Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 24/11/2006 @ 09:55:20, in scuola, visitato 1468 volte)

Cari colleghi,

L'Associazione degli Studenti Rom esprime la sua preoccupazione e si aspetta la reazione delle istituzioni e di altre organizzazioni, riguardo l'incidente successo alla Scuola Secondaria di Meccanica di Novi Sad. [...]

B. H., un minorenne studente al primo grado della Scuola Secondaria di Meccanica di Novi Sad, è stato vittima di un episodio di bullismo da parte dei suoi compagni, 15 giorni fa, a causa della sua provenienza etnica e della sua religione. Durante l'intervallo, i compagni l'hanno spogliato, compreso la biancheria intima, per "controllare come B. H. fosse un musulmano". Da allora B. H. non è più voluto andare a scuola e la sua salute è peggiorata. A causa delle assenze, il direttore ha informato i genitori di recarsi a scuola per ritirare i documenti perché il ragazzo lasci la scuola. Vogliamo sottolineare che B. H. ha subito altri abusi prima di quest'ultimo incidente e che i genitori ne avevano informato la direzione. Niente è stato fatto durante tutto questo tempo.

L'Associazione degli Studenti Rom e il Consorzio Italiano di Solidarietà condannano con forza questo tipo di azioni contro i giovani Rom nella scuola secondaria. Chiediamo anche che le autorità scolastiche condannino questi incidenti. Inoltre insistiamo perché gli istigatori vengano puniti e non venga concesso loro di continuare con azioni simili. Si richiede anche la punizione dei colpevoli e che non siano più messi in grado di condurre simili iniziative.

B. H. è beneficiario di un progetto scolastico della durata di tre anni, dell'Associazione degli Studenti Rom assieme al Consorzio Italiano di Solidarietà. Il progetto è finanziato dall'UNHCR. Lo scopo è di supportare continuativamente i ragazzi Rom nella scolarizzazione. B. H. è un ragazzo profugo dal Kosovo. Con questo aiuto è stato in grado di frequentare la scuola secondaria. Ora questi sforzi comuni da parte del ragazzo stesso, dei suoi genitori e delle organizzazioni è messo in discussione dalla discriminazione di nazionalità e religione.

Dejan Dimitrov
Association of Roma Students
44, Boze Kuzmanovica Street
Novi Sad, Serbia

 
Di Fabrizio (del 27/11/2006 @ 10:08:37, in scuola, visitato 2131 volte)

Una giovane donna Rom in Serbia supera la povertà e la discriminazione

articolo originale: http://www.unicef.org/ceecis/reallives_5546.html


© UNICEF SERBIA/2006/Milanovic

Ljiljana Ilic alla Società per lo Sviluppo delle Locali Comunità Rom, una OnG che aiuta i Rom a rompere il circolo della povertà.

Il rapporto annuale dell'UNICEF, "Lo Stato del Mondo dell'Infanzia", quest'anno si focalizza sul sul doppio tema di uguaglianza di genere, che aiuta sia le donne che i bambini a sormontare la povertà. Qui è uno in serie di storie relative in attesa del lancio del rapporto l'11 dicembre.

BELGRADO, Serbia, 21 November 2006 – Ljiljana Ilic, 28 anni, è una donna Rom che ha passato barriere sociali, economiche e culturali per ottenere la laurea. Raggiungerla non è stato facile.

Ljiljana è stata scoraggiata dal continuare gli studi dopo l'ottavo grado. "Mio padre diceva: 'Ora è tempo che ti sposi' oppure, 'Perché devi continuare ad andare a scuola?' ci dice. Sua madre iniziò a fare pressione su di lei quando era dodicenne.

Matrimonio vs. educazione

I matrimoni infantili sono frequenti tra le famiglie Rom. Quando una ragazza si sposa, diviene proprietà del marito ed immediatamente si sposta a casa sua. Deprivata di scolarizzazione, molte ragazze non sono in grado di ottenere documenti personali, perdendo l'accesso all'assistenza sociale e sanitaria e diventando dipendenti dei loro mariti.

Ljiljana è stata presa in mezzo tra le aspettative della sua famiglia e la volontà di continuare gli studi. Soltanto il 2,4% delle ragazze Rom ottiene un diploma di scuola superiore [...]

"Mia madre diceva che dovevo imparare a cucinare e fare i mestieri di casa, o nessun uomo mi avrebbe voluta," dice. Ma Ljiljana ha persistito, lavorando in un negozio di fiori per pagarsi gli studi e ottenere la laurea in lingue all'Università di Belgrado.

Realizzare i propri diritti

I bambini Rom ed in particolare le ragazze, sono frequentemente vittime di traffici, violenza, abusi sessuali e sfruttamento. A causa delle pratiche discriminatorie contro i Rom nelle istituzioni, questo tipo di violazioni non sono indirizzate appropriatamente.

Dice Ljiljana: "I maschi sono più valutati e più importanti nella cultura Rom. Le ragazze pensano che una vita differente non è possibile."

Secondo i dati ufficiali, i 108.193 Rom sono poco meno del 2% della popolazione totale serba. Stime ufficiose, invece, indicano in 500.000 i Rom del paese.

La situazione dei Rom sia in Serbia che Montenegro mostra dei miglioramenti. Per la prima volta nella loro lunga storia, i Rom hanno diritto allo status di minoranza, che è un'opportunità nell'ottenere i loro diritti.

Il governo ha varato tre piani per i Rom: una strategia per la riduzione dell'impoverimento; l'adesione nel 2005 al Decennio per l'Inclusione dei Rom; ed un ulteriore piano per l'inclusione dei Rom. Dal 2002, l'UNICEF sponsorizza la scolarizzazione dei bambini Rom nelle 11 municipalità più povere.

"Il tasso di abbandono dei Rom ora è in discesa, e c'è grande interesse nella frequenza scolastica," dice Dragan Djoric, insegnante di Bojnik, dove è attivo l'UNICEF.

Non "soltanto una Zingara"

Ljiljana ha coinvolto la sua migliore amica, Vera Miljkovic, nella sua decisione di andare a scuola. Dopo aver concluso le superiori,Vera, che non è Rom, andò all'università e le chiese di fare lo stesso.

Dopo essersi iscritta, Ljiljana cominciò a lavorare con Alexsandra Mitrovic, che guida una OnG per migliorare la vita dei Rom. La signora Mitrovic la incoraggiò a proseguire gli studi sino alla laurea.

"Se non fosse stato per loro - e per la mia determinazione - avrei smesso" dice Ljiljana. "Il loro esempio fa la differenza. Una volta che ho ricevuto la mia laurea, sono diventata più forte e sicura," continua. "La gente non mi guarderà più come 'soltanto una Zingara' ma come uguale agli altri."

 
Di Fabrizio (del 01/12/2006 @ 10:27:56, in scuola, visitato 1594 volte)

Da: Mundo_Gitano

Si dice che la gente è ostile a ciò che non capisce, o in certi casi semplicemente a ciò che ignora.

Per molti questa è l'origine del "razzialismo" e forse questa può essere la ragione per cui negli anni gli Zingari siano stati marginalizzati in Spagna.

Per questo ogni iniziativa volta ad aiutare ad aprire i misteri della comunità Calé in Spagna deve essere la benvenuta. A volta le aperture avvengono dall'interno della comunità stessa.

All'inizio degli anni novanta un gruppo di donne zingare da Granada si sono unite in un'associazione chiamata Romi. Una delle mete era fondare un museo per spiegare la cultura delle Romnià, e adesso questo obiettivo è stato raggiunto.

Tre grotte nell'area Sacromonte di Granada ospitano il primo museo "La Gitana". Il governo regionale ha contribuito con 350.000 € ed il sindaco di Granada, José Torres Hurtado, ha espresso la speranza che il centro divenga un'attrazione turistica cittadina.

La prima grotta illustra la storia di come gli zingari lasciarono l'India e furono soggetti a leggi particolari sotto i regni cattolici di Spagna, come la condanna alla schiavitù del 1492. Nel XIX secolo fu proibito di parlare il  Caló e persino di indossare gli abiti tradizionali.

La seconda grotta si concentra sulle attività dei gruppi femminili e presenta gli zingari famosi nella storia. Sarete sorpresi di trovare Charlie Chaplin e Elvis Presley.

La terza grotta illustra tradizionali rimedi medici zingari, trasmessi di generazione in generazione.

Le nostre congratulazioni a Loli Fernandez, Direttrice dell'Associazione Romi delle donne Rom a Granada.

Asociacion De Mujeres Gitanas Romi
Pl. Rey Badis, S/N
18013 Granada
958 161 278

© typicallyspanish. com

 
Di Fabrizio (del 12/01/2007 @ 10:01:56, in scuola, visitato 1391 volte)

Da British_Roma



David Smith, esperto di temi zingareschi, insegnerà ai giovani come stampare con tecnica stencil colorati artefatti su design romani. Questi artefatti erano tradizionalmente adoperati per adornare i loro tipici carri.

Questo laboratorio funzionerà in congiunzione con la popolare esibizione Mille Anni di Storia esposta al Charnwood Museum. Mille Anni di Storia racconta l'affascinante storia delle comunità zingare e viaggianti da quando migrarono in Europa dall'India, guadagnandosi da vivere vendendo alle comunità locali piccole cose e riparando pentole, vaschette e ceramiche, alcune di queste cose sono visibili nella mostra.

Il laboratorio è indirizzato a bambini tra gli 8 e i 14 anni. Tutti i materiali verranno forniti dal laboratorio, che costerà £2.00 a bambino, tramite prenotazione. Il Charnwood Museum risponde al 44 (0)1509 233754 per informazioni e per riservare i posti.

Mille Anni di Storia verrà esposta da domenica 4 febbraio in Queens Park nel centro di Loughborough, dalle 10.00 alle 16.00 [...]

Il Charnwood Museum colalbora con i consigli distrettuali di Leicestershire e Charnwood Borough.

Note: Ulteriori dettagli e foto possono essere richiesti a Susan Cooke, 44 (0)1509 233737

Media Enquiries: Telephone 44 (0)116 265 6274

 
Di Fabrizio (del 30/01/2007 @ 10:22:10, in scuola, visitato 2198 volte)

Ricevo da Edda Milagros

Ciao a tutti
Vi giro il progetto Università Migrante che abbiamo presentato come associazione Todo Cambia in collaborazione con la Revista El Carrete e le associazioni Cultural de Chile, Movimento Cittadini dal Mondo, Al Qafila Onlus, Dimensioni Diverse, Naga, Centro regionale di intervento per la Cooperazione (CRIC), NuestrAmerica - per il Socialismo del XXI Secolo.
Il corso è aperto a tutti e inizia il 03 aprile.
Università Migrante è un viaggio che parte dalla scoperta delle basi del pensiero antirazzista e dei movimenti di liberazione dal colonialismo per muoversi verso una presa di coscienza dell’eredità colonialista dei “nativi europei” e dell’eredità da colonizzato dei “non europei”. Studieremo insieme la storia, in modo informale e divertente, per ripensarla nell’attualità. Parleremo di:
- le teorie razziste e il colonialismo, nel mondo e in Italia;
- le teorie, le pratiche antirazziste e i movimenti di decolonizzazione;
- i modelli di convivenza delle società di accoglienza e i motivi del loro fallimento;
- le pratiche e le teorie dell’associazionismo migrante;
- l’idea della “cittadinanza globale”.

Per ricevere la scheda con maggiore informazione

 
Di Fabrizio (del 19/02/2007 @ 10:22:46, in scuola, visitato 1337 volte)

Da British_Roma

The Times timesonline.co.uk 13 febbraio 2007

[...] Michael Zimmermann è stato il primo storico tedesco ad accendere un riflettore feroce e da studioso sullo sterminio hitleriano dei Sinti e dei Rom nelle camere a gas e nei campi di concentramento. La sua attenzione non è mai diminuita da quando pubblicò nel 1996 il suo studio finale Rassenutopie Und Genozid: Die Nationalsozialistis che Lösung der Zigeuner Frage (Utopia Razziale e Genocidio: La Soluzione Nazionalsocialista della Questione Zingara).

Nel scriverlo, Zimmerman ha dovuto ordinare montagne di dati delle SS e altri documenti ufficiali che erano rimasti intoccati dagli storici accademici per oltre mezzo secolo. Ed è grandemente dovuto al suo lavoro il fatto che il memoriale su quel genocidio sia ora in preparazione all'interno del Cancello di Brandeburgo a Berlino.

Ha affrontato il soggetto quando, in una ricerca postdottorale da studente, divenne parte di un gruppo di studio all'Università di Heidelberg, guidato da tre professori che intendeva scavare nella storia della persecuzione dei Sinti e dei Rom, sino allora negata dagli accademici. Fu allora la partenza di una missione ventennale in cui Zimmerman ha messo la sua passione, la sua energia e il suo notevole talento di storico contemporaneo e gli diede una reputazione mondiale.

Ma questo non fu l'unico campo in cui diede un segno durevole. Fu Renano per nascita e si interessò sulla spettacolare crescita dell'area della Ruhr come uno dei principali centri europei del carbone e delle miniere e patria di un'industria del ferro e dell'acciaio. Fu membro di un gruppo pioneristico che pubblicò il lavoro sulla rapida nascita delle industrie della Ruhr, Die Erfindung des Ruhrgebiets. Arbeit und Alltag um 1900 (L'Invenzione dell'Area della Ruhr, Lavoro e Vita Quotidiana attorno al 1900). Da solo o in collaborazione con altri pubblicò lavori sulla storia orale, principalmente raccolta negli anni del declino di quelle industrie, come anche una serie di studi sulla routine quotidiana e la qualità di vita dei minatori, dei lavoratori del ferro e dell'acciaio.

Siccome il suo cuore apparteneva ai perseguitati, fece sua la storia della comunità ebraica di Essen, "capitale" della Ruhr, e per otto anni tenne un appuntamento unico come storico ufficiale presso la Vecchia Sinagoga della città.

Con un così solido e pioneristico lavoro, la sorpresa sulla carriera di Zimmerman è forse che non sia riuscito ad atterrare in alcun importante appuntamento accademico. Per gli ultimi 12 anni della sua vita, la sua fonte di reddito principale era un impiego nella formazione e nel reparto culturale del consiglio della città di Essen.

Vinse una qualificazione postdottorale, conosciuta come "Abilitazione" e limitata principalmente al mondo accademico di lingua tedesca, dall'antica università di Jena per il suo lavoro accademico sui Sinti e Rom. Per molti studenti, l'Abilitazione è il passaporto al professorato ma Zimmemrman era troppo individualista per un lavoro di squadra, e così si accontentò di un posto non-stipendiato di lettore nel dipartimento di storia moderna all'Università di Jena e nell'Università della Ruhr di Bochum. Dal 2003 era anche "professore ospite" all'Istituto di Storia Contemporanea di Vienna.

Gli sopravvive la sua compagna da tempo, Yvonne.

Michael Zimmermann, storico, nacque il 17 novembre 1951. A 55 anni, è morto di cancro il 20 gennaio 2007

 
Di Fabrizio (del 21/02/2007 @ 10:04:14, in scuola, visitato 1304 volte)

Da British_Roma

www.cambridge- news.co.uk

Un TEENAGER della comunità zingara di Huntingdon ha giocato un ruolo chiave nell'aiutare a disegnare una nuova politica per i servizi infantili nello Cambridgeshire.

Billy Smith, studente tredicenne della Hinchingbrooke School, ha dato suggerimenti per il piano progettato dal Cambridgeshire Children and Young People's Strategic Partnership, e i suoi appunti figurano anche nel documento finale.

Il piano è formulato per migliorare la vita dei giovani e delle loro famiglie.

Include misure per ridurre il numero di bambini feriti negli incidenti stradali, migliorare la stima di loro stessi, affrontare il bullismo, aumentare la partecipazione nello sport, presso le comunità viaggianti, del Bangladesh e del Pakistan [...]

Billy, che è orgoglioso della sua origine Romani, dice di essersi divertito nel prendere parte al progetto, specialmente nel fornire il punto di vista della sua gente.

Dice "Ho intervistato alcuni consiglieri comunali e fornito schizzi e disegni e lavorato al manuale - The Big Plan."

Billy, che è nato nell'Essex e ha girato tutta la regione, da circa 10 anni abita in un appartamento.

"In realtà, preferisco viaggiare, ma non puoi fermarti da nessuna parte, e quando lo fai [...] litighi con la gente, così devi spostarti," dice. "C'è del bene e del male in ognuno. I Viaggianti non sono tutti cattivi."

Dice Coun Shona Johnstone membro dell'assessorato per l'infanzia e per i giovani del Cambridgeshire:

"I bambini, i giovani e le loro famiglie sono nel cuore del piano che hanno prodotto. Quanto ci hanno detto è stato vitale nel pianificare le nostre priorità. Il contributo di Billy e della comunità viaggiante è stato di particolare valore"

Coun Johnstone dice che il progetto consiste nell'assicurare ai bambini e alle loro famiglie di ricevere servizi più veloci e più effettivi, dove vivono e a scuola e col supporto del Governo.

Il piano, indirizzato ai comuni, alla polizia, ai servizi primari, [...] alle scuole e alle organizzazioni di volontariato, è stato realizzato [...] grazie alla collaborazione attiva di 1850 giovani.

 
Di Fabrizio (del 20/03/2007 @ 09:41:21, in scuola, visitato 1285 volte)

Da Roma_Francais

L'Alta autorità di lotta contro le discriminazioni e per le pari opportunità (HALDE) ha giudicato discriminatorio il rifiuto del sindaco (UMP) di Béziers di iscrivere 14 bambini rom in una scuola della città all'inizio del 2006.

"Questa misura che, nella sua motivazione, è rivolta solo ai bambini rom residenti sul territorio del comune," [...] è discriminatoria, afferma HALDE nella sua decisione datata del 12 febbraio 2007, ma che soltanto ora è stata resa pubblica.

L'istanza fa riferimento ai motivi adottati dal sindaco e  portata a conoscenza dell'HALDE il 9 novembre 2006, dove segnalava che "I rifiuti di iscrizione sono motivati da un problema di domiciliazione delle famiglie di questi bambini sul territorio comunale, poiché queste risiederebbero attualmente su una zona del territorio comunale per niente edificabile poiché fortemente inondabile".

Ragionando sul proprio ruolo di sindaco incaricato, non solo di far rispettare i regolamenti edilizi "ma soprattutto di garantire la sicurezza pubblica", Raymond Couderc invoca "il rischio corso da queste famiglie a causa del loro luogo di sosta", per giustificare non di potere "adottare alcuna misura tale da incoraggiare la perpetuazione della loro residenza".

La sua decisione si fonda dunque soltanto sui rischi legati alla sosta delle famiglie, subordinando il diritto dei bambini all'educazione al fatto che i loro genitori non possano stazionare in zona pericolosa, si stupisce HALDE nella sua decisione.

"Le regole riguardanti l'iscrizione a scuola e quelle relative all'urbanismo ed alla sicurezza pubblica sono chiaramente distinte"  ricorda, qualificando questa situazione come "abuso di potere".

Il sindaco si è finalmente conformato all'obbligo di scolarizzare i 14 bambini, sottolinea tuttavia HALDE, poiché due famiglie hanno depositato una procedura per direttissima-sospensione, il 1 settembre 2006, presso il tribunale amministrativo di Montpellier. Il quale ha risposto,  in settembre ed in novembre, con tre ordinanze sospendendo le decisioni di rifiuto d'istruzione, confermate successivamente dal Consiglio di Stato.

L'Alta autorità presenterà le sue osservazioni, dinanzi allo stesso tribunale amministrativo, in occasione dell'esame in fondo alle richieste in annullamento, la cui data non è ancora fissata.

 
Di Fabrizio (del 22/03/2007 @ 09:49:28, in scuola, visitato 1375 volte)

Da Mundo_Gitano


Por: Silvia Torralba

Lavorare in rete per dar voce alle donne gitane e promuovere il loro accesso alla scolarità, dalla scuola sino all'università. E' l'obiettivo per cui sette anni fa nacque Drom Kotar, un'entità delle donne gitane di Barcellona.

08/03/2007, Circa poco più di un mese fa, l'Università di Lleida ha ospitato l'ultima edizione dell'Incontro delle Studenti Gitane che, dal 2002, è promosso dall'associazione Drom Kotar Mestipen. In tutti questi anni, l'entità ha organizzato quest'iniziativa in nove occasioni con l'idea di fomentare la partecipazione di bimbe e donne gitane che sono nel processo di formazione e scambiare esperienze per lottare contro l'assenteismo scolastico.

L'obiettivo è "conoscere le cause dell'abbandono prematuro" della scuola, conoscere le alternative per superare questa problematica e, nel contempo, mostrare come molte giovani e donne gitane "stanno arrivando lontano o vogliono farlo" studiando all'università e lavorando per la loro comunità [...].

Negli Incontri delle Studenti Gitane partecipano ragazze e donne che stanno formando entità sociali in tutta la Catalogna,maestri ed associazioni di quartiere, sempre sotto la coordinazione di Drom Kotar.

Questa organizzazione si formò nel barrio de la Mina a Barcellona più di sette anni fa al fine di riunire donne di differente età, gitane e no, per superare situazioni di esclusione di genere e precedenza, far conoscere alla società il lavoro che molte donne gitane attive realizzano per la loro comunità e promuovere l'accesso alla scolarizzazione ed alla formazione di bambine ed adulte.

Per questo, Drom Kotar ha predisposto spazi di dialogo, come gli incontri tra studentesse ragazze ed adulte e la Commissione delle Madri. Attraverso quest'ultimo spazio, che funziona da vari mesi, le donne gitane arrivano alle famiglie per sensibilizzarle sull'importanza dell'educazione per il futuro dei loro figli, e lavorare passo a passo con le loro scuole per formare il corpo insegnante con metodologie di intervento sulla storia e la cultura del popolo gitano.

Formarsi per aumentare la partecipazione

Oltre a lavorare per aprire spazi di dialogo e promuovere la scolarizzazione, Drom Kotar appoggia processi di formazione occupazionale per aumentare l'inclusione socio-lavorale. In questa maniera, donne gitane di oltre 45 anni si sono formate per lavorare come controllore nelle mense scolari, nella pausa e nel tempo libero.

Questo tipo di formazione, segnalano da Drom Kotar, permette alle donne di sviluppare abilità e, soprattutto, presuppone "includere le voci gitane, attraverso le donne, dentro la scuola, nei centri civici, centri giovanili, ecc." per superare situazioni come l'abbandono scolastico e  la mancanza di partecipazione, e generare referenti positivi.

A tutto questo, si aggiunge anche l'iniziativa Educa Rom, che si coordina con altre associazioni di gitani di paesi come Romania, Ungheria e Francia.

L'idea

Non è altro che lavorare in maniera coordinata per promuovere l'accesso alla scolarità di gitane adulte nel territorio europeo e, mediante educatrici ed istituzioni di appoggio, sensibilizzare la popolazione sulla storia e la cultura gitana e registrare i contributi realizzate dalle organizzazioni gitane.

Io cosa posso fare?

Quanti vogliono collaborare con la Commissione delle Madri dell'associazione Drom Kotar Mestipen possono scrivere a ARROBA@dromkotar.org

Il 2 e 3 aprile si svolgerà a Valencia il Congresso Nazionale delle Donne Gitane organizzato dalla Federazione Autonoma delle Donne Gitane della Comunità Valenciana. Se desiderate informazioni o volete partecipare, potete domandare all'associazione Drom Kotar Mestipen.

COPYRIGHT © 1999-2006 Fundación Hemera
Todos los derechos son reservados

 
Di Fabrizio (del 12/04/2007 @ 10:08:34, in scuola, visitato 1739 volte)
Su Roma_andfriends una tabella vocabolario, che confronta alcuni termini comuni in sanscrito, romanes ed inglese
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


02/04/2020 @ 05:42:37
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Sinti e Rom manifestano a Brescia... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 674 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source