Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 22/02/2006 @ 20:19:52, in Europa, visitato 1421 volte)


E' uscito l'aggiornamento di febbraio 2006 di PICUM.org con le notizie e l'evoluzione politica riguardanti i diritti sociali fondamentali degli immigranti non documentati in Europa. Disponibile nel formato Word nelle seguenti lingue: inglese, tedesco, olandese, spagnolo, francese, italiano e portoghese.

 
Di Fabrizio (del 22/02/2006 @ 09:21:02, in Europa, visitato 1608 volte)
La comunità Rom di Shuto Orizare (Suto Orizari, l'unico comune amministrato da Rom) è in agitazione perché al comune viene negata l'acqua corrente. L'acquedotto ha tagliato la fornitura a tutto il comune, perché un gruppo di Rom non era e non è in grado di pagare le bollette dell'acqua.
Il sindaco Erdoan Iseni ha manifestato ieri con gli abitanti, che hanno bloccato la strada che collega il comune alla fabbrica di tessuti di Zito Luks, verso Skopje. Il blocco è durato dalle 7.30 alle 11.00

Informazioni:
Mr. Ferhat  Hasan - Chef in the administration of Suto Orizare - Tel: + 389 70 268 280

oppure:
Sebihana Skenderovska
 
Di Fabrizio (del 21/02/2006 @ 13:50:30, in Europa, visitato 1947 volte)

Legge sull'emancipazione di tutti i Rom. Articolo 1: "E' finita la schiavitù. Tutti i Rom che si trovino in questa situazione da oggi sono liberi e cittadini dello stato." 20 febbraio 1856


Ieri i Rom della Romania hanno celebrato i 150 anni dell'abolizione della schiavitù (vedi 2005), in un momento in cui buona parte della popolazione continua a vederli come esseri inferiori e subumani. La chiesa rumena ortodossa, responsabile di 500 anni di schiavitù, che adoperò i Rom per coltivare le sue terre, ancora si rifiuta di riconoscere le proprie responsabilità.

Si è tenuto un convegno organizzato da Amare Romentza, a cui hanno preso parte rappresentanti del mondo politico, accademico e associativo. Magda Matache, direttrice di Romani Criss, ha concluso con queste parole: “Sarebbe assolutamente normale che la Chiesa Ortodossa rendesse conto e si scusasse, sarebbe normale che il Governo si pronunciasse sull'Olocausto dei Rom Rumeni, e potesse iniziare finalmente un processo che ci avvicinasse al resto della società.”

[

Fonte: Romanian_Roma

 
Di Fabrizio (del 20/02/2006 @ 11:38:59, in Europa, visitato 1633 volte)

Da: Yveta Kenety

Comunicato stampa

Conferenza delle Romnià nella Repubblica Ceca


Oltre ottanta donne Rom si sono incontrate a Praga nel weekend tra il 10 e l'11 febbraio. Tra le partecipanti: funzionarie statali, rappresentanti dei media, insegnanti, assistenti sociali, rappresentanti delle OnG, donne in maternità e disoccupate.

Tutte donne con diverse esperienze di vita e lavorative ed un'unica opportunità di confronto comune. Si sono definiti i problemi attuali delle comunità e proposto soluzioni: primariamente nell'area della scolarizzazione. del lavoro, della casa, delle condizioni di vita in generale, e le tematiche della salute. Si è poi toccato il tema della insufficiente partecipazione dei Rom nella politica e negli affari pubblici. La discussione si è prolungata sui legami tra questi temi e il passato, visto con l'occhio e il giudizio delle donne Rom.

Le donne concordano che oltre alla discriminazione dovuta al colore della pelle, i componenti delle minoranze nella Repubblica Ceca sono seriamente in pericolo per la violenza fisica diretta dei gruppi estremisti. Le madri sono preoccupate per i loro figli e sperano nelle indagini sugli attacchi a sfondo razziale, e nella conseguente condanna. Le donne vogliono sentirsi libere e sicure nella società e perciò chiedono rispetto in tutte le aree della vita. Richiedono l'adozione immediata di una legislazione anti discriminazione [...]

Le donne rom considerano un'adeguata politica scolastica necessaria all'integrazione nella società maggioritaria, e sono preoccupate perché tuttora i loro bambini non hanno pari opportunità di accesso al sistema scolastico. I loro figli sono ancora educati in un ambiente ricolmo di pregiudizio e stereotipi. Le famiglie spesso sono sotto la linea di povertà e non sono in grado di provvedere da sole a soddisfare le esigenze primarie, è quindi problematico occuparsi della formazione culturale e professionale dei figli. Concordano sull'importanza del prescuola, che dev'essere esteso, anche con la presenza di un corpo insegnante adeguatamente preparato. Gli insegnanti in genere devono avere una formazione che permetta loro di combattere sin dalla scuola i pregiudizi razziali e gli stereotipi, che spesso discendono da mancanza di adeguata conoscenza.

Solo una piccola percentuale di Romnià svolge lavoro a tempo indeterminato, di solito nella manovalanza o in lavori di basso profilo, spesso senza riguardo al loro livello di formazione scolare e professionale. La discriminazione nel mercato del lavoro è tra i motivi dell'alto tasso di disoccupazione tra le Romnià.

La bassa scolarizzazione e i rispettivi tassi di disoccupazione sono strettamente legati alle cattive condizioni di vita. Le madri Rom, comprensibilmente non vogliono che i loro figli crescano in accampamenti o quartieri affollati, sovraffollati ed insani. Un altro problema è quello sanitario: a causa della scarsa fiducia nel sistema sanitario, i Rom tendono ad avvalersi di cure mediche soltanto in casi di urgenza o necessità. Non esiste una pratica di controllo e di riduzione dei disagi sanitari. La stessa logistica della distribuzione degli assembramenti Rom, li pone in aree disagiate e difficili da raggiungere per il personale medico. Un'altra protesta delle donne riguarda l'essere definite “pazienti dalla pelle scura”. Rimane infine la paura data dai casi, anche di storia recente di sterilizzazione imposta, una gravissima violazione dei diritti fondamentali della persona. Le partecipanti alla conferenza concordano che, parimenti al personale insegnante, anche il personale medico e paramedico ha bisogno di formazione specifiche sui temi menzionati sopra.

Infine, si prende atto che la partecipazione delle donne rom alla vita politica e sociale è insufficiente. La ragione principale è data dalla mancata conoscenza di questa opportunità e degli ambiti e modalità a cui prendere parte. Nondimeno, la patecipazione di donne e uomini di etnia rom ai movimenti politici, a tutti i livelli, sta crescendo. Occorre uno sforzo rivolto specificamente alla partecipazione femminile ed i partiti devono lmettere più enfasi sull'imporatnza di coinvolgere le minoranze etniche per programmi di partecipazione condivisa.


Conferenza finanziata da Roma Participation Program, the Open Society Institute (OSI) ed organizzata dal gruppo femminile Manushe, sezione di Slovo 21.

RPP (OSI) e Manushe - Praga, 15 Febbraio 2006.

 
Di Fabrizio (del 18/02/2006 @ 09:18:17, in Europa, visitato 1745 volte)

BUCAREST - (Rompres reports) L'Ispettorato Distrettuale della Polizia (IPJ) di Giurgiu ha selezionato ed assunto la prima poliziotta di etnia rom. Ha ottenuto una valutazione complessiva di 8.80 al concorso dello scorso dicembre. La comunicazione è arrivata il 2 febbraio da Daniela Gheta, dell'ufficio pubbliche relazioni IPJ.

Elena Daniela Bogatu, questo il nome della neo assunta (24 anni), presterà servizio nella città di Bolintin-Vale, presso la polizia rurale, dipartimento sicurezza.

La giovane si è laureata in legge all'Università di Bucarest e ha solide conoscenze anche in informatica e lingue straniere.

IPJ di Ilfov in precedenza aveva assunto anche tre poliziotti maschi di etnia rom. Tutti cittadini rumeni.

Rif: Ungheria



TIRGU MURES – Il tribunale di Ludus nella Romania Occidentale ha rimandato al 7 marzo i lavori sul pogrom di Hadareni.

La ragione è data dalla decisione assunta sul caso dalla Corte Europea dei Diritti Umani il 12 luglio 2005, che non è mai stata tradotta in rumeno e quindi non è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, nell'attesa che la decisione venga siglata dal Ministro per gli Affari Esteri. In base al ricorso di Strasburgo lo stato rumeno era stato condannato al pagamento di 238.000 euro a sette superstiti di Hadareni.

[...]

Il documento della Corte Europea prevedeva la cessazione del processo tra i superstiti del pogrom e lo stato rumeno. All'epoca, 15 tra i 22 Rom della parte lesa, avevano ritirato le accuse in cambio di un risarcimento che variava tra gli 11.000 e i 28.000 euro.

Rif: Hadareni


Fonte Romanian_Roma

 
Di Fabrizio (del 17/02/2006 @ 08:23:45, in Europa, visitato 2057 volte)
Di un interessante articolo tradotto in italiano da Osservatorio sui Balcani, riporto questo spunto:
La popolazione della Croazia è in calo. Per contrastare questa tendenza demografi e politici propongono di favorire un’immigrazione di giovani dai Paesi dell’est, tra cui la Serbia, per ripopolare le regioni carsiche del centro. Ma dieci anni fa proprio i serbi venivano scacciati dalle stesse regioni...
“Stimolare l’immigrazione è ‘meno caro’ che stimolare la natalità, ma si tratta di una soluzione solo a breve termine.

Per leggere tutto l'articolo
Invece in Bulgaria, sempre da Osservatorio sui Balcani, ricorrono le stesse paure che tre anni fa agitavano la Slovacchia:
Una piccola nazione zigana?
Spesso, ai commenti angosciati sulla scomparsa dei bulgari, si sovrappongono i gridi d'allarme sull'avanzata numerica di turchi e rom. "Entro la metà del secolo", scrive Anton Ivanov sulla rivista "Geopolitica" "la comunità rom raggiungerà probabilmente il 30% della popolazione. Essendo una comunità che storicamente sopravvive offrendo servizi alla componente maggioritaria, questa sproporzione comporterà difficoltà sia ai bulgari che agli stessi rom".

Il pericolo è quello di diventare una "piccola nazione zigana", marginale e lontana dagli standard europei. " In molti centri la minoranza rom è già divenuta maggioranza", afferma ancora Mirchev, " e al posto di quartieri rom, nascono villaggi rom. Chiunque viaggi per la Bulgaria può rendersene conto facilmente".

Da alcune formazioni politiche, come i nazionalisti di Ataka, viene agitato lo spettro del Kosovo, come esempio di una "guerra demografica" che porta alla scomparsa di chi viene sopraffatto numericamente.

Questi allarmi, secondo il professor Atanas Atanasov, principale autore della "Strategia per lo sviluppo demografico della Bulgaria 2006-2020" pubblicata a inizio anno, sono però per lo meno eccessivi, specie nel breve-medio periodo.

Se è vero che i rom e i turchi fanno più figli dei bulgari, sostiene Atanasov, queste minoranze partono da una base numerica molto più piccola. Oggi, ogni cento nati in Bulgaria, il 74% sono piccoli bulgari, e la natalità è in diminuzione anche tra le comunità di minoranza.

C'è, infine, chi sostiene che Parvanov sia stato spinto a prendere l'iniziativa più per motivi elettorali che strategici. Dopo essersi assicurato il voto della minoranza turca alle prossime presidenziali, grazie all'appoggio al governo tripartito di cui uno dei cardini è il Movimento per le Libertà e i Diritti, Parvanov avrebbe deciso passare all'attacco sui temi "nazionali", per sottrarre voti proprio al leader di Ataka Volen Siderov, che fino ad oggi è l'unico ad aver accettato formalmente la sfida alla carica presidenziale.
 
Di Fabrizio (del 13/02/2006 @ 01:47:11, in Europa, visitato 1460 volte)

Budapest, 10 febbraio (MTI) - Secondo quanto pubblicato venerdì scorso dal quotidiano Nepszabadsag, i sentimenti anti-immigrati rimangono sostanzialmente invariati in Ungheria, tendendo anzi a diminuire rispetto all'anno precedente, ma cresce l'attitudine più propriamente razzista.

Il 25% degli Ungheresi rifiuta del tutto che il paese accolga i richiedenti-asilo, il 70% considererebbe ogni caso singolarmente e il 6% non opporrebbe alcun problema. Questi i dati emersi da un sondaggio della società Tarki.

Nel merito di quanti valuterebbero singolarmente ogni richiesta, l'83% non accetterebbe “Arabi”. Il 75% non accetterebbe Cinesi, Zingari e Russi e due terzi non gradirebbe Rumeni.

La maggior parte degli intervistati ritiene sbagliato rifiutare l'asilo, ma nella pratica rifiuterebbe qualsiasi richiesta dall'estero – esclusi quanti di etnia ungherese, in altre parole, dice la ricerca, la xenofobia aperta viene mascherata..

Le precedenti inchieste di Tarki, condotte annualmente, mostrano che il sentimento anti-immigrati raggiunse il picco nel 1990, decrescendo poi gradualmente sino al 2003.

Fonte: Hungarian_Roma

 
Di Fabrizio (del 11/02/2006 @ 13:24:58, in Europa, visitato 2173 volte)

logo2

TRANSITIONS ONLINE: Latvia: Walled Up
by Maija Pukite
6 February 2006

Cautela delle autorità lettoni nel finanziare le organizzazioni romani.

“Ci fosse una Zingarolandia da qualche parte, molti di noi probabilmente ci andrebbero. Ma non c'è,” racconta Vanda Zamicka, l'unica avvocata rom della Lettonia.
Per 500 anni questa terra è stata la madrepatria dei Rom lettoni. Qui la loro cultura ha messo radici, lo stesso per la lingua e lo stile di vita, conservando molte virtù che i Lettoni invece hanno perso. I Rom nella Lettonia oggi libera, spesso si sentono messi ai margini della società e tendono a rinchiudersi in se stessi. La maggior parte della gente ha conoscenza di questo popolo, peraltro fiero, solo tramite i rapporti della polizia o l'attenzione dei media sul disadattamento dei Rom.

Durante l'intervista, Vanda Zamicka fornisce prova dei suoi studi mentre il suo sguardo rimane fermo e penetrante. Ha 26 anni, si è laureata in legge e attualmente frequenta un master internazionale. Nel suo parlare, mischia parole russe, inglese e romanì. Parla quattro lingue e sta imparandone altre due: norvegese e francese. Demolisce gli stereotipi sui Rom nella società lettone, anche quelli dei suo colleghi, che rimangono di sasso apprendendo la sua origine.

E' riuscita a combattere la sua battaglia contro un cordone di preconcetti.

I PREGIUDIZI PROMUOVONO IL CRIMINE

“Gli stereotipi sono forti,” ammette Zamicka. “Quelli che vogliono mostrare di loro un lato migliore, sovente vanno a sbattere contro un muro.”

Non è passato molto tempo da quando una romnì scolarizzata e di buona famiglia non superò il colloquio di lavoro a causa della sua origine. Dopo essersi diplomata aveva anche frequentato con successo un corso professionale di decorazione floreale a Mosca. Come molte romnià, ha un senso artistico particolare. L'impiegato si era mostrato soddisfatto della prima intervista telefonica e del CV, ma quando la segretaria del principale se l'è trovata di fronte, ha improvvisamente addotto motivi per cui il suo capo non poteva incontrarla, neanche per un saluto di cortesia. Non è stato un caso isolato. Alla fine la giovane per dar da mangiare ai suoi figli, ha ripreso a spacciare droga.

Gli stessi Rom stanno iniziando a prendere le distanze dalla società. [Pensano] stiamo tra di noi, non abbiamo bisogno di integrarci,” aggiunge Zamicka . Anche i Rom che sono andati a scuola hanno difficoltà a superare i preconcetti, mentre quanti sono illetterati si trovano in una situazione insormontabile.

“La società che sta correndo il rischio di marginalizzare questa nazionalità, spingendo i Rom al margine,” spiega Irina Vinnik, direttrice dell'ufficio minoranze presso il Ministero per l'Integrazione Sociale. Eppure i sondaggi mostrano che i Lettoni sono tra i più tolleranti verso i Rom rispetto ai popoli dell'Europa [Centrale ed Orientale]: solo il 27% eviterebbe di aver un Rom come vicinodi casa, confrontato col 77% in Slovacchia, il 63% in Lituania e il 69% in Ungheria.

Però, anche in Lettonia la situazione può peggiorare.

LA LOTTA CONTRO L'INTOLLERANZA

“E' compito dello stato combattere l'intolleranza ed è priorità del nostro dipartimento, ma d'altra parte, gli stessi Rom devono curare la loro immagine.” dice Vinnik. Il suo ufficio sta elaqborando un piano nazionale sulla tolleranza e sta collaborando con la comunità romanì in questo difficile compito. “Vorremmo promuovere la discussione nella società e mostrare che [i Rom sono] una nazione incredibile e da ammirare.”

Sicuramente, la comunità romanì necessita di riguadagnare la fiducia presso una società più vasta. Cinque anni fa, Normunds Rudevics aveva la possibilità di farlo. “Possedeva autorità, notorietà e denaro. Cosa si voleva di più? Ma ha perso tutto.” dice Irina Vinnik. [nota di TOL: Normunds Rudevics (*) era il più noto attivista tra i Rom di Lettonia. Nel Parlamento dal 1998 al 2002, eletto nel partito di centro Via Lettone. Non venne ricandidato e fu espulso dal partito con le elezioni del 2002, accusato di abuso di privilegi parlamentari e di malversazione personale di fondi destinati all'organizzazione che dirigeva, la Società Socio-Culturale Rom.]

Sino a poco tempo fa, grazie ad una ritrovata unità, sembrava che i Rom lettoni potessero raggiungere un certo livello di autorappresentazione e di governance. Rudevics era il numero 8 della lista elettorale di Via Lettone. Lui stesso ricorda: “Davanti a me avevo solo l'ex primo ministro e i membri del governo”. Eletto con 20.000 voti – cifra di tutto rispetto in un paese con meno di 3 milioni d'abitanti – allora era pieno di speranze, e pensava che persino i Rom potevano vivere felicemente.

Le stesse autorità avevano preso coscienza del numero di problemi affrontati dai Rom e preso la decisione di destinare somme ingenti per affrontare la questione, dedicando l'intera responsabilità a Normunds Rudevics. Buone le idee e le premesse, ma Rudevics tuttora non ha dato conto dei 95000 lats ($. 160.000) stanziati in cinque anni.

Irina Vinnik afferma di non conoscere ancora come Rudevics ha impiegato i fondi destinati alla comunità romanì, perché a differenza dei rappresentanti di altre minoranze nazionali, non è arrivato alcun conto ufficiale sulle spese. Rudevics insiste nel dire che ha inviato un resoconto alla ragioneria di stato, ma Vinnik replica che se si fosse dimostrati che quei fondi fossero stati spesi, l'organizzazione avrebbe potuto richiedere nuovi finanziamenti.

DIVISIONE DELLA LEADERSHIP

“Sì, Rudevics ha amplificato l'immagine della Lettonia quando fu eletto in parlamento. Eravamo fieri di avere un deputato romanì ... ma è arduo rintracciare cosa ha speso,” ancora Vinnik.

Da quando Ravenics è caduto in disgrazia, non è emerso nessun altro leader nella comunità, anche se [...] esistono diversi leader potenziali nelle organizzazioni.

Anatolijs Berezovskis, a capo della locale associazione romanì di Tukums, infaticabile attivista che ha costruito collegamenti tangibili tra i Rom e diverse autorità municipali. Sotto la sua leadership, tutti i bambini rom di Tukums ora frequentano la scuola. Onesto, rispettato nella comunità. Da alcuni viene descritto come naif, ma è ritenuto una persona che sui diritti umani potrebbe fare molto.

Savina Kolomenska, insegnante alle superiori di Bene, l'unica accademica di storia in Lettonia di origine romanì, rispettata ed intelligente. Eccezionali qualità di leadership, ma non disposta a farsi carico del peso di diventare una leader comunitaria.

Vanda Zamicka [Zamicka-Bergendale], presidente di Ame Roma: giovane e talentuosa avvocato, con esperienza in diversi progetti educativi, culturali e sociali. Ritiene che i Rom non abbiano bisogno di un singolo leader, piuttosto debbano consolidare una leadership più amplia attraverso la partecipazione ai gruppi organizzati della società civile.

Leons Gindra, presidente di Gloss Romani: avrebbe l'ambizione del leader, ma si mormora che non sia affidabile sui temi economici. Si dice anche che non abbia la fiducia di molti Rom, per non aver protetto la sua famiglua dal disonore di essere associata al traffico di droga.

La parola allo stato, per bocca di Irina Vinnik: “Appoggeremo i progetti di differenti organizzazioni romani se saranno fattibili e se i conti [della Società Socio-Culturale Rom] saranno disponibili”.

This article originally appeared in the Riga weekly Kas Notiek, no. 17, 2005. The magazine has since ceased publication.

Translated by Aris Jansons.

 
Di Fabrizio (del 09/02/2006 @ 17:20:32, in Europa, visitato 1513 volte)
Da: Stranieri in Italia
logosuper
Abolite le sanzioni contro i "finti turisti"
Non perderà più il passaporto chi si trattiene per più di 90 giorni nello spazio Schengen. Ma per l'Italia rimane un immigrato irregolare

BUCAREST - È tregua tra il governo di Bucarest e i "finti turisti": i cittadini romeni che senza aver chiesto un visto d'ingresso si tratterranno nello Spazio Schengen per più di 90 giorni, al ritorno in Romania non subiranno più la confisca del passaporto e il divieto ad uscire dal Paese per un periodo compreso tra uno e cinque anni. Chi negli scorsi mesi è già incorso in queste sanzioni (circa 50mila persone dal primo agosto a oggi) verrà "perdonato".

Ad abolire le contromisure adottate dal governo quest'estate, che avevano gettato nel panico migliaia di cittadini romeni sparsi per l'Europa, è stata la legge 248/2005 ("libera circolazione dei cittadini romeni all'estero"), entrata in vigore domenica scorsa.

I cittadini romeni possono entrare e circolare nell'area Schengen per turismo per 90 giorni ogni semestre, senza chiedere visti d'ingresso. Un'agevolazione sfruttata da un gran numero di persone che, passati i tre mesi, non rientrano in Romania, diventando degli "overstayers".

Secondo il capo dell'Ispettorato Generale della Polizia di Frontiera romena, Nelu Pop, il governo ha però preso atto che nel corso del 2005 "l'atteggiamento dei romeni all'estero è migliorato". "La maggior parte dei romeni che viaggiano all'estero - ha spiegato Pop - non creano problemi e questo è un fatto importante".

Controlli in uscita

Rimangono comunque in vigore alcune norme per controllare chi lascia il Paese per entrare nello spazio Schengen.

Oltre che il passaporto, si dovranno esibire alla polizia di frontiera un'assicurazione medica che copra tutto il periodo del viaggio, il biglietto di andata e ritorno o la carte verde della macchina (se si viaggia in auto) o 150 euro, somma ritenuta sufficiente a pagare il viaggio. Bisogna inoltre dimostare di avere 30 euro per ogni giorno che si passerà nello spazio Schengen e in ogni caso non meno di 150 euro (la somma necessaria ad un soggiorno minimo di 5 giorni).

Chi esce dal Paese dovrà infine mostrare anche documenti che giustificano lo scopo e le condizioni del soggiorno all'estero, come ad esempio le prenotazione in alberghi (valgono anche quelle fatte via internet o i voucher rilasciati dalle agenzie di viaggio autorizzate) o un invito da parte di una persona che lo ospiterà.

Secondo la nuova legge, la limitazione o la sospensione del diritto dei cittadini romeni di viaggiare nello spazio Schengen non potrà più essere deciso dalla polizia di frontiera, ma servirà la sentenza di un giudice e potrà essere adottata solo se il cittadino romeno è stato rimandato a casa da uno stato Schengen in base ai accordi di rimpatrio dei clandestini, o se la permanenza del soggetto in uno Stato straniero porterebbe gravi danni agli interessi della Romania o alle relazioni bilaterali tra la Romania e quel Paese.

E in Italia?

Il "rilassamento" delle norme sui viaggi all'estero, verrà probabilmente accolto con sollievo da molti cittadini romeni che si trovano irregolarmente in Italia e in questi mesi non sono tornati in patria proprio per non farsi sequestrare il passaporto.

È ovvio però che le norme entrate in vigore in Romania, non influiranno in nessun modo sulla legislazione italiana: un "finto turista" romeno, scaduti i 90 giorni, è comunque un immigrato irregolare.

"Anche i cittadini romeni, che possono entrare in Italia per turismo senza chiedere alcun visto, sono tenuti a presentarsi in Questura entro otto gironi dall'ingresso per chiedere un permesso di soggiorno per turismo" spiega la dott.ssa Ledia Miraka, esperta in immigrazione a Stranieri in Italia. "Alla scadenza del permesso di soggiorno, che per turismo dura al massimo novanta giorni, sono tenuti a lasciare l'Italia, pena l'espulsione e il divieto a rientrare anche per dieci anni in tutto lo spazio Schengen".

Scarica:
LEGEA nr. 248 din 20 iulie 2005

(31 gennaio 2006)

 
Di Fabrizio (del 08/02/2006 @ 01:15:45, in Europa, visitato 1736 volte)

Slovenia: rigetto d'asilo

07.02.2006 Da Capodistria, scrive Franco Juri
Non più assistenza legale gratuita, nessun diritto di impiego e nessuna assistenza sociale. Approvata in Slovenia la nuova legge sul diritto d'asilo. La destra è compatta e si dice felice di "essersi adeguata a standard europei" mentre il centro sinistra balbetta. Critiche al governo da Amnesty International e UNHCR
In fuga
Con 46 voti a favore e 24 contrari la camera di stato slovena ha varato lunedì scorso la nuova legge sull'asilo che limita drasticamente alcuni dei diritti fino ad ora riconosciuti ai rifugiati rafforzando le competenze della polizia nell'accettare o meno le richieste di asilo. La nuova legge, già annunciata da Osservatorio sui Balcani qualche mese fa, toglie ai rifugiati in attesa del riconoscimento legale di tale status l'assistenza legale gratuita, il sostegno sociale e il diritto d'impiego. La polizia diventa inoltre l'istanza primaria e quindi decisiva nel riconoscimento del diritto d'asilo ai richiedenti.

A favore della legge, contestata dalle organizzazioni per i diritti umani con Amnesty International in testa, dall'Ombudsman e dall'Alto commissariato ONU per i rifugiati, hanno votato tutti i partiti della destra slovena; i governativi Partito democratico sloveno (SDS), Nuova Slovenia (NSI), Partito popolare sloveno (SLS) e naturalmente l'ultranazionalista Partito nazionale sloveno (SNS). Contro si sono schierati i due maggiori partiti dell'opposizione: i socialdemocratici (SD) e la liberaldemocrazia (LDS) nonchè il piccolo partito governativo dei pensionati (DESUS). Si tratta più o meno della stessa distribuzione partitica che divide il parlamento sul caso dei »cancellati«.

Da una parte la destra nazionalista e xenofoba, sicura di sè e rafforzata nel suo agire da una lunga omertà europea sulla violazione dei diritti umani e civili avvenuta nel 1992 a danno di 18 mila residenti jugoslavi e riproposta senza imbarazzo quattordici anni dopo con l'annullamento di fatto delle sentenze costituzionali a favore dei cancellati. Dall'altra un centrosinistra insicuro e tentennante, sempre più solo. Governo e maggioranza parlamentare concordano nel considerare la nuova legge sul diritto di asilo necessaria ed in sintonia con le direttive e le norme comunitarie europee in materia di asilo.

L'argomento reiteratamente impugnato dal ministro degli Interni Dragutin Mate è stato infatti quello dell'incombenza di una comune politica di sicurezza e prevenzione europea di fronte alle minacce del terrorismo e del crimine organizzato. Il governo invoca Schengen e senza dirlo ad alta voce trae ispirazione pure dalla nuova situazione in cui verrà a trovarsi la Slovenia dopo il 24 febbraio, data della partenza per Bagdad dei primi quattro istruttori militari Nato con insigne slovene.

La radicalizzazione del conflitto tra l'Islam e l'Europa dopo la pubblicazione delle vignette danesi che raffigurano il profeta Maometto come terrorista, porta altra acqua al mulino del governo Janša sempre pronto a capitalizzare politicamente i sentimenti xenofobi di un'opinione pubblica sempre più preoccupata e a presentarli come squisitamente europei.

E il presidente »disobbediente« ora tace

E Janez Drnovšek, il presidente »ribelle« che parla di Darfur, diete macrobiotiche, filantropia e vibrazioni positive, che cosa ne pensa? Tra i colpi di scena con cui in questi ultimi giorni ha nuovamente vivacizzato la vita politica e mondana slovena c'è stata - in contemporanea alla costituzione del suo movimento on-line »Per la giustizia e lo sviluppo« - la sua plateale uscita dal partito liberaldemocratico che egli stesso guidò per dodici anni, poi la grazia a sorpresa concessa - senza consulto con il governo e la magistratura - a Danilo Kovačič, ex direttore del Casinò di Nova Gorica, condannato a 3 anni e 8 mesi di detenzione per abuso d'ufficio, illeciti e corruzione ma a fino ad ora a piede libero per questioni di salute. »Kovačič ha fatto del bene per Nova Gorica e nel suo calvario giudiziario ha già scontato la pena inflittagli« ha sostenuto candido il Presidente di fronte al dissenso generalizzato delle istituzioni di governo e della giustizia. Infine e' stata la volta della sua apparizione, in qualità di ospite, tra veline e un bizzarro pubblico selezionato, allo show televisivo satirico del popolare conduttore Sašo Hribar, dove ha definito inutili le farmacie classiche, dannosi i macellai ed ha appoggiato, con incredibile disinvoltura, l' invio dei quattro ufficiali sloveni in Iraq; »Di che cosa vi preoccupate? Tanto quelli vanno li volontariamente e sono pagati!«.

Sulla questione dei cancellati Drnovšek appoggia la legge costituzionale proposta dal governo, come dire sorvoliamo le sentenze dei giudici costituzionali che danno ragione ai cancellati e ricominciamo da capo, ingiustizia non ci fu, o almeno noi non la vedemmo. Ora si salvi il salvabile senza sporcarsi troppo e senza farsi male.

E in merito alla nuova legge sul diritto di asilo? Drnovšek tace, non se ne occupa, ha cose più importanti da fare. Ed il governo, grato per la sua comprensione, ma soprattutto per il terremoto da lui provocato nel centrosinistra, gli risponde offrendo ai suoi piani umanitari per il Darfur - tutti ancora da concretizzare in un futuro sempre più incerto - un'unità sanitaria mobile dell' esercito. E' contento il Presidente, si sente bene. Ora, dopo i primi malintesi e incidenti di percorso, può nuovamente ammiccare al suo vecchio amico premier.
 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/07/2020 @ 04:05:34
script eseguito in 64 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4335 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< luglio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come è stata trasformata la mia v...
20/06/2020 @ 17:12:08
Di Giulia Chiara
BTC INVESTMENT FUNDING                            ...
19/06/2020 @ 07:15:09
Di BRC INVESTMENT FUNDING
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source