Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/07/2012 @ 09:19:56, in Europa, visitato 1403 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Foto dal convegno AIZO, Torino 11 ottobre 2011

Cari e care
siete invitati all'incontro con NICOLAE GHEORGHE che si terrà sabato 21 luglio a partire dalle 14 e domenica 22 luglio 9.30-14. La sede verrà comunicata al più presto. Posso anticipare che sarà in Trastevere o - come dicono alcuni rom - in san tevere. Si sta organizzando, per chi è interessato, una cena e un pranzo a prezzo fisso (circa 20 euri).
Le spese di trasporto vitto e alloggio sono a carico dei partecipanti.
Per evitare interventi del tipo "brevi considerazioni sull'universo" suggerisco il seguente ordine dei lavori con l'avvertenza che è mia intenzione accantonare per una volta il tema dell'inclusione sociale dei rom, della discriminazione, del razzismo ecc. per affrontare tematiche di medio e lungo termine come la questione etnica e il suo intreccio con quella politica (cittadinanza):

1. INTRODUZIONE ALL’INCONTRO
2. SIGNIFICATO E PROSPETTIVE DELLA NAZIONE ROM
3. RUOLO DELLE ONG, DEGLI ESPERTI E ATTIVISTI ROM: UNA NUOVA RETORICA DISCORSIVA ?
4. UN NUOVO TRATTATO DI PACE TRA ROM E GADJE’ ?
5. UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI PACE A PARTIRE DAI CASI DI BAIA MARE (ROMANIA) E TOR DE’ CENCI (ROMA)


Chi è interessato a partecipare è pregato di inviarmi un mail di conferma con l'indicazione se partecipa a tutte e due le sedute o solo ad una e quale. Siete ovviamente liberi di invitare persone che pensiate possano essere interessate. Per mere questioni logistiche vi prego solo di comunicarmi i nominativi.

Allego tre scritti di Nicolae che offrono eccellenti spunti di riflessione. Uno è in inglese e uno in francese. Vi allego anche la mia traduzione. E' stata fatta di corsa pertanto mi scuserete l'italiano non curato. La sostanza si capisce però.

N.B. Il tenore dell'incontro è quello di una aperta riflessione tra amici. Non sono previsti quindi né paludamenti accademici né sussiegose relazioni. E' solo l'opportunità di incontrare un intellettuale rom di spicco e di confrontarsi con lui.

 
Di Fabrizio (del 18/07/2012 @ 09:31:29, in Europa, visitato 1628 volte)

A cinque famiglie rom, bambini compresi, sgomberate a forza da Belgrado a Niš, città nella Serbia meridionale, viene negata acqua, servizi igienici ed elettricità.

Cinque famiglie rom, 18 persone tra cui una donna incinta che poi ha partorito, sono stati reinsediati in un magazzino abbandonato in via Daniciceva a Niš, senza accesso all'acqua, a servizi igienici o all'elettricità. Sono rimasti senza accesso all'acqua per oltre 10 settimane, da quando sono stati sfrattati da Belgrado il 26 aprile. Attualmente [...] in Serbia le temperature superano regolarmente i 35° centigradi. Anche se le infrastrutture lo permetterebbero, nel magazzino non c'è acqua corrente. Le autorità hanno dichiarato il 20 giugno che l'acqua potrà essere riattivata senza troppe difficoltà, e che sarebbe stata disponibile entro fine settimana scorsa. L'acqua non è ancora stata ripristinata, violando i diritti delle famiglie ad un alloggio, acqua e servizi igienici adeguati. Le famiglie devono prendere l'acqua con contenitori di plastica dalla fontanella più vicina, che si trova in un mercato, a circa 115 metri dal magazzino. Questa fonte non è sempre disponibile, perché il mercato è aperto solo dalle 7.00 alle 15.00, ed anche quando il mercato è aperto viene spesso negato loro da un funzionario locale di potersi rifornire. L'unica fonte alternativa si trova nel centro città a 30' di cammino. Secondo l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) il diritto all'acqua richiede che l'acqua sia disponibile, o nelle immediate vicinanze dove la gente vive,se in uno spazio compreso tra i 100 e e 1.000 metri dall'insediamento, o se ad una distanza tra i 5 ed i 30 minuti (compreso il tempo impiegato in coda), diventa difficile raccogliere più di 20 litri d'acqua a persona, quindi si è a rischio salute. Inoltre, il magazzino non ha servizi igienici adeguati, essendo quelli esistenti insalubri a causa della mancanza d'acqua.

Inviate l'appello prima del 20 agosto a:

Sindaco
Milos Simonovic
Ulica 7 Juli broj 2
18 000 Nis
Serbia
Fax: +381 18 504545
Email: mayor@ni.rs
Salutation: Dear Mayor

Consigliere della città
Dusica Davidovic
Ulica 7 Juli broj 2
18 000 Nis
Serbia
Fax: +381 18 504545
Email: Dusica.Davidovic@gu.ni.rs
Salutation: Dear City Councillor

Delegazione dell'Unione Europea nella Repubblica Serba
Martin Kern
Vladimira Popovica 40/V
Avenija 19a Building
11070 New Belgrade
Serbia
Fax: +381 11 3083201
Email: delegation-serbia@eeas.europa.eu

Inviate inoltre copia alle rappresentanze diplomatiche accreditate nella vostra città.

 
Di Fabrizio (del 21/07/2012 @ 09:14:02, in Europa, visitato 1825 volte)

Premessa: mercoledì scorso ho pubblicato questo appello di Amnesty International. Avevo chiesto altre informazioni a Paul Polansky, che vive proprio a Niš. Di seguito troverete la traduzione della sua risposta. Nota: nel frattempo ho sentito anche altre conoscenze che ho in zona; mi hanno risposto di non averne mai sentito parlare. Curioso: succede lo stesso anche in Italia. E' più facile venire a conoscenza di ciò che accade, per esempio, in Romania o in Francia, rispetto a ciò che succede alla porta di casa nostra.

    Fabrizio, ecco cosa ho scoperto. Tuttavia, dopo averlo scritto, ho saputo che ora il sindaco sta mandando da mangiare ai Rom, ed ha incaricato uno dei suoi assistenti di tenerlo informato giorno per giorno sulla situazione. Vuole aiutarli veramente.

    Paul

NISH REPORT 19 luglio 2012: Ieri alle 14.46 ho ricevuto una telefonata dall'ufficio del sindaco, che mi informava che la acqua era stata collegata alle 11.00 all'edificio abbandonato. La portavoce diceva che il sindaco era intervenuto personalmente per ordinare l'aggancio, e che lui assieme ad un altro funzionario avevano visitato il sito per confermare che le famiglie romanì avessero l'acqua. La portavoce mi ha anche detto che il municipio di Nish aveva inviato una mail a tutti i soggetti interessati e la conferma del collegamento veniva riportata sulla pagina web del comune. (vedi QUI ndr.)

Le ho risposto di porgere le mie congratulazioni al sindaco. Vorrei incoraggiare chiunque legga questo rapporto ad inviare una mail al sindaco (zoran.perisic@gu.ni.rs - mayor@ni.rs) per ringraziarlo dell'azione, anche se era in carica da soli tre giorni lavorativi. L'ex sindaco aveva resistito oltre 80 giorni senza collegare l'acqua.

Più tardi, il pomeriggio stesso, ho incontrato presso l'ufficio abbandonato Marija Manic, rappresentante ERRC per la Serbia. E' Romnì, all'ultimo anno degli studi di legge. Ha operato con queste famiglie romanì prima che fossero espulse da Belgrado, e conosce la loro storia probabilmente meglio di chiunque altro.

Era sorpresa che il nuovo sindaco avesse ordinato il ripristino dell'acqua, essendo in carica solo da pochi giorni. In quanto esponente del vecchio partito di Milosevic, lei temeva che fosse più difficile collaborare con lui che col sindaco precedente.

L'acqua viene immessa tramite un tubo rotto. L'acquedotto cittadino ha collegato l'acqua, ma rifiuta di riparare il tubo.

Sfortunatamente, dopo essere arrivati in loco, ci è stato detto e mostrato rapidamente che la conduttura era difettosa. L'acquedotto cittadino aveva sì collegato l'acqua, ma in un pozzetto sotto terra c'era un tubo che perdeva acqua. L'acqua che raggiunge il solo rubinetto (nei bagni turchi) ha pochissima pressione. L'acquedotto ha rifiutato di riparare il tubo rotto, dicendo ai Rom che dovevano provvedervi loro. Ovviamente, i Rom non hanno né soldi né capacità per farlo.

L'unico rubinetto dell'edificio, nel vecchio bagno turco. Settimana scorsa funzionari dell'acquedotto avevano visitato l'edificio, dicendo che non c'erano tubature per portare l'acqua al palazzo.

Dopo aver fotografato la perdita d'acqua, ho chiesto ai Rom se conoscessero un idraulico che potesse riparare il tubo. Ho promesso loro che avrei pagato il lavoro se l'avessero tr4ovato immediatamente. In quindici minuti è arrivato, assieme al suo assistente, e ci siamo accordati per una riparazione immediata. Sono balzati sul loro scooter, precipitandosi a comperare i materiali.

Dato che il tubo era di plastica, c'era bisogno di elettricità per poterla fondere ed unirlo con il nuovo. Ma l'edificio non ha corrente, e l'idraulico ha dovuto usare una prolunga, collegandola ad una casa serba lì vicino. Così dopo un'ora il tubo era stato riparato e la pressione dell'acqua era tornata alla normalità.

Durante la riparazione, nel pozzetto è stato scoperto un ratto, che è stato ucciso perché il lavoro potesse continuare. I ratti sono comuni negli edifici abbandonati e la matriarca del clan che vive lì mi ha mostrato la punta del suo piede, che era stata morsicata. Ma rivendicava con orgoglio che dopo averla morsa il topo era morto.

Al centro della foto, il ratto ucciso dall'idraulico.

Marija ha promesso di mandarmi una memoria scritta su tutta questa storia. Una volte ottenute tutte le informazioni, spero di lavorare assieme a lei per trovare qualche soluzione. Credo che il nuovo sindaco, medico universitario ed ex primario del centro cardiologico di Nish, abbia mostrato buona volontà nel rispondere così velocemente al mio appello per fornire l'acqua a queste famiglie. Era subentrato nell'incarico da pochi giorni, e probabilmente ha bisogno di tempo per informarsi sul pregresso di questa situazione. Lo conosco da oltre sei anni e ritengo che farà la cosa giusta per questi Rom.

Il nuovo impianto che l'acquedotto ha rifiutato di realizzare.

Probabilmente l'ex sindaco non voleva aiutare questi Rom senzatetto, per paura che gli elettori locali sarebbero stati contro questo appoggio. 


Le condizioni di vita nel vecchio magazzino abbandonato, dove queste quattro famiglie romanì stanno provando a sopravvivere. Il municipio di Belgrado aveva promesso loro dei container una volta che fossero arrivati a Nish. (per vedere le ultime due immagini a grandezza naturale, cliccarvi sopra, ndr)

(le foto sono di Paul Polansky)

 
Di Fabrizio (del 23/07/2012 @ 09:16:56, in Europa, visitato 1131 volte)

Da British_Roma

 

  Razzismo istituzionale per i Rom in Scozia - by Billy Briggs

15/07/2012 - E' stata lanciata un'indagine governativa dopo che un rapporto accusava funzionari pubblici di "razzismo istituzionale" nei loro rapporti con i Rom che vivono in Scozia.

Funzionari del Ministero del Lavoro e delle Pensioni (DWP) sono indagati con l'accusa di aver minacciato ed ingannato i Rom, tramite personale del centro lavoro, e di aver ritardato pagamenti legittimi, ritardi che hanno portato ad alti livelli di povertà infantile.

Le accuse sono contenute in un rapporto commissionato da Oxfam al Govanhill Law Centre (GLC) di Glasgow. Il risultato del ritardo dei pagamenti - in alcuni casi, anche tre anni - ha portato alla miseria alcuni Rom, incluse famiglie con bambini.

Il rapporto è stato scritto dagli avvocati del GLC che hanno indagato su come 66 famiglie rom siano state trattate dal DWP, dall'ufficio delle tasse ed imposte, e dal consiglio cittadino.

GLC ha concluso che in alcuni casi i Rom sono stati trattati in maniera illegale, contro quanto stabilito dall'Equality Act 2010.

L'inchiesta riguardo al DWP si sta focalizzando sul centro lavoro Laurieston Plus, situato in un'area di Glasgow che ospita circa 3.000 Rom.

Una portavoce del DWP ha confermato che propri inquirenti sono in contatto col GLC.

Ha detto: "Jobcentre Plus prende con estrema serietà questo tipo di accuse. Ci aspettiamo alti standard di comportamento dal nostro staff."

L'iniziativa è stata accolta con favore dagli attivisti, che hanno chiesto di essere messi a conoscenza delle conclusioni del rapporto.

Lindsay Paterson, avvocato per GLC e tra le autrici del rapporto, afferma: "Intendiamo cooperare pienamente in ogni modo possibile con le indagini. Ci auguriamo che l'ufficio delle tasse ed imposte segua l'esempio del DWP e lanci parimenti un'indagini sulle serie violazioni dell'Equality Act individuate nel nostro rapporto."

Annie Lewis, di Oxfam, dice: "Siamo estremamente preoccupati dall'evidenza che i Rom vengano trattati differentemente dagli altri cittadini UE, quando si tratta di accedere ai benefici e ai crediti d'imposta. Siamo lieti che sia partita un'indagine."

L'ufficio delle tasse ed imposte sta studiando le accuse di GLC ed è disposto a cooperare ad un'inchiesta ufficiale.

 
Di Fabrizio (del 24/07/2012 @ 09:08:12, in Europa, visitato 1130 volte)

Da Nordic_Roma

The Nordic page Assalito campo rom ad Oslo con petardi e pietre - Photo : Pieter Edelman | Tende in campo rom

Quattro uomini arrestati per avere assalito sabato notte un campo rom ad Oslo con petardi e pietre.

Comunica TV2 che i residenti del campo testimoniano di essere stati svegliati da gente che tirava pietre contro il campo.

I Rom erano arrivati nell'area con materassi ed altre attrezzature per costruire un campo, dopo essere stati mandati via dal cortile di una chiesa in centro città. Né il comune, né il distretto o il dipartimento di giustizia erano intervenuti contro l'insediamento, nella regione di Årvoll a Oslo.

Tuttavia, i residenti del quartiere esprimono le loro preoccupazioni sul numero crescente dei Rom, e paura che questo possa portare inquinamento e criminalità.

 
Di Fabrizio (del 25/07/2012 @ 09:12:01, in Europa, visitato 1177 volte)
Da Roma_Francais

LE VIF.be Trecento Rom hanno manifestato di fronte all'Ufficio Stranieri contro le espulsioni - 13 juillet 2012 à 19h29

Venerdì pomeriggio trecento Rom hanno manifestato di fronte all'Ufficio Stranieri. Protestavano contro l'espulsione sistematica degli immigrati provenienti da paesi non appartenenti all'Unione Europea. "L'Ufficio respinge tutte le richieste d'asilo e di regolarizzazione presentate dai Rom," dichiara Imer Kajtazi,, promotore dell'iniziativa. "Non c'è alcuna distinzione in base alla loro documentazione."

"Alcuni vivono in Belgio da 5 o 10 anni. Lavorano qui, pagano le tasse ed hanno bambini che vanno a scuola," prosegue Imer Kajtazi. "Per l'Ufficio Stranieri , tutto questo non fa alcuna differenza. Sono respinte anche le domande di chi è malato, col preteso che arrivano da paesi cosiddetti -sicuri- come la Bosnia, la Serbia, il Kosovo o la Macedonia." Tuttavia, secondo Imer Kajtazi. la sicurezza in questi paesi non è garantita, soprattutto per i Rom. "L'Ufficio agisce come se le questioni della violenza, della discriminazione e della persecuzione non riguardasse i Rom," prosegue. I manifestanti chiedevano che l'Ufficio rivedesse la sua politica di espulsione sistematica dei Rom e che ogni documentazione fosse valutata caso per caso. (PVO)

 
Di Fabrizio (del 27/07/2012 @ 09:10:58, in Europa, visitato 1471 volte)

Da Roma_Daily_News

The Local Negata la pensione alla vedova di un Sinto vittima ad Auschwitz Published: 24 Jul 12 16:03 CET
Romani Rose (a sinistra) ad Auschwitz

E' stata negata la pensione alla vedova di una vittima di Auschwitz, dopo che le autorità avevano consultato i referti medici di 40 anni prima, che dicevano che il suo cattivo stato di salute era dovuto ai due anni passati nei campi nazisti.

[...] A suo marito, che chiameremo soltanto Anton B., fu concessa la pensione di vittima nel 1957, che mantenne senza problemi sino alla morte avvenuta nel 2009. Ma quando la vedova ha chiesto la reversibilità di quei 600 € mensili, le è stato detto che il referto dei dottori nel 1957 era sbagliato, e che ciò annullava futuri psagamenti.

Il caso ha indignato i gruppi rom e sinti tedeschi - 500.000 di loro furono uccisi dai nazisti durante l'Olocausto, ha scritto martedì il giornale taz.

A 67 anni dall'Olocausto, questa è una svolta incredibile ed inaccettabile degli eventi," scrive Romani Rose, capo del Consiglio Centrale dei Sinti e dei Rom Tedeschi, in una lettera ad Hannelore Kraft, premier del Nord Reno-Westfalia.

"Non permetteremo questo degradare le vittime di Auschwitz."

Anton B. aveva 19 anni, quando nel marzo 1943 il capo delle SS Heinrich Himmler diede l'ordine di ammassare tutti i Sinti e i Rom ancora liberi nei territori occupati dalla Germania e deportarli nel famigerato campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau in Polonia.

Scrive il giornale che i dieci tra fratelli e sorelle di Anton, furono tra i 17.000 che lì morirono. Ma un anno dopo, lo stesso Anton venne ritenuto ancora abile al lavoro, dai dottori delle SS, e venne trasferito nel 1944 nel campo di concentramento di Buchenwald, ai lavori forzati in miniera e  poi, alla costruzione dei razzi V2.

Nel 1957, dodici anni dopo, esaminando Anton i dottori confermarono che i due anni passati nei campi nazisti gli avevano direttamente causato danni permanenti tanto al cuore che al sistema nervoso. Sulla base dei risultati degli esami, ad Anton venne garantita una pensione d'invalidità, compensatoria da parte dello stato.

Scrive sempre il giornale che nel 1975, Eva incontrò Anton: lui aveva 51 anni e lei 25. Nonostante la differenza d'età, si innamorarono e poco dopo si sposarono.

Anton morì nel 2009 ad 85 anni, continua il giornale, ed Eva, che allora ne aveva 59, fece richiesta di pensione come vedova , avendo lei diritto a 600 € al mese. Ma la richiesta venne rigettata dal distretto di Düsseldorf, dicendo che avevano studiati i referti medici degli anni '50, decidendo che era stato un errore affermare che le condizioni cardiache di Anton B. fossero un risultato diretto dell'internamento nel campo di concentramento.

Ci sono regole complicate riguardo alle vedove di vittime dello stato nazista, per cui la vittima non solo deve avere sofferto di una malattia derivante direttamente dalla persecuzione, ma questa malattia deve averle portate alla morte. Di solito, scrive il giornale, casi simili portano al rifiuto se la vittima non muore del disturbo stesso, ma stavolta, stranamente, è stata messa in discussione la diagnosi iniziale.

"E' comprensibile che per la vedova del signor B. la decisione sia difficile da accettare," ha detto al giornale un portavoce del dipartimento degli interni del Nord Reno-Westfalia. Ma non c'era "margine di discrezionalità".

Dopo tre anni di lotte con le autorità locali, Eva, che ora ha 62 anni, porterà il suo caso davanti alla Corte distrettuale di Düsseldorf il 7 agosto. La sentenza definitiva è attesa nel mese di settembre.

"Non voglio la carità," ha detto Eva B. al giornale, "voglio giustizia."

The Local/jlb

 
Di Fabrizio (del 31/07/2012 @ 09:07:09, in Europa, visitato 1443 volte)

Un Big Mac in salsa "razzista"

Un'agenzia Ansa riferisce di un episodio di razzismo che risale ad alcuni giorni fa. Una signora decide di comprare qualcosa da mangiare a tre bambini rom di 5, 7 e 8 anni, che stanno giocando vicino al McDonald's di Novi Sad, nel nord della Serbia. Un uomo della security del ristorante ferma i tre bambini, un maschietto e due femminucce, sostenendo che non possono entrare. La donna gli fa osservare che i tre bambini sono con lei e che avrebbe pagato personalmente. Ma l'uomo vieta loro categoricamente l'ingresso, tanto che i piccoli rom finiscono per consumare il pasto nel giardino all'aperto. La direzione del ristorante fa sapere di aver avviato un'indagine interna sull'episodio di discriminazione. Il ministro dell'Interno serbo condanna duramente l'episodio affermando che in Serbia non vi è spazio per alcuna forma di discriminazione. Il Consiglio nazionale della minoranza rom parla di ‘atto vergognoso' e chiede una rapida inchiesta da parte delle autorità per punire i responsabili.

 
Di Fabrizio (del 01/08/2012 @ 09:09:24, in Europa, visitato 1250 volte)

Da Roma_Daily_News

July 25, 2012 by Andy Haupert - Roma Initiatives

Ludovic Rafi in Romania

"Sapevo che era una necessità a cui potevamo rispondere con pochi o nessun finanziamento," dice Ludovic Rafi, 29 anni e rom laureato dalla Romania. "Inoltre, ho pensato che i partecipanti avrebbero visto quanto fosse semplice pulire l'area e seguire il nostro esempio." Laureato in economia e poi stagista presso la direzione generale per l'Allargamento della Commissione Europea, Rafi ha intrapreso un progetto comunitario volto a ripulire il suo quartiere nel villaggio di Mintia.

Mintia ospita circa 100 famiglie rom, che vivono in una comunità compatta alla periferia. Le famiglie occupano sei ex capannoni degli anni '70 e tre blocchi di appartamenti più recenti. Gli edifici circondano un campo che serve come parco giochi per i bambini, ma che col tempo è stato invaso dai rifiuti.

Imperturbabili. Rafi e quattro altri giovani soci hanno pianificato una giornata dell'ambiente, che avrebbe coinvolto tra i 50 e i 60 membri della comunità. Il progetto è stato avviato, condotto ed in parte finanziato dalla stessa comunità rom. Rafi ed il suo gruppo hanno promosso l'evento ai vicini, incollati i manifesti e ricevuto offerte da parte del governo locale per i sacchi dell'immondizia, procurandosi guanti ed altro materiale.

I partecipanti arrivati sul posto una mattina agli inizi di marzo 2012, avevano un'età tra i 10 e i 35 anni, con l'eccezione di un cinquantenne. "E' stato interessante ascoltare le reazioni dei residenti che osservavano," riflette Rafi. "Alcuni erano d'accordo, altri dicevano che le autorità, non o giovani, dovevano essere le responsabili di quel lavoro. Ma alla fine della giornata, si erano uniti anche alcuni tra gli scettici. Penso che ogni azione di questo tipo aiuterà a rendere più popolari il lavoro volontario ed il servizio comunitario.

Per incoraggiare questo spirito volontaristico, Open Society Roma Initiatives include aspetti del servizio comunitario nel programma di tirocinio per i giovani rom che operano con la Commissione Europea. Ai partecipanti viene chiesto di proporre un piccolo progetto di servizio comunitario, che riguardi una questione importante per loro e la loro comunità rom locale. I partecipanti i cui progetti passano il vaglio, vengono forniti di menzione e sostegno allo sviluppo del progetto, da realizzare dopo la partecipazione allo stage o ad altri programmi.

Sul merito di questi progetti, è meglio lasciare l'ultima parola a Rafi. "Stiamo ricevendo una grossa opportunità, quindi dobbiamo applicarci e fare qualcosa per la gente della nostra comunità, per chi non ha le medesime opportunità. E col volontariato possiamo ispirare gli altri ad assumersi la responsabilità delle loro situazioni."

Senada Lamovska in Macedonia

"Essendo stata lontana dalla mia città e non avevo più contatti con i Rom del posto da 10 anni, fui molto felice di avere la possibilità dei ricollegarmi facendo qualcosa per la comunità," dice Senada Lamovska. "Dopo un'assenza tanto lunga, era difficile capire quale sarebbe stata la cosa più utile da fare per i Rom della mia città, quindi feci ciò che sapevo meglio. So insegnare francese e romanì, così decisi di insegnare la lingua romanì, perché nella mia città è una lingua dimenticata. Il turco è la madrelingua. Ho voluto presentare la storia romanì e le basi della lingua ai giovani rom e agli studenti delle superiori.

Nel contempo ero felice di poter conoscere i più giovani della comunità, parlare con loro e vedere la loro comprensione della romanipé, vedere quale visione hanno del futuro - se vogliono continuare con l'istruzione e come posso aiutarli con consigli o informazioni. In altre parole, volevo condividere le mie esperienze e conoscenze.

Tra febbraio e marzo 2012, Lamovska, in collaborazione con l'organizzazione locale Avena Kocani, ha dato sei lezioni introduttive di un'ora l'una in storia e lingua romanì, agli studenti della scuola secondaria Koso Vikentiev di Kocani. Con la sessione di storia gli studenti hanno avuto l'opportunità di cimentarsi con temi fondamentali come "Da dove veniamo?" e "Chi sono oggi i Rom?" I corsi di lingua hanno presentato l'alfabeto romanì, grammatica di base e il vocabolario di tutti i giorni.

Lamovska è rimasta sorpresa del livello di entusiasmo da parte degli studenti e della loro apertura verso l'apprendimento della storia e della lingua romanì. Per molti di loro era il primo incontro con questi soggetti, in particolare nell'ambito del normale insegnamento. "Sono stata contenta di scoprire che i bambini rom nella mia città fossero interessati alla lingua," dice, "avendo il turco come lingua madre, direbbero in molti, dovrebbero considerarsi Turchi. Credo che imparare la storia, la lingua e la cultura rom sia molto importante per la loro identità rom."

Riflettendo sui requisiti dei servizi di comunità, dice Lamovska: "Penso che continuare con questa pratica sia una buona idea. Molti studenti finiscono l'istruzione e si dimenticano della loro comunità. E' una buona idea ricordare loro di fare ritorno a dove sono partiti e condividere le conoscenze acquisite... Ho svolto molti progetti volontari nei posti dove ho vissuto e lavorato, e penso che questo requisito mandi un messaggio positivo ai giovani: a volte dobbiamo aiutare senza aspettarci di essere pagati."

 
Di Fabrizio (del 03/08/2012 @ 09:14:47, in Europa, visitato 1440 volte)

Due notizie da Dale Farm (vedi l'ultima segnalazione)

Macchinari pesanti intenti a smantellare una barricata durante lo sgombero di ottobre 2011. Photograph: Oli Scarff/Getty Images The Guardian Wednesday 25 July 2012 00.26 BST

Secondo il consiglio di Basildon, alcuni sgomberati durante lo sgombero dell'anno scorso dal sito illegale nell'Essex si sono spostati nelle vicinanze

Il consiglio di Basildon si sta preparando a richiamare gli ufficiali giudiziari, dopo che i Traveller sgomberati da Dale Farm, il più grande sito illegale in Europa, si sono spostati in un insediamento vicino.

Ai Traveller, alcuni dei quali provenienti da Dale Farm, sono state notificate le ingiunzioni di sgombero.

A seguito dello sgombero di massa dell'anno scorso, molti Traveller si sono spostati nel sito legale in Oak Lane, insediandosi sulla strada accanto al sito.

La risoluzione dell'anno scorso era seguita ad una disputa decennale sui terreni non autorizzati sul sito di sei acri e sui milioni di sterline costati al consiglio di Basildon per le operazioni ed i costi legali.

Il consiglio ha detto di aver consegnato gli avvisi a 19 roulotte parcheggiate illegalmente sul percorso che porta all'ex sito di Dale Farm ed aggiunto che il numero degli occupanti di Oak Lane ha superato il limite legale.

Il Traveller Solidarity Network (TSN) ha detto che le famiglie non sono in grado di muoversi da Dale Farm "a causa della mancanza di posti nell'area" sin dallo sgombero forzato dell'anno scorso. "Hanno vissuto in spazi angusti, senza acqua corrente, elettricità regolare e con problemi di depurazione."

Mary Sheridan, una madre che vive a Oak Lane, ha detto: "Il consiglio e il governo ancora non ci ascoltano; non abbiamo altro posto dove andare. Perché dovremmo vivere senza acqua corrente e fognature, se avessimo un posto dove andare? Vogliamo un posto sicuro per vivere, dove i nostri bambini possano andare a scuola. Chiediamo troppo?"

Ai Traveller è stato dato tempo sino al 29 agosto per presentare appello contro l'avviso di sgombero.

Tony Ball, leader del consiglio, ha detto: "La gente sa che il consiglio di Basildon è impegnato nel rispettare la legge, e che passerà i diversi gradi per garantirne l'esecuzione."

"A febbraio, abbiamo inviato gli avvisi di contravvenzione al piano urbanistico, dando 21 giorni per rispondere ed abbandonare l'area. Ovviamente questo non è successo ed il consiglio ha valutato attentamente opzioni ed azioni disponibili. Abbiamo dovuto essere certi di star prendendo le giuste opzioni per quanto riguarda questa particolare violazione."

"Trovo tuttavia immensamente frustando che dopo aver eliminato il sito [illegale] l'anno scorso, quella che sembra una piccola minoranza dei residenti originali persista con questi comportamenti pericolosi e distruttivi. E' anche evidente che molti di quanti sono lì [in violazione alla legge] sono nuovi dell'area e non hanno niente a che fare con l'insediamento [illegale] originale."

Dice Jo McGuire, attivista di Dale Farm e membro del TSN: "Il messaggio, ora come allora, è sempre lo stesso, queste famiglie non hanno altro posto dove andare, perché il consiglio non ha voluto autorizzare nuove piazzole."

"Il consiglio intende sgomberare prima che vengano considerate le richieste di pianificazione. Queste famiglie stanno tentando di tutto per tenere i loro figli nella scuola locale, ma pare che il consiglio voglia solo eliminarli dalla zona."


Posted by TravellerSolidarityNetwork on July 31, 2012

E' previsto che a breve l'Agenzia per l'Ambiente prelevi campioni di suolo da Dale Farm, dove lo scorso ottobre 80 famiglie furono sgomberate da centinaia di poliziotti ed ufficiali giudiziari sulla base delle norme di pianificazione. Se, come si aspettano residenti ed attivisti, venisse trovata contaminazione da amianto ed idrocarburi, la cifra di 8 milioni di £.già spesa per lo sgombero è destinata a crescere [1]. La notizia arriva mentre settimana scorsa il consiglio di Basildon ha iniziato ulteriori azioni legali contro le famiglie sgomberate, che affermano di "non avere altro posto dove andare". A quanti vivono sulla strada privata che porta alle loro vecchie case di Crays Hill,  Essex, sono stati consegnati avvisi di sgombero con termine alla fine di agosto [2].

Il consiglio si era precedentemente impegnato con l'Alta Corte alla rimozione di tutto il materiale inquinato dal sito, ricevendo così foni dal Dipartimento delle Comunità e del Governo Locale come liquidazione dello sgombero multimilionario dell'ottobre scorso. Da allora gli incaricati del consiglio hanno rivoltato ed ammucchiato* la terra, esponendo migliaia di tonnellate di sottosuolo - una misura temporanea, dicono, per impedire alle famiglie di tornare alle loro proprietà.

Gli ispettori dell'Agenzia per l'Ambiente dovranno ora determinare se così facendo il consiglio abbia creato un grave rischio per la salute, [...] non solo per le famiglie accampate sulla strada, ma per le case adiacenti, incluse le oltre cinquanta proprietà autorizzate di Dale Farm.

Parte dell'area di Dale Farm in passato era stata usata dal consiglio di Basildon per lo stoccaggio di veicoli abbandonati e come discarica, Sono state demolite oltre 6.000 auto nel sito, prima che un decennio fa venisse venduto alle famiglie [3].

Gli attivisti locali hanno denunciato [il consiglio] all'Agenzia per l'Ambiente, perché alterando l'equilibrio ha causato un inquinamento massiccio. Grattan Puxon, da lungo tempo sostenitore di Dale Farm ed amico delle famiglie sgomberate, dice "il consiglio non ha gambe per sostenersi. Hanno sgomberato le famiglie dalle loro case sul principio che il terreno fosse fascia verde di rispetto, ed ora stanno spendendo milioni per inquinare il terreno dopo lo sgombero. Nel frattempo le famiglie che vivono qui sono ancora senza casa e non hanno dove andare. Eppure l'intento del consiglio è di allontanarli da Basildon."

* Cioè trasformare terreno pianeggiante in dossi e trincee. Gli sviluppatori lo fanno regolarmente per rendere inabitabile il terreno./> [1] The Indipendent
[2] Vedi sopra
[3]
The Telegraph

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/05/2022 @ 12:27:54
script eseguito in 72 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4921 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source