapienza”) Nigeria: petrolio e violenza.

Al termine del corso a tutti i partecipanti verrà consegnato un attestato di frequenza da parte di Amnesty International

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/05/2009 @ 09:07:56, in Italia, visitato 1814 volte)

Segnalazione di Lia Didero

(Proposta per una assemblea antirazzista unitaria da tenersi il 13 Maggio)
Un anno fa, il 13 maggio del 2008, la città di Napoli è stata teatro di un orribile pogrom, a colpi di spranghe di ferro e bottiglie molotov, contro le misere baracche di una inerme comunità di rom che da alcuni anni si era insediata nei pressi di via Argine a Ponticelli.
Un episodio infame le cui immagini hanno fatto il giro del mondo e che bruciano ancora nella nostra memoria e coscienza civile, come le fiamme che hanno distrutto quelle povere abitazioni.
Noi non abbiamo dimenticato e non dimenticheremo che il campo su cui si accanì con particolare ferocia la "folla di cittadini" insisteva su un'area interessata dal "contratto di quartiere", un affare per decine di milioni di euro.
Una città degna di fare parte dell'Unione Europea non può e non deve dimenticare, non può essere silente di fronte a ciò che nella nostra storia collettiva questa vergogna ha rappresentato e tuttora rappresenta.

Un anno fa il pogrom dei campi rom di Ponticelli non è stato un evento isolato, ha significato l'inizio di una stagione maledetta contro gli immigrati, a Napoli e nell'hinterland napoletano, che ha visto nel giro di pochi mesi: l'incendio doloso ed il successivo sgombero dell'edificio occupato dagli immigrati e rifugiati africani di via Trencia a Pianura, vicenda che ha visto gli immigrati arrivare ad occupare il Duomo di
Napoli per obbligare il comune ad una soluzione abitativa temporanea che non ha visto ancora la sua conclusione definitiva; le aggressioni a sfondo razzista nei confronti della comunità di immigrati di via dell'Avvenire a Pianura, pilotate da personaggi della destra napoletana e che hanno visto per protagonisti noti pregiudicati; infine il massacro dei sei immigrati a Castelvolturno, colpevoli solo di essere di colore, da parte del braccio del clan dei casalesi facente capo a Setola.

Tutti questi episodi sono apparsi, ed appaiono tuttora, avere come unico filo conduttore interessi trasversali, immobiliari e speculativi, che affondano le radici nel malaffare e nella collusione camorristica, da parte di chi ha usato il paravento del razzismo per nascondere la verità agli occhi di una opinione pubblica accecata dalle campagne mediatiche che sempre più insistentemente nel nostro paese agitano il fantasma della xenofobia e dell'intolleranza razziale.

Noi non abbiamo dimenticato e non dimenticheremo quello che abbiamo visto e sentito con le nostre orecchie a Ponticelli, a Pianura ed a Castelvolturno: immobili confiscati anni fa dal comune che sarebbero rientrati in possesso dei proprietari ma che non posso essere venduti perché "purtroppo occupati dagli immigrati", i lavori per il terzo stralcio della L.219 e per il "contratto di quartiere" di Ponticelli e Pianura sullo sfondo delle "esplosioni" di razzismo, gli interessi per i lavori di ristrutturazione e la crescita del valore degli immobili "una volta che gli immigrati sarebbero andati via"; l'illusione del lavoro, dell'alloggio o della crescita del valore del proprio bene immobiliare instillata ad arte agli italiani protagonisti di questi episodi di aggressioni razziste; il sogno che la città di Castelvolturno diventerebbe come "Malibu" se solo venisse "riequilibrata la presenza dei migranti sul litorale domizio", etc.

A distanza di un anno non è stato celebrato un solo processo nei confronti dei mandanti e dei responsabili dell'incendio dei campi di Ponticelli e degli altri episodi gravissimi accaduti a Pianura e Castelvolturno, mentre invece procede speditamente il solo processo nei confronti della minorenne rom accusata del tentativo di "furto di bambino" (episodio da cui sarebbe scaturita la "rabbia" degli abitanti
contro i campi) che in primo grado ha già visto una condanna a tre anni e otto mesi.

Noi non abbiamo dimenticato e non dimenticheremo l'accanimento giudiziario nei confronti di questa ragazza, che tra l'altro non faceva parte della comunità rom che viveva nei campi assaltati con le bottiglie
molotov, la quale durante il processo ha visto violati alcuni suoi diritti fondamentali come la mancata traduzione degli atti nella sua lingua madre, il rifiuto della concessione del gratuito patrocinio a spese dello Stato, una sostanziale mancata verifica delle incongruenze nell'unica testimonianza che la accusa.

Non dimenticheremo mai l'atteggiamento dei media che, anche durante l'assalto ai campi da parte di personaggi noti perlopiù alle forze dell'ordine, trasmettevano ossessivamente la notizia del tentato rapimento del bambino, episodio che qualora venisse confermato dalla magistratura, costituirebbe un precedente giuridico unico nella intera storia della giurisprudenza italiana, avallando uno dei peggiori stereotipi che da secoli viene ingiustamente cucito addosso alle popolazioni rom.

Per queste ragioni il prossimo 13 maggio non può essere una data come le altre, non può essere occasione di passerelle politiche in nome "dell'antirazzismo", non può essere solo una giornata in cui si proclami
l'immunità dal razzismo delle istituzioni e si celebri il falso sermone della città da secoli non razzista perché "ponte tra le culture del mediterraneo"; il 13 Maggio deve essere una giornata di denuncia, contro la camorra, contro il malaffare, contro i pericoli di una politica eversiva che a Napoli potrebbe far scoppiare l'inferno se la città non si dotasse da subito del coraggio di raccontare e di denunciare, unico modo per evitare che simili vicende possano accadere in futuro.

Chiediamo pertanto a tutt@ gli/le antirazzist@i, alle forze politiche e sindacali, alle comunità immigrate, ai/alle tant@ cittadin@ napoletan@ che hanno a cuore il futuro della nostra città di unirci tutti per promuovere una assemblea pubblica aperta, da celebrarsi possibilmente nel giorno 13 maggio, nella quale chiedere:

- che la Corte d'Appello garantisca un processo equo e giusto alla ragazza condannata per il supposto "furto di bambino;
- che vengano accertate le vere cause che si nascondono dietro l'incendio delle baracche che insistevano su un area destinata ad importanti interventi edilizi nel quartiere di Ponticelli;
- che si accertino le cause e che si celebrino i processi sulle denuncie effettuate per gli episodi accaduti a Pianura tra luglio e settembre 2008;
- che la magistratura faccia il possibile per accertare le vere cause che hanno portato alla morte di sei africani innocenti a Castelvolurno il 19 settembre del 2008;
- che si indaghi sulle presenze di personaggi legati ai clan della camorra nell'assalto ai campi rom di Ponticelli e negli episodi gravi che hanno visto come teatro il quartiere di Pianura tra i mesi di luglio e settembre 2008.

Questo appello vuole essere una proposta aperta a qualsiasi contributo. Crediamo fermamente che sia necessario che il 13 maggio diventi una occasione di confronto tra tutt@ gli/le antirazzist@ e che sia un momento in cui ciascuno abbia diritto di parola.

Ad ognuno di fare qualcosa...

Assopace Napoli - Associazione per la Pace
Da: Assopace Jerusalem jerusalem@assopace.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/05/2009 @ 08:59:35, in Italia, visitato 6483 volte)

Negli ultimi due anni la situazione delle popolazioni Rom/Sinti in Italia è diventata, se mai fosse possibile, ancora più precaria ed incerta.
Dal governo alle amministrazioni comunali sino ai mezzi di comunicazione nazionali e locali, si insiste sull'emergenza rom, individuando nella loro presenza uno dei mali da debellare. In realtà questo clima anti-rom funziona da laboratorio sociale di restringimento delle libertà individuali e collettive, arrivando a proporre vere e proprie soluzioni di apartheid differenziato e di criminalizzazione di questa minoranza.

L'ASSOCIAZIONISMO
Questo clima politico e sociale ha visto la crisi di alcune organizzazioni e l'ascesa di nuovi soggetti. UPRE ROMA intende collaborare col mondo dell'associazionismo, in particolare con chi si occupa di Rom e Sinti, ma per non replicare errori che altri hanno commesso in passato vuole caratterizzarsi come associazione che:
1) Non opera PER i Rom/Sinti, ma CON i Rom/Sinti, rimanendo aperta al contributo di tutta la società civile;
2) Non si fa scudo della situazione emergenziale in cui vivono oggi migliaia di Rom e Sinti, allo scopo di rendere costante la loro situazione di dipendenza, esautorandoli di fatto della loro soggettività e possibilità di migliorare, agendo così da INTERMEDIARI verso i media, le istituzioni, l'opinione pubblica.

OLTRE L'EMERGENZA
Oggi i Rom, molto più di 10 anni fa, si trovano bloccati nell'accesso alla casa, al lavoro, ai servizi di base. Chiusi nei "campi", istituzionali o improvvisati, corrono il rischio di perdere la loro storia e cultura e di diventare sempre più esclusi senza identità.
L'attività di UPRE ROMA, oltre alla doverosa denuncia di questa situazione di ghettizzazione sociale, intende "...promuovere tutti gli ambiti culturali, formativi, informativi e attività sociali, nei quali si può realizzare l’espressione della cultura e delle tradizioni rom e sinte e un impegno civile che favorisca le relazioni interculturali e, in applicazione della Costituzione italiana, l’affermazione dei diritti civili, contro ogni forma di ignoranza, di intolleranza, di violenza, di censura, di ingiustizia, di discriminazione economica, sociale, razziale, di genere per una piena coesione sociale." (dallo statuto associativo)

I PRIMI PASSI
Non si tratta di rinchiudersi in un nuovo ghetto costituito dalla propria identità, ma di recuperare le proprie radici e tutti i propri aspetti positivi come popolo per poter interloquire col mondo attorno, aprendosi anche a forme di comunicazione non sperimentate nel passato, offrendo un dialogo con quella parte profonda e radicata nella cultura rom che muove i sentimenti più antichi e nobili dell'animo umano e nella quale ognuno si può riconoscere: la bellezza.

Per questo i nostri primi progetti prevedono:
1) UN LABORATORIO TEATRALE perché il linguaggio teatrale è universale, come la musica (altro patrimonio culturale dei Rom e dei Sinti), e permette soprattutto ai più giovani di esprimersi, superare le proprie paure, comunicare col prossimo.
2) RICONOSCIMENTO DELLA LINGUA ROMANI' attraverso un'iniziativa di legge popolare, e riconoscimento dei Rom e Sinti come minoranza linguistica italiana (vedi legge 482 del 15 dicembre 1999). Questa modalità prevede la raccolta di firme e quindi l'iniziativa e il coinvolgimento dei rom e dei sinti e un'apertura all'intera società con la quale confrontarsi sui diritti della cittadinanza.
Su queste iniziative e sulle altre future, contiamo di informarvi in seguito.

Potete contattarci a upre.roma@sivola.net

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/05/2009 @ 09:18:50, in Italia, visitato 1424 volte)

"ROM E SINTI: ESCLUSIONE O INSERIMENTO?"
Rho (Milano), 15 e 16* maggio 2009
Area sosta rom via Sesia, 21

Moderatore: Beppe Gandolfo, Canale 5

h. 09,00 Saluto delle autorità Regione Lombardia
Presentazione: Jonko Jovanovic, vice presidente nazionale A.I.Z.O.
Mamma, li zingari! Carla Osella, presidente nazionale A.I.Z.O.
Intervento On. Patrizia Toia, eurodeputata

I mezzi di comunicazione di massa rispetto alla comunità romani:
la formazione dell’opinione pubblica Dario Paladini di Terre di Mezzo, giornalista e redattore di Redazione Sociale
I rom sui media e in rete Dario Picciau, Gruppo EveryOne

Identità, memoria e futuro Anna Rita Calabrò, Università di Pavia
La crisi nelle giovani generazioni Elisa Bertazzo, presidente A.I.Z.O. Veneto
Quale futuro per la terza generazione? Lia Beltrami Giovanazzi, Assessore Solidarietà Internazionale e alla Convivenza, Provincia Autonoma di Trento

I Rom: il popolo che non esiste Marcella Delle Donne, direttivo nazionale A.I.Z.O., docente Università "La Sapienza" Roma
Furto per sopravvivere o delinquenza abituale? Aurelio Barazzetta, magistrato

Interventi dei rom e sinti Manuel Innocenti, Francesco Karis

h. 13,00 Pranzo

II PARTE

h. 14,30 Ripresa lavori

Testimonianza:
Hanno bruciato viva mia madre: storia dell’ex Jugoslavia Branko Sulejmanovic

Sgomberi e Marce verso il nulla Roberto Malini, Gruppo EveryOne

Quali interventi per costruire canali di comunicazione?
Creazione di strumenti di interazione con le società maggioritarie Claudia Biondi, Caritas Ambrosiana

Le radici e le ali (progetto Dipartimento Politiche giovanili) Mara Francese, Università di Torino

Fuori dal ghetto per una cittadinanza condivisa Maria Luisa Chiarini e sinti di Casalmaggiore (CR)

Il progetto mondiale dell’International Romani Union Haliti Bajram, Segretario Generale IRU, Serbia

La mia vita da musicista Jovic Jovica Balval

Iniziative e proposte dell’U.E. Viktoria Mohacsi, eurodeputata in attesa di conferma

Comunicazioni di:
Massimo Mapelli, Casa di Carità,
Valerio Pedroni, Comunita’ Padri Somaschi,
Cooperativa INTRECCI,
Elena Sachsel, NAGA,
Ornella Bergadano membro esecutivo P.D. Lombardia, Delega Integrazione,
Gruppo Verdi, Consiglio Regione Lombardia

DIBATTITO
Proposte conclusive Carla Osella, presidente nazionale A.I.Z.O. e Consiglio

h. 20,30 Serata di musica gitana

E’ gradita la prenotazione c/o segreteria sede nazionale:

A.I.Z.O. rom e sinti
via Foligno, 2 - 10149 Torino
tel.: 011 - 7496016
fax: 011 - 740171
cell.: 348 - 8257600
e-mail: aizoonlus@yahoo.it

*Il 16 maggio è riservato esclusivamente ai volontari ed operatori dell’A.I.Z.O.

L’A.I.Z.O. rom e sinti è nata nel 1971 con delega di 431 famiglie di sinti.
Cardine dell’Associazione è la difesa dei diritti del popolo romani purtroppo sempre più ai margini della società e oggetto di discriminazioni continue. L’Associazione cammina quotidianamente accanto a loro nei propri luoghi di abitazione coinvolgendoli in percorsi di accompagnamento all’inserimento nel tessuto sociale attraverso programmi di promozione all’inclusione sociale, valorizzazione della loro cultura, di inserimento scolastico, di avviamento al lavoro, sviluppa percorsi d’identità volti ad agevolare l’impegno civico che li coinvolga in una cittadinanza attiva e responsabile.
E’ molto attiva nel settore della sensibilizzazione della società maggioritaria attraverso progetti di formazione, educazione interculturale, seminari, mostre fotografiche, offrendo ai vari enti sia istituzionali che del no-profit consulenze con l’obiettivo di migliorare la qualità della loro vita
.

Per arrivare a RHO:
via Treno: da stazione Centrale di Milano prendere Trenino fino a Rho (45’)
da Porta Garibaldi prendere metropolitana fino a stazione di Rho (20’)
via Auto: dall’autostrada di Torino uscire a Rho
dall’autostrada di Milano uscire a Como – Chiasso e poi c’è l’uscita per Rho

Il sito del Convegno è a 15 minuti di strada dalla stazione di Rho

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Da Roma_Italia (i link sotto riportati sono in formato .pdf ed in inglese)



Brussels, Budapest, Firenze, New York, 5 Maggio 2009:
Col pretesto di condurre un censimento per ragioni umanitarie, l’Italia sta costantemente violando i fondamentali diritti di Rom e Sinti tutelati dalla legislazione Europea. È quanto afferma il contenuto di due lettere inviate ieri alla Commissione Europea da parte di alcuni gruppi per la difesa dei diritti umani. In tali lettere, indirizzate ai Commissari Europei Spidla e Barrot, i gruppi European Roma Rights Centre, osservAzione e l’Open Society Institute richiedono che la Commissione avvii le procedure di infrazione in relazione alla mancata applicazione da parte dell’Italia della Direttiva Europea sull’Uguaglianza Razziale e la Direttiva Europea sulla Protezione dei Dati Personali.

Undici mesi dopo l’attuazione da parte del Governo Italiano della propria “Dichiarazione sullo stato d’emergenza riguardante gli insediamenti di comunità nomadi nei territori delle regioni di Campania, Lazio e Lombardia” ed i regolamenti a supporto di essa, il Governo ha concentrato la sua “risposta all’emergenza” nella schedatura coercitiva di Rom e Sinti in numerosi campi, fotografandoli e prendendo loro le impronte digitali, perquisendone le abitazioni senza un ordine del tribunale, in alcuni casi usando le informazioni raccolte per deportare chi non era in grado di dimostrare il proprio diritto a vivere in Italia.

Il Governo Italiano sostiene fermamente che non sia stato creato nessun database e che il censimento sia stato condotto nel rispetto di leggi e regolamenti nazionali ed internazionali riguardanti la protezione della privacy. Le organizzazioni firmatarie delle lettere hanno supportato le proprie richieste con un memorandum congiunto, nel quale si delinea nel dettaglio il processo di attuazione del censimento ed il modo in cui esso abbia violato i regolamenti, previsti dalla legislazione europea, tramite minacce, intimidazioni ed altre forme di coercizione, rilevanti mancanze per quanto concerne un’adeguata fornitura delle informazioni e il consenso informato, e la diffusa pratica di fotografare Rom e Sinti.

Nel commentare le reali ragioni dietro il censimento, le organizzazioni che hanno firmato le lettere sottolineano l’aumento negli interventi da parte delle Forze dell’Ordine e dei controlli sull’immigrazione, nonché la crescente minaccia di sgomberi forzati per molti Rom e Sinti.

Il testo completo del memorandum e delle lettere inviate ai Commissari Spidla e Barrot sono disponibili qui:

· Memorandum congiunto alla Commissione concernente le infrazioni dell’Italia
· Lettera al Commissario Spidla
· Lettera al Commissario Barrot

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:
Sinan Gokcen, ERRC, sinan.gokcen@errc.org , +36.1.413.2200
Luis Montero, OSI, Luis.Montero@osf-eu.org , +44 7798737516
Piero Colacicchi, osservAzione, pierocolacicchi@tele2.it , +393.408.142.94

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/09/2019 @ 21:16:38
script eseguito in 161 ms

 

Immagine
 Come una Lonely Planet... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4436 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source