Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 11/08/2010 @ 09:51:24, in Europa, visitato 1788 volte)

Da Roma_Daily_News (ndr. i link sono in inglese)

Leighphillips.wordpress.com by Le Rétif

02/08/2010 - Forse potremmo essere accusati di eccessivo cinismo, ma [...] regolarmente noi del corpo di stampa a Bruxelles giriamo lo sguardo alle opportunistiche propensioni della Commissione Europea a redigere dichiarazioni-di-cordoglio-fotocopia ogni volta che c'è una tragedia o cade l'anniversario di qualche grande o piccola (ma storicamente incontrovertibile) malvagità: la Notte dei Cristalli, un terremoto in Cina, la fuga precipitosa della Love Parade, la morte di Michael Jackson.

Ma il cinismo era giustificato lunedì, quando il condoglianzificio-automatico della UE sembrava per qualche ragione non funzionare bene. Nessun solenne comunicato di simpatia, nessun momento di silenzio, neanche un blando messaggio redatto a mano da PR tirapiedi che reciti "Mai più" questo o quello, la sera del 2-3 agosto, la notte della Memoria dello Sterminio dei Rom, la data internazionale per la commemorazione degli zingari e dei Sinti vittime del Porraimos o Samudaripen, le due parole romanì usate per descrivere l'Olocausto.

Perché vedete, lunedì non è il giorno giusto per farlo. Ma forse lo sarà l'anno prossimo per uno dei presidenti UE, quando quella data non coinciderà goffamente con un'ondata di espulsioni e di nuove leggi rivolte ai Rom, come inopportunamente accade quest'anno.

Le settimane scorse, abbiamo imparato che il presidente francese Sarkozy ha annunciato che distruggerà 300 accampamenti rom ed espellerà i Rom dal territorio francese, che la Germania ha detto di voler espellere 12.000 zingari verso il Kosovo - inclusi 6.000 bambini ed adolescenti, che la Svezia in violazione alle leggi interne e UE sta deportando i Rom mendicanti, che Copenhagen ha chiesto assistenza al governo danese, incluso l'uso della forza, per espellere i Rom e che una carovana di 700 viaggianti è stata cacciata dalle Fiandre.

In cima a tutto ciò la pratica ceca e slovacca di mandare automaticamente i bambini rom in "scuole speciali" per disabili mentali, la dichiarazione in Italia nel 2008 dello stato d'emergenza dovuto alla presenza di Rom, che ha visto l'espulsione di migliaia di loro, soprattutto verso Romania e Bulgaria, e l'uccisione l'anno scorso di otto Rom da parte di individui legati all'estrema destra di quel paese.

Così adesso non sarebbe davvero un buon momento per ricordare il 66° anniversario della liquidazione da parte dei tedeschi nella notte tra il 2 e il 3 agosto 1944, di 2.897 uomini, donne e bambini rinchiusi nello Zigeunerfamilienlager o "Campo familiare zingaro" ad Auschwitz-Birkenau.

Si potrebbe pensare che sia scomodo attirare l'attenzione sulla similitudine di quanto accadde molti decenni fa e l'attacco orchestrato-dai-governi che oggi si trova a fronteggiare la più grande ed oppressa minoranza d'Europa

Come mi ha detto Anneliese Baldaccini, avvocato presso l'ufficio UE di Amnesty: "C'è un chiaro e sistematico programma dei governi della UE verso i Rom. Questo preciso momento è di grande preoccupazione."

E' un peccato che la data sia così scomodamente fuori stagione, perché la UE ha realmente poteri molto considerevoli per porre fine a tutto ciò, poteri che nessuno aveva sette decenni fa.

Al cuore del trattato UE si trova la sanzione finale che Bruxelles può applicare ad ogni stato membro: i diplomatici la chiamano "l'opzione nucleare". Ai sensi dell'art.7 del Trattato UE, che stabilisce che in casi di "violazione grave e persistente" dei diritti umani, sanzioni sino alla revoca dei diritti di voto al Consiglio Europeo e persino l'espulsione dall'Unione.

Amnesty ritiene che questo sia il tempo di agire. "La UE secondo gli art. 2, 6 e 7 del Trattato di Lisbona ha la responsabilità di affrontare i diritti umani all'interno dei 27 stati membri," ha detto Susanna Mehtonen, funzionaria esecutiva del gruppo per le questioni legali nell'Unione Europea.

Ma la Commissione Europa, che come il Consiglio ed il Parlamento Europeo, hanno il potere di invocare una simile sanzione, intende tenersi lontano il più possibile dal problema. Giovedì Matthew Newman, portavoce della commissaria alla giustizia Viviane Reding, ha detto: "Quando si tratta di Rom e della possibilità di espellerli, l'azione spetta agli stati membri, in questo caso la Francia, e decidere come applicare la legge."

Quando la Carta dei Diritti Fondamentali è entrata in vigore col Trattato di Lisbona l'anno scorso, la UE ha annunciato il momento come una nuova alba per i diritti umani in Europa. Il membro della commissione responsabile per il dossier giustizia stava ora per diventare esplicitamente commissario ai "diritti fondamentali", su pressione dei Liberali al Parlamento Europeo.

Per la verità, ad aprile durante una conferenza della Commissione Europea, la commissaria Reding aveva giudicato "inaccettabile" la discriminazione contro la più grande minoranza del continente.

Ma nel momento in cui si è scatenato nella comunità ed in molti stati UE un diluvio di assalti governativi, Bruxelles è rimasta in silenzio.

La Carta, chiarisce ora la Commissione, non è una carta dei diritti per i cittadini, ma è invece solo uno strumento che copre due aree molto specifiche: gli atti delle stesse istituzioni UE e degli stati membri quando applicano la legge UE. Le mosse della Francia e degli altri paesi in questo caso si trovano quindi fuori dalla sua responsabilità, si insiste.

Il curioso è che, applicando questa stessa stessa rigida interpretazione, la Commissione non ha neanche competenza nel difendere i diritti di gay e lesbiche, eccetto quando ci sia una violazione della carta in queste due situazioni, anche se i diritti dei gay sono da tempo affermati nelle metropoli europee occidentali, non altrettanto in gran parte dell'Europa orientali, ed abbastanza difesi dalle istituzioni.

A maggio, l'ufficio di Reding scrisse a Vilnius per lamentarsi che un tribunale ordinario avesse proibito la manifestazione del Gay Pride. "La Commissione è preoccupata sui recenti sviluppi." diceva la lettera. Pochi giorni dopo, la più alta corte di giustizia della Lituania assicurava che la marcia poteva effettuarsi. Il presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy, mandò anche un "forte messaggio di condanna dell'omofobia" al Baltic Pride di quest'anno.

La differenza nelle due situazioni è che esiste una tacita gerarchia entro il blocco tra i nuovi stati dell'Europa orientale e le potenze economiche ad ovest. Bruxelles può schiaffeggiare le capitali dell'est senza paura di conseguenze. Lo stesso non accade quando l'esecutivo UE va contro un Sarkozy o un Berlusconi.

Non è che la Commissione non ritenga che si stia verificando una flagrante violazione dei diritti umani. "Questa è la sorta di cose che Sarkozy è abituato a fare. In questo momento è davvero giù nei sondaggi, così sta usando la solita tattica. In passato ha funzionato. Ed è davvero popolare dappertutto," mi ha detto un funzionario della Commissione.

"E' forse la questione più delicata che ci sia," ha continuato il funzionario, ricordando quando un altro portavoce l'anno scorso suggerì appena che l'Italia forse intendeva spiegare perché avesse deportato in Libia un barcone carico di rifugiati. Allora il primo ministro Silvio Berlusconi minacciò di porre il veto a tutte le azioni del Consiglio Europeo, se la Commissione non avesse licenziato quel portavoce per aver avuto la temerarietà di spingere Roma ad applicare la legge.

Così questa volta, "si è presa la decisione di dare una risposta molto istituzionale."

Privatamente la Commissione sostiene, come per "l'opzione nucleare" di invocare l'art. 7: "Si farebbe se ci fosse una retata di tutti gli zingari e li si mettesse in campi di concentramento. Da nessuna parte siamo ancora arrivati a ciò."

Ma un Olocausto, o Porraimos o Samudaripen, non arriva improvvisamente un giorno ex nihil, di ritorno da una lunga pausa alle Bahamas e bussando alla porta di Barroso per annunciarsi: "Ciao, Jose-Manuel? E' il cugino Fascismo! Sono tornaaato! Cosa c'è per il tea? Oooh, guarda, guarda - austerità, disoccupazione di massa! Io amo questa stagione nel ciclo economico!" Il fascismo arriva lentamente, quasi con calma, ma riconoscibile per un generale inasprimento. L'Europa deve agire ora prima che appaiano i campi di concentramento. In ogni caso, non saranno chiamati campi concentramento o qualcosa di simile. I centri di detenzione in Grecia e a Malta per i sub-sahariani migranti irregolari non sono costruiti con cancelli di ferro e al loro ingresso non fa bella mostra un "Arbeit macht frei", ma in realtà non sono altro che campi di concentramento. I leader eviteranno un linguaggio o forme d'azione archetipicamente fasciste, cosicché Bruxelles potrà sempre dire che quanto sta accadendo è "completamente diverso".

Secondo l'art. 7, non sono specificate sanzioni precise in anticipo del livello di espulsione o ritiro dei diritti di voto, quindi esiste ancora un ampio raggio di manovra a Bruxelles. Nessuno si aspetta che la Francia venga espulsa dalla UE. Perlomeno, Reding potrebbe non inviare una lettera simile a quella che mandò alla Lituania, quando la marcia del gay pride venne proibita?

O forse l'anno prossimo, forse gli zingari potrebbero organizzare un barcone durante la Love Parade, per ottenere che la UE si accorga di loro.

 
Di Sucar Drom (del 12/08/2010 @ 09:10:12, in Europa, visitato 1194 volte)

Da Ticino Libero

I Comunisti denunciano Bignasca per razzismo.

Giuliano Bignasca segnalato in Magistratura per istigazione alla violenza e alla discriminazione.

"Negli ultimi anni il nostro cantone – scrivono i Comunisti ticinesi – è stato teatro di numerose aggressioni, anche a mano armata, contro le famiglie Rom che facevano tappa in Ticino. Nonostante il ripetersi di questi aberranti episodi non ci risulta che nessuno mai sia stato indagato e condannato. Qualche settimana fa ci si è messo anche Bignasca che il 20 giugno scorso ha avvertito i nomadi (tutti definiti "gentaglia", "ladri", "truffatori", ecc.) di "levarsi dalle scatole con le buone". Se ciò non fosse avvenuto sarebbero stati fatti "sloggiare con altri metodi", evidentemente – scrivono ancora i Comunisti – meno buoni".

(in foto Giuliano Bignasca, leader della Lega dei Ticinesi, QUI un suo recente discorso ndr.)

Il Partito Comunista nella sua nota stampa ritiene opportuno distanziarsi in modo inequivocabile da questo modo di "fare politica" segnalando al Ministero Pubblico il presidente della Lega per verificare se sussiste il reato di "Pubblica istigazione alla violenza" e di "Discriminazione razziale". Che la giustizia – concludono – verifichi se quest'istigazione all'odio è conforme al nostro sistema democratico.

 
Di Fabrizio (del 14/08/2010 @ 09:14:38, in Europa, visitato 2056 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte

Gadjo dilo*, nella lingua romanì vuol dire straniero pazzo; straniero in un mondo dove l'essere diverso appare più come un crimine che una virtù o semplicemente un altro punto di vista, pazzo in quanto capace di adattarsi a vivere in una cultura differente, un modo di essere, di pensare e di vivere all'estremo opposto rispetto ai parametri addottati ed accettati dalla società in cui viviamo.

Questo è un viaggio in un mondo emarginato, un mondo discriminato e mai accettato, un mondo dove la gentilezza, l'ospitalità ed il saper vivere sono di casa , un universo magico dove il tempo non passa mai.

Un ringraziamento speciale alla familia Matovic che mi ha praticamente adottato e mi ha lasciato libero di descrivere la loro realtà.

Questo il SET su Flickr http://www.flickr.com/photos/aaditya_net/sets/72157607029504137/with/4873763192/

Questo una versione web: http://ideebn.org/2010/08/07/gadjo-dilo-di-edvard-ciani/

* nome preso in prestito dal film di Toni Gatlif, cineasta francese.

 
Di Fabrizio (del 16/08/2010 @ 09:09:06, in Europa, visitato 1560 volte)

Da Czech_Roma

Ostrava, 13.8.2010 13:16, (ROMEA)

Ad Ostrava, l'ex vice sindaco dei distretti di Mariánské Hory e Hulváky, Jiří Jezerský, che in precedenza aveva espresso il suo desiderio di sparare ai Rom che vivono là nell'insediamento di Bedřiška, è ora diventato il capolista della lista di partito TOP 09. L'attivista per i diritti umani Kumar Vishwanathan ha portato la candidatura di Jezerský all'attenzione dell'agenzia d'informazione Romea.cz. In una trasmissione registrata dalla news server nel 2007, Jezerský disse: "Datemi un porto d'armi ed un permesso per abbatterli, e lo farò."

"Come vice sindaco, lui ed il sindaca Janáčková fecero dichiarazioni intolleranti contro tutti i Rom. Qualsiasi partito serio e civilizzato che vuole impegnarsi a governare, non può tollerare dichiarazioni simili. Richiedo cortesemente a TOP 09 di considerare la rimozione di Jezerský dalla lista dei candidati," ha detto Kumar Vishwanathan alnews server Romea.cz via SMS.

Jezerský ha fatto le osservazioni incriminate in una riunione pubblica del dipartimento abitativo il 15 agosto 2006. Durante l'incontro, sono stati discussi i reclami relativi ai Rom che da altrove si spostavano nel distretto di Ostrava. Janáčková (che oltre ad essere sindaca del distretto è senatrice) e Jezerský difesero la politica segregazionista del municipio, tesa a concentrare i Rom nell'insediamento di Bedřiška. La polizia indagò sulle dichiarazioni di Janáčková e Jezerský e le trovò razziste. Janáčková venne salvata dal processo grazie all'immunità parlamentare. I giudici di Ostrava poi assolsero Jezerský.

"Jiří Jezerský è davvero il capolista per TOP 09 ad Ostrava - Mariánské Hory,"ha confermato al giornale online TÝDEN.CZ Jan Jakob, portavoce di TOP 09. Ha detto di ritenere che il partito fosse a conoscenza del processo a Jezerský e l'abbia sostenuto pienamente. "La Corte Distrettuale di Ostrava l'ha assolto e la sentenza è stata confermata dal Tribunale Regionale di Ostrava," ha spiegato Jacob. Per questo ritiene che Jezerský sia innocente. "Jezerský quest'anno ha organizzato un corso di cucito per donne rom ed il risultato del loro lavoro verrà valutato a settembre in un concorso internazionale per costumi del folklore rom in Grecia," ha detto Jakob al giornale.

Secondo un altro candidato di TOP 09, il moderatore Aleš Juchelka, le liste dei candidati si possono cambiare da adesso a settembre. "Tuttavia, conosco Jezerský personalmente e so che sta facendo molto per Ostrava," ha detto Juchelka in difesa del suo collega di partito, secondo TÝDEN.CZ.

ryz, TÝDEN.CZ, translated by Gwendolyn Albert

 
Di Fabrizio (del 17/08/2010 @ 09:17:06, in Europa, visitato 3012 volte)

by Paul Polansky

[continua]

Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR)

(immagine tratta da associazionekaribuni.blogspot.com)

PREMIO NEGLIGENZA CRIMINALE: disonora quell'organizzazione che chiuse occhi ed orecchie alla sua dichiarazione di missione ed attraverso compiacimento, incompetenza ed insensibilità ignorò la salute ed i diritti umani dei bambini che aveva in cura, facendo che molti di loro morissero.

Anche se questi anti-premi sono normalmente assegnati ad individui od organizzazioni, questo viene condiviso per ogni singola persona che abbia mai lavorato per l'UNHCR in Kosovo, eccetto per uno: David Riley, il primo capo dell'UNCHR in Kosovo. Se fosse sopravvissuto, sono certo che questa tragedia non sarebbe mai successa.

Nel settembre 1999 David aiutò più di 50 IDP Rom/Askali a fuggire dal Kosovo verso la Macedonia, contro le intenzioni dell'ONU di tenerli sui terreni tossici vicino a Oblic. Più tardi sempre quel mese, David, come capo dell'UNHCR si prese cura di altri 600 IDP Rom/Askali che i locali albanesi avevano cacciato da Mitrovica sud: li sistemò in poco tempo in rifugi temporanei a Mitrovica nord. Sapendo che anche questi IDP erano ospitati su terreni contaminati, David promise che avrebbero potuto fare ritorno alle loro case in 45 giorni o mandati all'estero come rifugiati. Nonostante tutti i suoi sforzi per farli ritornare nelle loro case o trovare una sistemazione alternativa in altre città del Kosovo, David venne ostacolato da minacce da parte dell'ALK che gli Albanesi non volevano "zingari" in Kosovo. Quando David tentò di mantenere la sua promessa di portarli all'estero come rifugiati, il suo piano ottenne il veto dal quartier generale dell'UNHCR a Ginevra, che disse che questi "zingari" non erano rifugiati. Un mese più tardi, il 20 gennaio 2000, il cinquantenne David Riley moriva per un attacco cardiaco nel suo appartamento a Pristina.

Dennis McNamara, Neozelandese di 54 anni, prese il posto di David, ma rifiutò di discutere con me le sofferenze di questi poveri Rom/Askali, nonostante fosse l'Inviato Speciale per gli Affari Umanitari delle Nazioni Unite, Direttore Regionale per l'Alto Commissario per i Rifugiati delle Nazioni Unite, e Vice Amministratore Capo delle Nazioni Unite in Kosovo. Anche se McNamara avrebbe continuato a predicare per anni nelle conferenze internazionali sugli "IDP dimenticati e negletti, vittime di conflitti mondiali", non tentò neanche una volta di salvare questi IDP Rom/Askali di Mitrovica dalla loro catastrofica situazione.

Fondata nel 1950 con uno staff di sole 35 persone, nel 1954 l'UNHCR ottenne il Premio Nobel per la Pace per l'aiuto fornito agli europei dispersi dalla guerra. Oggi l'UNHCR ha un budget annuale di2 miliardi di $ ed uno staff di 6.650 persone, incluse 740 nel quartiere generale di Ginevra. Ma dato che hanno fermamente rinunciato in nove anni di tutela di evacuare e curare questi bambini dei campi di Mitrovica (come richiesto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità), ora disonoriamo l'UNHCR per negligenza criminale.


Angelina Jolie

(immagine da solcomhouse.com) Angelina Jolie (al centro) nel dicembre 2002 di fronte alla distrutta Mahala rom di Mitrovica, una volta la grande comunità zingara in Kosovo.

IL PREMIO TESTA VUOTA DI HOLLYWOOD: disonora quell'attore o quell'attrice di Hollywood che si lasciano usare per coprire un crimine, come si è fatta usare Angelina Jolie dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati per coprire le enormi negligenze verso i bambini dei campi zingari nel nord del Kosovo.

Nata nel 1975 a Los Angeles, California, Jolie (nata Voight) ha ricevuto tre Golden Globe Award, due Screen Actors Guild Award, un Academy Award ed adesso questo Heroes Award dall'ONU per aver permesso l'uso del suo nome e della sua fame per coprire il peggior trattamento infantile d'Europa.

Gli Ambasciatori della Buona Volontà ONU come Jolie pensano di agire per il bene. Ma in realtà vivono una vita di auto-inganno. Raramente si chiedono cosa stanno davvero vedendo. Come ha potuto Jolie visitare nel dicembre 2002 come Ambasciatrice della Buona Volontà ONU questi campi rifugiati romanì e non vedere i 100 milioni di tonnellate di scorie tossiche attorno a questi campi? Come ha potuto stare di fronte alle rovine del loro vecchio quartiere e non chiedere cos'era successo a quelle persone? Perché le loro case erano distrutte? Perché non potevano tornarci? Cosa stava facendo l'ONU per aiutarli?

Perché Jolie non ha visto che l'ONU aveva interrotto tutti gli aiuti alimentari ai campi, obbligando le famiglie a trovare il loro unico pasto nei cassonetti dell'immondizia. E perché ha donato dei fondi all'ONU per costruire una fossa biologica e toilette alla turca per mantenere questi rifugiati su terreni contaminati? Quand'è che il compiacimento diviene negligenza, e quando la negligenza finisce nell'insensibilità inutile, e poi nella deliberata indifferenza per innocenti vite umane, com'è pratica dell'ONU in questi campi?

Jolie era lì, ha visto. Poteva non vedere cosa stava succedendo a questi bambini che avevano i più alti livelli di piombo nella storia medica, dato che i risultati degli esami sanguigni vennero rivelati a novembre 2000? Ha dovuto vedere che quei bambini non agivano normalmente.

Non ha sentito Jolie di madri che si procuravano l'aborto bevendo medicine contro i pidocchi o mischiando lievito alla birra per uccidere il feto, perché non volevano più bambini nati con danni irreversibili al cervello? Dov'erano le sue guide ONU, i suoi interpreti?

Jolie deve aver visto i bambini malnutriti. Perché non ha donato cibo invece di toilette? Se non mangi, non caghi. Otto anni dopo la sua visita, perché Jolie non si chiede cos'è accaduto a quei piccoli cari zingari che ha visto? Sarebbe scioccata a sapere che sono ancora su terreni contaminati (quelli che sono ancora vivi)? Perché non ha chiesto allora (e adesso) cosa intendeva fare l'ONU? Come ha potuto essere così ignorante? Perché Jolie ha contribuito a tutto ciò. Perché ha donato denaro per far sì che restassero lì. E' quello che si chiama una Testa Vuota di Hollywood... ed è per questo che si è meritata un Anti-Premio.

Fine nona puntata

 
Di Marylise Veillon (del 18/08/2010 @ 09:21:11, in Europa, visitato 1222 volte)

Da Roma_Francais

I giornalisti condannano la repressione in Francia contro i Rom - Federazione Internazionale dei Giornalisti – 09/08/2010

La Federazione Internazionale dei Giornalisti (FIJ) e la sua sezione regionale, la Federazione Europea dei Giornalisti, hanno condannato oggi la repressione scatenata dalle autorità francesi contro i membri della comunità Rom, avvertendo che ciò incoraggia la xenofobia e l'intolleranza. Accusano inoltre la polizia di intralcio al lavoro dei giornalisti, ai quali non è stato concesso riprendere il raid lanciato ieri all'alba contro un campo.

Secondo la FIJ, ai giornalisti è stato impedito dalla polizia di riprendere un raid contro un accampamento di gitani nella città di Saint-Etienne (Francia centrale) dove si è assistito all'espulsione con la forza di un accampamento illegale, nonostante la municipalità lo avesse fornito di acqua potabile e di WC chimici.

E' la prima azione della polizia da quando il presidente Nicolas Sarkozy ha annunciato una serie di misure energiche nelle prossime settimane, tra le quali l'espulsione di Rom da trecento accampamenti illegali.

"L'atteggiamento intollerante del governo avrà per unico risultato, quello di incoraggiare il risorgere del razzismo e della xenofobia", ha dichiarato Aidan White, segretario generale della FIJ. "Questo tipo di azioni contro persone provenienti da altri paesi dell' Unione Europea è nello stesso tempo discutibile sul piano legale e irresponsabile, in quanto alimenta le tensioni tra comunità."

Per la FIJ, ogni compiacenza nei confronti dell'estremismo e il razzismo, non farà altro che incoraggiare la propaganda xenofoba e aumenterà la pressione sui giornalisti e i media.

"D'ora e in avanti, ci segnalano che la polizia a Saint-Etienne, ha impedito a dei giornalisti di riprendere il loro raid contro l'accampamento", ha dichiarato White. "E' totalmente inaccettabile. La Francia non è uno stato poliziesco e i media devono potere informare liberamente. Se i giornalisti e i media non possono accedere alla verità, come saprà il pubblico se la legalità è rispettata?"

Per la FIJ, le dichiarazioni dei responsabili francesi secondo i quali è previsto di espellere dalla Francia tutti i Rom senza documenti verso la Romania, sembrano costituire un intralcio al diritto alla libera circolazione nel seno dell'Unione Europea.

Il numero di quindicimila gitani e Rom i quali vivono in Francia, e originari dell'Europa dell'est è evocato, la maggior parte dei quali vivono in accampamenti autorizzati, mentre altri si sono dovuti installare in accampamenti illegali a causa dell'insufficienza di infrastrutture. Le ultime azioni fanno seguito a un incidente avvenuto il mese scorso, durante il quale un gruppo di viaggianti francesi ha scatenato una sommossa dopo la morte di uno di loro, ucciso dalla polizia a Saint-Aignan (Francia centrale).

Per la FIJ, le ultime azioni del governo - che numerose critiche accusano di ricorrere a politiche impregnate di populismo e contro gli immigrati, per venire fuori dalle cattive acque nelle quali si ritrova – non fanno altro che accrescere le preoccupazioni riguardanti la crescita di un sentimento anti-Rom e la xenofobia da parte dell'Europa.

"La verità è che le politiche che giocano sulla paura e l'incertezza, finiranno con rendere la vita difficile a tante minorità, condurre alla discriminazione e rischiano di sottomettere giornalisti e media all'influenza della propaganda razzista di politici senza scrupoli", ha aggiunto White. "Le autorità francesi devono agire con calma ed evitare ogni forma di ingiusta discriminazione."

 
Di Marylise Veillon (del 21/08/2010 @ 09:15:06, in Europa, visitato 1957 volte)

Da Roma_Francais

Denunciare l'anti-ziganismo senza attaccarsi alle sue radici? par Martin Olivera, antropologo

In seguito ad alcune dichiarazioni del capo dello Stato riguardo ai "Rom e Viaggianti", numerose associazioni di intellettuali e alcuni politici hanno reagito per denunciare gli amalgami, i quali permettono di creare a buon mercato, un diversivo in un contesto di crisi politica acuta. Alcuni hanno messo in prospettiva di stigmatizzare alcuni di questi gruppi, azione ben ancorata nella storia repubblicana e più genericamente, nel vecchio continente. Siamo riusciti infine a dare l'allarme in merito ai rischi di violenze fisiche gravando direttamente su coloro i quali vengono designati come "Rom e Viaggianti". Tutte queste reazioni sono ovviamente giustificate e necessarie. Ma appaiono purtroppo impotenti a grippare quel meccanismo intento a nutrire i discorsi del governo, e più a fondo ancora, il "buon senso" come fondamenta dell'anti-ziganismo in Francia come altrove.

La lettura delle reazioni degli internauti su alcuni siti d'informazione, lo illustra in modo eloquente: per alcuni, il capo dello Stato e il governo giocano, come accade spesso, con il fuoco, giocando la carta del populismo securitario; per altri – denunciando il lassismo dei primi – non bisogna temere di attaccarsi ai "veri problemi" posti da "quella gente". Abbiamo così più spesso a che fare con posizioni di principio che si nutrono tra loro, tanto più incrollabili visto che non rimettono mai in causa la categoria definita come problematica. Una tale opposizione binaria non serve altro che a riprodurre posizionamenti ideologici, strumentalizzando la famosa "questione rom" ad nauseam.

Però, il problema non è di sapere se i "Rom e Viaggianti" sono prima di tutto vittime dell'apparato di Stato e del razzismo popolare, o se "sono" invece colpevoli della loro "emarginazione".

Nulla si muoverà mai, tanto che si continuerà ad abbordare la categoria stessa "Rom e Viaggianti" come una popolazione evidente, indefinitamente offerta alla pietà o al biasimo, secondo le tendenze politiche degli uni e degli altri. E pur invitando a maggiori sfumature, le reazioni di fronte agli amalgami del governo, non rimettono mai in discussione l'esistenza di questa "comunità" in quanto entità sociale omogenea.

Eppure, eccetto la messa in categorie imposta dalle società maggioritarie che le riuniscono sotto un'unica etichetta (variabile nella storia, da cui l'inflazione della confusione), niente ci autorizza a considerare come andando da sé, le similitudini tra questi vari gruppi. "L'origine indiana" è una scoperta della scienza linguistica apparsa alla fine del XVIII secolo, e non un ricordo conservato dagli interessati nel seno delle diverse comunità.

In quanto al "nomadismo", sono diversi decenni che i ricercatori dimostrano e ripetono che non è affatto una caratteristica dei cosiddetti Tzigani, non oggi più di ieri: troviamo dei gruppi, i quali per motivi storici e economici, praticano una mobilità stagionale, ma l'immensa maggioranza di loro è sempre stata sedentaria. Al punto che il qualificativo stesso sembra superfluo.

L'esempio della "Seine Saint-Denis" è un mezzo efficace per farsi all'idea dell'irriducibile diversità dei cosiddetti Tzigani o "Rom e Viaggianti", per quanto poco si presti attenzione al modo con il quale loro stessi si definiscono:

- famiglie gitane (venute dalla Linguadoca e dalla Spagna) ci vivono dalla fine del XIX secolo, il più spesso in abitazioni "standard" (padiglioni o appartamenti)

- gruppi famigliari manush, yenish e viaggianti, maggiormente originari dell'est della Francia, si sono impiantati lì nella stessa epoca, cioè più di un secolo fa. Un gran numero di loro vivono in roulotte o abitazioni miste (casa e roulotte). Corrispondono per l'essenziale alla categoria dei "Viaggianti" – ciò non significando che "viaggino" realmente

- una comunità Rom (i "Rom di Parigi") è presente in "Seine Saint-Denis" dal periodo tra le due ultime guerre. Come i precedenti, sono oggi cittadini francesi e vivono per la maggioranza in padiglioni della periferia

- altri gruppi Rom, originari dell'ex Iugoslavia, si sono installati nelle città del dipartimento nel corso degli anni 1960-1970. Preservando per alcuni, legami con il paese d'origine, vivono lì ancora, in case banali, la roulotte essendo nel loro caso solo una risposta all'impossibilità di accedere alla locazione o alla proprietà

- incontriamo infine dagli anni 1990-2000, gruppi famigliari Rom originari di Romania e di Bulgaria, occupando essenzialmente degli squat o dei bidonville, a difetto di alternative: senza diritto al lavoro e alle prestazioni sociali, "girano" da un terreno all'altro nei comuni del dipartimento talvolta da più di dieci anni, seguendo il ritmo delle espulsioni… Precisiamo infine che loro stessi non formano una comunità, ma diversi gruppi distinti e che il loro numero è stabile dagli anni 2003-2004 – all'incirca tremila persone – anche se la mobilità subita li rende particolarmente visibili.

Alcuni parlano finalmente di "mosaico" per definire l'insieme tzigane. Questo mosaico non esiste peraltro per coloro i quali lo guardano, cioè i non tzigani. Certo, si identificano sempre più, di volta in volta, punti in comune tra i differenti gruppi: i Rom originari dell'Europa orientale sono marcati da influenze in parte comuni, legate alla loro appartenenza ad una stessa area storico-culturale.

Tuttavia, entrando nei dettagli, possiamo constatare la loro grande diversità, direttamente sorta dalle terre dalle quali queste comunità vengono: i Rom musulmani di lingua turca del sud della Bulgaria, i Rom sassoni del centro della Transilvania e i Rom sloveni installati da quarant'anni nell'Italia del Nord non hanno lo stesso passato, non praticano le stesse attività professionali, sono diversamente inseriti in habitat altrettanto diversi ecc…

In definitiva, non è un caso se sono innanzitutto dati di tipo macrosociologico che sembrano dare corpo alla categoria "Rom e Viaggianti". A questo proposito, le istituzioni europee (U.E, Consiglio dell'Europa), internazionali (FMI, Banca Mondiale, PNUD) e diverse fondazioni (in particolare l'Open Society Institute del miliardario George Soros) hanno una maggiore responsabilità nella definizione della "questione rom" a livello europeo. L'immagine di una minoranza essenzialmente costituita da "casi sociali" non avrà cessato di rinforzarsi nel corso degli anni 19902000, per mezzo di studi quantitativi i quali rendono astratta già all'origine, la diversità delle realtà locali. L'Unione Europea inquadra oggi perfino una "decade per l'inclusione dei Rom" (2005-2015), partendo dal principio che questi sono globalmente "mal inseriti" nelle società maggioritarie. Ma i cosiddetti Tzigani sono sempre ugualmente eterogenei dal punto di vista socio-economico di quanto lo sono culturalmente, a est così come a ovest del continente.

Non c'è così nulla di semplice da dire sui "Rom e Viaggianti", non più che sugli "Africani" o gli "Asiatici"… E se come in Romania, per esempio, è usanza chiamare Tzigani tutti coloro percepiti come socialmente marginali, la prima responsabilità dei ricercatori come dei giornalisti è d'interrogare questo luogo comune, per rendersi conto di realtà ben più complesse.

Infatti, la strada dell'inferno è lastricata di buone intenzioni, ognuno oggi è in misura di rendersene conto. Pur volendo lottare contro le discriminazioni e favorire l'inserimento di alcuni gruppi locali, effettivamente in difficoltà ma avendo poche cose da vedere gli uni con gli altri, se non un'etichetta, la retorica della "questione rom" non avrà fatto altro che convalidare nuovamente la categoria "stigmatizzabile" e la sua pertinenza simbolica.

Come denunciare "l'etnicizzazione" del dibattito e delle politiche pubbliche, quando si ha per evidente l'entità etnica in questione? Come fare conoscere meglio coloro chiamati ieri Tzigani, oggi "Rom e Viaggianti", e nello stesso tempo preservare il punto di vista che vieta di conoscerli? Come combattere i clichè senza rimettere in causa lo stampo che li genera? Tali sono le domande che oggi possono posarsi tutti quelli che desiderano – ricercatori inclusi – lottare efficacemente contro l'anti-ziganismo.

Difatti la sua base non è purtroppo la semplice mancanza di conoscenza. Quest'ultima non è altro che una conseguenza del volere creare categorie. In altre parole, gli stereotipi (negativi o positivi) non sono un'interpretazione erronea della realtà che basterebbe correggere, ma si nutrono di una postura a priori, rinforzandola contemporaneamente e a scatola chiusa. E in questo contesto, la ragione è ben impotente di fronte all'immaginario popolare e alle strumentalizzazioni politiche.

Allora no, non va tutto nel migliore dei modi e si, dei gruppi di cosiddetti Tzigani incontrano localmente delle difficoltà, producendo loro stessi una coabitazione talvolta delicata con il vicinato. Ma se non è gradevole abitare nei pressi di un bidonville, lo è ancora meno viverci… Però, il modo migliore per rendere impossibile la risoluzione di queste situazioni è bene quello di disgiungere le difficoltà vissute da queste famiglie dal contesto locale, facendone una "questione europea" disincarnata e fantasmagorica.

Difficoltà d'accesso all'alloggio, servizi sociali senza mezzi umani e finanziari, mercato del lavoro sinistrato, politiche d'immigrazione chiuse e servizi prefettizi obsoleti… I problemi incontrati da certi "Rom e Viaggianti" sono quelli delle nostre società contemporanee, delle quali fanno parte integrante, e non le conseguenze (subite o provocate) di caratteristiche sociali generiche.

 
Di Fabrizio (del 23/08/2010 @ 09:52:44, in Europa, visitato 1570 volte)

Da Roma_Daily_News

by BERİL DEDEOĞLU b.dedeoglu@todayszaman.com

11/08/2010 - Dev'essere stato circa un anno fa. Stavo camminando in Spagna con delle colleghe quando una signora molto anziana mi chiese in turco la bottiglia d'acqua che portavo con me.

Quando le chiesi di dov'era, mi disse che era una Rom della Bulgaria, e che sapeva parlare il turco perché Turchi e Rom una volta erano lì parimenti oppressi, e per questo i due gruppi si sentivano vicini l'un l'altro. Non so cosa stesse facendo lì, ma mi disse che la sua vita in Spagna era brutta come in Bulgaria e che il destino dei Rom non cambia mai.

Una collega spagnola che era con noi si rattristò per questa conversazione. Riaffermò che i Rom erano i nuovi "Ebrei" e che sono uno dei bersagli principali del crescente nazionalismo in Europa occidentale. Sinceramente pensai che la mia collega stava esagerando quando diceva di aver paura che i Rom potessero essere vittime di uccisioni di massa. Insistette che gli Europei non potevano vivere senza la sensazione di essere minacciati da "altri" attorno a loro, fornendo molti esempi dalla storia rom.

Le recenti decisioni sui Rom del presidente francese Nicolas Sarkozy mi hanno ricordato gli ammonimenti della mia collega. A seguito degli ordini del presidente Sarkozy, le autorità locali hanno iniziato a smantellare un totale di 300 insediamenti rom in tutto il paese. Sembra che tutte le volte che la sua popolarità declina, il presidente Sarkozy sente il bisogno di usare la retorica nazionalista per riguadagnare appoggi. I Rom sono diventati le ultime vittime di quest'attitudine, dopo le politiche come "i musulmani non sono europei", "la Turchia non è Europa" e "le donne che portano il burqa devono stare a casa".

Anche nei tempi antichi i Rom viaggiavano in tutto il continente e, nonostante il loro stile di vita nomade, non erano considerati stranieri nei paesi dove passavano le loro vite. Con le loro tradizioni e credenze ancestrali, i Rom in verità sono abbastanza differenti dalla maggior parte degli Europei che vivono nelle città o nei villaggi. La maggioranza dei Rom europei vivevano in Europa orientale durante l'epoca della guerra fredda, ma quando i paesi del blocco orientale si unirono alla UE, acquisirono la cittadinanza europea e così il diritto di viaggiare liberamente per l'Europa, proprio come ogni altro gruppo etnico o sociale di quei paesi.

Inoltre, nel caso dell'Ungheria e della Romania, i diritti delle minoranze delle popolazioni rom furono uno dei principali argomenti del processo di negoziazione UE. La UE è stata abbastanza esplicita nel chiedere a questi paesi di attuare misure di discriminazioni positive verso queste persone. Alcuni paesi candidati dell'Europa orientale hanno ascoltato le raccomandazioni UE su come trattare la popolazione rom, e li hanno persino obbligati a vivere in grandi appartamenti, nel nome di migliori condizioni di vita. Tuttavia, questa politica è stata rigettata dai Rom stessi, che affermano che fosse irrispettosa del loro tradizionale modo di vita. In alcuni casi, hanno reagito mettendo i loro animali in queste case mentre loro sceglievano di vivere in tende all'aperto.

Il concetto solito di stato-nazione prevede progetti di "creazione della nazione" attraverso l'assimilazione o politiche d'integrazione, usando la forza se necessario. Quanti resistono a queste politiche sono sovente esclusi dalla società. Inoltre, la loro resistenza spesso fornisce una scusa per etichettarli come "cattive persone". Alcuni Europei vogliono che i Rom diventino invisibili, e paesi come la Francia preferiscono "risolvere" il problema rom rimandandoli nei loro paesi d'origine come l'Ungheria e la Romania. Se questo è quel che si chiama "unità nella diversità", è allora impossibile affermare che la UE si definisca un buon esempio per paesi come la Turchia.

 
Di Fabrizio (del 24/08/2010 @ 09:22:58, in Europa, visitato 3139 volte)

by Paul Polansky

[continua]

Alexander Borg Olivier

(immagine da Times of Malta)

IL PREMIO GRANDE IMMUNITA': disonora quell'avvocato che ha fatto della sua connivenza il meglio per prevenire azioni legali contro l'ONU o qualsiasi membro di quello staff che commisero negligenza colposa contro i bambini IDP che erano sotto la tutela dell'UNHCR.

Nel 1990 Borg Oliver, avvocato maltese di formazione americana, venne quasi scelto come presidente dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, in riconoscimento della sua popolarità presso l'ONU come ambasciatore di Malta. Sino allora, Borg Olivier era stato coinvolto in diversi lavori con l'ONU, culminati in alcuni conflitti d'interesse col governo del Kosovo.

Il preambolo della Carta delle Nazioni Unite è uno degli esempi più inspiranti della letteratura legale. Vi si dice che i popoli del mondo hanno proclamato con coraggio la loro determinazione nel riaffermare la fede nei diritti umani e nella dignità delle persone umane. Come avvocato ONU in Kosovo, Borg Olivier probabilmente non ha mai letto quel preambolo. Almeno, non secondo le sue azioni per come ha abilmente procrastinato dal 2006 per ritardare una revisione delle affermazioni fatte a  nome degli zingari dei campi di Mitrovica alla ricerca di un risarcimento per l'avvelenamento da piombo nei campi ONU, che ha lasciato almeno 86 morti ed ogni bambino nato con danni irreversibili al cervello.

Dopo aver lavorato come consigliere legale top per l'ONU in Kosovo, il nostro signor Borg Olivier andò direttamente a lavorare ed essere pagato come consulente del governo kosovaro. E' quello che si chiama una "porta girevole" e porta a domandarsi su una delle peggiori pratiche del conflitto d'interesse. Mentre lavorava per l'ONU in Kosovo, Borg Olivier aiutò a mungere denaro dalla Kosovo Trust Agency ai funzionari a Pristina, per poi accettare un lavoro da loro pagato. Anche se parte dei Fondi Trust delle contestate vendite di Olivier di imprese statali sono ritornati, Borg Olivier ha mantenuto il suo lavoro.

Dove andarono i Fondi Trust? Sicuramente non hai bambini romanì che l'ONU ha tenuto su terreni contaminati per quasi undici anni, mentre Borg Olivier difendeva gli amministratori con immunità e privilegi, dicendo che questi erano necessari per il buon funzionamento della missione ONU. Nel settembre 2006, ammise verbalmente che l'ONU era responsabile delle condizioni tossiche dei campi rom e che voleva collaborare con gli avvocati che rappresentavano le famiglie che pativano di avvelenamento da piombo. Venne concordato a voce di instaurare una commissione per stabilire il compenso di ogni famiglia. Invece, quando venne organizzato un incontro con gli avvocati che rappresentavano le famiglie del campo, Borg Olivier rifiutò di prendervi parte e disse a Dianne Post, l'avvocato americano rappresentante la maggior parte dei Rom/Askali dei campi, che non intendeva incontrarla di nuovo e disse di non dover rispondere agli zingari; che doveva risposta solo al suo superiore dell'ONU e che l'ONU non doveva rispondere a nessuno. Secondo la carta fondante ONU, la Convenzione sui Privilegi e le Immunità del 1946, l'organizzazione beneficia di immunità legale "per l'adempimento dei suoi scopi". Dal 2008, l'ONU ha passato la gestione dei campi al governo kosovaro, dove Borg Olivier ora lavora come consulente profumatamente pagato.


Save the Children

IL PREMIO OSSIMORO: disonora quell'organizzazione che agisce esattamente nella maniera opposta di come implicherebbe il suo nome e marchio. Anche se molte altre organizzazioni sono state prese in considerazione per questo premio, come l'UNICEF, nessuna OnG negli scorsi dieci anni in Kosovo merita questo premio più di SAVE THE CHILDREN GB.

CITAZIONI DA "SAVE THE CHILDERN":

  • "Per alleviare il disagio e promuovere il benessere dei bambini di ogni paese, senza differenza di razza, colore, nazionalità, credo o sesso..."
  • "Ogni anno, quasi 10 milioni di bambini muovono prima di raggiungere il quinto compleanno - la maggior parte per cause prevenibili o affrontabili. Non possiamo e non vogliamo permettere che questo continui."
  • "Il nostro scopo è di proteggere i diritti dei bambini attraverso il patrocinio internazionale per promuovere soluzioni ed assicurare finanziamenti per il lavoro umanitario, e far pressione ai governi nazionali affinché cambino leggi, politiche e pratiche o si migliorino le condizioni."
  • "Save the Children coordina il Gruppo d'Azione sui Diritti Infantili, una rete di organizzazioni non governative che contribuiscono alla Strategia UE per i Diritti del Fanciullo. Inoltre, richiamiamo il Consiglio dei Diritti Umani ONU a focalizzarsi in misura maggiore nel suo lavoro e attenzione sui bambini."
  • "Save the Children lavora per far sentire le voci dei bambini ai più alti livelli nazionali ed internazionali."
  • "Noi... abbiamo persuaso le autorità locali in Kosovo a fondare asili d'infanzia interetnici."
  • "Il nostro ufficio di consulenza legale a Ginevra ha concluso che siamo la principale organizzazioni dei diritti infantili a Ginevra, dove ha base il Comitato ONU sui Diritti dell'Infanzia."
  • "Nel 2008 lo studio legale Baker & McKenzie ha fornito un prezioso aiuto alle nostre attività volte a proteggere il logo ed il marchio di Save the Children in tutto il mondo."
  • "Nell'anno in corso ho visto con i miei occhi, visitando la Cina ed il Kosovo, l'alta considerazione in cui è tenuto il nostro staff in questi diversi paesi, e l'eccellente lavoro che stanno facendo per aiutare l'accesso dei bambini ad adeguati servizi sanitari, istruzione e programmi alimentari." Alan Parker, Presidente, Save the Children GB

Save the Children GB rivendica di essere la più importante organizzazione indipendente nel creare cambi duraturi nelle vite dei bambini. Tuttora questa OnG di Londra ha fermamente rifiutato di prendersi cura dei bambini zingari sofferenti di avvelenamento da piombo e malnutrizione anche se a Save the Children è stato chiesto di farlo da parte tanto dell'UNHCR che dal Ministero della Salute del Kosovo. Nonostante abbia un ufficio a tempo pieno a Pristina ed un ufficio regionale a Mitrovica, Save the Children nel 2005 ha rifiutato il contratto dell'UNHCR perché, secondo il loro ufficio locale, la percentuale che avrebbero dovuto ricevere dal budget dei campi non era tale da interessarli.

Nel 2009, venne chiesto ripetutamente a Save the Children di unirsi ad altre OnG, come l'OMS, Human Rights Watch, ICRC, Society for Threatened Peoples, Kosovo Roma Refugee Foundation, Kosovo Medical Emergency Group, ecc., nel richiedere l'immediata evacuazione dei campi zingari dai terreni contaminati ed il trattamento medico per i bambini sofferenti dei più alti livelli di piombo nella letteratura medica. Save the Children rifiutò.

Save the Children proclama con orgoglio: "Save the Children lavoro per e con i bambini a rischio di fame e malnutrizione e quelli afflitti da disastri naturali, guerre e conflitti." I bambini zingari che stanno morendo di avvelenamento da piombo, furono cacciati dalle loro nel 1999 dagli estremisti albanesi dopo la guerra del Kosovo (un conflitto) e da allora sono sopravvissuti (fame e malnutrizione) di quanto trovano nei container dell'immondizia vicino agli uffici di Mitrovica di Save the Children.

Nel 2008, Save the Children Alliance ha avuto entrate per US $ 1.275.999.361.

Fine decima puntata

 
Di Fabrizio (del 24/08/2010 @ 09:29:40, in Europa, visitato 1561 volte)

Gli euro-nomadi di Tanya Mangalakova | Sofia 19 agosto 2010

Sfruttano le possibilità dei mezzi di comunicazione elettronici e quelle dei voli low cost. Vivono divisi tra il "qui" del paese di origine e il "là" di quello che hanno scelto per lavorare. Utilizzano identità multiple. Sono gli "euro-nomadi", gruppo in continua crescita anche in Bulgaria

Ivanka lavora da ormai cinque anni in una clinica privata di Londra. Ogni due mesi, questa energica bulgara di 44 anni prende l'aereo e atterra all'aeroporto di Sofia, dove l'aspetta suo marito Krasimir.

Dall'aeroporto Ivanka e Krasimir vanno nella loro città natale, Stara Zagora, situata nella Bulgaria centrale, dove trascorreranno insieme una settimana. La loro figlia, Emanuela, si sta per laureare in filologia indiana all'Università di Sofia, e vorrebbe continuare con studi specialistici a Londra.

Ivanka ha preparato un programma di spostamenti per quasi tutto l'anno prossimo, basato sui voli low cost che connettono la capitale britannica a quella bulgara. "Con mio marito ogni volta ci separiamo per due o tre mesi, ma il nostro matrimonio non ne soffre. Nei dieci giorni che passiamo insieme in Bulgaria, non abbiamo davvero tempo per litigare", dice Ivanka.

"Mio marito non riesce a trovare lavoro a Londra, e io non voglio perdere l'occasione di una posizione ben pagata. Dopo il 1° gennaio 2007, data di ingresso della Bulgaria nell'Unione europea, il mio status di lavoratrice in Gran Bretagna è migliorato sensibilmente, e oggi sul mercato del lavoro ho gli stessi diritti dei colleghi inglesi".

La nostra conversazione avviene attraverso "Skype", lo strumento che permette ad Ivanka di mantenere i contatti con gli amici in Bulgaria e nel mondo. Per i nuovi "euro-nomadi" come Ivanka sono proprio i mezzi di comunicazione elettronici, insieme ai collegamenti low cost, a far cadere confini prima difficilmente valicabili.

Gli "euro-nomadi" stanno modificando le caratteristiche dell'istituzione matrimoniale in Bulgaria, in una forma difficilmente accettabile per le vecchie generazioni.

Maria, una pensionata di Sofia, l'anno scorso ha trascorso il suo settantesimo compleanno a Johannesburg, Sud Africa, ospite della figlia.

Maria guarda con un certo scetticismo al matrimonio di suo figlio Nikolay, medico di 42 anni, che lavora a Parigi, mentre la moglie vive a Ruse, sul Danubio, dove amministra un impianto tessile. Ogni mese Nikolay prende l'aereo per Bucarest (la capitale rumena si trova ad appena 70 chilometri da Ruse) per trascorrere qualche giorno con la famiglia.

Secondo l'etnografa Margarita Karamihova, tra gli emigranti esiste il modello della "doppia casa", divisa tra il "qui" (in Bulgaria) e il "là" (all'estero). Le basi di questo modello sono fornite dalla possibilità di aiutare finanziariamente i propri cari e di mantenere le proprietà nel luogo natale attraverso le risorse finanziarie frutto del lavoro lontano da casa.

In Bulgaria, gli "euro-nomadi" non sono solo specialisti qualificati come Ivanka e Nikolay. Ci sono anche lavoratori stagionali o impiegati nelle costruzioni o in agricoltura, i cui risparmi, spediti a casa attraverso la Western Union, sono di fondamentale importanza nel budget delle famiglie di origine.

Ritorno in Europa
Il crollo del regime comunista è coinciso con l'affermarsi del processo di globalizzazione. I bulgari, che vivevano dietro la cortina di ferro e che non potevano viaggiare liberamente, hanno così potuto riscoprire l'Europa e il mondo.

Negli anni '90 circa un milione di bulgari ha fatto le valigie verso i paesi sviluppati dell'Occidente, alla ricerca di una vita migliore. Nel decennio successivo l'emigrazione ha portato alla divisione della popolazione bulgara in due grandi gruppi.

Da una parte ci sono i nuovi nomadi, in continuo aumento, e nelle cui fila non figurano solo gli studenti e i lavoratori qualificati, che cercano la propria realizzazione professionale fuori dal paese, utilizzando le risorse messe a disposizione dalla globalizzazione e in continuo spostamento.

In questo gruppo infatti trovano posto anche i lavoratori non qualificati, che non hanno titoli di studio, ma sono riusciti comunque a trovare una nicchia di mercato in molti paesi dell'Ue, soprattutto nelle costruzioni, nell'agricoltura e nei servizi. Le famiglie dei nuovi nomadi sviluppano nuovi modelli: i coniugi vivono separatamente, viaggiano tra la Bulgaria e i paesi in cui lavorano, i loro figli studiano nelle università di Bruxelles, Londra, Vienna.

C'è poi un altro gruppo, che si posiziona agli antipodi del primo. E' il gruppo dei marginalizzati e dei condannati alla dimensione "locale". Utilizzando le chiavi di lettura del sociologo Zygmunt Bauman, quest'ultimi vivono "sotto il peso del continuo eccesso di tempo libero", che solitamente riempiono guardando soap-opera in tv.
In questo gruppo figurano gran parte dei pensionati bulgari, che trovano difficile viaggiare anche all'interno dei confini del paese, condannati all'immobilità da pensioni miserrime che spesso si aggirano tra i 100 e i 200 euro, risorse che permettono a malapena di pagare cibo e riscaldamento. Anche i poveri (gran parte dei quali è rappresentata dalla comunità dei rom) fanno parte di questo gruppo, che riesce a malapena o per nulla a godere dei vantaggi dell'ingresso della Bulgaria nell'Ue.

Identità multiple
Margarita Karamihova indaga i processi migratori e le sfaccettature dell'identità multipla dei musulmani bulgari nella regione di Satovcha, dopo l'ondata migratoria che ha colpito l'area dopo il 1998.
Principali destinazioni di quest'ondata sono state la Spagna, il Portogallo, la Grecia, Cipro, l'Italia e gli Stati Uniti. Secondo l'etnografa ognuno dei migranti ha solitamente a disposizione un "portafoglio" di identità, che utilizza in modo differente a seconda della situazione.


Passato il confine, sul territorio di altri stati vengono caratterizzati come cittadini bulgari, e si integrano facilmente nelle reti di rapporti formate dagli slavi dei Balcani. Con l'emigrazione si rafforza l'identità bulgara, mentre quella concorrente, turca, non viene attivata.

Gli emigranti in Europa occidentale provenienti da Satovcha utilizzano il vantaggio rappresentato dall'essere bulgari, oggi cittadini di un membro a pieno titolo dell'Unione europea, e al tempo stesso affermano con orgoglio la propria identità locale.

Secondo la Karamihova il caso di Satovcha mostra "una forte identità locale, slegata dalla destinazione di emigrazione e il cui centro reale-virtuale è il villaggio lasciato in Bulgaria, lì dove si trovano le tombe degli antenati".

Secondo l'etnografa Mila Maeva, i turchi di Bulgaria preferiscono invece emigrare in Germania, a causa della numerosa comunità turca presente nel paese, che li accetta con facilità e fornisce loro lavoro, potendo comunicare nella stessa lingua. Anche il buon livello di retribuzione influisce sulla scelta della destinazione di emigrazione.

Dopo la Germania i turchi di Bulgaria preferiscono l'Olanda e il Belgio. In Europa occidentale lavorano soprattutto nei cantieri, in agricoltura e (in Olanda) nelle serre.

Studiando le scelte identitarie in questa comunità, la Maeva ritiene che nella maggior parte dei casi i turchi bulgari preferiscano viaggiare con passaporti che riportano i loro nomi nella versione bulgara, a causa dei pregiudizi diffusi in occidente sulle comunità musulmane.

In questo caso il lavoro all'estero rafforzerebbe il senso di appartenenza alla comunità turca, ma anche a quella dei credenti musulmani. Dopo quella etnica e religiosa, tra i turchi di Bulgaria vengono in ordine di importanza l'identità nazionale (bulgara) e infine quella europea.

La libertà di movimento in Europa fornisce quindi ai bulgari varie possibilità di scelta identitaria. Tra tutte queste identità, in generale, quella sovranazionale ed europea è ancora la meno radicata e la più difficile da individuare.

Per chi è diviso tra Bulgaria e resto d'Europa, l'identità locale resta prevedibilmente quella più visibile. Sul sito di una delle organizzazioni di emigranti bulgari all'estero, ad esempio, è stato pubblicato lo scorso giugno il seguente invito a partecipare ad un incontro a Madrid.

"Alla vigilia del 21 giugno, il giorno più lungo dell'anno, anticamente festa del fuoco del dio Sole, gli antichi bulgari si riunivano in località sacre per celebrare riti con cui si pregava per il bene e la salute del popolo... Siamo convinti che, nell'Europa senza confini di oggi, noi bulgari dobbiamo conservare la nostra identità spirituale più che mai".

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


29/06/2022 @ 10:03:20
script eseguito in 72 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 5013 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< giugno 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source