Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 14/02/2011 @ 09:33:40, in Italia, visitato 1309 volte)

12 feb 2011

Quattro bambini arsi vivi nel sonno, nella baracca di un microcampo abusivo nelle campagne della via Appia Nuova a Roma. Lo scorso 6 febbraio, il destino non poteva scegliere modo più doloroso per riproporre sull’agenda pubblica la "questione rom", la difficile integrazione di una comunità guardata con diffidenza e fastidio (come testimoniano alcuni inquietanti commenti apparsi sui social network) anche quando a parlare dovrebbero essere solo le lacrime.

Dijana Pavlovic, attrice serba ma milanese d’adozione, vice-presidente della Federazione Rom e Sinti Insieme, in questi anni ha assunto il ruolo di "voce" di un popolo (150mila in Italia) nascosto, non riconosciuto se non come spauracchio da agitare per raccogliere facile consenso elettorale. Con lei abbiamo affrontato le ragioni di questa difficoltà.

Dijana, qual è l’origine dei pregiudizi verso i rom?
"Non sono una psicologa ma avverto il peso del cliché, anche romantico, che pesa sulla figura dello zingaro. Evoca libertà ma anche mistero, oscurità, furto. E’ vero: il popolo tzigano è distante dal rigido inscatolamento tipico dell’occidente. I rom hanno sempre vissuto segregati eppure per noi la libertà è un atteggiamento mentale, la straordinaria capacità di vivere la vita alla giornata. Prendere la fisarmonica e cantare nei momenti più difficili. Non è una visione pittoresca ma la realtà profonda. Un’immagine che porto con me degli sgomberi a Milano è una fila di persone, amici, tutti con la valigia in mano, scortati dalla polizia per abbandonare la loro casa. Tra loro un signore anziano, con i baffi, che in preda alla rabbia, alla disperazione, ha preso una fisarmonica ed ha iniziato a suonare. Toglieva il respiro. La società è troppo legata all’idea del possesso, vali in base a quello che hai nel portafogli. Gli zingari, invece, si giudicano tra loro in base a quello che sei. E questo in occidente fa molta paura".

A che punto è la battaglia sulla richiesta dello status di minoranza linguistica?
"Al punto zero. Nel 1999 i rom non sono stati inclusi nella legge che regola la materia, eppure la comunità italiana è presente sul territorio dal 1400. E’ un problema tecnico: in Italia lo status si riconosce solo ad una comunità legata ad un territorio. I rom non lo sono, per la specificità della loro cultura. E’ solo una scusa che nasconde una precisa volontà politica: non riconoscere i rom, non stabilire un rapporto e quindi non rispettarli".

Qual è il ruolo della scuola?
"In Italia siamo indietro, a scuola i bambini rom sono dati per spacciati. In altri paesi ci sono rom laureati, qui manca completamente una classe dirigente. Nessuno si preoccupa della conservazione della lingua romanes, il vero "luogo" della cultura rom. E’ difficile quando vivi nei ghetti, provare ad uscirne. Ti racconto un episodio che ho vissuto quando facevo la mediatrice culturale nelle scuole: seguivo un ragazzino rom di 11 anni, molto sensibile. Ogni mattina era prelevato da uno scuolabus con la scritta "pulmino rom". A scuola era scaricato in una classe con la scritta "aula rom". Lui capiva perfettamente di essere trattato diversamente. Un giorno la preside, gli dice "resisti, che tra un anno per te la scuola è finita". Lui mi guarda e chiede: "Perché io non vado alle medie?". Per la preside era scontato che abbandonasse gli studi, nonostante fosse capace di continuarli".

Qual è l’episodio di discriminazione più detestabile che ricordi?
"I disegni degli scolari napoletani a Ponticelli con le scritte ‘bruciamoli tutti’. E l’infamante stereotipo degli zingari rapitori di bambini. E’ l’accusa che fa più male, davvero ingiusta. A quella di "ladri" siamo abituati ma basterebbe conoscerci solo un po’ per capire che i bambini sono amati e rispettati, sono il centro della nostra cultura. Immagina il dolore per quanto accaduto a Roma domenica scorsa".

Sabino Di Chio

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/02/2011 @ 09:22:09, in Italia, visitato 1337 volte)

Stavolta si è trattato solo di uno sputo.

Poteva finire molto, ma molto peggio.

Perché lo scrivo? Perché solo qualche settimana fa abbiamo fatto indigestione della parola MEMORIA, ma la memoria è vigliacca: si desta quando meno te l'aspetti. Anche se il giorno di san Valentino meriterebbe un post diverso

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/02/2011 @ 09:16:27, in Europa, visitato 1229 volte)

Virgilio notizie

Anche presidente Basescu ha detto che non la firmerà mai

Roma, 9 feb. (TMNews) - Rom somiglia troppo a romeno. E così a Bucarest qualcuno aveva pensato di cambiare la denominazione ufficiale della minoranza, adottando il termine "zingaro". Tuttavia, il Senato oggi, secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa Mediafax, la proposta di legge è stata bocciata.

Sono 51 i senatori che hanno votato contro la proposta. Ventisette si sono espressi a favore, cinque si sono astenuti. E' stato così ignorato il parere delle commissioni per i diritti umani e le pari opportunità che avevano approvato la proposta avanzata dal parlamentare liberaldemocratico Silviu Prigoana.

L'Accademia di Romania e parte del governo avevano dato il loro sostegno alla legge, affermando che il termine "zingari" è utilizzato nella gran parte dei paesi europei. Si erano invece detti contrari il ministero della Cultura, il ministero degli Esteri, il Dipartimento per le relazioni interetniche e il Consiglio nazionale contro la discriminazione.

Il presidente romeno Traian Basescu, in un'intervista al Financial Times a metà dicembre, aveva detto che non avrebbe mai promulgato la legge, perché sarebbe stato un gesto di discriminazione nei confronti della comunità rom.

La legge deve ancora essere discussa alla Camera dei deputati.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/02/2011 @ 09:49:25, in Italia, visitato 1474 volte)

Che gli anarchici non siano teneri con lo Stato, è una cosa risaputa. Però, prima che si smetta di parlarne, è interessante seguire la loro ricostruzione di cosa è successo, non solo una settimana fa, ma in questi anni

Roma, 6 febbraio. Quattro bambini bruciano vivi in una baracca ai margini del nulla metropolitano.
Siamo a Tor Fiscale. Assi, plastica, poche povere cose. Basta una scintilla, un braciere acceso per tenere lontano l'inverno, e il fuoco si mangia tutto.
Il resto è copione già visto. La disperazione dei parenti, l'indignazione del sindaco post fascista della capitale, che strilla che servono poteri speciali per fare campi sicuri, che si infuria contro la burocrazia. Un alibi traballante ma poco importa. In fondo sono solo zingari.
La mattina dopo arrivano le ruspe e tirano giù tutte la baracche. L'ordine è ripristinato.
Arriva anche la magistratura, che mette sotto inchiesta il padre e le due madri: abbandono di minore. La madre di tre dei bambini e nonna del quarto non crede all'incidente: il braciere era lontano, le fiamme sono divampate troppo in fretta.
Una vicenda che ne ricorda un'altra di qualche anno fa.
Quattro bambini rom morirono nell'incendio di una baracca di legno sotto ad un cavalcavia, vicino alla raffineria di Stagno, a Livorno, l'11 agosto del 2007. I genitori vennero arrestati con l'accusa di abbandono di minore e di incendio doloso, nonostante avessero detto di essere stati aggrediti.
Prosciolti dall'accusa di incendio doloso, patteggiarono e vennero scarcerati perché incensurati. Sulla vicenda calò il silenzio nonostante il rogo fosse stato rivendicato del GAPE – Gruppo Armato di Pulizia Etnica.

Quando ci sono di mezzo i rom viene sfogliato l'intero florilegio di pregiudizi razzisti nei loro confronti. Se i bimbi muoiono è colpa loro, che non ci badano, che vanno in giro a rubare, che li fanno vivere in roulotte e baracche.
Come se qualcuno – davvero – potesse scegliere di vivere di elemosina in una baracca senza nulla.
Esemplari le dichiarazioni razziste di Tiziana Maiolo, di Futuro e libertà, dopo il rogo di Tor Fiscale. Per lei i bambini Rom che fanno pipì sui muri sono meno educati del suo cagnolino.
Nel luglio del 2008 una bambina rom, appena sgomberata da una ex fabbrica abbandonata in via Pisa a Torino, disse "almeno per un po' ho vissuto in una casa vera". Una casa con il gabinetto. E porte, finestre, luce… Dopo lo sgombero la riportarono lungo il fiume in una baracca piena di topi.

A Torino, il 14 ottobre del 2008 andò a fuoco un campo rom in via Vistrorio. Tre molotov in punti diversi e l'insediamento sulle rive del torrente Stura andò in fumo. Ci vivevano 60 persone.
Non andò peggio perché un ragazzo diede l'allarme. I giornali allusero alla possibilità che il campo l'avessero bruciato gli stessi rom, per forzare la mano al comune ed ottenere posto nell'area allestita per l'emergenza freddo. Le prove? Non era morto nessuno!
Qualche mese dopo, la magistratura, dopo decine di aggressioni a immigrati e tossici, mise gli occhi sul gruppo fascista "Barriera Domina": nei telefonini di alcuni di loro trovarono le scansioni dei giornali che parlavano del rogo di via Vistrorio. Due righe in cronaca e poi l'oblio.
Chi ha dato ha dato, chi avuto avuto.
Sulla vicenda il sito Ojak, oggi purtroppo non più attivo, fece una controinchiesta.

Quelli come Alemanno vogliono i campi. Altri vorrebbero cacciare tutti. I più chiudono gli occhi e non guardano, magari si commuovono anche un po'. I bambini fanno sempre tenerezza.

Il rogo di Tor Fiscale, come già quello di Stagno, ha fatto notizia perché i bambini erano quattro, altrimenti sarebbero bastate poche note in cronaca, ordinaria amministrazione.
Un bambino muore di freddo, un altro bruciato, un altro se lo porta via una banale influenza.
Infinito l'elenco dei campi rom andati in fumo. A volte distrutti da bravi cittadini, decisi a fare pulizia. Etnica. Altre volte bruciati dalla povertà che non concede sicurezza.

Resta il fatto che quei quattro bambini sono stati ammazzati. Resta il fatto che ogni giorno, in qualche dove, c'è qualcuno che muore. Muore di povertà.
La povertà non è un destino.
I responsabili siedono sui banchi dei governi e nei consigli di amministrazione delle aziende.
Nessuno si creda assolto, perché l'indifferenza è complicità.

Federazione Anarchica Torinese -FAI

Per approfondimenti www.noblogs.senzafrontiere.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/02/2011 @ 09:40:54, in Italia, visitato 1338 volte)

Blitz quotidiano

La Lega vuole chiudere l'Unar, l'ufficio per il contrasto alle discriminazioni razziali, finanziato dallo Stato con due milioni di euro annuali. L'osservatorio anti-razzismo potrebbe essere soppresso grazie a una proposta dei senatori del Carroccio al decreto Milleproroghe. Con questa mossa il partito intende fermare "questi oscuri burocrati che da sei mesi a questa parte si sono messi a fare politica trasformandosi in maestrini dalla penna rossa: qui siete razzisti, lì xenofobi, abusano del concetto di discriminazione indiretta e pretendono una parificazione totale tra il cittadino autoctono e l'extracomunitario ospite temporaneo. Quei due milioni sono soldi buttati, l'ufficio va soppresso", dice Sandro Mazzatorta, senatore leghista.

La Lega Nord, attraverso cinque senatori, con la modifica numero 1.146 (andrà ai voti all'inizio di marzo) ha chiesto la soppressione "a decorrere dal 31 marzo 2011" dell'Unar, nato per volontà dell'Unione europea e accolto dal governo Berlusconi solo nel 2005. In un successivo emendamento, già depositato, si suggerisce che quei soldi siano destinati "alla Fondazione Teatro Regio di Parma per la realizzazione del Festival Verdi". L'Ufficio contro le discriminazioni è insediato in tutti i paesi dell'Unione europea e solo in Italia e in Finlandia ed è a libro paga del governo (con soldi comunitari, in verità).

La Lega dice che i due milioni annui spesi per finanziare l'Unar sarebbero inutili. Ma cosa fa precisamente l'Agenzia anti-razzismo? Questi alcuni interventi compiuti negli scorsi anni. L'Unar intervenne sui bonus vacanza proposti dal ministro Brambilla chiedendo dati anche in base alla cittadinanza. L'ufficio ha anche aperto un contenzioso con il Comune di Trieste: "Discriminanti i bonus bebè". Richiamo per un manifesto leghista a Prato che raffigurava arabi e zingari in fila davanti agli italiani.

10 febbraio 2011 | 11:25

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/02/2011 @ 09:20:00, in Italia, visitato 1335 volte)

Venerdì 18 febbraio, ore 17.00
in via Treviso 33 - MILANO*

Storia dei Rom e dei Sinti dall'India alle nostre periferie, secoli di emarginazione e persecuzioni contro un popolo "diverso", con particolare attenzione allo sterminio operato dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale.

Interviene Paolo Finzi, della rivista anarchica "A", produttore del doppio DVD + libretto "A forza di essere vento. Lo sterminio nazista degli Zingari"

(una traversa di via Padova)
autobus 56 oppure MM2 (linea verde) fermata Cimiano

tel. 02-89.91.9073 / 340-6055.786
fax 02-40.04.4537
email martesana.mi@usi-ait.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/02/2011 @ 09:53:21, in Italia, visitato 1286 volte)

Una società che non sa fermarsi, anche piangere, e pensare cose nuove quando quattro bambini muoiono bruciati perché senza la stufetta, alla lunga, morirebbero di malattia e di freddo, ha poco futuro. Perché la pietas, che contiene commozione, compassione, rende intelligenti e aiuta a costruire soluzioni più umane. Non è chiaro se Roma, la gente comune, riuscirà a resistere alle banalità volgari di chi invoca misure «drastiche», «se ne tornino a casa loro», «se non hanno occupazione e un luogo dove stare vengano espulsi con la forza» (il responsabile del Comitato per la sicurezza), e così via.

Tutte le indagini su intolleranza e razzismo rilevano un sentimento anti-rom in cima alla graduatoria, in tutta Europa. E si scatena di più in tempi di fragilità sociale, indicando capri espiatori facili, gli "zingari". Un popolo di ragazzini (la metà di quelli che sono in Italia sono minori), la metà italiani da secoli (dove andrebbero espulsi?), gli altri tutti europei, di cui una parte consistente ex-jugoslavi, alla seconda generazione di nati in Italia: ma sono anni che la proposta della Comunità di Sant'Egidio di rilasciare un permesso di soggiorno di lungo periodo non ha risposta, e vengono lasciati in un limbo legale che crea marginalità e, davvero, il contrario della sicurezza.

Su tutto questo scontiamo, oggi, il precipitato di una predicazione del disprezzo e della paura che a Roma – in una delle città più sicure del mondo – ha fatto della questione "rom" un perno di campagne elettorali che non sono mai finite e che hanno autorizzato i romani a non vergognarsi dei propri istinti un po' bassi. Per gli "zingari", vittime dello sterminio razzista mai risarcite e di un "anti-gitanismo" per cui non esistono nella società europea e italiana gli anticorpi che esistono verso l'antisemitismo, non valgono, anche per gli amministratori, quasi mai, quello che vale per la gente comune. Che hanno gli stessi desideri e necessità che abbiamo "noi". E finché non si pensa in questo modo le soluzioni offerte sono tutte parziali e alla fine inefficaci.

Per gli zingari non vale normalmente l'idea che la responsabilità anche penale è personale. Se uno commette un reato tutto il gruppo può essere allontanato perché pericoloso socialmente e anche la "casa", persino in campo attrezzato legale e pagato dai contribuenti, può essere abbattuta, assieme all'intero campo (è accaduto). Per gli zingari continua la leggenda che «non vogliono casa» e il massimo che si pensa è «villaggi attrezzati», finora di pessima qualità: se temporanei è un conto, se uno li concepisce come l'approdo di una vita è un altro.

Non è solo la giunta attuale, a Roma, che è in ritardo. Tutte le giunte degli ultimi vent'anni, nonostante gli sforzi, similmente hanno fallito l'obiettivo: perché mai, simultaneamente, è stata creata la sicurezza abitativa per tutti, assieme a un piano di inserimento scolastico accompagnato, per tutti: anche con borse di studio, come si è fatto per l'Italia più povera, nel dopoguerra o negli anni '70 a Roma, quando sono state eliminate le baracche e i borghetti.

E da vent'anni e più, a metà anno, in un gioco dell'oca autolesionista, gli sgomberi sollecitati dalla popolazione interrompono i percorsi di inserimento scolastico e anche il monitoraggio delle forze dell'ordine. C'è da augurarsi che con la commozione si avvii un piano vero. Per l'inverno, se non c'è di meglio, anche le caserme, cose con un tetto. Ma che sia un piano che accanto ai 13 campi da finire di realizzare preveda una transizione e una compensazione anche di affitti e edilizia "normale". Che preveda la possibilità di un'alternativa quando due gruppi sono troppo disomogenei e non possono vivere insieme. Il diavolo sta nei dettagli e questi sono dettagli da tenere in considerazione. Come generalizzare il progetto europeo (già attivo con sant'Egidio) di scolarizzazione incentivata, con percorsi di inserimento professionale accompagnato, in maniera personalizzata.

Sono in tutto 7000 persone, in gran parte ragazzini. Per Roma si tratta di 350 persone per circoscrizione. Non è una grande emergenza. L'unica emergenza vera è fare rientrare i bassi istinti di tutti. O qualunque soluzione sarà difficile.

Mario Marazziti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/02/2011 @ 09:09:01, in Italia, visitato 1265 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

OPINIONI

8/2/2011 Caro direttore,
La Stampa ha dedicato la sua apertura al rogo nel campo nomadi della via Appia, a Roma, sottolineandone il carattere tragico e il rilievo politico. Le scrivo per sottoporre alla considerazione dei suoi lettori alcune informazioni sulla situazione dei rom in Italia che non ho ancora visto riportate sui giornali.

Il sindaco Alemanno si è lamentato, ieri, per gli impedimenti burocratici che avrebbero ostacolato una da lui auspicata accelerazione della politica di sgomberi attualmente in vigore in almeno cinque regioni d'Italia, una politica che faciliti il ricollocamento dei nomadi nelle aree a loro destinate dalle municipalità sulla base di piani nomadi formulati dalle municipalità. Ebbene, mi pare che il sindaco dimentichi che in Italia vige ufficialmente, dal maggio 2008, uno «Stato di emergenza in virtù della presenza delle comunità nomadi» che conferisce - sulla base di una legislazione di protezione civile concepita per i disastri naturali - dei poteri straordinari ed eccezionali ai commissari delegati all'emergenza, tra cui i prefetti di Roma e Milano.

Dal maggio 2008 con cadenza annuale lo stato di emergenza in virtù della presenza dei nomadi è stato rinnovato puntualmente ed esteso a cinque regioni italiane - l'ultima volta nel dicembre scorso protraendo la fine dell’emergenza al dicembre 2011. I commissari straordinari hanno goduto, negli anni passati, di ampissimi poteri che hanno loro consentito addirittura di censire le popolazioni rom presenti nelle loro regioni (cittadini italiani o no), con un'iniziativa del tutto dubbia dal punto di vista del diritto alla privacy e alla non discriminazione. La stessa emergenza nomadi ha permesso che nella sola città di Milano siano stati eseguiti 170 sgomberi nel 2010 e che sia nel capoluogo lombardo che a Roma siano stati adottati dei regolamenti comunali eccezionali che si applicano ai soli campi nomadi, prevedendo condizioni di soggiorno speciali per i loro abitanti, quali la necessità che l’intero nucleo familiare sia esente da condanne passate in giudicato anche se scontate; che si debba mostrare un tesserino di riconoscimento per accedere alla propria area attrezzata; che non si possano invitare conoscenti e che non si possa circolare nei campi dopo le 22. Campi spesso sorvegliati da polizia privata. E’ una legislazione dubbia e speciale nelle mani dei sindaci delle due principali città d'Italia per fronteggiare l'emergenza nomadi. Inoltre esiste una banca dati fornita dal «censimento nomadi» che serve a conoscere la sussistenza e la collocazione degli accampamenti informali.

Quanto le descrivo qui sopra è tutt’altro che esente da profonde criticità sotto il profilo del rispetto della parità di trattamento e dei diritti umani fondamentali. Oggi, mi chiedo, quali altri poteri desidera avere il sindaco Alemanno per fronteggiare l'emergenza? Persino cospicui fondi statali - più di 15 milioni di euro per commissario delegato - sono stati messi a disposizione. Sia a Milano che a Roma quei finanziamenti sono stati usati per gli sgomberi e per il ricollocamento in aree destinate, scelte tra le più inaccessibili e meno appetibili delle periferie urbane, aree ampiamente sovraffollate perché a Roma - complice un sentimento antirom efficacemente diffuso dalle pubbliche istituzioni - nessuno ha voluto vendere al Comune aree da destinare ai «villaggi della solidarietà».

Diciamo piuttosto che dal maggio 2008 l'emergenza nomadi è stata un pretesto che non ha risolto i problemi creati dall'effettivo afflusso di molte comunità rom dall'Est dell'Europa in una situazione già ampiamente degradata da politiche locali irresponsabili di segregazione, adottate in oltre venti anni nei Comuni e nelle regioni italiane. I poteri di emergenza in uso dal 2008 sono serviti ad attuare politiche ampiamente inaccettabili dal punto di vista del diritto all'eguaglianza ma altamente popolari data la comune antipatia verso i rom: censimenti, sgomberi, rimpatri, spostamento forzoso verso campi sovraffollati e dove vige un diritto «speciale». Perché il padre di quei bambini avrebbe dovuto portarli a vivere in un campo attrezzato regolato da norme simili? E magari ancora più inaccessibile del luogo dove effettivamente si è compiuta la tragedia? Pochi giorni fa, qui a New York, l'Italian Academy della Columbia University ha dedicato la sua annuale conferenza sulla memoria dell’Olocausto ai rom. In Italia non si sa neanche che c'è stato un Olocausto rom, in cui, come succede oggi, i rom erano obbligati a vivere in campi speciali, dove vigevano leggi speciali e dove le condizioni di vita non erano certo migliori di quelle che si potevano creare da soli, nelle baracche certo pericolose e pericolanti, ma almeno esenti dal diritto speciale dei sindaci.

COSTANZA HERMANIN Ricercatrice dell’European University Institute Fulbright Fellow alla Columbia Law School, New York

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/02/2011 @ 09:08:39, in Italia, visitato 1355 volte)

sabato 19 febbraio alle 16.30
presso la Biblioteca, Via Piave - CESATE (MI)

Il Gruppo 135 di Saronno è lieto di invitarvi all'evento "Porrajmos - la persecuzione dei sinti e dei rom" organizzato dall'Associazione Culturale UmanaMente in collaborazione con la Biblioteca di Cesate e Opera Nomadi.

Interverrà Goffredo Bezzecchi - superstite rom dello sterminio nazista.
Suonerà Jovic Jovica - fisarmonicista serbo.

Seguirà filmato "A forza di essere vento".

Breve intervento di Amnesty International in merito all'attuale politica di sgomberi forzati, senza adeguate alternative abitative, che non costituisce una risposta alla povertà e all'emarginazione di tante persone rom.

Al termine aperitivo etnico. Ingresso libero.

Per informazioni: gr135@amnesty.it - info@umanamentecesate.it

L'evento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/02/2011 @ 09:45:03, in Italia, visitato 1891 volte)

Il Giornale di Vicenza L'EMERGENZA. Il Comune attende dal Ministero dell'Interno un finanziamento di 400 mila euro. Variati: «Tragedie come quella accaduta a Roma potrebbero ripetersi in altre aree, vogliamo creare condizioni di sicurezza»

Roulotte fatiscenti e bombole del gas: via Cricoli è fuori norma

08/02/2011 Vicenza. Una bomba a orologeria. Campi nomadi fuori norma, condizioni igieniche precarie, misure di sicurezza approssimative. Vicenza non fa eccezione: il rischio di una tragedia come quella che ha bruciato la vita dei quattro fratellini a Roma può materializzarsi dall'oggi a domani. Il sindaco Achille Variati lancia un appello al Viminale: sbloccate i fondi destinati alla riqualificazione e messa a norma dei campi comunali di via Cricoli e via Diaz, dove vivono 200 rom e sinti, quasi la metà minorenni.

IL PROGETTO. Nei cassetti comunali da un anno c'è un progetto che vale 400 mila euro, candidato al giro di finanziamenti messi in palio dal ministero degli Interni per intervenire nei campi nomadi ed eliminare alla radice le condizioni di pericolo che possono generare incidenti, degrado, distruzione, morte. Entrambi i campi sono del tutto fuori norma. Non rispettano le più elementari norme urbanistiche, igieniche e di sicurezza.

L'ALLUVIONE. In particolare in via Cricoli, sono concentrate decine di persone in pochi metri quadrati, lungo una arteria ipertrafficata, accanto a un fiume, l'Astichello, che proprio in quella zona è portato a esondare trovando sfogo nella campagna. A novembre l'alluvione ha costretto il Comune a evacuare il campo, minacciato dalla piena dell'Astichello, arrivato a mezzo metro dalle roulotte. Come se non bastasse, l'area è perimetrata da reti e muri di fortuna per separare sinti da rom. I servizi igienici sono pochi per molti utenti, sono fatiscenti e quando piove, a causa di impianti obsoleti, parte del campo si trasforma in una fogna a cielo aperto. Di qui la necessità di intervenire per creare piazzole adeguate e impianti a norma che non siano le numerose bombole che circolano tra i caravan.

LA PARALISI. Nonostante alcuni segnali positivi nella scorsa primavera, l'erogazione dei contributi ministeriali (che dovrebbero oscillare tra i 240 e i 400 mila euro) si è improvvisamente arrestata e arenata per un supplemento di analisi e approfondimenti. Nei giorni scorsi l'assessorato ai lavori pubblici ha inviato le ultime carte al prefetto di Venezia, commissario governativo per il caso nomadi nel Veneto. Non resta che attendere una risposta.

L'ICEBERG. Il sindaco Achille Variati sottopone la realizzazione del progetto di riqualificazione a una sorta di contratto sociale, che prevede il rispetto delle strutture e delle regole di comportamento, compresa la scolarizzazione dei minori e il pagamento delle bollette. «Fatti come quelli di Roma - avverte Variati - sono la punta dell'iceberg del grande tema dell'inclusione dei nomadi. Una tragedia che fa notizia per la sua atrocitá, ma che potrebbe accadere in tanti campi nomadi italiani. E questo non può e non deve essere accettato o tollerato. Perché la cura dei diritti dei bambini, in modo particolare, riguarda chi governa al di lá di ogni altra considerazione, prima di qualsiasi giudizio. Bene aveva fatto il ministro Roberto Maroni a stanziare fondi straordinari per mettere in sicurezza i campi nomadi. Noi, quando riceveremo i fondi statali per i quali avevamo fatto richiesta più di un anno fa, li useremo con un doppio obiettivo. Assicurare condizioni di vita decorose ai nomadi, pensando in particolare ai bambini, riqualificando i due campi vicentini. E avviare le comunità sinti e rom della nostra città a un percorso di rispetto dei doveri di cittadinanza: dando opportunità a chi accetta di integrarsi ai nostri codici di condotta, ma agendo con severità nei confronti di chi dovesse trasgredirli».

Gian Marco Mancassola

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/11/2019 @ 08:28:44
script eseguito in 165 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2115 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source