Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : conflitti (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 02/08/2009 @ 08:56:57, in conflitti, visitato 1760 volte)

Da Romanian_Roma

Un gruppo di organizzazioni rumene hanno organizzato il 30 luglio 2009, a Miercurea Ciuc, nella regione di Harghita, una marcia di protesta contro i conflitti interetnici e le loro conseguenze nelle località di Sanmartin e Sancraieni e per la mancanza di interessamento delle autorità locali.

I manifestanti, stimati in oltre 80 persone hanno sostato 20 minuti di fronte a ogni edificio dell'amministrazione locale e mostrato durante l'intero tempo della marcia, striscioni e t-shirt con messaggi bilingue, in rumeno e ungherese, tipo: "I diritti umani non sono negoziabili", "Basta alla violenza contro le comunità rom", "I nostri bambini hanno gli stessi diritti dei vostri".

Sin dall'inizio, un gruppo di circa 15 persone ha organizzato una contro-manifestazione alla marcia di protesta dei Rom. Con sottofondo di urla e fischi, questo gruppo mostrava messaggi come "Andate a lavorare", "Non rubate", "Quand'è l'ultima volta che vi siete lavati?" e "Non provocate". Inoltre, lo stesso gruppo di contro-manifestanti ungheresi ad Harghita era presente ogni volta che i Rom si fermavano di fronte alle istituzioni dell'amministrazione locale.

La disapprovazione della comunità di Harghita riguardo la marcia di protesta è stata enfatizzata da alcuni individui che apparivano da dietro gli edifici, mostrando per pochi minuti striscioni con lo stesso messaggio dei componenti della loro etnia, per poi sparire discretamente. Nel contempo, altri individui avvicinavano il gruppo avendo brevi conversazioni con i partecipanti alla marcia, generalmente dominate da stereotipi diffusi nella nostra società.

Inoltre, nell'ultima parte dell'evento, è apparso un gruppo di 6 membri appartenenti a 2 organizzazioni estremiste (5 dalla Romania e 1 dall'Ungheria), "Movimento Giovani dai 64 Comitati" e "Magyar Garda", vestiti in abiti militari e con le facce coperte. Prima di gridare messaggi anti-rom, come pure anti-rumeni (menzionando il Trattato di Trianon), gli estremisti però non raggiungevano il loro scopo perché la contro-manifestazione veniva fermata dal rapido intervento dei gendarmi.

Secondo le informazioni fornite dalla Gendarmeria di Harghita, gli estremisti hanno ricevuto un indennizzo di 2000-4000 RON, ed è partita un indagine tramite l'Interpol.

 
Di Fabrizio (del 26/07/2009 @ 09:17:10, in conflitti, visitato 1234 volte)

Segnalazione di Vielka Araya

Da Mundogitano.net Puerto Montt - 22/07/2009

Sette persone sono state accusate formalmente questa mattina a Puerto Montt come autrici dell'incendio di un accampamento gitano, accaduto lo scorso aprile nel quartiere Antonio Varas della città.

Il fatto ebbe origine quando degli abitanti lì attorno accusarono uno dei membri dell'accampamento di essere il responsabile della morte di Juan Víctor Alvarado Velásquez (29 anni) in un assalto in avenida Presidente Ibáñez, cosa che scatenò la furia di circa 300 abitanti che diedero alle fiamme quattro veicoli ed una tenda, secondo quanto riferito da radio Biobío.

Tramite le indagini delle autorità venne determinata la responsabilità delle sette persone di seguito accusate di incendio, disordini e danni alla proprietà pubblica e privata.

Fuente: latercera.com

 
Di Fabrizio (del 13/07/2009 @ 09:23:24, in conflitti, visitato 1356 volte)

Da British_Roma (QUI la puntata precedente)

28 giugno 2009 La sfida! Incontro con le famiglie rumene che rifiutano di essere rimpatriate By Peter Popham and David McKittrick

Alla faccia dell'odio, una manciata di rumeni ha deciso di rimanere sopra in Irlanda del Nord. "Dicono che non vogliono che lavoriamo o rimaniamo qui, ma non c'è nessun posto dove vivere e nessun lavoro per noi in Romania, così non abbiamo intenzione di tornare," ha detto un uomo, padre di cinque figli.

Oltre un centinaio di questi cittadini rumeni sono fuggiti da Belfast settimana scorsa, le autorità locali hanno organizzato dei voli dopo gli attacchi che sono stati pubblicizzati in tutto il mondo e condannati come vergognosi.

Ma quest'uomo ha detto di voler rimanere, uno di un piccolo gruppo preparato ad affrontare le proprie opportunità contro quello che è definito "un piccolo gruppo di criminali razzisti" che hanno terrorizzato le famiglie rumene che vivono in due strade a Belfast sud.

Solo in pochi hanno optato di rimanere in Irlanda del Nord nella sfida degli attaccanti, che hanno intrapreso una campagna di intimidazione, lanciando mattoni contro le finestre ed in un caso minacciando di tagliare la gola ad un bambino.

Quasi tutti gli immigrati hanno deciso di tornare in Romania, nonostante i tentativi delle autorità di persuaderli a rimanere. Ma quell'uomo che ha parlato a The Independent on Sunday ha detto che non partirà, nonostante le "pressioni" di alcune persone locali che gli rendono impossibile di lavorare. Non è la sua prima esperienza con le intimidazioni: la sua casa, che è ad una certa distanza da quelle dove vivono gli altri rumeni, ha avuto le finestre rotte. La famiglia si era spostata lì tre mesi fa, perché anche nella casa precedente gli erano state spaccate le finestre.

Lui e sua moglie - che vendono giornali in un mercato - vi vivono con i loro figli, di undici, otto, tre, due anni e tre mesi, assieme al fratello e al padre della moglie. Compresi gli altri parenti, nella casa vivono 13 persone.

Come la maggior parte dei Rumeni a Belfast, parla poco l'inglese. Neanche conosce l'indirizzo della casa dove vive. La nostra intervista è stata condotta in italiano, una lingua che ha imparato quando viveva in Italia - un altro paese, dice, dove la sua famiglia ha provato le intimidazioni.

La violenza per le strade di Belfast sud ha allontanato la maggior parte dei Rumeni -la maggioranza è partita venerdì. Ma affrontano un futuro incerto dovunque vadano, hanno detto ai volontari prima di partire.

Denise Wright, membro del comitato di Embrace, un gruppo cristiano che promuove un'attitudine positiva verso le minoranze etniche, ha lavorato a stretto contatto con i Rumeni, che hanno passato la maggior parte della settimana in ricoveri d'emergenza.

Ha detto: "Sono preoccupati sul trovare lavoro e per il tipo di condizioni di dove stanno tornando. Qui sono stati traumatizzati, anche se non penso che siano stati sorpresi in ogni modo da questo trattamento. Per i Rom questa è la normalità, così non penso che siano stati particolarmente scioccati.  Provano soltanto che questo è ciò che sperimentano in patria e altrove nel mondo. Hanno detto che dovranno spostarsi ancora per trovare di che vivere."

Ha aggiunto che, d'altra parte, i migranti sono stati incoraggiati dall'aiuto e dalla simpatia ricevute a conseguenza degli attacchi. "La benevolenza della gente di Belfast nell'appoggiarli è stata molto incoraggiante," ha aggiunto.

Le autorità locali e la Commissione Alloggi in particolare hanno visto settimana scorsa premiati i loro sforzi, come la diocesi cittadina, un gruppo informale che riunisce oltre un centinaio di persone. Il pastore Malcolm Morgan ha detto:

"Alcuni volontari stavano pulendo fuori dalla chiesa, quando è arrivata la telefonata. Ho detto loro solamente: Ragazzi, abbiamo un nuovo lavoro da svolgere - ed hanno risposto magnificamente. Ho fatto un paio di telefonate ad un'agenzia cristiana che aiuta la gente in difficoltà, ed entro un'ora sono tornati col cibo. Sono arrivati il consiglio cittadino, il sindaco, la Croce Rossa. Un proprietario locale è venuto, ha dato uno sguardo e dopo un'ora è tornato con 15 materassi. E' stato magnifico vedere gli atti di generosità - si è mostrato il meglio di Belfast."

Un altro incidente dai toni fortemente razzisti è avvenuto nel nord della città, con bengala lanciati contro un centro comunitario dove da tempo si è stabilità una comunità indiana. Un membro dello staff locale ha detto: "Ci riteniamo parte integrale della società nord irlandese. Non crediamo che questa sorta di incidente possa danneggiare le nostre buone relazioni con la comunità che ci ospita."

Parlando dell'esodo rumeno, il Ministro degli Interni, Margaret Ritchie, ha detto: "Lodo il lavoro che si è focalizzato, rapido e di assistenza fatto per sostenere le famiglie. Ha mostrato il cuore caldo della vasta maggioranza della gente."

Florin Fekete, che settimana scorsa è ritornato in Romania con sua moglie e due figli, ha detto: "Qui non c'è lavoro. La vita a Belfast era buona, [...] ma non potevo rischiare la vita della mia famiglia. Ho chiesto a qualcuno che ci attaccava: Cosa avete contro di noi? La risposta è stata: Vi odiamo perché siete zingari".

Un uomo di 21 anni ed un ragazzo di 15 sono stati accusati per gli attacchi, iniziati oltre tre settimana fa.

 
Di Fabrizio (del 18/06/2009 @ 09:23:26, in conflitti, visitato 1529 volte)

Segnalazione di Ivana K Roman

da: U.R.Y.D. diaspora_rroms@yahoo.fr (5 giugno 2004) tradotto in Arcobaleno a Foggia

ASCOLTA IL FIUME IBAR

Ogni singola poesia, ogni parola, ogni pensiero espresso in questo libro - il primo di Neziri Nedžmedin - descrive la paura, la sofferenza e la nostalgia della casa della sua famiglia, quella della Rromani mahàla [area tipica Rromani nelle città balcaniche] nella "Kosovaqi Mitrovica" e per le case costruite secoli fa lungo le rive del fiume Ibar. Sono poesie legate a un dramma umano ben conosciuto. Una tragedia là accaduta, e come in ogni tragedia vissuta dai Rrom, impiglia di sofferenza e paura le tettoie rotte, gli anziani, tutte le case che hanno testimoniato la nascita e la crescita dei numerosi bambini, ma anche i vicoli polverosi dove scuri e sporchi correvano i Rrom a piedi nudi, ridendo e tenendo in mano una fetta di pane nero. La paura portata dei "dannati", che hanno incendiato il Kossovo e espulso tutti i diversi, anche quelli che non avrebbero fatto male a una mosca. Non è frutto della fantasia, è storia vera, di una sofferenza che solo i Rrom e chi abitava vicino a loro può comprendere. Nel nostro secolo. Dando il mio supporto a questo libro, mi aggiungo alla sua preghiera. E' stato scritto nel momento giusto, nel modo giusto. Per piangere la nostra tragedia. Sperando che non debba ripetersi ancora!
Alija Krasnići, scrittore Rromani

NON DIMENTICARE

1.

Proprio lungo l'Ibar
Scorreva la sua vita
La Rromani mahàla
Nella stretta via della Fabbrica
E qui erano germogliate le case
Come funghi dopo la pioggia
Offrivano un nido tiepido
Ognuno dipinto con caldi colori
A me, a te, a tutti
Lucidati vivamente
E con la forza della grazia
Assieme ai canti degli uccelli
Il sole
Coi suoi raggi d'argento
Fa brillare quei bambini scuri
E tutti i bambini echi della musica Rromanì
Che da da secoli
Presero l'anima e
Alleggerirono i cuori di quanti
Crebbero, invecchiarono e
Morirono lì.



2.

Arrivò infine il 1999
Anno scuro di miserie
Vide nascere le carovane
di Rrom colpiti dalla disgrazia
Guardate i piedi nudi dei bambini
Piangono e cercano
Chi amano
Dove ritroveranno una casa?
Dio mio, anche nel nido
L'uccello ha cessato di cantare
E gli strumenti han perso la loro voce
nei vicoli di Mitrovica
Non ci sono più giovani che sono per mano
Un acre odore di bruciato
Tutto è vuoto e cenere
Ogni casa, ogni incrocio
Nerofumo anche il cuore e l'anima
Persino la notte è piena di paura
Le case bruciarono a lungo
Dentro, solo cenere e carbone

3.

No, la tua foto non è più qui
Neanche la mia, o quella dei tuoi figli
Né i tuoi genitori
O la mia mentre camminavo per strada
nemmeno i miei amici del reggimento
Anche il cane ha smesso di abbaiare
Anche lui distrutto dalla mano del diavolo
Quindi, Rrom,
Apri i tuoi occhi:
Non potrai mai dimenticare
L'acqua fresca che ti scorreva accanto
O i fiori di Djurdjevdan
Neanche i fuochi
Con cui ci scaldavamo
E le tombe
E le nostre ombre
O la dolcezza del fiume Ibar
O Dio
Questo hanno fatto
Hanno separato il bambino da sua madre
E hanno gettato l'anziano nel fuoco

4.

Una madre indifesa è stata picchiata con odio
L'hai visto anche tu, mio Dio
Ci hanno gettato a terra come un vecchio straccio
E calpestato la nostra antica fratellanza
Bruciato tutto quel che ricordava
La tua presenza e la mia
Osservo da lontano
Non riconoscendo più
Brucia il mio cuore e piange
Come se fossimo divorati
Da ombre assetate di sangue umano
Ci hanno sottratto le ossa
E affamati fiutano i nostri passi
Non mi rimane una goccia di sangue Rom
Sole,
Perché i tuoi raggi
Non mi scaldano più
Cosa importa se l'oscurità è diventata la nostra casa
Cosa importa se il nostro cuore è avvolto nel dolore
Ritorna ancora l'andare dei Rrom

5.

Che la maledizione arrivi
Sul gradino della tua casa
e rafforzi i Rom
Che riprendono la strada del vento
O Vento, da quando mi sono fermato vicino all'Ibar
Il fiume che tu preferivi e carezzavi
Ho visto così tante immagini colme di dolore
In 500 anni
I miei antenati non ricordano
Qualcosa di simile
Voi, Dio, Sole e tu Vento
Terra dei miei nonni
Confidenti delle nostre estati
Persino le tombe
Non sono state risparmiate
La paura dei Rrom non può rimanere silenziosa
Se nessuno sa riconoscerla
Una fredda oscurità ha davanti agl occhi
Gli anni possano bruciare
Le pietre piangano le pietre
E le madri la tomba delle loro madri

6.

Cosa importa dove mi porterà l'esilio
Ho lasciato le ossa di mia nonna
Là, sulle sponde dell'Ibar
Come calmerò il pianto
Del bambino nella culla
Cosa racconterò all'anziano
Di quel che sta succedendo qui
E dove - ma cosa importa dove,
potranno tornare le ombre delle tombe
mentre i miei pensieri si confondono
Come la luce della lampada
Nella piccola casa che aveva mio nonno
In questa notte sorda
Anche la mia canzone Rromani
E' stata strangolata
Tutta la casa sta piangendo
Chi è scomparso
Cresce piano una nuova sofferenza
E sbuca la paura dal nido
La paura di una canzone che non potè nascere

7.

Dovunque vada
Avrò perso la strada di casa mia
Il giorno diviene notte
Una notte lunga, sempre più lunga...
Lunga come la morte
Non ci sono più
I raggi argentati del sole per i Rrom
Non ci scalderanno più
Buio, abbandono
Povera gente
Senza più danze
Là, accanto al fiume Ibar
Quando il diavolo
Ha mostrato
La realtà dietro il sogno
Tutte le pietre
Rimosse dai muri
Hanno lasciato un solo segno della loro scomparsa
Scure ustioni
Di ceneri
Silenti
gementi
Un'antichissima presenza cancellata

 
Di Fabrizio (del 07/06/2009 @ 09:44:12, in conflitti, visitato 2268 volte)

Da Czech_Roma

The Prague Post Cresce la tensione contro i Rom
Rimangono irrisolte le bombe incendiarie, mentre le famiglie minacciate lasciano la ČR
3 giugno 2009 - By Wency Leung and Martina Čermáková

Stanno crescendo le tensioni tra i Rom locali ed il resto della popolazione, mentre la polizia indaga su un secondo attacco in due mesi con bombe incendiarie contro una residenza Rom.

La polizia deve ancora identificare i sospetti per il recente attacco con molotov il 27 maggio in un appartamento di due stanze a Zdiby, a nord di Praga. L'attentatore gettò due bottiglie incendiarie in una casa dove vivevano 10 Rom.

Non ci furono feriti ed il fuoco fu rapidamente sedato, ma l'attacco ha alimentato la paura e la frustrazione nella comunità rom.

Il 28 maggio il Movimento di Resistenza Romanì ha consegnato una dichiarazione all'Agenzia di Notizie Ceca (ČTK), dicendo che l'unico modo che i Rom hanno per proteggersi è di lasciare il paese. Ha anche criticato la polizia per aver fallito nel garantire la loro sicurezza.

Nel frattempo, secondo l'OnG Naděje (Speranza), circa 35 Rom di Vysoké Mýto, Boemia orientale, hanno lasciato la regione settimana scorsa cercando rifugia in Canada.

Milan Nádvorník, manager regionale di Naděje, ha detto che l'esodo era probabilmente dovuto alla promessa di migliori condizioni sociali ed economiche. "Si può anche dire che la discriminazione reale e percepita gioca un ruolo," ha detto. "A riguardo, c'è un grado di discriminazione reale in atto."

La discriminazione è stata riflessa in un sondaggio rilasciato il 29 maggio dall'istituto CVVM, che rivela come le relazioni tra i Rom ed il resto della popolazione sono ritenute al livello più basso dell'ultima decade. Secondo ČTK, l'85% dei 1.056 che hanno risposto, hanno dato una bassa valutazione della coesistenza con i Rom.

A Zdiby, la polizia ha detto di dover ancora stabilire se l'attacco era motivato razzialmente. "Ci sono diverse versioni [del motivo], ma non possiamo essere precisi in questo momento," ha detto la portavoce della polizia praghese, Markéta Johnová.

A Vítkov, Moravia settentrionale, dove il 16 aprile un incendio doloso aveva seriamente ferito una bambina rom di due anni ed i suoi genitori (vedi QUI ndr), la polizia deve ancora compiere progressi significativi nelle indagini.

La polizia dice di aver trovato l'auto che i testimoni avevano individuato sulla scena dell'attacco, ma hanno assolto il guidatore ed i passeggeri da ogni addebito.

Anna Siváková, la madre della bambina di 2 anni, Natálka, che è ricoverata in ospedale, ha detto di essere sconcertata dai risultati della polizia. "Come possono ritrovare una macchina e non [gli esecutori]?" ha detto. "E' davvero strano."

The writers can be reached at news@praguepost.com


Sempre da Czech_Roma

04/06/2009 La direttrice del programma radio Rom chiede asilo al Canada

PRAGA (AFP) - La Radio Ceca ha detto che il capo dei suoi programmi per la minoranza rom ha seguito il percorso di altri zingari e richiesto asilo in Canada, a seguito dei "rozzi attacchi" alla sua famiglia.

"Abbiamo deciso di richiedere l'asilo... a causa degli attacchi costanti alla mia famiglia e della crescente radicalizzazione della società," ha scritto ai dipendenti in una mail la 46enne Anna Polakova.

Hana Hikelova, capo dei servizi di cronaca della radio pubblica, ha detto all'AFP che la giornalista ha lasciato la Repubblica Ceca dopo che suo figlio è stato assalito da quattro teste rasate, e suo marito è stato ricattato.

Polakova, che era incaricata di un programma rivolto specificamente alla comunità rom ceca, forte di 300.000 persone, ha aggiunto che lei ed i sei componenti della sua famiglia hanno fatto richiesta di asilo all'aeroporto di Toronto.

Il Canada è diventato una destinazione popolare per i rifugiati rom, che nella Repubblica Ceca lamentano discriminazioni ed attacchi da estremisti, dopo che nel 2007 ha eliminato l'obbligo di visto per i Cechi.

Secondo l'ambasciata canadese a Praga, nel primo quadrimestre dell'anno in corso, 653 Cechi hanno richiesto asilo in Canada, a cui seguono 853 richieste nel 2008.

L'afflusso ha portato il Primo Ministro Canadese, Stephen Harper durante la sua visita a Praga lo scorso mese, ad ammonire sulla possibilità di reintrodurre l'obbligo di vista.

La minoranza rom ha manifestato all'inizio del mese scorso dopo che un incendio doloso ad una casa abitata da Rom aveva ferito una giovane coppia e lasciato in fin di vita la loro figlia di due anni, con bruciature sull'80% del corpo.

Copyright © 2009 AFP.

 
Di Fabrizio (del 08/05/2009 @ 08:57:34, in conflitti, visitato 1442 volte)

(Soltanto ieri scrivevo che la Repubblica Ceca sarà rappresentata al concorso Eurovisione da un gruppo Rom. Il leader del gruppo, in una dichiarazione riportata il 3 maggio, diceva quanto fosse assurdo che questo avvenisse nel momento in cui i Rom cechi sono oggetto dei più virulenti attacchi razzisti)

Il 18 aprile 2009, sono state lanciate bottiglie molotov contro l'abitazione di Robert Kudrik nel villaggio di Vítkov. Robert viveva con la sua compagna, quattro bambini e altri tre membri della famiglia. Il fuoco ha distrutto la loro casa e seriamente ferito i genitori. La bambina di due anni, Natálka, è in coma con bruciature che coprono l'80% del suo corpo.

In alcune aree della Repubblica Ceca si sono intensificati gli attacchi violenti dei gruppi di estrema destra contro la comunità romanì. Un numero crescente di marce e dichiarazioni di alcuni gruppi cechi di estrema destra includono incitamento alla discriminazione, ostilità o violenza contro la comunità romanì. Molti Rom nel paese dicono di temere per le proprie vite.

I Rom nella Repubblica Ceca affrontano la più alta proporzione di discriminazione in Europa. Sperimentano discriminazione sul lavoro, nell'accesso all'istruzione, alla casa ed alla sanità.

In solidarietà con le 3.000 persone che hanno marciato per le strade della Repubblica Ceca per protestare contro il neo-nazismo ed il razzismo in un evento intitolato "Ne abbiamo Abbastanza", e con oltre 300.000 Rom sotto attacco nel paese; i firmatari dicono no alla crescente ondata di estremismo nella Repubblica Ceca ed in Europa.

Firma la petizione

 
Di Fabrizio (del 21/04/2009 @ 09:53:33, in conflitti, visitato 1276 volte)

Da Roma_Daily_News

Stuff.co.nz By EVAN HARDING - 14/04/2009

A BOTTIGLIATE: Zingari arrabbiati Helena e Andre Beissel con una delle bottiglie lanciate sui loro camion mentre era parcheggiato all'Invercargill's Gala St reserve nel fine settimana ROBYN EDIE/The Southland Times

Zingari esasperati dicono che i giovani di Invercargill continuano ad essere i peggiori del paese e lanciano delle bottiglie contro di loro.

Circa 60 zingari e le loro famiglie in 30 case mobili erano in città nel fine settimana pasquale per l'annuale Fiera Zingara.

Viaggiano per paesi e città attraverso il paese per otto mesi all'anno, intrattenendo e vendendo i loro articoli.

Gli zingari hanno parlato ieri a The Southland Times dicendo che teppisti di Invercargill hanno guidato sino al loro campo a lato del Queens Park, gridando, lanciando uova e bottiglie verso i loro caravan e suonando i clacson per tutte le notti della loro sosta.

Sono pure entrati nel campo ed hanno picchiato contro le case mobili [...] Dicono gli zingari che è stata anche rubata una bicicletta.

Gli abusi ricorrono annualmente per gli zingari che visitano la città, solo Palmerston North è paragonabile, mentre Gore ha visto casi simili nel passato, dicono.

"Questo è il paese peggiore della Nuova Zelanda. Temiamo a venire qui, questo è male," dice la chiromante Helena Beissel.

Il manager della fiera, Gavin Mackenzie, dice di ritenere che siano circa "dai 10 ai 20 dannati idioti... ma tutti gli altri qui ci rispettano."

"Se non buttano uova, sono bottiglie di birra. Se si va a Gore, ti lanciano addosso conigli morti."

Le azioni sono state condannate da chi ieri visitava la Fiera Zingara, con Vanessa Sandford che dice che tutti hanno credenze e stili di vita differenti, ma che devono comunque essere rispettati.

Il proprietario della giostra della fiera, Cam Taylor, dice che i residenti di Invercargill sono stati meravigliosi e quando si è zingari qualche abuso c'è sempre da aspettarselo.

"La realtà è che non siamo tutti idioti drogati."

Gli zingari dicono di non aver contattato la polizia.

Il sergente maggiore Olaf Jensen, di Invercargill, ha detto che la polizia non può arrestare i colpevoli se non le si racconta cosa è successo.

Ha aggiunto che contatterà gli zingari e vedrà se la polizia può aiutarli.

 
Di Fabrizio (del 15/04/2009 @ 08:56:51, in conflitti, visitato 1347 volte)

Da Roma_in_Americas

Carissimi,

Volevo soltanto lasciarvi i miei auguri per questa Pasqua, ma ho trovato delle brutte notizie sul nostro popolo in Cile: un gruppo di circa 300 gadje lo scorso giovedì hanno bruciato le tende e 4 veicoli dei Rom a Puerto Montt, Cile meridionale.

www.adnradio. cl/nota.aspx? id=793064 - 39k (in spagnolo ndr)

I problemi stanno iniziando anche in Sud America.

Jorge Lolja

 
Di Franco Bonalumi (del 01/04/2009 @ 09:03:41, in conflitti, visitato 1206 volte)

Da Roma_Francais

Nel 1939, cercando di sfuggire alla guerra civile seguita al colpo di stato fascista del generale Franco, un milione di rifugiati varca il confine francese con la Spagna.

Fra di essi vi sono anche molte famiglie rom, che giunte in territorio francese finiscono nelle mani delle autorità locali e vengono rinchiuse in campi di concentramento lungo le spiagge del Mar Mediterraneo, in luoghi oggi divenuti meta di villeggiatura per i francesi. Da questi campi, tra il 1940 ed il 1944, gli uomini vengono trasferiti dalle autorità francesi verso i campi nazisti. Molti di essi riescono però a fuggire e a dare vita ad un movimento di resistenza contro il fascismo, del quale pochi anni dopo i soli francesi, alla vigilia della Liberazione, prenderanno tutto il merito.

Le donne ed i bambini rimangono a soffrire la fame, il freddo, le malattie e la furia del mare, che regolarmente ne inghiotte a centinaia fra le sue onde. Nel 1944, dovendosi infine sbarazzare dei campi di concentramento, le autorità francesi li rispediscono in Spagna dentro a carri bestiame.

Oggi, un produttore cinematografico catalano, Felip Solé, ha deciso di ricreare gli eventi di questa "storia infame" in una pellicola con un budget limitato. Ha chiesto ai figli, alle figlie e ai nipoti di quei rifugiati di partecipare alla produzione di tale documento.

Molti di essi hanno risposto positivamente all'appello, e tra questi vi è mia sorella a rappresentare la nostra famiglia.

Al telefono mi ha solo detto che: "... è stata un'esperienza tremenda, avvolti dal freddo e dalla neve durante le riprese, alla fine nessuno di noi riusciva a parlare; rom o no, ci gettavamo tutti nelle braccia gli uni degli altri, e piangevamo...".

Lolo Del Carders

 
Di Daniele (del 30/03/2009 @ 15:49:11, in conflitti, visitato 1441 volte)

I ROM invisibili nella ex YUGOSLAVIA (1,2 milioni) - clicca sull'immagine per vederla a grandezza originale e visualizzare le altre foto

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/05/2022 @ 22:42:48
script eseguito in 52 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3432 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source