Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 01/12/2010 @ 09:32:11, in Europa, visitato 1358 volte)

La Voce della Slovacchia

Luník IX, Košice

Nelle elezioni di sabato per il rinnovo dei consigli comunali e distrettuali di tutta la Slovacchia sono risultati eletti anche un certo numero di consiglieri e primi cittadini di etnia rom.

Due erano i partiti che li rappresentavano: il Roma Initiative Slovacco (Romská iniciativa Slovenska-RIS) che è riuscito a far eleggere 52 dei suoi consiglieri come sindaci ed il Partito di Coalizione Rom (Strana romské koalice-SRK) che ne ha invece espresso 50.

In 22 località del paese sono stati eletti dei sindaci “zingari”. Cinque di loro appartengono ad SRK mentre RIS ne ha espresso due.

I due partiti hanno genericamente corso separati, tranne che nella città di Bystrany dove il candidato comune, František Žiga, ha vinto.

Una grossa sorpresa è venuta fuori dalle urne a Jarovnice, dove il precedente sindaco (un gentile) sarà rimpiazzato da Florián Giňa di SRK.

E’ una “zingara” anche Mária Oračková (del partito LS-HZDS) che è stata eletta sindaco di Lomnický.

Nelle comunità Rom. anche quest’anno, si sono paventati brogli e compravendite di voti. Intimidazioni sarebbero avvenute nel quartiere Luník IX di Košice mentre a Kráľovský Chlmec i voti dei cittadini Rom sarebbero stati comprati per 5 euro l’uno.

Il sospetto di brogli riguarderebbe anche le città di Martin e di Žiar, dove autobus privati avrebbero accompagnato al voto gruppi di Rom.

Questa la lista dei sindaci Rom:
Valkovňa (Brezno): Rudolf Pokoš, SMER
Hubice (Dunajská Streda): Štefan Radics, SMER
Jurské (Kežmarok): Eduard Pompa, NEKA
Podhorany: Jozef Oračko, ĽS – HZDS
Stráne pod Tatrami: Gustav Bačo, MOST – HÍD
Luník IX (Košice): Dioníz Slpečík, SDKÚ-DS, KDH, SMK-MKP
Nitra nad Ipľom (Lučenec): Tivadar Berky, SDKÚ-DS
Blatné Remety (Michalovce): Vladimír Sliško, SRK
Jarovnice (Prešov): Florian Giňa, SRK
Barca (Rimavská Sobota): Richard Szajkó, SRK
Cakov: Karol Bari, SDKÚ-DS
Hodejov: Štefan Illéš, SRK
Hostice: František Rácz, SDKÚ-DS, SMK-MKP, RIS
Kesovce: Aladár Szajkó, SMK-MKP
Martinová – Eugen Radič, RIS
Sútor – Tibor Balog, HZD
Šimonovce – Ernest Lakatoš, HZD
Vieska nad Blhom – Attila Lakatoš, SRK
Bystrany (Spišská Nová Ves): František Žiga, SRK, RIS, SSS
Richnava: Vladimír Pokuta, RIS
Žehra: Ivan Mižigár, NEKA
Lomnička: Mária Oračková, ĽS-HZDS

 
Di Fabrizio (del 28/11/2010 @ 09:00:47, in Europa, visitato 1573 volte)

Da Roma_Benelux

Un "consiglio superiore dei Rom" che divide

Il "consiglio superiore dei Rom" non è ancora stato creato, che attira già critiche da tutte le parti, riportava mercoledì Le Soir. Diverse associazioni hanno deciso di non partecipare più al processo di creazione di questo consiglio.

"Si mischia tutto: Rom, Gitani, Gens du voyage. Ma i problemi degli uni non sono quelli degli altri," sottolinea Manuel Charpentier, del comitato nazionale della Gens du voyage. Al Congresso nazionale gitano, ci si rammarica che le questioni di fondo non siano affrontate.

All'ufficio del ministro Milquet, si tenta di sdrammatizzare. "Forniamo un ascolto, un metodo, un sostegno." I Rom e la gens du voyage lamentano anche che il Belgio non abbia denunciato ufficialmente l'atteggiamento della Francia verso di loro. "Ed oggi, le autorità vorrebbero creare un organo consultivo che assomiglia ad un guscio vuoto. Che prima agiscano, i problemi concreti si sanno." (belga / mb)

 
Di Fabrizio (del 27/11/2010 @ 09:19:48, in Europa, visitato 1585 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Czech Press Agency, translated by Gwendolyn Albert

Skopje, 2010/11/22 09:08 - I residenti del più grande insediamento rom della Macedonia stanno abbandonando le sue strade sporche e gli alloggi di fortuna per cercare impiego e prosperità nell'Unione Europea, riporta oggi il portale informativo BalkanInsight.com. Valijant, tassista 34enne di Shuto Orizari, sta pensando di vendere la sua Lada arrugginita dell'era sovietica, col parabrezza incrinato due anni fa - la cui riparazione costerebbe un patrimonio. Dice: "Userò il mio denaro per andare in Francia dove vive mio fratello. Non ho intenzione di tornare, a meno che non debba. Farò là tutto ciò che posso."

Valijant spera di iniziare una vita migliore in Europa occidentale. Più o meno è convinto che anche se le autorità francesi lo prenderanno a lavorare senza permesso, farà lo stesso abbastanza soldi da comprarsi una nuova macchina.

Ogni giorno, un autobus pieno di persone lascia Shuto Orizari per l'Europa occidentale. La gente sta vendendo la propria casa e qualsiasi piccola proprietà posseduta per pagare il viaggio per sé e la propria famiglia. I biglietti verso la terra promessa costano circa 120 €.

Giovedì scorso, il ministro belga all'immigrazione, Melchior Wathelet, ha visitato Shuto Orizari per la seconda volta quest'anno, nel tentativo di far pressione sulle autorità locali perché fermino l'afflusso di emigrati verso il suo paese. Belgio, Germania, Svezia ed altri paesi UE hanno ammonito per la seconda volta quest'anno che da quando non sono più richiesti visti da Macedonia, Montenegro e Serbia dal dicembre 2009, il numero di richiedenti asilo da questi tre paesi è accresciuto di molto.

Shuto Orizari, tuttavia, è un mondo a sé. E' l'unico comune in Macedonia con un sindaco rom, radio e televisione in lingua romanes. Dei 20.000 residenti, il 75% è di etnia rom e sono tra i più poveri nel paese.

Vasti settori del quartiere residenziale non sono niente di più di uno slum. Le case sono coperte con tetti di lamiera, percorsi fangosi funzionano come strade e non esiste un sistema fognario. Solo la strada principale ha un livello "adeguato" di asfalto. I marciapiedi sono pieni di bancarelle improvvisate dove si vendono accessori, vestiti e DVD (quasi tutti piratati).

"Qui ho tutto ciò che voglio, la famiglia, gli amici, la ragazza che ho sposato, ma ho un bisogno disperato di lavoro. Ho bisogno di un lavoro decente per dar da mangiare ai miei due bambini e non dover vendere questa spazzatura tutto il giorno," dice Elvis, 26 anni, che vende DVD. Sostiene di aver lavorato per sei mesi in una discarica in Germania prima di essere rimpatriato in Macedonia.

"Molti dei miei amici sono andati e solo qualcuno è ritornato perché è stato rimandato indietro," spiega Elvis. "Sto programmando un altro viaggio."

I viaggi verso l'Europa occidentale sono organizzati dalla locale agenzia viaggi, Skay Wim-Travel. Anche se sulla porta è indicato "aperto", l'ingresso era chiuso e le luci spente quando ci siamo andati.

Ufficialmente l'agenzia vende biglietti per fare shopping a Bruxelles, Amburgo, Lione, Malmö, Parigi, Vienna, Stoccarda e altri popolari destinazioni nell'Europa occidentale. "Piacciono così tanto che la gente decide di fermarsi e di estendere lo shopping," dice un locale con una risata.

Venerdì il Parlamento macedone ha adottato una risoluzione volta ad aiutare i Rom e la loro "integrazione nella società".  Si suppone che la risoluzione si volta a convincere Bruxelles che Skopje sta affrontando seriamente la questione del numero crescente di emigrati dalla Macedonia.

Per Rahipa Muaremovová, madre di quattro figli, simili nobili parole non significano niente. "Non so cosa significhi integrazione," dice. "Perché non mi chiedi come vivo, o se sono in grado di mettere cibo sulla tavola ogni giorno?"

 
Di Fabrizio (del 26/11/2010 @ 09:30:47, in Europa, visitato 1552 volte)

Da Roma_Francais (nb. i link sono in francese)

La-croix.com Una settimana ordinaria in un campo rom, par Paula BOYER

05/11/2010 18:28 - Tre mesi dopo l'inizio della polemica del luglio 2010 riguardo l'installazione dei Rom in Francia, l'inviata speciale di "La Croix", Paula Boyer, ha passato cinque giorni in un campo a Ormoy (Essonne) che conta 47 roulotte. Un campo incastrato tra strada, ferrovia e fiume, dove, lontano dai luoghi comuni, la vita è fatta soprattutto di espedienti, di miseria e dell'angoscia delle espulsioni.

L'accampamento Rom di Moulin Galant si estende su tre comuni: Corbeil, Ormoy et Villabé. La parte del campo che si trovava sul territorio del comune di Corbeil è stata evacuata il 7 ottobre 2010 (photo : Alain Keler/M.Y.O.P)

LUNEDI'

I salici ed i pioppi che costeggiano l'Essone nascondono una sordida realtà. Un campo s'è installato illegalmente nel 2008, ospitando circa 200 Rom, per la maggior parte originari di Timisoara e dintorni (Romania), ma la maggior parte presenti in Francia da tempo. Qui, niente elettricità, o acqua potabile, o sanitari (la legna serve da WC). All'ingresso, mucchi di rottami. Dentro, un insieme di mobili, panni stesi sulle corde, vecchi furgoni e una quarantina d roulotte, della stessa età, formano una sorta di reticolo di stradine.

Sulla destra, una trincea - un buon metro di profondità - accompagnata da un tumulo di terra: la città di Corbel ha realizzato questo lavoro per impedire ai Rom di tornare sul terreno da cui sono stati evacuati nel mese di ottobre 2010. Il campo è a cavallo di due altri comuni, Ormoy et Villabé, ed è stato sufficiente spingere le roulotte a 20 metri per sfuggire provvisoriamente all'espulsione.

Questa mattina, il campo è quasi vuoto. Molti bambini sono a scuola. Qualche uomo è partito a raccogliere ferraglia da rivendere o per lavorare in nero. Altri, uomini e donne, sono andati con i bambini a mendicare, sino a Parigi, prendendo la RER alla vicina stazione di Moulin-Galant.

Nel pomeriggio, il campo si risveglia. Le vetture si accostano alle roulotte. Le donne, che hanno finito di raccogliere l'acqua (vanno ad un idrante di un complesso residenziale lì vicino, con un bidone caricato su un carrello), lavano e pelano le patate. Gli uomini parlano a voce alta. I bambini corrono dappertutto. Le ragazze chiacchierano.

Pierre Germain e Yves Bouyer, due preti-operai in pensione, membri della Mission de France e militanti dell'Associazione di Solidarietà di Essonne con le famiglie rumene e rom, distribuiscono corrieri giuridici o amministrativi ricevuti dalle famiglie domiciliati presso di loro. Spesso arriva anche Paul Israël, un altro militante.

Vicino alla carovana di Robert, il "capo" (impossibile, malgrado le domande, sapere il perché di questo titolo), c'è festa. Dolci, frutta, soda e... preghiere. Un anniversario? O, come sembra, una cerimonia di ringraziamento?

Improvvisamente, una vettura si ferma all'ingresso del campo. Un'infermiera in pensione ne esce per distribuire vestiti. C'è la corsa, la ressa ed i pianti. Quelli che, come Roxana, abitano nelle roulotte più lontane, sono arrivati troppo tardi. Ne nasce una colluttazione, coltello alla mano. Poi la schermaglia viene evitata per miracolo.

MARTEDI'

Oggi c'è sciopero.; niente trasporti per recarsi ai propri "affari" a Parigi o altrove. Neanche la scuola. Il campo è animato. Gli uomini riparano le vetture, altri dividono i rottami. In fondo al campo, Petre brucia l'immondizia che s'è accumulata. La comunità urbana ha ritirato il cassonetto dopo che Corbeil aveva fatto evacuare il suo terreno.

Anche dei ratti enormi strisciano a due passi dagli abitanti. Nella sua minuscola roulotte, Roxana rumina ancora la sua collera: "Non ho avuto niente, mi manca tutto!" Non ha notizie di suo marito, espulso giovedì scorso. Ha ricevuto l'ordine di lasciare il territorio francese (in gergo amministrativo, si parla di ODTF) dove ha vissuto per oltre tre mesi.

Privato del titolo di soggiorno, di domicilio fisso e di risorse, rappresentava, secondo la prefettura, un "peso irragionevole per lo stato francese". Cittadino rumeno - e dunque europeo - può, con la sua carta d'identità, circolare liberamente nell'Unione (1). Quindi tornare ad Ormoy, dove il viavai Francia-Romania, volontario o forzato, è frequente.

Suo marito ha i 120 € necessari per l'autobus di ritorno? "No, ma loro te li anticipano e tu hai due settimane per rimborsare... 150 €", racconta Roxana senza voler dire chi sono "loro". "Mio marito ha cercato a lungo un vero lavoro, invano."

"Ora, stava rifacendo una casa, ci permette di mangiare", spiega questa giovane di 24 anni che ammette di aver mendicato e a volte rubato il mangiare per le sue tre figlie. Fortunatamente, l'anno scorso, dopo la nascita dell'ultima, ha potuto trascorrere alcuni mesi in un ostello per famiglie monoparentali. Come molti Rom, non è sposata col padre dei suoi figli.

"Essere separati è stato terribile, ma i piccoli erano al caldo," insiste Roxana sull'angoscia per il prossimo inverno. Perché restare in Francia se è così dura? "E' meno peggio della Romania! Qui, abbiamo la roulotte, questa è la differenza!"

Poco lontano Ionel, 37 anni, divide con la sua donna e quattro dei cinque figli due vecchie roulotte. "Se si gonfiano un po' i pneumatici, vanno ancora," ride. Lui vende giornali nelle stazioni. Proprietario di un furgone - "assicurato" insiste -, raccoglie anche oggetti ingombranti e ferraglia. Sua figlia Carina, 9 anni, sogna di diventare avvocato. "Per proteggerci", dice. E l'altro figlio? "Vive in Romania, sposato con una Rom che è ricca. La sua famiglia ha una casa!"

MERCOLEDI'

Appena 4 °C. Questa mattina, c'è un via-vai di furgoni e vetture caricate di ogni tipo di oggetti. "Qui, non siamo ladri," assicura con forza Robert, "lavoriamo. Abbiamo imparato a cavarcela. Sicuro, come dappertutto, alcuni ce la fanno meglio degli altri. La vita, è la seconda scuola."

Vende i rottami a 14 centesimi al Kg. E 2,40 € il rame. Un giorno sale, l'altro scende... "Quando arrivo ad una tonnellata a settimana, non guadagno 100 €, pagato il diesel." Da Robert ci sono sei bocche da sfamare: la sua compagna Eugenia e quattro figli.

Per fortuna, Eugenia ha una carta di soggiorno, quindi la CMU (copertura malattia universale) e l'indennità familiare, contrariamente alle altre donne furiose di essere "private della CAF, anche dopo dieci anni in Francia!"

Vicino alla sua roulotte, Maria è tutto un sorriso: suo marito, anche lui espulso giovedì scorso, arriva stasera, ha telefonato! "Vieni a bere un caffè!" Nella sua roulotte con le finestre rattoppate con lo scotch, l'acqua gocciola dal soffitto. I quattro bambini giocano sull'unico letto dove la famiglia si rannicchia la notte.

Maria prepara il caffè alla turca, in un pentolino. Dopo lascia il bruciatore acceso come calorifero. "La bombola del gas dura appena tre giorni. Fortunatamente, l'ho comprata da Carrefour a 20 €", sospira. Come molti altri, Maria fuma e beve caffè su caffè. "Per calmare la fame," spiegherà più tardi un'attivista delle associazioni.

Nel primo pomeriggio. quattro testimoni di Geova si avvicinano esprimendosi in rumeno. Vengono qui regolarmente. Per "reclutare"? Esclamano: "Vogliamo annunciare la buona novella e fare un po' di lavoro sociale."

Al calar della notte, Lazar ed un amico riescono a trasformare un barile in una stufa a legna. Dai vicini, un'altra stufa raccolta per strada è installata su un appoggio circolare per proteggere il fragile pavimento della roulotte. Una piastra metallica buca il tetto per lasciare passare il condotto d'areazione.

Stasera, queste due famiglie avranno caldo. I loro vicini più "ricchi" faranno funzionare una stufa a petrolio. La maggior parte si accontenterà, come Maria o Roxana, di un bruciatore a gas, oltre a qualche centimetro di coperte.

Stasera ancora riunione, a Évry, dei militanti delle associazioni. Dopo gli sgomberi di Fleury-Mérogis, Massy e Sainte-Geneviève-des-Bois, Ormoy è diventato il più grande campo dell'Essonne. Anche questo sarà sgomberato. Secondo gli uni, il tribunale si pronuncerà il 23 novembre. Gli altri credono che la procedura verrà interrotta.

Molti evocano il campo di Athis-Mons, in preda ai traffici di alcool e sigarette, l'affitto delle baracche gestito dal "capo" e forse prostituzione. "I militanti sono stanchi", dice una giovane che ha visto partire per la Romania i bambini che a fatica aveva iscritto a scuola. Segue allora un vivace dibattito e qualche nome d'uccello viene scambiato sugli "atteggiamenti" dei Rom...

Altri si domandano che fare di fronte alle attività criminose. Goyďta Epaillard, la presidente, conclude: "Che la polizia faccia il suo lavoro! Il nostro ruolo è di proteggere i Rom contro le ingiustizie e la negazione dei diritti, non di gestire la loro vita o quella dell'accampamento."

GIOVEDI'

Il termometro è sceso ancora. Vicino all'ingresso del campo stanno tre uomini ben vestiti. "Sono i dipendenti della città di Corbeil che vengono ad assicurarsi che non siamo tornati sul terreno evacuato," spiega Robert, berretto di pelo canadese sulle orecchie. Stamattina si scaglia contro tutti, compresi "i Rom che non puliscono" ed i militanti delle associazioni "troppo morbidi".

"Nell'Essonne, nessuno vuol fare qualcosa per noi. Sono dei razzisti. In Francia, da ventun anni, non ho mai visto un dipartimento come questo," si adira. Perché restare, allora? "E' il solo terreno che abbiamo trovato dopo l'espulsione di Créteil (Val-de-Marne). Se Ormoy ci caccia, dovremo alla fine partire." Dove? "Cercherò." La sua roulotte può muoversi? "Sono meccanico." Al limite, ne troverà un'altra, tra i 200 e i 400 €.

Sulla provinciale davanti al campo, stamattina non è parcheggiata nessuna macchina. Sembra che tutti siano in giro per i loro affari. In ogni caso, i bambini sono a scuola, tranne quelli che non hanno il veicolo paterno ad accompagnarli. Una frequenza costosa. "Sono 1 € al giorno o 3 litri di carburante a settimana", sospira una mamma.

Nella sua roulotte, Roxana è felice. Christian è di ritorno e non finisce di abbracciare le figlie. Cambia loro i pannolini, dona frutta sciroppata dalla Romania, sorride alla sua donna. Questi cinque si amano, impossibile dubitarne.

Di primo pomeriggio, Caroline, Hélène e Borys, dell'associazione Intermèdes Robinson, carichi di giochi, libri, carte, matite, penne si sistemano su pezzi di cartone e propongono attività curriculari a tutti i piccoli non scolarizzati. "Fanno progressi, parlano meglio il francese," insiste Hélène. In un anno una delle sue colleghe, Sophie, è riuscita a mandare a scuola 19 dei 50 bambini del campo.

Poco dopo la loro partenza, si presenta con grandi baffi neri e completo nero impeccabile, Bibbia alla mano. E' un pastore protestante rumeno installato nella regione parigina. Chiama cinque persone ad assisterlo nel culto dentro la "chiesa", in effetti una roulotte per cui i Rom si sono autotassati. Tra i partecipanti, Mariana, la donna di Lazar, una cattolica imparentata con P. Germain e anche dei testimoni di Geova.

Sincretismo che non sorprende questa donna, costretta a letto la maggior parte del tempo (attende una nuova operazione ginecologica): "Se c'è un Dio, ce n'è uno solo, lo stesso per tutti!" E' più preoccupata per le bollette portate a casa da scuola da sua figlia: 20 € per la mensa, 40 € per lo studio. "Non ho soldi, cosa succederà?" s'interroga, ripetendo: "la vita è dura!"

All'ingresso del campo, Robert ha in mano un volantino di Jean-Pierre Bechter, il sindaco UMP uscente di Corbeil. Attento alle proteste degli abitanti che si lamentano dei furti in aumento, fa campagna (2) sul tema: "Ho eliminato le baraccopoli create dai Rom sul nostro territorio."

VENERDI'

La trincea che separa il campo dal territorio di Corbeil s'è riempita d'immondizia. Attorno, i ratti sono sempre più numerosi. Davanti alla sua roulotte, Monica spazza le foglie. Sua madre vive in Romania grazie alla piccola pensione di suo padre, custode statale ai tempi di Ceausescu. "Allora, là per noi era meglio. Si guadagnava poco, ma tutti lavoravano ed i Rom erano meno discriminati di oggi."

In Francia da quindici anni, Monica erra da un campo all'altro. "E' dura. Non voglio più parlare, se no piango," dice. "Vorremmo un lavoro ed un alloggio stabili," insiste suo marito. Stamattina, il prezzo del rottame è sceso a 9,5 centesimi al kg. Arriva un gruppo di giovani. La conversazione si anima attorno ad un unico tema: "Anche Ormoy ci caccerà?"

(1) Il progetto di legge sull'immigrazione attualmente in discussione al Parlamento prevede misure più restrittive.
(2) La giunta comunale è dimissionaria, a Corbeil-Essonne ci saranno nuove elezioni il 5 e il 12 dicembre.

 
Di Fabrizio (del 17/11/2010 @ 09:23:11, in Europa, visitato 1298 volte)

Da Hungarian_Roma

by Tom Mellen

09/11/2010 - Le autorità ungheresi hanno "mancato di registrare, indagare, perseguire e punire tutti i reati razzialmente motivati contro i Rom," ha dichiarato oggi Amnesty International.

Il gruppo per i diritti umani chiede all'amministrazione del Primo Ministro ungherese Viktor Orban di indagare a fondo sui tutti i violenti attacchi a sfondo razziale contro i Rom e fornire accesso alla giustizia alle vittime.

Uno studio di Amnesty sui violenti attacchi contro i Rom in Ungheria rivela come le carenze del sistema giudiziario ungherese ostacolino la prevenzione e la risposti a questi attacchi.

La legge ungherese sancisce l'incitamento all'odio ed ai crimini razziali.

Invece il numero di rinvii a giudizio e di condanne per attacchi a sfondi razziali appare basso, rispetto al numero di segnalazioni di queste azioni raccolte dalle OnG.

La polizia ungherese ha affermato che ci sono stati 12 attacchi a sfondo razziale nel 2008 contro le comunità rom e sei nel 2009. L'OnG ha registrato 25 attacchi nel 2009 e 17 nel 2008.

Amnesty sottolinea il caso di Robert Cs, 27 anni, e suo figlio di quattro anni, entrambe colpiti a morte mentre tentavano di scappare dalla loro casa che era stata data alle fiamme da una molotov nel villaggio di Tatarszentgyorgy alle prime ore del mattino del 23 febbraio 2009.

Anche se sono stati uditi i colpi, inizialmente la polizia aveva trattato il caso come un incidente.

L'attivista senior Nicola Duckworth di Amnesty, ha dichiarato: "Le mancate registrazioni, indagini, prosecuzioni e punizioni dei reati a sfondi razziali e dei rimedi alle vittime, sta spingendo le comunità rom a lasciare l'Ungheria."

"Le autorità ungheresi hanno il dovere di prevenire la discriminazione ed assicurare la giustizia alle vittime dei crimini d'odio. Ciò include l'obbligo di indagare se l'odio o il pregiudizio razziali o etnci abbiano giocato un ruolo in questo o altri attacchi simili."

Jobbik, il terzo partito nel parlamento ungherese, ha cercato di spostare la rabbia diffusa per i tagli UE e FMI e per la disoccupazione, sui Rom.

La TV di stato ha mandato in onda uno spot di Jobbik che etichetta come "parassiti" tanto i grandi banchieri che i "criminali zingari".

Tra gennaio 2008 e agosto 2009, i Rom in Ungheria sono stati oggetto di una serie di attacchi molotov e sparatorie, col bilancio di sei morti e diversi feriti gravi.

Tra le vittime una coppia sulla quarantina, un anziano, un padre con suo figlio di 4 anni e una madre con la figlia di 13 anni.

foreigneditor@peoples-press.com

 
Di Fabrizio (del 15/11/2010 @ 09:15:12, in Europa, visitato 1340 volte)

Da Bulgarian_Roma

Blog.soros.org 8 novembre 2010 | by Violeta Naydenova
Apparso originariamente in bulgaro su
Dneven Trud e 24 Chasa.

Siamo contemporaneamente una "tribù nomade" o un "incubatore per generare crimine". Questi commenti fatti dal primo ministro Boyko Borisov e dal vice ministro e ministro degli interni Tsvetan Tsvetanov il mese scorso a Bruxelles danno uno sguardo a come ci sente ad essere Rom nel mio paese. Nonostante Tsvetanov si sia lamentato che i media abbiano travisato le sue parole, il danno è fatto per me, per la mia famiglia e per gli 800.000 Rom che vivono in Bulgaria.

La Commissione Europea ha giudicato il commento del ministro degli interni "inaccettabile", ma mi chiedo se le sue osservazioni siano inaccettabili anche per il Bulgaro medio. Ci si rende conto che il modo in cui i Rom sono trattati nel nostro paese non è giusto? Perché siamo così svelti nel difenderci dagli attacchi alla nostra identità nazionale e ancora silenti sul trattamento alla più vasta minoranza etnica del paese? Invece di dibattere sulla validità di queste dichiarazioni, potremmo semplicemente pensare a come trattiamo i nostri connazionali Rom?

Nel 2009, gli eletti ed il pubblico di massa bulgari reagirono con indignazione quando il paese venne ritratto come una "latrina" dall'artista David Cerny. Ci si sentiva male a sedersi ed accettare un simile stereotipo.

Lo stesso vale per la nostra immagine in Italia. I Bulgari sono ritratti nei media come criminali e la grande maggioranza delle notizie sui Bulgari si focalizza sulla criminalità. Naturalmente, il Bulgaro medio mai accetterebbe questa generalizzazione. Ma quando si tratta dei nostri stereotipi sui Rom, in qualche modo dimentichiamo cosa vuol dire essere trattati in maniera dispregiativa. E' facile per noi semplificare i nostri pensieri su di un certo gruppo di persone quando leggiamo solo brutte notizie su di loro. Ma non è corretto, semplicemente non è giusto.

Tsvetanov ha fatto le sue dichiarazioni senza pensare alle conseguenze delle sue parole. In seguito ha anche affermato di essersi basato sui risultati riguardo al numero dei crimini registrati nel paese. Bene, si potrebbe facilmente chiedere a Tsvetanov se conosce o meno il numero reale dei Rom in Bulgaria, così potrebbe fare una buona analisi comparativa sul numero di crimini commessi da diversi gruppi etnici. Ma ignoriamo questo punto.

Perché quando un Rom commette un reato viene lui solo etichettato come tale, ma quando vince un campionato europeo di boxe, come Boris Georgiev, viene etichettato semplicemente come Bulgaro? La criminalità non ha etnia, e gli stereotipi criminali negativi non servono a nessuno se non ai politici populisti. Sì, abbiamo bisogno di aprire gli occhi e guardare in faccia i nostri problemi, ma stigmatizzare i Rom e rimproverare i governi precedenti per aver fallito nell'integrazione non è una via d'uscita.

Invece, dovremmo cercare soluzioni su come i Rom possano avere le stesse opportunità, diritti e doveri del resto della società bulgara. I Rom non dovrebbero vivere come emarginati nei ghetti e/o segregati in quartieri ai margini delle nostre città. I Rom dovrebbero vivere con la maggioranza, e questo succederà soltanto quando non sarà più accettabile che i nostri eletti possano fare questa sorta di dichiarazioni.

Tsvetanov ha mai visto coi suoi occhi come vive una singola famiglia in un quartiere rom? Ha mai chiesto loro dei loro problemi o sulle opportunità che hanno avuto nella loro vita, prima di fare simili affermazioni? I Rom, come molti altri Bulgari, lasciano il paese per ottenere una vita migliore. La maggioranza delle persone in Bulgaria sono espulsi dal paese a causa della povertà. Per i Rom la situazione è ancora peggiore dato che il tasso di disoccupazione è il più alto in tutta la Bulgaria. I Rom lasciano la Bulgaria perché si trovano di fronte alle discriminazioni e sono in cerca di una vita migliore.

Dobbiamo svegliarci e guardarci attorno per vedere cosa sta succedendo. Viviamo in un paese che dal 2007 è membro dell'Unione Europea. Il nostro governo ha concordato di essere parte di un'Unione sulla base di valori come il rispetto della dignità umana, libertà ed uguaglianza. Ognuno ha il diritto di vivere con dignità in condizioni di vita normali e pari accesso ad un'istruzione di qualità, assistenza sanitaria ed occupazione, ma la maggioranza dei Rom in Bulgaria non usufruisce di questi diritti.

Insistiamo nello stereotipare i Rom perché sono visti come "stranieri" dalla popolazione maggioritaria. Questi stessi stereotipi hanno portato i genitori bulgari di Pazardjik a ritirare i loro figli dalle classi con studenti rom.

Questo non è come immagino la mia vita o quella dei miei figli. Non voglio cercare opportunità in un altro paese. Voglio godermi i miei diritti e vivere in dignità come Bulgara, Europea e Rom. Tsvetanov, dovremmo aprire un dialogo e parlare ai Rom. Sia il governo che i Rom devono lavorare assieme per un'integrazione di successo ed una strategia inclusiva dove i Rom diventino cittadini a pieno diritto. Oggi, l'Unione Europea ci sta dando una mano. Tsvetanov, lavoriamo assieme per costruire una società aperta e giusta, dove il nostro governo sia responsabile per tutti i Bulgari - Rom e non-Rom.

 
Di Fabrizio (del 13/11/2010 @ 08:58:03, in Europa, visitato 1070 volte)

Presseurope Una settimana da rom
10 novembre 2010 ADEVĂRUL BUCAREST

Un giornalista si cala nei panni di uno zingaro per comprendere meglio il "problema" che divide l'Europa. E scopre che il disprezzo per la diversità è forte, ma la discriminazione è dovuta soprattutto alla povertà.

Cristian Delcea
Mai prima d'ora i rom erano stati tanto al centro del dibattito pubblico. Quest'anno sono stati espulsi dalla Francia ottomila zingari romeni, anche se la metà di loro vi ha già fatto ritorno. Quali speranze hanno di essere accolti in Romania? Io ho cercato di scoprirlo indossando per una settimana i panni dello zingaro-tipo: cappello, camicia variegata, giacca di pelle, pantaloni di velluto. Mi sono lasciato crescere i baffi. La pelle scura l'avevo già, grazie a dio.

Ho iniziato da Piazza dell'Università a Bucarest. C'erano alcuni studenti ubriachi che si sono fatti beffe di me, gridandomi dietro quegli insulti arci-noti nella lingua zigana: “mucles” (chiudi il becco!), “bahtalo” (buona fortuna!), “sokeres” (come va?). Un tipo biondo grande e grosso mi ha scattato qualche fotografia, poi ha fotografato le bottiglie allineate sul marciapiedi, i cani, i mendicanti. Probabilmente, sul suo computer in Scandinavia la mia fotografia sarà etichettata “spazzatura a Bucarest”.

Quella stessa sera, sul tardi, sono andato al Teatro Nazionale. La gente che mi stava intorno non era in verità lieta della mia presenza, ma nessuno ha detto nulla. Ho sentito le stesse risate di prima, provenienti da un gruppo di giovani. Mi è sembrato che siano proprio loro i più cattivi verso gli zingari. Ti ridacchiano sempre dietro le spalle. Può anche darsi che i loro sguardi facciano più male ancora dell'occhiata crudele di Nicolas Sarkozy, il presidente francese.

Vorremmo che gli zingari profumassero
Da noi ci sono campagne per l'integrazione e l'alfabetizzazione dei rom, ma non ci sono campagne perché la gente eviti di ridere alle spalle di uno zigano per strada. Ma questa non è discriminazione. Nessuno mi ha cacciato da un bar o da un ristorante. Finché hanno incassato i miei soldi, mi hanno accolto a braccia aperte. A esser vittima di discriminazione in Romania non sono gli zingari, bensì i poveri.

Vorremmo che gli zingari profumassero e amassero l'arte, ma nessun datore di lavoro vuole assumere uno zingaro. E senza soldi lo zingaro precipita nella miseria, oppure cerca dei mezzi non convenzionali per procurarseli. Ho cercato di ricorrere ai mezzi convenzionali, ho fatto tutto quanto era in mio potere per farmi assumere. Ho consultato la pagina delle offerte di lavoro sui giornali per operai non qualificati, lavamacchine, autodemolitori.

A telefono mi hanno detto che posti di lavoro ne avevano ancora, ma quando sono arrivato alcuni mi hanno semplicemente detto “Vattene, zingaro!”, altri mi hanno scacciato insultandomi e dicendo: “Non assumiamo più nessuno!” Perfino i netturbini mi hanno respinto. La figlia del capo mi ha guardato dietro gli occhiali e mi ha detto: "Non assumiamo. Non l'abbiamo mai fatto". Il che significa, indubbiamente, che gli spazzini che si davano il cambio in cortile devono essersi tramandati quel lavoro di padre in figlio.

Sulla strada
Pensavo, in ogni caso, che una certa solidarietà esistesse. Se non nella popolazione, quanto meno tra automobilisti. Alla periferia di Bucarest ho forato una gomma, più o meno di proposito. Ho trascorso più di tre ore sul ciglio della strada, gesticolando, facendo segno agli altri automobilisti di passaggio di aver bisogno di aiuto. Ho letto parolacce e ingiurie sulle labbra di alcuni. Altri mi hanno suonato dietro il clacson ridendo. Uno ha perfino fatto finta di venirmi addosso. Ero completamente solo. Centinaia di persone mi sono passate accanto senza prestare soccorso. In quel preciso momento ho compreso perché gli zingari si spostano in gruppo: se restassero soli morirebbero.

Alla fine si è fermata una vecchia Skoda Octavia. Ne è sceso un disgraziato sulla cinquantina, che indossava una salopette sporca. Nei due minuti necessari ad aiutarmi a sostituire la ruota, mi ha aperto il suo cuore: "Ti avevo visto, due ore fa, quando mi avevi fatto segno di fermarmi. Ti ho guardato nello specchietto retrovisore e mi sono pentito di non essermi fermato subito. Mi sono ripromesso, se tu fossi stato ancora qui al mio ritorno, di fermarmi. Ecco: credi che abbia fatto una buona azione?" A testa bassa gli ho risposto: "Sì, signore".

Ripartendo per Bucarest mi sono fermato a fare benzina. Un impiegato della stazione di servizio è uscito dal gabbiotto un po' impaurito e mi ha chiesto: "Ti sei rifornito alla pompa 5?" No, alla pompa 4. Alla pompa 5 avevano fatto benzina alcuni zingari a bordo di un'automobile dalle targhe gialle (quelle temporanee delle automobili appena acquistate in Germania, difficili – per non dire impossibili – da rintracciare). Avevano fatto il pieno e si erano dimenticati di pagare. Mi sono voluto illudere che anche loro fossero giornalisti alle prese con un esperimento giornalistico.

Questo articolo finisce dove è iniziato, in Piazza dell'Università. Credo di aver concluso ben poco, di non aver trovato una soluzione al problema dei rom. Come vuole la società che vada a finire per loro? Dopo essere stato trattato come uno zingaro per sette giorni, oserei dire che la risposta l'ho trovata sulla parete di una vecchia casa, dove qualcuno ha riportato un versetto del vangelo (Giovanni 3,7): “Bisogna che voi siate generati di nuovo”. E in questo caso non si tratta di una metafora. (traduzione di Anna Bissanti)

 
Di Fabrizio (del 09/11/2010 @ 09:59:16, in Europa, visitato 1251 volte)

Segnalazione di Sarci Lm

(clicca per vedere le foto)

Tra nostalgia e miseria, ostacolati da criminalità e discriminazione, i gitani di Mosca faticano ad integrarsi nella società moderna. Russia Oggi è andata a trovarli

Ve lo dico io: il problema degli zingari, è che non ce n'è uno che lavori". Un giovane poliziotto russo sta visitando il villaggio rom di Possiolok Gorodishy, a circa 150 km da Mosca. Uniforme con giacca di pelle, capelli corti biondi e occhi chiari, assume un'aria sarcastica nel dire la sua a Georgij Šekin, alias Yalush in lingua rom, che lavora per l'organizzazione interregionale russa in difesa dei rom, e al vecchio Gendar, l'anziano del villaggio.

Gendar si difende fischiando tra i denti che gli mancano mentre il poliziotto se ne sta andando: "I gitani non sono istruiti, ecco perché non trovano lavoro nella società di oggi".
Gendar è il baro, ossia "l'anziano" del villaggio. In questo tabor (parola antica per "accampamento") nella regione di Vladimir vivono gitani del gruppo etnico dei Caldarari, uno di quelli che ha meglio conservato i propri usi e costumi; erano tutti nomadi nel 1956, quando l'Unione Sovietica ha costretto gli zingari a insediarsi in modo sedentario. I Caldarari, originari dell'Europa orientale, erano per tradizione mercanti di cavalli o mastri ferrai. In seguito all'avvento del comunismo alcuni di loro hanno convertito le loro attività in aziende nel settore del riscaldamento. Ma qui, nel villaggio, nessuno ha avuto successo. "Non facciamo niente tutto il giorno. Stiamo ad aspettare che il tempo passi". Una dozzina di uomini vestiti di scuro con giacche di pelle sta in piedi con le mani in tasca. Dietro di loro corre la ferrovia che costeggia il tabor, fatto di case in legno allineate lungo la strada centrale, secondo la tradizione russa. Continua Gendar : "I pochi che hanno la macchina lavorano occasionalmente come fuochisti e riescono a sfamare la famiglia. Ma quelli che non hanno una macchina? Beh, rubano. Č semplice, per i bambini".

Entriamo in casa di Gendar. "Tutto quello che c'è di bello qui dentro risale al comunismo. In quel tempo non c'erano né poveri né ricchi", racconta con rimpianto. "Quando non si aveva un lavoro si percepiva una disoccupazione". I muri sono tappezzati con lo splendore dell'epoca sovietica esaltato da tendaggi rosa e gialli, e i divani sono rivestiti con teli dai colori vivaci. Adagiata su un divano la madre, in abito blu, fuma e mostra un sorriso sicuro. "Vuoi vedere il filmato del matrimonio di mia nipote ?". Una bella ragazza di quindici anni fa una ruota con la sua gonna arancio e fa tintinnare le medaglie di cuoio: seguo la scena con la coda dell'occhio mentre la donna porta il tè, il burro e dei funghi marinati. "Dimenticavo… vedi, non abbiamo più corrente".

Pur non rappresentando più, in Russia, una popolazione nomade, l'inoperosità dei gitani è legata alla loro mancata integrazione nel sistema economico moderno, urbano e concorrenziale. Sin dai tempi del comunismo alcuni gruppi rom, in particolare i "Russka Roma", che sotto il regime zarista cantavano per i nobili e che oggigiorno sono il gruppo più integrato, si erano specializzati nel commercio di contrabbando, allora attività di nicchia. All'epoca le merci erano ridotte. Si trattava di un'attività illegale ma non criminale. "Ma in seguito alla Perestrojka in tutte le nazioni russe si è iniziato a commerciare e i gitani, per lo più analfabeti, non sono stati al passo", questa la spiegazione di Marianna Seslavinskaya, una dei dirigenti dell'unione interregionale russa in difesa dei rom, Roma Union.

Marianna Sleslavinskaya e il marito, Georgij Tzvetkov, vedono nell'istruzione dei gitani una priorità assoluta per l'integrazione della cultura rom. Entrambi lavorano in un laboratorio di ricerca presso l'Istituto governativo di lingue di Mosca, ma i mezzi a loro disposizione sono davvero scarsi: sono solo due per tutto il territorio russo, su cui si stima la presenza di un numero di gitani tra i 180.000 e i 400.000. "Non siamo circoscritti a una regione, come la maggior parte delle minoranze in Russia e nessuno si occupa di finanziare la trasmissione della nostra cultura. Ai bambini rom che vanno a scuola a sei anni viene insegnato il russo come se fosse la loro lingua madre, mentre loro parlano la lingua rom". Nel 1927 le autorità avevano avviato un programma di insegnamento per i nomadi, ma Stalin l'ha revocato nel 1938 come preludio alla sua campagna anti-cosmopolita.

Continua Marianna: "Č necessario un programma che insegni ai gitani inizialmente la loro lingua e, in seguito, la cultura russa. Perché un gitano che perde la sua cultura non può nemmeno diventare un vero russo. Si trasforma in un escluso. Istruire i rom salvaguardando la loro identità è l'unica soluzione possibile per far sì che si adattino alla società attuale. Così potranno trovare lavoro senza essere ostacolati da problematiche identitarie né cadere nella povertà e nella criminalità".

 
Di Fabrizio (del 08/11/2010 @ 09:59:03, in Europa, visitato 1338 volte)

Da Czech_Roma

European City Ruolo della scena artistica ad Ostrava nel perpetuare gli stereotipi "Rom", by Kathrin Buhl(1)

Premessa: Questo articolo riguarda la mutua relazione tra gli stereotipi persistenti e l'esperienza vissuta dei Rom ad Ostrava. L'autrice esamina aspetti della scena artistica alla ricerca di quale particolare dimensione sociale contribuisca o si discosti dagli stereotipi, ed in che misura i componenti delle comunità rom siano coinvolti nel processo della creazione artistica. Un punto chiave è che quando la popolazione non-Rom presenta i Rom nell'arte, il prodotto si afferma come arte. Ma quando i Rom, "l'oggetto" dell'arte, sono attivamente coinvolti nel processo di creazione artistica, appaiono maggiormente il rifiuto e la discriminazione. Questo paradosso esistente rivela un meccanismo attraverso il quale vengono mantenuti nei discorsi pubblici e nelle arti il razzismo e la discriminazione.

La storia dei membri delle comunità rom in Europa(2) è stata caratterizzata per secoli da persecuzioni, discriminazioni ed esclusione sociale. Vivendo ai margini della società, in molte nazioni il quadro "dei Rom" incontra uno stereotipo comune che differisce solo leggermente da regione a regione. Conosciuti come "Gypsy", "Zigeuner", "Gitans" o "Cíngaros", per molti questi termini evocano quadri di persone scure in abiti colorati che continuamente danzano e suonano di fronte alle loro carovane. Ma oltre a queste spesso distorte immagini romantiche, gli "zingari" sembrano anche avere una vasta gamma di esperienze sociali negative, come povertà, senza fissa dimora e criminalità.

Ostrava, come pure un gran numero di altre città nella Repubblica Ceca, ha una numerosa popolazione rom. Con quasi 320.000 abitanti, la città post-industriale è la terza città della Repubblica Ceca, ed ha una popolazione rom stimata tra i 20.000 e i 30.000 abitanti(3), pochi - anche se il numero non è certo. Questo perché molti di origine rom che vivono ad Ostrava non intendono identificarsi pubblicamente come tali, ma invece si considerano e si dichiarano pubblicamente come Cechi. Questo fatto sfida i tempi "moderni", un periodo apparentemente caratterizzato da democrazia, leggi anti-discriminazione, la retorica dei diritti umani, ed il molto lodato arricchimento della popolazione con "diversità" culturale ed un'aperta conversazione con la storia, si senta ancora la necessità di nascondere le proprie origini.

Una ragione per cui molti Rom non possono identificarsi come appartenenti alle comunità rom è che spesso incontrano il rifiuto o la discriminazione nelle società in cui vivono. Nel passato recente ci sono stati ripetuti esempi di brutalità contro le famiglie rom, da parte di sconosciuti e talvolta (nei casi diventati pubblici) da parte della polizia, in tutta Europa. Ma i membri della comunità rom non sono esclusi dalla società maggioritaria tramite la sola violenza, o l'aperta discriminazione e le offese. Ci sono anche ragioni più profondamente radicate per cui i gruppi etnici continuano ad essere socialmente esclusi(4).

In quanto tale, ritengo che nelle società sia nascosto un sofisticato sistema di discriminazione che nasconda come lavori o avvenga su base giornaliera la discriminazione dei componenti delle comunità rom. Tra l'altro, lo scopo di questo articolo è dimostrare questa tesi. Ciò che farò sarà presentare alcuni esempi che possano servire a sostanziare la mia affermazione. Questi esempi offrono modi suggestivi di avvicinarsi alle più ampie - e più difficili da risolvere - questioni sociali, quali il perché quel popolo con origini differenti non sia in grado o sia incapace di diventare parte integrata della società, nonostante le politiche sociali in atto. O, per dirla differentemente, come le diverse dimensioni della società contribuiscano a perpetrare le diseguaglianze esistenti tra i gruppi sociali.

Mi avvicino alle questioni con una ricerca nel settore artistico di Ostrava e come si leghi alla comunità rom. Mi chiedo se ed in quale misura le arti, che tradizionalmente hanno ricoperto il ruolo di rappresentare le rivendicazioni dei popoli e dar loro una voce, accendano una luce sulla situazione dei Rom da prospettive insolite o differenti. Per fare questo, ho tenuto la traccia di mostre che hanno affrontato ad Ostrava varie questioni dall'anno 2002(5).

Ho trovato che rispetto alla relativamente ricca scena artistica e culturale di Ostrava, l'arte connessa a "questioni rom" è sottorappresentata. Da un lato, ciò si applica all'arte "su" o "circa" i componenti delle comunità rom, e dall'altra all'arte nei cui processi creativi sono coinvolti gli stessi Rom in quanti artisti, consulenti o registi. Dato che i Rom costituiscono quasi un decimo della popolazione totale di Ostrava, diventa particolarmente urgente la ragione di questa sottorappresentazione.

Mentre raccoglievo materiale da esaminare, ho parlato con persone collegate in differenti contesti con membri delle comunità rom. Tra gli altri, inclusa la preside di una scuola pubblica, dr. Soňa Tarhoviská, ed un'insegnante, Blanka Kolářová, della stessa scuola "Církevní základní škola a mateřská škola Přemysla Pittraand". Con 300 bambini iscritti, di cui solo due non sono rom, la scuola è unica nel suo concetto artistico pedagogico. Dato che la scuola serve una comunità che sotto molti aspetti è socialmente svantaggiata, la scuola, sin da quando è stata fondata nel 1993, ha ospitato o partecipato a diversi progetti artistici, che vanno dalla pittura alle produzioni teatrali, o spettacoli di musica e danza.

Poiché il raggio d'influenza della scuola ed il gruppo coinvolto dall'arte prodotta dai bambini non è il grande pubblico ma le famiglie degli alunni, non fa parte dell'auto-concezione della scuola di contribuire a formare l'opinione pubblica sui Rom. Secondo Blanka Kolářová i progetti artistici, di cui una decina finanziati dalla città o dall'Unione Europea, hanno più lo scopo di aiutare i bambini invece che dar loro la possibilità di esprimersi. Un secondo e forse più importante obiettivo dei progetti artistici è che i bambini, che nei progetti presentano le vite delle loro famiglie, imparino di essere accettati come figli di famiglie rom. Secondo Blanka Kolářová, la maggior parte dei bambini si vergogna di se stessi e di essere parte di famiglie rom. I progetti artistici servono come approccio nel trattare il concetto di identità e a sviluppare l'accettazione sino ad un certo grado di autostima.

La scuola non solo si comprende come un contributo al lavoro esplicativo rivolto ad una sfera di pubblico più vasta. Diventa invece evidente che il suo approccio si basa sul livello base per un miglioramento dei bambini interessati e delle loro reali situazioni familiari.

Poiché la scuola non raggiunge il pubblico, la risposta non è esattamente valutabile. Però la preside stima che, se raggiungessero il pubblico coi loro progetti, la risposta sarebbe positiva. Sono conclusioni tratte dalle reazioni del pubblico alle esibizioni dei bambini nelle tradizionali danze e musiche rom che hanno avuto luogo ad un festival annuale di Ostrava.

Ci fu una motivazione simile nell'aiutare le famiglie dei bambini a sviluppare e rafforzare il senso di autostima e identità, secondo il direttore del teatro "Divadlo Jiřího Myrona". Ha fatto recitare i figli delle delle famiglie rom colpite dall'inondazione di Ostrava nel 1997 per l'esecuzione del musical "AIDA". La risposta del pubblico fu, come riportata dai media, abbastanza buona.

In passato, ci sono stati progetti artistici che in qualche modo hanno coinvolto membri delle comunità rom, non solo come soggetti delle opere artistiche, ma soprattutto come designer attivi delle mostre o degli spettacoli. In questi progetti, la risposta del pubblico è stata  differente da quella dei progetti in cui i Rom (soprattutto bambini) hanno partecipato in quanto persone socialmente svantaggiate o vittime.

Un esempio è un'esposizione che ha avuto luogo nel Museo di Belle Arti "Dům umění" di Ostrava, nel 1999-2000. Un gruppo di studenti universitari ed una stazione radio erano responsabili della mostra che presentava fumetti disegnati da bambini rom. Originariamente era programmata alla Galleria Nazionale di Praga, ma in seguito il direttore rifiutò di esporre "arte rom" nel suo museo. Soltanto dopo il forte impegno di persone influenti, il progetto venne finalmente finanziato ed esposto nel Museo di Belle Arti "Dům umění". Nonostante la resistenza del direttore, il pubblico ha risposto positivamente alla mostra e le persone coinvolte hanno detto di sentire un senso di rispetto da questa esperienza.

L'idea dietro quel progetto era di aprire un sito importante di cultura pubblica, come un museo, perché i Rom mostrassero i loro lavori come artisti e come visitatori del museo interessati nel vedere l'arte dei Rom. Le difficoltà di accesso che gli iniziatori hanno dovuto affrontare per entrare in un campo come quello del Museo di Belle Arti, rappresenta solo un'idea dell'assenza di qualsiasi accettazione del livello intellettuale per chi appartiene alla comunità rom.

Se questi esempi possono essere considerati rappresentativi, confrontando i differenti approcci all'arte rom ed ai differenti livelli in cui l'arte rom è rappresentata, diventa ovvio quanto segue:

Quando il progetto artistico viene inquadrato sia per aiutare un relativamente passivo protagonista (una vittima o un bambino) o inteso come un progetto più o meno pedagogico, come parte di un festival che ha luogo soltanto in un determinato periodo, la rappresentazione di una cultura (nel caso dei Rom, danze e musiche) stereotipata (che arriva assieme agli aspetti "noti") volta all'intrattenimento, sembra essere accettata. Ma appena il coinvolgimento dei Rom è trasformato da oggetto di assistenza in soggetto attivo, o quando sono percepiti come partecipanti alla creazione artistica in quanto artisti o come parte della popolazione generale - come un potenziale visitatore - che era antecedentemente riservato ai non rom, i Rom sembrano avere più difficoltà nell'essere accettati o legittimati. Accettare persone in questa seconda dimensione sociale, dove ci si incontra in posti come gallerie d'arte, significherebbe accettarsi come uguali. Fintanto che la società interagisce con "i Rom" soltanto nel perpetuare gli stereotipi, attraverso questi si mantiene il controllo. Per esempio, possiamo parlare di loro, ma non con loro. Così, è facile mantenere una certa immagine, uno stereotipo che ci permette di trattarli in un certo modo. Fintanto che la società non permette ai Rom di parlare in prima persona e quindi di poter generare un'(auto)concezione di se stessi, noi non avremo da temere che possano variare la loro immagine, costruita e manifestata attraverso discorsi che controllino e giustifichino il modo in cui la società agisce con i Rom.

Lascerò alla discrezione del lettore considerare se il suggestivo argomento fatto sull'arte recipiente nel museo, possa essere applicabile alle differenti sfere della società, quali i luoghi di lavoro, il vicinato, o le istituzioni educative. Inoltre, rimane la questione di come questa assegnazione di ruolo manifestata da Rom e non Rom possa risolversi attraverso i discorsi pubblici e le regole istituzionali.

1) Kathrin Buhl studia scienze culturali e scienze politiche all'Università di Brema

2) Seguendo l'esempio di Rainer Mattern userò in tutto questo articolo i termini "comunità rom" o "popolo rom" riguardo a Sinti e Rom, Askali ed Egizi, citato in Mattern, R. (2009). Swiss-Aid-to-Refugees-Country analysis, Kosovo: About the Repatriation of Roma. Bern, Swiss-Aid-to-Refugees-Country Analysis.

3) Agarin, T., Brosig, M. (2009). "Minority integration in Central Eastern Europe: between ethnic diversity and equality." Editions Rodopi B.V. Last accessed October 4, 2010 at http://books.google.de/books?id=182K1gZFAuoC&pg=PA307&dq=ostrava+population+statistics&ei=BuHmS_iUAoyqywSLhNDKCQ&cd=9#v=onepage&q=ostrava%20population%20statistics&f=false

4) Come esempio, è stato pubblicato un documento sulla discriminazione dei Rom, sulla base di un lavoro sul campo nel 2008 in un rapporto della Commissione Europea: Discriminazione nell'Unione Europea, Percezioni, Esperienze ed Atteggiamenti.

5) Informazioni ricevute da Kumar Vishwanathan - Vivere Insieme, OnG di Ostrava sui diritti dei rom.

 
Di Fabrizio (del 04/11/2010 @ 09:19:49, in Europa, visitato 1301 volte)

Da Roma_und_Sinti

Berlino, 02/11/2010 - Il premio Nobel per la letteratura Günter Grass, martedì ha accusato la Germania di "spaventosa violazione dei diritti umani", dicendo che i rimpatri di Rom kosovari era uno "scandalo" più grande della deportazione francese degli zingari.

Lo scrittore ha fatto l'accusa in una lettera aperta al ministro degli interni Thomas de Maiziere.

La sua protesta riguarda la politica tedesca di rinviare 8.500 Rom in Kosovo, da cui erano arrivati come rifugiati negli anni'90, ora che i loro permessi sono scaduti.

Berlino ha negato di pianificare deportazioni di massa, ma dice che continuerà, come in passato, a rimandarli gradualmente a casa.

Grass a sua volta accusa il governo di pianificare deportazioni che metterebbero "in ombra" le espulsioni francesi dei Rom verso la Romania.

Scrive nella lettera: "Mentre tutta l'Europa guarda la Francia ed è furiosa per i Rom ed i profughi espulsi verso la povertà della Romania, è in corso un'operazione di deportazione su larga scala dalla Germania verso il Kosovo."

Grass, 83 anni, chiama i rimpatri "uno scandalo per la Germania ed una macchia sulla pace Europea." Aggiunge che la Germania sta mandando in miseria all'estero, bambini nati sul suo suolo che hanno vissuto nel paese per 15 anni.

"Niente alloggi, cibo, contatti sociali, niente scuole o lavoro: questa è la realtà per la gente ricacciata in Kosovo," aggiunge.

"E' tempo ormai di agire. Questa ingiustizia cresce di giorno in giorno," dice. "Nel nome della fondazione, faccio appello alla Germania Federale ed ai governi dei Länder perché modifichino questa decisione."

Grass e sua moglie Ute hanno contribuito alla nascita della Fondazione per il Popolo Rom nel 1997. Grass, autore de Il Tamburo di Latta, ha vinto il Nobel per la letteratura nel 1999.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha innescato una polemica politica a settembre, quando ha giustificato i rastrellamenti negli accampamenti rom dicendo che la Germania stava pianificando deportazioni simili. I Rom in Germania generalmente vivono in appartamenti pubblici piuttosto che in accampamenti abusivi.

© Deutsche Presse-Agentur

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


07/04/2020 @ 20:08:21
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Usten Romalen!... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3447 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source