Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 22/03/2011 @ 09:26:58, in casa, visitato 1481 volte)

Il Comune varerà il nuovo regolamento per il campo nomadi. La struttura verrà gestita da un ente terzo rispetto a Comune e Sucar Drom. Ecco le lettere che i sinti hanno inviato alla Gazzetta.

Gazzetta di Mantova

  • GUENDALINA "Vogliono cacciarci"
  • PAOLO "Perché cambiare il regolamento?"
  • DEL BAR "Come fate a sapere che siamo sporchi?"
  • SUCAR DROM "Ricordiamo i tanti passi avanti"

MANTOVA. Giro di vite del Comune sulla gestione del campo nomadi del Migliaretto. E' quanto prevede la nuova bozza di regolamento. Norme più severe per scandire la convivenza tra famiglie Rom e Sinte e, soprattutto, la certezza che si andrà verso la chiusura del campo, anche se ancora non si sa quando e nemmeno quale sarà l'alternativa offerta ai residenti. I quali saranno maggiormente responsabilizzati nella conduzione delle piazzole.

Nel senso che dovranno occuparsi della manutenzione ordinaria, prima affidata al Comune, e che risponderanno direttamente degli eventuali danni arrecati alla struttura. Rischiando anche l'espulsione nel caso non si attengano alla regole. Aumenterà anche il canone giornaliero che ogni famiglia dovrà versare e rincarerà anche il costo di acqua, luce e gas. E vi è anche una novità sostanziale. Dal nuovo regolamento si evince che a gestire la struttura non saranno più il Comune e i nomadi attraverso l'associazione Sucar drom, ma un ente terzo. Le modalità per l'affidamento saranno decise in un secondo tempo dalla giunta.

Ancora non è dato conoscere la reazione ufficiale delle rappresentanze dei nomadi, anche se voci parlano di forti resistenze all'introduzione, all'articolo 4, della facoltà per l'ente gestore di proporre al sindaco l'espulsione di chi, residente o meno, «non osserva il regolamento, commette reati contro il patrimonio, crea disordini o risse all'interno dell'area e di chi risulta insolvente nei pagamenti dei canoni» previsti dal regolamento.

Così come non piacerebbe che dallo stesso articolo 4 sia sparito il riferimento a due dei compiti principali per le istituzioni pubbliche e per chi gestisce un campo nomadi: promuovere la scolarizzazione dei bambini e curare il rapporto tra cittadini e nomadi per favorire l'integrazione nella comunità. «In commissione - dice l'assessore al welfare Arnaldo De Pietri - valuteremo serenamente le proposte delle associazioni che saranno portate dai dirigenti e che, in alcune casi, sono già state condivise. Il fatto politico importante - sottolinea - è che il regolamento porta in sè i presupposti per procedere ad un graduale smantellamento del campo».

In questa direzione va anche la norma introdotta che prevede di non assegnare più le piazzole che si rendessero libere per il trasferimento di famiglie residenti. Per la prima volta la struttura di via Guerra viene definita «area residenziale» per le famiglie Sinte e Rom (prima era semplicemente un "campo" per permettere la sosta dei nomadi fornendo loro «servizi indispensabili per le esigenze familiari»).

L'area comprende 25 piazzole (ognuna delle quali può ospitare sino a due nuclei familiari), con a disposizione due prese elettriche. L'area al massimo può ospitare 200 persone (prima non vi era alcun limite): i residenti possono stare per un tempo illimitato; mentre i non residenti potranno fermarsi per un massimo di 30 giorni rinnovabili (prima era previsto un solo rinnovo).

18 marzo 2011


 Sul nuovo regolamento per il campo nomadi sono arrivate in redazione lettere (alcune firmate con nomi di fantasia per "timori _ scrivono _ di ritorsioni da parte del Comune") molto critiche nei confronti delle nuove norme. Ecco la prima lettera

"Egregio Direttore della Gazzetta di Mantova, il Consiglio comunale sembra intenzionato ad approvare un nuovo regolamento per chi come me vive nel cosiddetto campo nomadi. Con il nuovo regolamento si vuole stravolgere le modalità di pagamento degli oneri (affitto della piazzola, energia elettrica, acqua, immondizie...). Per inciso, la casa non me l'ha data il Comune come a Milano o a Roma, ce la metto io!

Mentre oggi andiamo liberamente, alla scadenza delle bollette, a pagare quanto dovuto alla Tesoreria comunale in via Roma, con il nuovo regolamento dovremmo pagare a un fantomatico Ente gestore. Mi chiedo: questo Ente gestore garantirà gli stessi orari di sportello come fa oggi la Tesoreria comunale? Quanto dovrà spendere il Comune per dare la possibilità all'Ente gestore di avere uno sportello aperto tanti giorni e tante ore come la Tesoreria comunale? L'impressione è che si voglia complicare la mia vita con l'obbiettivo trovare delle scuse per cacciarmi in strada se il fantomatico giorno dei pagamenti sarò lavoro o sarò ammalato."
Guendalina
abitante di viale Learco Guerra 23


 Un altro abitante di Viale Learco Guerra 23 scrive sul regolamento che il Comune intende adottare per il campo nomadi. Anche in questo caso fa ricorso a un nome di fantasia

"Egregio Direttore, il Comune ha intenzione di cambiare il regolamento del luogo dove vivo, viale Learco Guerra 23. Razionalmente non ne capisco il motivo, visto che l'attuale regolamento funziona e che tutti pagano regolarmente; ma si sa ci sono le elezioni provinciali e quindi la cosa più semplice è dare addosso a noi sinti mantovani.

Comunque non riesco proprio a capire il motivo per cui nel momento in cui non pagassi l'energia elettrica mi cacciano in strada. Oggi se non pago mi tagliano i fili della luce come a qualsiasi altro mantovano. Secondo Lei, Direttore, stanno cercando scuse per smantellare il cosiddetto campo nomadi mandandoci via da Mantova?"
Paolo
abitante di viale Learco Guerra 23


 Yuri del Bar, vicepresidente dell'associazione Sucar Drom, critica le parole del consigliere comunale Romano, il quale ha affermato che "la cultura sinta è ruberia o carità"

"Signor Direttore, il consigliere Carlo Romano vuole insegnarci come vivere. Ha affermato pubblicamente che la cultura sinta, e quindi la mia cultura, è ruberia o carità. Ha anche affermato che siamo sporchi e non paghiamo le bollette. Le posizioni verso noi sinti mantovani del consigliere Romano le ho lette nei libri di storia e le ho sentite raccontate da mia madre che è nata in campo di concentramento. Tutti sappiamo come è finita...

Nei suoi mandati come Consigliere Comunale Carlo Romano non si è mai visto nei pressi del cosiddetto ''campo nomadi'' e quindi mi chiedo: come fa a sapere che noi siamo sporchi? Forse quando ero Consigliere comunale venivo alle sedute sporco?

Devo ricordare al consigliere Romano che la stessa Regione Lombardia, guidata dal suo partito, ha riconosciuto la scolarizzazione a Mantova dei bambini sinti come modello da esportare anche in altre città. La Regione Lombardia è molto attenta ed informata su queste dinamiche e su questi progetti, al contrario del consigliere che sparla solo per fare presa sulla cittadinanza. Naturalmente stando attento a non fare dichiarazioni che vadano contro l'altro partito di maggioranza: la Lega Nord. Altrimenti ha paura di perdere il seggiolone in consiglio.

Credo che in questi anni la nostra associazione abbia fatto un gran bel lavoro, non vedo il motivo perché distruggerlo e cambiare con un altro ente gestore. In generale le cose si cambiano quando vanno male, ma forse l'unica cosa che ha in mente questa amministrazione è quella di fare fuori Sucar Drom, associazione conosciuta e stimata sia in Italia che in Europa. Credo che il regolamento dell'area di sosta di via Learco Guerra n. 23 debba essere ancora approfondito prima di andare in Consiglio comunale, come eravamo d'accordo con l'Assessore che ci aveva promesso un altro incontro. Ma le pressioni politiche alle spalle dell'assessore hanno costretto questo ultimo a cedere per non avere problemi in seguito. L'associazione Sucar Drom ha ricevuto nel 2009 euro 16.000,00 per la gestione ma anche una parte della manutenzione degli impianti come quello fognario e quello del verde. Caro Romano, cosa costerà ai mantovani la sola gestione che sembra si voglia affidare all'Aster (ex Mantova Parking)?"
Yuri Del Bar
Vicepresidente Associazione Sucar Drom


 "Il desiderio di evitare il dialogo e il confronto aperto cercando di far accettare proposte che definire discutibili è solo generoso verso chi le avanza, è apparso subito chiaro a chi come me ha assistito nella serata di ieri all'incontro delle commissioni statuto e regolamento e servizi sociali. Le commissioni si riunivano per discutere la stesura di un nuovo regolamento per l'Area Attrezzata a Sosta per Sinti italiani, da sempre dicitura corretta ma che i nostri politici, spesso in difficoltà con la lingua italiana, non riescono ancora a pronunciare preferendo quella più sbrigativa di campo nomadi.

Dopo una sbrigativa presentazione del nuovo regolamento da parte del dirigente Ernesto Ghidoni, l' assessore Arnaldo De Pietri, chiedeva che non fosse accettata la lettura di un intervento preparato dall'Associazione Sucar Drom come proposto dai consiglieri di minoranza.

L'assessore riteneva che se il tenore dell'intervento fosse quello espresso anche in articoli apparsi sui quotidiani, non era il caso di dare altro spazio al confronto. Forse dimenticava che era apparso prima un lungo articolo sulla Gazzetta di Mantova, che se non riportava fedelmente le sue parole o il suo pensiero, non si è comunque sentito in obbligo di correggere o smentire.

Fortunatamente la maggioranza dei presenti non era dello stesso avviso, e pure se non sono mancati altri tentativi per affossare il confronto, il consigliere Romano ha infatti ricordato che bisogna bere l'amaro calice (speriamo non sia olio di ricino), l'intervento è stato letto, offrendo la possibilità tardiva e comunque alla fine evasa di poter presentare un nuovo regolamento che non risultasse solo, come è dimostrato sarà, un atto che renderà ancor più difficile la vita a determinate persone già svantaggiate, ma anche un documento raffazzonato e approssimativo che evidenzierà i suoi limiti e la sua scorrettezza al momento di metterlo in atto.

Forse per ottenere una cosa più condivisa e più costruttiva sarebbe bastato che i rappresentanti dell'assessorato al welfare ricordassero a se stessi e ai presenti i passi in avanti che in passato si sono potuti fare, e che ancora sarebbero stati possibili, puntando a quel modo di agire conosciuto come collaborazione.
Luca Dotti
Associazione Sucar Drom


NdR: altre lettere inviate alla Gazzetta di Mantova, su U VELTO

 
Di Fabrizio (del 16/03/2011 @ 14:26:16, in casa, visitato 1763 volte)

Da Redattore Sociale

Le tre famiglie non volevano lasciare il campo. Costantin Ventila, rom romeno: "Comune e Casa della Carità mi hanno offerto 1000 euro per andarmene e altri 5 mila quando avrei trovato un appartamento. Ma io ho rifiutato"

MILANO - Sgomberate tre famiglie rom che vivono all'interno del campo rom di Triboniano. Sul posto sono arrivati gli agenti della polizia di stato e della polizia locale che hanno bloccato le vie d'accesso al campo dove è stato vietato l'accesso a giornalisti e operatori della Casa della carità. Gli abitanti del campo si sono opposti allo sgombero. "Mi vogliono buttare in strada con i miei figli, non so dove mi vogliono mandare", denuncia Costantin Ventila, rom romeno, contattato telefonicamente. "Il comune e la Casa della carità - aggiunge Ventila - mi hanno offerto 1000 euro per andarmene da Triboniano e altri 5 mila quando avrei trovato un appartamento. Ma io ho rifiutato". Ventila, geometra sessantenne, è presidente dell'associazione "Avena Amenza Savale", da vent'anni in Italia e da sette anni abitante del campo comunale di via Triboniano. "Secondo me questa è una truffa: io sono un rom e se vado a cercare un appartamento non lo trovo - prosegue Ventila -.Tra l'altro, ci hanno sgomberato senza notificarci nulla: non abbiamo in mano nulla di scritto". In attesa che qualcuno, comune o Casa della carità, gli offrisse un'alternativa, Costantin Ventila si è rifugiato con la sua famiglia nella chiesa dei frati cappuccini davanti al Cimitero Maggiore. Ma ha poi lasciato quel rifugio. (dp/ar)

 
Di Fabrizio (del 06/03/2011 @ 09:11:58, in casa, visitato 1366 volte)

Le madri zingare di Luník IX scrivono al Premier

Alcune bambini e mamme del ghetto Rom di Luník IX a Košice hanno indirizzato una lettera aperta al primo Ministro Iveta Radičová per informarla della situazione senza speranze nella quale versano.
Nella lettera, le madri ed i bambini zingari informano la Radičová che la gente di Luník IX paga l'affitto delle case nonostante non esistano contratti. Che allo stesso modo viene riscossa quotidianamente l'elettricità, in ragione di 6 euro al giorno, da parte degli incaricati della città. Che insomma nel quartiere non vige l'anarchia zingara ma l'irregolarità e l'arbitrio degli amministratori locali.

"Scriviamo al Primo Ministro perché speriamo che l'Ispettorato del Commercio e gli altri uffici ispettivi conducano una profonda verifica della situazione della Direzione di Luník IX e dell'Associazione per la Casa di Kosice per scoprire chi abbia gestito tanto irresponsabilmente, per quasi venti anni, l'affitto degli appartamenti di Luník IX, e perché lo abbia fatto".

Secondo Gabriel Glovacký, un insegnante che opera nell'ambito della comunità Rom di Košice, il quartiere è, come gli stessi abitanti definiscono "una trappola sociale" che non prevede uscite.
"Prima della fine del 1989 il 94% dei Rom di Luník IX aveva una occupazione. Attualmente il 94% di loro è disoccupato", sostiene Glovacký, spiegando come i giovani del quartiere desiderino una vita diversa da quella dei genitori ma non abbiano prospettive di cambiamento per le loro vite.

"La gente di Luník IX è probabilmente indebitata per le prossime tre o quattro generazioni. Vivono in appartamenti in cui l'acqua viene erogata per un'ora due volte al giorno, ma i debiti corrispondenti ad acqua, elettricità e riscaldamento raggiungono totali di milioni di euro" ha continuato a spiegare Glovacký, sottolineando che persino i pochi zingari che hanno un lavoro non guadagnano abbastanza per trovare una modesta abitazione lontano da Luník IX.

Simile anche l'opinione di Anna Koptová, Preside della scuola superiore di via Galaktická, che spiega: "se il colore della tua pelle è scuro e la tua residenza permanente è a Luník IX non hai speranze di trovare lavoro". Secondo la preside Koptová ci sono infatti tanti Rom colti ed abili che si trovano discriminati sul mercato del lavoro.

 
Di Fabrizio (del 05/03/2011 @ 09:18:34, in casa, visitato 1761 volte)

Da British_Roma (notizie precedenti di una vertenza decennale)

Idebate.org By Grattan Puxon SENZATETTO ALLEATI DEI VIAGGIANTI PER EVITARE GLI SFRATTI DI CONSTANT

28/02/2011 - Gli ufficiali giudiziari privati, come Constant & Co., sul cui teppismo le autorità faranno dipendere un crescente esercito di senza casa, possono attendersi un rafforzamento dell'opposizione.

Gli indesiderati della Grande Società, pronti al disprezzo permanente, hanno formato un'alleanza e stanno reagendo.

Settimana scorsa a Bristol, gli occupanti barricati in un edificio governativo abbandonato, hanno contrastato con successo gli incaricati di Constant. Hanno issato uno striscione dove dicevano che Constant riceverà un caldo benvenuto a Dale Farm.

L'incidente è seguito ad una riunione tenutasi il mese scorso a Dale Farm, quando i Viaggianti ed i loro nuovi alleati hanno steso un piano per difendere la comunità contro il forte assalto guidato da Constant. Questo sgombero costerà 13 milioni di sterline.

Ci si aspetta che Tony Ball, leader del consiglio di Basildon, indichi martedì [1 marzo] le sue intenzioni, quando si confronterà con i rappresentanti di Dale Farm a Westminster in un incontro ospitato dal deputato conservatore John Baron. Preferiranno la conciliazione o la distruzione?

Sul tavolo ci sarà il piano del Gypsy Council per fornire un parcheggio alternativo per i caravan degli abitanti di Dale Farm che perderanno la casa, sul terreno offerto dalla Homes and Communities Agency, agenzia governativa (ma indipendente) sopravvissuta ai tagli della Coalizione.

"Andremo nei nuovi siti," commenta Richard Sheridan, presidente del Gypsy Council. "Ma non saremo spinti per strada, fuori dalla nostra terra senza un posto dove andare."

La loro posizione sarà significativamente rinforzata settimana prossima, da una visita a Dale Farm del comitato consultivo sulla protezione delle minoranze nazionali del Consiglio d'Europa. Assieme a due organismi ONU, per qualche tempo hanno monitorato la situazione.

La prova di forza sarà inevitabile se la sessione straordinaria del consiglio di Basildon il prossimo 14 marzo ratificherà l'opzione di sgombero. "Abbiamo la volontà politica," si è vantato Baron. "Non mi importa di quanti gruppi dei diritti umani si oppongono."

*************************

TRAVELLER HOMELESS ACTION

Giorno di mobilitazione a Dale Farm il 14 marzo dalle h. 14.00, culminante con protesta di fronte al Basildon Centre alle 19.00 in coincidenza con il consiglio straordinario che voterà sui 13 milioni di sterline dello sgombero.

More information from: Dale.farm@btinternet.com - (+44) 01206 523528

*************************

 
Di Fabrizio (del 12/01/2011 @ 09:37:48, in casa, visitato 1767 volte)

Da Roma_und_Sinti (i link sono in tedesco) NB: di Hugo Höllenreiner si trova una testimonianza (doppiata in italiano) nel DVD "A forza di essere vento"

Süddeutsche Zeitung von Viktoria Großmann

Hugo Höllenreiner in campo di concentramento fu una vittima di Josef Mengele. Ora sta cercando per sé e la sua famiglia una casa popolare - invano.

foto Vain (© Robert Haas)

Ad agosto 2010 Hugo Höllenreiner ricevette una lettera incoraggiante. Diceva: "Lei ha lasciato un appartamento in affitto ad Ingolstadt, ora abbiamo per lei una casa adatta. La lettera arriva dall'impresa cattolica Sankt Gundekar-Werk Eichstätt, che sta costruendo a Ingolstadt-Hollerstauden 142 appartamenti, 127 dei quali sono alloggi popolari.

Ciò che suona come un avviso di consegna è, tuttavia, per Peter-Stephan Englert amministratore delegato della St. Gundekar-Werk, solo "una lettera di vendita", inviata a tutti e 500 che avevano prenotato, personalizzata con nome e indirizzo. La pubblicità pare necessaria: i primi appartamenti dovrebbero essere abitati a marzo 2011, essendo pronti, ma sono stati siglati solo 45 contratti. Per Hugo Höllenreiner non ci sono appartamenti disponibili.

Höllenreiner ha 77 anni, nel 1943 con la sua famiglia - sono Sinti - fu deportato nel campo di concentramento di Auschwitz. Lì Höllenreiner dovette subire le "visite" del famigerato dottor Josef Mengele. Ne patisce tuttora le conseguenze fisiche e mentali, è considerato disabile grave.

Non lo sembra: Höllenreiner è un bell'uomo con i capelli bianchi, che va a fare una passeggiata con indosso un completo grigio chiaro ben curato. A novembre ha ricevuto un'altra lettera: "Siamo spiacenti di informarla che la sua domanda per i nostri appartamenti non può essere presa in considerazione". In precedenza a sua nipote, che vive con lui, era stato promesso a voce un appartamento.

Peter-Stephan Englert [...] ha detto della sua richiesta: "Il signor Höllenreiner ha 77 anni, si dovrebbe rivolgere all'assistenza sociale".

Dagli anni '90 Höllenreiner gira la Germania in qualità di testimone. Viaggia molto, parla regolarmente in occasione di eventi commemorativi a Dachau, Auschwitz-Birkenau e Bergen-Belsen. La sua storia è stata pubblicata in un libro e ha ottenuto un premio per la letteratura infantile. La sua storia è stata raccontata nelle scuole di Ingolstadt. Là vive assieme alla nipote e alla pronipote in un appartamento, che ora per loro è troppo caro. Perciò, alla fine del 2009 si iscrive a St. Gundekar-Werk. Nel novembre 2010 viene comunicato a sua nipote che non ci sono più appartamenti liberi.

"E' una brutta storia," dice Englert. E dice anche di essere timoroso, perché gli Höllenreiner "non nuotano nell'oro". Una volta che si omette lo stipendio, perché si avrebbe un caso di assistenza, l'ufficio avrebbe dovuto ordinare un appartamento più piccolo ed economico, e gli inquilini si sarebbero dovuti spostare di nuovo. "Vogliamo anche proteggere i nostri inquilini". Englert fa riferimento all'età di Höllenreiner, perché gli appartamenti non erano adatti per inquilini bisognosi di cure o su sedie a rotelle.

Höllenreiner, la nipote Silvana Lauenburger e sua figlia hanno un permesso di soggiorno.  Così Lauenburger si presenta a St. Gundekar-Werk, dicendo che loro vorrebbero vedere un quadrilocale. Più tardi, sembra, che l'appartamento fosse troppo grosso per le tre persone ed i particolari del contratto non erano soddisfacenti. "Ho chiesto allora un trilocale, ma il mediatore ha detto che erano andati tutti".

Per i Sinti non c'è alcun punto di riferimento

Lauenburger si sente discriminata; ritenendo di non ottenere l'appartamento, soltanto perché Sinti. Anche la loro figlia e nipote non hanno avuto nessun appartamento da St. Gundekar-Werk.

Non ci sono a Ingolstadt riferimenti per i Sinti nei bisogni sociali, come in grosse città come Norimberga o Monaco. Silvana Lauenburger si è dunque rivolta, così dice, ad Andreas Lehmann, sindaco di Ingolstadt. Una volta aveva mostrato rispetto per suo zio, andandolo a trovare in ospedale. Ma [stavolta] non aveva voluto riceverla.

"La discriminazione non è con noi", ha detto il sindaco, riferendosi al corpo sociale urbano. Anche St. Gundekar-Werk in settembre ha firmato un impegno volontario per combattere la discriminazione.

Parlando dello sviluppo a Ingolstadt-Hollerstauden, Englert ha detto che si dovrebbe fare attenzione alla selezione degli inquilini. Per questo ha incaricato un libero professionista "che ha talento nella selezione degli inquilini". Così il nuovo sistema automatico di ventilazione non era adatto a tutti. Gli appartamenti sono "case a basso consumo energetico", finanziati dallo stato. Se si rivelano troppo moderni, si rivolgono a lui per chiedere una casa tradizionale "siamo così flessibili". Però ad Höllenreiner ed alla sua famiglia non è stata offerta alcuna alternativa.

L'edilizia popolare è finanziata dal ministero degli interni. Qui non c'è un distaccamento che controlli l'assegnazione degli alloggi popolari. Chi si sente discriminato, riceve aiuto dall'agenzia anti-discriminazione di Berlino. Si verifica spesso che vi si rivolga per la ricerca di appartamenti, ha detto Jens Büttner dell'agenzia anti-discriminazione. In particolare, si sentono svantaggiate del mercato immobiliare, persone dal cognome che suona straniero o coppie omosessuali.

 
Di Fabrizio (del 11/01/2011 @ 09:45:40, in casa, visitato 1249 volte)

Notizie precedenti QUI

Bresciaoggi.it E adesso Brixia Sviluppo deve rimborsare i sinti

Il terreno di Guidizzolo

Brixia Sviluppo dovrà forse restituire i 2.200 euro di caparra che erano stati dati dalle famiglie sinti di via Orzinuovi per l'area di Guidizzolo nel Mantovano.

La vicenda è nota e ha messo a rumore la politica bresciana: a fine 2009 Brixia Sviluppo, società controllata dal Comune al 100 per cento, acquista per 150mila euro un'area edificabile di 500 metri quadrati a Guidizzolo. Obiettivo dell'operazione è rivendere l'area a un prezzo vantaggioso ad alcune famiglie sinti del campo di via Orzinuovi che, in questo modo, lascerebbero il capoluogo e si trasferirebbero a Guidizzolo. Nei piani del Comune di Brescia questa dovrebbe essere solo la prima di una serie di permute con acquisto e successiva rivendita di terreni che dovrebbe portare alla chiusura del campo di via Orzinuovi.

L'OPERAZIONE Guidizzolo, in realtà, si arena ben presto, a causa della protesta degli abitanti e dell'Amministrazione (di centrodestra) del Comune del Mantovano, i quali, di avere come vicini di casa i sinti bresciani, non ne vogliono proprio sapere. Erigono muri, arano i terreni, deliberano atti amministrativi per impedire che nell'area (edificabile) possano esserci case mobili. La mobilitazione nel comune virgiliano occupa le cronache a cavallo tra gennaio e febbraio scorsi.
Risultato: la palla torna a Brescia, con però un nodo in più. Brixia Sviluppo ha già venduto l'area alla famiglia Quirini. L'accordo prevede il pagamento di 300 rate mensili per 25 anni da 512 euro ognuna (in tutto fanno 153.720 euro, 128.100 + Iva, esattamente il costo dell'area), una caparra iniziale di 2.200 euro, la clausola che senza il pagamento di tre rate l'area torni di proprietà della società controllata del Comune di Brescia.

COSÌ ACCADE puntualmente: i sinti, quando vedono quanto accade a Guidizzolo (con tanto di atto amministrativo che vieta l'accesso delle case mobili) si chiedono perché mai dovrebbero acquisire quell'area e infatti non pagano.

L'area torna dunque nella piena disponibilità di Brixia Sviluppo, ma resta il nodo della caparra. È dei Quirini, ma i soldi li ha in cassa Brixia Sviluppo che ora, per provare a vendere l'area ad altri privati (presumibilmente non sinti), ha bisogno di una liberatoria. Firmata da chi? Dai Quirini ovviamente, i quali però - lo hanno fatto sapere nei giorni scorsi - daranno la liberatoria solo se avranno indietro i soldi della caparra. Non si sa se con gli interessi o meno.

Nel frattempo, tramontato il piano acquisto/rivendita di terreni, l'opzione di riserva ideata dal Comune è stata la sottoscrizione del «Patto di cittadinanza» con i sinti di via Orzinuovi. L'accordo, sottoscritto un paio di mesi fa, prevede la bonifica dell'area (costo in carico all'Amministrazione: circa 150 mila euro) e il pagamento da parte di ogni famiglia che vive nel campo di una cifra forfettaria di 150 euro mensili per i consumi elettrici.

I LAVORI DI BONIFICA sono iniziati da un mesetto e dovrebbero concludersi entro poche settimane. Le famiglie che vivono nel campo sono venti (formate da 70 adulti e 35 bambini). Di queste, cinque famiglie dovranno andare via entro febbraio. Due o tre famiglie, che hanno disabili o anziani ultra 75enni, andranno in case popolari, altre due o tre si trasferiranno nel campo di via Borgosatollo.
Il campo di via Orzinuovi, sull'area che rientra fra gli snodi stradali della Piccola Velocità, dovrebbe essere lasciato libero entro un anno. Le 15 famiglie sinti del campo dovrebbero finire nel campo di via Borgosatollo, per il quale è prevista una futura bonifica. E i rom di via Borgosatollo? Alcuni si sono già trasferiti in case popolari del Comune, altri dovrebbero andarci in futuro.

TH. BEN.

 
Di Fabrizio (del 09/01/2011 @ 09:39:14, in casa, visitato 1659 volte)

Segnalazione di Spazio Mondi Migranti

 Link per chi legge da Facebook

In una videolettera al sindaco di Firenze Matteo Renzi, al sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi e al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.
Ecco il testo della videolettera che ho scritto:

Caro Sindaco di Firenze Matteo Renzi, sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi, presidente della regione Toscana Enrico Rossi, ho deciso di rivolgermi a voi con questa videolettera.

E' freddo. In questi giorni di gennaio il clima è rigido. Una banalità metereologica che per alcuni rappresenta la differenza fra la sopravvivenza e l'abbandono della vita.
"E' il suo tempo", dicono i saggi, "è inverno", e conformano le azioni al clima. D'inverno non si semina e non si ara la terra, la si lascia riposare. A gennaio non si dovrebbero abbattere baracche travestite da case senza prevedere un alloggio alternativo per i suoi abitanti Rom. Eppure è quello che rischia il campo di Quarracchi. Due baracche sono state distrutte nei giorni scorsi e sei delle persone che vi abitavano le sto ospitando nel mio minuscolo teatro, Cabina Teatrale; con l'aiuto di don Alessandro Santoro e della Comunità delle Piagge.
Vi chiedo una dichiarazione dello stato di emergenza che permetta alla protezione civile di aprire un tendone riscaldato, almeno per il periodo invernale.
Non voglio credere a chi dice che la vita degli esseri umani senza tessera elettorale non vi interessa. Io credo invece che l'abbiate in testa ma non abbiate trovato la strada per incrociarla con il cuore.

La politica che sogno non raccoglie voti dalla disgregazione del tessuto sociale, ma rammenda le ingiustizie intrecciando la speranza al cambiamento.
Matteo Renzi, Gianni Gianassi, Enrico Rossi, in più occasioni avete mostrato di apprezzare le raccolte fondi a favore dell'ospedale pedriatico Mayer. Anch'io guardo con ammirazione e gratitudine a questo ospedale d'avanguardia per i nostri figli, per questo vorrei che consideraste la possibilità di evitare che altri bambini rom possano essere costretti al ricovero per mancanza di una struttura di emergenza che permetta loro, cittadini del mondo, di ripararsi dal freddo.
Se davvero un bambino rom vale come un bambino italiano, non c'è motivo per cui non permettiate al vostro pensiero di fidanzarsi con l'accoglienza.
La povertà non si ferma con una ruspa e non si estromette dalla storia edificando un muro. Io so che alcune di queste scelte sono politicamente difficili, non sono facili, ma quelle vite, quelle esistenze, hanno la feroce urgenza dell'adesso.

Non c'è libertà se Firenze sceglie la guerra contro i suoi abitanti costruendo un sistema di privilegi basato sull'esclusione.
Non c'è sicurezza, nello scegliere la guerra contro chi arriva in Italia per lavorare ed è costretto ad elemosinare un briciolo della nostra felicità.
La democrazia non si esaurisce nello svolgimento delle elezioni, ma si concretizza nella costruzione di una società che ponga le persone prima degli oggetti, la vita prima della "roba".

Oggi mi piacerebbe respirare il sudore delle migliaia di giovani che nel novembre del 1966 arrivarono a Firenze per spalare il fango e i detriti della più grande alluvione capitata nella città di Dante.
Abbiamo bisogno della solidarietà espressa da quei tanti fiorentini che abitavano sopra e nei pressi del carcere delle Murate e che quel giorno d'alluvione accolsero i detenuti nelle loro abitazioni, dopo che le guardie aprirono le celle perché non facessero la "fine del topo".

Oggi abbiamo bisogno delle Chiese, che aprano le porte delle canoniche e la casa del Signore.
Oggi vorrei rivivere la decisione di quel circolo Arci che aprì i suoi spazi al primo piano per ospitare in salvo le mucche degli allevatori.
Anche oggi abbiamo bisogno di quelle stanze, anche se non sono le mucche, a dover essere salvate. Possiamo riuscirci scrollando dalle nostre spalle l'apatia dell'indifferenza, del "vorrei ma non posso", del "non tocca a me" o del "ma cosa vuoi che possa farci?"

Li chiamano "zingari", ma io in quelle persone, in quelle mani grandi, gonfie di vita, in quei tagli alle dita, in quelle ferite ai polpastrelli, riconosco le mani di mio nonno contadino. In quello strenuo attaccamento alla vita, in quella lotta per la sopravvivenza riconosco l'urgenza del nascere di ogni bambino.
E in quelle braccia, in quelle gambe, in quegli occhi, in quel naso, riconosco l'unica razza, quella umana.

Non è impossibile. E' necessario, costruire un'accoglienza.
Ed è questo quello che vogliamo. Per noi, per tutti noi.

Saverio Tommasi

 
Di Fabrizio (del 29/12/2010 @ 09:30:01, in casa, visitato 1743 volte)

Da British_Roma (cronache precedenti da Dale Farm)

Roma Buzz Aggregator By Grattan Puxon

27/12/2010 - Richard Sheridan, presidente del Gypsy Council, dice di aver intenzione di incontrare il presidente del consiglio di Basildon e un parlamentare locale, purché non intendano ripetere soltanto la richiesta che i residenti di Dale Farm abbandonino il terreno di loro proprietà in vista dello sgombero di massa da lungo pianificato.

Tony Ball, leader del consiglio di Basildon, ha contattato Sheridan  con l'offerta di incontrarlo nell'anno nuovo assieme al parlamentare Tory John Baron della Camera dei Comuni. Ma sinora non è chiaro quale sarà l'agenda.

Baron, che ha servito l'esercito in Irlanda del Nord, e più tardi è diventato un banchiere d'affari, dice che Basildon dovrebbe proseguire con lo sgombero di Dale Farm, allo scopo di restaurare la Cintura Verde di cinque acri dove attualmente risiedono 96 famiglie senza i permessi di edificazione.

In precedenza il parlamentare aveva sponsorizzato senza successo una proposta di legge per aumentare i poteri dei consigli locali nell'agire contro gli sviluppi illegali nella Cintura Verde. Il tutto condito da una clausola che ripristinava l'obbligo di fornire un luogo per le roulotte dei Viaggianti.

Sheridan puntualizza che la stessa casa di Baron si trova su di un terreno che in precedenza faceva parte della Cintura Verde di Billericay, approntata per incontrare l'aumento di richieste immobiliari.

Nel frattempo, gli avvocati di Dale Farm hanno ottenuto di poter presentare un appello alla Corte Suprema per un'udienza che potrebbe annullare una sentenza del tribunale distrettuale di Southend, che escludeva i Viaggianti senza casa dal trovare una sistemazione compatibile con la loro cultura e modo di vita tradizionale.

Le famiglie di Dale Farm hanno rifiutato senza eccezioni di andare nelle case e appartamenti offerti dal consiglio distrettuale di Basildon, perché vogliono vivere nelle loro roulotte e case mobili per preservare l'unità della comunità.

I consiglieri sia laburisti che liberali hanno recentemente denunciato l'amministrazione Tory di Basildon per avere scelto una non necessaria linea dura contro qualche centinaio di famiglie rom e viaggianti senza casa nel distretto. Un consigliere ha paragonato l'attuale politica alla pulizia etnica nazista.

Cresce anche l'opposizione alle spese collegate alla cacciata dei Viaggianti dalla loro terra a Dale Farm e nella vicina Hovefields. Le spese legali ed amministrative, assieme all'impiego degli ufficiali giudiziari di Costant & Co, ha probabilmente superato i 2 milioni di sterline.

Il consiglio ha ancora fondi per circa 3 milioni di sterline. Ma la polizia dell'Essex ha richiesto 10 milioni dal Ministero degli Interni per coprire le spese di uno sgombero che potrebbe continuare per tre settimane ed alla fine rivelarsi un insuccesso.

I residenti di Dale Farm, che hanno impiegato km. di filo spinato, vecchi pneumatici e ponti levatoi, stanno preparando una dura resistenza alla demolizione delle loro case. Centinaia di sostenitori si sono impegnati ad unirsi a loro. Inoltre una squadra di osservatori legali della clinica per i diritti umani dell'università dell'Essex contano di essere presenti.

"Se ci manderanno fuori saremo obbligati a spostarci su altri terreni nel distretto," dice Sheridan. "Da qualche parte dobbiamo vivere. Negli anni questo potrà significare un costo di grande miseria per noi e infiniti milioni al consiglio."

A meno che l'incontro proposto alla Camera dei Comuni produca un risultato positivo, Tony Ball può dare il via libera al più grande sgombero zingaro mai avvenuto in GB. Ma sa di non poterlo fare senza l'assistenza diretta del governo.

La segretaria agli interni Theresa May ha considerato per alcuni mesi la richiesta della polizia dell'Essex. Come altri ministri, è consapevole dell'opposizione ONU alla distruzione di Dale Farm e deve anche fare i conti con una riduzione del 30% del budget del suo dicastero, a causa dei tagli imposti dalla coalizione di governo.

 
Di Fabrizio (del 22/12/2010 @ 09:21:44, in casa, visitato 1542 volte)

Da Romanian_Roma

Azione urgente: Sgombero forzato di Rom in Romania By Marie-Francoise

Created 17/12/2010
UA: 256/10 Index: EUR 39/007/2010

MANDATE PREGO GLI APPELLI PRIMA DEL 31 DICEMBRE 2010. Controllate se l'ufficio postale invierà l'appello dopo la data indicata.

Le autorità di Cluj, una città nel nord-ovest della Romania, stanno preparandosi ad effettuare lo sgombero forzato entro fine dicembre delle comunità rom che vivono nelle vie Coastei e Cantonului. Amnesty International è preoccupata che a quanto si riporta, le case saranno demolite ed alcune famiglie verranno spostate in nuove unità abitative che non soddisfano i criteri di alloggio adeguato, mentre altre si troveranno senza casa.

Il 15 dicembre, le famiglie di via Coastei hanno ricevuto una notificazione a voce che intimava loro di rimuovere i loro averi entro il 17 dicembre, quando il comune li avrebbe spostati in una sistemazione alternativa. Secondo il comune, si stima che vivano in via Coastei 345 persone, 140 delle quali non hanno residenza a Cluj, e che sono a rischio di essere rimandate al loro luogo di residenza, sollevando preoccupazioni sul loro diritto alla libertà di movimento.

Le autorità non hanno consultato in maniera piena e partecipativa la comunità coinvolta nei piani di sgombero. Il sindaco ha annunciato che 40 famiglie saranno alloggiate in 40 nuove unità costruite ai margini della città nell'area di Pata Rat, e che a quanti rifiuteranno di spostarsi non verrà offerta una sistemazione alternativa. Quest'area, secondo le informazioni ricevute da Amnesty International, è in prossimità di una discarica e separata dal resto della città, così i residenti avranno difficoltà ad accedere ad opportunità di lavoro e ai servizi pubblici, inclusi scuola e sanità.

Circa altre 429 persone (saranno 100 famiglie) risiedono in case, baracche improvvisate e container in via Cantonului sono pure a rischio di sgombero. Il numero di unità alloggiative proposto dalle autorità cittadine è limitato e si prevede di ospitare solo 40 famiglie, il che solleva serie preoccupazioni per un certo numero di persone che rimarrebbero senza casa se sgomberate.

SCRIVETE IMMEDIATAMENTE in inglese o nella vostra lingua:

  • Sollecitare le autorità cittadine per assicurare che qualsiasi sgombero delle comunità che attualmente vivono nelle vie Coastei e Cantonului siano condotti solo come ultima risorsa e nel pieno rispetto degli standard internazionali sui diritti umani;
  • Chiedendo loro di assicurare che lo sgombero avvenga solo dopo una vera consultazione con le comunità rom delle vie Coastei e Cantonului, per identificare tutte le alternative possibili agli sgomberi e che vengano condotte le opzioni di reinsediamento;
  • Esortare le autorità cittadine a fornire un adeguato alloggio alternativo, compatibilmente con i requisiti dei diritti umani e che la gente non venga trasferita a forza dal luogo originale di residenza senza possibilità di ritorno.

MANDATE PREGO GLI APPELLI PRIMA DEL 31 DICEMBRE 2010. Controllate se l'ufficio postale invierà l'appello dopo la data indicata.

Sindaco di Cluj-Napoca
Sorin Apostu
Str. Motilor 5
Cluj-Napoca 400001,
Romania
Fax: +40 264 599 329
Email: sorinapostu@primariaclujnapoca.ro

Copie al:
Primo Ministro
Emil Boc
Guvernul Romaniei
Piata Victoriei nr. 1,
Sector 1, Bucuresti
Romania
Fax: +40 21 313 98 46
Email: drp@gov.ro

Presidente
Traian Basescu
Palatul Cotroceni,
Bulevardul Geniului nr. 1-3
Cod postal 060116
Sector 6 - Bucuresti
Romania
Fax : +40 21 410 38 58
Email: procetatean@presidency.ro

Mandate anche copia alle rappresentative diplomatiche accreditate nel vostro paese.
Ambasciata di Romania
Rue Gabrielle 105
1180 Bruxelles
eMail: secretariat@roumanieamb.be
Fax 02.346.23.45

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

Amnesty International ha visitato Cluj e le comunità rom che vivono nelle vie Coastei e Cantonului nel dicembre 2010. Le comunità rom erano preoccupate riguardo la minaccia di un possibile sgombero. Dissero ad Amnesty International che - nei mesi precedenti - le autorità cittadine avevano annunciato che sarebbero stati sgomberati. La comunità di Coastei è situata a circa cinque minuti a piedi dal centro cittadino. Le famiglie ricevono la posta al loro indirizzo e qualcuna di loro è collegata alla rete elettrica.

Le autorità cittadine hanno confermato - durante un incontro con Amnesty International l'8 dicembre 2010 -i loro piani di spostare le famiglie da via Coastei alle nuove unità abitative nell'area di Pata Rat. Secondo il vice sindaco, le costruzioni di cinque unità per 20 famiglie dovrebbero terminare entro il 15 dicembre. Ha dichiarato che i futuri inquilini riceveranno contratti d'affitto a breve termine che potrà essere prorogato. Il comune cita lamentele diverse provenienti dalla vicina biblioteca e da una multinazionale nelle prossimità di via Coastei, come ragione dello sgombero. Secondo il diritto internazionale, gli sgomberi possono avvenire soltanto come ultima istanza, una volta che tutte le alternative possibili siano state esplorate in una vera consultazione con le comunità interessate. Inoltre le autorità hanno il dovere di fornire un adeguato preavviso; rimedi giurisdizionali, una sistemazione alternativa ed un risarcimento. Devono assicurarsi che le persone non vengano rese senza casa o vulnerabili alla violazione di altri diritti umani come conseguenza dello sgombero. Secondo gli standard internazionali, gli sgomberi non dovrebbero avvenire particolarmente col cattivo tempo o di notte e le autorità hanno il dovere di fornire un adeguato preavviso agli interessati.

Come stato parte della Convenzione Internazionale sui Diritti Politici e Civili, la Romania ha anche l'obbligo di assicurare a tutti quanti risiedono legalmente sul suo territorio, il diritto alla libertà di movimento e di scegliere dove vivere. Per questo Amnesty International è preoccupata che le persone non originarie di Cluj vengano rimandate ai loro luoghi di residenza originale, il che violerebbe il loro diritto [...].

La Romania è parte di una serie di trattati internazionali e regionali sui diritti umani che sanciscono severamente di proibire ed astenersi dagli sgomberi forzati. Questi trattati includono la Convenzione Internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, la Convenzione Internazionale sui diritti politici e civili, la Convenzione sui diritti del bambino, la Convenzione Internazionale sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale e la Carta sociale europea. Il Comitato ONU sui diritti economici, sociali e culturali ha sottolineato nel suo commento generale 7 che gli sgomberi devono avvenire solo come ultima risorsa, una volta che tutte le altre alternative allo sgombero siano state esplorate. Anche quando uno sgombero viene considerato come giustificato, può avvenire solo quando siano messe in atto appropriate procedure di protezione e venga fornito un indennizzo per tutte le perdite, assieme ad una sistemazione alternativa.

UA: 256/10 Index: EUR 39/007/2010

Isavelives.be: le site d'action de la section Amnesty International Belgique francophone - Rue Berckmans, 9 - 1060 Bruxelles. Tel: 02/538.81.77

 
Di Fabrizio (del 21/12/2010 @ 09:09:26, in casa, visitato 1344 volte)

In dieci si erano rivolti al tribunale di Milano per chiedere al Comune di rispettare l'intesa sull'assegnazione di 25 alloggi popolari. Il provvedimento è rivolto anche al ministro Maroni e al prefetto Lombardi

Il giudice Roberto Bichi, della prima sezione civile del tribunale di Milano, ha accolto il ricorso promosso da dieci rom del campo nomadi di via Triboniano contro la mancata assegnazione delle 25 case popolari e ha ordinato al sindaco Letizia Moratti, al prefetto Gian Valerio Lombardi e al ministro dell'Interno, di adempiere agli accordi firmati lo scorso settembre con la Casa della carità, Ceas e Consorzio Farsi prossimo.

Nel ricorso i legali dei rom, Alberto Guariso e Livio Neri, elencavano tutti i passi compiuti dalle amministrazioni citate: si va dalla dichiarazione dello stato di emergenza rom in Lombardia, del 21 maggio 2008, fino alla sottoscrizione dei progetti tra il 5 e il 20 settembre scorso da parte dei ricorrenti, "del dottor Francesco Russo per conto del commissario emergenza rom e dall'amministrazione comunale, in persona del direttore di settore dottoressa Paola Suriano". Progetti che non solo prevedevano l'assegnazione in locazione dei 25 alloggi ancora da ristrutturare ai tre enti sociali e l'individuazione delle famiglie a cui assegnarli, ma che anche, rimarcavano, "recano a carico di ciascun ricorrente-firmatario il seguente formale impegno: 'Rinuncio all'autorizzazione alla permanenza nel campo di via Barzaghi che lascerò entro il giorno 15 ottobre (2010), consapevole che la mancata realizzazione del progetto per responsabilità mia o dei componenti del mio nucleo familiare comporterà comunque la perdita del diritto a risiedere nel campo".

Poi, però, si ricordava come il 27 settembre, a una settimana dall'ultima firma dei progetti, in una conferenza stampa convocata in prefettura il ministro Maroni avesse "affermato che i ricorrenti (come gli altri destinatari dei 25 alloggi) non avrebbero potuto acquisire gli alloggi indicati nei rispettivi progetti, bensì altri, che sarebbero stati reperiti facendo leva 'sul gran cuore di Milano'". Di qui la decisione di ricorrere al giudice, che ha depositato la decisione favorevole ai ricorrenti.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/10/2021 @ 01:56:14
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Sofia (BG) contro la discriminazione... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1274 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 13:14:11
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source