Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 22/01/2010 @ 08:59:30, in Kumpanija, visitato 1351 volte)

Da TheatreRom

Una mattina mi sono svegliato di soprassalto per le urla, esco fuori dalla roulotte e vedo una scena meravigliosa. Due pantere dei carabinieri di zona, che ci conoscevano tutti, e un brigadiere che parlava con il vecchio Sefko, che era considerato l’uomo di fiducia di tutto il campo (se uno vuole far sapere in giro una cosa, basta raccontarla a Sefko e raccomandargli di non dirlo a nessuno: stai sicuro che nel giro di un’ora tutti gli zingari, carabinieri, polizia, pompieri e pure gli autisti dell’Atac sapranno che cosa è successo). Sento il brigadiere che gli fa delle domande:
Brigadiere: “di chi è tutta questa roba?”, indicando un barile, uno di quelli di gasolio che era strapieno di rame squagliato.

Sefko: “bambini”, e indicava due ragazzini di 4 -5 anni massimo.

Brigadiere: “ma che, mi stai prendendo per il culo, come cazzo loro possono portare due quintali e mezzo di rame squagliato?

Sefko: “ma che ne sanno bambini, signor brigadiere, quanto pesano due quintali e mezzo, sono solo bambini e ancora non vanno a scuola e non conoscono matematica.” Quando ho sentito la risposta di Sefko mi sono ammazzato di risate, ridevo cosi tanto che ho smesso ridere dentro la caserma, perché mi hanno portato per accertamenti dei documenti, che io regolarmente non avevo.

 
Di Fabrizio (del 27/01/2010 @ 09:55:57, in Kumpanija, visitato 1975 volte)

Cielo rosso di sangue,
di tutto il sangue dei Sinti
che a testa china e senza patria,
stracciati affamati scalzi,
venivano deportati,
perché amanti della pace e della libertà,
nei famigerati campi di sterminio.
Guerra che pesi
come vergogna eterna
sul cuore dei morti e dei vivi,
che tu sia maledetta.

"Spatzo" Vittorio Mayer Pasquale

 
Di Fabrizio (del 11/02/2010 @ 09:49:26, in Kumpanija, visitato 1877 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

sabato 13 febbraio 2010 h 15.00
campo rom di Rho (Milano) via Sesia 21.
Come arrivarci

Siete tutti invitati a partecipare ad un festoso incontro collettivo che vuole testimoniare l'interazione possibile fra le culture, attraverso rituali, musiche e delizie da mangiare!

Don Gino Rigoldi battezzerà Sanela, nuora del grande fisarmonicista Jovica Jovic.

Saremo in tanti credenti e non, uniti e felici di essere testimoni di uno scambio reciproco, possibile anche in un campo rom, che supera confini fra religioni, lingue, culture, colori, e pensieri diversi.

Contribuite anche voi ad arricchire il banchetto coi vostri piatti, colori e sapori... o semplicemente portando del buon vino!

Aderiscono: Moni Ovadia, Arci cultura, Naga, Terra del Fuoco milano, Aizo, Architettura delle Convivenze, la Banda Degli Ottoni, SoS Fornace, Cromosoma 21, I Muzikanti di Balval, Camilla e Ulisse, Malapizzica, Arcimetromondo, Mondorchestra,Canzoniere dei transiti, Enosud

L'appuntamento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 16/02/2010 @ 09:18:58, in Kumpanija, visitato 2262 volte)

 link al video Muhlbauer - Battesimo di Sanela, nuora di Jovica Jovic, al "campo" rom di via Sesia, Rho (Milano), celebra Don Gino Rigoldi, partecipa anche Moni Ovadia e molti cittadini. Contro la stupidità degli sgomberi senza alternativa e della caccia al diverso.

Le immagini che seguono sono di Ivana (l'album completo su Facebook con le foto in dimensione originale)

La cappella del campo, che non ha porte per non lasciare fuori nessuno. L'ha costruita Jovica

preparativi

preparativi

raccolta di firme http://www.petizionionline.it/petizione/maestro-jovica-jovic/728

il campo pian piano si riempie

l'arrivo dei fratelli romeni!

la festa

finalmente si suona

Moni Ovadia e Jovica Jovic

13 febbraio campo rom di rho...un bel sabato multicolore... moni ovadia... don gino rigoldi... compagni, compagne, torte, musiche e danze

Grazie a tutti voi e a tutti coloro che hanno aderito e partecipato a questo bellissimo sabato al campo di rho, un puzzle composto da cittadini, associazioni,musicisti artisti che compongono la biodiversità di pensieri diversi, cultura, musica, che diviene anticorpo di una società che rischia di divenire istituzionalmente razzista...giusto per citare il brillante e stimolante intervento intervento di moni ovadia!! Oggi abbiamo creato un sito blog: www.jovicajovic.blogspot.com
...e lo stupefacente intervento di don gino rigoldi... fonte di riflessione anche per i non credenti: l'accoglienza come fonte di arricchimento ed evoluzione...

Eccoci, tutti gli amici di jovica jovic, della sua storia che mette a nudo le contraddizioni di leggi prive di lungimiranza e attinenza con lo stato reale delle cose, amici del campo rom di rho, uno dei mille e più campi ..vittime più che altro delle speculazioni dell'expò che del vociferare giornalistico sulla loro pericolosità...

Eccoci amici belli, sabato abbiamo vinto, perché non è stata una giornata arrabbiata..è stata una giornata di festa, una giornata che è catalizzato centinaia di persone, di piatti diversi, di musicisti pensatori e associazioni, per compartecipare al nostro, di tutti desiderio di cambiamento.

Eccoci amici belli, ora facciamo tutti un piccolo sforzo, divulghiamo e firmiamo la petizione per il nostro amico Jovica Jovic, grande maestro emblema dell'assurdità delle leggi che ci auguriamo tutti possa essere solo una delle prime tracce, che consentano la regolarizzazione di un qualcosa che anziché essere pericoloso, si rivela palesemente nutriente, che attraverso i suoi concerti incontri, corsi di fisarmonica, si rivela essere solo motivo di arricchimento per la nostra terra e la nostra gente...cioè tutta la gente..

Ed allora divulghiamo la possibilità di firmare la petizione, per contribuire anche alla creazione di un precedente utile ad altri che verranno...

grazie ...grazie..perché come ci ha ricordato Moni Ovadia sabato, il popolo rom... è una delle poche, forse rare realtà della terra che non ha mai pensato di dichiarare guerra a nessuno--
ed allora eccoci

www.jovicajovic.blogspot.com per sapere di più e divulgare la sua storia, e per accedere al link e firmare alla petizione che richiede alle autorità competenti la sua regolarizzazione per meriti artistici.

moltiplichiamo, le possibilità per cui le lotte diventino morivo di festa, incontro, scambio e relazione... così saremo giorno dopo giorno sempre di più!
tutte le foto o i video che avete realizzato le pubblicheremo volentieri se ce le inviaste!

grazie .
amici di Jovica

 
Di Fabrizio (del 27/02/2010 @ 09:31:13, in Kumpanija, visitato 1718 volte)

Segnalazione di Ivana

 link per chi legge da Facebook

13/2/2010 - discorso di Moni Ovadia al campo rom di Rho, al battesimo di Sanela, la nuora del maestro Jovica Jovic.

preghiamo tutte le PERSONE di firmare la petizione per la regolarizzazione del grande musicista!

grazie

 
Di Fabrizio (del 03/03/2010 @ 09:22:39, in Kumpanija, visitato 1443 volte)

Segnalazione di Cristina Seynabou Sebastiani

Repubblica.it A Jovica Jovic un permesso provvisorio dopo la denuncia di Repubblica di Luca De Vito
Jovica Jovic

Niente più decreto di espulsione per Jovica Jovic, il fisarmonicista rom di fama internazionale fino a poco tempo fa costretto a vivere da clandestino. Dopo che il caso è stato denunciato da "Repubblica" la questura di Roma ha deciso di annullare il decreto e di consegnare a Jovic un permesso provvisorio in attesa di studiare la possibilità di rilasciargliene uno definitivo, garantendogli l´opportunità di spostarsi in Europa (alcuni dei suoi figli vivono in Austria e in Inghilterra).

Lui, ora, è felicissimo: «Finalmente non devo più nascondermi». Con Jovic esultano i membri dell´associazione Terra del Fuoco, dove lui ogni mercoledì insegna fisarmonica cromatica: «È un ottimo risultato - dice Mauro Poletti - ma speriamo con sviluppi positivi: il maestro merita un permesso definitivo».

IL CASO Il musicista in fuga

Nato in Serbia nel 1953 da genitori rom, Jovic si è trasferito in Italia nel 1971. Nella sua carriera è salito sui palchi con artisti come Piero Pelù, Moni Ovadia e Vinicio Capossela. Con la sua famiglia ha vissuto a Rho nel campo nomadi di via Sesia fino al 2007, quando è iniziato il suo calvario. Bloccato all´aeroporto di Roma a causa di un visto non rinnovato è stato rinchiuso in un Cpt, da cui è uscito solo per le sue precarie condizioni di salute e con un decreto di espulsione.

Da quel momento è iniziata una doppia vita: artista in appuntamenti ufficiali da una parte (come quelli al binario 21 nella Giornata della Memoria), clandestino dall´altra. Dopo il servizio su Repubblica, associazioni e personalità si sono mosse in suo aiuto. Da Moni Ovadia a don Gino Rigoldi - che ha pure celebrato il battesimo di Sanela, nuora del musicista - in molti hanno chiesto un intervento delle istituzioni. Venerdì, dopo l´interessamento del ministero dell´Interno, la revoca dell´espulsione. E la fine di un incubo per Jovic.

(02 marzo 2010)

 
Di Fabrizio (del 21/03/2010 @ 08:59:57, in Kumpanija, visitato 1385 volte)

 video di Ivana, il link per chi legge da Facebook

La cronaca ha le sue crude leggi: dopo un morto ce n'è sempre un altro, alla commozione ed all'indignazione del momento segue sempre l'oblio, sino alla prossima notizia. Ci sono morti pesanti ed altre leggere e per chi come me di Rom, Sinti e del loro mondo scrive da anni, la frustrazione di dover sempre ricominciare da capo, sino a perdere la parole, o rischiare di perdere la lucidità, quando tanti sforzi e fatiche di tanta gente (ripeto: di anni, non di oggi) vengono liquidati così. Quello che è scritto resta, il resto si disperde.

Mi sento afono, mi sento DEBOLE anch'io, di fronte alla conta dei morti, senza che se ne ricordi un nome o una storia. Per questo torno (anche se lo so che poco o niente cambierà) a riproporre quel video sul presidio che abbiamo fatto lo scorso 15 marzo. Perché, almeno qui, resti qualcosa, che non sia solo rabbia o dolore.

E consiglio anche quest'altro video di C6.tv

 
Di Fabrizio (del 23/03/2010 @ 09:05:41, in Kumpanija, visitato 1887 volte)

Colgo l'occasione fornita da Isabella sul gruppo Facebook Livorno con i Rom, per conoscere meglio una persona che spesso ha scritto e segnalato articoli sulla Mahalla

mgm.operemissionarie.it - Venerdi, 26 Febbraio 2010

La testimonianza di Don Agostino Rota Martir che abita in un campo Rom fuori dalla bella città di Pisa da ormai una quindicina d'anni, e oltre che essere un prete diocesano fa parte del cammino ecclesiale dell'UNPReS.
Al campo abitano circa 150 Rom, sono quasi tutti Musulmani e di varie nazionalità Slave.

CHI È IL SACERDOTE IMPEGNATO CON I ROM E CHE VIVE CON LORO? - Il "mio" impegno è quello di vivere con i Rom! Nella domanda c'è già parte della risposta...non mi considero "impegnato", termine che a volte può nascondere ambiguità e tranelli, nel senso di fare, realizzare tutta una serie di attività, di impegni per altri, per aiutare chi è nel bisogno. Quando si parla di Rom è inevitabile pensare ad una realtà lontana, distante da noi, un mondo da tenere a bada, sotto controllo, da integrare con le buone o con le cattive: è difficile "amare" qualcuno a distanza di sicurezza. Oggi vedo tanti operatori "impegnati" a favore dei Rom ma distanti da loro, incapaci di relazionarsi alla pari, di guardarli nei loro volti, più preoccupati a mantenere i ruoli ben distanti e chiari, e alla caccia di risultati da sbandierare. È un peccato perché non si rendono conto di cosa perdono: i veri poveri sono loro!
A volte si fanno anche dei Progetti per i Rom con il risultato di creare ulteriori esclusioni e divisioni e senza rendersi conto del grave danno che si sta facendo sulle vite dei Rom.
Vivere con i rom è completamente diverso da chi vive "impegnato" a favore dei Rom...innanzitutto perché le distanze pian piano si avvicinano, arrivano a toccarsi, a volte fino anche a confondersi senza che tu te ne accorga.

CHE CI FA UN PRETE TRA I ROM? - È la domanda che mi sento rivolgere una infinità di volte sia da credenti, praticanti, religiosi, non credenti o di altre religioni. Alla radice di questo interrogativo c'è la convinzione ormai acquisita da tutti che per un sacerdote, un religioso è ammirevole che spenda la sua vita per i poveri, per il loro riscatto sociale, umano...ma quale "tornaconto" se questi vive tra i Rom? Ne vale la pena? Per non parlare della sua "dignità sacerdotale" facilmente compromessa agli occhi di non pochi, per cui sei visto come uno poco affidabile , perché troppo dalla parte dei Rom, una credibilità condizionata, a punti come il permesso di soggiorno in discussione in questi giorni per gli immigrati.

L'AMORE DEL FRAMMENTO È UNA SCUOLA TEOLOGICA - Una grazia che i Rom mi hanno offerto in tutti questi anni è proprio quella di cercare di "vivere il margine", non come un handicap, un incidente di percorso, oppure come un territorio da salvare, ma di interiorizzarlo come luogo di vita, come spazio dal quale e attraverso il quale sono chiamato a leggere e scoprire frammenti di santità: l'amore del frammento è una "scuola teologica" perché educa e cura il nostro sguardo, sempre tentato a far credito su ciò che è maestoso, palpabile, eclatante o piacevole.
Invece allenare i nostri occhi per leggere quel frammento come momento di Grazia, di Gratuità, di Bellezza attraverso il quale Dio passa e visita questo popolo. Se la nostra società guarda i rom come una minaccia, Dio continua a guardarli (nonostante tutto) con tenerezza e con il sorriso. Noi preti, religiosi che abitiamo tra i Rom e Sinti lo facciamo perché arriviamo a scoprire che "il loro punto di vista" merita di essere conosciuto e che è una ricchezza per tutti.

COME SEI STATO ACCOLTO? - A volte ci può essere il rischio e la tentazione di costruire la nostra "santità" sulla pelle dei poveri che si vuole assistere: più sono disgraziati più veniamo santificati! Sono riconoscente a tanti Rom che mi hanno accolto per come sono, mi hanno aperto la porta per entrare nella loro vita, a volte facendomi sentire come parte della loro stessa vita, condividendo anche momenti intensi di gioia, di dolore, di amarezze e speranze...questo mi ha dato la possibilità di raccogliere frammenti di autentica santità, che mi aiutano a leggere e ridire il Vangelo e la mia fede sotto una luce nuova. Farci santi insieme: se sono prete tra i Rom è anche per lasciarmi fare dalla loro "Santità".
Ecco, cerco di vivere il mio sacerdozio attraverso la Grazia di Dio che a volte si manifesta con la stessa generosità e bellezza anche dentro la vita dei Rom, come all'interno delle nostre bellissime cattedrali.

COME VIVI LE TUE GIORNATE? - Credo che la maggioranza sia convinta che al campo io viva pieno di impegni, di attività, di iniziative...quando racconto come passo il mio tempo molti rimangono quasi delusi perché mi vorrebbero preso a "strappare" dai Rom tutto quello che ai nostri occhi appare come un problema, un disagio. A chi vede i rom come un problema si applica bene quello che dice un proverbio Africano: "a guardare sempre dalla stessa parte il collo si irrigidisce".
Credo che a volte solo lo "stare dentro" è un annuncio del Vangelo rivolto alla mia società, esser lì presente evitando la tentazione di cercare scappatoie o ansiosi di trovare vie d'uscita comode e veloci. Non è certo facile spiegare, che almeno per me il problema non sono tanto i Rom con i loro stili di vita diversi dal nostro. Il problema che sento più vero ora , è il nostro sguardo su di loro; è uno sguardo quasi sempre indagatore, arrogante, malato e irrigidito, a volte anche quando li avviciniamo con l'intenzione aiutarli. Quanto vorrei allora, che la mia presenza, la mia amicizia con i Rom servisse soprattutto a cambiare questo nostro sguardo malato che rischia di contagiare l'intera nostra società. Mi piace allora pensare che la mia "missione tra i Rom" sia rivolta soprattutto verso la nostra società, la nostra Chiesa stessa quando non mostra sufficiente coraggio per ispirarsi al Vangelo di Gesù e che per non disturbare troppo l'opinione della nostra gente, rimane in disparte e in silenzio, anche di fronte alla nostra cattiveria che maltratta, umilia, calpesta con disinvoltura i Rom nelle nostre città, allora "piango perché voi non piangete" (Santo curato d'Ars).

COME I ROM TI AIUTANO A RISCOPRIRE LA TUA VOCAZIONE SACERDOTALE? - Come per i monaci il convento diventa il loro "luogo per abitare se stessi", per me lo è il campo dove vivo da anni, è il luogo dove devo imparare a fare attenzione, ad avere cura, a ricostruire legami spezzati, a vivere la pazienza e la fedeltà al Vangelo, a leggere il mondo. Dentro questo luogo sono chiamato a contemplare la Pazienza di Dio, capace di dispensare il bello e il buono ovunque, anche là dove nessuno investirebbe un briciolo di un suo talento.
L'anno sacerdotale coincide con i miei 25 anni di sacerdozio, spesso i chiedo come sarebbe stato se non avessi incontrato in questo cammino i Rom e la Chiesa che vive in mezzo a loro. Penso che sarebbe stato più povero spiritualmente ed umanamente!
So solo che hanno contribuito molto a cambiarmi dentro, mi hanno "sbendato", ad esempio, del "ruolo di prete" che spesso non aiuta a relazionarci alla pari con chi incontriamo. Spesso perché noi preti pensiamo di essere troppo in vetrina. Mi educano a saper vivere nella provvisorietà e a dar valore a ciò che è veramente essenziale nella vita, come ad esempio a dare importanza alla relazione, all'ascolto, dell'altro e a non fermarmi all'apparenza... Una caro nostro amico, un sacerdote francese "zingaro" Claude Dumas, ci disse questa estate riguardo il rapporto Rom-Chiesa: "...invita la Chiesa a ridere con i poveri, a cantare con gli emarginati, a giocare con i delinquenti...chi non ha compreso che invitare alla tavola della festa è più importante che dare da mangiare, chi non ha recepito che il tempo delle condivisioni, della gratitudine, del sorriso è più importante del dono di beni di consumo...". Per me prete uno dei doni più belli ricevuto dal cammino con i Rom, e che in un certo senso mi aiuta a rileggere la mia vocazione sacerdotale, è proprio questo sedersi con loro-ridere-piangere-condividere-insieme anche a mani vuote, perché la "Parola di Dio abiti tra voi nella sua ricchezza" (Colos. 3,16)

 
Di Fabrizio (del 01/04/2010 @ 09:51:50, in Kumpanija, visitato 1505 volte)

Ricevo e inoltro (e vi invito a inoltrare), perché non ne vada perso il ricordo. Annamaria

Ieri mattina è morto Natale, un violinista rumeno che era stato in Italia alcuni mesi nel 2002. Forse molti di voi non hanno fatto in tempo a conoscerlo, ma chi ha avuto il modo di interagirci si ricorderà del suo sorriso sdentato, dei suoi occhiali mezzi rotti (che però gli davano un certo tono), della sua giacca rattoppata dalle cui tasche uscivano penne, foglietti con calcoli matematici e peperoncini enormi, e delle bacchette con le quali insegnava il violino a un'allieva argentina che lo aveva conosciuto al Fioravanti, dove viveva prima di trasferirsi allo Scalo di Via Casarini.

Dan Pagaie dice sempre che in Romania i musicisti dicono tutti di avere la testa migliore del braccio. Natale era l'unico che diceva: "Meno male che ho il braccio, ché la testa non è buona".

Il giorno prima di tornare in Romania (all'epoca Natale era clandestino e la polizia di Bologna lo aveva preso di mira impedendogli di suonare per strada) ha registrato l'album coi Romeno Fantastic all'Ivan Illich, di Bologna, in via Erbosa. Mi sembra una vita fa. Volevo condividere con voi il ricordo di Natale che, nonostante la sua morte, non riesce a non mettermi allegria. E.

 
Di Fabrizio (del 04/04/2010 @ 09:04:42, in Kumpanija, visitato 1592 volte)

Da Bulgarian_Roma

A quanti celebrano la Pasqua
NRC vuole augurare a tutti voi una felice Pasqua ed un grande successo nel vostro lavoro, oltre a continuare la nostra cooperazione e collaborazione. Possiate tutti voi avere la benedizione di Dio e pace nelle vostre anime.

Dzi savorende so ajkeren I Patradzi
NRC kamel tumenge Bahtali Partadzi thaj lacho sukceso pe tumari buchi sar vi majlachi koparacija amencar.Savore te aven bahtale devlestar lachimas pe tumaro ilo.

До сите кои го прославуваат Велигден
НРЦ би сакал да ви посака среќни Велигденски празници и голем успех во вашата работа како и продолжување на нашата соработка. Сите да сте благословени и со мир во вашите души.

Nacional Roma Centrum
Done Bozinov 11/5
1300 Kumanovo (MK)
email: info@nationalromacentrum.org
www.nationalromacentrum.org 
Tel./fax: 0038931427558

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/11/2022 @ 23:06:57
script eseguito in 64 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 679 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source