Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 20/03/2010 @ 09:35:51, in casa, visitato 1367 volte)

Segnalazione di Sante Spinelli

 il link per chi legge da Facebook

Il 24 marzo (2008 ndr) il vicesindaco Decorato dichiara ai giornali che il comune di Milano spende ogni anno 6milioni di euro solo per i campi nomadi regolari; visto che sono 12 i campi in Milano siamo andati a vedere come sono stati spesi nel campo di Via Bonfadini i circa 500.000 euro che dovrebbe costare mantenere questo campo.

Degli altri campi milanesi, ne avevamo parlato in passato:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/03/2010 @ 09:14:18, in Europa, visitato 1495 volte)

ToscanaOggi 17/03/2010 - 16:39

Nazzareno Guarnieri, primogenito di una numerosa famiglia rom, ha iniziato la sua formazione frequentando con successo il prestigioso Istituto Magistrale «B. Spaventa» di Città S. Angelo (PE), conseguendo nel 1971 il diploma della qualificazione magistrale.

La sua formazione continua con il corso biennale di operatore psicopedagogico presso Università di L’Aquila, e successivamente il corso di mediatore culturale e la Laurea in psicologia sociale. Il costante impegno volontario e professionale per la popolazione romanì, la promozione e la realizzazione di importanti esperienze di interazione culturale e la partecipazione a numerose iniziative italiane ed europee arricchiscono il percorso formativo di Guarnieri, tale da essere oggi un professionista, un leader ed un attivista rom riconosciuto a tutti i livelli.

Nell’anno 2000 e e nell’anno 2002 Nazzareno Guarnieri è il vincitore del Premio Raffaele Laporta, per la sezione progetti educativi. Nell’anno 2003 Nazzareno Guarnieri è il promotore del «progetto federazione», un’iniziativa per sollecitare ed incoraggiare la partecipazione attiva di Roma e di Sinti. Nell’anno 2009 che è stato eletto presidente della Federazione romanì.

Nazzareno Guarnieri, come mai sembra impossibile stabilire con la minoranza Rom un sistema di regole condivise e di convivenza pacifica?

«La convivenza con la popolazione romanì oggi è difficile per il radicato pregiudizio, duro a morire, e per le scelte politiche sbagliate. Una sequenza di deficit mediatico, culturale, politico, istituzionale di partecipazione attiva e di conoscenza. Deficit che hanno categorizzato i pregiudizi contro la popolazione rom e sinta e banalizzato la cultura romanì. Deficit che hanno ostacolato i processi di scambio culturale, di acculturazione e inculturazione ed hanno impedito una “canalizzazione politico/istituzionale” alla cultura romanì. Deficit che hanno portato a generalizzare a tutta la popolazione rom e sinta la responsabilità del singolo. Una sequenza di deficit che richiedono una risposta urgente e chiara, capace di abbandonare i diritti differenziati e l’assistenzialismo culturale, oggi riservati a rom e sinti, e costruire le relazioni umane e di scambio culturale con la popolazione romanì».

La Risoluzione del Parlamento europeo dell’11 marzo 2009 al punto 8. riporta: «La grande maggioranza dei laureati rom non fa ritorno alla propria comunità dopo il completamento degli studi universitari e che alcuni di essi negano le proprie origini o non sono più accolti nella loro comunità quando cercano di farvi ritorno». A Cosa è dovuto questo disconoscimento, forse a discriminazione?

«Questa è una amara verità innegabile non solo per i rom laureati o con al titolo di studio, ma anche per tanti altri rom che sono riusciti a farcela ad uscire dalla segregazione e dall’assistenzialismo ed essere protagonisti positivi e professionisti preparati. La tendenza di addebitare questa scelta di assimilazione al radicato pregiudizio ed alla discriminazione, così come attribuire la responsabilità solo alla politica mi pare riduttivo. Credo che tutto nasca da una perfida combinazione di interventi e di politiche da un lato limitati agli aspetti sociali, assistenziali e di emergenza, mai culturali. Questo sta conducendo alla perdita di una identità culturale collettiva, dall’altro la mancanza di processi di partecipazione reali. Quale possibilità ha un rom che è riuscito a farcela di rivendicare la propria identità culturale romanì e collaborare per la crescita sociale e culturale della propria popolazione? Senza contare gli stereotipi creati ad arte che descrivono lo zingaro solo come la persona che vive nel campo nomadi, che ruba e non lavora, ecc. Quindi non solo l’indifferenza e l’assenza di una politica per la cultura romanì, ma una precisa volontà di gran parte della società civile, che si è occupata e che si occupa dei rom, di gestire o tutelare, evitando ogni forma di crescita dell’autonomia e della normalità per i rom. Qualsiasi cultura si evolve con il contatto e con lo scambio culturale».

Mi faccia capire il vostro punto di forza, da qui l’appello che rivolgete anche agli stessi Rom è Partecipazione, vuole spiegarmi meglio, cosa vuol dire?

«Dalle esperienze del passato e del progetto federazione, avviata molto lentamente fin dal dicembre 2003, sono arrivate alcune interpretazioni della partecipazione attiva dei rom. Non Basta essere Rom ma è necessario che la partecipazione Rom sia Qualificata. Mi spiego meglio non si tratta di avere o meno un titolo di studio ma di possedere o acquisire le conoscenze e le competenze necessarie per una partecipazione qualificata, solo così si può costruire un processo di formazione alla partecipazione (capacity building) e di empowerment e di superare la convinzione che la questione rom sia solo una questione sociale (sicurezza e legalità) e di folclore, effetto delle improvvisazioni che hanno manipolato la realtà culturale romanì».

Infine vorrei capire, vista anche la sua formazione professionale, cosa propone per contribuire a una maggiore scolarizzazione dei bambini e bambine Rom?

«Il fallimento delle politiche del passato per la popolazione romanì dimostra, anche in questo caso, che senza la partecipazione attiva, propositiva e professionale di Rom e Sinti ogni iniziativa è destinata al fallimento, bisogna passare dalla mediazione culturale alla partecipazione.

Le iniziative di scolarizzazione dei bambini rom e sinti devono porsi l’obiettivo del successo scolastico e non impegnarsi solo per la frequenza. Sono troppi gli alunni rom e sinti che completano la scuola elementare senza aver acquisito la strumentalità minima di base: saper leggere, scrivere e far di conto e nel contempo ritenere che le abilità del bambino rom costituiscano un handicap. La presenza di bambini Rom nella scuola Italiana è condizionata da stereotipi e pregiudizi che conducono al fallimento del progetto educativo, e troppo spesso, è gestita con distanza dalle dinamiche della diversità culturale e della strategia interculturale. Quindi in breve: formazione per gli insegnanti, produzione di materiale didattico specifico, realizzazione di un osservatorio nazionale e regionale, sostenere le sperimentazioni mirate partendo dalla cultura di origine».

Nei vostri interventi spesso vi pronunciate contro i campi nomadi come ostacolo alla integrazione, ironia della sorte spesso se ne giustifica la nascita per preservare la cultura romanì?

«In Abruzzo non vi sono campi rom, i rom che arrivano vengono inseriti in civili abitazioni con l’ausilio del volontariato sociale. Il campo nomadi è la nostra tomba non rappresenta la cultura romanì. Spesso proponiamo l’autogestione dei campi nomadi e usare le ingenti risorse per la gestione dei campi nella costruzione di politiche abitative serie».

Quale sono i prossimi impegni della Federazione?

«In Spagna a Cordoba il prossimo 8 e 9 Aprile 2010 si svolgerà il secondo vertice europeo sui rom ed il fatto che si realizzi durante la Presidenza Spagnola dell’Unione Europea è un buon auspicio perchè la Spagna negli ultimi anni è stato il paese europeo che più ha investito in politiche sociali e culturali per la popolazione romanì. Per la grave condizione e discriminazione della popolazione romani in molti stati Europei, dal secondo vertice europeo sui rom ci attendiamo conclusioni politiche con la esplicitazione di una strategia politica chiara ed efficace, strategia che da una parte impegni la Commissione europea e gli Stati membri dell’UE ad una forte e coordinata azione politica e degli strumenti giuridici per contrastare l’antiziganismo, dall’altra parte definisca il ruolo attivo delle organizzazioni rom nei piani d’azione europei e nazionali, nella progettazione/realizzazione delle politiche per i rom, nel monitoraggio dei progetti destinati alla popolazione romanì. Vi invitiamo a consultare il nostro spazio Web: http://federazioneromani.wordpress.com».

S.V.

LA SCHEDA

Alla popolazione rom si applica, se cittadini stranieri, il decreto legislativo 25 luglio 1998 (Testo unico sull’immigrazione).

Non esistono censimenti ufficiali che dicano con esattezza quanti sono.

In Europa la minoranza rom/sinta è definita «la minoranza più numerosa dell’Unione europea».

In Italia ci sono una dozzina di etnie molto radicate in precisi territori, ognuna con proprie tradizioni. Partiti dal nord dell’India e dal Pakistan intorno all’anno mille, gli zingari si sono stabilizzati nell’est europeo da dove hanno poi ricominciato altre migrazioni. In Italia i primi arrivano alla fine del 1300. Quella rom è una delle società più chiuse e tribali che si conoscano esistono diversi gruppi.

I rom abruzzesi e molisani: i più tradizionalisti, conservano intatto l’uso del romanì e sono arrivati in Italia dopo la battaglia del Kosovo nel 1392 a seguito dei profughi arbares’h (albanesi). Si dedicano ai mestieri tradizionali come l’allevamento e il commercio di cavalli ed è molto diffusa tre le donne (rumrià) la chiromanzia.

I rom napoletani (detti napulengre). Fortemente mimetizzati nel capoluogo, fino a una trentina d’anni fa fabbricavano arnesi per la pesca e facevano spettacoli ambulanti. Esistono anche i rom cilentani (una grande comunità di 800 persone vive a Eboli), lucani (una delle comunità più integrate), pugliesi, calabresi e i camminanti siciliani.

Sinti giostrai – Sparsi soprattutto tra il nord e il centro Italia sono almeno trentamila. Arrivati in Italia all’inizio del 1400, sono i depositari del più antico dei mestieri rom, quello dei giostrai. Un mestiere però che sta scomparendo trasformandoli in rottamatori di oggetti recuperati tra i rifiuti e venditori di bonsai artificiali.

I Rom harvati e il sottogruppo dei kalderasha, circa 7 mila persone arrivate dal nord della Jugoslavia dopo le due guerre mondiali, e i rom lovara (non più di mille) chiudono il gruppo dei rom con cittadinanza italiana.

I rom jugoslavi – È possibile suddividerli in due grandi ceppi, i khorakhanè (musulmani) e i dasikhanè (i cristiano-ortodossi). Vivono per lo più nei campi nomadi del nord e del centro Italia.

I rom romeni – Quello dalla Romania è ormai un flusso continuo e inarrestabile. Le più grandi comunità sono a Milano, Roma, Napoli, Bologna, Bari, Genova ma ormai il fenomeno è in crescita in tutta Italia.

A livello europeo esiste il Dipartimento Rom and Travellers (Rom e camminanti, due delle varie etnie zingare). L’ufficio, nato nel 1993 a Strasburgo nell’ambito del Consiglio Europeo per fronteggiare la questione rom, ogni anno produce pagine e pagine di relazioni, rapporti internazionali, raccomandazioni.
Se in Italia non è ancora stata affrontata la questione rom, l’Europa è messa più o meno nelle stesse condizioni.

Negli anni, attraverso numerose Raccomandazioni – ad esempio sulle condizioni abitative (2005), sulle condizioni economiche e lavorative (2001), sui campi e sul nomadismo (2004) – si è cercato di dare almeno una cornice di riferimento, linee guida ai vari stati per gestire la continua emergenza rom.

Uno dei file più aggiornati dell’ufficio europeo sono i numeri. In Europa si calcola che viva un gruppo di circa 9-12 milioni di persone, nei paesi del Centro e dell’Est Europa – Romania, Bulgaria, Serbia, Turchia, Slovacchia – arrivano a rappresentare fino al 5 per cento della popolazione. Scorrendo i fogli delle statistiche ufficiali europee (aggiornate al giugno 2006), colpisce come nei paesi della vecchia Europa, nonostante la presenza e l’afflusso continuo di popolazione rom, manchi del tutto un loro censimento. Sono censiti solo gli zingari che vivono nei paesi dell’est Europa: dal 1400 la «casa» dei popoli nomadi in arrivo dall’India del nord est.

La Romania guida la classifica dei paesi con maggior numero di gitani: l’ultimo censimento ufficiale del 2002 parla di una minoranza che si aggira tra il milione e 200 mila e i due milioni e mezzo. Seguono Bulgaria, Spagna e Ungheria a pari merito (800 mila), Serbia e Repubblica Slovacca (520 mila), Francia e Russia (tra i 340 e 400 mila).

L’Italia è al quattordicesimo posto con una stima, ufficiosa in assenza di un censimento, che si aggira sui 120 mila. Sappiamo che oggi quel numero è salito fino a 150-170 mila. Facendo un confronto con i paesi della vecchia Europa, è una stima inferiore rispetto a Spagna e Francia, Regno Unito e Germania. Sui motivi di queste concentrazioni la Storia conta poco: se è vero che la Germania nazista pianificò, come per gli ebrei, lo sterminio degli zingari (porrajmos) e nei campi di concentramento tedeschi morirono 500 mila rom, in Spagna la dittatura di Franco ha tenuto in vigore fino agli anni settanta la legislazione speciale contro i gitani eppure gli zingari continuano ad essere, e sono sempre stati, tantissimi.

Lo statuto francese – Nonostante «la grande preoccupazione» del Consiglio europeo «per i ritardi e l’emarginazione», la Francia (con 340 mila o un milione di manouche) sembra aver adottato il modello migliore sul fronte dell’accoglienza per i rom. Un modello che si muove tra l’accoglienza e la tolleranza zero, due parametri opposti ma anche complementari: da una parte la legge Besson che prevede che ogni comune con più di cinquemila abitanti sia dotato di un’area di accoglienza; dall’altra la stretta in nome della sicurezza. Chi non rispetta le regole dei campi e dell’accoglienza è fuori per sempre. E chi occupa abusivamente un’area può essere arrestato e il mezzo sequestrato. La legge Besson immagina i campi come una soluzione di passaggio e prevede, contestualmente, un programma immobiliare di case da dare in affitto ai gitani stanziali e terreni familiari su cui poter costruire piccole case per alcune famiglie semistanziali e in condizioni molto precarie.

Il caso tedesco – In Germania i 130 mila circa tra Rom e camminanti sono considerati per legge «minoranza nazionale». Dagli anni sessanta, con la caduta del modello socialista titino e con le prime diaspore rom dall’est europeo verso l’occidente europeo che poi si sono ripetute negli anni ottanta e novanta con le guerre nei Balcani, la Germania ha accolto queste migliaia di persone in fuga con un progetto di welfare. Sono state assegnate case, singole o in palazzine popolari, hanno avuto il sussidio per il vitto, chi ha voluto è stato messo in condizione di lavorare.

La Spagna – La Spagna ha una delle comunità gitane più popolose e in Europa occupa il terzo posto dopo Romania e Bulgaria con 800 mila presenze. Dalla fine degli anni Ottanta il governo centrale ha elaborato un Programma di sviluppo per la popolazione rom. Anche in Spagna ogni regione ha un Ufficio centrale che coordina gli interventi e le politiche per gli zingari in cui lavorano sia funzionari del governo che rom con funzioni di mediatori culturali. Il risultato è che non esistono quasi più campi nomadi, quasi tutti vivono in affitto nei condomini popolari o in case di proprietà, nelle periferie ma anche nelle città. Dipende dal livello di integrazione. Che è in genere buono anche se resta alto il tasso di criminalità.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/03/2010 @ 11:19:05, in Italia, visitato 1962 volte)



venerdì 26 marzo alle ore 23.00
"Laboratorio Fusolab" via Giorgio Pitacco 29 ROMA

Monologo di Antun Blazevic Tonizingaro
Gruppo musicale rom TARAF DI TRANSILVANIA

ospite della serata
EMANUELE INSERTO chitarra

Spuntino a seguire

L'appuntamento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/03/2010 @ 09:23:00, in Italia, visitato 1038 volte)

Ricevo da Paolo Ciani

In Italia è in corso una revisione della normativa riguardante il diritto alla cittadinanza. A questo riguardo, la Comunità di Sant'Egidio desidera porre l'accento in particolare sul diritto alla cittadinanza dei minori nati in territorio italiano o giunti in tenera età e scolarizzati in Italia.

La campagna per la cittadinanza promossa dalla Comunità di Sant'Egidio intende quindi richiedere che nella nuova normativa sia previsto che

- il bambino nato in Italia da cittadini stranieri regolari possa acquisire la cittadinanza al momento della nascita;

- possa acquisire la cittadinanza anche il bambino, nato all’estero e giunto in Italia minorenne, che abbia frequentato un ciclo di studi nel nostro Paese.

Si può sostenere la campagna con la FIRMA ONLINE

oppure utilizzando IL MODULO ALLEGATO

http://www.santegidio.org/index.php?pageID=1597&idLng=1062

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/03/2010 @ 09:11:48, in blog, visitato 1379 volte)

Di Valeria Venturini su Euroalter.it

("Gypsies". Photo by: mieszko.stanislawski/Flickr).

[...]

CHI SONO I ROM?
I Rom sono parte integrante del territorio europeo da migliaia di anni, arrivando ad oggi ad una stima approssimativa di 10-12 milioni di persone: la minoranza etnica piu diffusa sul territorio, presenti in tutti e 27 gli stati membri, in molti dei quali si registrano episodi di particolare violenza e intolleranza, che aumentano in maniera esponenziale.
Lo spostamento dei Rom si è inoltre incrementato notevolmente a seguito dell'allargamento UE verso l'Est Europa, tra il 2004-2007.

Ci troviamo nel cosiddetto "Decennio per l'inclusione dei Rom nel territorio europeo" (2005-2015) indetto dalla Commissione Europea (anche se in pochi sembrano saperlo) : la Commissione Europea ha deciso di organizzare ogni due anni un vertice sui Rom con l'obiettivo di riunire alti rappresentanti delle istituzioni UE, dei governi nazionali e delle organizzazioni della società civile di tutta Europa. In qualità di Presidente della Commissione, Barroso ha dichiarato che tali eventi rappresentano "un'opportunità unica per dare più che mai priorità ai problemi dei Rom".
Il primo vertice si è tenuto a Bruxelles il 16 settembre 2008; il secondo vertice si terrà a Cordoba (Spagna) l'8 aprile 2010.

I 10 PRINCIPI DI BASE COMUNI SULL'INCLUSIONE dei Rom sono:
1.Politiche costruttive, pragmatiche e non discriminatorie
2.Approccio mirato esplicito ma non esclusivo
3.Approccio interculturale
4.Mirare all'integrazione generale
5.Consapevolezza della dimensione di genere
6.Divulgazione di politiche basate su dati comprovati
7.Uso di strumenti comunitari
8.Coinvolgimento degli enti regionali e locali
9.Coinvolgimento della società civile
9.Partecipazione attiva dei Rom

Si alza però un grido d'allarme preoccupante.

COSA NE PENSANO I GAGE'?
Negli ultimi due anni le indagini europee hanno mostrato come nel 77% dei casi, gli intervistati, Gagè, ovvero i non Rom, considerano uno svantaggio sociale essere Rom, e circa un quarto degli europei si sentirebbe a disagio ad averli come vicini di casa.
La comunità Rom soffre una massiccia discriminazione in Europa, indistintamente; una segregazione che in alcuni paesi sembra sempre più somigliare alle "leggi razziali" di inizio secolo.
In alcuni paesi come la Romania non è difficile trovare scritte fuori dai locali "vietato l'accesso ai rom"; in Italia, a Roma, qualche settimana fa una donna Rom ha dovuto pagare un caffè due euro, piuttosto che 85 centesimi, con la giustificazione sbrigativa del gestore: "cosi non vengono più".
E intanto continuano gli sgomberi in Italia e i pestaggi nell'Est Europa.

Una vita ai margini, in condizioni disastrose, soprattutto per i bambini, che nascono spesso con gravi malattie; una vita in baracche, al freddo, con poche possiblità di trovare lavoro, se non mendicando.
E troppo spesso per le strade italiane si sente dire: "non hanno voglia di lavorare, non è nella loro cultura".
Ma nessuno conosce davvero questa cultura.
Tutti ne parlano, politici in primis, e nessuno ne sa niente.

QUALI MOTIVAZIONI LI SPINGONO A PARTIRE?
Non si tratta di "cultura del viaggio": pochi sono quelli che continuano a viaggiare per amore per la libertà, come i Gitanos in Spagna.
I Rom nella maggioranza dei casi lo fanno per necessità.
Un cittadino Rom, intervistato da un responsabile della Commissione Europea ha così risposto:
"In Romania mi aspetto di mangiare una volta al giorno. In Finlandia mi aspetto di mangiare tre volte il giorno. Questa è la differenza".
Troppo semplice da comprendere?

Le differenze all'interno della cultura Rom sono enormi: un gruppo della Romania non può certo essere confrontato con un gruppo proveniente dal Kosovo.
Ciò non è così incomprensibile: le famose riunioni di condominio sono emblematiche di come sia difficile la convivenza tra persone con abitudini e schemi di riferimento differenti dai nostri.

Per questo ho voluto trattare questo argomento una seconda volta, per vedere quali misure sono state prese dall'inizio di questo decennio dell'inclusione, e ne tratterò ancora in futuro, dato il poco spazio di cui dispongo, e data la complessità e la delicatezza dell'argomento.
Gli esempi che vado ad illustrare, sono estremamente sintetizzati e pertanto possono risultare poco chiari, ma spero possano servire come uno spunto di riflessione sull'argomento a tutti coloro che ne siano interessati.

L'EUROPA
La Commissione Europea per i diritti umani ha criticato fortemente paesi come Italia, Bulgaria e Grecia, e in generale i paesi dell'Est Europa, per i trattamenti discriminatori adottati nei confronti di Rom e Sinti all'interno dei paesi.
Se ci cerca di capire come l'Europa affronti il problema Rom, ci si trova davanti a misure e interventi eterogenei, proprio come la popolazione a cui si riferisce, dove spesso nessuno si preoccupa effettivamente di chiedere ai diretti interessati la propria opinione al riguardo.
L'Unione Europea ha cercato di dare una cornice di riferimento ai provvedimenti individuali dei singoli stati, dal 2001 ad oggi, ma ogni stato ha deciso in maniera autonoma le misure da adottare.

Circa 300.000 Rom vivono in REPUBBLICA CECA, arrivando ad essere circa il tre per cento della popolazione.
Un rapporto di Amnesty International, intitolato "Ingiustizia rinominata", esamina il lavoro delle autorità della Repubblica Ceca che, nonostante una sentenza del 2007 della Corte Europea per i diritti umani, continuano a inserire i bambini e le bambine rom in scuole per alunni con "lieve disabilità mentale", impartendo loro in questo modo un'istruzione inferiore agli standard.
"L'istruzione è la via per uscire dal circolo vizioso di povertà ed emarginazione che colpisce gran parte della popolazione rom. Se il governo della Repubblica Ceca non darà uguali opportunità ai bambini e alle bambine rom, negherà loro la possibilità di avere un futuro migliore e di partecipare pienamente alla vita del paese".
Sempre in REPUBBLICA CECA c'è stato un progetto chiamato "Vesnička soužití" (Progetto coesistenza), promosso da varie ONG locali, che ha permesso la costruzione di abitazioni nella città di Ostrava, tra Rom e non che avessero perso le proprie abitazioni (30 famiglie in tutto).
Il governo ha stanziato circa 2.455.423 euro per il progetto, e sembra che la combinazione case-lavoro sociale abbia avuto un effetto positivo.

In ITALIA negli ultimi anni è cresciuto il problema nomadi, che ha visto il proliferare di leggi sbagliate e talvolta razziste, che non solo non risolvono nessun "problema", ammesso che si possa definire tale, ma fomentano la paura e la discriminazione anche di coloro che vivono qui da generazioni, con un lavoro, una famiglia e un'ottima padronanza della lingua italiana.
C'è stata anche la proposta del Ministro Maroni di fare un censimento, che di per sè sarebbe una buona idea, non discriminatoria e utile, anche a livello statistico, alla quale è poi stata aggiunta la clausola delle impronte digitali: chiara violazione di diritti umani, e del principio di uguaglianza.
Il rapporto Europeo sulla questione abitativa dei Rom, fa riferimento al progetto "Città sottili" come il più virtuoso realizzato in Italia: nato dall'Unità Sanitaria Locale, con il Comune di Pisa e una serie di organizzazioni non governative presenti sul territorio, con il patrocinio dell'USL, e finanziato dalla Regione Toscana, l'ambizioso progetto, nato nel 2002, auspicava uno smantellamento dei cosiddetti "campi nomadi" nell'area di Coltano (tra Pisa e Livorno) a favore di una costruzione di unità abitative.
Le attività sono state seguite da tre mediatori Rom, e alcuni abitanti del campo hanno lavorato nella costruzione di queste case.
Nonostante il progetto sia stato il perno di un dibattito politico, e con un seguito di opinione pubblica non indifferente, è stato portato avanti con molte difficoltà, tanto da arrivare al punto che le case sono state costruite ma nessuno ci vive e nessuno ne parla più, per evitare una "guerra tra poveri".
Le varie amministrazioni nel corso degli anni non hanno saputo decidere come allocare le famiglie, che nel frattempo sono cresciute numericamente, e il progetto è rimasto in una fase di stallo, sotto il pesante velo dell'omertà.

In UNGHERIA gli attacchi sono in crescita: nel 2008 ci sono stati 16 incidenti con armi contro cittadini Rom; in SERBIA è forte soprattutto il problema abitativo; in KOSOVO e ROMANIA sono frequenti gli attacchi violenti, spesso perpetuati dalle forze dell'ordine, nei confronti di questa minoranza.

In INGHILTERRA, il motto è: "right to school, right to the future".
La riforma dell sistema scolastico, febbraio 2009, ha proposto una nuova esperienza di inclusione sociale verso i giovani Rom e Travellers (nomadi).
Lo "UK department for children, schools and families" ha così commentato:
"Possiamo immaginare quanto possa essere difficile per un bambino imparare, se posto costantemente sotto pressione di essere catalogato come "gipsy", rom o traveller? (…)
Serve un sistema di inclusione per tutti i bambini. Tutti i background culturali devono essere capiti e rispettati (…) Dobbiamo far crescere la consapevolezza nelle autorità locali, scuole, genitori, e bambini, affinchè si possano fare passi avanti verso il cambiamento di cui abbiamo bisogno
".

La SPAGNA è il terzo paese, dopo Romania e Bulgaria, per numero di Rom: un esempio di virtuosismo è stato il "Piano di Integrazione per i Rom in Catalonia" (2005-2008), che si riferisce soprattutto ai Rom provenienti dall'Est Europa: il governo ha finanziato 3.5 milioni di euro annui per la sua implementazione, (al quale si aggiungono i finanziamenti di singole regioni e ONG) e una serie di azioni per la loro "integrazione"(con tutti i rischi che questa parola comporta) negli ambiti del lavoro, scuola e problemi abitativi.

In IRLANDA, nel 2007 i Travellers erano 8099, di cui circa il 22% in abitazioni specifiche.
Negli ultimi anni si è cercato di far fronte al problema abitativo e il 97% di essi è stato messo in abitazioni regolari; sono inoltre nati molti organi istituzionali che si occupano attivamente dell'argomento e che cercano di dar loro la possibilità di una partecipazione attiva, come "Accommodation Consultative Committee" (LTACC), o il "Council Traveller Accommodation Programme" (TAP).

La FRANCIA con la legge Besson(1990; 2000) ha decretato che ogni città con più di 5000 abitanti deve avere un'area di accoglienza: Sarkozy ha poi aggiunto nel 2003 la postilla che chi non rispetta le regole dei campi è fuori per sempre.
Le zone di accoglienza sono in questo caso un luogo di passaggio, e sono previsti programmi abitativi per coloro che decidano di trattenersi a lungo.

In GERMANIA, a Monaco, nel 1929 esisteva un "Ufficio centrale zingari" che sarebbe sfociato in uno sterminio di una violenza cieca: memore del passato, il paese ha perciò accolto i Rom come minoranza nazionale.
Sono state assegnate case, assistenza e condizioni favorevoli per lavorare, ovviamente a patto che vengano rispettate le leggi.

Consiglio di leggere i rapporti del FRA (European Agency for Fundamental Rights) che spiegano nel dettaglio le misure, virtuose e non, adottate dai paesi membri UE.
E' evidente la necessità in ogni paese di un ufficio che si occupi direttamente della questione, e soprattutto di sfatare il mito "zingaro" e tutte le discriminazioni annesse a questo termine improprio.

Una sola voce non può certo cambiare le coscienze, ma può essere un primo impulso al cambiamento, soprattutto culturale, di cui l'Europa ha sicuramente bisogno.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/03/2010 @ 09:00:34, in lavoro, visitato 1349 volte)

Sono seriamente indeciso: un caso di ignoranza o di malafede? Lavoravano (con tutto ciò che comporta per una popolazione che storicamente ha avuto difficoltà nell'accesso al mercato del lavoro), spesso pagati in ritardo, anche di mesi e mesi. Avevano la pretesa di essere pagati per il loro lavoro! Ed osano lamentarsi per essere stati lasciati a casa (se di casa si può parlare...)

Il Giornale Ora i rom si lamentano perché il Comune non li vuole pagare più
di Redazione

Quando ha dovuto affrontare l’emergenza rom, l’assessore alle Politiche sociali del Comune si è messa le mani nei capelli. «Era fuori controllo. Noi abbiamo preso in gestione una situazione abbandonata a se stessa», racconta Mariolina Moioli. Era il 2006 e l’amministrazione aveva da anni una convenzione con l’Opera Nomadi per gli interventi di mediazione culturale nelle scuole elementari da 100mila euro. Più un secondo contratto di 125mila euro annui con la cooperativa sociale di romeni Romano Drom, fondata dal segretario dell’Opera Nomadi, Giorgio Bezzecchi. Ma poco dopo il suo arrivo la Moioli ha deciso di rescindere i contratti: «All’inizio ho lasciato fare, poi ho verificato e le cose non corrispondevano. Vedevo che non c’era un’equa distribuzione dei bimbi rom: una scuola ne aveva 5 e un’altra ne aveva 50. Abbiamo cambiato sistema e i presidi sociali ho pensato di farli nei campi». E da quando ci sono loro, assicura l’assessore, il numero dei rom che vanno a scuola è aumentato di molto.
L’Opera Nomadi come spiega il vicepresidente Maurizio Pagani «è una onlus, senza fini di lucro. Non percepiamo uno stipendio, e ora i soldi sono sempre meno. Il nostro bilancio è di 30mila euro». Giura Pagani che chi lavora per l’associazione è volontario e l’obiettivo è solo quello di promuovere attività di mediazione culturale e sociale per il riconoscimento delle comunità rom e sinti. Ma come ammette lo stesso Pagani, le mediatrici che hanno lavorato fino al 2007 con il Comune percepivano uno stipendio: «Dieci euro netti all’ora, con un contratto cocopro che veniva rinnovato di anno in anno».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/03/2010 @ 10:33:41, in Italia, visitato 1292 volte)

Mi scrive TodoCambia

Riceviamo dal Collettivo MaiStateZitte il seguente aggiornamento sullo sciopero della fame in corse nel C.I.E. di via Corelli:

Lo sciopero continua compatto, e ora siamo alla fine dell’ottavo giorno. La fame si fa sentire, molti non si alzano più dal letto, la situazione è dura e la tensione cresce. Continuano a nutrirsi solamente con le bevande che vengono portate dai solidali giornalmente. Nonostante le difficoltà e la stanchezza i reclusi di Corelli vogliono continuare la lotta almeno fino sabato, e poi vedere di proseguirlo a staffetta. Intanto si può registrare una piccola ma importante vittoria. La ragazza marocchina che stava male, dopo le pressioni fatte da fuori e le battiture all’interno è stata finalmente rilasciata ed ora è libera, libera come lo può essere una donna senza permesso di soggiorno oggi in Italia…

Intanto grazie all’ininterrotta corrispondenza con dentro le storie, le più assurde, si moltiplicano.

C’è un ragazzo nigeriano che ha ottenuto l’asilo politico in Italia. Di ritorno da un viaggio in Germania durato alcuni mesi, dove è andato a trovare dei parenti, viene fermato all’aeroporto di Linate. Con il foglio dell’asilo politico scaduto da due mesi viene portato in Corelli, e oggi il giudice gli ha convalidato il fermo .

Oppure vi è la storia di un ragazzo rom rumeno che finito nel mezzo di una retata viene fermato e portato nel centro. Ha la moglie incinta, un contratto d’affitto regolare, un lavoro. Il giudice, cosa più unica che rara, non gli convalida il fermo in Corelli. Lui esce libero dal centro la mattina, fa poche centinaia di metri e viene fermato da una pattuglia di polizia che lo riporta in questura e la sera è di nuovo dentro al centro di Corelli, con i suoi compagni di stanza che sbigottiti ci chiamano increduli. E stamattina il giudice si è ricreduto: ha decretato che dovrà passare i prossimi sei mesi nel centro.

Infine la storia di G. dal Gambia.

Con un permesso di soggiorno spagnolo per motivi di salute finisce in carcere in Italia, e da li a Corelli. Lui vuole tornare in Spagna, ma niente, non lo mollano. Da dentro ci chiamano dicendo che sta male, non riesce a camminare, ha dolore a tutte e due le gambe, che non dovrebbe stare in un centro. Non riesce a dormire dal dolore, deve essere operato. I suoi compagni chiamano la Croce Rossa, chiedono che venga ricoverato, ma niente. Il ragazzo deve restare in centro, deve restare in Italia, non può ne’andare in Spagna ne’ farsi curare in ospedale.

Tutti gli scioperanti di Corelli, reparto trans donne e uomini, ringraziano tutti per la vicinanza e la solidarietà espressa. Ringraziano le radio che li hanno intervistati e che ogni giorno li chiamano, i compagni e le compagne che da fuori portano loro le bevande, tutti quelli che in qualche modo stanno lottando per l’abbattimento di questi muri, e ci ricordano che insieme possiamo farcela.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/03/2010 @ 09:48:08, in Italia, visitato 1260 volte)

Ricevo da Roberto Malini

COMUNICATO STAMPA

MIlano, 17 marzo 2010. Il segretario provinciale della Lega Nord di Milano, Igor Iezzi, ha chiesto al sindaco di Milano Letizia Moratti di tagliare i fondi pubblici a Opera Nomadi dopo che l'associazione ha aderito al presidio per impedire lo sgombero dell'insediamento Rom in zona Forlanini, dove vivono una quindicina di persone in gravi condizioni di emarginazione e povertà, aiutate proprio dalle associazioni e da privati cittadini che non sono stati travolti dall'odio razziale. "Non è pensabile," ha scritto il leghista in una nota, "che chi riceve soldi pubblici per fare opera di integrazione culturale si faccia promotore di una iniziativa di questo stampo, che inneggia all'illegalità e all'abusivismo".
"Iezzi sbaglia," dichiarano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne, "perché la Costituzione italiana e gli accordi internazionali vietano sgomberi, persecuzione etnica e negazione di alloggi alternativi e assistenza sociale ai senzatetto, soprattutto se appartenenti a gruppi sociali disagiati e discriminati, come i Rom. Questa è la vera illegalità, che causa tragedie umanitarie, crea disagio sociale e mette l'italia in pessima luce di fronte alle istituzioni internazionali. Le associazioni come Opera Nomadi hanno il dovere di tutelare le minoranze perseguitate, in linea con gli accordi internazionali sui Diritti Umani. La politica dissennata dei movimenti anti-stranieri, inoltre, distoglie le forze dell'ordine dai veri problemi di sicurezza: la mafia, che si sta impadronendo del Paese, la droga, che rovina la nostra gioventù, la corruzione, che avvelena la società e crea caste al di sopra della legge. Le azioni di sgombero vedono il governo e le amministrazioni locali nel torto di fronte alle leggi e alla morale civile, trattandosi di azioni disumane, come più volte denunciato dall'Alto Commissario Onu, dalla Commissione europea e dalle organizzazioni per i Diritti Umani. Se si arriva a intimidire quelle poche associazioni rimaste a sostegno delle minoranze perseguitate, si tocca il fondo dell'inciviltà: è ciò che fecero i nazisti con le organizzazioni umanitarie nel Reich ed è una politica foriera di un futuro ancora più fosco e crudele dei terribili giorni attuali, in cui esiste una differenza abissale fra i diritti degli italiani e degli stranieri appartenenti a razze e gruppi vulnerabili".

Contatti:
Gruppo EveryOne
+39 3408135204 :: +39 3313585406
info@everyonegroup.com :: www.everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/03/2010 @ 09:07:44, in Europa, visitato 2413 volte)

Una segnalazione del mese scorso. Interviene una voce importante. La traduzione dallo spagnolo è di Zelda Sayre Giannini

Da un Articolo di Juan de Dios Ramírez-Heredia, Presidente della Unión Romaní Española (Unione Rom Spagnoli)

la foto è tratta da http://www.psoe.es/ambito/pueblogitano/news/index.do?action=View&id=411207

Nella città Slovacca di Ostrovany hanno costruito un muro di 150 metri largo e 2 metri alto per isolare la Comunità Gitana dal resto della popolazione .E' difficile credere che questo avvenga in un paese, membro dell' "Unione" (??) Europea nel 20° anniversario, appena concluso,della caduta del muro di Berlino.

[...]

Nel 1961 le autorità comuniste,che hanno governato la Germania,divisa dopo la Seconda Guerra Mondiale, per evitare che molti cittadini fuggiti in altre aree di libertà, hanno costruito quel muro orrendo che ha visto per oltre quarant'anni ha diviso i cittadini a causa delle loro convinzioni,in spazi chiusi,dove ogni tentativo di raggiungere la libertà era pagato con il carcere o con la vita. Ho avuto la fortuna di vivere in prima persona a Berlino, la notte meravigliosa quando la parete è stata distrutta. A quel tempo ero un deputato al Parlamento europeo e appartenevo alla commissione giustizia. Il 9 di novembre del 1989 i tedeschi da entrambi i lati del muro con martelli e asce e con tanto entusiasmo e forza fisica hanno distrutto questa vergogna che ha diviso intere famiglie per quattro decenni. Quella sera andai a letto presto, ma un uomo che dormiva nella stanza accanto alla mia in albergo ha bussato alla mia porta dicendomi di alzarmi, dovevamo andare in piazza per vivere intensamente un evento storico unico: la distruzione del muro. Ho passato tutta la notte per strada, felice, guardando il trionfo della libertà. Ogni masso che ho visto era come una tromba che annuncia un nuovo giorno. Ogni colpo all' infamia era come una nota che ha contribuito al raggiungimento del miglior inno esaltante la pace e l'armonia fra gli esseri umani. Ovviamente non ho potuto resistere alla tentazione di portarmi in Spagna alcuni pezzi del muro che ho diviso tra gl,i amici e la famiglia. Ancora oggi, c'è sullo scaffale nel mio ufficio un po 'di muro, testimone muto di tanta infamia.

La stampa locale e internazionale ha definito il nuovo muro slovacco "muro di Berlino".A 20 dalla caduta del simbolo della divisione dell'Europa.

Cirillo Revákl,Sindaco di Ostrovany , dice che non è razzista perché sa che "ci sono tante persone oneste tra i nostri zingari". Ma giustifica la costruzione del muro, principalmente con l'accusa che i vicini gadchés (i Rom, Sinti, i Gitani... con il termine Gagè indicano i non Zingari , cioè noi )sollevano verso gli Zingari e cioè quella di cogliere spesso i frutti dagli alberi dei giardini privati. !!!!!!!!!!! :((((
Dice uno Zingaro condannato a vivere dall'altra altra parte di questo muro che la separazione non aiuta nessuno, ne i gadchés ne gli Zingari. E altri, rassegnati al loro destino, dicono di sentirsi come uno zoo. Povera gente! Ora possono saziare la loro fame e la loro miseria con la frutta "generosamente" versata loro dalle autorità razzista di Ostrovany dall'altra parte del muro, come hanno fatto i miei figli quando erano piccoli gettando le mele per le scimmie nel parco.

Ho appena fatto un viaggio indimenticabile e scioccante in Polonia. Oltre a visitare i campi di sterminio di Majdanek, Treblinka e Auschwitz, dove più di mezzo milione di Zingari furono gassati unitamente milioni di ebrei, ho visto i resti delle mura che hanno modellato il ghetto di Varsavia, Lublino e Cracovia. Sono testimonianze vive, laceranti, l'epoca più difficile e più INFAME del genere umano. La gente si CONFINAVA dietro a quelle mura, prima di CONDANNARLA a MORTE  : - (

Sappiamo che in Slovacchia c'è una destra, fascista e violenta che vorrebbe ripetere quelle pagine nere della storia d'Europa. Loro possono essere anche gli eredi di quegli assassini che hanno collaborato con il genocidio, quando il loro paese stava vivendo l'aggressione dei nazisti che li opprimevano la Polonia a nord e l'Ungheria a sud. A Noi, gli Zingari in tutto il mondo,fa ORRORE quella massima che dice: "Le persone che dimenticano la loro storia sono condannati a ripeterla" non è un caso che questa frase è scritta all'ingresso del blocco numero quattro del campo di sterminio di Auschwitz in polacco e in inglese: " Kto nie pamięta historii, skazany jest na jej ponowne przeżycie ". "The one who does not remember history is bound to live through it again. "

CHI NON RICORDA la STORIA è CONDANNATO a VIVERLA di NUOVO !!!!!!!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/03/2010 @ 22:07:30, in Italia, visitato 2142 volte)

COMUNICATO STAMPA 17 marzo 2010

MILANO, GRUPPO EVERYONE: ANNUNCIATO E CONFERMATO SGOMBERO COMUNITA’ ROM DOMANI A FORLANINI

Autorità si mostrano irremovibili, nonostante la comunità Rom sia parte di un progetto di integrazione e assistenza. Chiesto intervento Croce Rossa, per evitare tragedie umanitarie riguardo ai molti malati, e Alto Commissario Onu per i Diritti Umani. Le organizzazioni per i Diritti Umani inviano una lettera alle più alte cariche dello Stato affinché impediscano in extremis un'incomprensibile e crudele azione di pulizia etnica

“Abbiamo appreso poco fa che domattina, intorno alle 7, le Autorità di Forza Pubblica provvederanno a sgomberare i 16 Rom romeni rifugiatisi in via Cavriana, zona viale Forlanini, a Milano”. Lo annunciano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne, organizzazione per i diritti umani. “Le famiglie che risiedono in questo campo - tutte romene di etnia Rom - avevano trovato in un comitato di cittadini antirazzisti locali, il ‘Gruppo di sostegno Forlanini’, aiuto concreto in termine di generi alimentari, abbigliamento, medicine, coperte e tende, oltre” spiegano gli attivisti, “all’accompagnamento verso le strutture pubbliche, quali ospedali e pronto soccorso, per la cura delle malattie, e consultori familiari e pediatrici, per quanto concerne le vaccinazioni dei bimbi e la maternità delle donne. All’interno del campo non autorizzato” proseguono Malini, Pegoraro e Picciau, “si trovano donne, bambini e anziani affetti da gravi patologie da precarietà, che necessiterebbero di immediata assistenza sanitaria e ricovero presso strutture adibite a questo tipo di emergenze umanitarie. Per altro, il ‘Gruppo di sostegno Forlanini‘, che lavora da oltre due anni nel campo, è riuscito ad avviare un progetto di inserimento lavorativo presso alcune Aziende agricole della provincia di Milano che collaborano con il Gruppo, per la coltivazione di orti biologici. Tale progetto, inoltre” prosegue EveryOne, “prevede l’inserimento dei giovani uomini e delle donne del campo, che, svolgendo questa attività, potranno essere economicamente autosufficienti e provvedere ai loro bisogni sia abitativi che alimentari. Ebbene, nonostante l’accorato appello alle Istituzioni milanesi e alle autorità di Polizia competenti, ogni richiesta di sospensione dello sgombero è stata freddamente respinta, nonostante non esista alcuna alternativa alloggiativa per i Rom che verranno messi in mezzo alla strada né un programma socio-assistenziale che li aiuti a integrarsi e a sopravvivere”.
Il Gruppo EveryOne ha richiesto l’aiuto della Croce Rossa Italiana, affinché domattina si rechi al campo, situato a poche centinaia di metri, entrando in viale Forlanini, dai vecchi uffici Merzario in via Cavriana (vi si accede attraverso un piccolo sentiero), e provveda all’assistenza umanitaria di tutte e tutti coloro che, a causa dell’iniquità del provvedimento, ne avranno bisogno. “Abbiamo inoltre inoltrato un documento” concludono i tre co-presidenti del Gruppo EveryOne “all’attenzione dell’Alto Commissario ONU Navanethem Pillay, che proprio qualche giorno fa ha stigmatizzato, nel corso del suo incontro in Senato a Roma, l’atteggiamento discriminatorio portato avanti da istituzioni e autorità italiane contro i Rom, al fine di un intervento urgente nei confronti del Comune di Milano e delle autorità competenti”.

Contatti:
Gruppo EveryOne
+39 3408135204 :: +39 3313585406
info@everyonegroup.com :: www.everyonegroup.com


Ciao,

vi inoltro in calce il comunicato relativo allo sgombero - preannunciato per domani mattina - del campo di Forlanini-Cavriana di Milano, zona est.

Allego anche, per i soggetti che non conoscono la storia precedente, l'articolo uscito a metà febbraio sulla pagina milanese del manifesto.

Sarebbe bene poter garantire documentazione fotografica e video.

Nel pomeriggio di oggi seguirà un'intervista a Radio popolare, nel programma Popline.

Vi aspettiamo domani mattina, giovedì 18 marzo, h 6,30, in via Cavriana (traversa di viale Forlanini), dopo la prima cascina per chi viene da viale Forlanini.

GRUPPO DI SOSTEGNO FORLANINI

Vi chiedo di farlo girare ai vostri contatti. Grazie.

^^^^^^^^^^^^

Il GRUPPO DI SOSTEGNO FORLANINI (scendiamoincampo@gmail.com) svolge la sua attività umanitaria all’interno del campo Rom di via Cavriana, in stretta collaborazione con altre Associazioni di volontariato sociale milanesi.

Le famiglie che risiedono in questo campo sono ormai, con quello preannunciato per domani, al loro decimo sgombero; hanno trovato nel nostro gruppo sostegno concreto: generi alimentari, abbigliamento, medicine, coperte, tende, oltre all’accompagnamento verso le strutture pubbliche (ospedali e pronto soccorso, per la cura delle malattie, e consultori familiari e pediatrici, per quanto concerne le vaccinazioni dei bimbi e la maternità delle donne). Infatti, molti abitanti del campo soffrono di varie patologie (respiratorie, reumatiche, traumatologiche) proprio per le cattive condizioni di vita in questa situazione, nel totale disinteresse delle degli organi preposti alla tutela della salute anche di questi cittadini/e.

Grazie al lavoro di due anni in questo campo, siamo riusciti ad avere un rapporto di totale fiducia ma, soprattutto, ad essere un riferimento certo, nell’assenza totale di ogni contatto positivo con le istituzioni ed il potere di questa città. Ci stiamo adoperando per il loro inserimento lavorativo, ostacolato da molte rigidità.

Gli abitanti sono una quindicina, tra giovani adulti soli, anziani in coppia o singoli, una famiglia con la madre incinta e una bimba di nove mesi, ormai giunta al suo settimo sgombero, e un nucleo familiare coi figli in Romania.

Chiamiamo alla mobilitazione e alla presenza la cittadinanza, le forze politiche e sociali, gli organi di comunicazione, per impedire uno sgombero incivile e brutale, come quello già sperimentato nelle precedenti occasioni.

L’appuntamento è per domani mattina, giovedì 18 marzo, h 6,30, in via Cavriana (traversa di viale Forlanini).

Chi percorre il viale Forlanini in direzione aeroporto, alla periferia est di Milano, a un certo punto, sulla sinistra, vede un muro; è l’ultimo rimasuglio di una caserma in disarmo. Alcuni anni fa, ospitava circa 150 profughi del Corno d’Africa (erano i reduci da via Lecco, e poi si sono dispersi, tra Bruzzano, piazza Oberdan e altri luoghi più o meno nascosti di questa metropoli inospitale). Il nostro Gruppo di sostegno Forlanini nacque allora, andando lì a conoscere le storie tremende di uomini e donne, prodigandosi per le elementari necessità di quegli “ospiti”, per la maggioranza in possesso del permesso temporaneo perché rifugiati, ma come sempre disperati, discriminati, obbligati a star nascosti e a non rivendicare alcunché: con un grande e diffuso sforzo di solidarietà, garantito da associazioni, partiti e soprattutto “cittadini e cittadine attive”, riuscimmo a garantire un’esistenza un po’ meno penosa a quegli uomini e donne, ma sempre nella latitanza delle istituzioni. E arrivò lo sgombero, preavviso della svolta sempre più militare impressa dalle autorità alla questione immigrazione, tanto che la caserma fu abbattuta. Adesso, appunto, restano solo il muro frontale e due corpi di guardia in muratura, nel frattempo resi inagibili dall’accanimento dei successivi sgomberi. E’ in quest’ambiente, tra le radure e la campagna retrostante, tra il fango, la neve e le sterpaglie, che si sono poi venuti a insediare alcuni piccoli nuclei di rom, composti da coppie di anziani, famigliole più o meno allargate con bimbi piccoli, ragazzi soli, reduci da altri sgomberi, oppure in fuga da una Romania che ci viene raccontata come tremenda, ma forse a suo modo non tanto diversa dalla Milano ringhiosa di questi mesi. Ed è ricominciata, da poco più di un anno, una trafila di solidarietà ancora più larga: ora il Gruppo ha una quarantina di componenti, che acquistano generi di prima necessità, fanno accompagnamento sociale verso il pronto soccorso o gli ambulatori medici (per una salute di grandi e piccini che è sempre più minata dalle pessime condizioni ambientali), aiutano nelle minute pratiche burocratiche, tentano l’approccio alla scuola, garantiscono la fornitura di tende, coperte, vestiti, nella quotidianità come nelle punte più acute degli sgomberi, quando viene distrutto tutto, dalle baracche agli affetti personali o ai beni di proprietà - come per esempio un prezioso generatore -, ma soprattutto si insulta la dignità. E siamo riusciti ad avviare un contatto fiduciario, con soggetti che da tempo hanno perso ogni riferimento con la cittadinanza, le istituzioni, il potere.
Siamo ormai al nono sgombero di questa realtà, che non ha mai impensierito realmente gli abitanti del quartiere, cui basta il traffico frenetico del viale e quel muro per non vedere quel luogo di perdizione. Eppure gli “ospiti” di quel campo non si vogliono nascondere: ad aprile 2009, poco prima del primo sgombero, a un’assemblea in piazza Ovidio con De Corato, indetta sulla sicurezza, convincemmo due di quelle donne a intervenire pubblicamente; davanti a una platea prima tumultuante e poi raggelata nell’ascolto, parlarono della loro vita grama, della loro insicurezza, del degrado in cui non volontariamente vivevano, dimostrando quanto erano “normali” gli “alieni” da cui ci sentiamo “minacciati”.
Ora il nostro gruppo intende intensificare la lotta a questa politica truce; saremo presenti agli interventi che lì si preannunciano, abbiamo già raccolto materiale per altri tre sgomberi, in modo da non lasciare sguarnite le dotazioni; domani, giovedì, preannunceremo in Consiglio di zona (via Oglio 14, h 18) queste nostre intenzioni: più oltre, nella stessa seduta, una mozione della Lega chiederà l’ennesimo sgombero.
E intendiamo denunciare questi comportamenti inumani nelle sedi ufficiali, alla stampa e agli organi nazionali e internazionali a ciò preposti. Perché i “loro” diritti sono i “nostri” diritti.


Purtroppo la polizia ha confermato lo sgombero del campo in via Forlanini per domani 18 alle 7.30. Il campo è seguito da un ampio gruppo di solidarietà, che ha attivato un 'progetto di inserimento lavorativo' (quello del vino rom), un accompagnamento ai servizi sanitari, un aiuto materiale, il coordinamento con le scuole, etc.
Chiedevano un aiuto e una presenza domattina.

Il campo si trova in via CAVRIANA
Si entra da Viale Forlanini, si passano i vecchi uffici di Merzario siti sulla destra (palazzina anni 70 di 4/5 piani color marroncino).
Si procede sulla stretta via per circa 100mt. Sulla destra ad un certo punto si vede una casetta prefabbricata in legno che non fa parte della comunità (stile baita di montagna).
A quell'altezza vi è uno slargo (parola grossa ma due utilitarie in fila possono essere parcheggiate)
Sulla sinistra della "baita" ci sono i nostri amici. Vi si accede tramite un sentierino.

Credo sia molto importante una presenza

Tommaso Vitale

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/11/2019 @ 05:41:50
script eseguito in 166 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2615 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source