Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 08/05/2008 @ 21:31:35, in blog, visitato 1277 volte)

La violenza come stile di vita
Se la vittima del pestaggio di Verona fosse stato uno straniero anziché il povero Nicola Tommasoli, un giovane dei "nostri", oggi la città vivrebbe il medesimo turbamento? Ne dubito, visto lo scarso rilievo attribuito finora alle scorribande cont...

L'ipocrisia dei politici italiani
Sono stati bloccati dalla Digos di Verona gli ultimi due presunti componenti del gruppo che ha picchiato a morte Nicola Tommasoli la notte del primo maggio scorso nel centro di Verona. Si tratta di Federico Perini, di 20 anni, e di Nicolò Veneri, di 19 anni, entrambi veronesi. I due sono stati rintracciati la notte scors...

Roma, il 70% delle donne Rom non ha cure sanitarie
Save the Children ha presentato questa mattina i risultati dell’indagine “Studio sulla salute materno infantile nelle comunità Rom. Il caso di Roma”. Emerge che circa il 70% delle donne Rom non ha accesso alle cure sanitarie. Le motivazioni so...

"Rom e Sinti Insieme" vota lo statuto costitutivo
Sabato 17 e domenica 18 maggio 2008 a Mantova si riunirà il comitato “Rom e Sinti Insieme” per la preparazione e la votazione dello statuto che sancirà la costituzione della federazione nazionale “Rom e Sinti Insieme”. Al termine della v...

Torino, la Regione dovrebbe aiutare di più i Comuni
Nel corso di una riunione con il prefetto in merito all'emergenza “nomadi”, il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta ha presentato un dossier sulla situazione aggiornata dei “cam...

Roma, solo 8.500 i Rom e Sinti
Lungo gli argini del Tevere e dell´Aniene non ci sono più. Là dove prima si intravedevano baracche e rifugi di fortuna, adesso si scorgono solo alberi, cespugli e piste ciclabili. Si sono spostati altrove,...

Vicenza, il neo Sindaco fa dichiarazioni razziste
Il neosindaco di Vicenza, Achille Variati, reagisce con il pugno di ferro al problema della sicurezza nella sua città e decide di espellere i Sinti e i Rom con precedenti penali. Lo scrive oggi Il Gazzettino, quotidiano del Nordest spiegando che la decisione del sindaco del ...

Trieste, i Sinti invitano alla conferenza stampa
Sabato 10 maggio 2008 i Sinti triestini invitano i giornalisti alla conferenza stampa per far conoscere la loro situazione abitativa. La conferenza stampa si terrà alle ore 11.30 a Trieste, presso via Pietraferrata. All’incontro con i giornalisti ci saranno i...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/05/2008 @ 16:52:40, in casa, visitato 1276 volte)

Da Hungarian_Roma

Un residente del villaggio di Váralja nella regione di Tolna sta raccogliendo firme contro l'iniziativa di spostare dentro il villaggio i Rom che vivono in baracche ai margini dell'insediamento. Il governo locale vuole impiegare i fondi per migliorare le condizioni di vita dei Rom. Nel frattempo, secondo voci che girano nel villaggio, alcuni cittadini Olandesi sono interessati a comprar casa a Váralja, ma non vorrebbero più spostarsi lì se la comunità Rom fosse insediata nel villaggio.

Scrive il portale Index.hu che il residente János Ranga intende raccogliere firme per chiedere alle autorità locali se desiderano che il comune di Váralja utilizzi i fondi. Perché si tenga il referendum, sono necessarie 150 firme. Scrive il conservatore Magyar Nemzet che il notaio Dr. Judit Klausz non ha autorizzato l'iniziativa di Ranga, perché non incontra le condizioni legali, informandolo sulle forme ufficiali da seguire.

La locale minoranza Rom risponde che a quanti vivono nelle baracche, soprattutto ai bambini, deve essere data l'opportunità di una vita migliore.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/05/2008 @ 22:37:36, in Italia, visitato 1793 volte)

Ricevo e porto a conoscenza:

E' in arrivo un decreto sulla sicurezza assolutamente iniquo, frutto dell'ignoranza, dell'incompetenza, ma soprattutto dell'intolleranza, del razzismo e della xenofobia di chi governa abusivamente l'Italia. Scrivo "abusivamente" perché il grande broglio della campagna elettorale che ha condotto alle ultime elezioni non è avvenuto durante lo spoglio delle schede, ma prima: quando un'informazione controllata ha perpetrato il più grande inganno nei confronti del Popolo italiano, convincendolo che il problema della sicurezza in Italia non è costituito dalla criminalità organizzata con le sue connivenze politiche (che muove ogni anno MILIARDI DI EURO e uccide con la violenza, la droga e ogni genere di violazione delle leggi civili), ma dai Rom vestiti di stracci, che muoiono di povertà, fame e malattie nelle baracche e sotto i ponti.
Il Gruppo EveryOne porterà all'attenzione delle autorità internazionali i gravi abusi e le violazioni di carte dei diritti umani e direttive Ue contenuti nel decreto, ma nel frattempo è importante che ognuno di noi si impegni per evitare che la deriva razziale in cui l'Italia - imbrogliata da una classe politica inqualificabile - è caduta non degeneri ulteriormente e non si affermino ideologie atroci come quella secondo cui i migranti dovrebbero essere considerati criminali. Stiamo attenti, perché la libertà degli esseri umani è il valore più alto su cui si basano la civiltà e la democrazia e la politica degli arresti, detenzioni, torture ed espulsioni di innocenti (migrante uguale essere umano innocente, fino a prova contraria) è politica di regime. Riguardo ai Rom, poi, esistono direttive - oltre che leggi internazionali a tutela dei diritti degli individui e dei popoli - che impediscono la loro deportazione, quella deportazione promessa da tanti candidati durante la campagna mediatica di stampo razzista e xenofobo condotta nell'àmbito del Grande Inganno elettorale. Noi faremo il possibile per contribuire a preservare il diritto, il rispetto delle minoranze e dei valori della civiltà, per evitare che un nuovo crimine etnico venga messo in atto, per dimostrare all'opinione pubblica internazionale che in Italia non vivono solo persone intolleranti e xenofobe, ma anche coloro (i pochi) che hanno ereditato la cultura dei diritti umani e vogliono che l'Europa di domani sia migliore di quella del passato. Noi ci impegneremo perché i giovani italiani crescano in un mondo di diversità etniche e culturali, perché non si alimentino di odio, perché un giorno si confrontino amichevolmente con persone e comunità di tutte le razze, perché siano migliori di chi li governa oggi. Date un'occhiata al nostro sito www.everyonegroup.com: siamo solo esseri umani, senza finanziamenti né ricchezze personali né sostegno mediatico, animati solo da ideali universali (è la follia, è la paura del diverso che li ha gettati nell'oblio, gli ideali di uguaglianza, che restano tuttavia universali!). Siamo solo esseri umani, ma abbiamo ottenuto risultati importanti, modificando la condotta di potenti e di governi, salvando vite umane e consentendo ad altre di sperare. Se siete vicini ai valori che ci animano, allora non arrendetevi: costruiamo una rete di "giusti", continuiamo a diffondere la cronaca di una persecuzione, esprimiamo una ferma protesta in ogni sede, vigiliamo sui luoghi in cui sopravvivono le minoranze perseguitate, a rischio violenza, sgombero ed espulsione. Impediamo che proprio qui, sul suolo del Paese in cui viviamo e sul quale difendiamo i più alti ideali umani e civili, si affermi di nuovo la barbarie e i nostri fratelli che ci raggiungono da lontano, innocenti, simili in tutto a noi e ai nostri cari, siano privati della libertà e dei loro diritti di esseri umani. Possiamo dire no. Individualmente o uniti in una rete di solidarietà, possiamo - forse dobbiamo? - dire no.
Roberto Malini

roberto.malini@annesdoor.com
info@everyonegroup.com
www.annesdoor.,com
www.everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2008 @ 18:33:37, in conflitti, visitato 1294 volte)

NAPOLI - ''La risposta che ha dato e sta dando il quartiere Ponticelli in queste ore non e' una risposta seria. Comprendo la rabbia di queste persone. Sono stato il primo a provare sconforto misto a paura e rabbia quando ho saputo che al centro di quel rapimento c'era un minore, ma tuttavia non possiamo criminalizzare un intero popolo. Non possiamo criminalizzare un intero popolo quando da anni il mio popolo, quello napoletano, viene linciato ed etichettato come popolo del malaffare''.

Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale della Campania Tonino Scala della Sinistra Democratica. ''Se non e' questa la fotografia del popolo napoletano, non puo' neanche essere questa la fotografia del popolo romeno. Mi viene da dire dov'era questo popolo quando la camorra ha ucciso i nostri bambini, quando la stessa camorra arruola i nostri figli per spacciare droga, o per vendergliela. Dov'era quando hanno ucciso l'edicolante Buglione, o il giovane pizzaiolo Riccio, o Annalisa Durante.

Semplicemente non c'era, perche' mai nessuno ha osato incendiare le case dei boss o mettere sottosopra un quartiere quando e' successo qualcosa'', aggiunge l'esponente di Sd. ''Ed invece per i rom si lanciano molotov e si chiede lo sgombero. Purtroppo noi napoletani siamo bravi a prendercela con chi sta peggio di noi con chi sta piu' a sud di noi. La stessa analisi che oggi fanno i cittadini di Ponticelli nei confronti dei rom e' direttamente proporzionale all'analisi che fanno nel mondo nei confronti dei napoletani per quanto riguarda il problema spazzatura. Il coro e' lo stesso 'arsi vivi'.

Occorre mettere in campo, se si vuol realmente risolvere il problema, parlare di sicurezza. Ma sicurezza che sia per tutti: italiani, rom, immigrati. Ma la sicurezza e la presenza dello stato da sole non bastano occorre in piu' assoldare, come diceva Bufalino, maestri. Non possono, infatti, i singoli cittadini pensare con delle ronde o con atti di violenza, come il lancio delle molotov, pensare di risolvere da soli il problema. Il problema, invece, va affrontato nella sua complessita'. Allo Stato il compito di dare risposte. Risposte serie nei confronti dell'illegalita' che sia italiana o romena'', conclude Scala.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 14/05/2008 @ 20:31:09, in Kumpanija, visitato 1304 volte)

Sucar Drom chiede a tutte le forze democratiche del Paese di intervenire per fermare le violenze contro le popolazioni sinte e rom in Italia. In particolare si chiede aiuto a Napoli, Trieste, Novara, Genova, Milano, Torino, Vicenza e Roma. A tutti i Sinti e i Rom rivolgiamo l’appello di non rimanere isolati in nessuna occasione, soprattutto nelle ore notturne.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2008 @ 09:03:15, in musica e parole, visitato 6979 volte)

Avevo da leggere per giorni. Ma io non sono un sociologo, non mi basta leggere, soppesare, schematizzare, trarre conclusioni. Io sono uno scrittore, ho bisogno di respirare l'aria che racconto, di vedere le cose, di ascoltare le storie, di farmi incidere la retina dalla realtà come fosse un chiodo arrugginito. Non so cosa voglio, non so cosa cerco. So che voglio averne esperienza.

Metropoli per principianti è una riflessione su come siamo arrivati alle città di oggi. C'è Milano, soprattutto, ma anche Roma, Torino, e poi la metropoli la ritrovi anche a Sassuolo o nell'inurbamento meridionale.

Si parla anche di periferie, degli spazi e della gente che li abita. Di come potrebbero essere. In queste periferie, ecco i rom. A dire il vero, ci sono da tempo, ricorda l'autore Gianni Biondillo. Sono i nemici necessari, come un tempo erano i terroni e poi gli extracomunitari. Ma terroni ed extracomunitari sono quelli che hanno costruito e ripopolato la metropoli... con i rom a che punto siamo?

Soprattutto di questi tempi discutiamo di marginalità, di sicurezza, per sentito dire, mai in presa diretta, e Biondillo vuole averne esperienza. Fa parlare i diretti interessati, all'inizio scontrandosi con le loro diffidenze e poi venendo quasi travolto dalle loro testimonianze. A volte sorprendenti, altre volte banali. Mai neutre, perché nella sua ricerca quanto viene detto è intercalato dai suoi pensieri e dai suoi ricordi, da uno sguardo attento a tutto ciò che c'è attorno. Interagendo, cercando un dialogo che non è facile.

Gianni Biondillo
Metropoli per principianti
Guanda
pagg. 207 - € 12.00

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/05/2008 @ 09:28:48, in Italia, visitato 1620 volte)

Ricevo da Tommaso Vitale:

Laboratorio di Sociologia dell’azione pubblica - Sui Generis
CICLO DI SEMINARI: ROM E POLITICHE LOCALI IN EUROPA
Seminario di confronto e ricerca sulle politiche locali per le popolazioni tsigane in Europa
PER LORO O PER TUTTI?
I servizi sociali alla prova di rom e sinti


La discussione sarà introdotta da:
Daniela Lucatti

Discutono:
Ota de Leonardis
Vojislav Stojanovic


Introduce e coordina:
Tommaso Vitale

Saranno presenti alla discussione  Giorgio Bezzecchi, Claudia Biondi e Maurizio Pagani

Giovedì 22 maggio 2008, h 10.00
DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE
AULA TESI
II PIANO, EDIFICIO U7
VIA BICOCCA DEGLI ARCIMBOLDI 8 - MILANO

Daniela Lucatti
Psicoloterapeuta, lavora presso l’associazione Casa della Donna. E’ autrice del volume Rom-antica gente, Edizioni
Magi , Roma, 2008.

Vojislav Stojanovic, consulente del Consiglio regionale del Piemonte, è membro del comitato Rom e Sinti Insieme.

Ota de Leonardis, Professore ordinario di Sociologia dei processi culturali, dirige il Laboratorio di Sociologia dell’azione pubblica “Sui Generis”

Accesso: il seminario è libero e ad accesso gratuito, rivolto a studenti, studiosi ed attivisti
Si prega di dare conferma della presenza per posta elettronica
E-mail: laura.boschetti@yahoo.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 17/05/2008 @ 09:09:15, in blog, visitato 1604 volte)

(BS), una madre chiede giustizia
Pubblichiamo la straziante lettera appello di Nadia Cari, sinta italiana, a cui il Tribunale dei Minorenni di Brescia ha tolto il figlio appena nato. Nadia Cari risiedeva con la sua famiglia nella microarea di ...

Bologna, Alexian Group in concerto
Un mese di eventi sull'ambiente e l'immigrazione. Terza edizione della rassegna "cose di questo mondo - le città di oggi e di domani" organizzata da Quartiere Savena e Scuola di Pace di Bologna per raccontare i diritti umani, l'ambiente e l’immigrazione attraverso eventi fra mostre, cinema, inc...

Napoli, si apre la caccia al rom
La guerra al rom è appena cominciata e si contano già un accoltellato (non grave), un po' di ceffoni dati al disgraziato (romeno) di passaggio, un motocarro bruciato e un paio di tentativi di assalto ...

Reggio Emilia, "tolleranza zero" per i clandestini
Certezza dell'espulsione, più potere agli enti locali con i quali bisogna confrontarsi per regolare i flussi migratori e condanna della legge Bossi Fini. Sono alcuni dei nodi che, secondo il sindaco e la presidente de...

Sicurezza, Maroni ha pronto il suo pacchetto
Cinque i punti del pacchetto sicurezza messo a punto dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, all'esame a Palazzo Chigi con gli altri ministri coinvolti (il ministro della Giustizia Angelino Alfano, degli Esteri Franco Frattini e della Difesa Ignazio La Russa)...

Immigrazione clandestina, la Bonino boccia l'idea balzana di Maroni
Istituzione del reato di immigrazione clandestina: questa la proposta del neo ministro degli Interni Roberto Maroni, nell'ambito del nuovo decreto sulla sicurezza che dovrebbe essere presentato al primo consiglio dei ministri, previsto per la fine della settimana prossima. Il ministro chiederà anche più risorse per fronteggiare i tagli...

Unimpresa, basta con la criminalizzazione dei rumeni
Associare il problema della criminalità in Italia alla Romania o ai romeni è «profondamente sbagliato e controproducente». Lo sostiene il presidente di Unimpresa, l'Unione delle imprese italiane in Romania, Stefano Albarosa, che, sottolineando che «il rapporto bilaterale Italia-Romania è un patrimonio che va...

Novara, moltov contro il "campo nomadi"
Alcune bottiglie molotov sono state lanciate la notte del 10 maggio contro il “campo nomadi” di via Fermi, a Novara, che ospita una trentina di roulotte di Rom polacchi. Le molotov non hanno causato nessun danno perchè era appena terminato un violento temporale...

Napoli, Rom trasferiti e protetti dalle Forze dell'Ordine
Un centinaio di Rom che erano ancora rifugiati nel campo di via Malibran, nel quartiere Ponticelli, alla periferia di Napoli, sono stati trasferiti poco fa ed accompagnati in una destinazione per il momento sconosciuta, sotto scorta delle forze dell'ordine...

Ue, presto un documento guida
La Commissione europea varerà, il prossimo 25 giugno, un documento dedicato alla popolazione Rom in Europa e ai gravi problemi di integrazione e di natura socio-economica e sanitaria. Lo ha comunicato oggi a Bruxelles il commissario per il Fondo s...

Zingari, ebrei e bambini rapiti
Tornano in questi giorni, a proposito dei Rom, le infamanti accuse di rapimento di bambini. Accuse false, inventate e drammaticamente simili a quelle che, solo pochi secoli fa, colpivano gli ebrei: cerchiamo di ricostruire brevemente le une e le altre, sul filo de...

Una situazione da stato di emergenza
Gli insediamenti rom intorno a Ponticelli ora sono deserti, dopo che una giovane rom minorenne è stata accusata di tentato sequestro di una bimba di sei mesi dalla sua abitazione del quartiere napoletano.
Gli insediamenti della zona sono stati presi d'assalto tra gli applausi arrabbiati e contenti degli abitanti del quartiere, le case sono state bruciate, i Rom o...

Rom, il capro espiatorio ideale
Ormai è sui rom che si concentra l'intero problema sicurezza. O meglio è su di loro che si prepara a scaricarsi come una folgore. Col consenso di tutti. Resi indifendibili, sicuramente indifesi: il capro espiat...

Frattini, l'Italia chiederà i fondi Ue a favore dei Rom
“L'Italia è fino ad ora l'unico Paese che non ha chiesto fondi europei per programmi di integrazione dei rom: il governo Berlusconi li chiederà subito, come ha fatto la Spagna che ha ottenuto 60 milioni di euro negli ultimi cinque anni”. Lo ha annunciat...

La criminalizzazione dei Rom
Sembra che l’allarme criminalità in Italia sia dovuto solo alla presenza dei Rom. Ovviamente non è così (anzi). Ma il centrodestra ha battuto molto su questo tasto in campagna elettorale e per cui capisco che debba dare un “segnale forte” nei primi atti ...

Consiglio d'Europa: no ai commissari straordinari per i Rom
“La decisione di dotare i prefetti di poteri speciali per quanto concerne specificatamente la comunità rom e di istituire la figura di un commissario nazionale per gestire l'emergenza rom si fonda su pregiudizi e non fa che perpetuarli”. Questa l'opinione ...

Maroni, no ad espulsioni di massa
Pacchetto sicurezza all'esame del Colle, mentre - tra le misure - spunta l'ipotesi di maxi pattugliamenti misti forze di polizia-esercito nelle città. Purtroppo l'idea del commissario all'emergenza rom fa proseliti, tanto che, dopo Milano, la nuova figura sarà istituita anche a Roma e Napoli, mentre il sindaco di Torin...

Sinti e Rom in Italia
Oggi in Italia i Sinti e i Rom, denominati “zingari” e “nomadi” in maniera dispregiativa ed etnocentrica, sono oggetto di discriminazione, emarginazione e segregazione anche all’interno delle stesse associazioni pro-rom/sinte. La discriminazione è est...

Comunità ebraiche, a Napoli atti di discriminazione
“L'indiscriminata espulsione di massa di un gruppo etnico potrebbe forse produrre momentanei consensi e una breve ed effimera illusione, ma ben presto la vera natura discriminatoria di un simile atto emergerebbe con chiarezza e verrebbero messi a nudo tu...

Nisida, Nisida... così vicina così lontana
Ciao amica mia, dicono che il carcere di Nisida pare uno scoglio in mezzo al mare, che ci hanno fatto pure le cartoline, ma sempre carcere resta… con le mura, le chiavi e le sbarr...

Napoli, «è la nostra pulizia etnica»
All’inizio è soltanto una colonna di fumo, un segnale che nessuno collega allo sciame di motorini che attraversano sparati l’incrocio di via Argine, due ragazzi in sella a ogni scooter...

Il triangolo nero
Violenza, propaganda e deportazione. Un manifesto di scrittori, artisti e intellettuali contro la violenza su rom, rumeni e donne, aderisci anche tu...

I Kalè chiedono al Governo italiano di difendere i Sinti e i Rom
Los gitanos italianos especialmente, y muchos otros grupos gitanos del resto del mundo, se están dirigiendo a nosotros pidiéndonos ayuda. La mayoría son mensajes angustiados de una comunidad asustada ante el triunfo aplastante de la coalición polít...

Napoli, leader del PD fomenta atti di razzismo
Non cerca di nascondersi dietro un dito Giuseppe Russo, consigliere regionale del Partito democratico. Rivendica anzi un ruolo di primo piano nell'ideazione e nella stesura del manifesto intitolato «via gli accampamenti Rom da Pontic...

Appello a tutte le organizzazioni europee sinte, rom, kalè, manouche, romanichals
Sucar Drom lancia un appello a tutte le organizzazioni europee sinte, rom, kalè, manouche, romanichals perché intervengano sui rispettivi Governi nazionali per esigere dall’Italia il rispetto delle Direttive europee e della Carta dei Diritti dell’U...

L'Europa si indigna mentre il Governo italiano criminalizza i Rom
"Il governo (spagnolo) respinge la violenza, il razzismo e la xenofobia, e perciò non può condividere quanto sta accadendo in Italia, è evidente", ha affermato questo pomeriggio De la Vega (in foto...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/05/2008 @ 10:21:50, in Italia, visitato 1610 volte)

L'Ue boccia la revisione di Schengen e La Russa propone «pattuglie di quartiere» con l'esercito. Napolitano frena Maroni che invita alla «calma». Intanto, qualche buona notizia: Genova rifiuta il Commissario etnico e propone ostelli per i rom. E a Mantova nasce la prima rete «nazionale» Comitato rom e sinti insieme

Ci voleva la festa della polizia perché il ministro dell’interno Roberto Maroni si rendesse conto che la retorica anti-rom avrebbe svegliato mostri. Nel discorso tenuto a Piazza del popolo, davanti agli agenti, Maroni ha detto che «bisogna evitare che la rabbia prevalga sulle regole della convivenza civile» e ha definito «orribile» il tentativo di pogrom contro il campo rom di Ponticelli, a Napoli. Una correzione di rotta che non trova però riscontro nelle dichiarazioni dei colleghi di governo. Il ministro della difesa Ignazio La Russa, per non perdere l’occasione di salire sul carro dell’allarme «sicurezza», propone di creare «pattuglie» composte da un vigile urbano, un poliziotto, un carabiniere, un finanziere e un soldato. Il manuale Cencelli applicato al controllo del territorio. Perfino il neosindaco di Roma Gianni Alemanno dice che la proposta di La Russa è «da prendere con cautela», ma intanto nella capitale anche stanotte c’è stata un’operazione contro i campo rom, nel quartiere Portuense. Si allunga anche la lista delle città che vorrebbero il commissario straordinario. Dopo Roma e Milano, anche Napoli e Torino si sono improvvisamente accorte di aver bisogno di un commissario per affrontare la presenza di poche migliaia di rom. O forse Rosa Russo Jervolino e Sergio Chiamparino volevano dimostrare di non essere da meno rispetto a Letizia Moratti e Alemanno.
La difficoltà di tradurre in pratica i proclami governativi emerge però molto velocemente. Lo stesso Maroni è salito al Quirinale per discutere con Napolitano del «pacchetto sicurezza» che il consiglio dei ministri discuterà nella sua prima riunione, probabilmente mercoledì 21 a Napoli. Napolitano ha fatto notare che una serie di misure, compreso il reato di immigrazione clandestina, non sono adatte a essere inserite in un decreto. Il governo si appresta a smistare le norme da introdurre. Una parte sarà contenuta in un decreto legge [e dovrebbero essere quelle più «operative» in tema di poteri alle polizie locali e nazionali] una parte, invece, sarà inserita in un disegno di legge che seguirà il normale, anche se molto accelerato, iter in parlamento. E mentre il ministro degli esteri Franco Frattini cerca di ricucire i rapporti con la Romania e con la Libia, da Bruxelles arriva una mezza doccia fredda: in un comunicato, la Commissione europea ha precisato che non ci sarà alcuna revisione del trattato di Schengen, come invece aveva chiesto Frattini.
Intanto, anche se i «grandi» media non ne parlano, ci sono anche buone notizie: arrivano da Genova e da Mantova. Il giunta comunale del capoluogo ligure, infatti, non solo ha rifiutato la proposte del ministro Roberto Maroni di istituire un Commissario straordinario per i rom, ma ha anche proposto di aprire nelle prossime settimane un paio di ostelli per l’accoglienza delle famiglie allargate rom e di altri senza dimora della città. «Per vent’anni Genova ha avuto due grandi campi rom, uno a Bolzaneto di sinti, e uno a Monassana di rom per lo più serbi–racconta Antonio Bruno, consiliere Prc–Negli ultimi mesi era nato un campo abusivo nell’area delle fabbrica abbandonata Miralanza, nel quartiere Fegino, che ospita trecento rom. La scorsa settimana alcuni abitanti hanno organizzato una Passeggiata per la legalità contro di loro. Con l’idea degli ostelli vogliamo dimostrare che è possibile, pur tra molte difficoltà, sperimentare politiche sociali diverse. Abbiamo già individuato una prima casa abbandonata di proprietà pubblica che potrebbe presto essere destinata ad ostello».
A Mantova, invece, sabato 17 e domenica 18 maggio si incontrano decine di associazioni e gruppi informali rom per dare vita al primo Comitato di rom e sinti insieme. Si tratta di una rete, completamente autogestita, nata nel 2007 per unire tutte le popolazioni e le organizzazioni rom e sinte in Italia. Uno degli obiettivi del comitato, spiegano i promotori, è la costruzione di un’effettiva partecipazione politica dei rom: anche per questo, nei mesi scorsi la nascente rete ha diffuso una lettera-documento dal titolo «7 punti per i politici italiani», con cui chiede alla politica e alla società di riconoscere i rom e i sinti come soggetti sociali attivi. I sette punti riguardano in particolare: la partecipazione diretta dei rom, l’istituzione di un Ufficio nazionale e uffici periferici con la partecipazione dei rom, il riconoscimento status di minoranza, la parità di trattamento di fronte alla legge, l’introduzione del diritto di suolo [jus soli, chi nasce in Italia ne è per ciò stesso cittadino], il superamento dei «campi nomadi» e la promozione delle culture rom e sinte per superare pregiudizi e stereotipi. L’obiettivo, insomma, è di «superare le politiche assistenziali di inclusione sociale, di integrazione, di assimilazione e promuovere in maniera costruttiva politiche di interazione, di partecipazione diretta e di mediazione culturale. La finalità è rendere le minoranze sinte e rom protagoniste sociali pensanti».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/05/2008 @ 08:25:05, in blog, visitato 1719 volte)

Da COMITATO SPAZIO PUBBLICO DI SCAMPIA

Dopo tanti anni trascorsi a occuparsi del Carnevale e delle sue maschere, i gruppi del COMITATO SPAZIO PUBBLICO di Napoli invitano cittadini, associazioni e istituzioni a smascherare la guerra tra ‘poveri’ (napoletani/rom) scatenatasi negli ultimi giorni a Napoli. Come sempre, le guerre tra poveri le scatenano i “ricchi” e, come sempre, sono solo i “ricchi” che finiscono per avvantaggiarsene.
Invitiamo la città a aprire gli occhi, a vedere i tanti burattinai che stanno tenendo i fili di questo spettacolo mediatico.
Sappiamo quanto sia difficile ragionare quando si è accecati dall’odio e dal risentimento, eppure ci sono alcuni fatti certi:
1) “67 milioni di euro: la Giunta Comunale ha approvato i progetti preliminari per il Programma di Recupero Urbano (Pru) nella zona di Ponticelli. Ora bisogna soltanto fare presto, perché se i cantieri non aprono entro il 4 agosto, vengono revocati i finanziamenti ministeriali”, così scriveva il Corriere della Sera del 22.02.2008. Il primo fatto è dunque questo: se entro agosto 2008 non iniziano i lavori per la costruzione degli edifici previsti, imprese edili e affini rischiano di perdere 67 milioni di euro.
2) A Napoli i clan camorristici si occupano normalmente di edilizia, settore in cui hanno forti interessi.
3) Secondo la ricostruzione fatta dalle Forze dell’ordine e dei principali quotidiani locali, dietro agli incendi dei campi di Ponticelli c’è la mano dei clan camorristici. Dato questo di cui bisogna tenere conto assieme ad altri due: a Napoli si finisce sempre per dare la colpa alla fantomatica “Camorra”; l’intreccio tra Camorra, istituzione, imprenditoria e cittadini è spesso indistricabile.
4) L’Italia sta attraversando un momento politico di grosso cambiamento. La destra ha guadagnato i suoi voti convincendo gli italiani che le città sono insicure, che sono insicure soprattutto per colpa degli stranieri, che solo la destra ha il pugno duro contro gli stranieri. Per capire quanto sia falsa la “questione stranieri”, basta guardare allo spazio destinato da televisioni, radio e giornali agli “stranieri”, e quanto poco viene invece riservato ai problemi reali (disoccupazione, disonestà dei politici…).
5) Lo spostamento a destra della politica, soprattutto in tema di sicurezza, ha riguardato anche i partiti di sinistra. Molti sono stati gli atti e le dichiarazioni degli ultimi mesi da parte di questo schieramento politico, dove è facile rinvenire intimidazioni e volontà di cacciare i rom di Ponticelli (vedi manifesto dei consiglieri PD sul Corriere della Sera del 14/05/08) .
“Quanto portato a termine dai facinorosi” – ha detto il vicepresidente della VI Municipalità – “doveva essere fatto dall’Amministrazione pubblica da un bel po’” (dal quotidiano Roma, 15 maggio 2008).
6) Le istituzioni cittadine si sono finora dimostrate incapaci a affrontare i problemi di convivenza tra rom e altri napoletani, lasciando che si aggravassero le condizioni alla base di tensioni e malesseri.
7) Se i giudici dovessero accertare (in Italia vige ancora il “principio di innocenza”) che davvero una rom ha tentato di rapire una bambina a Ponticelli, sarebbe il primo episodio della storia. Fino ad oggi infatti, mai, in nessun caso, un rom (italiano, slavo o rumeno) ha rubato un bambino/a.
Basta guardare gli atti giudiziari. Oppure alla cronaca di quest’estate, dove i tanti allarmi anti rom si sono subito dimostrati bluff. Ad esempio nei confronti della rom che nell’ agosto 2008 venne accusata di voler rapire un bambino sulla spiaggia. Dopo pochi giorni venne accertata l’assoluta infondatezza di quest’accusa. Con tanto di scuse dei genitori che l’avevano ingiustamente accusata.
8) I rom non sono nomadi, non vanno a vivere da un posto all’altro per “cultura”, ma perché “cacciati” dai poteri legali e illegali degli stanziali.
9) E’ legittima e auspicabile la riqualificazione di aree urbane, purché del miglioramento possono avvantaggiarsi tutti gli abitanti di quelle aree, rom compresi. Nel caso di Ponticelli la riqualificazione avviene sulla pelle di alcuni degli abitanti del quartiere, i rom appunto.

SONO SOLO NOVE PUNTI, ma forse bastano per capire che la “guerra etnica” non c’entra niente. Che la violenza di cui sono stati vittima bambini, donne e uomini a Ponticelli nel maggio 2008, sono avvenute a causa della guerra che i potenti, i “ricchi”, si stanno facendo sulle teste di chi è stato “cacciato” e di chi “ha cacciato” negli ex campi rom a Ponticelli.
Vittime sono tutti, perché ai primi è stata tolta la casa/baracca, agli altri la capacità di ragionare col proprio cervello.

SMASCHERATE LA MENZOGNA DI PONTICELLI,
LE MASCHERE SERVONO SOLO PER IL CARNEVALE!
Invitiamo associazioni, scuole, famiglie e singoli cittadini a organizzare incontri di conoscenza e approfondimento sulla questione dei rom e degli spazi pubblici

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


28/01/2020 @ 10:27:28
script eseguito in 157 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3957 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source