\\ Mahalla : Articolo : Stampa
I RAZZISTI INNALZANO sempre MURI per ISOLARE le loro VITTIME
Di Fabrizio (del 18/03/2010 @ 09:07:44, in Europa, visitato 2445 volte)

Una segnalazione del mese scorso. Interviene una voce importante. La traduzione dallo spagnolo è di Zelda Sayre Giannini

Da un Articolo di Juan de Dios Ramírez-Heredia, Presidente della Unión Romaní Española (Unione Rom Spagnoli)

la foto è tratta da http://www.psoe.es/ambito/pueblogitano/news/index.do?action=View&id=411207

Nella città Slovacca di Ostrovany hanno costruito un muro di 150 metri largo e 2 metri alto per isolare la Comunità Gitana dal resto della popolazione .E' difficile credere che questo avvenga in un paese, membro dell' "Unione" (??) Europea nel 20° anniversario, appena concluso,della caduta del muro di Berlino.

[...]

Nel 1961 le autorità comuniste,che hanno governato la Germania,divisa dopo la Seconda Guerra Mondiale, per evitare che molti cittadini fuggiti in altre aree di libertà, hanno costruito quel muro orrendo che ha visto per oltre quarant'anni ha diviso i cittadini a causa delle loro convinzioni,in spazi chiusi,dove ogni tentativo di raggiungere la libertà era pagato con il carcere o con la vita. Ho avuto la fortuna di vivere in prima persona a Berlino, la notte meravigliosa quando la parete è stata distrutta. A quel tempo ero un deputato al Parlamento europeo e appartenevo alla commissione giustizia. Il 9 di novembre del 1989 i tedeschi da entrambi i lati del muro con martelli e asce e con tanto entusiasmo e forza fisica hanno distrutto questa vergogna che ha diviso intere famiglie per quattro decenni. Quella sera andai a letto presto, ma un uomo che dormiva nella stanza accanto alla mia in albergo ha bussato alla mia porta dicendomi di alzarmi, dovevamo andare in piazza per vivere intensamente un evento storico unico: la distruzione del muro. Ho passato tutta la notte per strada, felice, guardando il trionfo della libertà. Ogni masso che ho visto era come una tromba che annuncia un nuovo giorno. Ogni colpo all' infamia era come una nota che ha contribuito al raggiungimento del miglior inno esaltante la pace e l'armonia fra gli esseri umani. Ovviamente non ho potuto resistere alla tentazione di portarmi in Spagna alcuni pezzi del muro che ho diviso tra gl,i amici e la famiglia. Ancora oggi, c'è sullo scaffale nel mio ufficio un po 'di muro, testimone muto di tanta infamia.

La stampa locale e internazionale ha definito il nuovo muro slovacco "muro di Berlino".A 20 dalla caduta del simbolo della divisione dell'Europa.

Cirillo Revákl,Sindaco di Ostrovany , dice che non è razzista perché sa che "ci sono tante persone oneste tra i nostri zingari". Ma giustifica la costruzione del muro, principalmente con l'accusa che i vicini gadchés (i Rom, Sinti, i Gitani... con il termine Gagè indicano i non Zingari , cioè noi )sollevano verso gli Zingari e cioè quella di cogliere spesso i frutti dagli alberi dei giardini privati. !!!!!!!!!!! :((((
Dice uno Zingaro condannato a vivere dall'altra altra parte di questo muro che la separazione non aiuta nessuno, ne i gadchés ne gli Zingari. E altri, rassegnati al loro destino, dicono di sentirsi come uno zoo. Povera gente! Ora possono saziare la loro fame e la loro miseria con la frutta "generosamente" versata loro dalle autorità razzista di Ostrovany dall'altra parte del muro, come hanno fatto i miei figli quando erano piccoli gettando le mele per le scimmie nel parco.

Ho appena fatto un viaggio indimenticabile e scioccante in Polonia. Oltre a visitare i campi di sterminio di Majdanek, Treblinka e Auschwitz, dove più di mezzo milione di Zingari furono gassati unitamente milioni di ebrei, ho visto i resti delle mura che hanno modellato il ghetto di Varsavia, Lublino e Cracovia. Sono testimonianze vive, laceranti, l'epoca più difficile e più INFAME del genere umano. La gente si CONFINAVA dietro a quelle mura, prima di CONDANNARLA a MORTE  : - (

Sappiamo che in Slovacchia c'è una destra, fascista e violenta che vorrebbe ripetere quelle pagine nere della storia d'Europa. Loro possono essere anche gli eredi di quegli assassini che hanno collaborato con il genocidio, quando il loro paese stava vivendo l'aggressione dei nazisti che li opprimevano la Polonia a nord e l'Ungheria a sud. A Noi, gli Zingari in tutto il mondo,fa ORRORE quella massima che dice: "Le persone che dimenticano la loro storia sono condannati a ripeterla" non è un caso che questa frase è scritta all'ingresso del blocco numero quattro del campo di sterminio di Auschwitz in polacco e in inglese: " Kto nie pamięta historii, skazany jest na jej ponowne przeżycie ". "The one who does not remember history is bound to live through it again. "

CHI NON RICORDA la STORIA è CONDANNATO a VIVERLA di NUOVO !!!!!!!