Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : conflitti (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/08/2007 @ 09:29:07, in conflitti, visitato 2358 volte)

Da La Voix des Rroms

Domenica scorsa, quattro giovani rroms di Sofia (Bulgaria) sono stati attaccati da skinheads. Uno di loro si è trovato all'ospedale con una mandibola rotta. Il giorno dopo, una sommossa è cominciata nella zona di Fakulteta, un ghetto dove vivono i giovani rroms. La polizia ha fermato quattro Rroms sospettati di avere incitato questa sommossa dove circa 300 Rroms avrebbero cercato la rivalsa. Le autorità poliziesche, ministro dell'interno in testa, garantiscono che metteranno fine immediatamente a qualsiasi velleità di conflitto.

La zona di Fakultèta è conosciuta per la povertà estrema dei suoi abitanti rroms, vittime di una eesclusione e di una ghettizzazione totale. Secondo l'agenzia di stampa a Focus, Rroms, armati di bastoni e di coltelli, avrebbe gridato "morte ai bulgari", di fronte alle forze di polizia che hanno loro impedito di partire verso la zona dove aveva avuto luogo il litigio all'origine della sommossa.

Con elezioni locali previste per l'autunno, è difficile fare la selezione delle informazioni secondo la loro veridicità. La Bulgaria passa per lo stesso fenomeno della Francia in 2002. Volen Siderov, il capo di Ataka, movimento di destra estrema, è arrivato al secondo turno. Fra gli slogan gridati nelle sue riunioni, c'era anche: "Trasformiamo i zingari in sapone!"

 
Di Fabrizio (del 17/08/2007 @ 09:50:20, in conflitti, visitato 2297 volte)

I recenti disordini di Rom nella capitale sarebbero il risultato della discriminazione, ha affermato giovedì un gruppo dei diritti umani, ma ha minimizzato sul pericolo che queste violenze si possano espandere nel paese.

Martedì la polizia stava pattugliando un quartiere accanto ad un ghetto rom, quando circa 400 Rom armati di coltelli, asce e bastoni sono apparsi richiamati dalla voce che il quartiere stava per essere attaccato dagli skinheads.

L'agitazione era nell'aria da domenica, quando un Rom era stato picchiato da skinheads. Il giorno dopo circa 200 Rom avevano devastato un caffè e attaccato quattro persone che avevano l'aspetto di skinheads.

Le organizzazioni dei diritti umani dicono che questi incidenti sono il simbolo delle condizioni dei Rom in Bulgaria, molti dei quali passano la loro vita in povertà, sono analfabeti e marginalizzati nella società.

Ci sono diversi elementi - tensioni etniche, problemi sociali, severe discriminazioni contro i ghetti zingari - dice Emil Koen dell'osservatorio del Comitato di Helsinki.

"I ghetti sono come polveriere pronte ad esplodere al minimo incidente, Non mi aspetto il crescere della tensione in tutto il paese... I Rom bulgari mancano del senso di solidarietà che i rivoltosi francesi avevano de anni fa," ha aggiunto.

Secondo la polizia gli incidenti non indicano il crescere delle tensioni etniche e viene anche rifiutato il paragone portato dai giornali con i disordini nelle periferie francesi del 2005, stimolati dal razzismo e dalla discriminazione contro le minoranze etniche.

I Rom  sono circa il 4,7% dei 7,8 milioni di popolazione bulgara.

Numerose iniziative per affrontare al loro discriminazione sono fallite. Sono sesso trattati con sospetto dai Bulgari, che tendono a stereotipare i Rom come disonesti e pigri.

Alcune organizzazioni Rom hanno detto che le agitazioni di questa settimana sono state deliberatamente provocate dai partiti politici che osservano per ootenere il supporto alle elezioni comunali di ottobre.

La polizia martedì non ha effettuato arresti ed i media locali riportano quanto ha detto il segretario del Ministro degli Interni, Ilia Iliev, di aver paura di essere accudato di discriminazione.


PHOTO: internet - Reuters

 
Di Fabrizio (del 15/06/2007 @ 09:17:34, in conflitti, visitato 1693 volte)

12:21 - 13.06.2007

L'organizzazione internazionale berlinese delle vittime del nazismo, ha chiesto oggi di commemorare le vittime rom del protettorato nazista di Boemia e Moravia in una maniera dignitosa e critica Praga per aver permesso che si situasse un salumificio sul sito di un ex campo d'internamento.

L'organizzazione ha girato ad Angela Merkel, presidente EU di turno, la richiesta di affrontare la questione.

Il salumificio a Lety (vicino a Pisek nella Boemia del sud) è situato dove c'era un ex campo d'internamento dove morirono centinaia di Rom e altre centinaia vennero deportati nei campi di sterminio.

L'appello [...] è indirizzato anche al primo ministro ceco Mirek Topolanek, è stato sottoscritto da organizzazioni internazionali dei campi di concentramento di Oswiecim (Auschwitz) e Buchenwald assieme al Consiglio Centrale dei Rom e dei Sinti tedeschi.

Si è aggiunta la firma di Cenek Ruzicka, capo del comitato Ceco per la compensazione delle vittime dell'olocausto Rom.

L'attuale situazione di Lety è vergognosa per un paese democratico come la Repubblica Ceca, inoltre umilia la memoria delle vittime e dei sopravissuti all'Olocausto.

Noah Flug, presidente del Comitato Internazionale Auschwitz, dice che i firmatari protestano contro questa situazione. Aggiunge che è impossibile che un salumificio sorga dove tanta gente è morta in passato.

Author: ČTK

Riferimento: Lety

 
Di Fabrizio (del 07/06/2007 @ 10:04:02, in conflitti, visitato 2327 volte)

Da Kosovo_Roma

Cari amici di roma-kosovoinfo, questi gli aggiornamenti sul nostro sito
News

04 Giugno 2007
Amnesty International "estremamente preoccupata" sui ritorni forzati in Kosovo
Nel suo rapporto, Amnesty International (AI) ammonisce sui ritorni forzati delle minoranze etniche in Kosovo. L'organizzazione è "estremamente preoccupata" su come alcuni stati europei stiano preparando deportazioni in Kosovo, anche se il conflitto politico sullo status della provincia può portare a rinnovate violenze, secondo AI. "Sinora, né l'UNMIK (l'Amministrazione ad Interim ONU) né l'attuale PISG (Istituzioni Provvisorie di Auto Governo) sono state capaci di garantire un sicuro sviluppo in cui i membri delle minoranze possano ritornare in sicurezza e dignità", dice AI. Secondo sue stime, dal luglio 1999 oltre 235.000 Serbi, Rom e membri di altre minoranze etniche hanno lasciato il Kosovo. Solo il 6% ha fatto ritorno. Il rapporto completo è disponibile nella sezione "Documenti":
http://www.roma- kosovoinfo. com/index. php?option= com_content&task=view&id=22&Itemid=35#Forced% 20Returns

28 Maggio 2007
L'ONU continua ad ignorare la richiesta di giustizia per i Rom kosovari
A nome dei 158 Rom IDP (Persone Internamente Disperse) il Procuratore Dianne Post ha compilato un reclamo contro l'ONU nel febbraio 2006. Dalla distruzione dell'insediamento a Mitrovica sud nel luglio 1999, i Rom vivono in campi, costruiti su terreni altamente contaminati. I campi hanno continuato ad esistere sino all'aprile 2006, sotto la supervisione delle Nazioni Unite, nonostante fossero riportati livelli estremi di contaminazione da piombo. Dianne Post chiede supporto, dato che sinora l'ONU non ha risposto al reclamo.
http://www.roma- kosovoinfo. com/index. php?option= com_content&task=view&id=131&Itemid=1

24 Maggio 2007
Rapporto 2007 di Amnesty International: Discriminazione sulle minoranze in Kosovo
Secondo il rapporto annuale di Amnesty International, che copre lo stato dei diritti umani in 153 paesi, le minoranze etniche continuano a fronteggiare serie discriminazioni nella provincia serba del Kosovo. Atti di violenza che sono motivati da odio etnico sono difficilmente perseguiti, il numero di quanti hanno fatto ritorno in Kosovo rimane basso. Quanti sono stati rimpatriati a forza dagli stati membri EU non ricevono supporto dalle autorità pubbliche, critica AI.
http://www.roma- kosovoinfo. com/index. php?option= com_content&task=view&id=133&Itemid=1&lang=en

Media

AFP: Roma minority demands to be part of Kosovo status negotiations, 29.5.2007
http://www.dzeno. cz/?c_id= 14462

"Building a new beginning - The return to Roma Mahala", in: UNMIK, Focus Kosovo, March 2007.
http://www.unmikonl ine.org/pio/ fokus_kosovo_ eng.htm

Documenti

Amnesty International: Kosovo (Serbia). No Forcible Return of Minorities to Kosovo, Maggio 2007.
http://www.roma- kosovoinfo. com/index. php?option= com_content&task=view&id=22&Itemid=35&lang=en#Forced% 20Returns

 
Di Fabrizio (del 30/05/2007 @ 10:05:08, in conflitti, visitato 2588 volte)

COMUNICATO STAMPA

 

Un Ponte per... Jasenovac

 

Mostra fotografica

dal 28 maggio all' 8 giugno

alla Casa della pace della Provincia di Milano – Milano

 

 

Jasenovac. Sulle rive del fiume Sava. A un centinaio di chilometri a sud-est di Zagabria. Nome che sta a indicare, in lingua serbo-croata, “bosco di frassini”, il luogo in cui vennero commessi i crimini più efferati da parte del regime croato degli ustascia (ustasce = insorti) con a capo il Poglavnik/Führer Ante Pavelic, che appoggiò le potenze dell'Asse durante la Seconda guerra mondiale. Il luogo in cui morirono tra le 500 e 700 mila persone, in prevalenza serbi ortodossi, Rom, ebrei e croati dissidenti al regime di Pavelic.

 

 

La mostra fotografica è stata realizzata da “MOST ZA BEOGRAD – UN PONTE PER BELGRADO IN TERRA DI BARI” – Associazione culturale e di solidarietà con la popolazione jugoslava, su foto e testi forniti dal MUSEO DELLE VITTIME DEL GENOCIDIO DI BELGRADO, e tradotti con la collaborazione della cattedra di serbo-croato dell'Università di Bari, di cui è titolare la prof. Svetlana Stipcevic.

 

 

A Milano, la mostra è stata organizzata dall'associazione "UN PONTE PER...", insieme al COORDINAMENTO NAZIONALE PER LA JUGOSLAVIA, OPERA NOMADI e Associazione La Tenda (progetti balcanici di Antonio Furlan), e con il contributo della Provincia di Milano, e vorrebbe illuminare la memoria comune su una pagina buia della nostra storia.

 

 

Gli scatti sui volti di numerosi bambini e bambine forniti dal Museo delle vittime del genocidio di Belgrado testimoniano i vuoti, l'assenza, l'innocenza portata via dalle nefandezze e dalla cieca brutalità della dittatura e della guerra. Jasenovac è il segreto oscuro dell'Olocausto. Noi, dopo 60 anni, questo tabù lo vorremmo svelare. Le vittime di Jasenovac ce lo chiedono.

 

 

Il 28 maggio alle ore 18 l’inaugurazione della mostra:

ERANO SOLO BAMBINI

Jasenovac. Tomba di 19432 bambini e bambine

 

Apertura dei lavori alla presenza degli Assessori provinciali Irma Dioli, Francesca Corso, Giansandro Barzaghi.

 

 

Interverranno:

Andrea Catone (Most Za Beograd, Bari)

Jovan Mirkovic (Museo delle vittime del genocidio di Belgrado)

Giuseppe Zaccaria (giornalista de "La Stampa")

Maurizio Pagani (Opera Nomadi)

 

Coordina: Jasmina Radivojevic (Un Ponte per…)

 

 

Al termine degli interventi l'attrice Dijana Pavlovic leggerà la poesia "La Foiba" del poeta croato Ivan Goran Kovacic, accompagnata dal musicista Jovica Jovic.

 

La mostra si potrà visitare: dal 28 maggio all'8 giugno presso la Casa della Pace della Provincia di Milano, via Ulisse Dini 7 (MM2 Abbiategrasso), Milano.
 
Di Fabrizio (del 23/05/2007 @ 09:55:46, in conflitti, visitato 2183 volte)

Da Kosovo_Roma

Cari amici e colleghi,

siamo lieti di annunciarvi che il nostro sito web roma-kosovoinfo è online (in lingua inglese e tedesca ndr)

Il sito è studiato per fornire informazioni sullo stato dei diritti umani del popolo rom in Kosovo. Si possono trovare le ultime notizie ed informazioni di base sulla deportazione dei Rom kosovari dagli stati membri dell'Unione Europea. Inoltre, presentiamo ricerche ed analisi sull'espulsione dei Rom dal Kosovo a seguito della guerra del 1999.

Al momento, molti articoli sono disponibili solo in tedesco. I testi della sezione "ultime notizie" sono anche in inglese, come pure molti rapporti delle organizzazioni internazionali sui diritti umani nella sezione "Downloads".

Facciamo conto sul vostro supporto per fornire una più ampia informazione. Forniteci quindi notizie interessanti, ulteriori informazioni o correzioni.

roma-kosovoinfo
Dirk Auer, Boris Kanzleiter

 
Di Fabrizio (del 23/04/2007 @ 11:48:49, in conflitti, visitato 1917 volte)

La storia di Taro Debar, sinto partigiano.


Io ero (sono stato) tra i gagé fin da bambino. Il mio povero papa e la mia povera mamma morirono quando avevo quattro anni. Mi misero in mezzo alle suore ed ai preti; là feci le scuole. Rimasi fino quattordici anni con le suore e con i preti.

(Me ne) andai dopo un po' di tempo, avevo gia' sedici anni, andai a lavorare con (presso) dei signori del paese. Non avevo ancora diciotto anni, arrivarono la tre o quatto signori.

Vennero dal mio padrone e mi dicevano: "Abbiamo bisogno di te". Ed io dissi (risposi): "per cosa avete bisogno di me?" "Cerchiamo un ragazzo svelto che passi in mezzo ai tedeschi e che vada sulle montagne dove si trovano i .

[...]

Il testo completo in originale su O Vurdon (segue la versione in Sinto di Bella Ciao)

 
Di Fabrizio (del 20/04/2007 @ 09:53:06, in conflitti, visitato 1808 volte)

Quando succedono fatti come quelli recenti nella comunità cinese di Milano, ci sono due tendenze: 1) fare il tifo per una fazione o per l'altra; 2) immaginarsi scenari apocalittici. Si dimentica sempre che dietro storie simili esiste quasi sempre una mediazione, a volte invisibile e spesso spontanea, che lavora per affrontare le questioni piccole e grandi. Credo sia questo il senso della lettera che mi è arrivata e che pubblico di seguito

LETTERA APERTA AGLI ABITANTI DEL QUARTIERE PAOLO SARPI

         C’e un’altra Paolo Sarpi, oltre a quella descritta in questi giorni dai giornali e dalle televisioni.

         C’è una Paolo Sarpi che non pensa che qui “il clima sia irrespirabile” e che “la tensione si tagli con il coltello”. Ci sono anche uomini, donne e bambini italiani che vivono accanto a uomini, donne e bambini cinesi con curiosità reciproca e con piacere.

            Anche noi crediamo che la legalità sia un valore da rispettare e salvaguardare, sempre e da parte di tutti, italiani e non italiani.

            Anche noi riconosciamo l’esistenza di problemi (peraltro di lunga data), come quello della viabilità, dei marciapiedi stretti, della necessità di riqualificazione urbanistica del quartiere.

            Tuttavia a noi questo quartiere piace, perché è vivace, sicuro, vario e ricco di stimoli. E riteniamo che i problemi si risolvano con il dialogo e la collaborazione, non seminando e fomentando discordie, né boicottando attività commerciali.

            Chi vive qui sa che non è vero che tra italiani e cinesi regnino soltanto tensione e incomprensione: ci sono anche relazioni di buon vicinato, di scambio culturale, in molti casi di stima e di amicizia. Qualche esempio: il gruppo di bimbi italiani che studia cinese nella scuola di via Giusti, i bambini cinesi che frequentano le scuole italiane e le attività all’oratorio; gli adulti cinesi che studiano italiano e gli adulti italiani che studiano cinese; gli italiani e cinesi che spesso si vedono insieme per la strada o al bar.

            Noi crediamo che sia questa la strada da seguire: non negando i problemi, ma incrementando i momenti di incontro e di conoscenza già spontaneamente in atto, lontano sia dall’ intolleranza, sia dalla violenza.

            Non fa onore a una metropoli europea far mostra di un atteggiamento di chiusura i intransigenza.

            Polo Sarpi non deve essere considerata un problema, ma un laboratorio in cui sperimentare strategie di collaborazione, convivenza e integrazione nel rispetto sia delle leggi, sia delle specifiche identità culturali, dando vita a progetti comuni che accompagnino il nostro quartiere e la nostra città verso il futuro.

 

            Alcuni abitanti della zona

            Referenti: Cristina Fabbri e Nicoletta Russello

 
Di Fabrizio (del 08/04/2007 @ 10:08:48, in conflitti, visitato 1652 volte)

Durante il periodo del rapimento del giornalista Daniele Mastrogiacomo molti blog hanno postato la sua foto, richiedendone la liberazione. Non mi sembra che ci sia lo stesso impegno per il suo interprete e per il mediatore che permise la liberazione di Mastrogiacomo. Non capisco il perché e vi giro questo appello con raccolta di firme.

Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì 20 dai servizi di sicurezza afgani. Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari. Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando “con i cavi elettrici”.

Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano, attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.

Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un “alto meeting sulla sicurezza nazionale” presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.

Non è accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency. Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di impegnarsi per l’immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha assicurato che l’avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di rispettare le parola data.

LIBERATE ANCHE LORO

Per aderire all'appello per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e
Adjmal Nashkbandi:
www.emergency.it/appello

 
Di Fabrizio (del 23/03/2007 @ 10:32:42, in conflitti, visitato 2252 volte)

Da British_Roma

Ustiben Report - DALE FARM:RUTH KELLY DA LUCE VERDE AI BULLDOZERS

By Grattan Puxon

************ ********* ********* *********
Eileen O'Brien è nata nell'ospedale di Basildon l'8 aprile, giorno in cui si celebra in tutto il globo il Giorno della Nazione Rom
************ ********* ********* *********

"Perché" si chiede Eileen O'Brien, sei anni, "stanno spendendo due milioni di £ per cacciarmi. Sono solo una bambina."

Mentre l'assedio a Dale Farm entra nel suo quinto anno, è quella la domanda che si pone tutta la comunità dei Viaggianti. Un totale di un milione e mezzo di euro è già stato speso dal consiglio comunale di Basildon per la sua politica di pulizia etnica.

Ma Malcolm Buckley, capo dei Tory, ha ancora molto da dire e da fare. La maggioranza conservatrice ha votato un piano da cinque milioni di euro per sbaraccare circa mille Nomadi e Viaggianti dalla propria terra.

In Gran Bretagna in totale, sono spesi annualmente circa 30 milioni di euro in misure anti-Viaggianti. Durante gli ultimi dieci anni, dozzine di siti privati e comunali sono stati chiusi e migliaia di famiglie mandate a vivere per strada. Alcuni sono diventati vittime di attacchi di vigilantes, com'è successo col recente incendio di caravans a Tamworth condotto da una cinquantina di persone.

"Tutto ciò deve finire" dice Cliff Codona, che è uno dei due rappresentanti UK nel Forum Europeo dei Rom e Viaggianti a Strasburgo. "Il danno a 350.000 della nostra gente in questo paese è tanto fisico che psicologico. E' una sorta di lento genocidio. Vogliono distruggere il nostro modo di vita."

Eileen frequenta la Crays Hill Primary school, che è diventata una scuola solo per i Viaggianti da quando gli altri genitori hanno ritirato i loro figli. La scuola dovrà chiudere se Buckley riuscisse a sgomberare le 86 famiglie in quello che definisce "l'accampamento illegale" di Dale Farm.

I Viaggianti hanno costruito lì le loro case, la maggior parte di un ettaro e mezzo sono stati presi da una discarica che conteneva centinaia di carcasse di auto. Nessuno se ne è lamentato, durante i quarant'anni di questa operazione, nonostante i rifiuti e il rumore.

L'agitazione è iniziata soltanto quando una storica comunità zingara ad Oak Lane si è estesa includendo Dale Farm, raddoppiando il numero di piazzole e raggiungendo le cento yards. Più che un accampamento, Dale Farm è un villaggio, con la sua strada privata d'accesso e i suoi vialetti. Giardini e recinzioni circondano gli chalets e le mobile-homes, ciascuna con i suoi pittoreschi rimorchi.

"Questa è una comunità modello," dice Richard Sheridan. "Sarebbe anche più bella, se non avessimo questa demolizione sulle nostre teste."

L'insediamento è cresciuto, dice Sheridan, sotto l'influsso dei Viaggianti sgomberati da altre aree. Con il passaggio al Criminal Justice Act, il modo di vita dei Viaggianti si è fatto più duro. Secondo quanto disposto dalla Sezione 62, la polizia può rimuovere qualsiasi caravan sulla strada. Ora Ruth Kelly, la nuova Segretaria di Stato per le Comunità, ha dato a Basildon segnale verde per demolire Dale Farm e mandare 600 persone verso una disperata esistenza sulla strada. A febbraio, Ruth Kelly ha rifiutato l'appello finale e deciso che è più importante proteggere la cosiddetta "Cintura verde" che salvaguardare il futuro dei bambini come Eileen O’Brien.

"Ciò che stanno facendo è buttare questa piccola ragazza nella spazzatura," dice sua zia, Kathleen McCarthy, istitutrice alla Crays Hill school.

"Questa terra ci appartiene, ma non vogliono che noi ci viviamo," si lamenta. "Dove vogliono che andiamo?"

Puntualizza che delle circa 30 famiglie che hanno richiesto una situazione in quanto "senza casa" dopo lo sgombero, nessuna è stata ascoltata. Il consiglio ha trovato scuse e ragioni per dequalificare tutte le richieste, sostenendo che si dichiaravano senza casa al solo scopo di accedere alle case popolari.

McCarthy è sprezzante su queste scuse e ritiene che il razzismo sia la causa dell'estrema ostilità verso i Viaggianti. Trecento persone hanno preso parte ad una marcia anti-Viaggianti, poco prima delle dichiarazioni di Ruth Kelly, e circa 7.000 hanno firmato una petizione contro la presenza dei Viaggianti nell'area.

Peggio ancora, gli abusi razziali stanno diventando più comuni mentre l'assedio si prolunga. Il ventenne Patrick Egan, il cui zio detiene la proprietà originale e legale di Dale Farm, girava con due amici quando è stato fermato ed insultato da alcuni skinheads di Basildon.

Gli hanno gridato insulti e uno gli ha tirato un colpo violento. Un elicottero della polizia era sulla scena e diede loro la caccia. Furono così costretti a correre attraverso la pericolosa corsia della A127 e tra i campi attorno a Dale Farm. Qui l'elicottero atterrò, e i ragazzi furono costretti a terra. Patrick che, credetemi è un bravissimo ragazzo, fu trattenuto nella stazione della polizia di Basildon durante la notte.

Furono accusati di furto di telefoni cellulari. Quando venne dimostrato che era falso e con il reclamo dei loro genitori, assieme a quello di Bridie Jones dell'Irish Travellers Movement 2006, furono rilasciati. Non venne presa contro di loro alcuna misura. Nessuno degli skinheads fu mai interrogato o detenuto. Gran parte del sentimento anti-Viaggianti è montato del deputato Tory locale John Baron, che attualmente sta minacciando azione legale contro chi scrive qui, che ha pregiudizi e agsce come un razzista. Non gradisce il termine "pulizia razziale" usato per descrivere lo scopo della sua campagna.

Quindi, [...] l'impegno è quello di preservare la Cintura Verde e le caratteristiche dell'Essex rurale. Ma nessuno spiega perché questa campagna non sia stata lanciata quando Dale Farm era un enorme immondezzaio, che è stato ripulito dagli stessi Viaggianti. E nessuno accenna al grande sviluppo dell'adiacente Gardener Lane, quando sono state costruite 800 nuove case come parte del programma governativo Thames Gateway.

Dovrà essere costruito un nuovo accesso alla A127. L'aumento delle strade dovrebbe risolvere il "problema autostrade" sollevato dal rapporto di Kelly, è la seconda grande ragione per l'abbattimento di Dale Farm.

English Partnerships, un'Agenzia Governativa, è coinvolta tanto in Gardener Lane che in progetti viari sulla A13 a Pitsea, dall'altra parte di Basildon. Questo secondo sito è stato proposto l'anno scorso come possibile alternativa a Dale Farm dallo stesso vice Primo Ministro John Prescott.

La proposta è stata immediatamente rifiutata dai boss Tory John Baron e Malcolm Buckley. Hanno protestato che la soluzione è improponibile come Dale Farm, nonostante si tratti di terra brulla, non Cintura Verde, ed adoperato già come sito legale di Viaggianti.

Basildon, come ammette Kelly, sinora non ha mai indicato come sistemare i Viaggianti. Un recente rapporto commissionato dall'Assemblea dell'Inghilterra Orientale dice che Basildon deve costruire 157 aree addizionali per i Viaggianti, attualmente forzati a vivere illegalmente nell'area. Dale Farm Housing Association, presieduta da Richard Sheridan, per questo ha proposto un piano per costruire un'area sosta con 15 piazzole a Terminus Drive, Pitsea.

"Ovviamente, rifiuteranno," commenta Sheridan. "Ma ci rivolgeremo in appello a Ruth Kelly. Avrà una seconda possibilità di considerare impossibile la nostra situazione."

Sheridan dice che Basildon ha anche fallito nel designare una terra per i Viaggianti, come richiesto dal 2004 Housing Act. Diversi Viaggianti hanno acquistato la terra dove sistemarsi, ma in ogni caso il consiglio ha ottenuto ingiunzioni di sgombero.

[...] Dale Farm, come l'altra comunità di Smithy Fen, Dale Farm è una grande comunità. dove anziani e malati sono curati dalle giovani generazioni. Ma come compromesso, dice Sheridan, è meglio che veder distrutte le proprie case, ed alcuni residenti vorrebbero trasferirsi a Pitsea e nel nuovo sito a Colchester, distante circa 35 miglia o di costruire in un'area di proprietà.

Tuttavia Sheridan, oltre a coinvolgere il proprio clan, sta facendo pressione sull'opposizione per la montagna di denaro pubblico che sarebbe sprecato in tutta questa operazione. Rimpiazzare Dale Farm non costerà "solo" cinque milioni di euro, ma potrebbe salire a trenta o quaranta milioni per le spese legali e i processi.

"Ha lo stesso senso di una compagnia di assicurazione che spinge un cieco addosso ad un bus," dice Sheridan.

I residenti di Dale Farm non hanno intenzione di andare senza combattere.

Hanno ottenuto un appello, che non sarà pronunciato prima della fine dell'anno. Gli avvocati dei Viaggianti, dicono che, tra l'altro, che uno sgombero avrà effetti traumatici sui bambini come Eileen, e sarebbe contro l'articolo 8 della Convenzione sui Diritti Umani, che garantisce l'integrità della famiglia e della vita famigliare.

La locale Wickford Primary Health Trust ha ammonito che i bambini e i malati potrebbero essere feriti durante l'operazione di sgombero. Un responsabile di Essex Fire and Rescue ha espresso i propri dubbi sull'utilizzo per operazioni di sgombero della compagnia privata Constant & Co., che in casi analoghi si è macchiata di comportamenti altamente discutibili.

Constant & Co. è stata chiamata dal comune di Basildon ed ha già sgomberato una mezza dozzina di aree private di Viaggianti, alcune molto vicine a Dale Farm. L'obiettivo principale è stato una serie di iarde su Hovefields Avenue, Wickford. Piuttosto che rimuovere i caravan, alcuni sono stati schiacciati o distrutti col fuoco.

La preoccupazione è che vengano adoperati macchinari pesanti troppo vicino a bambini piccoli, con pericolo sulla sicurezza. I media sono stati esclusi da un recente sgombero "per la loro stessa sicurezza" [...]

"Cosa stanno facendo è pulizia etnica" dice padre John Glynn, la cui diocesi include Dale Farm ed Oak Lane. "Sto pregando perché non mandino i bulldozers ha spianare tutte queste case."

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/05/2022 @ 09:52:51
script eseguito in 55 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4464 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source