Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 14/08/2008 @ 10:28:52, in blog, visitato 1374 volte)

Impronte, visita segreta del ministro Maroni al cardinale Angelo Bagnasco
Era il momento più caldo della questione rom, il periodo del fuoco incrociato sul ministro leghista Roberto Maroni che aveva delegato ai prefetti di Roma, Milano e Napoli la schedatura dei "campi nomadi" e il rilevamento delle impronte digitali anche per i minorenni. In quella fase, estremamente del...

Milano, sgomberi e presenze
Venti persone sono state sgomberate da una baraccopoli, che poi è stata abbattuta, durante la mattinata di venerdì 8 luglio in via Console Marcello, periferia nord di Milano. Lo rende noto il vicesindaco di Milano Riccardo De Corato. L'intervento è stato condotto dagli agenti del Nucleo proble...

Verona, militari e mendicanti
La presenza dei 75 militari nel centro di Verona con funzione di ordine pubblico (appiedati, accompagnati da polizia e carabinieri), è insieme tragica e ridicola. Tragica per lo stravolgimento delle funzioni costituzionali; ridicola perché è evidente che questo provvedimento è d...

Il Presidente spazzino nel "paese da marciapiede"
Bene fa il Governo a prendere provvedimenti su annosi problemi. Ma riuscirà a fugare il sospetto che quando è al potere la destra i ricchi si impinguano e le famiglie si impoveriscono? È un "Paese da marciapiede" quello che sta consumando gli ultimi giorni di un’estate a...

La CRI è controllata dal Governo italiano
Noi di sucardrom già a luglio avevamo accennato che la Croce Rossa Italiana non era l’organizzazione più indicata per il cosiddetto “censimento” dei Sinti e dei Rom che vivono nei "campi nomadi", oggi argomentiamo meglio le nostre perplessità. In Italia fino a pochi anni fa la Croce Rossa era...

Bimbi rom censiti senza impronte
Le impronte ai bambini rom, alla fine, non sono state prese. Il lavoro dei prefetti Gian Valerio Lombardi (Milano), Carlo Mosca (Roma) e Alessandro Pansa (Napoli), nominati commissari ad hoc dal Governo e chiamati a gestire l'emergenz...

Roma, Mosca: dialogo e partecipazione
Il caso Roma per i Rom è uno dei più spinosi. Le cronache raccontano di tensioni a volte dure e difficili da risolvere. Come per il Casilino 900, campo non autorizzato e teatro di proteste contro i rom a causa di una serie di incendi di pneumatici. Carlo Mosca, prefetto della capitale,...

Madrid, manifestazione davanti all'Ambasciata italiana
«Gitanos europeos contra el racismo»: era questo lo striscione che apriva il corteo che si è svolto a Madrid il 7 agosto scorso per concludersi sotto l'ambasciata italiana, in Calle Lagasca. Circa 400 gitani hanno sfidato il caldo che sta attanagliando in questi giorni la capitale spagnola, per manifestare il proprio sdegno verso le notizie che...

Famiglia Cristiana respinge le accuse di 'cattocomunismo'
Famiglia Cristiana respinge le accuse di 'cattocomunismo' piovute sul settimanale paolino all'indomani di un nuovo editoriale che contesta la linea scelta dal governo Berlusconi sulla sicurezza. “E' l'accusa di chi non ha argomenti. Non c'è una linea politica, abbiamo sempre affrontato i problemi del Paese e più che essere i...

Gli eroi del Carroccio sono Rom
Sono facce da “zingari” quelle dei milanesi di 900 anni fa. Giovani e vecchi, magri e muscolosi, che difendevano con le unghie e coi denti, combattendo a colpi di spadone, catapulte, palle infuocate, olio bollente, la città assediata dai barbari del temibile imperatore Federico I di Svevia detto "Il Barbarossa". Chissà che facce avevano davver...

Venezia, avanti tutta con i lavori per il villaggio ma qualche ombra emerge
Entro settembre 2009 i Sinti veneziani dormiranno nel nuovo villaggio. Nella settimana più deserta dell’anno, quando la maggior parte dei cantieri sono chiusi e gli operai si godono il meritato riposo, in via Vallenari si lavora per recuperare il tempo perso e i giorni in cui il cantiere è rimasto fermo per via delle proteste. Ieri pomeriggio...

Speriamo non rinasca il fascismo
Il settimanale Famiglia Cristiana torna all'attacco sulla politica del governo in materia di sicurezza, augurandosi che "non sia vero il sospetto" che in Italia stia rinascendo il fascismo "sotto altre forme". La rivista dei Paolini, che lunedì scorso aveva attaccato l'esecutivo per la "fi...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/08/2008 @ 17:35:21, in lavoro, visitato 1754 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Forse per sviare l'attenzione del disagio che la politica attraverso i suoi informatori ci nega, si può pensare di inserire l’intervento del Prefetto Mosca: sembra che l’unico problema in Italia siano i Rom!

Voglio proprio vedere se questo interesse per la formazione dei bambini rom rimane acceso quando riapriranno le scuole e quali saranno gli interventi che verranno adottati.

di Flavia Amabile - La Stampa

E se mandassimo i giovani rom davanti ai supermercati a fare i lustrascarpe? L'idea è del prefetto di Roma Carlo Mosca e non si può dire che abbia riscosso grandi consensi. «Quello che è importante - spiega - non è etichettare un lavoro o un altro, ma consentire di avere quelle possibilità che hanno tutti ed eventualmente in quei mestieri e in quelle arti che oggi non sono più praticate dai ragazzi italiani. Se il termine sciuscià non ricorda il periodo del dopoguerra? Ci sono anche italiani che fanno ancora questo lavoro basta andare dietro piazza S. Lorenzo in Lucina per trovare un negozio di lustrascarpe. L’importante è garantire il diritto di lavorare e creare una senso di responsabilità nuovo e l’idea deve essere condivisa con le comunità Rom. La mia proposta prevede ovviamente il rispetto delle leggi italiane sul lavoro, è una proposta che riguarda solo chi è sopra i 14 anni».

Il prefetto insomma difende la sua idea. Ma non tutti sono d'accordo con lui. «Il linguaggio e la proposta del prefetto Mosca sono inaccettabili. È una trovata singolare e sbagliata. L’integrazione e l’accoglienza devono passare attraverso l’educazione alla legalità delle popolazioni rom e attraverso forme di lavoro adeguate», sostiene il ministro ombra Pd della Giustizia, Lanfranco Tenaglia. «Penso che ci siano altri tipi di lavoro molto più adeguati non siano quello di sciuscià».

Anche Savino Pezzotta dell'Udc trova che pulire le scarpe non sia la soluzione migliore. «Conosco il prefetto di Roma ed è una persona che stimo molto. Lui esprime la volontà di dare una possibilità, tramite il lavoro, ai rom. Ma non è che gli si debba far fare lo sciuscià, che non riesco nemmeno a capire che mestiere è... Non è che un ragazzo rom non possa inserirsi nel mondo del lavoro e per lui bisogna trovare delle figure lavorative strane. Bisogna capire la loro cultura, lavorare per l’integrazione che deve cominciare dalla scuola. Il rischio invece è quello di favorire un certo tipo di emarginazione».

Niente applausi dall'Osservatorio sui Diritti dei Minori. «Forse il prefetto scherzava... La sua comunque non è stata una buona idea. Una proposta come questa, tanto più nel 2008, non è accettabile - osserva il presidente, Antonio Marziale - Un giovane di etnia diversa dalla nostra - prosegue Marziale - deve avere gli stessi diritti e doveri di un italiano, se si trova nel nostro Paese, a patto che rispetti la cultura e le regole vigenti. Assegnare un destino predeterminato a un giovane rom è inopportuno. Sia data loro la possibilità di progredire come tutti i ragazzi. Precostituire per loro un avvenire da sciuscià è un pò azzardato».

Alla fine a sostenere l'idea non sono molti. Fra i favorevoli, la Comunità di sant'Egidio. «Sarei d’accordo con una proposta del genere - commenta il portavoce della Comunità di S.Egidio, Mario Marazziti - come su altre mille possibilità di dare lavoro reale e protetto ai rom, assieme a un percorso che deve partire dal rilascio dei documenti e della cittadinanza italiana, a Roma per almeno centinaia di bambini, figli di rom nati nella ex Jugoslavia e che adesso non hanno più cittadinanza».

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/08/2008 @ 08:53:56, in blog, visitato 1216 volte)

Per ferragosto (auguri a chi è in ferie e chi no) un breve racconto pubblicato l'11 agosto scorso da RomSinti@Politica, penso che l'autore sia Alain Goussot:

E' estate , siamo in agosto e la spiaggia non è piena come gli altri anni. I ragazzi immigrati ambulanti che passano dicono di fare pochi affari, tempi duri per tutti. E' anche arrivato Marco da Seraing , città belga vicino Liegi. Marco ha 24 anni, è stato diagnosticato "insufficiente mentale grave"; parla spesso da solo, fa dei gran gesti nell'aria, porta la maglietta di bagnino anche se pesa circa 90 kili.

Marco ha anche un fischietto che usa per richiamare i bagnanti sulla spiaggia; solo che l'altro giorno richiamò un funzionario della capitaneria di porto in divisa. Fischiava e diceva , in francese, "venez ici, infraction" ; il signor della capitaneria di porto non capiva e mancò poco che denunciasse Marco per oltraggio a pubblico ufficiale.

Il padrone dello stabilimento si avvicinò e spiegò la situazione ma questo non sembrava fermare Marco che continuava a fischiare e a dire "infraction". Alla fine il signor ufficiale se ne andò con un lieve sorriso sulle labbra e Marco continuò a fischiarlo. Faceva un caldo torrido alle ore 15; personalmente ero sotto lo stabilimento a prendere un po' di fresco e leggevo Jankélévitch e il terzo volume della sua opera intitolata "Il non so che e il quasi nulla"; guardando Marco che continuava a girare osservando all'orizzonte verso il mare con un cannocchiale mi venne in mente il collegamento tra quello che scrive il filosofo francese sull'ineffabile e l'atteggiamento di Marco: per tutti i sistemi di classificazione diagnostica Marco è un disabile intellettivo assai grave mentre per il filosofo è solo un "gaffeur", uno che commette "gaffes" e spiazza tutti.

Per l'esperto di neuropsichiatria si tratta di un disturbo serio del funzionamento cognitivo, per il filosofo è l'espressione di una forma d'ironia non prevedibile . Per il neuropsicologo vi è problema di funzionamento delle sinapsi, per il nostro filosofo si tratta solo di una forma di "ironia divina" che sbaraglia continuamente le false situazioni e il modo artificiale di stare nelle norme relazionali. Per Jankélévitch è piuttosto "l'enigma dello sconosciuto".

Marco è esattamente come il gaffeur dei conti di Tolstoi e di Andersen; è quello che crea sconcerto e per qualcuno anche scandalo; è quello che gira con gli occhiali scuri da sole e usa il fischietto per richiamare i bagnanti parlando un dialetto wallone che nessuno capisce; nella testa di Marco vi sono i fumi delle acciaierie di Liegi e le onde del garbino che lo fanno diventare rosso come un pomodoro. Passa il bambino Rom sulla spiaggia, sudatissimo, suona la fisarmonica, si sentono commenti negativi: questi Rom che sfruttano i bambini!

Il ragazzino aspetta una monetina, molti si girano dall'altra parte. Arriva Marco con il suo fischietto e comincia a parlare in dialetto wallone, parla dell'ultima partita del Seraing contro il Charleroi: "Tu as vu? Il a gagné 5 à 0". Esagerato! Poi m'infastidisce perché io sono del Charleroi e dico : "N'exagérons pas!". Il piccolo Rom rumeno ci guarda divertito e si mette a parlare rumeno; si siede e Marco va a prendere un bicchiere d'acqua! Si fa prestare la fisarmonica e prova a suonare mentre beve il piccolo Doran.

Vi è qui come un paradosso: la gente "normale" tiene alla larga il piccolo suonatore Rom osservandolo anche con fastidio, Marco "l'anormale" fa amicizia con lui e gli fa vedere i tesori che tiene nella sua borsina: la maglietta della squadra di calcio, un pezzo di legno indefinito, un guanto (chi sa a cosa serve!), una micromachine (di quelle di una volta) e una figurina di Obelix, il famoso eroe dei fumetti di Uderzo e Goscinny, rigorosamente belgi. Fa vedere a Doran che ha poggiato la fisarmonica sul tavolo; si capiscono benissimo anche se uno viene definito "ritardato mentale" e l'altro visto in cagnesco perché "zingaro".

Non v'è dubbio Marco , secondo il nostro filosofo e non secondo il medico, è maldestro, crea scompiglio, è enorme come Obelix, ha la forza di un toro ma non lo sa, parla da solo indicando spesso il cielo, lo fa in un dialetto incomprensibile per la gente in spiaggia, spesso disturba il riposo dei bagnanti perché soffia nel fischietto del bagnino che si arrabbia, eppure ha un senso profondo dell'umanità, tiene per la mano il piccolo Doran che sorride di fronte a questo ragazzone di 24 anni che è un misto tra Obelix e l'orso morsicano del Parco nazionale d'Abruzzo.

Doran riprende la sua fisarmonica e si rimette in cammino sotto il solo, Marco lo segue per un po' e poi soffia nel fischietto del bagnino (ormai esaurito) come per dirgli ciao amichetto, arrivederci presto! Doran suona di nuovo e sembra più sereno!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/08/2008 @ 16:00:42, in blog, visitato 981 volte)

Ferragosto di lavoro, ma dovrei essere riuscito finalmente a debellare il virus che affliggeva questo blog. Grazie a tutti quanti mi hanno scritto.

Fatemi sapere se ci sono ancora delle anomalie.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/08/2008 @ 09:27:58, in Europa, visitato 1412 volte)

Da Roma_und_Sinti

The Vancouver Sun Agence-France Presse - sabato 9 agosto 2008

GINEVRA - Un esperto sul razzismo delle Nazioni Unite, ha ammonito venerdì che il razzismo e la xenofobia nella politica austriaca sono una "seria preoccupazione" e lo stato dovrebbe mostrare più determinazione nell'affrontare il problema.

Ion Diaconu, relatore sull'Austria del Comitato ONU per lo Sradicamento della Discriminazione Razziale (CERD), ha detto che le tendenze razziste e xenofobe erano evidenti nelle campagne politiche, nei media e nelle attitudini pubbliche.

"La persistenza di discorsi razzisti contro Musulmani, Ebrei, Africani e persone appartenenti a minoranze etniche nei circoli politici, nei media, su Internet... è stato un aspetto di grave preoccupazione," ha detto al comitato che sta rivedendo il caso austriaco.

L'Austria provocò un uragano nell'Unione Europea all'inizio del decennio quando il leader dell'estrema destra Joerg Haider formò il governo assieme ai Cristiano Democratici.

I leader europei hanno snobbato il governo austriaco fin quando Haider fece parte della coalizione.

Haider, 58 anni, all'inizio del mese ha annunciato il suo ritorno alla politica nazionale, dicendo che guiderà il nuovo partito BZO nelle elezioni politiche del prossimo mese.

L'esperto ONU ha detto che il razzismo non infetta solo la politica ma anche i media e la più ampia sfera sociale - citando articoli razzisti su differenti pubblicazioni come anche che in diverse occasioni ad Africani o Latino Americani è stato proibito di entrare nei bar o in altri spazi pubblici.

Diaconu ha detto anche che l'Austria ha bisogno di sviluppare un più "vasto" processo di istruzione per permettere ai suoi cittadini di fare i conti col passato nazista e rigettare le manifestazioni di nazionalismo estremo.

L'Austria fu parte del "Reich" nazista dal 1938 al 1945, e Adolf Hitler nacque lì.

Dopo la guerra, molti Austriaci hanno provato a farsi passare come vittime dei nazisti, ma la polemica scoppiò negli anni '80 quando emerse che il presidente - ed ex segretario generale ONU - Kurt Waldheim, aveva celato dettagli sul suo ruolo come ufficiale della Wehrmacht durante la guerra.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/08/2008 @ 09:37:30, in Europa, visitato 2731 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

IPS By Vesna Peric Zimonjic

BELGRADO, 12 agosto (IPS) - Alcune settimane fa, la Serbia ha dato l'addio al cantante folk Saban Bajramovic, morto per arresto cardiaco all'età di 72 anni nella città meridionale di Nis. Con un gesto insolito, il Presidente serbo Boris Tadic ha partecipato al funerale, dando l'ultimo tributo al "Re della Musica Zingara"

Ma la presenza del Presidente non è stata l'unica cosa insolita.

"E' triste che (Bajramovic) se ne sia andato," ha detto a IPS Osman Balic, attivista Rom. "Ma è anche un miracolo che sia vissuto così a lungo. Sono sicuro che nella sua città natale di Nis non ci sono Rom di quell'età." Si ritiene che a Nis vivano 25.000 Rom.

I Rom sono un popolo che migrò in Europa dall'India sin dal XIV secolo. Si stima che 12 milioni vivano in Europa, affrontando deprivazioni e discriminazioni.

Secondo gli studi di diversi gruppi Rom per i diritti umani, soltanto un Rom serbo su 60 vive sino al 60° compleanno, e molti non superano l'età di 50.

"La più corta aspettativa di vita è tra i riciclatori di materiali, (un commercio) popolare tra i Rom come mezzo per sopravvivere," ci ha detto Balic. "La loro aspettativa di vita è di circa 45 anni, causa le condizioni estremamente dure che li circondano."

La Serbia ha recentemente assunto la presidenza del "Decennio dell'Inclusione Rom", l'iniziativa internazionale volta a migliorare lo status dei Rom tra il 2005 e il 2015. Nove paesi sono stati coinvolti nel progetto - Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Macedonia, Montenegro, Romania, Serbia e Slovacchia.

Il mese scorso, si è aggiunta l'Albania, mentre la Bosnia-Herzegovina e la Spagna stanno per farlo. La Slovenia ha la posizione di osservatrice.

Gli sforzi sono centrati sul miglioramento delle condizioni socio-economiche di questo gruppo altamente marginalizzato, con punti prioritari all'istruzione, impiego, sanità ed alloggio.

"Non c'è bisogno delle statistiche per vedere la povertà che prevale tra i Rom," ha detto il vice Primo Ministro Bozidar Djelic in una recente conferenza stampa. "Ci sono 593 insediamenti Rom attorno alle grandi città della Serbia, senza nessuna infrastruttura o normali standard di vita."

Djelic ha detto che il nuovo governo che ha assunto la direzione in luglio vorrebbe assegnare 500 milioni di dinari (10 milioni di dollari) invece dei 2,4 milioni programmati in precedenza, per misure per migliorare le condizioni di vita dei Rom.

Ma la Serbia, come molte altre nazioni dell'ex Yugoslavia, non conosce il numero esatto dei Rom nel paese. La Serbia ha una popolazione di 7,5 milioni. Il censimento del 2002 pone il numero dei Rom in 108.000, ma Djelic puntualizza che si ritiene che solo un Rom su tre ammette di appartenere a questo gruppo etnico.

In Bosnia-Herzegovina, il censimento del 1991 contava 6.868 Rom tra la popolazione anteguerra di 4,3 milioni. Ma secondo il Comitato per i Rom interno al Consiglio nazionale dei Ministri (governo federale), il numero è vicino a 70.000.

Il censimento 2001 in Croazia trovò 9.463 Rom su una popolazione di 4,4 milioni. Le organizzazioni Rom dicono che il numero reale è tra 30.000 e 40.000, e la maggior parte non ha una fonte permanente di reddito.

I gruppi locali dei diritti hanno patito un colpo a luglio quando la Corte Europea dei Diritti Umani ha stabilito che la Croazia non discriminava gli studenti Rom mettendoli in classi separate di solo Rom, pratica frequente nei Balcani.

"Questa regola potrebbe avere un impatto su molti paesi in Europa," ha detto Anita Danka del Centro Europeo per i Diritti dei Rom alla belgradese B92 RTV. "La Corte non è stata capace di vedere che l'istruzione segregata può avere una varietà di manifestazioni, inclusa la segregazione nelle scuole principali."

La segregazione esiste anche in Serbia, dove i bambini Rom per decenni sono finiti in scuole speciali.

Le statistiche del Centro Informazione Rom mostrano che il 60%  dei Rom lasciano la scuola all'età di 10anni. Soltanto il 4% dei bambini Rom in Serbia hanno frequentato la pre-scuola o gli asili.

La nascita di solito non viene registrata, dicono gli attivisti. La Serbia il mese scorso ha lanciato una campagna per fornire documenti ai Rom.

"La linea di tendenza è la politica di fornire un'esistenza decente per i Rom dopo molti anni di negligenza," ha detto Luan Koka dell'Organizzazione della Stategia Nazionale per i Rom a IPS. (END/2008)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/08/2008 @ 01:32:04, in blog, visitato 6860 volte)

Da circa tre settimane sono in lotta con un trojan - dialer che si carica(va) ogni volta che si apre la Mahalla.

Ho scoperto (finalmente, spero) che dipendeva da un reindirizzamento del mio contatore visite, che ho subito cancellato.

Di chi è la colpa? Di un sito che fornisce gratuitamente contatori per il vostro sito: Specialstat, gratuiti, ma con la sorpresa di trasmettere virus e reindirizzamenti a siti a pagamento. Ho anche scoperto che la cosa era già stata denunziata più di due anni fa, eppure questa compagnia continua ad infettare impunita i computer. Chi volesse saperne di più, può fare una ricerca su google delle parole "specialstat dialer"

Attenzione, anche i servizi offerti da;

Freestat.ws
Statistiche.ws
Webmobile.ws
Superstat.info
Megastat.net
Hiperstat.com
Mystat.ws
Puntostat.com
Webmeter.ws
Webmobile.ws
Megastat.net
Superstats.info
Ninestats.com

(e sono tanti...) hanno la stessa sorpresa!

Il dialer installato da Specialstat o dai sui fratelli (se non è segnalato dall'antivirus), si trasmette se usate Windows e Internet Explorer, sino alla versione 5 (Firefox ne è esente). Inoltre provoca danni se avete una connessione via Modem (non con l'ADSL). Consiglio comunque questa lettura su come riparare il danno.

Termino, chiedendo comunque scusa a tutti quanti posso aver creato inconvenienti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/08/2008 @ 08:50:04, in scuola, visitato 1526 volte)

Da Czech_Roma

Breclav, Sud Moravia, 11 agosto (CTK) - Il sindaco ha detto a CTK che il municipio di Breclav e la branca locale della governativa Agenzia per l'Integrazione Sociale vogliono selezionare studenti tra i bambini Rom che frequenteranno le scuole secondarie a Brno, nello sforzo di aumentare il numero degli ex studenti tra i Rom.

Attualmente, solo 36 sui giovani Rom del posto hanno istruzione secondaria o hanno completato il ciclo di studi. Ha detto il sindaco Dymo Piskula che l'anno prossimo, gli insegnanti nelle scuole locali selezioneranno gli studenti Rom che frequenteranno le scuole secondarie a Brno.

L'agenzia governativa ha iniziato le sue attività a Breclav questa primavera. Opera in altre 11 città in Boemia e Moravia.

La coesistenza con i Rom è un frequente argomento di discussione tra i residenti e i politici di Breclav.

Il consigliere cittadino Tomas Nepras (Scelta per la Città) è stato criticato l'anno scorso per le sue dichiarazioni poco lusinghiere sui Rom. Durante un incontro in municipio descrisse i Rom come "neri plebei". Più tardi si scusò per le sue dichiarazioni dicendo che era stato frainteso.

Le autorità di Breclav stanno preparando diversi progetti con l'aiuto dell'Unione Europea che vuole soprattutto focalizzarsi sull'istruzione dei giovani.

"Le assenze senza giustificazione pongono un grande problema. Oltre il 50% dei bambini sotto i 15 anni hanno molte ore di assenze ingiustificate," ha detto Piskula.

Janicek ha aggiunto che i genitori sono largamente responsabili della frequenza scolastica dei loro figli e che il municipio e le agenzie impegnate vogliono lavorare anche con i genitori. Si aspettano che li aiutino a sviluppare il progetto di istruzione secondaria per i Rom.

Piskula ha detto che il comune spera che i genitori siano illuminati abbastanza da non proibire ai loro figli di andare a Brno per frequentare le scuole secondarie.

Janicek ha detto che ci saranno degli assistenti per aiutare l'istruzione dei bambini Rom nelle scuole elementari. D'altro canto, il comune non ha ancora deciso come lavorerà questo sistema. Intende consultare i direttori scolastici sul problema, ha detto Janicek.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/08/2008 @ 08:41:24, in Kumpanija, visitato 2091 volte)

Da British_Roma

Ustiben report I "CHAVEYS" (RAGAZZI) DI DALE FARM ELEGGONO I LEADER DELLA GIOVENTU' By Grattan Puxon

La foto è tratta da 24dash.com

Mentre i membri del consiglio di Basildon devono discutere il mese prossimo sul rafforzamento delle azioni contro il Centro San Cristoforo di Dale Farm, questa settimana (12 agosto) i più giovani si sono riuniti nell'edificio per formare la loro organizzazione.

Sotto la guida ispiratrice degli attivisti Angie e Bluey Jones, hanno eletto il gruppo che unirà tutti i giovani della più grande comunità di Viaggianti, che da sette anni è sotto assedio. Hanno intitolato il loro nuovo gruppo Dale Farm Chaveys.

"Sono amico di tutti," ha detto Jimmy Harbour, il primo presidente dei Chaveys. "Ci sarà spazio per tutti nella nostra nuova organizzazione."

Condivide la presidenza Lily Williams, scelta tra i membri fondatori, di un'età tra i nove e i tredici anni. Hanno concordato di affiliarsi alla Gypsy Council Youth Division.

E' stato eletto un comitato di dieci, la più giovane ha nove anni e si chiama Eileen O'Brien. Eileen, che si distingue per essere nata l'8 aprile, giorno internazionale dei Rom, apporterà le sue capacità nell'uso del computer come segretaria dei media.

Motivati dalla partecipazione del pugile Romanì Billy Joe Saunders alle Olimpiadi di Pechino, i ragazzi sperano di includere la formazione pugilistica nelle attività del gruppo.

"La boxe piace a molti di noi," ha commentato il vice-presidente Tommy Connors. "Inviteremo Francy Barrett, un altro pugile olimpico del nostro gruppo, a visitarci a Dale Farm."

Katie Goldsmith, segretaria della Gypsy Council Youth Division, che ha contribuito a tenere la riunione, dice di aspettarsi molto di più quando simili gruppi giovanili saranno formati in GB.

I giovani hanno completata la giornata piantando una quercia per ricordare la fondazione dei Dale Farm Chaveys. Sperano che il loro centro ed il nuovo club siano visti come un positivo successo e di ottenere aiuto per allargare il numero dei membri e le attività

Nel contempo, Basildon ha emanato un ordine per radere al suolo San Cristoforo, lamentando che l'edificio non ha un permesso di edificazione. Tuttavia, la ditta fornitrice dice che essendo una struttura temporanea non necessita di permessi.

"Questo è il terzo centro che costruiamo nella nostra campagna per i diritti civili che dura da cinquant'anni," ha detto Richard Sheridan, presidente del Consiglio Zingaro. "Il primo venne bruciato dalla Dublin Corporation. Ma Dio volendo questo non verrà distrutto deliberatamente."

Sheridan ha detto di dover tuttavia ammettere che Basildon non ha consegnato i suoi piani per distruggere l'insediamento di Dale Farm. Se al comune verrà permesso di farlo, sarà deciso il 5 dicembre in una seduta del Tribunale d'Appello.

La formazione per il gruppo dirigente dei Chaveys verrà fornita dell'operatrice per la gioventù Caroline Flynn. Ha detto in seguito di aver visto raramente giovani così acuti ed ambiziosi.

"Hanno un grande spirito e andranno lontano," ha detto Caroline. "Dobbiamo dar loro questa possibilità."

Published by Jon Land

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/08/2008 @ 08:54:34, in Italia, visitato 1474 volte)

Ricevo da Roberto Malini

La Croce Rossa definisce le condizioni dei Rom in Italia "peggiori che in Uganda"

Roma, 17 agosto 2008. Gli effetti del caldo hanno colpito in modo grave gli insediamenti Rom in Italia, favorendo il diffondersi di infezioni micotiche e batteriche e aggravando malattie respiratorie, cardiache, dell'apparato digerente e neurologiche. L'assistenza sanitaria per i Rom è praticamente inesistente, così come vengono loro negati farmaci essenziali, che solo in alcuni casi vengono prescritti dai medici, ma a pagamento. Per alleviare gli effetti di alcune patologie, sarebbe necessario aumentare il consumo d'acqua, ma nessuna misura è stata presa dalle istituzioni per adeguare gli insediamenti alle esigenze di acqua potabile. Al contrario, le famiglie Rom vengono sgomberate a un ritmo quotidiano dai microinsediamenti, rendendo sempre più grave, fra l'altro, il problema della carenza idrica. E senza acqua, oltre che senza cibo e farmaci, i bambini, gi anziani, i più deboli si ammalano in modo grave e muoiono. Massimo Barra, presidente della Croce Rossa Italiana (organizzazione che solo di rado diffonde notizie sanitarie che possano incrinare l'immagine delle Istituzioni razziste) ha dichiarato all'AGI che le condizioni dei Rom nella Capitale sono peggiori di quelle dei villaggi poveri dell'Uganda: "Recentemente sono andato a visitare un gruppo di donne sieropositive che vivono alla periferia di Kampala, in Uganda, le ho trovate in una condizione migliore. L'Italia, però, prosegue una persecuzione che non tiene conto in alcun modo dei diritti umani dei "nomadi". Anziché adottare - di fronte all'aumento esponenziale della mortalità, dell'insorgere e dell'aggravarsi delle patologie da precarietà - misure sociali e sanitarie, continua a dedicare ingenti risorse all'attuazione di sgomberi senza alternative abitative, di misure poliziesche e militari, nonché di un'inutile schedatura, effettuata con approssimazione nei confronti di comunità che vengono cacciate da un luogo all'altro. La presenza della Croce Rossa dà l'illusione di un programma di assistenza ai Rom che in realtà non esiste ed è ormai intollerabile che l'Unione europea e le Nazioni unite, nonostante le parole e i proclami spesi, restino a guardare - come settant'anni fa - la distruzione di un popolo e di un modello di civiltà, rispettosa dei diritti umani, che l'Europa vorrebbe incarnare.

*E' un'iniziativa del Gruppo EveryOne rivolta agli attivisti, agli "amici dei Rom" e soprattutto ai giovani giornalisti che rifiutano l'asservimento dell'informazione e della cultura al potere e sono disposti a rischiare (anche la carriera, ma non la coscienza) per mettersi al servizio della verità. Da parte nostra, offriremo loro la possibilità di incontrare testimoni, visionare documenti e visitare i luoghi della persecuzione, per riferire ai cittadini ciò che davvero accade al popolo Rom nel nostro Paese. Tel: (+ 39) 331-3585406 - (+ 39) 334-8429527 - www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


03/04/2020 @ 03:38:44
script eseguito in 140 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4458 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source