\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Opinione: I Rom e l'Europa
Di Fabrizio (del 23/08/2010 @ 09:52:44, in Europa, visitato 1570 volte)

Da Roma_Daily_News

by BERİL DEDEOĞLU b.dedeoglu@todayszaman.com

11/08/2010 - Dev'essere stato circa un anno fa. Stavo camminando in Spagna con delle colleghe quando una signora molto anziana mi chiese in turco la bottiglia d'acqua che portavo con me.

Quando le chiesi di dov'era, mi disse che era una Rom della Bulgaria, e che sapeva parlare il turco perché Turchi e Rom una volta erano lì parimenti oppressi, e per questo i due gruppi si sentivano vicini l'un l'altro. Non so cosa stesse facendo lì, ma mi disse che la sua vita in Spagna era brutta come in Bulgaria e che il destino dei Rom non cambia mai.

Una collega spagnola che era con noi si rattristò per questa conversazione. Riaffermò che i Rom erano i nuovi "Ebrei" e che sono uno dei bersagli principali del crescente nazionalismo in Europa occidentale. Sinceramente pensai che la mia collega stava esagerando quando diceva di aver paura che i Rom potessero essere vittime di uccisioni di massa. Insistette che gli Europei non potevano vivere senza la sensazione di essere minacciati da "altri" attorno a loro, fornendo molti esempi dalla storia rom.

Le recenti decisioni sui Rom del presidente francese Nicolas Sarkozy mi hanno ricordato gli ammonimenti della mia collega. A seguito degli ordini del presidente Sarkozy, le autorità locali hanno iniziato a smantellare un totale di 300 insediamenti rom in tutto il paese. Sembra che tutte le volte che la sua popolarità declina, il presidente Sarkozy sente il bisogno di usare la retorica nazionalista per riguadagnare appoggi. I Rom sono diventati le ultime vittime di quest'attitudine, dopo le politiche come "i musulmani non sono europei", "la Turchia non è Europa" e "le donne che portano il burqa devono stare a casa".

Anche nei tempi antichi i Rom viaggiavano in tutto il continente e, nonostante il loro stile di vita nomade, non erano considerati stranieri nei paesi dove passavano le loro vite. Con le loro tradizioni e credenze ancestrali, i Rom in verità sono abbastanza differenti dalla maggior parte degli Europei che vivono nelle città o nei villaggi. La maggioranza dei Rom europei vivevano in Europa orientale durante l'epoca della guerra fredda, ma quando i paesi del blocco orientale si unirono alla UE, acquisirono la cittadinanza europea e così il diritto di viaggiare liberamente per l'Europa, proprio come ogni altro gruppo etnico o sociale di quei paesi.

Inoltre, nel caso dell'Ungheria e della Romania, i diritti delle minoranze delle popolazioni rom furono uno dei principali argomenti del processo di negoziazione UE. La UE è stata abbastanza esplicita nel chiedere a questi paesi di attuare misure di discriminazioni positive verso queste persone. Alcuni paesi candidati dell'Europa orientale hanno ascoltato le raccomandazioni UE su come trattare la popolazione rom, e li hanno persino obbligati a vivere in grandi appartamenti, nel nome di migliori condizioni di vita. Tuttavia, questa politica è stata rigettata dai Rom stessi, che affermano che fosse irrispettosa del loro tradizionale modo di vita. In alcuni casi, hanno reagito mettendo i loro animali in queste case mentre loro sceglievano di vivere in tende all'aperto.

Il concetto solito di stato-nazione prevede progetti di "creazione della nazione" attraverso l'assimilazione o politiche d'integrazione, usando la forza se necessario. Quanti resistono a queste politiche sono sovente esclusi dalla società. Inoltre, la loro resistenza spesso fornisce una scusa per etichettarli come "cattive persone". Alcuni Europei vogliono che i Rom diventino invisibili, e paesi come la Francia preferiscono "risolvere" il problema rom rimandandoli nei loro paesi d'origine come l'Ungheria e la Romania. Se questo è quel che si chiama "unità nella diversità", è allora impossibile affermare che la UE si definisca un buon esempio per paesi come la Turchia.