\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Gruppi per i Diritti Umani premono affinché la Commissione Europea avvii le Procedure di Infrazione contro l’Italia
Di Franco Bonalumi (del 12/05/2009 @ 09:06:18, in Regole, visitato 1355 volte)

Da Roma_Italia (i link sotto riportati sono in formato .pdf ed in inglese)



Brussels, Budapest, Firenze, New York, 5 Maggio 2009:
Col pretesto di condurre un censimento per ragioni umanitarie, l’Italia sta costantemente violando i fondamentali diritti di Rom e Sinti tutelati dalla legislazione Europea. È quanto afferma il contenuto di due lettere inviate ieri alla Commissione Europea da parte di alcuni gruppi per la difesa dei diritti umani. In tali lettere, indirizzate ai Commissari Europei Spidla e Barrot, i gruppi European Roma Rights Centre, osservAzione e l’Open Society Institute richiedono che la Commissione avvii le procedure di infrazione in relazione alla mancata applicazione da parte dell’Italia della Direttiva Europea sull’Uguaglianza Razziale e la Direttiva Europea sulla Protezione dei Dati Personali.

Undici mesi dopo l’attuazione da parte del Governo Italiano della propria “Dichiarazione sullo stato d’emergenza riguardante gli insediamenti di comunità nomadi nei territori delle regioni di Campania, Lazio e Lombardia” ed i regolamenti a supporto di essa, il Governo ha concentrato la sua “risposta all’emergenza” nella schedatura coercitiva di Rom e Sinti in numerosi campi, fotografandoli e prendendo loro le impronte digitali, perquisendone le abitazioni senza un ordine del tribunale, in alcuni casi usando le informazioni raccolte per deportare chi non era in grado di dimostrare il proprio diritto a vivere in Italia.

Il Governo Italiano sostiene fermamente che non sia stato creato nessun database e che il censimento sia stato condotto nel rispetto di leggi e regolamenti nazionali ed internazionali riguardanti la protezione della privacy. Le organizzazioni firmatarie delle lettere hanno supportato le proprie richieste con un memorandum congiunto, nel quale si delinea nel dettaglio il processo di attuazione del censimento ed il modo in cui esso abbia violato i regolamenti, previsti dalla legislazione europea, tramite minacce, intimidazioni ed altre forme di coercizione, rilevanti mancanze per quanto concerne un’adeguata fornitura delle informazioni e il consenso informato, e la diffusa pratica di fotografare Rom e Sinti.

Nel commentare le reali ragioni dietro il censimento, le organizzazioni che hanno firmato le lettere sottolineano l’aumento negli interventi da parte delle Forze dell’Ordine e dei controlli sull’immigrazione, nonché la crescente minaccia di sgomberi forzati per molti Rom e Sinti.

Il testo completo del memorandum e delle lettere inviate ai Commissari Spidla e Barrot sono disponibili qui:

· Memorandum congiunto alla Commissione concernente le infrazioni dell’Italia
· Lettera al Commissario Spidla
· Lettera al Commissario Barrot

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:
Sinan Gokcen, ERRC, sinan.gokcen@errc.org , +36.1.413.2200
Luis Montero, OSI, Luis.Montero@osf-eu.org , +44 7798737516
Piero Colacicchi, osservAzione, pierocolacicchi@tele2.it , +393.408.142.94