Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : VAI : lavoro (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/07/2011 @ 09:40:18, in lavoro, visitato 1080 volte)

Da Czech_Roma

ryz, translated by Gwendolyn Albert

L'azienda Frutana Gold a Frıdek-Místek opera da oltre 15 anni ed è stata premiata il mese scorso col certificato Ethnic Friendly Employer. La ditta produce e distribuisce soprattutto patate sbucciate e bollite, ma ha iniziato anche l'elaborazione di altre verdure. Pochi si rendono conto conto che oltre il 50% dei 25 dipendenti della compagnia sono Rom.

"All'inizio anche noi eravamo preoccupati, come molte ditte nella Repubblica Ceca, sull'impiegare dei Rom, ma col tempo ci siamo convinti che vogliono lavorare, che lavorano davvero onestamente e bene, se dai loro un'opportunità per mettersi alla prova. Siamo lieti di poter dare un esempio agli altri cittadini ed imprese e contribuire a migliorare la mutua convivenza," ha detto Zdeněk Majer, CEO della compagnia.

L'azienda processa ogni mese oltre 100 tonnellate di patate ed altre verdure. Quest'anno ha iniziato la produzione la sua affiliata in Slovacchia, che pure si sta sviluppando con successo.

Majer si è recato a Praga per il conferimento del premio, assieme ad un piccolo gruppo di dipendenti rom, che hanno ringraziato il loro capo. Il video della cerimonia (solo in lingua ceca) è disponibile su RomeaTV.

 
Di Fabrizio (del 21/07/2011 @ 09:53:31, in lavoro, visitato 1113 volte)

Segnalazione di Alberto Maria Melis

MODAFFERI: "VORREMMO TORNARE A GARANTIRE CONTINUITÀ LAVORATIVA"

Reggio Calabria - Non disperdere il patrimonio di competenze acquisite nel settore della raccolta dei rifiuti solidi ingombranti, la preziosa esperienza di integrazione lavorativa dei Rom a Reggio Calabria, il modello virtuoso, primo a Reggio, di riutilizzo sociale dei beni confiscati alla ndrangheta. Questo l'appello lanciato da tempo dalla cooperativa Rom 1995 guidata da Domenico Modafferi ad Istituzioni e cittadinanza quando, lo scorso anno non fu prevista la condizione di subappalto dello smaltimento dei rifiuti ingombranti nell'ultimo bando indetto dal comune di Reggio Calabria.

Rassicurazioni furono rivolte e adesso, che non si riesce più a garantire la continuità lavorativa di prima, sarebbe tempo di rassicurazioni concrete e di risposte. Qualche spiraglio si è aperto nei mesi scorsi con due delibere, concretizzatisi poi in convenzioni, dell'allora Giunta comunale Raffa, nelle quali l'esecutivo comunale di Reggio rispondeva solo in parte alle promesse formulate in più occasioni in passato. Si tratta dell'impegno di affidare il servizio di sgombero di uffici comunali o di competenza comunale, tra cui anche quelli giudiziari, ossia il servizio di raccolta e smaltimento di componenti di arredo fuori uso. Contratto sottoscritto che ha lavoro, pur se occasionalmente, ai 18 dipendenti della cooperativa per un mese circa. Si tratta di una situazione ancora afflitta da precarietà, atteso che sono gli uffici comunali a dover avanzare una richiesta affinché si possa lavorare. L'altra delibera, invece, attiene alla specializzazione dell'isola ecologica che attende di diventare punto di conferimento di rifiuti apparecchiature elettriche e elettroniche (RAEE) provenienti da rivenditori e commercianti.

La cooperativa Rom 1995, comunque, ha compiuto passi importanti non solo dal punto di vista dei servizi erogati alla cittadinanza ma anche sotto il profilo della dimensione educativa cui da sempre aspirava con l'apertura alle scuole e alle giovani generazioni affinché conoscessero questo modello di integrazione sociale e lavorativa e di sostenibilità ambientale e questa esperienza di restituzione alla collettività di un bene sottratto a famiglie dedite al malaffare.

Dunque sottoscritto a marzo un accordo con l'assessorato all'Ambiente della Provincia di Reggio Calabria, retto da Giuseppe Neri, per favorire l'informazione in materia di educazione ambientale. La cooperativa dunque ha avviato una fruttuosa collaborazione con il Laboratorio territoriale di Educazione ambientale della Provincia di Reggio Calabria. Il protocollo d'Intesa siglato impegna alla realizzazione congiunta del progetto “La tutela dell'ambiente attraverso un percorso di integrazione sociale”, finanziato dalla Provincia e che contempla diversi ambiti: il rafforzamento delle attività della stessa cooperativa mediante una migliore gestione ambientale dei cicli lavorativi e un aumento della sicurezza per i lavoratori; la collaborazione della Cooperativa sociale Rom 1995 con il Laboratorio territoriale di educazione ambientale della Provincia di Reggio Calabria per le attività di formazione rivolte ai cittadini ed alle scuole del territorio provinciale ed all'aggiornamento periodico del sito istituzionale “infea.provincia.it” con contributi in tema di riciclo e recupero dei rifiuti e di sviluppo sostenibile; l'attuazione, all'interno della propria sede, ospitata all'interno di un bene confiscato alla 'ndrangheta percorsi informativi e visite guidate rivolte a gruppi di cittadini e a scuole del territorio.

Un riconoscimento importante alla cooperativa Rom 1995, solo un altro passo verso quella rinascita che da tempo si auspica, affinché le buone prassi non vadano disperse ma tutelate e diffuse.

Anna Foti - Lunedì 18 luglio 2011 Ore 15:01

 
Di Fabrizio (del 25/07/2011 @ 09:39:32, in lavoro, visitato 1525 volte)

Da Roma_Daily_News

Hurriyetdailynews.com

Circa 6.000 musicisti lavoravano a Sulukule, quartiere di Istanbul densamente popolato da Rom, che una volta era centro di intrattenimento. I residenti furono trasferiti dall'area circa due anni fa.

Un'agenzia statale si prepara a lanciare un progetto volto ad offrire più posti di lavoro alla comunità rom in Turchia. Mentre i rappresentanti della comunità danno il benvenuto alla proposta, si aspettano che i lavori siano a loro "familiari"

Istanbul, 20/07/2011 - L'Agenzia Turca per l'Impiego, o İş-Kur, ha annunciato un nuovo progetto inteso a creare più opportunità di lavoro per i membri della comunità rom turca.

Il progetto si focalizzerà specificamente sulle province con alti tassi di popolazione rom, ha detto Mustafa Biçerli, direttore capo di İş-Kur.

"Ora stiamo trattando con organizzazioni rom di 16 città differenti, come Çanakkale, Edirne, İzmir e Tekirdağ," ha detto Biçerli all'agenzia Anatolia. "I Rom sono tra gli svantaggiati nel trovare un lavoro, ma vogliamo cambiare questa situazione."

Il progetto mira a creare corsi di formazione professionale per i membri della comunità rom e fornire posti di lavoro garantiti ai partecipanti.

"La maggior parte dei Rom lavora senza sicurezza sociale. E' importante offrire loro lavoro anche in altri settori," ha detto Biçerli.

Il tasso di disoccupazione tra i Rom turchi è del 97%, secondo Şükrü Pündük, presidente dell'Associazione di Solidarietà e per il Mantenimento della Cultura dei Rom di Sulukule.

"La maggior parte dei Rom sono musicisti, ed il resto raccoglie cartoni dalla spazzatura," ha detto al telefono Pündük all'Hürriyet Daily News.

Circa 6.000 musicisti lavoravano a Sulukule, quartiere di Istanbul densamente popolato da Rom, che una volta era centro di intrattenimento, dice Pündük, aggiungendo che i residenti furono trasferiti dall'area quando questa venne compresa in un processo di rigenerazione urbana nel 2009.

Lavorare in settori familiari

"Tutti quanti lavoravano là hanno perso il lavoro e da allora non hanno più trovato nulla. Erano musicisti, per questo è importante trovare settori dove possano svolgere il loro lavoro. E' importate anche per la nostra cultura," ci ha detto Pündük.

Concorda Erdem Gürümcüler della EDROM, o Federazione Rom di Edirne.

"Siamo molto lieti che İş-Kur voglia dare avvio ad un progetto simile. Dovrebbero creare anche opportunità di lavoro per le nostre donne e i giovani," ci ha detto Gürümcüler.

"I Rom sono gran lavoratori e se viene loro offerta l'opportunità faranno del loro meglio," ha aggiunto. "Non sono solo musicisti e ballerini, ma è importante notare che in questi campi hanno una lunga storia e necessitano più opportunità di lavoro nella musica e nelle aree dell'intrattenimento."


Da Roma_Daily_News

Cingeneyiz.org

Gökmen Dunar, presidente dell'"Associazione Solidarietà, Sopravvivenza e Promozione Cultura dei Rom di Izmir Fayton", ha emesso una dichiarazione alla stampa sulla sua esperienza all'Ospedale Rieducativo e di Ricerca a Tepecik. Vi si è recato per verificare con i propri occhi, se le lamentele udite a proposito di pazienti rom discriminati a causa della loro identità etnica fossero corrette o meno.

Gökmen Dunar ha detto nella sua dichiarazione di essere andato all'ospedale come un normale paziente rom. Dunar sostiene che i pazienti rom riconosciuti a causa del colore della loro pelle, sono pedinati dal servizio di sicurezza per paura che possano rubare qualcosa e che quando ci sono troppi pazienti rom, l'altoparlante dell'ospedale annuncia: "Si prega di fare attenzione alle vostre borse. Noi non siamo responsabili se sono rubate..."  Dunar ha detto che pure lui è stato discriminato dai dottori e dalle infermiere quando è stato riconosciuto come Rom, e quando è andato dal direttore dell'ospedale per spiegargli la situazione, questi non ha voluto parlare con lui. L'associazione ha contattato diverse fondazioni pubbliche perché dessero luogo ad un'indagine sull'ospedale.

I fatti dell'Ospedale Rieducativo e di Ricerca a Tepecik hanno suscitato vaste reazioni tra gli zingari e tutti i cittadini sensibili. La gente si aspetta che l'amministrazione dell'ospedale dia spiegazioni convincenti su questi incidenti.

Per informazioni più dettagliate:
Gökmen Dunar
Tel: (90) 535 650 98 79

 
Di Fabrizio (del 29/08/2011 @ 09:58:51, in lavoro, visitato 2771 volte)

Paperblog 20 agosto 2011 - di Ventoditramontana

Proseguiranno da Settembre sino a Dicembre 2011 iniziative ed eventi inerenti "Il lavoro femminile. Un filo lungo centocinquant'anni" progetto realizzato e curato da Maria Concetta Petrollo Pagliarani e Francesca Boccini. L'evento ha ricevuto l'onorificenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

L'Antica Sartoria Rom presenterà la nuova collezione di abiti disegnati per la primavera-estate 2012. La progettazione della collezione verrà realizzata per l'occasione oltre che dalle maestranze Rom della Cooperativa, anche dalle anziane testimoni dell'antica tradizione Rom, oggi ancora residenti nei campi nomadi della capitale.

Tutti i tessuti saranno in fibra naturale, come era in uso in epoca tardottocentesca, periodo cui l'Antica Sartoria Rom si ispira e i ricami verranno realizzati a mano.
Durante la manifestazione verranno proiettati video che mostrano il lavoro svolto dalle donne Rom all'interno della cooperativa.

La poetessa Dale Zaccaria leggerà suoi testi, poesie sul tema Rom con traduzione in lingua Romanesc (lingua rumena Rom ) di Magdalena Dinca (donna e sarta dell'Antica sartoria Rom).

10 Novembre 2011 Biblioteca Vallicelliana di Roma

 
Di Marylise Veillon (del 21/09/2011 @ 09:14:24, in lavoro, visitato 1221 volte)

GoogleNews

In Romania, gli artigiani si adeguano alle tendenze della "moda". Di Mihaela RODINA (AFP) – 3 sept. 2011

MIRONEASA - "Sono fiero del mio lavoro e felice che i miei prodotti siano apprezzati", dice Vasile Anusca, cestaio come suo padre e i suoi avi. Come lui, centinaia di rom rumeni beneficiano di un progetto che tenta di adattare alle odierne mode, i loro mestieri tradizionali.

Davanti alla sua casa di "torchis" (misto di argilla e fibre vegetali su struttura di legno) di Mironeasa (nord-est della Romania), con intorno alcuni dei suoi tredici figli, prepara con cura i ramoscelli di vimini che saranno trasformati con destrezza in cesti per la frutta, da uno dei suoi nipoti.

"Questo mestiere non ci rapporta molto, ma almeno ci permette di nutrire la famiglia", interviene suo fratello Viorel Anusca, 51 anni, lui stesso padre di undici figli.

Tempo fa, chi con un enorme sacco riempito di cucchiai di legno, chi di un mucchio di cesti per raccogliere le pannocchie, i fratelli Anusca attraversavano di parte in parte la regione per barattare i loro prodotti con patate o fagioli.

Ormai, grazie al progetto "Romano Cher" (La Casa dei Rom) messo in opera da una società di consulenza, la KCMC, gli oggetti di legno o di vimini di numerosi artigiani Rom possono essere venduti, tra l'altro anche via internet (http://www.mestesukar.ro), a tutte le latitudini del mondo.

Già l'inverno scorso, dei "kit pupazzo di neve" (comprendendo naso, occhi, bottoni di legno e scopa) fabbricati da rom di Peris (sud) sono stati venduti con molta facilità a Bruxelles.

Inoltre, un vestito fatto di piccole placchette di alluminio forate, creato da orafi del sud del paese, sarà presentato prossimamente durante sfilate di moda a Bucarest e a Parigi.

Gli Anusca hanno usufruito di una formazione di tre mesi per imparare nuove tecniche e fabbricano oggi giocattoli e vassoi di legno, e mobili in vimini.

Questo villaggio incollato contro una collina verdeggiante, conta circa tremila abitanti, la maggiore parte dei quali si consacra all'agricoltura di sussistenza o lavora come braccianti. Una trentina di rom hanno raggiunto questo programma, sperando che il loro saper fare gli aiuterà a scampare dalla povertà che caratterizza la loro comunità.

Solo il 27% dei rom rumeni in età lavorativa hanno un impiego stabile, secondo uno studio realizzato per conto della fondazione Soros.

L'anello mancante.
"Si tratta di un progetto di economia sociale, il quale mira ad assicurare entrate costanti alle persone che vi partecipano, ma anche ad migliorare la vita della comunità, creando per esempio delle scuole materne", dichiara all'AFP Luis Turcitu, responsabile locale del "Romano Cher".

Una seconda parte del progetto prevede l'organizzazione di laboratori itineranti, per permettere al pubblico di vedere gli artigiani Rom al lavoro e perfino di provare a creare un braccialetto o un ferro da cavallo. Come Cristina, madre di due bambine che si accingono a intrecciare un cesto in una tenda montata a Vama Veche, stazione balnearia sulle rive del mar Nero, la quale osserva: "E' bello questo laboratorio, perché scopriamo un lato della popolazione rom che contrasta con l'immagine negativa riflessa abitualmente dai media".

Beneficiando di cinque milioni di euro di fondi strutturali dall'Unione Europea, questo progetto "mira alla creazione di un anello mancante tra l'abilità dei rom e la richiesta di mercato" spiega Mircea Nanca, direttore delle comunicazioni del KCMC.

E aggiunge: mentre altri progetti mettono in evidenza la riconversione come mezzo d'inserimento sociale, "Romano Cher vuole invece integrare i rom valorizzando nuovamente le loro occupazioni tradizionali", insistendo sul "legame stretto tra mestiere e identità culturale" osservato in questa comunità.

E' così che i Rom sono cestai, ramai, maniscalchi, falegnami o musicisti di padre in figlio. Inoltre i membri dei differenti gruppi si mescolano molto raramente.

Secondo il Sig. Nanca, una trentina di "cooperative artigianali" saranno avviate per tutto il paese a partire dal 2013 e un migliaio di rom seguiranno corsi per perfezionare le loro capacità.

"Questo progetto sarà una riuscita se, al di là delle parole, la gente con la quale lavoriamo sentirà che la sua vita è migliorata e se la percezione dei rumeni riguardo ai mestieri e alla cultura dei rom cambierà un pochino", afferma il Sig. Nanca.

La minoranza rom di Romania conta ufficialmente cinquecentotrentacinque mila membri, ma secondo le ONG, sarebbero di fatto un paio di milioni in un paese di ventidue milioni di abitanti.

 
Di Fabrizio (del 26/09/2011 @ 09:05:51, in lavoro, visitato 1491 volte)

Cingeneyiz.org 15/09/2011: I raccoglitori di rifiuti solidi chiedono una ricicleria

I rappresentanti di gruppi di cittadini principalmente di origine zingara che campano con la raccolta di cartoni e rottami, si sono recati nell'ufficio di Hakan Tütüncü, sindaco del quartiere di Kepez nella regione di Antalia (città sul Mediterraneo). I rappresentanti hanno chiesto l'appoggio di Hakan Tütüncü nel costruire un centro di riciclaggio per la raccolta e la rivendita dei rifiuti solidi.

Hakan Gezer - presidente dell'associazione rom Muratpaşa, Ferhat Uçakdağ - presidente dell'associazione Cultura, Cooperazione, Solidarietà Sociale dei Rom di Antalia, Doğan Arkın - presidente della Federazione Rom di Aydin, [...] hanno spiegato le loro richieste al sindaco. Tütüncü a sua volta ha risposto che non ci sono spazi liberi per realizzare il centro di riciclaggio e che chiederà alle fondazioni pubbliche di trovare una zona adatta in Antalia.

La raccolta di cartoni e rottami è una delle più comuni forme di sussistenza tra i cittadini di diversi gruppi zingari: Rom in Tracia, Marmara e nella regione dell'Egeo, Abdali nell'Anatolia centrale ed orientale, Dom nel sud-est della Turchia, per lo più campano di queste raccolte in difficili condizioni.

Source: CHA

Documentario (del 2005, durata 8'24", in turco) su chi raccoglie cartoni e rottami

 
Di Fabrizio (del 28/09/2011 @ 09:49:07, in lavoro, visitato 1871 volte)

Da Coopofficina

In Abruzzo nel mese di maggio 2011 è stato avviato il progetto Fattoria sociale bravalipè per dare occupazione ai giovani, in particolare giovani rom. L'iniziativa è stata promossa da una partership composta da associazione RomSinti@ politica, Centro studi e ricerche CILICLO', Azienda agricola Ciattoni.
Obiettivo ambizioso dell'iniziativa è di avviare due fattoria sociali in provincia di Chieti e di Pescara per dare occupazione a 15 giovani.

Dopo un periodo di preparazione dell'iniziativa dal 22 agosto 2011 sono iniziate le assunzioni di giovani e dai primi di settembre QUATTRO giovani rom sono stati regolarmente assunti e svolgono le attività agricole della fattoria.
Nelle prossime settimane saranno assunti altri giovani rom e non rom e nel mese di Marzo 2012 le assunzioni di dovrebbero completare con 15 giovani che lavorano.

I promotori dell'iniziativa in queste settimane stanno valutando la possibilità di apertura di punti vendita dei prodotti della fattoria sociale in alcune città, iniziativa che potrebbe dare occupazione ad alcune ragazze.

Portiamo a conoscenza che da ogni regione italiana è possibile acquistare i prodotti della fattoria sociale, attualmente i prodotti disponibili per la spedizione sono: miele ed olio extravergine di oliva biologico.

Nelle prossime settimane ci sarà una conferenza stampa dei promotori dell'iniziativa e dei giovani che già lavorano nella fattoria per informare l'opinione pubblica, i media, gli enti locali e le istituzioni dell'iniziativa, per sfatare il pregiudizio che " i rom non vogliono lavorare" , ma anche per far conoscere che i progetti destinati alla popolazione romanì devono essere adeguati ai bisogni della persona rom coinvolta nell'ottica della "normalità" e con il rifiuto di ogni forma di assistenzialismo.

Dott. Nazzareno Guarnieri

 
Di Fabrizio (del 30/09/2011 @ 09:51:01, in lavoro, visitato 1252 volte)

...che abbiano lavorato in Italia per almeno due anni consecutivi dalla data dell’11 gennaio 2008. Lo può richiedere anche un datore di lavoro diverso.

23 settembre 2011: Lo ha chiarito il Ministero dell’interno con la circolare n. 6914 del 12 settembre 2011.

Il 22 marzo scorso ha preso il via la procedura on line, attiva fino al 31 dicembre 2011, per la presentazione delle domande di nulla osta per lavoro stagionale prevista dal DPCM del 17 febbraio 2011 che consente l'ingresso in Italia di 60.000 lavoratori extracomunitari stagionali. Novità di quest’anno la possibilità di richiedere un nulla osta pluriennale per quei lavoratori, cittadini dei Paesi indicati nel decreto, che siano già entrati in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno due anni consecutivi. Una grande semplificazione per i datori di lavoro che, consapevoli di avere bisogno del lavoratore anche per le stagioni future, il prossimo anno potranno confermare l’assunzione del lavoratore indipendentemente dal decreto flussi stagionale. Ma i due anni consecutivi devono essere immediatamente antecedenti la data di presentazione della domanda? Può presentare la domanda un datore di lavoro diverso da quello per cui si è già lavorato? A queste domande, poste dalle Questure, ha risposto il Ministero dell’interno attraverso la circolare n. 6914 del 12 settembre 2011. Per quanto riguarda "i due anni consecutivi", chiarisce il Ministero, si intendono due anni a partire dall’11 gennaio 2008, data in cui è entrato in vigore il sistema di rilevazione delle comunicazioni obbligatorie di assunzione "indispensabile per verificare l’effettiva sussistenza dei due pregressi rapporti di lavoro stagionali" mentre, per quanto riguarda il secondo quesito "si ritiene che il datore che presenti, per la prima volta, l’istanza di rilascio del nulla osta pluriennale possa essere anche persona diversa da quella delle due precedenti annualità".

(Maria Rita Porceddu)

 
Di Fabrizio (del 14/10/2011 @ 09:02:19, in lavoro, visitato 1599 volte)

11 ottobre, 17:19

Progetto pilota al via a Scampia e Secondigliano

(ANSA) - NAPOLI, 11 OTT - Non solo i napoletani, ma anche i rom faranno la raccolta differenziata. Con questa finalita' e' stato siglato oggi un protocollo d'intesa tra Prefettura, Comune e Provincia di Napoli. L'intesa prevede la realizzazione di un progetto pilota per avviare la raccolta differenziata all'interno dei campi nomadi di Cupa Perillo a Scampia e al Campo Nuovo di Secondigliano.

Elemento caratterizzante che la raccolta sara' affidata agli abitanti stessi dei campi. Due gli obiettivi a cui tende il progetto: l'opportunita' per i rom di partecipare a progetti formativi di lavoro e, allo stesso tempo, il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie degli insediamenti. (ANSA).


Raccolta differenziata al campo rom di Scampia
Noiconsumatori.org martedì 11 ottobre 2011 - 5:57:07 PM - Autore: Paola Di Matteo
Pisani: "Urgono interventi più approfonditi e mirati per l'igiene e la sicurezza. Fondamentale l'apertura dello svincolo

Siglato oggi il protocollo d'intesa tra Comune di Napoli, Provincia e Prefettura per avviare la raccolta differenziata nel campo rom di via Cupa Perillo a Scampia ed nel Campo Nuovo di Secondigliano. Un progetto pilota, questo, che si propone due obiettivi primari: il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie all'interno dei villaggi e l'occasione per i nomadi di partecipare a progetti formativi.

"E' un buona notizia per i residenti e per tutti quei nomadi che finora hanno vissuto nella mortificazione dei diritti umani – afferma l'avvocato Angelo Pisani, Presidente dell'VIII Municipalità -. Tuttavia per il quartiere di Scampia urgono interventi più approfonditi e mirati che noi da tempo invochiamo alle autorità. Oltre alla raccolta differenziata bisogna innanzitutto assicurare costantemente la pulizia e la sicurezza, nello specifico agire per una vera e propria bonifica di questi luoghi dalla sporcizia e dal rischio epidemie e ripristinare la legalità - spiega Pisani - delocalizzando i campi rom abusivi ed illegali, operazione che permetterebbe anche il recupero della funzionalità dello svincolo dell'Asse Mediano chiuso da oltre 25 anni e mai aperto proprio a causa delle baracche e dei rifiuti di ogni genere".

Il progetto, inoltre, prevede anche un sistema di videosorveglianza nei pressi del campo rom e nelle zone di raccolta, aspetto di cui il presidente Pisani si dice "soddisfatto e fiducioso per un'immediata installazione delle videocamere - un punto fondamentale su cui abbiamo insistito tanto - estremamente necessarie per controllare e prevenire gli sversamenti illegali".


Napoli, raccolta differenziata: progetto pilota nei campi Rom
DI REDAZIONE IL DENARO – MARTEDÌ 11 OTTOBRE 2011,

Un progetto pilota per la raccolta differenziata all'interno dei campi nomadi di Scampia e Secondigliano affidata agli stessi abitanti dei villaggi. Sottoscritto oggi un protocollo d'intesa tra l'ente di Piazza Matteotti, il Comune di Napoli e la Prefettura. Il progetto elaborato dalla Provincia di Napoli è finanziato dal Ministero dell'Interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione – su proposta del Prefetto di Napoli, con la concessione di un contributo straordinario 200 mila euro nell'ambito di un più ampio disegno progettuale destinato a realizzare interventi a carattere assistenziale in favore delle popolazioni nomadi.

LE RISORSE
Una parte del finanziamento è stata già utilizzata in favore dei minori Rom con borse di studio e con progetti in ambito sportivo che hanno avuto UNA MASSICCIA adesione; oltre 110 mila euro saranno, invece, destinati al progetto della raccolta differenziata. Gli insediamenti nomadi sono generalmente caratterizzati da precarie condizioni igienico sanitarie e, molto spesso, sono ricettacolo di rifiuti di varia tipologia. L'iniziativa intende dunque rafforzare le attività di di inclusione sociale della comunità nomadi.

LA FORMAZIONE
Il progetto, che interessa due villaggi, sarà affidato per la realizzazione agli stessi Rom, che saranno preventivamente formati, a cura dell'amministrazione provinciale. Per le attività di raccolta è previsto l'utilizzo di sei operatori organizzati da un coordinatore con il compito di redigere un programma di raccolta, organizzare in turni il lavoro dei singoli operatori, verificare il raggiungimento degli obiettivi, gestire l'occorrente per le attività, mantenere i rapporti con le istituzioni e con le aziende coinvolte, redigere un rapporto mensile sull'andamento del progetto. Gli operatori avranno i compiti di ritirare i rifiuti a domicilio secondo le disposizioni del programma di raccolta, depositare quanto raccolto nella vicina isola ecologica o negli spazi che verranno indicati dall'Asia, fornire informazioni agli abitanti sulle modalità della raccolta differenziale, controllare il territorio per quanto attiene l'igiene ambientale. L'iniziativa presentata alla comunità nomade che ne ha condiviso i contenuti, ha carattere sperimentale per la durata di nove mesi. Se il risultato sarà positivo l'esperienza sarà estesa ad altri insediamenti. In costruzione, intanto, un nuovo villaggio a Scampia il cui progetto è finalmente arrivato alla fase esecutiva.


Napoli, la raccolta differenziata arriva al campo Rom

Ecodallecitta.it - mercoledì 12 ottobre 2011 18:46
Siglato un protocollo d'intesa tra Prefettura, Comune e Provincia di Napoli che prevede la realizzazione di un progetto pilota per avviare la raccolta differenziata all'interno dei campi Rom di Scampia e Secondigliano

L'11 ottobre il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, il prefetto di Napoli, Andrea De Martino, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, hanno firmato un accordo per la realizzazione di un progetto pilota per avviare la raccolta differenziata negli insediamenti Rom di Cupa Perillo a Scampia e al Campo Nuovo di Secondigliano.

Il progetto è stato elaborato dall’Amministrazione provinciale di Napoli e finanziato dal Ministero dell’Interno. La raccolta sarà affidata agli abitanti stessi dei campi. Due gli obiettivi a cui tende il progetto: l'opportunità per i rom di partecipare a progetti formativi di lavoro e, allo stesso tempo, il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie degli insediamenti.

"Se a Napoli la raccolta differenziata la faranno i rom, che per i nostri costumi oggettivamente vivono in condizioni precarie e disagiate, allora non vedo chi possa più esimersi da questo dovere civico" ha dichiarato il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro. "La valenza di questo progetto, voluto dalla mia amministrazione e portato avanti con successo dall’assessore Marilù Galdieri - ha aggiunto Cesaro - è duplice: innanzitutto è portatore di messaggi di integrazione, visto che gli attori ed i realizzatori dello stesso saranno proprio le comunità nomadi; in secondo luogo perché, grazie a questa iniziativa, si potranno contrastare fenomeni quanto mai frequenti quali roghi di rifiuti e suppellettili spesso individuati proprio presso i campi nomadi. Tale progetto, inoltre, si inserisce nel solco della piena collaborazione con l’amministrazione comunale di Napoli, perché ribadisco - ha concluso Cesaro - che solo con la sinergia delle varie istituzioni il territorio potrà puntare ad un suo effettivo rilancio".

"Oggi in prefettura - ha detto poi l’assessore provinciale al lavoro ed alle risorse umane, Marilù Galdieri - ho parlato con Nino, rom in rappresentanza della comunità di Secondigliano e di Scampia. Credono fermamente in questa che vedono anche come un’ opportunità di migliorare la vita all’interno dei campi e di formazione spendibile anche in un futuro lavorativo. Mi piacerebbe, ad esempio, che proprio qualche rom, un domani, possa spiegare a noi napoletani come effettuare correttamente la raccolta differenziata".

 
Di Fabrizio (del 24/10/2011 @ 09:29:04, in lavoro, visitato 2664 volte)

Segnalazione di Giovanna Bellotti

ANSA 19 ottobre, 17:36 di Luca Fiori

Dai campi nomadi all'atelier di alta moda, sfidando i cliche' sugli zingari e superando diffidenze e antiche ruggini legate alle diverse etnie

SASSARI - Dai campi nomadi all'atelier di alta moda, sfidando i cliche' sugli zingari e superando diffidenze e antiche ruggini legate alle diverse etnie. E' il sogno di nove ragazze Rom di etnia serba e bosniaca che vivono in campi separati alla periferia di Carbonia, nel Sud Sardegna, e che da alcuni mesi partecipano al progetto Zingaro', una formazione nel settore della moda che dopo un periodo di apprendistato consentira' alle partecipanti di entrare, con un ruolo da protagoniste, nel mondo del lavoro sartoriale.

L'iniziativa, finanziata dall'assessorato regionale delle Politiche sociali, e' una delle ottantacinque che fanno parte del progetto Ad Altiora, nato per il sostegno all'integrazione attraverso il lavoro e l'identita'. Zingaro' sara' il marchio della linea di moda che realizzeranno e commercializzeranno le prime sarte Rom della Sardegna, ma e' anche il nome di un documentario che raccontera' le loro storie, le aspettative e la realta' in cui vivono, a partire dalla vita quotidiana nei campi nomadi e nei luoghi di lavoro.

Il progetto, nato da un'idea dell'Enaip (Ente Nazionale Acli Istruzione Professionale), e' stato presentato stamattina a Sassari da Ottavio Sanna, presidente regionale delle Acli, e dallo stilista Gian Giuseppe Pisu, che ha insegnato alle nove future stiliste - dopo un difficile periodo iniziale ora amiche inseparabili - i segreti del mestiere e poi le ha ospitate per uno stage nel suo atelier di Ittiri. ''Inizialmente non e' stato semplice - spiega Sanna - convincere le nove ragazze, che hanno tra i 18 e i 35 anni, a lasciare il campo e a frequentare le lezioni nel nostro centro di formazione di Iglesias. Prima di capire che avevano davanti un'eccezionale occasione di affermazione personale e di autonomia economica, hanno dovuto vincere le resistenze dei mariti e dei componenti della comunita' Rom''.

Superato il periodo di formazione, le nove partecipanti hanno avviato una bottega all'interno della comunita' San Lorenzo di Iglesias e per cinque mesi, grazie al finanziamento regionale, avranno un piccolo rimborso mensile. Ma il loro obiettivo e' la creazione di un'impresa: un'attivita' giornaliera e stabile di sartoria per uomo, donna e bambino con il marchio autoironico Zingaro'. Gli abiti e gli accessori realizzati durante la formazione dalle nove aspiranti stiliste saranno presentati sabato 22 ottobre, alle 19, a Villa Mimosa, la sede sassarese di Confindustria. Entro Natale e' in programma una presentazione anche a Carbonia e magari, un giorno forse non lontano, anche nelle piu' importanti passerelle in Italia e in Europa.


ROM. Sardegna, prima sfilata di stiliste nomadi

Vita di Gabriella Meroni - 21 ottobre 2011

L'evento patrocinato da Enaip, si svolgerà sabato a Carbonia

Nove donne tra i 18 e 35 anni, tutte ospiti di alcuni campi rom di Carbonia (Ci), sono diventate stiliste grazie al progetto Zingarò dell'Enaip, l'Ente di formazione professionale delle Acli, e a un finanziamento della Regione Sardegna all'interno del bando "Ad altiora". Sabato 22 ottobre 2011 alle ore 19.00 a Villa Mimosa, via Alghero 49 a Sassari, le "stiliste"presenteranno le prime venti creazioni in una sfilata di moda. Un'altra sfilata è prevista per dicembre a Carbonia.

Il progetto è stato presentato il 18 ottobre a Sassari, presso la sede della Federazione anziani pensionati delle Acli, da Ottavio Sanna, presidente delle Acli della Sardegna, e da Gian Giuseppe Pisuttu, titolare insieme ad Anna Maria Baldinu, dell'atelier "De Modè" di Ittiri. A gennaio 2011, quando era partito Zingarò, alcune ragazze non avevano mai usato ago e filo: ora, dopo cinque mesi trascorsi a nell'atelier di Pisuttu e altri cinque come tirocinanti pagate nella bottega S. Lorenzo di Iglesias, le donne hanno aperto una loro sartoria a Carbonia e vogliono lanciare un marchio, "Zingarò", che ricordi nei colori caldi e negli inserti in tessuto le origini nomadi.

Oltre al taglio e al cucito, il progetto prevedeva anche l'insegnamento di nozioni di matematica e di italiano per favorire l'integrazione di queste donne nella società. Ogni fase di Zingarò è stata filmata e sarà presentata in un documentario che da un lato fa conoscere la vita della comunità rom, dall'altro sottolinea gli aspetti più importanti del lavoro di sarta: dal disegno alla scelta delle stoffe alle prove che riducono, anche da un punto di vista fisico, la distanza tra clienti e mondo nomade.

È possibile vedere una piccola anteprima del documentario su: vimeo.com

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


11/08/2022 @ 22:04:01
script eseguito in 84 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4064 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< agosto 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source