Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 08/12/2007 @ 14:19:39, in casa, visitato 1589 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

By Kristina Lozo and Bozidar Jovanovic in Belgrade

07 12 2007 Le autorità di Belgrado affermano che il progetto di spostare centinaia di Rom dalle loro baracche proseguirà, nonostante l'opposizione degli altri abitanti della città che non vogliono i Rom come vicini.

A solo pochi metri da uno dei principali ponti di Belgrado, 237 famiglie Rom sono accampate in mezzo ai ratti e a mucchi di immondizia.

Per molti queste baracche sono la loro unica casa. Ora è prevista la loro demolizione per una ristrutturazione del ponte Gazela in previsione per l'anno prossimo.

"Questa non è vita, non abbiamo niente per vivere" dice Cakan Sabanovic, in sei in famiglia.

Gli abitanti di questa baraccopoli stanno attendendo con ansia notizie su dove saranno spostati dopo che le loro dimore saranno demolite. Il 24 settembre le autorità serbe hanno bandito un'asta per la ricostruzione del ponte Gazela, e sei compagnie straniere hanno sottoposto le loro offerte. L'importo è di 77 milioni di €.

La Banca d'Investimento Europea fornirà metà dei fondi, ed il resto sarà a carico della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo con base a Londra.

Il comune di Belgrado si è impegnato ad allocare fondi per sistemare le 237 famiglie che saranno sgomberate dalla baraccopoli.

Il ponte Gazela fu costruito 30 anni fa, ed ha bisogno di una sistemazione dopo decenni di incuria e traffico pesante. I lavori, che originariamente dovevano partire questo mese, sono stati dilazionati a primavera 2008, a causa dell'inverno incombente.

Lo spostamento di quanti vivono sotto il ponte avverrà d'accordo con le decisioni del municipio di Belgrado, che si è assunto la responsabilità di trovare una casa a queste famiglie," dice Tamara Motrenko, della compagnia statale Putevi Srbije che ha vinto il bando di ricostruzione.

"Penso che le famiglie Rom saranno spostate prima che inizi la revisione del ponte," dice Zivojin Mitrovic, incaricato governativo che si occupa delle aree di vita malsane.

Motrenko, d'altra parte, dice che lo spostamento dei Rom non influirà sull'inizio dei lavori.

La baraccopoli ha una fognatura ed un servizio idrico dilapidati e le famiglie si sono collegate alla rete elettrica con sistemi "fai da te".

Le condizioni di vita sono terribili. Quando piove c'è fango dappertutto con cavi dappertutto," dice Branko Kalanjos, che vive lì con i quattro figli.

Tutti i suoi figli vanno a scuola e il più grande ha iniziato la scuola secondaria.

"Immaginate, i miei bambini trottano tre miglia nel fango per andare a scuola," aggiunge Branko.

Le autorità cittadine avevano già provato a spostare queste famiglie in un blocco d'appartamenti a Nuova Belgrado.

Il tentativo è fallito a causa delle proteste di quanti non volevano i Rom come vicini di casa. Anche quanti il cui lavoro è di eliminare gli slum anti igienici, hanno qualche simpatie per questa attitudine.
"Se qualcuno mi chiedesse se voglio i Rom del ponte Gazela come vicini, probabilmente direi no," dice Mitrovic.
Altri paesi europei hanno problemi simili. Secondo la televisione belgradese B92, le autorità slovacche hanno ricevuto minacce anonime dopo aver costruito appartamenti per i Rom che vivevano nelle baraccopoli, mentre alcune famiglie Rom della capitale slovena Lubiana sono state allontanate per motivi ecologici ed igienici dicendo loro di non fare più ritorno.

Mitrovic dice che sono stati predisposti 100 siti per il rialloggio dei Rom di ponte Gazela, ma che c'è il rifiuto di identificarli per la possibilità di proteste di massa di quanti sono riluttanti a vivere accanto a questo gruppo etnico.

Gli stessi Rom sono incerti sui benefici del loro spostamento e, come dice uno di loro, vogliono rimanere uniti.

Il segretariato governativo per il welfare sociale ed infantile è tra i coordinatori del progetto.

"L'idea è di integrare i Rom nella società civile in termine di assistenza sociale ed infantile, scolarizzazione ed impiego per quanti vivono sotto il ponte Gazela che abbiano i fogli di residenza," dice Ljiljana Jovcic, capo del segretariato.

Il segretariato ha raccolto i nomi di tutti i Rom che vivono sotto il ponte e disegnato una mappa sulla base di dove saranno rilocati. Molti di loro non sono registrati come residenti a Belgrado, essendo arrivati nella capitale serba per cercare migliori condizioni di vita.
Il segretariato dice che a tutti verrà data sistemazione, aggiungendo che sono stati create due categorie.

"Un gruppo consiste nei residenti legali a Belgrado, che saranno sistemati permanentemente. Gli altri che sono arrivati nella capitale per lavorare occasionalmente e verrà data loro qualche tipo di sistemazione collettiva. Vorrebbero essere nel primo lotto ma ancora non abbiamo deciso se questo sia fattibile," dice Mitrovic.

Sentire tutti gli abitanti del ponte Gazela ha impiegato 10 giorni, mentre la seconda fase, rivolta alle case future, dovrà essere completata per la fine del 2007.

"Vogliamo fornire a queste persone i loro bisogni basici. Avranno acqua corrente, elettricità, bagni, scolarizzazione e lavoro, con uno stipendio sufficiente a pagare le bollette," dice Mitrovic.

Il segretariato per il welfare sociale ed infantile ha anche giocato un ruolo per trovare casa agli abitanti Rom.

"Stiamo cercando le soluzioni giuste perché alla famiglie Rom siano offerte migliori condizioni di vita ed abbiano la possibilità di integrarsi nella società, " dice Ljiljana Jovcic.

Mica Tapirovic, una residente del ponte Gazela, dice che "tutti noi speriamo in una vita migliore e io voglio dimenticare come viviamo qui." Aggiunge: "Spero che non dovremo tornare qui dopo lo spostamento." [...]

"Vogliamo che l'insediamento porti migliori condizioni di vita, facendo attenzione a quanto potrebbe diventare incompleto e difettoso. Non vogliamo ripetere la disastrosa situazione attuale," spiega Mitrovic.

Ci sono molti pregiudizi sui Rom come pigri e gente litigiosa, ma nessuno di quanti abbiamo sentito a ponte Gazela ha detto di preferire di vivere in mezzo al fango e alla spazzatura, senza elettricità, acqua corrente o lavoro.

"Dove c'è volontà, c'è una strada. Noi apprezzeremmo molto migliori condizioni di vita se ci spostano," dice Branko Kalanjos.
Le autorità cittadine dicono che ci sono soldi a sufficienza per completare il progetto.

Danijel Djularis, capo dell'ufficio serbo dell'Agenzia di Ricostruzione Europea, ERA, ha recentemente affermato che l'ERA si sta preparando ad investire 2 milioni di € per risolvere il problema dei Rom, non appena il municipio di Belgrado sottoporrà un piano fattivo.

Mitrovic, d'altra parte, rimane scettico su quante promesse possano concretizzarsi. Dice "Sinora, la cosa non è andata oltre gli accordi e le promesse preliminari."

Kristina Lozo and Bozidar Jovanovic are reporters with the Rom Radio in Obrenovac. Balkan Insight is BIRN`s online publication.
This article was published with the support of the British embassy in Belgrade and Organization for Cooperation and Security in Europe, OSCE, mission in Serbia, as part of BIRN's Minority Media Training and Reporting Project

 
Di Fabrizio (del 25/11/2007 @ 08:27:48, in casa, visitato 2090 volte)

Klassa (Bulgaria) - http://www.class. bg/view.php? id=5392

Le autorità municipali della capitale hanno annunciato i piani per la costruzione di un muro ai confini del quartiere rom di Sofia. Il muro correrà parallelo al percorso della ferrovia e le motivazioni ufficiali sono che "proteggerà contro il rumore del passaggio dei treni e dai depositi improvvisati di rifiuti [...]" Commenta Georgi Papakotshev: "La decisione di costruire un muro ai confini del quartiere rom di Fakulteta ha causato tumulto tra i residenti del quartiere. C'è una similitudine evidente con la situazione della città ceca di Ustí nad Labem nel 1999. Questa analogia racconta molto sui frequenti e xenofobici umori nei paesi post comunisti. Ma allora la Repubblica Ceca non era ancora parte dell'Unione Europea, mentre la Bulgaria ne è membro da dieci mesi... Quale prezzo pagheremo per questo muro? Bene, la Bulgaria... non sarà più a lungo "un modello esemplare Europeo" per il resto della regione meridionale dei Balcani."

 
Di Fabrizio (del 14/11/2007 @ 09:14:09, in casa, visitato 1673 volte)

09 Nov 2007 09:48:22 GMT - Source: UNHCR Reuters

PRISTINA, Kosovo, 8 Novembre (UNHCR) - Gli operai stanno livellando un container collettivo per rifugiati interni vicino alla capitale Pristina, dopo che l'ultima famiglia si è spostata verso una nuova casa nel loro villaggio d'origine.

Il centro collettivo temporaneo di Plemetina era stato aperto nel 1999per fornire una sistemazione d'emergenza a circa 1.300 persone disperse appartenenti alle minoranze del Kosovo. Ha chiuso settimana scorsa quando un felice Demir Gashi e la sua famiglia Rom di cinque persone sono usciti con le loro proprietà.

L'UNHCR li ha trasportati a qualche centinaio di metri nei loro nuovi appartamenti a Plemetina, costruiti dal Ministero dello Sviluppo e Pianificazione Spaziale. Demir ha detto di essere contento nel lasciare le dure condizioni di vita del centro collettivo per trasferirsi in una casa in città.

Il governo è stato capace di chiudere il centro collettivo dopo aver assisti i rifugiati interni nel ritorno alle loro case e aver trovato posti dove costruire edilizia sociale con l'aiuto dell'agenzia ONU per i rifugiati. Giuseppe Lococo, capo dell'ufficio UNHCR di Pristina, ha ringraziato tutti quanti, compresi i donatori, sono stati coinvolti nel trovare soluzioni durature.

Le autorità kosovare -assistite anche dall'UNHCR - hanno lavorato per trovare soluzioni abitative ai rimanenti residenti del Campo di Plemetina. Due progetti di edilizia sociale sono stati completati a Plemetina ed uno a Magura, mentre il governo ha costruito nove case a Plemetina su terreno pagato dagli stessi rifugiati.

L'UNHCR ha aiutato i residenti del centro collettivo di Plemetina fornendo assistenza legale, portando avanti casi di valutazione individuali ed aiutando la distribuzione di cibo ed altri beni. Ha anche aiutato quanti hanno voluto lasciare il centro per andare in nuove case.

A seguito della politica delle autorità serbe nel 1999, oltre 900.000 Albanesi erano stati forzati a lasciare il Kosovo, per farvi ritorno pochi mesi dopo aseguito dell'intervento militare ONU. In quei giorni iniziò l'esodo di 200.000 Serbi, Rom, Ascali ed Egizi, che continuò per mesi.

Anche se 17.000 dispersi interni hanno fatto ritorno alle loro case, ce ne sono in Kosovo altri 21.000 che necessitano di soluzioni durevoli.

By Shpend Halili
In Pristina, Kosovo

 
Di Fabrizio (del 06/11/2007 @ 08:46:59, in casa, visitato 2248 volte)

By Grattan Puxon

Richard Sheridan, portavoce di Dale Farm, questa settimana sarà a Bruxelles per ottenere supporto alla campagna per fermare le ruspe di Basildon contro la più grande comunità Viaggiante nel Regno Unito.

In compagnia di Joseph Jones, rappresentante dei Viaggianti, chiederà una moratoria di tutti gli sgomberi finché non siano disponibili aree di sosta in Gran Bretagna e nel resto d'Europa.

Ci si aspetta che il Parlamento Europeo adotti linee guida per l'inclusione sociale dei circa 10 milioni di Rom e Viaggianti che vivono nei 27 stati dell'Unione Europea.

"Siamo stati esclusi per secoli" ha detto Sheridan prima di partire. "Questa è la nostra chance di indicare un modello per un futuro migliore."

Ma aggiunge che il primo obiettivo è di portare l'attenzione su ciò che descrive come la politica di pulizia etnica del consiglio di Basildon. Il consiglio ha votato la spesa di circa 5 milioni di euro per ripulire il distretto da 150 cosiddette famiglie Viaggianti non autorizzate.

Il mese scorso, il consiglio ha partecipato nel perseguitare 25 famiglie Viaggianti che diverse volte tentarono di accamparsi nel territorio distrettuale. Furono sgomberati grazie alla notoria Sezione 61 del Criminal Justice Act, che effettivamente proibisce il modo di vita dei Viaggianti.

"La polizia ci ha sgomberato cinque volte in tre giorni," dice Patrick Gammell. "Dove possiamo vivere? L'anno scorso siamo stati cacciati dalla nostra terra e sinora siamo stati cacciati ovunque."

Dozzine di piazzole e terreni privati sono stati distrutti negli ultimi cinque anni dalle autorità locali. Molti hanno impiegato i servizi di Constant & Co, una compagnia nota per usare mano pesante.

Constant ha raso al suolo la comunità modello di Woodside nel Bedfordshire, cacciato i Viaggianti e dato alle fiamme le loro proprietà, su incarico del consiglio di Chelmsford. Il conto per questo lavoro è di oltre 25 milioni di euro all'anno.

La conferenza di Bruxelles è l'apice di un programma di cinque anni per incoraggiare la cooperazione tra gli stati membri nella lotta all'esclusione sociale dei Rom, come previsto nel trattato di Amsterdam del 2002.

Segue una dichiarazione del Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa ed il rapporto speciale ONU di ottobre che deplora gli sgomberi forzati e la marginalizzazione di Rom e Viaggianti, compreso la Bretagna.

Appoggiano la dichiarazione, un gruppo di importanti OnG, incluso European Roma Rights Centre e Greek Helsinki Watch, che portano l'attenzione sulla minaccia di sgombero a Dale Farm. Viene scritto che Basildon ha nuovamente rigettato l'appello per ottenere i permessi di sosta, e hanno già distrutto una dozzina di case nella vicina Hovefields.

Nel frattempo, i Viaggianti di Dale Farm rifiutano di fornire ogni ulteriore informazione personale sulle loro famiglie. Dicono che il consiglio di Basildon ha già infranto la legge britannica sulla protezione dei dati, mettendo alcuni dettagli sanitari e sociali personali in un sito web.

Attualmente, tre famiglie hanno citato il consiglio per danni. Se la loro azione avesse successo, altre famiglie seguirebbero il loro esempio, la tal cosa potrebbe costare ai contribuenti di Basildon un milione di euro.

I funzionari comunali sono in difficoltà per il boicottaggio delle informazioni, dato che hanno bisogno di nuovi dati per la riunione consigliare del mese prossimo, quando si dovrà rispondere al tribunale sul piano di sgombero ed essere ascoltai l'11 febbraio.

I procuratori legali hanno consigliato ai Viaggianti di non cooperare con lo staff consigliare. Puntualizzano che mentre l'ordine di applicazione contro le 86 case di Dale Farm sussiste tuttora, la raccolta dei dati sul welfare non porterebbe loro benefici.

[...] Dice Kathleen McCarthy, portavoce della Dale Farm Housing Association. "La richiesta di dati personali è un abuso della nostra privacy. Non è per il nostro bene."

Dale Farm è stata sotto assedio per sette anni. 500 Viaggianti a cui era stato garantito il permesso di sosta sul loro terreno, se lo son visti ritirare perché le loro case si trovano nella cintura verde.

Ma questo secondo Kathleen McCarthy è la ricerca di un capro espiatorio contro i Viaggianti che hanno comprato i terreni.

L'ex vice primo ministro John Prescot ha suggerito una soluzione attraverso l'individuazione di un'area alternativo nella vicina Pitsea. Ma il consiglio di Basildon ha rigettato un piano in questo senso, proposto dalle associazioni dei Viaggianti.

"Abbiamo fatto un centinaio di richieste di sosta e siamo passati attraverso cinque inchieste pubbliche," dice Richard Sheridan. "Dicono che siamo illegali, ma boicottano ogni nostro tentativo di ottenere i permessi."

 
Di Fabrizio (del 02/11/2007 @ 09:03:45, in casa, visitato 1873 volte)

L'ANTIZIGANISMO IN EUROPA.
L'AZIONE DELLE ISTITUZIONI EUROPEE A TUTELA DELLE MINORANZE ROM E SINTE.

Interviene: Eva Rizzin
Introduce e coordina: Tommaso Vitale

Partecipano alla discussione: Giorgio Bezzecchi (Opera Nomadi Milano), Massimo Bricocoli (Politecnico di Milano), Laura Centemeri (Università di Milano), Simone Tosi (Università di Milano Bicocca).
Giovedì 8 novembre, h 10:00
dipartimento di sociologia e ricerca sociale
Aula Pagani
III piano, edificio U7
via bicocca degli arcimboldi 8
MIlano

Seminario mensile di studio e riflessione sulle politiche per le minoranze rom e sinte
Accesso: il seminario è liibero e ad accesso gratuito, rivolto a studenti, studiosi ed attivisti
Si prega di dare conferma della presenza per posta elettronica
E-mail: laura.boschetti@yahoo.it

Eva Rizzin:
- si è laureata in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Trieste con una tesi sulla cultura della comunità dei Sinti Gackane Eftawagaria;
- ha conseguito un Dottorato di ricerca in Geopolitica e Geostrategia presso l’Università degli Studi di Trieste sul f enomeno dell’Antiziganismo nell’Europa allargata;
- appartiene alla comunità dei Sinti; collabora con OsservAzione, centro di ricerca-azione contro la discriminazione di rom e sinti;
- è membro del comitato Rom e Sinti Insieme, il primo coordinamento nazionale di Sinti e Rom, che intende riunire intorno a sé tutte le comunità presenti in Italia.

 
Di Fabrizio (del 27/10/2007 @ 09:27:31, in casa, visitato 2089 volte)

Vi invio un appello firmato dalla comunità Rom di via S. Dionigi. Per favore, diffondete.
Dijana Pavlovic


AL SINDACO DI MILANO
AL PREFETTO DI MILANO

Per fax
APPELLO DELLA COMUNITA’ ROM DI VIA SAN DIONIGI


Noi, comunità rom sgomberata da via S. Dionigi il 5 settembre scorso, chiediamo al Comune e al prefetto di Milano una soluzione al problema della casa che consenta alle nostre famiglie di tornare a vivere insieme.
Dopo lo sgombero l’assessore alle politiche sociali ha garantito il ricovero di donne e bambini presso il dormitorio comunale di via Ortles, mentre gli uomini sono stati aiutati dalla Casa della carità ma con soluzioni provvisorie.
Da quel giorno siamo divisi, ospiti di qualcuno: molte donne e i bambini al, tutti gli altri – circa 40 persone – in vari luoghi, presso varie associazioni.
Alcune donne si sono già spostate dal dormitorio tornando a vivere con i loro mariti in campi abusivi.
Questa situazione deve terminare: i nostri figli frequentano le scuole al Corvetto, molti di noi hanno un lavoro, regolare o in nero, le madri devono poter seguire i loro figli in una casa.
Chiediamo quindi una soluzione che ci riunisca nuovamente prima dell’inverno: una o due aree in affitto, attrezzate con luce e acqua, non lontane dalla scuola dei figli; anche due cascine abbandonate da sistemare, con il nostro impegno all’affitto o alla ristrutturazione con la creazione di una cooperativa di lavoro, oppure, per chi ha i titoli, l’accesso alle case popolari.
Diffondiamo questo appello anche alla cittadinanza per sensibilizzare tutti della situazione insostenibile in cui ci troviamo dal 5 settembre scorso.

Firmato dai consiglieri del campo di via S. Dionigi:
Lucan Constantin
Jon Sadaveanu
Milcea Càldàràreasa
Lucan Dumitru

Milano, 22 ottobre 2007

 
Di Fabrizio (del 23/10/2007 @ 09:22:31, in casa, visitato 1963 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

MITROVICA, Kosovo, October 16 (UNHCR) – L'agenzia ONU per i rifugiati ha aiutato 92 membri delle minoranze kosovare dei Rom, Askali ed Egizi (RAE) a ritornare nel loro quartiere nella città divisa di Mitrovica.

I RAE, di 18 famiglie, sono tornati lunedì e giovedì nel quartiere meridionale della Mahala. Avevano lasciato Mitrovica nel 1999 e trovato rifugio nel Kosovo settentrionale, come pure in Montenegro e nella città serba di Novi Sad.

I 92 RAE sono entrati nel blocco di due edifici della Mahala, che era stata distrutta dopo che otto anni fa gli abitanti erano scappati per paura degli attacchi degli estremisti. Il comune di Mitrovica ha garantito il terreno su cui sono stati costruiti i nuovi appartamenti.

I rifugiati sono stati accolti dall'UNHCR e da Fatmire Berisha, vice presidente dell'assemblea municipale di Mitrovica, che si è impegnato ad assistere alla loro reintegrazione. "Siamo felici di vedere la gente che torna alle proprie case... e cominciare una nuova vita," ha detto Sunil Thapa, capo dell'ufficio UNHCR di Mitrovica.

I RAE hano ricevuto pacchi con cibo e non-alimentari per un periodo iniziale di tre mesi. L'agenzia ONU per i rifugiati li aiuterà e consiglierà nelle aree dei diritti di proprietà, socio-economici, registrazione civile e capacità di costruire ed iniziative redditizie.

L'UNHCR ha iniziato il ritorno assistito delle comunità RAE nella Mahala a marzo, quando in 118 fecero ritorno. I ritornati hanno detto di non ritenere la loro sicurezza la principale tematica, ma la polizia pattuglierà l'area.

Minire* madre di due figli, è felice di aver fatto ritorno dopo otto anni passati in una serie di centri collettivi. "Siamo convissuti con la povertà, senza adeguate condizioni igieniche e i miei bambini sono stati a lungo malati," ricorda. "In questi ultimi due giorni ho pianto dalla felicità," aggiunge.

Ci sono scarse opportunità di impiego nella Mahala, benché i residenti più intraprendenti tentino di decollare con alcune piccole attività: un internet caffè, un bar e una sartoria con annesso negozio di vestiti. Minire spera di poter adoperare le sue capacità di parrucchiera per fare un po' di soldi.

I fratelli Agron,* e Lumnije,* rispettivamente di 11 e 10 anni, sono troppo giovani per ricordarsi il quartiere, ma sono lo stesso eccitati nel traslocare nella nuova casa ed aiutano i genitori portando le loro cose negli appartamenti. Si stanno anche informando su come iscriversi a scuola.

"Abbiamo cambiato posto tante volte e a volte siamo stati obbligati a pagare l'affitto" dice la loro madre ricordando la loro lunga assenza nel Kosovo del nord. "in questi sette/otto anni ho fatto i mestieri di  casa."

L'operazione di questa settimana è parte del Roma Mahala Return Project, coordinato dalle autorità municipali in cooperazione con l'UNHCR ed altri partners come l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), la missione ONU in Kosovo ed il Consiglio Danese per i Rifugiati. E' uno dei più grandi progetti di ritorno in Kosovo.

Durante il conflitto in Kosovo del marzo-giugno 1999 oltre 900.000 di etnia albanese furono forzati ad abbandonare il Kosovo. Fecero ritorno con l'ingresso delle truppe NATO - iniziò allora l'esodo di 200.000 Serbi, Rom, Askali ed Egizi. Secondo le stime UNHCR, circa 17.300 di loro hanno fatto ritorno.

Il fiume Ibar che attraversa Mitrovica, dal 1999 è diventato un simbolo della divisione del Kosovo, con l'etnia albanese nel sud della città e quella serba concentrata a nord. L'UNHCR stima in 21.000 il numero dei dispersi in Kosovo, di tutte le comunità.

* Per tutelare gli interessati, i nomi sono stati cambiati.

By Peninah Muriithi and Shpend Halili - In Mitrovica, Kosovo

 
Di Fabrizio (del 13/10/2007 @ 09:45:24, in casa, visitato 2356 volte)

Nomadi per forza
La più antica comunità Rom del mondo sfrattata da Istanbul

Il più antico insediamento Rom del mondo, situato nel quartiere di Sulukule a Istanbul e risalente al 1054, potrebbe presto scomparire per far posto a 'case  tradizionali in stile ottomano'. Il progetto della municipalità del distretto di Faith, nella parte occidentale della città, prevede infatti l'acquisto delle abitazioni, dove vive una comunità zingara di almeno 1.500 persone, la loro ristrutturazione, o la demolizione di buona parte di loro.

La 'rigenerazione' del quartiere, adiacente le mura dell'antica Bisanzio, rischia di veder scomparire un sito noto per la sua pittoresca vitalità. Sulukule è infatti sinonimo di danze, vita notturna, chiassosa convivialità. Il Comune ha proposto ai Rom incentivi economici per acquistare nuovi appartamenti, a Sulukule o in altre zone di Istanbul. Ma gli zingari non ne vogliono sapere. "A fatica riusciamo a guadagnare il minimo per sopravvivere - dicono -, figuriamoci per comprare una casa".
La ragione dietro il rifiuto dei Rom ad abbandonare Sulukule sta nello spettro di una 'sedentarizzazione forzata' in nuovi appartamenti dove la loro libertà e il loro tradizionale stile di vita, estraneo a canoni stanziali e regole condominiali o urbanistiche, verrebbero irrimediabilmente stravolti.
Insediamento storico. L'intera migrazione Rom verso l'Europa inizia qui, secondo gli studiosi. Il ricercatore britannico Adrian Marsh, autore di un libro dal titolo 'Le origini degli zingari: identità e influenze nella storia dei Rom', ha deplorato il progetto municipale, parlando della scomparsa non solo di una delle parti più folkloristiche di Istanbul, ma soprattutto della 'memoria di una comunità millenaria'. Uno scriba bizantino, nel 1054, narra per primo della presenza di 'egiziani' che abitano in 'tende scure sotto le mura della città' e che si guadagnano da vivere come chiromanti, giocolieri, indovini, addomesticatori di orsi ballerini.
Dopo la caduta di Costantinopoli in mano turca, nel 1453, i danzatori e i musicisti di Sulukule divennero attrazioni stabili nelle notti dell'opulenta corte ottomana. Il quartiere fu decimato dal terremoto del 1960 e le sue suggestive taverne, dove imperversava la danza del ventre, vennero chiuse dai politici conservatori nel 1990. Ma la vita notturna non è cessata, e ha continuato ad animare Sulukule fino al giorno d'oggi. Musicisti e artisti abitano ancora qui, e considerano il quartiere 'la terra dei loro antenati'.
"Condizioni vantaggiose". Schiere di attivisti stanno raccogliendo informazioni e opinioni casa per casa, per valutare l'eventualità di un'alternativa al progetto. Il sindaco del distretto Faith, spiega che entro la fine dell'anno verranno distrutte 463 strutture, definite 'insalubri' e pericolose in caso di terremoto. "E' il progetto sociale più ambizioso che sia mai stato realizzato qui a Istanbul - ha raccontato Mustafa Demir all'agenzia francese Afp qualche tempo fa -. Compreremo le case dai proprietari e, una volta ristrutturate, i Rom potranno riacquistarle a condizioni vantaggiose, pagando la differenza nell'arco di 15 anni". Se solo i Rom volessero...

Luca Galassi

 
Di Fabrizio (del 30/09/2007 @ 09:08:27, in casa, visitato 2658 volte)

Da British_Roma

By Grattan Puxon

Ad appena una settimana dal rapporto che ammoniva sulla crescita del razzismo contro gli zigani, la polizia è accusata di lanciare un'operazione di pulizia etnica per cacciare i Viaggianti dall'Essex.

Abusando dei loro poteri (la notoria Sezione 61) i poliziotti hanno obbligato un gruppo di 25 famiglie a spostarsi per cinque volte in tre giorni. Le famiglie si aspettano di essere sgomberate nuovamente stamattina (29 settembre) mentre vi sto scrivendo.

"Abbiamo con noi due neonati ma la polizia non mostra riguardi o considerazioni" dice Patrick Gammell. "Agiscono come animali." Gammell dice che gli ordini sono partiti dopo che sono stati sgomberati dal terreno di loro appartenenza a Birchfield Lane [...], a seguito dell'elezione  di membri del neo-fascista British National Party in consiglio comunale.

Settimana scorsa hanno cercato rifugio a Canvey Island, sul Tamigi. Cacciati dall'isola, Gammell ha raggiunto altri Viaggianti che erano fermi vicino a Southend Pier. "Questi dovevano recarsi in tribunale lunedì prossimo" spiega Gammell. "Ero pronto ad unirmi a loro, ma la nostra richiesta è stata negata."

Così si sono spostati a Shoeburyness, dove alle 23.00 di giovedì è arrivata la polizia ordinando loro di lasciare il posto entro le 10.00 del mattino successivo.

Le operazioni sono state guidate dall'Ispettore Capo Steve Worron, che non considerando le esigenze familiari del gruppo ha insistito sul fatto che l'area andava sgomberata, concedendo comunque loro di non lasciare il distretto.

Ma nel giro di un'ora, Gammell e gli altri Viaggianti si sono ritrovati circondati dai veicoli della polizia, mentre avevano fatto una pausa a Pitsea. Obbligati nuovamente a spostarsi, si sono spinti in un terreno industriale vicino alla A113. Nuovamente minacciati di sgombero, Gammell chiede "Potete far niente per far fermare questo stato di cose?" I bambini piangono e hanno fame, gli uomini sono esasperati [...]

---

Nel contempo, la vicina Dale Farm è da sette anni sotto assedio di un consiglio che ha pronto a spendere cinque milioni di euro per distruggere questa comunità.

Martedì aprirà un'Inchiesta Pubblica sul caso di sue ragazze orfane che si appellano contro lo sgombero che le lascerebbe alla mercé della polizia. "Se perdiamo questo appello" dice Joanne McCarthy, i cui genitori sono morti in un incendio, "perderemo tutto. La nostra casa, la possibilità di andare a scuola e di una vita normale. Diventeremo come fuorilegge [...]"

Trevor Phillips, che settimana scorsa ha presentato la versione finale del suo rapporto come presidente della Commissione per l'Eguaglianza Razziale, ha riconosciuto i 350.000 Rom e Viaggianti britannici come la minoranza più svantaggiata in UK. Afferma che pregiudizio e discriminazione circondano ogni aspetto della loro esistenza, nonostante la consapevolezza che Nomadi e Viaggianti hanno diritto al loro stile di vita.

Sia la polizia dell'Essex e del Kent sono state messe in preallarme per alcuni volantini dietro cui ci sarebbe la minaccia di gruppi di vigilantes. Ma a ciò non ha corrisposto alcuna azione, secondo l'Irish Travellers Movement.

[...]

 
CONTACTS:
Patrick Gammell 07737467106
Richard Sheridan 07747417711
____________ _________ _________ _________ ___

JOINT PROTEST ACTION AT BASILDON CENTRE
St.Martin'sSquare, Basildon, 2-4 October,
sarting 11 am each day.

More details from: 01206 523528

Make your voice heard by phoning:

Chief Inspector Steve Worron
01702 431212

Southend Borough Council
John Williams
01702 215000

 
Di Fabrizio (del 27/08/2007 @ 09:29:43, in casa, visitato 9932 volte)


di Vincenzo Galiano

CASONI di Vegni, Avi, Casissa, Noci, Canate di Marsiglia. Nomi di antiche frazioni abbandonate, tutte più o meno sperdute tra i monti. Impropriamente qualcuno li chiama paesi, ma sono piccoli agglomerati di case in pietra, in gran parte diroccate. Testimonianza di un passato rurale che potrebbe tornare a vivere se le istituzioni dessero corpo alla proposta lanciata al SecoloXIX da Edin Hrustic, portavoce dei rom slavi dell’ex campo nomadi della Foce e, oggi, inquilini delle case popolari di Comune e Arte. «Perché si chiede Hrustic non dare la possibilità di ripopolare le piccole località disabitate dell’entroterra agli zingari che stentano a integrarsi o accettano con difficoltà la vita nei condomini?». «Io stesso continua Hrustic, dipendente di una ditta che effettua servizio di rimozione delle auto con carroattrezzi prenderei in considerazione l’idea di ristrutturare, anche tramite mutuo, un vecchio rustico abbandonato. I lavori di recupero potrebbero essere eseguiti direttamente dagli stessi zingari con l’aiuto delle amministrazioni pubbliche.

Il vantaggio sarebbe una vita più autonoma e all’aria aperta: quella che, in fondo, manca a molti di noi». Questa potrebbe anche essere la soluzione per dare un tetto alle decine e decine di rom romeni che stazionano a Genova in accampamenti abusivi privi di tutto, a rischio di incidenti ed epidemie. Tanto più che il lavoro nei campi, la manutenzione dei giardini e la pulizia dei boschi erano tra le attività tradizionalmente praticate dai rom sotto l’ex regime di Ceausescu.Ma quanto è praticabile l’idea di affidare agli zingari il compito di rivitalizzare remoti presidi montani? L’ipotesi non piace ai volontari della Comunità di Sant’Egidio, da sempre impegnata in prima linea nell’aiuto ai nomadi divenuti stanziali. «Isolare queste persone non è certo il modo migliore per favorirne l’integrazione e sarebbe un passo indietro rispetto al lavoro di tutti questi anni», osserva Claudio Bagnasco, tra i responsabili dell’assistenza ai rom in seno all’associazione no profit di ispirazione cattolica.

Sulla carta, l’operazione sembrerebbe fattibile. Perché sono diversi i borghi fantasma dell’entroterra e, appunto, perché l’ipotesi non pare sgradita agli stessi rom, slavi e romeni. Ovviamente, non mancano gli ostacoli. Il primo riguarda la difficile accessibilità dei paesi abbandonati. Per esempio Noci, un pugno di case disabitate da decenni nei pressi dell’omonimo invaso che alimenta l’acquedotto comunale e non lontano da Montoggio, è raggiungibile solo attraverso una pessima strada sterrata, preferibilmente a bordo di una jeep. «E pensare che Noci è forse il posto meno isolato», dice Marco Balostro, escursionista appassionato di fotografia, che, insieme a Davide Pambianchi, fotoreporter del Secolo XIX, ha documentato l’abbandono di cinque antichi insediamenti tra la Provincia di Genova e il Basso Piemonte. Luoghi come Avi, vicino a Roccaforte ligure, Rivarossa e Casoni di Vegni, tutti in Valborbera, provincia di Alessandria. E frazioni che gravitano su Genova, quali Casissa, valle di Vobbia, alle spalle di Ronco Scrivia, dove si è conservata intatta un’antica chiesa. O come Lavazzuoli, in Valbrevenna. Canate di Marsiglia, in alta Valbisagno, è un’altra frazione abbandonata che, però, ha il pregio della vicinanza alla città.

«Comunque conclude Balostro in tutte queste località, soprattutto d’inverno, la vita è dura. Non a caso ’60, gli insediamenti più disagiati si sono spopolati nel giro di poco tempo». Infatti, il portavoce dei rom”sfrattati” dall’ex campo di via dei Pescatori pensa a sistemazioni meno avventurose: «Ho notizie dice Hrustic di ruderi abbandonati sopra Sestri, sul monte Gazzo e nelle vicinanze della discarica di Scarpino». Nelle località Cassinelle e Bianchetta effettivamente esistono modeste dimore in disuso. A Panigaro c’è una vecchia fabbrica di mattoni, accanto a una cava. Potrebbe essere adatta a diventare quell'asilo notturno per romeni senza tetto prima ipotizzato e, poi, ufficialmente accantonato dalla giunta Vincenzi? «Non penso proprio sbotta Stefano Bernini, presidente Ds del municipio Medio Ponente Sapete quanto costa la bonifica di una vecchia cava?». Hrustic non si fa illusioni: «I tentativi dei romeni di riutilizzare case o vecchie fabbriche fuori dai centri abitati sono falliti per l’opposizione della gente del posto. Per quanto mi riguarda, sto bene nella casa popolare e posso benissimo rimanerci. I problemi riguardano solo pochissimi rom. E non è vero che siamo morosi: quelli che erano in ritardo coi pagamenti, hanno cominciato a mettersi in regola».

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/10/2021 @ 01:47:26
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Sofia (BG) contro la discriminazione... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1245 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 13:14:11
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source