\\ Mahalla : Articolo : Stampa
"Senza legge, né scuola noi, vittime dei pregiudizi"
Di Fabrizio (del 14/02/2011 @ 09:33:40, in Italia, visitato 1492 volte)

12 feb 2011

Quattro bambini arsi vivi nel sonno, nella baracca di un microcampo abusivo nelle campagne della via Appia Nuova a Roma. Lo scorso 6 febbraio, il destino non poteva scegliere modo più doloroso per riproporre sull’agenda pubblica la "questione rom", la difficile integrazione di una comunità guardata con diffidenza e fastidio (come testimoniano alcuni inquietanti commenti apparsi sui social network) anche quando a parlare dovrebbero essere solo le lacrime.

Dijana Pavlovic, attrice serba ma milanese d’adozione, vice-presidente della Federazione Rom e Sinti Insieme, in questi anni ha assunto il ruolo di "voce" di un popolo (150mila in Italia) nascosto, non riconosciuto se non come spauracchio da agitare per raccogliere facile consenso elettorale. Con lei abbiamo affrontato le ragioni di questa difficoltà.

Dijana, qual è l’origine dei pregiudizi verso i rom?
"Non sono una psicologa ma avverto il peso del cliché, anche romantico, che pesa sulla figura dello zingaro. Evoca libertà ma anche mistero, oscurità, furto. E’ vero: il popolo tzigano è distante dal rigido inscatolamento tipico dell’occidente. I rom hanno sempre vissuto segregati eppure per noi la libertà è un atteggiamento mentale, la straordinaria capacità di vivere la vita alla giornata. Prendere la fisarmonica e cantare nei momenti più difficili. Non è una visione pittoresca ma la realtà profonda. Un’immagine che porto con me degli sgomberi a Milano è una fila di persone, amici, tutti con la valigia in mano, scortati dalla polizia per abbandonare la loro casa. Tra loro un signore anziano, con i baffi, che in preda alla rabbia, alla disperazione, ha preso una fisarmonica ed ha iniziato a suonare. Toglieva il respiro. La società è troppo legata all’idea del possesso, vali in base a quello che hai nel portafogli. Gli zingari, invece, si giudicano tra loro in base a quello che sei. E questo in occidente fa molta paura".

A che punto è la battaglia sulla richiesta dello status di minoranza linguistica?
"Al punto zero. Nel 1999 i rom non sono stati inclusi nella legge che regola la materia, eppure la comunità italiana è presente sul territorio dal 1400. E’ un problema tecnico: in Italia lo status si riconosce solo ad una comunità legata ad un territorio. I rom non lo sono, per la specificità della loro cultura. E’ solo una scusa che nasconde una precisa volontà politica: non riconoscere i rom, non stabilire un rapporto e quindi non rispettarli".

Qual è il ruolo della scuola?
"In Italia siamo indietro, a scuola i bambini rom sono dati per spacciati. In altri paesi ci sono rom laureati, qui manca completamente una classe dirigente. Nessuno si preoccupa della conservazione della lingua romanes, il vero "luogo" della cultura rom. E’ difficile quando vivi nei ghetti, provare ad uscirne. Ti racconto un episodio che ho vissuto quando facevo la mediatrice culturale nelle scuole: seguivo un ragazzino rom di 11 anni, molto sensibile. Ogni mattina era prelevato da uno scuolabus con la scritta "pulmino rom". A scuola era scaricato in una classe con la scritta "aula rom". Lui capiva perfettamente di essere trattato diversamente. Un giorno la preside, gli dice "resisti, che tra un anno per te la scuola è finita". Lui mi guarda e chiede: "Perché io non vado alle medie?". Per la preside era scontato che abbandonasse gli studi, nonostante fosse capace di continuarli".

Qual è l’episodio di discriminazione più detestabile che ricordi?
"I disegni degli scolari napoletani a Ponticelli con le scritte ‘bruciamoli tutti’. E l’infamante stereotipo degli zingari rapitori di bambini. E’ l’accusa che fa più male, davvero ingiusta. A quella di "ladri" siamo abituati ma basterebbe conoscerci solo un po’ per capire che i bambini sono amati e rispettati, sono il centro della nostra cultura. Immagina il dolore per quanto accaduto a Roma domenica scorsa".

Sabino Di Chio