Gadjo Dilo: lo straniero pazzo - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : Articolo
Gadjo Dilo: lo straniero pazzo
Di Fabrizio (del 19/03/2010 @ 09:11:48, in blog, visitato 1408 volte)

Di Valeria Venturini su Euroalter.it

("Gypsies". Photo by: mieszko.stanislawski/Flickr).

[...]

CHI SONO I ROM?
I Rom sono parte integrante del territorio europeo da migliaia di anni, arrivando ad oggi ad una stima approssimativa di 10-12 milioni di persone: la minoranza etnica piu diffusa sul territorio, presenti in tutti e 27 gli stati membri, in molti dei quali si registrano episodi di particolare violenza e intolleranza, che aumentano in maniera esponenziale.
Lo spostamento dei Rom si è inoltre incrementato notevolmente a seguito dell'allargamento UE verso l'Est Europa, tra il 2004-2007.

Ci troviamo nel cosiddetto "Decennio per l'inclusione dei Rom nel territorio europeo" (2005-2015) indetto dalla Commissione Europea (anche se in pochi sembrano saperlo) : la Commissione Europea ha deciso di organizzare ogni due anni un vertice sui Rom con l'obiettivo di riunire alti rappresentanti delle istituzioni UE, dei governi nazionali e delle organizzazioni della società civile di tutta Europa. In qualità di Presidente della Commissione, Barroso ha dichiarato che tali eventi rappresentano "un'opportunità unica per dare più che mai priorità ai problemi dei Rom".
Il primo vertice si è tenuto a Bruxelles il 16 settembre 2008; il secondo vertice si terrà a Cordoba (Spagna) l'8 aprile 2010.

I 10 PRINCIPI DI BASE COMUNI SULL'INCLUSIONE dei Rom sono:
1.Politiche costruttive, pragmatiche e non discriminatorie
2.Approccio mirato esplicito ma non esclusivo
3.Approccio interculturale
4.Mirare all'integrazione generale
5.Consapevolezza della dimensione di genere
6.Divulgazione di politiche basate su dati comprovati
7.Uso di strumenti comunitari
8.Coinvolgimento degli enti regionali e locali
9.Coinvolgimento della società civile
9.Partecipazione attiva dei Rom

Si alza però un grido d'allarme preoccupante.

COSA NE PENSANO I GAGE'?
Negli ultimi due anni le indagini europee hanno mostrato come nel 77% dei casi, gli intervistati, Gagè, ovvero i non Rom, considerano uno svantaggio sociale essere Rom, e circa un quarto degli europei si sentirebbe a disagio ad averli come vicini di casa.
La comunità Rom soffre una massiccia discriminazione in Europa, indistintamente; una segregazione che in alcuni paesi sembra sempre più somigliare alle "leggi razziali" di inizio secolo.
In alcuni paesi come la Romania non è difficile trovare scritte fuori dai locali "vietato l'accesso ai rom"; in Italia, a Roma, qualche settimana fa una donna Rom ha dovuto pagare un caffè due euro, piuttosto che 85 centesimi, con la giustificazione sbrigativa del gestore: "cosi non vengono più".
E intanto continuano gli sgomberi in Italia e i pestaggi nell'Est Europa.

Una vita ai margini, in condizioni disastrose, soprattutto per i bambini, che nascono spesso con gravi malattie; una vita in baracche, al freddo, con poche possiblità di trovare lavoro, se non mendicando.
E troppo spesso per le strade italiane si sente dire: "non hanno voglia di lavorare, non è nella loro cultura".
Ma nessuno conosce davvero questa cultura.
Tutti ne parlano, politici in primis, e nessuno ne sa niente.

QUALI MOTIVAZIONI LI SPINGONO A PARTIRE?
Non si tratta di "cultura del viaggio": pochi sono quelli che continuano a viaggiare per amore per la libertà, come i Gitanos in Spagna.
I Rom nella maggioranza dei casi lo fanno per necessità.
Un cittadino Rom, intervistato da un responsabile della Commissione Europea ha così risposto:
"In Romania mi aspetto di mangiare una volta al giorno. In Finlandia mi aspetto di mangiare tre volte il giorno. Questa è la differenza".
Troppo semplice da comprendere?

Le differenze all'interno della cultura Rom sono enormi: un gruppo della Romania non può certo essere confrontato con un gruppo proveniente dal Kosovo.
Ciò non è così incomprensibile: le famose riunioni di condominio sono emblematiche di come sia difficile la convivenza tra persone con abitudini e schemi di riferimento differenti dai nostri.

Per questo ho voluto trattare questo argomento una seconda volta, per vedere quali misure sono state prese dall'inizio di questo decennio dell'inclusione, e ne tratterò ancora in futuro, dato il poco spazio di cui dispongo, e data la complessità e la delicatezza dell'argomento.
Gli esempi che vado ad illustrare, sono estremamente sintetizzati e pertanto possono risultare poco chiari, ma spero possano servire come uno spunto di riflessione sull'argomento a tutti coloro che ne siano interessati.

L'EUROPA
La Commissione Europea per i diritti umani ha criticato fortemente paesi come Italia, Bulgaria e Grecia, e in generale i paesi dell'Est Europa, per i trattamenti discriminatori adottati nei confronti di Rom e Sinti all'interno dei paesi.
Se ci cerca di capire come l'Europa affronti il problema Rom, ci si trova davanti a misure e interventi eterogenei, proprio come la popolazione a cui si riferisce, dove spesso nessuno si preoccupa effettivamente di chiedere ai diretti interessati la propria opinione al riguardo.
L'Unione Europea ha cercato di dare una cornice di riferimento ai provvedimenti individuali dei singoli stati, dal 2001 ad oggi, ma ogni stato ha deciso in maniera autonoma le misure da adottare.

Circa 300.000 Rom vivono in REPUBBLICA CECA, arrivando ad essere circa il tre per cento della popolazione.
Un rapporto di Amnesty International, intitolato "Ingiustizia rinominata", esamina il lavoro delle autorità della Repubblica Ceca che, nonostante una sentenza del 2007 della Corte Europea per i diritti umani, continuano a inserire i bambini e le bambine rom in scuole per alunni con "lieve disabilità mentale", impartendo loro in questo modo un'istruzione inferiore agli standard.
"L'istruzione è la via per uscire dal circolo vizioso di povertà ed emarginazione che colpisce gran parte della popolazione rom. Se il governo della Repubblica Ceca non darà uguali opportunità ai bambini e alle bambine rom, negherà loro la possibilità di avere un futuro migliore e di partecipare pienamente alla vita del paese".
Sempre in REPUBBLICA CECA c'è stato un progetto chiamato "Vesnička soužití" (Progetto coesistenza), promosso da varie ONG locali, che ha permesso la costruzione di abitazioni nella città di Ostrava, tra Rom e non che avessero perso le proprie abitazioni (30 famiglie in tutto).
Il governo ha stanziato circa 2.455.423 euro per il progetto, e sembra che la combinazione case-lavoro sociale abbia avuto un effetto positivo.

In ITALIA negli ultimi anni è cresciuto il problema nomadi, che ha visto il proliferare di leggi sbagliate e talvolta razziste, che non solo non risolvono nessun "problema", ammesso che si possa definire tale, ma fomentano la paura e la discriminazione anche di coloro che vivono qui da generazioni, con un lavoro, una famiglia e un'ottima padronanza della lingua italiana.
C'è stata anche la proposta del Ministro Maroni di fare un censimento, che di per sè sarebbe una buona idea, non discriminatoria e utile, anche a livello statistico, alla quale è poi stata aggiunta la clausola delle impronte digitali: chiara violazione di diritti umani, e del principio di uguaglianza.
Il rapporto Europeo sulla questione abitativa dei Rom, fa riferimento al progetto "Città sottili" come il più virtuoso realizzato in Italia: nato dall'Unità Sanitaria Locale, con il Comune di Pisa e una serie di organizzazioni non governative presenti sul territorio, con il patrocinio dell'USL, e finanziato dalla Regione Toscana, l'ambizioso progetto, nato nel 2002, auspicava uno smantellamento dei cosiddetti "campi nomadi" nell'area di Coltano (tra Pisa e Livorno) a favore di una costruzione di unità abitative.
Le attività sono state seguite da tre mediatori Rom, e alcuni abitanti del campo hanno lavorato nella costruzione di queste case.
Nonostante il progetto sia stato il perno di un dibattito politico, e con un seguito di opinione pubblica non indifferente, è stato portato avanti con molte difficoltà, tanto da arrivare al punto che le case sono state costruite ma nessuno ci vive e nessuno ne parla più, per evitare una "guerra tra poveri".
Le varie amministrazioni nel corso degli anni non hanno saputo decidere come allocare le famiglie, che nel frattempo sono cresciute numericamente, e il progetto è rimasto in una fase di stallo, sotto il pesante velo dell'omertà.

In UNGHERIA gli attacchi sono in crescita: nel 2008 ci sono stati 16 incidenti con armi contro cittadini Rom; in SERBIA è forte soprattutto il problema abitativo; in KOSOVO e ROMANIA sono frequenti gli attacchi violenti, spesso perpetuati dalle forze dell'ordine, nei confronti di questa minoranza.

In INGHILTERRA, il motto è: "right to school, right to the future".
La riforma dell sistema scolastico, febbraio 2009, ha proposto una nuova esperienza di inclusione sociale verso i giovani Rom e Travellers (nomadi).
Lo "UK department for children, schools and families" ha così commentato:
"Possiamo immaginare quanto possa essere difficile per un bambino imparare, se posto costantemente sotto pressione di essere catalogato come "gipsy", rom o traveller? (…)
Serve un sistema di inclusione per tutti i bambini. Tutti i background culturali devono essere capiti e rispettati (…) Dobbiamo far crescere la consapevolezza nelle autorità locali, scuole, genitori, e bambini, affinchè si possano fare passi avanti verso il cambiamento di cui abbiamo bisogno
".

La SPAGNA è il terzo paese, dopo Romania e Bulgaria, per numero di Rom: un esempio di virtuosismo è stato il "Piano di Integrazione per i Rom in Catalonia" (2005-2008), che si riferisce soprattutto ai Rom provenienti dall'Est Europa: il governo ha finanziato 3.5 milioni di euro annui per la sua implementazione, (al quale si aggiungono i finanziamenti di singole regioni e ONG) e una serie di azioni per la loro "integrazione"(con tutti i rischi che questa parola comporta) negli ambiti del lavoro, scuola e problemi abitativi.

In IRLANDA, nel 2007 i Travellers erano 8099, di cui circa il 22% in abitazioni specifiche.
Negli ultimi anni si è cercato di far fronte al problema abitativo e il 97% di essi è stato messo in abitazioni regolari; sono inoltre nati molti organi istituzionali che si occupano attivamente dell'argomento e che cercano di dar loro la possibilità di una partecipazione attiva, come "Accommodation Consultative Committee" (LTACC), o il "Council Traveller Accommodation Programme" (TAP).

La FRANCIA con la legge Besson(1990; 2000) ha decretato che ogni città con più di 5000 abitanti deve avere un'area di accoglienza: Sarkozy ha poi aggiunto nel 2003 la postilla che chi non rispetta le regole dei campi è fuori per sempre.
Le zone di accoglienza sono in questo caso un luogo di passaggio, e sono previsti programmi abitativi per coloro che decidano di trattenersi a lungo.

In GERMANIA, a Monaco, nel 1929 esisteva un "Ufficio centrale zingari" che sarebbe sfociato in uno sterminio di una violenza cieca: memore del passato, il paese ha perciò accolto i Rom come minoranza nazionale.
Sono state assegnate case, assistenza e condizioni favorevoli per lavorare, ovviamente a patto che vengano rispettate le leggi.

Consiglio di leggere i rapporti del FRA (European Agency for Fundamental Rights) che spiegano nel dettaglio le misure, virtuose e non, adottate dai paesi membri UE.
E' evidente la necessità in ogni paese di un ufficio che si occupi direttamente della questione, e soprattutto di sfatare il mito "zingaro" e tutte le discriminazioni annesse a questo termine improprio.

Una sola voce non può certo cambiare le coscienze, ma può essere un primo impulso al cambiamento, soprattutto culturale, di cui l'Europa ha sicuramente bisogno.

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/02/2020 @ 23:24:58
script eseguito in 31 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1604 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source