\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Moldavia
Di Fabrizio (del 01/09/2005 @ 10:21:56, in Europa, visitato 2195 volte)

RAPPORTO DI AMNESTY INTERNATIONAL

riportato da Anna Lepadatu su Romanian_Roma

I Rom Mikhail Kaldarar e Vasilii Kodrian, da settimane sono trattenuti nelle carceri di Chişinãu, la capitale. Tutti e due senza addebiti a loro carico e a rischio di malvessazioni e violenze.

Mikhail Kaldarar è stato trattenuto dalla polizia durante un’azione effettuata nel quartiere rom della città di Yedintsy, nel nord del paese, attorno al 18 luglio. L’azione avveniva in seguito ad alcuni omicidi a Chişinãu. La polizia ha fatto irruzione negli appartamenti, malmenato uomini, donne e bambini. Ha poi trattenuto 30 di loro, tra cui bambini di 12 anni. La maggior parte sono stati scarcerati due giorni dopo, su richiesta del tribunale cittadino, che aveva giudicato non ci fossero imputazioni a loro carico. Testimoni riferiscono di essere stati malmenati durante i due giorni, perché confessassero le loro colpe.

Secondo il suo avvocato, Mikhail Kaldarar è stato invece trasferito sui richiesta del Ministero degli Interni in un Centro Temporaneo (izoliator vremennogo soderzhaniia, - IVS) della capitale. Doveva essere scarcerato il 25 luglio, perché trattenuto senza motivo. Un rapporto della polizia cita che il 27 luglio la madre e alcuni rappresentanti dell’Alleanza Unita dei Rom di Moldavia, si sono recati presso l’IVS, non avendolo visto tornare. Il 3 agosto il Ministero degli Interni ha confermato alla famiglia che Mikhail Kaldarar era ancora detenuto nell’IVS e che sarebbe stato rilasciato solo dopo che la comunità Rom avesse indicato i veri colpevoli degli omicidi di Chişinãu. Da parte sua, il Ministero non ha confermato questa versione dei fatti e né la famiglia né il suo avvocato hanno più avuto il permesso di un colloquio.

Il 5 agosto, Vasilii Kodrian è stato invece trattenuto dalla polizia di Yedintsy, nel corso della stessa inchiesta, al posto del figlio che non era reperibile. Si pensa che attualmente si trovi pure lui nell’IVS di Chişinãu.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Violenze e torture durante la custodia e gli interrogatori sono comuni presso la polizia moldava. Uno dei bersagli più frequenti di questi trattamenti è a comunità Rom. Nel suo secondo rapporto sulla Moldavia, pubblicato nell’aprile 2003, la Commissione del Consiglio d’Europa contro il Razzismo e l’Intolleranza (ECRI), esprime alta preoccupazione sulla discriminazione verso i Rom e sottolinea i trattamenti loro riservati dalle forze di polizia.