Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 08/03/2011 @ 09:50:25, in media, visitato 1350 volte)

Da Roma_Francais

Coulisses-tv.fr

Lunedì 21 marzo alle 00.30, France 3 diffonderà nella programmazione di "La case de l'oncle doc" un documentario intitolato "Roms, premier peuple européen".

Sei secoli dopo il loro arrivo in Europa, i Rom, a seconda delle frontiere conosciuti come Manouches, Gitans, Sinti…continuano a vivere, tra carovane e bidonville, alle porte delle nostre società. Ma in Francia a luglio 2010, una semplice notizia riguardante un cittadino francese di origine gitana, dava fuoco alle polveri.

Discorsi sicuritari infiammati, amalgama tra delinquenza e "gens du voyage", regna la confusione, e designa un capro espiatorio per l'insicurezza del momento: i Rom. Tra i 10 e i 12 milioni di suoi cittadini vivono ai margini dei diritti più fondamentali, dalla sanità all'istruzione. Tra i 10 e i 12 milioni di uomini, donne, bambini marginalizzati che vogliamo tenere a debita distanza, ma a quale distanza, visto che sono europei? Lo stigma, per non dire il rifiuto di "Gitani, Zigani, Manouches..." è ancestrale. Evidente la loro paura dell'integrazione o dell'assimilazione. Il loro posto in un'Europa ufficialmente senza frontiere interne, ma che resta un'Europa delle Nazione, è difficile da definire. A meno che i Rom stessi non aprano una prima breccia. A marzo 2011, Romania e Bulgaria, membri dell'Unione Europea entreranno nello spazio Schengen garantendo la libera circolazione a tutti i loro membri.

Questo film ci fa viaggiare, da Montreuil dove si espellono i Rom rumeni o bulgari, a Budapest dove le milizie nazionaliste incendiano le case delle famiglie rom. Un itinerario di paria abbandonati dai loro stati e che convergono verso Strasburgo e Bruxelles, capitali legislativa e amministrativa dell'Unione Europea, dove giovani studenti rom tentano di far intendere la voce dei 10-12 milioni di cittadini europei che non vogliono più vivere rifiutati e marginalizzati. Un viaggio per raccontare la lunga e difficile gestazione di una nazione senza territorio nazionale. Una prima tappa verso un'Europa dei popoli? Forse no, ma una questione centrale: quale status perché 10-12 milioni di cittadini europei non siano più rigettati ai margini dei diritti fondamentali?

 
Di Fabrizio (del 07/03/2011 @ 09:31:29, in media, visitato 1192 volte)

Affaritaliani.libero.it Venerdí 04.03.2011 15:51

"Diversità urbana" è il primo concorso fotografico lanciato dall’Unar - Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali - presso il Dipartimento per le Pari Opportunità della presidenza del Consiglio dei Ministri. L'intento è quello di far emergere a livello nazionale ogni iniziativa di conoscenza reciproca, che a partire dalla rimozione degli stereotipi che favoriscono la conflittualità, favorisca il dialogo e l'inclusione sociale nei contesti urbani tra cittadini italiani, stranieri, rom, sinti e di altre minoranze etnico-linguistiche e di altre religioni, tra persone disabili, tra giovani ed anziani e tra persone con diverso orientamento sessuale ed identità di genere.

Il concorso, a cui si potrà partecipare fino al 15 aprile 2011, è rivolto ai giovani dai 18 ai 35 anni e premierà, con mille euro ciascuna, le migliori 6 foto ritenute vincitrici ex-equo dalla Commissione giudicatrice formata da esperti dell’Unar e dal National Working Group contro le discriminazioni. Inoltre, le migliori foto (vincitrici e non) saranno selezionate e diffuse nell’ambito di campagne informative e di sensibilizzazione elaborate dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, oltre ad essere pubblicate in un libro fotografico e usate per mostre fotografiche di rilievo nazionale.

Il concorso si articola sui seguenti temi: diversità razziale; diversità etnica con particolare riferimento alle comunità rom, sinti e camminanti; diversa abilità; diversità religiosa; diversità di età; diversità di orientamento sessuale ed identità di genere. Ogni autore può partecipare con un massimo di quattro foto rappresentative di almeno due temi oggetto di concorso. Tutte le fotografie devono essere inedite. La domanda di partecipazione si può scaricare dal sito dal sito www.unar.it e dal sito www.pariopportunita.gov.it e deve pervenire entro il 15 aprile 2011.

 
Di Fabrizio (del 20/02/2011 @ 09:14:43, in media, visitato 1284 volte)

15-02-2011

Negli ultimi cinque anni sulle principali reti televisive italiane si è assistito al dilagare delle notizie relative alla cronaca nera, cronaca giudiziaria e criminalità organizzata, nei telegiornali come nelle trasmissioni. Mentre nel periodo 2003-2005 la rappresentazione di eventi criminosi si era mantenuta costante, a partire dal 2006 si è rilevato un sensibile incremento del tempo dedicato a questa tipologia di notizie, con un ulteriore aumento nel corso del 2007.

Infatti, se nel 2003 le edizioni principali dei telegiornali di tutte le emittenti nazionali trattavano questi temi per il 10% del loro tempo, nel 2007 la percentuale di tali argomenti saliva al 24% con punte, su alcune testate televisive, del 30%. Tale sovraesposizione mediatica si rivelava poi del tutto ingiustificata se confrontata con i dati ufficiali del Ministero dell'Interno che evidenziavano un calo di oltre il 10 per cento dei reati nel 2007 con un ulteriore conferma nei primi sei mesi del 2008.

E' in particolare l'"emergenza rom" a spiccare tra le notizie di cronaca dei telegiornali quando, nell'aprile del 2007 ad Appignano, in provincia di Ascoli Piceno, un giovane rom alla guida di un furgone travolge e uccide quattro ragazzi. Qualche giorno dopo il campo nomadi del paese viene dato alle fiamme e le cronache dell'incidente proseguono per i successivi cinque mesi fino al processo, nel settembre dello stesso anno.

Ma il culmine della sovraesposizione delle notizie di cronaca nera, con particolare riferimento alla popolazione rom e rumena si raggiunge a partire dall'ottobre del 2007 quando Giovanna Reggiani, aggredita e rapinata alla stazione ferroviaria di Tor di Quinto, muore due giorni dopo.
L'aggressione viene segnalata da una donna rom, che indica l'autore del delitto in un giovane, anche lui rom rumeno.

Nei primi giorni i media non danno molto risalto alla notizia credendo la Signora Reggiani appartenente alla comunità rom, quindi di rilevanza marginale. Non appena si apprende che la vittima aveva nazionalità italiana scoppia il "caso Reggiani": il processo viene trattato frammentariamente dalla stampa e strumentalizzato politicamente.

Di lì a pochi mesi (aprile 2008) si terranno le elezioni politiche e le amministrative per l'elezione del Sindaco di Roma e il tema emergenza sicurezza, con particolare riferimento alla comunità rom e ai cittadini di origine rumena, è l'argomento principale dei media e della campagna elettorale del centrodestra.

In questo periodo, con cadenza quotidiana, hanno particolare rilevanza nell'agenda dei telegiornali le notizie relative agli sgomberi dei campi nomadi in tutta Italia.

Si giunge addirittura ad un decreto legge (181/2007) sollecitato dall'allora sindaco di Roma Walter Veltroni che prevede l'attribuzione ai prefetti del potere di espulsione dei cittadini comunitari per ragioni di pubblica sicurezza. Il decreto non verrà mai convertito in legge poiché in netto contrasto con la direttiva 2004/38/CE.

Come dimostrano diversi studi, media, opinione pubblica e realtà hanno alimentato l'insicurezza percepita, facendo raggiungere livelli elevatissimi alla preoccupazione sociale e all'allarme per i crimini contro la persona e la proprietà privata nei confronti degli immigrati, percepiti come vera e propria minaccia, mai come risorsa.

Sono rari i casi in cui il tema dell'immigrazione è trattato al di fuori di un contesto di cronaca o comunque svincolato dalla criminalità.

In un campione di notizie delle edizioni principali dei telegiornali di tutte le emittenti dei primi sei mesi del 2008, su 5.684 notizie analizzate, solo lo 0,45% di queste affrontano l'immigrazione senza legarla, al contempo,a un fatto di cronaca o al tema della sicurezza.

Non solo il singolo fatto di cronaca viene ricondotto all'immigrazione in quanto tale, ma tutto il recente interesse al tema sicurezza sembra ruotare intorno alla presenza – vista sempre in termini emergenziali e straordinari – di persone provenienti da luoghi diversi.

Su 163 servizi televisivi che trattano fatti di cronaca con protagonisti migranti, 65 contengono
informazioni/immagini che possono portare all'identificazione di persone (adulte) colpevoli di atti di violenza (39,9%). Un dato di dieci punti superiore rispetto ai servizi di cronaca che non riguardano solo migranti e che si attestano, infatti, al 29,7%.

Su tutto domina l'etichetta di clandestinità che, prima di ogni altro termine, definisce l'immigrazione in quanto tale. Rom e rumeni sono il gruppo etnico e la nazionalità più frequentemente citati nei titoli di tg.
Le parole, dunque, contribuiscono a tematizzare la presenza degli immigrati in Italia con un riferimento forte alla minaccia costituita dagli stranieri alla sicurezza degli italiani.

Si assiste inoltre alla tendenza di diffondere informazioni e immagini lesive della dignità delle persone coinvolte, direttamente o meno, in fatti di cronaca soprattutto quando i protagonisti sono migranti.

Nel febbraio del 2009, per più di un mese, telegiornali e trasmissioni "processano" Karol Racz, un cittadino rumeno arrestato all'indomani dello stupro di una ragazza in un parco di Roma, indicandolo come "faccia da pugile", il mostro della Caffarella.

Il suo volto è mostrato per settimane, nonostante le indagini stessero proseguendo e non si avessero prove della sua colpevolezza.

Durante le indagini sono ripetute le accuse alla comunità rumena, mentre la situazione sociale esplode in una serie di vere e proprie spedizioni punitive ai loro danni, quasi legittimato dai ripetuti sgomberi effettuati in quei mesi in tutta Italia.

Nessuno dei due fermati ricalca le descrizioni fornite dalle vittime, le prove a loro carico decadono dopo pochissimi giorni, ma per loro le porte del carcere non si aprono comunque.

Così un cittadino comunitario incensurato proveniente dalla Romania è trasformato in "faccia da pugile" dai media e usato come prova dell'idoneità delle misure di sicurezza adottate dal Governo.

Un mese e mezzo dopo l'arresto Racz è ospite di Porta a porta, una delle principali trasmissioni televisive, nel giorno della sua scarcerazione. E' il conduttore a porre le scuse.
La stampa e la televisione italiana sembrano le uniche in Europa a descrivere un crimine mettendo in evidenza la nazionalità del criminale, quasi a sollecitare la creazione di un capro espiatorio nel quale far confluire tutti i malcontenti possibili.

I media, attraverso la scelta del linguaggio e della trattazione "criminale" del tema immigrazione predispongono un terreno fertile su cui poi lavorare durante i casi di cronaca più eclatanti.

L'enfatizzazione di alcuni aspetti di questi episodi (ad esempio la nazionalità dell'aggressore) in un clima così ansioso finisce per agevolare l'insorgere del panico morale.

Queste ondate emotive, rivolte contro un capro espiatorio che viene identificato come minaccia per la conservazione della società, sono teoricamente destinate a risolversi in poche settimane.
Se è la cronaca l'unico argomento utilizzato dai media per descrivere la presenza straniera e i fenomeni migratori è possibile chiedersi quale sia il ritratto delle persone di origine straniera nei mass media.

In generale, più del 70% delle notizie di cronaca presentate da tg e quotidiani descrive un atto criminoso, l'attività delle forze dell'ordine o un procedimento giudiziario o penale. Per oltre i tre quarti delle volte (76,2%), persone straniere sono presenti nei telegiornali come autrici o vittime di reati. Le persone straniere compaiono nei telegiornali, quando protagonisti di fatti criminali, più facilmente degli italiani (59,7% contro il 46,3%).

Al contrario, le notizie di cronaca giudiziaria che riguardano stranieri sono il 16,5% del totale.
Questo risultato, oltre a essere un primo segnale di un diverso trattamento informativo sulla base della nazionalità dei protagonisti, può avere qualche conseguenza più profonda sulla rappresentazione dei migranti.

Gli stranieri sono ritratti nel momento dell'atto criminale, sovraesposti nella dimensione inquietante e drammatica della cronaca nera, tendono invece a sparire nel momento processuale, cioè nel momento in cui non solo possono essere evidenziate le effettive responsabilità penali, ma anche in cui ne possono emergere le caratteristiche umane, la personalità, le difficoltà, la voce.

I delitti compiuti da stranieri presenti sul suolo italiano diventano allora delitti senza movente né conseguenze, rimangono ritratti spesso da senza storia, umanità o ripercussioni penali.
Episodi di cui l'unica conoscenza certa può essere la loro brutalità e la loro residua matrice comune: l'immigrazione.

Non è mai presentata l'immagine reale dell'immigrato che vive e lavora in Italia.
Negli ultimi trent'anni l'immagine dell'immigrazione fornita dai mezzi di informazione appare come congelata, immobile.

Ancorata alle stesse modalità, alle stesse notizie, agli stessi stili narrativi e in qualche caso agli stessi tic e stereotipi. I risultati delle ricerche avviate sullo stesso tema a partire dalla fine del 1980, con molti elementi comuni con il passato di altri paesi europei, appaiono straordinariamente simili.

Da una parte, c'è una rappresentazione dominata da una visione "naturalmente" problematica del fenomeno: l'immigrazione è, in sostanza, un problema da risolvere. Dall'altra parte, il tipo di notizie evidenziate: la cronaca appare l'elemento ancora dominante della trattazione riducendo la complessità della realtà alla sua eventualità criminale.

 
Di Fabrizio (del 08/02/2011 @ 09:12:50, in media, visitato 1446 volte)

Di quanto è successo a Roma domenica sera, si è scritto parecchio. Tra poco la cosa sarà dimenticata, fino al prossimo incendio. Riprendo questo articolo di Repubblica, perché per una volta, raccoglie pezzi di discorso degli scampati, senza la morbosità che spesso hanno i giornali. La segnalazione è di Luisa Rizzo


"Voglio morire anch'io insieme ai miei bimbi" lo strazio del padre davanti ai corpi carbonizzati
La madre: "Non mi muovo di qua. Li devo vegliare anche se non serve a niente". Uno zio: "Volevo portarli via perché in queste baracche si vive come animali" di ANNA MARIA LIGUORI e EMILIO ORLANDO

Mircea Erdei, padre dei piccoli morti nel rogo

"Voglio morire anch'io, adesso che ho perso tre figli voglio andare con loro". Mircea Erdei ripete in uno stentato italiano di "non potercela fare" di volerla "fare finita".

Mircea Erdei è padre di tre dei quattro piccoli (l'altra è invece figlia di primo letto della moglie) bruciati nella baracca andata a fuoco. Poco distante c'è la moglie, Elena, che si lamenta e si contorce come se una mano invisibile la stesse torturando: "Io non mi muovo di qua, dice anche se non serve a niente devo vegliare i loro corpi, devo stare vicino a loro". Mircea e Elena hanno altri cinque figli, poco più grandi e poco più piccoli di quelli che non ci sono più. Vagano sparsi per il campo, gli agenti della municipale cercano di raccoglierli, di farli stare insieme, ma loro non ne vogliono sapere. Fernando Eldeban aveva 3 anni, Sebastian 7, Raul 5 e l'unica bambina Elena Patrizia 11, figlia del primo marito di Elena. I poliziotti parlano con la sorella maggiore Bianca, 18 anni, una delle prime a dare l'allarme, piange senza sosta: "Mi sono allontanata solo cinque minuti, ero andata a prendere l'acqua. Quando sono tornata la baracca era in fiamme. Cosa potevo fare?".

Nel piccolo campo abusivo sembrano spariti tutti, molti sono scappati, chi è rimasto è legato a doppio filo ai genitori dei bimbi. Come uno zio arrivato dal Campo regolare Arco di Travertino, che è sempre nel IX municipio, che non si da pace per quello che è successo: "Volevo portarli via da qui, volevo portarli dove vivo io, perché la vita lì è umana. Non come in queste baracche dove si vive come animali. Ma non ce l'ho fatta non ce l'ho fatta". E poi viene fuori la rabbia: "Siamo tutti disperati, qui la gente ci tratta male, non ci vuole. Noi non vogliamo stare qui, ma dove andiamo".

Mircea Mirgia esce ogni mattina per andare a lavorare a nero fa il muratore. Il suo vicino di baracca lo conosce da sempre, sono arrivati insieme in Italia un anno fa: "Fa tutto per sfamare i figli, lavora come un pazzo. Tutto quello che può fare lo fa. I bambini li avevo visti pochi minuti prima che il materasso prendesse fuoco, si erano messi a dormire da poco. Come è potuto succedere?".

Tutti i bambini morti nel rogo andavano a scuola. Ma spesso erano soli, come ieri sera, la madre e un'amica erano andate a comprare l'acqua e qualcosa da mangiare in un fast food poco lontano. Al campo non si cucina, è abusivo: niente acqua, ovviamente niente bagni. Stefan, un amico di famiglia, scalcia le pietre e urla a chiunque voglia sentirlo: "Venivano solo a controllarci e a chiederci i documenti, ci hanno fatto solo promesse ma nessun aiuto. Niente aiuto. Siamo isolati e abbandonati a noi stessi. E noi non ce la facciamo. I nostri figli muoiono e noi non possiamo farci niente". Rado, appena arrivato dalla Romania gli fa eco: "Sono qui da pochi giorni e già ho capito questo campo non è sicuro, per niente sicuro...". Intanto Mircea e Elena non si muovono, sono fermi davanti alla baracca bruciata. Il sindaco Alemanno è lì e loro gli chiedono aiuto "per gli altri nostri figli" dicono, "e i funerali dei bambini li facciamo in Romania".

(07 febbraio 2011)

 
Di Fabrizio (del 02/02/2011 @ 09:16:43, in media, visitato 1571 volte)

Segnalazione di Voijslav Stojanovic

EaST Journal di Matteo Zola

"Un giorno metti la pentola a bollire sul fuoco, e sei in un posto. Quando l'acqua bolle sei in un altro. Quando la pasta cuoce in un altro, e la mangi chissà dove". Con queste parole la vecchia nonna di Laura Halilovic commenta lo sgombero che la polizia ha imposto al campo nomadi in cui si trova. Laura, dal canto suo, ne ha fatto un film: "Io la mia famiglia Rom e Woody Allen", in cui racconta la sua vita e quella dei suoi cari, tra discriminazioni e vita quotidiana. Il titolo è una citazione proprio di un film di Woody Allen. Il cineasta americano ha letteralmente folgorato la piccola Laura che, ancora bambina, si trovò da allora a coltivare un sogno: fare la regista. Oggi, con questo film documentario prodotto in collaborazione con RaiTre e Film Commission Torino, quel sogno è diventato realtà.

A META' TRA DUE CULTURE
«Da quando ho fatto questo film molti si interessano a me. Certo, il pericolo è che lo facciano solo perché sono Rom, che mi mettano addosso quest'etichetta e ci si interessi a me perché "diversa"».
Una diversità che le viene additata anche dalla sua comunità: «Sono diversa per gli italiani e sono diversa per i Rom perché non voglio vivere secondo la nostra tradizione e non intendo sposarmi per realizzare "il mio futuro"». Proprio con queste parole infatti i genitori di Laura, nel documentario, la spingono al matrimonio: "Sei già vecchia, hai 19 anni", le dicono. «Così mi trovo a metà tra due culture, in bilico – prosegue Laura – e certo è una sofferenza, è una situazione che vivo malissimo».
Ma la giovane regista ha le spalle larghe e con tenacia procede nel suo cammino umano e artistico: «Anche la mia famiglia ora si è convinta, ma all'inizio è stata dura poiché una ragazza Rom non può studiare e nemmeno lavorare, può solo sposarsi».

LIBERTA' E PRIGIONIA
Nata a Torino, Laura ha vissuto nel campo vicino all'aeroporto di Caselle fino all'età di otto anni. Poi la sua famiglia ottiene una casa popolare dove vanno a vivere in nove: lei e i suoi quattro fratelli, i genitori e due cognati. Della vita del campo resta un ricordo indelebile di libertà e prigionia al contempo: «Mi ricordo la libertà, noi bambini stavamo sempre in giro nel campo, solo il cielo a farci da confine. Ma ricordo anche il filo e la rete che delimitavano il campo, eravamo come animali in gabbia». Le difficoltà coi "Gagé" – i non Rom – iniziarono con la scuola: «Ricordo la mia felicità, il primo giorno. E ricordo come gli altri genitori commentassero: "Ci mancava anche la zingarella". Quel giorno non parlai con nessuno e corsi via appena la campanella suonò».

INTEGRAZIONE NON E' ESSERE TUTTI UGUALI
Questo dolore è quello che, secondo Laura, farà sempre sentire i Rom inferiori. Un'inferiorità interiorizzata a tal punto da renderli incapaci di rivendicare i loro diritti. «E non cambierà mai. Come mai cambierà l'atteggiamento dei Gagé che continueranno sempre a disprezzarci. Un'integrazione è impossibile». Poi, con un sospiro: «Integrazione non è essere tutti uguali, non è –per un Rom – diventare Gagé. I Rom non vogliono diventare Gagé. Se non ci fosse più diversità, nel futuro, forse non ci sarebbe più discriminazione. Ma poi saremmo tutti più poveri».
Nella parole di Laura echeggia la saggezza della vecchia nonna, che nel film è il simbolo di una cultura antica, modellata dai secoli e dai chilometri percorsi da questo popolo nomade. «Quando mi dicono: "vai a casa tua" io mi domando qual è la mia casa, la casa di un nomade è ovunque». Laura non nasconde che ci siano dei problemi: «Le persone però non devono fare di tutta l'erba un fascio, tra di noi siamo diversi. Tra un Rom Romeno e uno bosniaco c'è differenza, ad esempio. Non conoscono la nostra cultura». E davvero è arduo conoscere la cultura Rom, il film di Laura è un ponte per la reciproca conoscenza. Forse così sarà possibile capire che: «Non è vero che i Rom sono tutti ladri e delinquenti». "Quando un Rom fa un reato, a venire puniti sono tutti i Rom" si dice nel film.

CASETTE IN FILA
E Laura fa un agghiacciante parallelismo: «Quando vedo le casette in fila, tutte uguali, del nuovo campo di via Germanasca a Torino, con un recinto di ferro intorno alto tre metri, mi vengono in mente i campi di concentramento dove sono morti i miei bisnonni». Già, poiché molti dimenticano che, insieme agli ebrei, ad Auschwitz trovarono la morte milioni di zingari. «Se mai incontrassi Woody Allen di persona – conclude Laura – gli chiederei come ha vissuto il suo essere ebreo. E come ne ha fatto una risorsa».

 
Di Fabrizio (del 22/01/2011 @ 09:19:39, in media, visitato 1390 volte)

Link per chi legge da Facebook

 
Di Fabrizio (del 10/01/2011 @ 09:21:37, in media, visitato 1717 volte)



7 gennaio 2011 Siccome si sa che gli zingari rubano i bambini, allora Denise Pipitone può essere anche quella ragazzina ritrovata nel 2008 in Grecia. Così almeno dicono durante Quarto Grado, condotta da Salvo Sottile, nel servizio di ricostruzione del caso di Denise, dove affermano testualmente che in Grecia viene ritrovata (e si mostrano le foto) una ragazzina rom che somiglia tantissimo alla scomparsa, ma poi la zingara che la conduceva per mano "scompare nel nulla con la bimba, la cercano in tutti i campi rom ma non la trovano".

Mica vero. Era stata ritrovata sull'isola di Kos una bimba di otto anni che somigliava a Denise, scomparsa quattro anni fa (il 1 settembre 2004) a Mazara del Vallo mentre giocava in pieno giorno nel giardino della sua casa. L'Interpol aveva anche arrestato una donna di trent'anni (una rom albanese) che si faceva passare per la madre della bimba, ma non parlava italiano. A portare gli agenti dalla bambina, una turista italiana che aveva acquistato da lei un braccialetto era rimasta colpita dalla somiglianza. Così almeno era stata raccontata la storia, con dovizia di particolari fantasiosi, dai giornali italiani il giorno prima. Il giorno dopo, la doccia fredda: l'esame del Dna ‘scopre' che la bimba era proprio figlia dell'albanese che diceva di esserne la madre. Tu guarda il caso, alle volte.

La polizia ha fatto sapere che dall'esame del dna è emersa "una compatibilità ereditaria" tra la bambina e la zingara albanese arrestata, che aveva sempre affermato di esser sua madre. "Al 99% non è Denise bensì la figlia dell'albanese" dicono dalla Grecia dopo avere avuto i risultati, ancora informali, dell'esame. "I risultati ufficiali li avremo domani, attendiamo ulteriori disposizioni della magistratura"

scriveva il Giornale. A Mediaset si vede che, a distanza di due anni, ancora non se ne sono fatti una ragione.

 
Di Fabrizio (del 06/01/2011 @ 09:35:34, in media, visitato 1178 volte)

Suggerimento di Maria Natanson

 Link per chi legge da Facebook

Trovato nella calza ; - ) (che da domani si torna alla dura storia)

 
Di Fabrizio (del 20/12/2010 @ 09:50:29, in media, visitato 1519 volte)

La Nazione

Secondo una recente ricerca, i media inciderebbero sulla percezione dell'altro, attraverso stereotipi. Così il 59% del campione ritiene che l'ingresso degli stranieri favorisca la criminalità, il 45% crede che gli zingari (rom e sinti) siano tutti ladri

Firenze, 16 dicembre 2010 – La discriminazione nei confronti del "diverso" nella società attuale è molto diffusa. Lo pensano i giovani che hanno partecipato all'indagine "Minori, mass media e diversità" realizzata dal Centro Studi Minori e Media su un campione di 1214 studenti di 19 scuole medie superiori di 13 città in 9 regioni italiane e presentata oggi a Firenze in un convegno svoltosi presso la Regione Toscana .

In apertura ha portato il saluto della Regione Toscana il consigliere regionale Gianfranco Venturi che, nel ricordare l'anniversario dell'unità d'Italia, ha affermato che è necessario creare l' unità nel Paese fatta di diversità solidale. Ma gli stessi studenti intervistati dichiarano, quasi per la metà, di provare sentimenti discriminatori nei confronti delle persone diverse da sé ed il 90% del campione ha amici che non nascondono atteggiamenti discriminatori nei confronti degli immigrati e delle persone senza fissa dimora.

Non solo. Sebbene sia opinione diffusa che i giovani siano meno discriminanti degli adulti, dalla ricerca è emerso, invece, che circa il 9% è più discriminante dei propri genitori e nonni. Solo il 26 % è meno discriminante, mentre la maggior parte (66%) riflette la posizione famigliare . "E' evidente – ha affermato la presidente del Centro Studi Laura Sturlese, commentando i risultati della ricerca – che la scuola, con un efficace insegnamento dell'educazione civica , incentrata sui valori fondanti della Costituzione, e elevata al rango di materia obbligatoria e di pari dignità, e le scuole e facoltà di giornalismo, e un'opportuna sensibilizzazione dei media potranno porre rimedio a questo quadro desolante ".

"I giovani oggi? Digitali nativi, aperti al mondo, a nuove tecnologie e forme di comunicazione – afferma Isabella Poli, direttore del Centro Studi Minori e Media - ma spesso diffidenti e discriminanti nei confronti di chi è accanto, se "diverso". Il diverso fa paura ed allora, se per gli adulti c'è la tentazione di rinchiudersi nel privato, per i giovani il rifugio è il branco dove non ci si deve confrontare con l'altro, il diverso". Contradditori, come spesso sono i giovani, non hanno pregiudizi per i compagni di scuola disabili o per gli atleti stranieri nello sport, ma invece li hanno per gli immigrati e, fra questi, soprattutto per asiatici, musulmani e rom che risultano loro particolarmente antipatici .

E di contraddizioni della società stessa ha parlato anche il prof. Franco Cambi dell'Università di Firenze che tuttavia ha individuato nelle risposte dei ragazzi un trend di sviluppo verso un atteggiamento meno discriminante rispetto alle generazioni più anziane. " Dobbiamo passare – ha affermato Cambi - dalla multiculturalità all'intercultura come spazio di incontro delle diversità. Netto, invece, il giudizio degli studenti intervistati sui soggetti più influenti nella lotta alla discriminazione ed alla xenofobia. Ai primi posti non risultano né le istituzioni, che hanno il compito di regolamentare e promuovere la piena attuazione delle norme, né le principali agenzie educative quali famiglia e scuola, alle quali compete l'educazione all'accoglienza ed alla non discriminazione, bensì le associazioni di volontariato, la Chiesa ed i mass media, seguiti a distanza da famiglia e scuola, e, all'ultimo posto, dal Governo.

"Dati sconcertanti – ha affermato Chiara Dino, redattore del Corriere Fiorentino – che rivelano la responsabilità stessa dei media sulla quale tutti noi giornalisti dobbiamo riflettere". La Dino ha anche invitato gli studenti a dialogare, attraverso strumenti ai giovani congeniali come i social network e siti web , con gli operatori della comunicazione.

Il rapporto dei giovani con i media è più forte di quanto essi stessi non credano. Sebbene solo 1 su 4 dichiari di aver formato la sua opinione sulla diversità attraverso i media, le risposte ad altre domande rivelano l' incidenza nei loro giudizi dei messaggi, e talvolta degli stereotipi, che caratterizzano la comunicazione oggi. Così iI 59% del campione ritiene che l'ingresso degli stranieri favorisca la criminalità, il 45% crede che gli zingari (rom e sinti) siano tutti ladri ed il 36% ritiene che la religione islamica costituisca una minaccia per l'Occidente. Però, allo stesso tempo, l'80% pensa anche che gli stranieri facciano lavori che gli italiani non vogliono fare.

E' seguito quindi il dibattito nel quale sono intervenuti, fra gli altri, docenti e studenti di scuole che hanno partecipato alla ricerca.

 
Di Fabrizio (del 08/12/2010 @ 09:34:24, in media, visitato 1587 volte)

Segnalazione di Vojislav Stojanovic

Notizie di Prato

Dichiarazioni anti rom, imbarazzo nel centrodestra: Lombardi convocata dai probiviri del Pdl. Solo la Lega la difende a spada tratta

Il Pdl prova a correre ai ripari sul caso creatosi attorno alle dichiarazioni anti-rom e convoca per domani Clarissa Lombardi (leggi QUI ndr) per valutare eventuali provvedimenti da prendere. Lo annuncia il vice-coordinatore vicario del Popolo della Libertà, Filippo Bernocchi: "Incontrerò Lombardi per decidere il da farsi, al momento però mi sembrano quasi incredibili le dichiarazioni riportate". Anche Riccardo Mazzoni, coordinatore provinciale del Pdl prende le distanze: "La xenofobia è un male che va estirpato dalla nostra società – commenta in una nota –. Frasi xenofobe come quelle scritte su Facebook da un nostro consigliere di circoscrizione non appartengono dunque né alla nostra storia politica né alla nostra cultura e costituiscono un gravissimo danno all’immagine del partito". A deliberare su Clarissa Lombardi saranno direttamente i probiviri nazionali. Nel frattempo il centrodestra si divide facendo affiorare l’esistenza di due anime quasi inconciliabili circa il comportamento da tenere nei confronti dei rom con pulsioni xenofobe pronte ad essere sprigionate. La Lega Nord così nella versione del suo segretario comunale Leonardo Soldi sta dalla parte della consigliera di circoscrizione. "Capisco perfettamente la sua rabbia – afferma –. Noto che la questione dei rom non è ormai sentita solo dalla Lega, ma anche dagli elementi meno moderati del Pdl. In un periodo di crisi certe agevolazioni, che i comuni sono obbligati a concedere ai rom stridono ancora maggiormente rispetto al passato. Mi riferisco in particolar modo alla situazione dei campi nomadi. Non avendo per nulla una cultura della pulizia e del vivere civile, come invece abbiamo noi, se ne fregano di rispettare certi standard. Oggettivamente Lombardi ha sbagliato in un solo punto, si è dimenticata di includere nelle sue dichiarazioni un riferimento ai sinti". Decisamente di carattere opposto le dichiarazioni del capogruppo in consiglio comunale di Futuro e Libertà, Federico Lorusso che ne approfitta per riaprire un contenzioso politico con il Pdl. "Mazzoni ci ha appellati come inutili idioti, bene adesso dovrebbe guardare in casa propria gli idioti che ha. Questa gente dovrebbe dimettersi immediatamente senza attendere un minuto di più. Chi è nelle istituzioni ha il dovere di pensare prima di parlare, questo purtroppo non sta avvenendo da troppo tempo all’interno del partito di Mazzoni". Il suo collega di partito, Maurizio Bernocchi consigliere della circoscrizione sud allarga il campo della stigmatizzazione: "Sono rimasto delusissimo da Bonny Marras (che su Facebook ha parlato di rom come "razzaccia che sa solo rubare", ndr). Voglio prendere le distanze dalle sue parole da queste parole e mi meraviglio che una consigliera eletta possa fare delle dichiarazioni simili. Questa non è politica, ma solo razzismo. Brava, ha messo in difficoltà la maggioranza". Dalla circoscrizione Est, istituzione dove è eletta la protagonista delle esternazioni contro i rom, trapela un fortissimo imbarazzo. Il presidente Alessandro Ciardi si è preso 24 ore di tempo per riflettere prima di rilasciare qualsiasi tipo di dichiarazione. L’unico disposto a parlare è Andrea Bonacchi, presidente della commissione lavori pubblici della Est, che prova a minimizzare. "Le dichiarazioni di Clarissa Lombardi – dice -non sono un comunicato ufficiale, ma semplicemente delle iperboli. Premesso questo il problema rom non si risolve né cacciandoli né con la compassione: le baraccopoli sono un problema sociale e d’integrazione". Su quest’ultimo versante si inserisce la considerazione del capogruppo in consiglio comunale dell’Udc, Antonio Longo. "Si fanno queste sparate a caso per fomentare odio, ma nel frattempo si lavora. Abbiamo già trovato degli accordi con gli assessori Silli e Mondanelli per la sistemazione dei rom già spostati da Santa Lucia in viale Marconi. Le dichiarazioni di Lombardi pertanto appaiono prive di logica e di senso esattamente come capitato a Padova".

Carlandrea Adam Poli


Segnalo sull'argomento:

La Risposta di Rom alla Consigliera Pdl Clarissa Lombardi:

I Rom si occuperanno del risanamento dell'ambiente nelle Province di La Spezia e Massa Carrara

Per la Consigliera del Pdl Clarissa Lombardi i Rom sono "zingari, ladri, bastardi da rimandare a casa" a lei i Rom "fanno vomitare".

Queste le pesantissime parole usate dalla Consigliera Pdl Lombardi.

Opera Nomadi Toscana e tutta la comunità Rom esprime la sua forte denuncia per le gravissime affermazioni di stampo apertamente Razzista e Xenofobo usate da un rappresentante delle Istituzioni pratesi.

Non sono le prime affermazioni di questo tenore usate da rappresentanti del Pdl e della Lega Nord.

Il 9 settembre a Monza, la Lega Nord ha presentato un ordine del giorno alla Provincia di Monza e della Brianza: "Espulsione dei Rom dalla Provincia di Monza e dalla Brianza"

Opera Nomadi Toscana ha già denunciato nella riunione tenutasi il 16 Novembre a Roma, c/o la Commissione Straordinaria dei Diritti Umani – Senato della Repubblica presieduta dal Presidente Pietro Marcenaro , dal rappresentante dell'Osce Andrej Mirga e dalla Consulente per la Coesione Sociale – Presidenza della Repubblica Giovanna Zinconi la campagna di Discriminazione Razziale che il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ed il Ministro degli Interni Roberto Maroni, il Pdl e la Lega Nord stanno conducendo da mesi contro il Popolo Rom.

La denuncia è stata da tempo inoltrata alla Commissione diritti umani – Consiglio d'Europa a Strasburgo (Miss. Viviane Reding) ed all'Osservatorio sulle discriminazioni Razziali della Camera Presieduto dal Presidente On. Gianfranco Fini

Lo stesso Andrei Mirga, nel corso del suo intervento sottolineava che la Politica del confinamento dei Rom all'interno dei Campi Nomadi, veri e propri campi di esclusione e segregazione razziale e
Prassi unicamente italiana. L'Advisor/Senior dell'Osce ha affermato inoltre che in nessun altro paese Europeo esistono i Campi Nomadi, anche se le discriminazioni sono presenti in tutti i paesi con gradi ed accezioni diverse.

La risposta concreta che Opera Nomadi Toscana e le comunità Rom danno a questa campagna apertamente razzista e xenofoba e la volontà di occuparsi della ricostruzione del paese.

Nella zona delle Province di La Spezia e Massa Carrara, in una zona fortemente segnata da dissesti idro-geologici i Rom andranno a lavorare, attraverso la costruzione di auto-imprese nella cura del territorio: dragaggio del fiume Magra, sistemazione degli argini, cura del Patrimonio boschivo, ripulitura delle spiagge.


E' quanto afferma Ulderico Fusani, dirigente della Provincia di La Spezia, nel settore delle Politiche Economiche, Sociali e del Lavoro: «E' più che un'idea da vagliare, siamo a un punto successivo. Ci stiamo lavorando, e l'ipotesi di dare questa alternativa a questa gente, potrebbe, sottolineo il potrebbe, realizzarsi davvero» (fonte: Corriere della Sera – Fiorentino 06.12.2010) nell'intervista che Marco Bezzecchi ha realizzato nell'ambito di una inchiesta giornalistica condotta sul Campo Rom di Quaracchi.

Di fronte ad un paese, che sta letteralmente crollando a pezzi, tra esondazioni, allagamenti, frane
La volontà dei Rom e quella di lavorare e trovare una occasione di "Riscatto Sociale" dopo le guerre e l'esclusione di cui sono sempre stati vittime.

La volontà dei Rom è quella di essere protagonisti di un possibile rinascimento per iniziare una nuova fase della vita di questo paese. Politiche sociali improntate all'inclusione sociale per tutti: case, scuole e lavoro premesse indispensabili per la vita di una vera democrazia.

Le affermazioni della Consigliera Lombardi saranno oggetto di una denuncia che Opera Nomadi Toscana promuoverà c/o l'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – Presidenza del Consiglio dei Ministri (Unar).

Nel chiedere le immediate dimissioni della Consigliera Lombardi, invitiamo tutti i cittadini a partecipare alla Manifestazione dell'11 Dicembre a Roma.

Opera Nomadi Toscana e le comunità Rom aderiscono alla Manifestazione promossa dal Pd chiamando le associazioni, i sindacati, i partiti, i singoli cittadini ad unirsi alla Nazione Rom
Nella lotta contro il Porrajmos (la Shoa dei Rom) che non è ancora, ad oggi terminato ed alla difesa della vita umana, del Rispetto e della Convivenza Pacifica tra tutti i cittadini della Repubblica Italiana. La lotta contro il Razziamo e per una Società dell'Inclusione Sociale è premessa della lotta per l'Affermazione della Legalità e sconfitta di Mafie, Camorre ed Illegalità.

Opera Nomadi Toscana

Marcello Zuinisi
Presidente Opera Nomadi Toscana
Via XXV Aprile 61, Ameglia (Sp)
Tel 320 9489950 – 328 1962409

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


07/07/2020 @ 17:41:26
script eseguito in 53 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 7878 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< luglio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come è stata trasformata la mia v...
20/06/2020 @ 17:12:08
Di Giulia Chiara
BTC INVESTMENT FUNDING                            ...
19/06/2020 @ 07:15:09
Di BRC INVESTMENT FUNDING
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source