Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 15/09/2010 @ 11:53:58, in musica e parole, visitato 1269 volte)

18 settembre 2010 Parco Trotter di Milano, sul palco insieme a noi ci sarà anche SUD SHUKAR, giovane formazione amica di stampo rumeno e rom

dalle 18!!
(dopo di noi Rita Pelusio e Avion Travel)

venite al parco a godervi uno degli ultimi pomeriggi estivi che Milano regala al ritmo della muzika balcanica

L'appuntamento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/09/2010 @ 09:50:46, in scuola, visitato 1442 volte)

Segnalazioni di Stefano Pasta

In allegato l'articolo del Corriere della Sera, 14 settembre

Da Metro 14-10-2010 pag11
Piccoli rom a scuola.
Scuola da una settimana vagano fra ponti e zone degradate della città in cerca di un riparo, sfuggendo ai ripetuti sgomberi. Ma ieri mattina si sono presentati puntualmente sui loro banchi per il primo giorno di scuola. Per i 17 bimbi rom, fino a non pochi giorni fa accampati in via Rubattino, ieri, è suonata la prima campanella. Per altri 12 iscritti nelle elementari di Lambrate e Crescenzago, no. I continui spostamenti hanno impedito loro di arrivare in classe."Nelle condizioni in cui si trovano ora - spiega Elisa Giunipero della Comunità di Sant'Egidio - era veramente difficile vederli a scuola. E invece 17 di loro c'erano, a dimostrazione della grande volontà di integrazione, da parte loro e dei loro genitori. Alcuni sono stati accompagnati dai volontari, altri sono venuti con le famiglie - C'è chi ha fatto anche un'ora di strada per portarli a scuola. Speriamo di rivederli anche nei prossimi giorni "Maestre e volontari sono convinti che, senza il recente sgombero, ieri in classe sarebbero arrivati tutti e ventinove." E invece di quei dodici non sappiamo nulla - racconta Flaviana Robbiati, che insegna nell'elementare di via Cima - chissà dove sono. Forse a nascondersi fra qualche cespuglio...Purtroppo questi piccoli vedono cose che i bambini non dovrebbero vedere. Così non va bene"
Marco Bresolin

da d-news
14-09-2010
Diciassette presenti su 29 rom di via Rubattino
Banchi vuoti a Lambrate e Crescenzago. Ieri altro blitz.
Su ventinove iscritti dai 5 ai 13 anni alle scuole di Lambrate e Crescenzago, ieri mattina, primo giorno di scuola, se ne sono presentati 17. Quattro iscritti alle medie, tutti gli altri alle elementari. Sono arrivati con le cartelle e gli zaini preparati con una colletta, dai genitori e dagli insegnanti che in questi anni, insieme alla Comunità di Sant'Egidio stanno portando avanti numerosi progetti di integrazione. Una famiglia di rom ha dormito nei giardini davanti alla scuola di via Feltre per garatnire la le lezioni al figlio. La mamma ha partorito con un taglio cesareo 11 giorni fa. E ieri gli agenti della municipale hanno sgomberato ancora: 24 rom allontanati da Rubattino che si erano fermati in via Gozzoli.

da Dnews (freepress), 13 settembre 2010
Rubattino.
Lo sconforto dei volontari: «I blitz spostano il problema, non lo risolvono»
Primo giorno di scuola per i bimbi rom. «Ma ci aspettiamo molti banchi vuoti»
Docce in parrocchia:
Ieri pomeriggio, decine di alunni in via Pitteri per prepararsi al rientro in classe

Enza Mastromatteo
Milano
Stamattina suona la campanella di inizio lezioni anche per i 29 bambini sgomberati dal campo irregolare di via Rubattino, martedì scorso. «E purtroppo ci aspettiamo molti banchi vuoti», spiega Stefano Pasta, della Comunità di Sant'Egidio. «Nell'ultima settimana, alcune famiglie hanno subito un allontanamento al giorno. Ora sappiamo dove sono, riusciamo a restare in contatto con loro, ma domani chissà...», continua Pasta. Alcuni frequentano le classi delle scuole di Crescenzago e Lambrate già da due o tre anni. Per altri è il primo giorno. Da settimane, la comunità di Sant'Egidio, assieme alle maestre e al comitato genitori della scuola di via Feltre, nella parrocchia dei Santi Martino e Gerolamo Emiliani, portano avanti i corsi pre-scuola. «Questi sgomberi mandano all'aria il faticoso lavoro di questi anni. Il degrado in cui vivono non si combatte con i blitz, ma con l'integrazione», spiega Pasta, elencando i risultati raggiunti finora: due case cointestate a famiglie milanesi e rom,14 famiglie inserite in progetti di inserimento abitativo e borse lavoro per genitori rom, trasformate in assunzioni. «A novembre scorso c'erano 300 nomadi in via Rubattino. Martedì scorso erano meno di 200. Che fine hanno fatto gli altri? Non li hanno mandati via le ruspe, ma questi progetti di integrazione», sottolinea Pasta. Ieri pomeriggio, i volontari erano nella parrocchia di via Pitteri per permettere ai bimbi di fare una doccia. Gli sfollati di Rubattino hanno trovato una "casa" in altri posti di fortuna, all'ombra di nuove baracche. E stamattina alcuni di loro ci metteranno fino a un'ora e mezza di strada sui mezzi pubblici per raggiungere le loro scuole. Sempre che non arrivino di nuovo le ruspe.

da Redattore Sociale, 13 settembre
ROM/SINTI
Via Rubattino, a scuola dopo lo sgombero: in classe 17 bambini su 29
Catena di solidarietà di volontari, maestre e genitori dei compagni per procurare vestiti puliti. Nessun scuolabus del Comune di Milano per quelli ospitati nel dormitorio di viale Ortles
MILANO - Oggi è stato il primo giorno di scuola anche per i bambini rom che sono stati sgomberati da via Rubattino martedì scorso. Su 29 che erano iscritti alle scuole elementari della zona (via Feltre, Pini, Cima e Crescenzago) se sono presentati 17. "Hanno passato una settimana difficilissima: dormito dove capitava, saltato pasti -racconta Flaviana Robbiati, una delle maestre-, ma oggi c'erano, sono coraggiosi". 12 banchi sono rimasti vuoti: "Non sappiamo cosa accadrà domani - sottolinea Flaviana Robbiati -. I vigili urbani e la polizia continuano a cacciare queste famiglie ogni volta che decidono di fermarsi in qualche punto della città". Le maestre, i genitori dei compagni, i volontari della Comunità Sant'Egidio e della parrocchie non hanno mai lasciato solo i rom sgomberati. "Ieri abbiamo accompagnato i bambini nella parrocchia di via Pitteri per la doccia - racconta Elisa Giunipero della Comunità di Sant'Egidio -. Ci tengono molto a presentarsi a scuola puliti e in ordine". È partita anche una raccolta di vestiti, materiale scolastico, sacchi a pelo, coperte e tende. Questa mattina, di buonora, i volontari sono andati a prendere i bambini che si trovano in zone lontane dal quartiere Feltre. Anche quelli ospiti con le loro mamme nel dormitorio pubblico di viale Ortles. Il Comune, per ora, non ha fornito un servizio di scuolabus, almeno per quelli che sta ospitando. (dp)
© Copyright Redattore Sociale
da Redattore Sociale, 8 settembre 2010

08/09/2010
15.17
ROM/SINTI
Via Rubattino, nessuno abbandona i bambini sgomberati
"Continuiamo il pre-scuola con i bambini rom": la comunità di Sant'Egidio, le maestre e il comitato genitori della scuola di via Feltre non lasciano per strada i piccoli. E lo sgombero di ieri continua a suscitare critiche
MILANO - "Continuiamo il pre-scuola con i bambini rom": la comunità di Sant'Egidio, le maestre e il comitato genitori della scuola di via Feltre non abbandonano i rom sgomberati ieri da via Rubattino. "Lunedì si torna tra i banchi e vogliamo che arrivino preparati", afferma Elisa Giunipero, della comunità di Sant'Egidio. Da una settimana nella parrocchia dei Santi Martino e Gerolamo Emiliani 25 bambini del campo, dai 4 ai 13 anni, frequentavano il pre-scuola organizzato dai volontari per facilitare il loro ingresso nel mondo della scuola. "Siamo in contatto con le famiglie rom e troveremo il modo per farli venire", conclude Elisa Giunipero.
Lo sgombero di ieri continua a suscitare critiche. In un comunicato stampa del comitato genitori della scuola di via Feltre, il presidente Domenico Protti scrive che "tra cinque giorni, molti dei bambini presenti (29) avrebbero ripreso la scuola. L'unica possibilità per poter pensare ad un futuro diverso dai propri padri, dalle proprie madri. Negato. Bambini senza diritto di istruzione. Senza il diritto di sapere che si può vivere diversamente". "La politica e le istituzioni hanno offerto solo sgomberi. Sgomberi che hanno comunque un costo molto alto, nella speranza di essere ripagati con la moneta elettorale", commenta Domenico Protti.
I volontari, il comitato genitori e alcune maestre hanno seguito quest'anno i rom di Rubattino. "Qualcosa è cambiato -scrive il presidente del comitato genitori-. Si è creata una rete di solidarietà, di affetto, di contatti che con le proprie sole forze è riuscita a dare qualche speranza a qualcuna di queste famiglie. Qualche genitore Rom ha trovato lavoro, seppur temporaneo; qualche famiglia Rom è riuscita a trovare anche una casa".
La scuola è la scommessa delle famiglie rom. "Tutte hanno compreso l'importanza della scuola per i propri figli -sottolinea Domenico Protti- ed hanno messo in atto una grande determinazione e volontà nel far frequentare con continuità le lezioni, nonostante i continui disagi e incertezze a cui dovevano far fronte. Hanno capito che, attraverso la scuola, un processo di integrazione è possibile". (dp)
© Copyright Redattore Sociale

07/09/2010
11.49
ROM/SINTI
Milano, sgomberati i 250 rom di via Rubattino
Le persone che si erano insediate nell'ex area industriale dell'Innocenti sono state allontanate dalla polizia, con l'assistenza dei servizi sociali, per trovare un primo, provvisorio rifugio. Il comandante Mastrangelo: "La situazione era pericolosissima"
MILANO – Annunciato più volte negli ultimi mesi, lo sgombero dell'insediamento rom nell'ex area industriale di via Rubattino a Milano è stato portato a termine questa mattina. All'alba della prima vera giornata d'autunno dell'anno, con pioggia e aria fredda, le 250 persone rom romene che da mesi bivaccavano tra le rovine cadenti dell'ex insediamento industriale dell'Innocenti sono state allontanate dalla polizia, con l'assistenza dei servizi sociali, per trovare un primo, provvisorio rifugio, pochi metri dopo l'uscita del campo, sotto il ponte della tangenziale est.
"Perché lo sgombero arriva sempre quando arriva freddo? -chiede un giovane rom in jeans e giubbotto di pelle -.Ci dicono 'andate via'... Ma dove andiamo? Tutta la gente deve sapere la vita che facciamo. Se non ci danno una casa e un lavoro, in inverno le persone moriranno di fame. O ci danno il denaro per fare un campo oppure sarebbe meglio che facessero come i francesi: almeno là ai rom hanno dato i soldi per tornare a casa. Siamo zingari, ma anche noi abbiamo il sangue rosso e il cuore buono".
Nell'ex area industriale "la situazione era pericolosissima - dice Tullio Mastrangelo, comandante della polizia locale di Milano -: ci sono plafond in ferro che penzolano dal tetto, qua e là buche profonde tre metri, come delle foibe, con il pericolo che qualcuno possa caderci dentro in ogni momento. Il comune e i servizi sociali hanno chiesto se accettavano l'accoglienza, per gli uomini in una struttura, per le donne e i bambini in un'altra, ma loro tendono a voler stare insieme".
"Sono stata qui domenica scorsa e la situazione era tranquilla, anche se c'era preoccupazione perché già da qualche giorno lo sgombero era stato annunciato -dice Patrizia Quartieri, consigliere comunale di Rifondazione Comunista-. A me aveva stupito, parlando con alcune mamme, la loro preoccupazione perché i loro figli non avrebbero più potuto frequentare la scuola: un discorso che, solo un anno fa, non avevo sentito fare e che testimonia il lavoro fatto dalla Comunità di Sant'Egidio e dal volontariato. Un lavoro, tra l'altro, che è sempre stato richiesto dall'amministrazione come una delle condizioni per l'integrazione. Loro, i rom, avevano preso seriamente quest'impegno. Non altrettanto l'amministrazione che, secondo me, ha voluto fare un regalo alla Lega perché siamo in campagna elettorale per le comunali. Ora li sposteranno di 500 metri, ma la situazione non cambia".
Da domani tutte le attività di integrazione, in primis la scuola, sono a rischio. Da due giorni era iniziato il pre-scuola, organizzato dal gruppo delle mamme di via Rubattino, dalla Comunità di Sant'Egidio, dai volontari della parrocchia dei Santi Martino e Gerolamo Emiliani e da due delle insegnanti delle scuole elementari della zona, a cui partecipavano 25 bambini del campo dai 4 ai 13 anni (vedi lancio del 5 settembre 2010, ndr). "Questo sgombero interromperà l'esperienza -dice Silvia Borsani, maestra elementare-. Oggi una bambina mi ha chiesto: 'Maestra, ma riuscirò ancora ad andare a scuola?'". (ar)
© Copyright Redattore Sociale

07/09/2010
16.18
ROM/SINTI
De Corato: "La litania dei bambini che non potranno andare a scuola è falsa"
Il vice sindaco torna sullo sgombero di rom e sinti e risponde alle associazioni: "A mamme e bambini è stato offerto un tetto nelle strutture comunali e in 23 hanno accettato"
MILANO - "La litania dei bambini che non potranno andare a scuola è falsa, visto che a mamme e bambini è stato offerto un tetto nelle strutture comunali e in 23 hanno accettato". Il vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato, risponde alle reazioni delle realtà del volontariato più vicine ai rom, tra cui la Comunità di Sant'Egidio, innescate dallo sgombero della comunità nomade dell'ex insediamento produttivo dell'Innse, avvenuto in mattinata in via Rubattino a Milano (vedi lanci nel notiziario di oggi, ndr). "Solo dieci giorni fa i vigili hanno salvato una sedicenne rom da uno stupro di gruppo sotto minaccia di pistola arrestando un diciannovenne del campo. E qualche giorno fa la Polizia di Stato è riuscita a individuare un secondo responsabile che è finito in manette. Uno spaccato che è fintamente ignorato da quel mondo buonista dell'associazionismo e dei sociologi abituato per partito preso a difendere sempre e comunque gli abusivi. Anche perchè sul caso rom ci campano". Intanto anche la Lega Nord, per tramite del segretario milanese Igor Iezzi e dell'assessore provinciale alla Sicurezza, Stefano Bolognini, ha espresso soddisfazione per lo sgombero.
"Con l'intervento di via Rubattino –prosegue De Corato – abbiamo smantellato il principale insediamento abusivo di Milano imponendo alla proprietà privata la messa in sicurezza. E abbiamo liberato i residenti che erano sotto scacco per le violenze dei 200 occupanti. La maggior parte se ne sono già andati fuori Milano con le proprie autovetture, mentre 23 (donne e minori) hanno accettato l'accoglienza nelle strutture comunali di viale Ortles e una donna con bimbo è stata accolta dai Padri Somaschi. Un segnale positivo, alla luce anche dei bus diretti in Romania, che cominciano a spuntare e che riportano in patria gli irregolari come è successo l'altro giorno al parco Cassinis. I nomadi stanno cominciando a capire che per loro Milano è off-limits".
"Ora serve riprendere i rimpatri fermi al 2008 -prosegue il vicesindaco-. Il ministro Maroni, che ha annunciato un giro di vite anche sui reingressi, ordini alle Prefetture di riattivare gli allontanamenti per violazione della direttiva europea n.38 del 2004. E in base alla quale nel 2008 sono stati 143 i romeni nullafacenti allontanati per cessazione di diritti di soggiorno e 32 per motivi imperativi di pubblica sicurezza". Ora che "la ‘bomba' Rubattino è stata disinnescata, i miei uffici sono letteralmente sommersi di ringraziamenti", dice De Corato, sottolineando il "terrore" che era stato espresso dai cittadini per la ripresa della scuola "alla luce dei tanti episodi di delinquenza, violenza e inciviltà" procurati, scondo De Corato, dai nomadi. "Milano è ostile agli abusivi -conclude il vicesindaco-. Che verranno continuamente sgomberati ovunque si posizionino". (ar)
© Copyright Redattore Sociale

Stefano Pasta
stefanopasta@gmail.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Marylise Veillon (del 15/09/2010 @ 09:16:44, in Europa, visitato 1114 volte)

Da Roma_Francais

ANTEPRIMA DEL PROGETTO DI UN CENTRO CULTURALE NAZIONALE

L'idea di un Centro Culturale Indo-Romanì è stata avanzata da Vania de Gila-Kochanowski all'inizio degli anni '60. E' stata di seguito ripresa dal Comitato Internazionale Rom. Nel corso degli anni, molteplici progetti sono stati depositati presso diverse istanze senza alcun successo, malgrado i comitati di sostegno scientifici.

Visto che i media indicano una popolazione zigana di quattrocentomila persone in Francia (cifra che noi contestiamo, in quanto questa popolazione ha sicuramente superato il milione), sarebbe quindi equo che sia creato un tale Centro Culturale. Infatti, tutte le minoranze dispongono in Francia di tali centri e, solo per citarne un esempio, il Centro Culturale Jean-Marie Tjibaou è stato appena creato per soltanto centoventimila Kanakes, in Nuova Caledonia, costruito da un gran architetto e impiegando ottantacinque persone pagate dalle sovvenzioni territoriali.

La creazione di un tal Centro non può che facilitare la nostra unione politica.

I recenti avvenimenti mostrano che i media ripetano sempre le stesse contro-verità sulla realtà zigana, perché prendono l'essenziale delle loro informazioni alle stesse fonti gadjikane, non autorizzate, e la maggior parte del tempo auto-proclamate. Un Centro Culturale sarebbe il luogo istituzionale di diffusione delle informazioni sulla realtà tzigana.

Le caratteristiche del futuro centro dovrebbero essere le seguenti:

Finanziamento:

Essenzialmente finanziato dallo stato e le collettività territoriali, in quanto gli zigani sono contribuenti come gli altri, i quali pagano le tasse. Il finanziamento include la sua costruzione e le sue spese di mantenimento e di funzionamento.

Gestione:

Lo stato apporta il suo aiuto benevolo e le sue garanzie.

Il Centro è diretto da un Consiglio d'Amministrazione, i quali membri appartengono tutti alla comunità zigana francese, e sono rappresentativi delle diverse associazioni ed etnie: ha tutto il potere decisionale sulla politica culturale. Sono codeste associazioni che designano loro stesse i loro rappresentanti, secondo delle modalità a definire. In nessun caso sono imposti dallo stato o da un gruppo di pressione gadjikano.

La gestione finanziaria è assicurata da un amministratore, approvato congiuntamente dallo stato e dal Consiglio d'Amministrazione, e assistito da un Consiglio di Gestione.

Le sovvenzioni sono completate da proventi di manifestazioni o di prestazioni paganti.

Lo stato è garante della sicurezza e della perennità delle installazioni. In particolare, opere d'arte, collezioni e archivi depositati in modo permanente o temporaneo sono considerati come patrimonio, e posti sotto la sua salvaguardia.

Scopi:

Il Centro Culturale deve innanzitutto essere una vetrina della cultura zigana in Francia. Deve potere accogliere i suoi artisti, i suoi intellettuali, i suoi rappresentanti politici così come i loro interlocutori stranieri. Tutte le grandi associazioni zigane nazionali possono avervi un riferimento (casella postale, indirizzo internet ecc…)

Si propone di mostrare la diversità della nostra cultura, senza privilegiare nessuna etnia e senza esclusiva.

Ha la vocazione di accogliere il più ampio pubblico per spettacoli, mostre (permanenti o temporanee), colloqui, seminari ecc… E' munito di una biblioteca e di archivi pubblici o semi-pubblici. Ha anche la vocazione di accogliere i ricercatori.

Serve di base e di intermediario ai differenti Centri Culturali locali o regionali preesistenti o da crearsi, senza calpestare la loro autonomia.

Localizzazione:

Il Centro Culturale deve essere di facile accesso per la comunità zigana, compresa quella itinerante. Una posizione centrale nell'esagono e la prossimità di uno snodo autostradale sono auspicabili.

Deve comprendere una parte di edifici in muratura comportando: sale di lavoro, sale di esposizione, palcoscenico e/o auditorio, biblioteca e sala archivi, alloggio di portineria, sala per la ristorazione e luoghi d'accoglienza per gli ospiti stranieri.

Deve anche comportare un'area di accoglienza, attinente e controllata, la quale permette ai viaggiatori di fermarsi durante la loro visita del Centro.

Un'altra area all'esterno deve potere essere destinata alle truppe di spettacoli itineranti, permettendo di montare un palcoscenico o un tendone.

Personale:

Oltre al personale per il mantenimento quotidiano: portineria, pulizie, cura degli esterni ecc… e agli addetti all'accoglienza (ospitalità, ristorazione) remunerati con il prodotto delle prestazioni paganti, un certo numero di posti fissi deve essere calcolato nel bilancio. E' infatti auspicabile godere dell'assistenza di personale specializzato:

- in beni culturali per l'organizzazione e la preservazione delle mostre d'opere d'arte e la conservazione di oggetti patrimoniali
- in documentazione, gestione di archivi e biblioteca
- in accoglienza e organizzazioni di meeting e scenografie

Per tutti i posti da creare, le competenze devono essere certificate da diplomi nazionali o qualità evidenti constatate, inoltre le candidature verranno sottoposte al Consiglio d'Amministrazione. Una buona conoscenza del mondo zigane, possibilmente vissuta dall'interno sarà un fattore preferenziale.

Prodotti:

Il Centro è abilitato a produrre spettacoli e mostre paganti, compreso per il pubblico scolastico, sia sul posto, sia in itinere in Francia o all'estero. L'autenticità del suo operato sarà garantita da un logo.

E' ugualmente abilitato a produrre e vendere pubblicazioni con il proprio logo.

Il Centro ha la vocazione di diffondere informazioni tramite tutti i mezzi moderni: radio libera, siti internet, conferenze stampa ecc…

Comitato di sostegno:

La creazione del Centro sarà appoggiata da una petizione nazionale. Un comitato di sostegno il più ampio possibile sarà costituito. Faremo appello a:

- personalità gadjikane dello spettacolo, della politica, della scienza. Saranno prioritariamente sollecitati coloro i quali sono noti per il loro impegno in nostro favore
- i nostri artisti rinomati, ogni etnia mischiata
- tutti i nostri presidenti di associazioni

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/09/2010 @ 09:08:28, in Europa, visitato 2122 volte)

by Paul Polansky

[continua]

Dr. Sergey Shevchenko

(foto da minority-net.net) Il Percorso della Salute del dr. Shevchenko costruito accanto ai cumuli di scorie tossiche che attorniano i campi zingari. I cartelli sono in inglese, serbo ed albanese. In inglese dicono: Inala l'odoure (sic) della salute. E' una sfida per te. VINCILA. L'esercizio creato per un corpo sano.

IL PREMIO "PERCORSO DELLA MORTE": disonora e disgrazia quel dottore ONU che approfittò finanziariamente della costruzione di impianti sportivi su terreni contaminati.

Non tanto tempo fa, chiesi ad un incaricato dell'UNMIK chi avrebbe perseguito per questa tragedia dei campi zingari contaminati da piombo. Senza esitazione, mi disse: 1- il dr. Kouchner per aver messo lì gli zingari; 2- Norwegian Church Aid per aver amministrato i campi senza riportare un decesso o senza aver poi protestato; 3- il dr. Shevchenko per essersi riempito le tasche di soldi con i progetti sportivi realizzati su terreni contaminati.

Il dr. Shevchenko, un optometrista, era il dottore ONU incaricato di Mitrovica nord, che includeva due dei tre campi originari (Cesmin Lug e Kablare). Alcuni del suo staff dicono che è un russo originario di Vladivostok e gira con un passaporto diplomatico russo, ma che vive oggi a Vancouver, BC, Canada. Però, nel 2005 disse all'avvocato americano Dianne Post di avere passaporto canadese.

Ma la cattiva fama del dr. Shevchenko è dovuta al "Percorso della Salute". Ispirandosi ad un parco della salute in Canada, Shevchenko costruì il suo Percorso della Salute su un terreno contaminato tra i campi zingari di Kablare e Cesmin Lug ed i 100 milioni di scorie tossiche la cui polvere per molti giorni ricopriva i campi. Il dr. Shevchenko trasformò un vecchio sentiero di 1,5 Km. in un percorso di jogging tossico ed installò anche barre per gli esercizi accanto al cammino, più una rete da basket e due porte improvvisate da calcio. Pose cartelli blu di due metri con scritte in bianco, firmati dall'ONU in tre lingue, incoraggiando i locali a "respirare l'odore della salute". Gli esercizi, aprire i polmoni, permette a più polvere tossica di entrare nel corpo, ma questo non era menzionato sopra la firma dell'ONU.

Secondo il suo staff ONU, Shevchenko raccolse 66.000 euro per costruire queste infrastrutture sportive, pagandole però ai contraenti locali che le costruirono solo 10.000 euro. Incoraggiato da come fosse facile ottenere fondi per "progetti zingari", il dottore-affarista Shevchenko scrisse allora un progetto da 300.000 euro per costruire più baracche sui terreni contaminati per rifugiati zingari, a favore dei rifugiati che l'ONU stava rimpatriando dalla Serbia. Secondo il suo staff locale il nostro optometrista in orgasmo da sviluppo aveva un contraente serbo locale che intendeva costruire le baracche per 100.000 euro. Quando venne chiesto loro (il suo staff) su perché non premessero per dar luogo ai lavori, mi dissero che avevano così paura di perderlo. Shevchenko lasciò il Kosovo prima che il suo progetto dei baracche venisse approvato.


KAAD (Kosovo Agency for Advacacy and Development)

IL PREMIO DIETA SPECIALE: disonora questa OnG di Pristina che ha amministrato il campo zingaro di Osterode dal dicembre 2008, ma sta facendo pochissimi sforzi per tenere in vita i bambini.

Non ho mai pensato che potesse esserci un amministratore di campi peggiore di Norwegian Church Aid nel non curarsi se i bambini dei campi zingari vivessero o morissero. Ma questa OnG albanese a contratto e finanziata dal governo del Kosovo, potrebbe essere di parecchio peggiore. Ergin Salihi, bambino di nove anni, è entrato ed uscito sette volte dall'ospedale negli ultimi anni per insufficienza renale causata da malnutrizione e debolezza del sistema immunitario causata da avvelenamento da piombo. Suo fratello Robert, cinque anni, è in condizioni persino peggiori. Senza una dieta adeguata, dicono i dottori locali, non vivranno a lungo. Sino a settembre 2009, KAAD ha fornito la dieta speciale al costo di 7 euro al giorno. Da settembre, KAAD ha sospeso la somministrazione dicendo di non potersela permettere.

Quando Human Rights Watch (l'OnG internazionale con base a New York) a novembre 2008 visitò i campi, parlò con una dottoressa part-time del campo, Javorka Jovanovic, che dichiarò che era impossibile distinguere tra cause mediche dipendenti solamente dal piombo e quelle semplicemente collegate alla povertà e alla deprivazione. Aggiunse che la combinazione dei due fattori peggiorava sempre di più ogni condizione. Tuttavia, notava nei bambini su base giornaliera i sintomi da contaminazione come rachitismo, nervosismo, fatica ed epilessia. Disse che l'avvelenamento da piombo stava rendendo i bambini più vulnerabili alle altre malattie.

La dottoressa Jovanovic sentiva che la cattiva salute dei bambini peggiorava a causa della loro dieta. Molte, se non la maggior parte, delle famiglie vanno a cercare il cibo nei container delle discariche cittadine. Nel 2002 ACT/NCA interruppero tutti gli aiuti alimentari ai campi, dicendo che gli zingari ne rivendevano una parte per comprarsi le sigarette. Gli zingari ammisero di vendere alcuni degli aiuti, ma soprattutto per comprare le scarpe perché i bambini potessero andare a scuola. Nondimeno, tutti gli aiuti alimentari vennero fermati nel 2002.

Tutte le madri del campo si sono lamentate con KAAD sulle cattive condizioni igieniche e per la dieta che sta esacerbando la situazione sanitaria dei più vulnerabili, i bambini sotto i sei anni d'età e le donne incinte. La dottoressa Jovanovic ha detto che la concentrazione di malattie nei campi rende la situazione medica senza paragoni con nient'altro che abbia mai visto nei suoi 35 anni come dottoressa.

Anche se KAAD ed il governo del Kosovo non sono responsabili per la costruzione di questi campi su terreni contaminati, furono gli Albanesi che allontanarono gli zingari dalle loro case dopo che le truppe NATO francesi avevano occupato la città. Punire ora i bambini nati lì dopo la guerra appare una rivincita senza senso. Ma è quello che sta succedendo adesso. Altrimenti perché KAAD dovrebbe interrompere  la dieta speciale del novenne Ergin? Sicuramente KAAD che mantiene uno staff di 42 persone ed è finanziata dal governo del Kosovo può permettersi 7 euro al giorno per salvare Ergin ed i suoi fratelli. Nessuno in Kosovo, KAAD specialmente, sembra comprendere che la negligenza dolosa verso i bambini è un crimine.

Fine tredicesima puntata

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Marylise Veillon (del 13/09/2010 @ 09:32:42, in Kumpanija, visitato 1226 volte)

Da Mundo_Gitano

Radio Nederland Wereldomroep Publicado el: 5 de septiembre 2010 - 7:00 de la mañana | Por María Isabel García (http://www.informarn.es)

Mentre a Bruxelles la Commissione Europea studia le recenti espulsioni verso la Romania e la Bulgaria accadute in Francia, la Colombia riconosce il popolo Rrom come patrimonio ed espressione della pluralità culturale ed etnica, consacrata dalla costituzione.

Non si vedono più le tende nella periferia delle città, come successe a Macondo, quando ogni anno, durante il mese di marzo, arrivava Melquiades con le sue invenzioni e i suoi prodigi come attrazioni, che per un momento fecero pensare ad una di quelle di José Arcadios, della saga inventata da Gabriel Garcia Marquez, con le quali si avrebbe potuto attirare l'oro; né l'immensa lente d'ingrandimento con la quale un altro dei Buendia credette d'iniziare le guerre solari.

Nei quartieri di Bogotà, Puente Aranda, Santa Isabel, El Sol, Galan, Camelia e Ciudad Montes, è frequente incrociare delle donne con i loro vestiti lunghi e colorati, talvolta con una sciarpa legata ai fianchi e lunghi orecchini. Sono Gitane, che abitano come una volta nei dintorni della capitale colombiana, dove si calcola ci siano 60 famiglie gitane, circa 700 persone, dei cinquemila che si stima risiedono in tutto il paese. Cucuta, alla frontiera nord con il Venezuela, è la città con la maggiore concentrazione di membri del popolo Rrom. Gli uomini non si distinguono molto nel loro abbigliamento, generalmente indossano vestiti scuri, anche se caratteristici a secondo del loro mestiere: forgiatura dei metalli, o allevamento e scambio di cavalli.

Riconoscimento

"La comunità gitana è uno dei multipli gruppi umani che vivono a Bogotà e che grazie a le sue manifestazioni artistiche rinforza la diversità del patrimonio culturale intoccabile della città", affermò domenica scorsa (29 agosto 2010), il Sindaco della capitale, Samuel Moreno, a una festa gitana, durante la quale annunciò che, all'occasione di un prossimo incontro sperava di firmare un documento relativo alla Politica Pubblica per i Rrom.

In questi giorni, il popolo Rrom di Colombia celebra l'emissione del decreto 2957, che riconosce loro caratteristiche specifiche nonché il loro contributo "al processo di formazione della nazionalità colombiana e come parte del patrimonio etnico e culturale della nazione" secondo Moisés Mediano, rappresentante delle popolazioni al Ministero della Cultura.

L'eccezionale Dalila

Nativa di Bogotà e cittadina del mondo, Dalila Gomez la quale si definisce come una "ribelle con i gitani", è un ingegnere industriale con studi di amministrazione pubblica. Questo è piuttosto eccezionale nella sua comunità, fortemente tradizionalista in quanto al ruolo della donna, il quale si svolge prevalentemente all'interno del nucleo famigliare. Tuttavia, lei è visibilmente a capo del processo che già da una decina di anni, ha iniziato a liberare il popolo Rrom alla ricerca di un riconoscimento legale. Ha dato l'impulso e seguito i lavori che portarono parzialmente al culmine, il 6 agosto 2010, con l'emissione del Decreto che lo riconosce come comunità etnica con un'identità, la cui forma di organizzazione sociale e la lingua propria hanno definito storicamente le sue istituzioni politico-sociali.

Dalila riferisce che le strategie di incidenza politica si concentrarono nel rendere la comunità più visibile, tramite i mezzi di comunicazione e per mezzo della presenza in distinte istituzioni dello stato e della società.

RN. Quali saranno i piani maggiormente decisivi per il futuro?
DG. Il più importante è di concretizzare le azioni che sono state pianificate dal punto di vista normativo, per trasformare le realtà negative e migliorare le condizioni di vita del popolo Rrom.

RN. Si stima che in Colombia la comunità Rrom integrata sia di cinquemila persone. Dove si localizzano, benché nomadi?
DG. In Colombia abbiamo le Kumpanias, gruppi patriarcali, famigliari, stabiliti nei quartieri di alcune delle grandi città, considerando che la maggior presenza gitana si registra in Cucuta, Giron, Barranquilla, Cartagena e Bogotà.

RN. A quando risale la presenza dei gitani nel paese?
DG. Secondo i registri dell'Archivio dell'India, i primi gitani arrivarono in America all'epoca del terzo viaggio di Cristoforo Colombo. Fino alla fine del XVIII secolo erano chiamati "arrochelados" o "llovidos", e si integravano con degli schiavi sfuggiti e indigeni che non si sottomettevano alle leggi coloniali. Nuove ondate di immigranti arrivarono quando fu stabilita la Repubblica, e poi durante la prima e la seconda guerra mondiale. Recentemente, più che arrivare, vanno via dei gitani, in quanto a causa del conflitto interno, la Colombia non è un paese adeguato per ospitarli.

RN. Sono persone di armonia e di pace.
DG. Siamo un popolo pacifico, non abbiamo nessun eroe riconosciuto, né odi tramandati, il che si traduce in un grande amore per la vita, e questo fa si che abbiamo un concetto del tempo e della libertà, molto particolare, differente di quello della maggioranza delle società nei vari paesi, dove si legifera per i sedentari e si hanno forme rigide per il controllo della gente, dell'essere umano.

RN. Come vede la persecuzione della quale sono stati oggetto i gitani, in Europa e in Francia?
DG. I gitani in Europa, equivalgono agli indigeni in America, perché sono discriminati, c'è il genocidio etnico, alto tasso di mortalità infantile, i loro figli sono considerati a scuola come dei disabili. Perché un gitano possa eccellere in Europa, deve riempire più condizioni del normale, in quanto c'è molto razzismo. Quello che vediamo ora in Francia, un paese notoriamente liberale, il quale fece la rivoluzione per promuovere i diritti di tutte le persone, è una retrocessione; stanno dimostrando che ritornano al nazismo, come durante la seconda guerra mondiale. Al contrario, nel nostro paese, considerato del terzo mondo, malgrado i nostri conflitti e i nostri problemi, stiamo dando un esempio di civiltà. Inoltre abbiamo una ferma volontà di convivere con gli altri gruppi e culture.

Saluto romanì

E in segno di fratellanza, Dalila rivolge un saluto in lingua romanì, che tradotto significa:

"Saluto e libertà per tutti i gitani del mondo; stiamo passando attraverso un momento di crisi, speriamo che tutto si aggiusti, pensiamo che valgano più la ragione dell'essere umano per cercare il dialogo tramite la parola, e la saggezza. Basta essere preparati, si tratta di dimostrare al mondo che siamo esseri umani e che meritiamo di vivere su questo pianeta."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/09/2010 @ 09:30:22, in Kumpanija, visitato 1057 volte)

Campagna straordinaria di Medici per i Diritti Umani per il riacquisto dell'unità mobile destinata ai senza fissa dimora del territorio fiorentino, rubata nel periodo di Ferragosto

Facciamo appello a tutti i nostri sostenitori per raggiungere la cifra di 10.000 euro.

Lo stato della raccolta fondi verrà costantemente aggiornato sul nostro sito internet www.mediciperidirittiumani.org e si concluderà con una festa aperta a tutti dove, speriamo, verrà presentato il nuovo mezzo a disposizione dei trenta volontari medici, infermieri, antropologi, psicologi, ostetriche, operatori sanitari e non sanitari che collaborano con MEDU.

Medici per i Diritti Umani è una associazione di solidarietà internazionale che si propone la tutela dei diritti umani e del diritto alla salute in particolare, garantendo l'accesso alla salute alle popolazioni vulnerabili in Italia e nel mondo.

L'unità mobile di MEDU a Firenze ha seguito nel corso dell'ultimo anno circa 400 pazienti, con l'obiettivo di offrire una prima assistenza sanitaria, orientare e ed accompagnare gli utenti all'uso dei servizi sanitari pubblici ed effettuare incontri di gruppo di promozione alla salute.

E' visibile nel nostro sito internet il recente rapporto "L'Europa invisibile, il lavoro di MEDU negli insediamenti spontanei dei Rom rumeni a Firenze e Sesto Fiorentino", mentre è in fase di realizzazione il nuovo rapporto sull'attività svolta con richiedenti asilo e titolari di diritto di asilo e protezione umanitaria.

I contributi poteranno essere versati tramite bonifico postale o bancario alle seguenti coordinate:
conto corrente bancario:
Banca Popolare Etica
codice iban: IT68 F 05018 03200 000000113024

conto corrente postale:
c/c n 12182317 intestato a
Banca Popolare Etica Roma
causale: Medici per i Diritti Umani c/c 113024

Grazie a tutti per la solidarietà e collaborazione!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/09/2010 @ 09:13:42, in Italia, visitato 1593 volte)

Segnalazione di Tommaso Vitale

I Petre vengono dalla Romania, ma la vita dei nomadi l'hanno conosciuta qui, insieme agli sgomberi.
Ora sono tornati a stare in una casa vera. Sperando che il loro futuro somigli a questo presente

di Ilaria Solari -foto Alberto Dedé (le foto non sono riportate ndr.) | 80 | Gioia 2010 | controcorrente

La foto risale sì e no a cinque anni fa, ma sembra vecchissima da quanto è consumata. Ritrae una bella ragazza coi capelli sciolti sulle spalle, l'espressione ombrosa e il viso leggermente inclinato. Abbraccia due bambini piccoli, uno per lato. Constantin, 33 anni romeno, deve averla tenuta tra le mani tanto a lungo che sul bordo inferiore l'immagine è completamente sbiadita, "è stata tutti questi anni nella tasca della mia giacca, sul cuore". Accanto a lui, la moglie Mirela lo guarda con la stessa faccia ermetica della foto. I due bambini, Elvis e Loris, 9 e 8 anni, stanno facendo i compiti delle vacanze sul lettone del loro appartamento milanese, nel quartiere popolare di Calvairate. Un piccolo soggiorno, una camera con un letto doppio e uno a castello, un microbagno e un cucinino in cui si cammina solo di profilo. È l'ultimo approdo della famiglia Petre, dopo una serie infinita di tappe, da un campo abusivo all'altro, lungo la cintura della tangenziale, insieme a poche centinaia di persone, rom romeni come loro. Fino all'ultimo sgombero, lo scorso novembre, nel quartiere periferico del Rubattino, dove il loro insediamento è stato raso al suolo dalle ruspe e i loro piccoli averi, cartelle di scuola comprese, inghiottiti in una montagna di immondizie.

A portarli nel bilocale di questa casa popolare sono stati i volontari di Sant'Egidio: sotto la loro scorta, i Petre hanno intrapreso con altre famiglie rom un "percorso di accompagnamento all'autonomia", in assoluta controtendenza, in questi giorni di tensione e rimpatri forzati. A garantire loro casa e ménage fino al raggiungimento dell'autosufficienza economica, sono borse di studio per i bimbi e borse lavoro per gli adulti, finanziate da enti, associazioni e privati cittadini. Un piccolo miracolo: l'anno scarso di permanenza al Rubattino, dove i piccoli rom hanno cominciato ad andare a scuola, ha innescato, insieme al livore di molti residenti, una fitta rete di solidarietà che si sta ancora allargando. Poche centinaia di persone, genitori delle scuole, abitanti del quartiere che nel momento del bisogno hanno ospitato gli sfollati, maestre straordinarie, volontari instancabili, che hanno animato raccolte di fondi e iniziative di finanziamento come la vendita di un vino definito "rosso di origine migrante" (vino.rom.rubattino@gmail.com). E poi corsi di italiano per gli adulti, doposcuola e spazi gioco per i bambini. Un miracolo forse ancora troppo piccolo perché valga la pena di citarlo accanto alle notizie di cronaca, agli esodi forzati dalla Francia, ai vertici sull'emergenza nomadi. "Dei trecento che erano qui l'anno scorso", spiega Elisa Giunipero,volontaria di Sant'Egidio " nel nuovo campo abusivo del Rubattino, sotto i capannoni dismessi, sono rimasti in duecento. Dei cento che mancano all'appello, però, sono un'ottantina quelli che abbiamo guidato verso soluzioni residenziali e impieghi, sia pure precari" (proprio mentre scriviamo è in corso l'ennesimo sgombero, che metterà a rischio l'attuazione di tali progetti e la frequenza a scuola dei bambini, ndr).

Ma l'avventura italiana di Mirela e Constantin comincia molto prima del Rubattino, in un'altra casa. Quella che si intravvede sullo sfondo della foto consumata: è la casa del padre di Constantin, nella provincia depressa e rurale dell'Oltenia, tre stanze in tutto in cui vivevano in otto. Come molti rom sedentarizzati sotto il regime di Ceausescu, i Petre facevano gli agricoltori: "Vite e granturco", specifica Constantin "non è una vita dura, forse per uno di città. Ma niente soldi, niente di niente". Constantin era anche muratore, "ho costruito le case a tutti laggiù. Una volta sono andato a fare un lavoro a casa sua", lo sguardo è una fessura scura che accarezza la moglie. "Continuava a guardarmi. Ho fatto in modo di andare a trovarla spesso". Negli occhi di Mirela finalmente si allarga una luce gialla. E il primo sorriso: "Eri tu che guardavi me". Un matrimonio vero non ce l'hanno avuto. "Nessun vestito bianco, feste o balli. Ci siamo sposati solo civilmente".

A Milano c'è arrivato per primo Constantin, seguendo il cognato, che è pastore pentecostale ma fa anche il muratore. Niente roulotte e vita randagia: come per molti rom romeni, la prima esperienza con i campi nomadi è stata in Italia. Insomma, una storia di ordinaria immigrazione: all'inizio l'ospitalità in una parrocchia, in cambio di lavori e riparazioni. Poi è stata la volta di un egiziano a cui, per un letto in un appartamento affollato, Constantin pagava 200 euro al mese. Ma Mirela soffriva di malinconia e decise di raggiungerlo con Loris, il più piccolo. "Il grande ha sofferto così tanto di solitudine in Romania che è rimasto piccolino", ricorda accarezzando i capelli cortissimi di Elvis. Proprio allora Constantin aveva perduto alloggio e lavoro. Si rifugiarono nel campo di via Bacula, dove già si trovavano amici e parenti. "Quando sono arrivata era primavera, Milano era bellissima", ricorda Mirela "tutto mi sembrava caldo e pulito, anche il campo".

Per segnalare disponibilità di alloggi e offerte lavorative o contribuire a borse di studio e lavoro scrivete a: santegidio.rubattino@gmail.com

La caccia al nomade ingaggiata dal Comune li ha sospinti da un insediamento all'altro. Fino al Rubattino: il campo piano piano si è gonfiato, hanno tagliato l'acqua ed è stato l'inferno. "Che dovevamo fare?", mormora Constantin indicando la tv sintonizzata su un canale romeno "migliaia di medici lasciano il Paese, con lo stipendio statale non campano. Per noi era peggio".

Ci sono due televisioni in casa Petre, una per stanza, entrambe accese. L'appartamento assomiglia a tanti altri. Pulito, ordinato. Con una differenza, che salta agli occhi dopo un po': in giro manca quella nebulosa di oggetti provvisoriamente fuori posto: chiavi, giornali, cianfrusaglie. Sul tavolo tondo ci sono soltanto un melone a fette e dei dolci, in segno di benvenuto. Il resto è stivato con la meticolosità di chi si dispone a partire da un momento all'altro. Elvis ascolta le canzoni rom scaricate dal computer e inserisce nel lettore un dvd con le foto di classe: "Guarda: qui facevamo la terra mossa dal vento", dice con il faccino serio, indicando tanti bambini che agitano le braccia. E in quella che fate? "Non vedi? Cantiamo in inglese". Mostra con un filo d'orgoglio la strepitosa pagella. Sono due bravi scolari, spiega Mirela, fanno i compiti spontaneamente e non hanno mai perso un giorno di scuola. Nemmeno nell'ultimo sgombero, quando dormirono due notti in un orto nella bruma di novembre e poi con la mamma in un dormitorio pubblico, mentre papà si rifugiava dove poteva. "La scuola dell'obbligo e l'ufficio vaccinazioni sono le uniche istituzioni che riconoscono queste persone", spiega Stefano Pasta di Sant'Egidio" che sono comunque cittadini comunitari. Eppure, senza residenza, ogni altro diritto è loro precluso". Forse per questo, anche ora che abitano lontano, si consumano le scarpe per raggiungere puntuali la scuola del Rubattino. "Quando Constantin non deve lavorare, ci andiamo insieme", racconta Mirela. Altrimenti esce alle sei di mattina. "Papà colora i muri, costruisce le case di Milano", spiega Loris. Anche Mirela è in attesa di un lavoro. Intanto confessa che si sente sola. Il momento più bello della giornata è il pomeriggio, quando rivede i suoi bimbi. Nel resto del tempo? Abbassa gli occhi, "se siamo in difficoltà chiedo ancora l'elemosina, ma solo a chi conosco". A quelli che definisce gli "italiani bravi". "Come la signora vestita di blu che ci porta i soldi ai giardini", le fa eco Elvis. Mirela ricorda il senso di vergogna delle prime volte, "non passa mai, ma poi impari a non pensare a niente". Tutto il resto la incupisce solo un po', come i commenti acidi della farmacista da cui acquista una confezione di aspirine perché è raffreddata. O il costante sguardo sospetto dei commessi quando fa la spesa al supermercato. Il pomeriggio i bambini scendono da soli ai giardini sotto casa. Mirela non si fida a mandarli in giro da soli, ma ai giardini sì, "lì sono tutti amici", dice Constantin. I ragazzini, da queste parti, vengono da ogni angolo del mondo, e che tu sia rom è un dettaglio irrilevante. "Sei da Milano", chiede a tutti Elvis. Qualcuno gli risponde che ormai anche lui è "da Milano"."Non ancora", risponde convinto, agitando la testa "solo quando avrò il portafogli da Milano". "Vuoi dire il passaporto, Elvis?". "Sì, anche quello".

Per prudenza ai Petre è stato sconsigliato di invitare troppa gente a casa. i momenti di socialità si sono finora consumati al campo del Rubattino. Non sarà più così, dopo questo nuovo sgombero, il numero 125 dall'inizio dell'anno, secondo il bollettino del Comune. "Ci i ritrovavamo ogni domenica a cucinare sulla griglia", gli occhi di Mirela diventano lucidi. "Ogni volta che li vedo, mi chiedo come è possibile vivere così". È il suo piccolo film dell'orrore, un passato inarchiviabile di notti all'addiaccio, topi, gelo. E il futuro? A lei basterebbe che assomigliasse al presente. Se proprio deve esprimere un desiderio, vorrebbe "una cucina appena più grande, da poterci cucinare con mia cognata e le amiche". Magari il sarmale, gli involtini di verza in cui si dice sia maestra, "da servire, come fate voi, con la polenta".

MA IN EUROPA VINCE LA LINEA DURA
Sono quasi 900 i rom di origine bulgara e romena rimpatriati forzatamente dalla Francia, nonostante i richiami di Onu e Commissione europea, perché considerati una "minaccia per l'ordine pubblico". E mentre il partito di estrema destra ungherese Jobbik avanza la proposta di destinare le comunità rom del Paese in "campi chiusi", anche in Italia il clima si surriscalda: il ministro dell'Interno Maroni promette di essere ancora più duro di Sarkozy e gli amministratori delle grandi città perpetrano piani di sgombero sistematico di ogni insediamento abusivo. A Roma, dove una curiosa psicosi collettiva segnala i primi presunti avvistamenti di "macchine rom con targhe francesi", il sindaco Alemanno ha appena smantellato il campo abusivo di Quartaccio. A Milano, ancora al Rubattino, il vicesindaco De Corato ha attuato il 125esimo sgombero dell'anno, mentre l'unico campo regolare della città, in via Triboniano, entro ottobre sarà smantellato per fare spazio alla strada che collegherà la città all'area dove si terrà Expo 2015.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/09/2010 @ 09:08:51, in Italia, visitato 1588 volte)

Segnalazione di Alberto Maria Melis

Fondazione Anna Ruggiu onlus COMUNICATO STAMPA

Cagliari 10 settembre 2010, Proprio mentre il Parlamento europeo approvava una mozione di censura contro le espulsioni dei rom messe in atto da parte del Governo francese e ribadiva, così, anche la censura contro la politica adottata dal Governo italiano, le forze dell'ordine di Cagliari facevano irruzione nel campo "nomadi" di Cagliari e prelevavano due giovani rom, un uomo ed una donna. Il primo è stato rilasciato la sera con l'intimazione di lasciare l'Italia entro 5 giorni. La seconda, essendo già stata destinataria di un foglio di espulsione, è stata processata per direttissima. La causa è stata rinviata e proseguirà il prossimo lunedì 13 dopo che il P.M. ha chiesto la condanna ad un anno di reclusione. Se, di per sé, è criticabile la cieca politica di espulsione adottata dalle autorità, il caso in esame, per la sua particolarità, risulta addirittura paradossale.

Laura e Zagor, infatti, sono due giovani entrambi nati e sempre vissuti in Sardegna (ad Olbia e Cagliari), con la fedina penale pulita, che non sono mai stati in nessun altro paese e non conoscono altra lingua che l'italiano ed il romané, (la loro lingua materna).

Secondo il provvedimento delle autorità italiane, dovrebbero uscire dal paese per recarsi non si sa dove, in un luogo che non hanno mai visto dove si parla una lingua che non conoscono, senza il minimo mezzo di sussistenza.

La situazione appare paradossale anche per il fatto che entrambi i giovani, sono stati a lungo regolarmente presenti nel comune di Cagliari in carico ai rispettivi genitori e regolarmente iscritti all'anagrafe. Hanno perso tale condizione solo perché è cambiata la posizione giuridica dei genitori o per inadempimenti meramente burocratici, come la mancanza di presentazione di istanza entro i termini previsti dalla legge.

L'espulsione e la condanna, accompagnata dall'espulsione, costituiscono un atto di inaudita violenza che offende la dignità delle persone ed i fondamentali diritti umani che la nostra Costituzione riconosce a tutte le persone indipendentemente dalla cittadinanza, anche se presenti irregolarmente nel territorio.

La stessa Corte Costituzionale, peraltro, ha sempre invocato il rispetto del principio di ragionevolezza e di proporzionalità nell'applicazione delle norme.

A nessuna persona di buon senso può apparire ragionevole l'espulsione (verso un ignoto inimmaginabile e terribile) di due giovani che sono nati e da quasi trent'anni vivono in Sardegna senza che possa essere loro addebitata alcuna colpa.

Facciamo appello al rispetto dei diritti fondamentali, alla ragionevolezza ed al buon senso di chi è preposto al rispetto della legalità, per evitare atti che costituirebbero una macchia per la nostra cultura giuridica e per la nostra comunità.

La Fondazione si rivolgerà a tutte le autorità competenti ed invita tutti i sinceri democratici a mobilitarsi per evitare questo grave atto possa essere portato a compimento.

Il presidente: Gianni Loy
Gloy@unica.it
Tel. 3207232122

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/09/2010 @ 09:10:54, in scuola, visitato 1116 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

Stamattina, 9 settembre 2010, le operazioni del Comune di Roma contro gli insediamenti spontanei dei rom sono entrate nel vivo. Fin dalla mattina su via Prenestina, all’altezza di via De Chirico, un numero sproporzionato di appartenenti alle forze dell’ordine (polizia, carabinieri e municipale) è stato impegnato per procedere allo sgombero forzato di circa 80 rom provenienti da Craiova (Romania), di cui la metà bambini, che risiedevano da diversi mesi in una fatiscente costruzione abbandonata.

Molti dei bambini erano prossimi a cominciare il nuovo anno scolastico.

Non ci è stato possibile entrare nello spazio durante le operazioni di polizia, l’unica proposta d’accoglienza offerta dalle Istituzioni riguardava l’inserimento nei centri d’accoglienza comunali per sole donne e bambini e per un periodo di tempo limitato. Per quanto ci risulta tutti hanno rifiutato questa offerta di finta accoglienza volta a separare i padri dalle madri e i figli.

Le famiglie rom si sono quindi disperse sul territorio senza alcuna soluzione e continuamente incalzate dalle forze dell’ordine.

Per i bambini lunedì non suonerà la campanella della scuola e, assieme ai loro genitori, trascorreranno la notte tra parchi e cespugli alla ricerca di un pertugio dove rifugiarsi. Questa è la soluzione del Comune di Roma, del Prefetto Pecoraro e del Ministro Maroni.

Vogliamo ricordare alle Autorità competenti che, come ribadito all’Italia da Amnesty International, secondo la normativa internazionale, lo Stato ha il dovere di assicurare che nessuno rimanga senzatetto a causa di uno sgombero, se non può permettere un altro alloggio, le autorità sono tenute a fornire un’abitazione alternativa adeguata, sia che tu sia un uomo che una donna.

Se il buongiorno si vede dal mattino siamo di fronte all’inizio dell’ennesima illegale caccia al Rom.

POPICA ONLUS
ARCI ROMA

Claudio Graziano responsabile immigrazione ARCI di Roma
tel 3939465522-0641734712 www.arciroma.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/09/2010 @ 09:05:11, in Italia, visitato 1223 volte)

Ricevo e porto a conoscenza

caro Fabrizio,
potresti dare conto sul tuo interessante portale di alcuni siti che trattano di altrettanti progetti con i sinti a Pavia?
Si tratta di:
www.sociability.it/sintiapavia (laboratorio universitario di progettazione, per il superamento dei campi nomadi)
www.sociability.it/sinto-nizzati (progetto radioweb con adolescenti sinti)

Sempre su www.sociability.it, alla voce Empowerment, si può scaricare integralmente un documentario che abbiamo realizzato sulla comunità sinti pavese.

Grazie e complimenti per il lavoro
un cordiale saluto

Andrea Membretti
PhD Sociology
Prof. a c. Università di Pavia
www.sociability.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 12:14:10
script eseguito in 162 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 298 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source