Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 15/09/2005 @ 18:49:55, in Europa, visitato 1398 volte)

ERRC (European Roma Right Centre) lo scorso 13 settembre ha presentato un proprio rapporto ombra sulla condizione dei bambini Rom in Ungheria, congiuntamente al Comitato ONU sui Diritti dell'Infanzia. Il rapporto ombra si focalizza su:
- difficoltà nell'ottenere dati etnici;
- rimozione dei bambini Rom dal loro ambiente;
- tematiche dell'adozione e dell'identità;
- mancanza di seri professionisti nella protezione dell'infanzia, specialmente preparati sui modelli rom;
- segregazione razziale nelle scuole;
-accesso ai servizi sanitari e alle politiche dell'alloggio;
- problemi pratici e teorici sulla protezione e recupero dei bambini che abbiano subito abusi.
Il testo completo in formato MSWord è scaricabile QUI
 
Di Fabrizio (del 14/09/2005 @ 11:49:04, in Europa, visitato 1432 volte)

Il tema delle politiche immigratorie è diventato un "calderone" dove ogni tesi/antitesi cede alla contrapposizione ideologica, confondendo politiche del lavoro con religione, libertà religiosa, pubblica sicurezza...
E il rischio è che nei mesi che mancano alle elezioni, la confusione continuerà a crescere, perché parlare contro l'immigrazione PORTA VOTI.

Prima che finiscano nel dimenticatoio, segnalo un trittico di articoli che da un punto di vista moderato, provano a fornire un quadro europeo di riferimento e di controllo



  1. Vogliamo anche noi una politica selettiva dell'immigrazione? Le politiche dell'immigrazione degli stati dell'Unione Europea stanno diventando sempre più restrittive per i lavoratori poco qualificati, mentre i diversi paesi competono tra di loro nel cercare di attrarre dall'estero lavoratori più istruiti. Da noi, invece, prevale un atteggiamento restrittivo su tutti i fronti. E nel dibattito pre-elettorale si continua a pensare che si possa gestire la politica dell'immigrazione a livello nazionale, ignorando ciò che avviene altrove.

  2. Un indice di rigidità delle politiche di immigrazione Un indice di rigidità delle politiche dell’immigrazione permette di determinare il grado di chiusura di ciascuna legislazione e la sua evoluzione nel tempo. La tendenza prevalente nei paesi europei è quella di irrigidire le restrizioni verso la manodopera poco qualificata, favorendo l’immigrazione di persone con più alto livello di istruzione. Fa eccezione l'Italia.

  3. La via inglese all'immigrazione L'ingresso di lavoratori extracomunitari nel mercato del lavoro italiano è guidato dal criterio della priorità cronologica delle domande presentate dai potenziali datori di lavoro. La legge è sostanzialmente indifferente alle competenze degli immigrati. Non richiede requisiti di alfabetizzazione né riconosce priorità legate al possesso di specifici titoli di studio o professionali. Nel Regno Unito, invece, la legge prevede un sistema di valutazione a punti delle competenze e introduce un meccanismo privilegiato di ingresso per gli "highly skilled migrant".

 
Di Fabrizio (del 11/09/2005 @ 04:13:11, in Europa, visitato 2643 volte)

Una segnalazione rapida dal sito della :

Il deputato (conservatore) David Davies, venuto a conoscenza che nella regione dell'Hampshire si sta organizzando una lotteria per finanziare un museo e centro di documentazione sulla vita della comunità dei Nomadi e Viaggianti, ha scritto sul proprio sito web (l'articolo non indica il link, sorry) che si aspetta che un'iniziativa simile possa finanziare un museo - documentario sulla "vita della comunità sedentarizzata".

Dato che in Gran Bretagna i media sono meno addomesticati che in Italia, la sua idea è stata immediatamente bollata come una provocazione fine a se stessa, o un tentativo di prolungare campagna elettorale o alimentare le tensioni sociali (insomma: la sindrome del soldato giapponese perso nella giungla).

Sarà che mi sto rammollendo, ma non ho voglia di aggiungere polemiche. Anzi: fate finta che io sia un deputato conservatore, antipatico e suonato quanto volete, volevo chiedervi: Cosa mettereste mai in un "museo sulla vita dei sedentari"?

  • La nuova 500?
  • La coda al casello di Agrate?
  • La fabbrica o l'ufficio?
  • Le rate da pagare?
  • Il lettore DVD?

Insomma, ci sarà pure qualcosa di questa nostra civiltà che vorrete salvare per i posteri! Aspetto i vostri suggerimenti, sperando nel frattempo di trovare la mail del deputato, così gli mando qualche idea.

E viceversa, se volete farvi un'opinione di cosa potreste raccogliere sulle tradizioni dei Nomadi e Viaggianti, vi invito a una visita virtuale (per ora):

(questi anglosassoni! noi poveri italiani anche sulle tradizioni siamo bravi solo a parole)

Per la verità, un sito italiano lo conosco, ma ve lo indico solo se rispondete... : - )

 
Di Fabrizio (del 06/09/2005 @ 18:34:52, in Europa, visitato 2825 volte)

Tirol.com 4. Settembre 2005


Campingverbot für Roma und Sinti in Strassen

Il cartello "Non c'è posto per gli Zingari" è stato rimosso. Rimane il rifiuto di accogliere Sinti e Rom nel campeggio. 

Rom e Sinti non sono benvenuti nel campeggio Johann Wiesers sulle Dolomiti, Dopo le proteste, è stato eliminato il cartello all'ingresso che recitava "Non c'è posto per gli Zingari". "Non era più necessario" dice il proprietario Wieser.

La portavoce sull'Integrazione della SPÖ (socialisti) Elisabeth Hlavac, spiega in una nota: "Sono orripilata per una forma così aperta di razzismo e discriminazione". Il cartello è stato rimosso a seguito delle vivaci proteste di un operatore del campeggio, membro dell'associazione antirazzista ZARA.

L'episodio è esemplare della discriminazione "reale" che tuttora riguarda Rom e Sinti. La richiesta di di norme antidiscriminatorie si lega alla necessità di iniziative politiche "La lotta contro il razzismo comincia nella testa della gente" conclude Hlavac.

Rilancia la deputata regionale Elisabeth Blanik (sempre del SPÖ) "Occorre ridefinire alla base le norme a tutela delle minoranze... Quel cartello rappresenta un segno pubblico di discriminazione. La legge tirolese contro le discriminazioni e il regolamento dell'industria e dell'artigianato, proibiscono di vietare l'ingresso sulla base dell'appartenenza etnica." Lodando l'iniziativa di protesta dell'operatore e dell'associazione ZARA, chiede che le autorità distrettuali multino il proprietario del campeggio.

"Non ho niente contro gli zingari e i rapporti con loro sono sempre stati buoni" si spiega Wieser col Tiroler Tageszeitung. Si giustifica con le ragioni economiche: "Nel 2002, 28 altri campeggiatori hanno minacciato di andarsene se fossero rimasti gli zingari".

L'anno seguente, col permanere dei Rom e dei Sinti, le presenze dei turisti calarono visibilmente. Furono commessi dei furti nella zona. Nonostante le indagini della polizia, nessuna prova risultò contro Rom e Sinti.

"Molti campeggiatori non gradiscono gli Zingari come vicini" spiega Wieser. "Direi, il 99% di loro". 

Autor: Von Josef Oblasser
Quelle: TT

 
Di Fabrizio (del 01/09/2005 @ 10:21:56, in Europa, visitato 2175 volte)

RAPPORTO DI AMNESTY INTERNATIONAL

riportato da Anna Lepadatu su Romanian_Roma

I Rom Mikhail Kaldarar e Vasilii Kodrian, da settimane sono trattenuti nelle carceri di Chişinãu, la capitale. Tutti e due senza addebiti a loro carico e a rischio di malvessazioni e violenze.

Mikhail Kaldarar è stato trattenuto dalla polizia durante un’azione effettuata nel quartiere rom della città di Yedintsy, nel nord del paese, attorno al 18 luglio. L’azione avveniva in seguito ad alcuni omicidi a Chişinãu. La polizia ha fatto irruzione negli appartamenti, malmenato uomini, donne e bambini. Ha poi trattenuto 30 di loro, tra cui bambini di 12 anni. La maggior parte sono stati scarcerati due giorni dopo, su richiesta del tribunale cittadino, che aveva giudicato non ci fossero imputazioni a loro carico. Testimoni riferiscono di essere stati malmenati durante i due giorni, perché confessassero le loro colpe.

Secondo il suo avvocato, Mikhail Kaldarar è stato invece trasferito sui richiesta del Ministero degli Interni in un Centro Temporaneo (izoliator vremennogo soderzhaniia, - IVS) della capitale. Doveva essere scarcerato il 25 luglio, perché trattenuto senza motivo. Un rapporto della polizia cita che il 27 luglio la madre e alcuni rappresentanti dell’Alleanza Unita dei Rom di Moldavia, si sono recati presso l’IVS, non avendolo visto tornare. Il 3 agosto il Ministero degli Interni ha confermato alla famiglia che Mikhail Kaldarar era ancora detenuto nell’IVS e che sarebbe stato rilasciato solo dopo che la comunità Rom avesse indicato i veri colpevoli degli omicidi di Chişinãu. Da parte sua, il Ministero non ha confermato questa versione dei fatti e né la famiglia né il suo avvocato hanno più avuto il permesso di un colloquio.

Il 5 agosto, Vasilii Kodrian è stato invece trattenuto dalla polizia di Yedintsy, nel corso della stessa inchiesta, al posto del figlio che non era reperibile. Si pensa che attualmente si trovi pure lui nell’IVS di Chişinãu.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Violenze e torture durante la custodia e gli interrogatori sono comuni presso la polizia moldava. Uno dei bersagli più frequenti di questi trattamenti è a comunità Rom. Nel suo secondo rapporto sulla Moldavia, pubblicato nell’aprile 2003, la Commissione del Consiglio d’Europa contro il Razzismo e l’Intolleranza (ECRI), esprime alta preoccupazione sulla discriminazione verso i Rom e sottolinea i trattamenti loro riservati dalle forze di polizia.

 
Di Fabrizio (del 31/08/2005 @ 16:35:32, in Europa, visitato 2132 volte)
da Bulgarian_Roma / Bulgarian Helsinki Committee

E' uscito il numero 122 del bimensile online "Obektiv" (in lingua inglese). In questo numero il pericolo della deriva xenofoba e nazionalista in Bulgaria, alla luce del recente successo elettorale della coalizione "Ataka/Attack".

 
Di Fabrizio (del 31/08/2005 @ 16:12:09, in Europa, visitato 2472 volte)
da Roma_Yugoslavia
Di nuovo molotov contro i Rom

BELGRADO, 29 agosto (IrA)

All'incirca alle 2.00 di questa notte, ignoti hanno lanciato due molotov contro una casa di via Sumatovacka 124 a Belgrado. Una delle bottiglie è caduta sul tetto, proprio sopra alla stanza dove dormiva un bambino di 14 mesi. L'altra è finita nel parcheggio di frnte all'abitazione, diproprietà di uno dei residenti. E' il secondo attacco di questo genere contro i Rom nelle ultime due settimane. Il primo era avvenuto a Zemun.

Gli abitanti hanno denunciato il fatto all'Ufficio Socio-Legale del Centro Comunitario Rom e al Social Club Maladipe. Alcuni dei residenti, Djordje Jevtic, Goran Rajic, Boban Mitrovic e Gabrijela Kamberovic ritengono che l'attentato sia da collegarsi alle minacce che ieri sarebbero state rivolte loro da non meglio identificati poliziotti in divisa. I poliziotti avevano intimato loro di lasciare immediatamente la casa, anche se non avevano nessuna richiesta del tribunale o altri documenti a suffragare la richiesta. Nell'abitazione di via Sunmatovacka, che in precedenza era stata sede di uffici comunali, vivono sette famiglie, circa 40 persone, alcune trasferitesi lì in maniera irregolare.
Anche se quanto raccontato dai testimoni è tuttora da vagliare, è indicativo del clima in città.
 
Di Fabrizio (del 31/08/2005 @ 00:13:37, in Europa, visitato 2117 volte)
Nella città di Suto Orizari (municipalità alla periferia di Skopje a maggioranza e sindaco rom), si sono verificate contestazione nelle recenti elezioni comunali.
Alcune organizzazioni femminili Rom hanno creato un gruppo di osservazione allo scopo di dialogare con partiti e candidati e nel contempo controllare la regolarità delle elezioni.
Il gruppo formatosi sarà attivo nel prossimo turno elettorale dal 4 al 5 settembre.

Info:
Roma Lobby Group
DROM Office
 
Di Fabrizio (del 27/08/2005 @ 18:45:42, in Europa, visitato 2616 volte)

dalla mailing list Roma_Benelux

nota bene: se qualcuno ha il dubbio di aver letto da poco una notizia simile, ha ragione

Scrive David Rennie da Bruxelles sul Telegraph di Londra - 27 agosto 2005 (riassunto)

Almelo è una florida cittadina di 72.000 abitanti nella regione del Twente in Olanda, culla della cultura libertaria per cui va famosa Amsterdam.

La biblioteca pubblica di Almelo ha deciso che oltre al prestito dei libri, si occuperà di prestare ai suoi lettori anche persone in carne e ossa, tramite incontri in un caffè. Le persone "in prestito" sono state individuate tra omosessuali, tossicodipendenti, richiedenti asilo, Zingari, portatori di handicap fisici.

Il direttore della libreria, Jan Krol, dice di essere già sommerso dalle prenotazioni dei lettori che vogliono prendere parte a questi incontri, e di aver avuto un forte incremento delle iscrizioni alla libreria. L'idea gli è venuta ispirandosi a un'iniziativa simile in Svezia. Compito di questi incontri è affrontare pubblicamente e con i diretti interessati i pregiudizi della società. Ha voluto fortemente coinvolgere la piccola comunità Rom presente in Olanda, dopo che le cronache hanno riportato di recenti violenze razziste contro di loro.

"Non ho chiesto il parere del municipio" dice "è un'iniziativa progettata e gestita autonomamente. E' anche assolutamente gratuita, solo il costo di due tazze di caffè".

 
Di Fabrizio (del 25/08/2005 @ 15:59:55, in Europa, visitato 1561 volte)

E' uscito il numero d'agosto.

Contiene informazioni su notizie e sviluppi politici riguardanti i diritti sociali fondamentali dei migranti privi di documenti in Europa. La newsletter è attualmente disponibile in formato Word e scaricabile dal sito internet di PICUM (www.picum.org) nelle seguenti lingue: inglese, tedesco, olandese, spagnolo, francese, italiano e portoghese. Vi invitiamo a diffondere ampiamente questa newsletter. 
 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


28/02/2020 @ 07:16:05
script eseguito in 93 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3566 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source