Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : conflitti (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/04/2008 @ 09:38:49, in conflitti, visitato 2577 volte)

Da Romanian_Roma

La minoranza Rom in Moldavia ha protestato contro la discriminazione razziale nel centro della capitale Chisinau. La maggioranza dei Rom non mostra la sua vera identità per le persecuzioni e discriminazioni. Durante la II guerra mondiale vennero deportati nei campi di concentramento in Transnistria.

CHISINAU (Tiraspol Times) - Il giorno 8 aprile, centinaia di Rom hanno protestato nel centro di Chisinau, contro la discriminazione razziale.

La marcia di protesta era organizzata dal Centro Nazionale Rom per far crescere la consapevolezza della maggioranza della popolazione sui problemi socio-economici che questa etnia affronta ogni giorno. La marcia è partita alle 11.00 dalla piazza dell'Opera - Stefan cel Mare si Sfint bd.

Afferma l'associazione Dzeno che nella comunità Rom non c'è accesso all'acqua potabile e spesso sono disconnessi dall'uso dell'energia elettrica, sono soggetti a trattamenti violenti da parte dei poliziotti.

Dice Nicolae Radita, presidente del Centro Nazionale Rom: "La discriminazione è un fenomeno che si incontra nelle scuole, negli istituti medici ed in altri posti pubblici. Gli uomini non trovano lavoro, gli anziani no ricevono alcun aiuto o pensione ed i bambini non frequentano la scuola o l'abbandonano."

"Queste persone soffrono di differenti disagi a causa delle precarie condizioni di vita e la mancanza di risorse materiali. Non potendo assicurare trattamenti per tempo, spesso muoiono presto," ha aggiunto. "Dopo 17 anni di indipendenza della Moldavia, la situazione di questo popolo non è cambiata in meglio."

Durante la marcia, il Centro Nazionale Rom ha indirizzato una lettera di protesta alle autorità pubbliche, chiedendo al governo di migliorare la situazione dei Rom e la loro partecipazione nei processi decisionali.

I Rom rimangono al minoranza più perseguitata d'Europa. I governi hanno tentato di sedentarizzarli forzatamente, spesso senza successo e con risultati negativi.

Secondo la principale organizzazione dei Rom di Moldavia, i Rom della repubblica ancora hanno a che fare con persecuzioni, marginalizzazione ed esclusione sociale in tutte le sfere della vita pubblica.

I loro diritti continuano sino ad oggi ad essere infranti, le discriminazioni istituzionali posizionano il loro livello di sviluppo al gradino più basso sulla strada della sparizione o dell'assimilazione.

Dopo lo sradicamento e la campagna di sterminio nella II guerra mondiale, la Moldavia conta ora 200.000 Rom che rappresentano circa il 7% della popolazione totale (esclusa la Transnistria, che ha una differente composizione etnica e un diverso retroterra dalla Moldavia stessa).

I leaders della comunità dicono che pochi Rom scoprono la loro origine etnica per paura di discriminazioni.

"Davvero pochi Rom svelerebbero la loro origine etnica, e la ragione principale è che hanno paura delle discriminazioni," dice Dumitru Danu, un leader dei Rom moldavi.

Dumitru Danu, presidente dell'Associazione Rom Moldavi, dice che una gran parte dei Rom si identifica come Moldavi/Rumeni oppure Russi, a causa dei pregiudizi e dell'indifferenza verso i Rom. In realtà il numero dei Rom è maggiore di quanto mostrino i dati ufficiali, afferma Danu.

Prima della II guerra mondiale, oltre il doppio dei Rom viveva in Moldavia, che al tempo era parte della Romania. Durante la guerra, furono deportati nei campi di concentramento nella "Transnistria" occupata, che era una repubblica autonoma e non parte della Romania. Durante la collaborazione nazi/rumena nella II guerra mndiale, oltre 500.000 Rom furono uccisi  nell'olocausto Rom - conosciuto come Porajmos - dove furono deliberatamente spostati ad est del fiume Dniepr e così fuori dai normali confini etnico-storici della Moldavia/Romania.

 
Di Fabrizio (del 15/03/2008 @ 09:19:38, in conflitti, visitato 1852 volte)

Da Baltic_Roma

I neonazisti a Riga, secondo il locale giornale in lingua russa "Telegraf" del 4 marzo, stanno attaccando i Rom con regolarità che aumenta. Benché n neonazista sia stato arrestato all'inizio del mese ed accusato di aver attaccato due ragazze Rom, la maggioranza di questi atti rimane senza investigazione perché la maggior parte dei Rom non vuole contattare la polizia.

L'assalto avvenne lo scorso ottobre nell'appartamento di due ragazze. Gli skinheads seguirono una tredicenne da un negozio lì vicino e la picchiarono con catene. Una delle vittime fu così traumatizzata da rifiutare per sei mesi di uscire di casa. La polizia ha altri sospetti coinvolti in attacchi seguenti contro due Armeni. Anatoly Berezovsky, locale Rom leader, riporta su "Telegraph" che la comunità soffre di assalti regolari dai neonazisti e che questo in precedenza non succedeva.

L'addetta stampa della polizia, Kristine Apse-Kruminja, ha confermato l'articolo del giornale e caratterizzati i motivi degli skinheads come "un misto di hooliganismo e xenofobia". I neonazisti includono tanto Russi che Lettoni, ha aggiunto, uniti nell'odio verso i Rom, che considerano indifesi per la loro paura della polizia. Il giornale aggiunge che i neonazisti condussero altri raids contro case rom nella stessa area dove vivevano le due ragazze.

Copyright (c) 2008. UCSJ. All rights reserved.

 
Di Fabrizio (del 21/02/2008 @ 23:01:35, in conflitti, visitato 2594 volte)

Da Romano Them

19 Febbraio 2008 - Il Consiglio Nazionale Rom come legittimo rappresentante della comunità Rom di Serbia ha condannato ieri le dichiarazioni di John Sawers, ambasciatore britannico all'ONU, che affermava tra l'altro che il piano Ahtisaari e la dichiarazione unilaterale di indipendenza sarebbero state accettate dai Rom e dai Turchi che vivono in Kosovo. L'ambasciatore britannico ha anche menzionato come ragione per la dichiarazione d'indipendenza la pulizia etnica contro gli Albanesi del Kosovo. Ma questo "argomento"  è stato dimenticato quando si è trattato, per esempio, dei Rom.

Durante il mandato della forza internazionale in Kosovo, oltre l'85% dei Rom che vivevano in Kosovo hanno lasciato la loro casa, a causa delle terrore delle bande albanesi e delle istituzioni del governo provvisorio in Kosovo e Mehtojia. Sino ad oggi, meno del 5% ha deciso per il ritorno. E' esattamente per queste ragioni che è possibile che il rappresentante dei Rom nel Parlamento kosovaro, Hadji Zuljfi, ha votato per una decisione tanto vergognosa. Hadji Zuljfi ha perso tutta la sua credibilità politica, sociale e morale con i Rom da tanto tempo, perché mai si è alzato contro il terrore, la violenza, gli assassini e la persecuzione a cui per anni i suoi Rom sono stati esposti in Kosovo e Mehtojia.

La società internazionale, il Consiglio di Sicurezza dell'ONU e gli stati membri dell'UE devono riconoscere che i Rom sono stati uno dei più grandi danni collaterali in Kosovo e Mehtojia. I Rom mai scorderanno il loro paese, la Serbia e mai riconosceranno un Kosovo indipendente. Per questa ragione l'ambasciatore britannico non ha il diritto di usare i Rom nei suoi falsi argomenti per la decisione illegale presa dall'Assemblea kosovara, così dichiara il Consiglio Nazionale Rom. Il Consiglio Nazionale della minoranza Rom in Serbia è pronto a fornire al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, tutte le rilevanti informazioni sulla pulizia etnica ed il terrore a cui i Rom sono esposti in Kosovo e Mehtojia.

Source: Rominterpres

 
Di Fabrizio (del 15/02/2008 @ 08:40:20, in conflitti, visitato 1970 volte)

Da Romano Them

12 Febbraio 2008 - Secondo la stampa, il Montenegro starebbe aspettando una nuova ondata di rifugiati se il Kosovo dichiarasse l'indipendenza. Riportando il Commissario Montenegrino per i Rifugiati, Zeljko Sofranac, i giornali dicono che il Montenegro dovrebbe, in questa situazione, reagire come uno stato moderno applicando i trattati e le convenzioni internazionali.

Riferendosi alla situazione del 1999, quando il Montenegro accettò di ospitare un gran numero di rifugiati come parte di un piano internazionale per il contenimento regionale della crisi dei rifugiati, il Commissario ha affermato che il suo paese non sarebbe pronto ad accettare nel lungo periodo rifugiati da altri paesi.

Ad otto anni dalla fine della guerra, il Montenegro conta ancora circa 16.000 profughi dal Kosovo, molti dei quali Rom. Diventando rifugiati dopo l'indipendenza montenegrina dalla Serbia, fronteggiano espresse discriminazioni e devono accettare terribili condizioni di vita nei campi rifugiati o in ripari privati.

 
Di Fabrizio (del 28/01/2008 @ 19:48:07, in conflitti, visitato 2193 volte)

Berlino, 28 gen. - (Adnkronos) - Verranno eretti a Berlino due monumenti in memoria degli zingari e degli omosessuali uccisi dai nazisti. Lo ha annunciato oggi il ministro tedesco della Cultura Bernd Neumann, dopo l'approvazione formale della commissione affari culturali. I lavori per la costruzione del monumento in memoria dei 500mila Sinti e Roma massacrati nei campi di sterminio nazisti, cominceranno il mese prossimo presso il parco del Tiergarten a Berlino, vicino alla sede del Parlamento. Il governo tedesco e i leader delle comunita' Sinti e Rom hanno concordato nel 2006 la costruzione di un monumento a forma di fontana, ma il progetto si era arenato sul testo dell'iscrizione. Ora il monumento sara' scolpito dallo scultore israeliano Dani Karavan con una iscrizione del poeta rom italiano Santino Spinelli. Il monumento per gli omosessuali uccisi verra' invece costruito in primavera presso la porta di Brandeburgo. Sotto il regime nazista vennero arrestati 54mila omosessuali, 7mila dei quali morirono in campo di concentramento.

(Cif/Pn/Adnkronos)

 
Di Fabrizio (del 26/01/2008 @ 19:48:11, in conflitti, visitato 2512 volte)

Per la giornata della memoria RaiNews propone la testimonianza di una sopravvissuta al Porrajmos lo sterminio nazista dei Rom e Sinti.

Fatima, rom bosniaca, nel 1945 fu deportata insieme alla sua famiglia ad Auschwitz, oggi vive nel piu' grande campo nomadi alla periferia di Roma. Furono 500.000 i Rom e Sinti steminati nei campi di concentramento. Dei 23mila internati ad Auschwitz-Birkenau, solo 3mila sono sopravissuti.

Clicca sull'immagine per vedere il video

 

 
Di Fabrizio (del 22/12/2007 @ 09:12:25, in conflitti, visitato 1892 volte)

Da Roma_und_Sinti

By DPA Dec 20, 2007, 11:07 GMT Berlino - La camera alta del parlamento tedesco, il Bundesrat, giovedì ha votato una risoluzione per un monumento ai milioni di Rom e Sint periti durante l'Olocausto.

La richiesta arriva a 65 anni da quando il leader delle SS firmò il cosiddetto decreto di Auschwitz, che portò alla morte di almeno 500.000 membri delle due minoranze etniche nei campi di sterminio.

Ole von Beust, presidente del Bundesrat, ha messo in guardia contro il "dimenticare e frenare" le memorie delle due comunità, i cui 12 milioni di membri costituiscono la più grande minoranza nell'Unione Europea.

Il governo tedesco ed i leader delle comunità Sinte e Rom hanno concordati a maggio 2006 la costruzione di un memorial a
che raffiguri una fontana.

Ma una disputa sull'iscrizione e altri particolari hanno messo il progetto in attesa.

© 2007 dpa - Deutsche Presse-Agentur

 
Di Fabrizio (del 29/10/2007 @ 08:58:08, in conflitti, visitato 2176 volte)

Da Romanian_Roma

Bucarest - Lunedì (scorso ndr) il presidente rumeno Traian Basescu ha presentato tre Rom sopravvissuti all'Olocausto consegnando loro una medaglia.

Solo dal 2003 la Romania ha un giorno per ricordare le oltre 400.000 vittime dell'Olocausto.

Il 9 ottobre Basecu ha consegnato un'onorificenza simile ad 11 membri della comunità ebraica sopravvissuti alle deportazioni.

Sino al 2004, le autorità negavano che fosse possibile parlare di un Olocausto in Romania.

Ma un rapporto internazionale ha trovato che le autorità di allora fossero state responsabili della morte da 280.000 a 380.000 ebrei rumeni nelle regioni amministrate dalla Romania.

Lo stesso rapporto documenta il destino di 25.000 Rom rumeni deportati durante l'Olocausto - la metà dei quali perì.

In Romania vivono circa 1,5 milioni di Rom e 11.000 ebrei.

 
Di Fabrizio (del 24/10/2007 @ 22:30:56, in conflitti, visitato 1510 volte)
VENERDI 26 OTTOBRE ORE 21 A LECCO
SALA CONFERENZE BANCA POPOLARE DI SONDRIO VIA AMENDOLA
 
CONFERENZA E PRESENTAZIONE DEL DOPPIO DVD
 
A FORZA DI ESSERE VENTO
lo sterminio nazista degli zingari
IL POPOLO ROM IERI E OGGI
 
RELATORE
l'amico anarchico di Fabrizio De Andre'
PAOLO FINZI redattore di A rivista anarchica
 
ORGANIZZA CENTRO KHORAKHANE' LECCO
 
L'obiettivo della serata è comprendere e consocere la civiltà rom e sinti attraverso la storia di questo popolo, le persecuzioni dei campi nazisti e le vicende quotidiane del nuovo millennio nelle nostre città.
 
L'intento è riuscire ad aprire la strada per una discussione su uno degli aspetti ancora rimossi da quasi tutta la storiografia che si è occupata dei campi di tortura e di morte del regime nazista, ma anche e soprattuto perché, nel raccontare gli abomini di un passato ancora bruciante, getta una luce impietosa anche sull’oggi dimostrando lucidamente come poco, da sessant’anni a questa parte, siano cambiate le cose per gli zingari.
 
IL CORTO CIRCUITO, (attraverso questi DVD che presenteremo) che si viene a creare, man mano che il disco scorre sotto i nostri occhi, tra il racconto orale delle terribili scene di deportazione degli zingari e le immagini dell’oggi che le accompagnano e sostengono. Suoni e immagini finiscono, così, per determinare, nello spettatore, una sorta di ’contrappunto didattico’ in cui il passato della parola e del racconto finisce per illuminare di luce sinistra la realtà visibile e tangibile di un presente non poi tanto diverso. In questo modo l’occhio fenomenologico della videocamera sembra sempre cercare, nel presente dei campi rom fatti coi cumuli di spazzatura delle nostre "civili" città, i segni tangibili di un passato che continua a riemergere, tragicamente nell’oggi più di quanto ci piacerebbe credere.
 
Di qui le domande che aleggiano irrisolte a chiederci conto dei nostri persistenti pregiudizi su una realtà, quella zingaresca, che non conosciamo per davvero e che, quindi, non possiamo non continuare a temere.
 
Perché pochi di noi possono dire, rispondendo a Moni Ovadia, di avere un amico zingaro e molti di noi continuano a raccontare ai propri bambini, quando è l’ora di spaventarli per farli ubbidire, che se non tornano subito a casa poi arrivano i rom a rapirli e a portarli lontano, chissà dove.
 
Il merito dei documentari, comunque, non è solo quello di obbligarci a guardarci allo specchio scoprendo nei nostri atteggiamenti la stessa molla che muoveva i teorici nazisti dello sterminio finale, ma anche quello di riportare alla luce i dettagli di una storia che rischiava di restare taciuta per sempre perchè la cultura zingara è legata al solo racconto orale e, quindi, non accetta di prendere forma in un qualsiasi tipo di documento scritto.... Dello sterminio di Rom e Sinti (Porrajmos è la parola rom corrispondente all’ebraico Shoah) sappiamo, in effetti relativamente poco.
CON QUESTA SERATA VOGLIAMO, ANCHE A LECCO, PROVARE A RACCONTARE UNA STORIA. UAN STORIA VERA E DOVEROSA
e ora, grazie al lavoro in presa diretta delle videocamere, la voce zingara trova finalmente il suo spazio di espressione obbligandoci a fare i conti con i nostri fantasmi più terribili.
 
UN INCONTRO, UNA SERATA IMPORTANTE, ADULTA, CHE MERITA DI ESSERE PARTECIPATA.
 
VENERDI 26 OTTOBRE ORE 21 LECCO
SALA banca popolare di sondrio 
VIA AMENDOLA ANG VIA PREVIATI
 
Di Fabrizio (del 29/08/2007 @ 09:16:11, in conflitti, visitato 2191 volte)

Pattuglie miste di Rom ed incaricati della compagnia governativa Egida saranno dislocate nelle periferie di Sofia abitate da Bulgari e Rom, questo dice il sindaco Boiko Borissov.

Secondo l'agenzia Focus, la dichiarazione di Borissov è arrivata dopo un incontro con Tsvetelin Kunchev, leader del partito Euroroma.

Borissov dice che alcuni Rom sono già assunti da Egida. Le organizzazioni Rom hanno suggerito di impiegare altri 20 Rom, che potrebbero lavorare per la compagnia.

Ai nuovi impiegati di origine Rom verrà fornita una formazione professionale, secondo le leggi sulla sicurezza privata.

Kunchev dice che queste pattuglie miste mostreranno che Bulgari e Rom sono consolidati e che nessun "fattore secondario può causare tensioni artificiali."

Il 12 e 13 agosto 2007 disordini erano accaduti nel quartiere Krasna Polyana. Circa 200 Bulgari e Rom avevano preso parte a scontri di massa. Gli scontri erano una conseguenza degli attacchi di skinheads al quartiere.

Secondo Focus, Borissov vorrebbe che queste pattuglie entrassero in servizio entro il 21 agosto 2007.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/05/2022 @ 01:35:34
script eseguito in 51 ms

 

Immagine
 Il libro con le storie di via Idro... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2616 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source