Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/03/2011 @ 09:49:33, in Europa, visitato 1287 volte)

Segnalazione di Lorenzo Bagnoli

Approvata con 576 voti a favore, 32 contrari e 60 astenuti la relazione di Lívia Járóka, popolare ungherese e unica eurodeputata rom. Il prossimo 5 aprile la Commissione presenterà la propria versione dell'attesa Strategia

STRASBURGO - In attesa che il prossimo 5 aprile la Commissione europea presenti la propria versione dell'attesa Strategia europea per l'inclusione dei rom, il Parlamento europeo ha finalizzato oggi la propria proposta in materia. Approvando con 576 voti a favore, 32 contrari e 60 astenuti la relazione di Lívia Járóka, popolare ungherese e unica eurodeputata rom, il PPE riafferma la necessità di assumere un approccio comune per affrontare l'integrazione socio-economica della più vasta minoranza etnica europea. I 10-12 milioni di rom che vivono sul territorio dell'Ue soffrono una discriminazione sistematica e combattono contro "un livello intollerabile di esclusione" e violazioni dei diritti umani, afferma la risoluzione degli europarlamentari. I recenti fatti, in particolare le espulsioni da Francia e Italia, hanno ampiamente dimostrato che la questione rom non conosce confini nazionali: l'Europa avverte quindi la necessità pressante di prendere l'iniziativa e dettare agli Stati nazionali la linea da percorrere. Fulcro della proposta del PPE è infatti la richiesta di introdurre standard comunitari obbligatori di integrazione e la possibilità di imporre penalità ai governi nazionali che non li rispettano.

La strategia proposta dal PPE si propone come innovativa in quanto si basa su una valutazione dei fattori socio-economici legati all'emarginazione dei rom, invece di concentrarsi esclusivamente su fattori etnici e culturali. Inoltre Járóka propone di stilare una mappa dell'esclusione, individuando le microregioni dove povertà e segregazione sono più accentate. Sull'occupazione, la strategia Ue dovrà assicurare un accesso effettivo al mercato del lavoro, oltre a misure di contrasto al lavoro sommerso e in favore dell'assunzione di rom nell'amministrazione pubblica. Per quanto riguarda l'educazione, i deputati chiedono ai governi nazionali di impiegare un numero maggiore di mediatori e insegnanti rom nelle scuole per garantire l'educazione anche nella loro lingua.

Inoltre il Parlamento denuncia le "discutibili operazioni di rimpatrio" di cittadini rom verificatesi in vari Stati membri che hanno creato un "clima di paura e inquietudine" fra la popolazione rom, e che hanno innalzato il livello di "razzismo e discriminazione". Per questa ragione la Strategie europea dovrà combattere ogni forma di violazione dei diritti fondamentali, inclusi "la discriminazione, la segregazione, i discorsi d'incitazione all'odio, il profiling etnico, il rilevamento illegale delle impronte digitali, nonché lo sfratto e l'espulsione illegali".

Infine il PPE chiede la creazione di enti europei di sostegno, sotto la supervisione dell'esistente Task Force per i Rom (creata in seno alla Commissione Ue), per assicurare un uso più mirato dei fondi europei a disposizione dei governi nazionali e locali. I deputati chiedono poi alla Commissione di prevedere finanziamenti ad hoc, nel quadro della politica di coesione, per sostenere la Strategia Ue per i rom.

La Commissione dovrebbe presentare la sua proposta il 5 aprile. Il testo dovrebbe poi passare al Consiglio europeo del 24 giugno: l'inclusione dei rom è una delle priorità della presidenza semestrale dell'Ungheria, che ha collaborato strettamente con la Járóka nella definizione di una strategia comune. (mm)

 
Di Fabrizio (del 10/03/2011 @ 09:18:29, in Europa, visitato 1191 volte)

Da Czech_Roma

Rappresentanti islamici ed ebrei si oppongono all'estrema destra in Europa - Czech Press Agency, translated by Gwendolyn Albert

Parigi, 8.3.2011 11:35, AFP riporta che i principali rappresentanti islamici ed ebrei hanno espresso la loro comune volontà di resistere alla crescita dei partiti di estrema destra in Europa. Durante un incontro oggi a Parigi, hanno adottato una dichiarazione in cui dicono essere inaccettabile banalizzare questi partiti razzisti e xenofobi, e mettono in guardia contro il crescente pericolo che pongono alle minoranze etniche e religiose nel continente.

Il consiglio di coordinamento dei leader islamici ed ebrei da Belgio, Gran Bretagna, Italia, Paesi Bassi, Stati Uniti ed altri paesi, hanno anche annunciato che lanceranno una serie di eventi pubblici nelle capitali europee, il 9 maggio in onore della Giornata d'Europa. Il consiglio ha tenuto il suo primo incontro nel dicembre 2010 a Bruxelles.

I partecipanti alla riunione odierna, tra i cui organizzatori figura il Congresso Mondiale Ebraico, hanno condannato il fatto che i partiti estremisti e xenofobi nei Paesi Bassi ed altrove, sono diventati partner di governo nelle coalizioni governative. Hanno inoltre espresso disagio sulle recenti affermazioni di alti rappresentanti di Gran Bretagna, Francia e Germania, per cui il multiculturalismo nei loro paesi ha dimostrato di essere un fallimento.

 
Di Fabrizio (del 01/03/2011 @ 09:50:42, in Europa, visitato 1563 volte)

"Una ventata di ottimismo" da Orhan Tahir S - (

1. Crei una OnG perché vuoi cambiare la situazione nel tuo paese.

2. Contatti un'Organizzazione Donatrice e quelle gentili persone ti dicono "Dacci un progetto".

3. Elabori il progetto, secondo le richieste del Donatore.

4. In realtà dai informazioni al Donatore - qual è la situazione nella tua città, quanti Rom vivono là e, la cosa più importante - COSA HAI IN MENTE, COSA VUOI FARE, SEI PERICOLOSO, PUOI FARE UNA RIVOLUZIONE DOMANI?

5. Se vedono che puoi essere pericoloso ti danno i soldi, e ti rendono dipendente.

6. Dopo 5, 6, 8 o 10 anni COMPRENDI che questo sistema NON FUNZIONA, CON I TUOI PROGETTI NON PUOI CAMBIARE NIENTE! VEDI CHE  TI USANO.

7. Provi a cercarti un altro lavoro, vuoi indipendenza, ma non hai mai fatto altro, in tutta la tua vita hai fatto PROGETTI e non hai esperienze professionali in altri campi. Conosci soltanto parole come: "Integrazione", "Inclusione", "Discriminazione", "Povertà", "Piattaforma", "Decennio", bla, bla, bla...

8. Alla fine pensi di non aver altra possibilità se non di lavorare in Matrix, anche se tu Matrix la odi. Sai che non puoi cambiare niente. Hai bisogno di fare ciò che ti dice la "brava gente". Questa brava gente si occupa dei Rom, loro sanno meglio cos'hanno bisogno i Rom.

9. Tu sei parte dell'Ipocrisia e sviluppi politiche che rendono la tua comunità più dipendente dai Donatori, dalla UE e dai Fondi Governativi. Quindi sei uno strumento nelle loro mani. Gli piaci perché sei il loro Animale da Laboratorio.

10. NON PUOI FARE LA RIVOLUZIONE PERCHE' LA GENTE ATTORNO A TE VUOLE I SOLDI ED HA SUBITO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO.

Alla fine scopri che alcuni non-Rom nel tuo paese sono diventati molto ricchi, perché hanno usato le informazioni dai tuoi progetti per scrivere rapporti e proporre politiche. Sono consulenti ben pagati ed invitati dappertutto. Poi scopri che qualcuno di loro lavora per i Servizi Segreti ed i Donatori lo sanno molto bene.

 
Di Fabrizio (del 25/02/2011 @ 09:03:07, in Europa, visitato 1680 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Cafebabel.com Konik: vita nel più grande campo profughi nei Balcani

(Image: ©Simon Chang/ simon.chinito.com/)

Le case di questo importante campo rifugiati a Podgorica di Rom fuggiti dal Kosovo, sono state definite da The Guardian come "una cima di spazzatura puzzolente". Eppure i giovani ambiziosi che vivono là sono futuri maestri di hip-hop e padroni del loro destino By Emmanuel Haddad

15/02/11 - Siamo in Bratstva i jedinstva 4, un edificio fatiscente situato in un grande viale in Montenegro. La porta si apre e Dijana Uljarevic, incaricata dei programmi del Forum MNE (forum sull'educazione informale giovanile), ci accoglie in un ufficio un po' disordinato, un mix di giochi per bambini, computer e poster di concerti.

Queste case spesso vanno in fiamme

Konik è il più grande campo profughi nei Balcani, di cui pochi conoscono l'esistenza, secondo un articolo del 2009 di The Guardian. Lì vivono oltre 2.000 Rom in baracche di fortuna costruite con scarti di legno, latta ed altri materiali. Queste case spesso vanno in fiamme e, nei giorni di neve come oggi, al freddo e a perdite dai soffitti. Basta andare in case che sono cumuli di spazzatura puzzolente per i rifugiati del Kosovo dimenticati in un angolo, come suggerito dal titolo del giornale britannico. Enorme, specialmente dopo che la simpatia per i Rom è considerevolmente aumentata in Francia, a seguito della politica governativa di espulsione di massa dei Rom dai campi.

"Insegno loro a non vergognarsi"

Pavle Calasan | Il più grande centro commerciale con le foto di Konik

Speriamo di scattare fotografie nello stile di quelle del giovane fotografo montenegrino Pavle Casalan, che vengono esposte in un centro commerciale in città. Poco prima della nostra partenza arriva Osman Mustafaj. E' normale che gli ex partecipanti del progetto si fermino. "Non siamo spesso consapevoli dei progressi raggiunti da un progetto che opera con la gioventù," nota Dijana. "Spesso è quando tornano e ci dicono di aver trovato un lavoro che capiamo quanto ha operato".

Osman è un ragazzo di bell'aspetto, con un sorriso raggiante. Trent'anni, è arrivato dal Kosovo che ne aveva dodici, e non si è mai guardato indietro. La sua casa è qui. Le sue radici in MNE sono così forti che ne è diventato un membro attivo e sta pensando di fondare una propria OnG, "Coinvolgere la gioventù rom, ascali ed egizia nei Balcani" (UM RAE, Ukljuciti mlade Romi Aškalije Egipćani). Vuole far crescere la consapevolezza ed ascoltando Dijana, capisci da dove l'ha presa. "La cosa più importante è il dialogo" dice la giovane mente di MNE. "La comunità internazionale, che sovvenziona la maggior parte delle nostre attività - il governo montenegrino essendo per lo più assente - fornisce cibo ed altri beni, ma questo da solo non è sufficiente a sviluppare la capacità dei giovani. Ecco perché siamo qui. Per aiutare a tratteggiare le capacità degli individui, le loro capacità comunicative, i talenti e così via." Questo si realizza attraverso attività, ed è qui che intervengono Osman e altri educatori. Vividamente racconta il primo set di karaoke da lui organizzato nel campo rifugiati, la prima partita di calcio o quando i bambini sono scesi in centro città per mostrare la loro abilità nella breakdance. "Insegno loro a non vergognarsi di ciò che sono," sorride. "Alla loro età, ho sofferto la discriminazione..."

Hip-hop o piccola criminalità

E' difficile tracciare semplicemente un ritratto delle vittime o lamentare lo stato dei dintorni, anche se ci sono tutti gli ingredienti. "Nel 2003, il 61,3% della popolazione rom non aveva istruzione; il 21,3% non aveva terminato la scuola primaria. Solo il 9,2% l'ha terminata e ci sono solo sei Rom iscritti all'università tra il 2004 e il 2005, di cui quattro hanno abbandonato," osservano Sofia Söderlund e Elin Wärnelid in uno studio del 2009 intitolato Hip-hop and the construction of group identity in a stigmatised area.

Barčić Record ed altri artisti di Konik | storie di successo del Forum MNE

Osman è ottimista, ad esempio sul laboratorio di responsabilizzazione sull'Aids. "Per molti partecipanti è la prima volta che sentono queste informazioni." Nella soddisfazione che segue il suo discorso "molti vanno a fare i test, perché la popolazione rom è la più pesantemente colpita dal virus." Il potenziale dei giovani che prendono parte alle attività del Forum MNE, ispira non solo rispetto ma anche ammirazione. Sulle pareti dell'ufficio sono appesi articoli di giornali dedicato ai Barčić Record, uno dei gruppi di hip-hop emersi da Konik. Tuttavia, nel loro studio sull'impatto positivo dell'hip-hop nella creazione dell'identità rom di Konik, Sofia Söderlund e Elin Wärnelid hanno raccolto storie esemplari sulla povertà nei campi uno e due, dove le famiglie dei rifugiati vivono una sull'altra, tra crimine, prostituzione e problemi di droga. Le origini dei problemi spesso nascono dalla stessa fonte, cioè la mancanza di istruzione. Con i dati del 2007 che mostravano un tasso di disoccupazione dell'82% tra i Rom in Montenegro, l'istruzione era diventata secondaria.

 Barčić Record, Boys in Da Hood e co | Come l'attenzione agli emarginati ha prevalso

Laggiù, la gente "normale"

I giovani rapper le cui voci si sentono nello studio menzionano il confine tra "loro" e la gente "normale"; tra il centro città e "noi". Qualcuno è risentito soprattutto perché sono cresciuti in Germania, prima di essere deportati qui nella periferia. "Non fanno entrare i Rom," ricorda Dijana di quando andò in un pub con giovani Rom e non-Rom. "Poi si sono scusati." E' un inizio.

  Giorno di neve a Podgorica | Giovani nel campo Konik uno

Mi dirigo verso il campo Konik uno, dove ho appuntamento con Osman. La donna che ci accompagna in macchina non sa come arrivarci. Si ferma a chiedere: nessuno lo sa. I bambini stanno giocando nella neve in sandali e si finisce a bere un caffè nel suo ufficio. E' accanto al campo, ma lei non c'era mai passata.

After Sarajevo, Montenegro. This article is part of the Orient Express 2010-2011, a series of articles carried out by cafebabel.com in the Balkans. Read our Orient Express Reporter manifesto to find out more

 
Di Marylise Veillon (del 24/02/2011 @ 09:48:07, in Europa, visitato 1212 volte)

Da Roma_Francais

Nordéclair.fr par FLORENCE TRAULLE'

Documenti inediti tracciano nuovamente la storia delle deportazioni razziali commesse nel Nord Pas-de-Calais durante l'occupazione. Un lavoro di ricerche su iniziativa di amici della fondazione per la memoria della deportazione e del museo della resistenza di Bondues.

La più giovane aveva quattro settimane, il più anziano 81 anni. Arrestati nella regione, sono stati imbarcati a bordo del convoglio Z, partiti dal campo di transito belga di Malines, direzione senza ritorno: Auschwitz, Pologna. Era il 15 gennaio 1944. A bordo di questo treno, 351 persone, di cui quasi la metà bambini, ebrei ma anche tzigani. "Siamo l'unica regione di Francia nella quale ci sono state deportazioni di tzigani. Un triste privilegio..." constata Odile Louage, presidente degli Amici della Fondazione per la Memoria della Deportazione, e ugualmente presidente dell'associazione Ricordo della Resistenza e dei Fucilati del Forte di Bondues, la quale percorre nuovamente la storia di queste famiglie schiacciate dal sistema nazi.

47 TZIGANI ARRESTATI A ROUBAIX
Altrove, le famiglie tzigani sono rimaste nei campi installati sul territorio francese.
Perché il Nord Pas-de-Calais andò oltre nell'orrore? "Non lo sappiamo ancora" riconosce Monique Hennebaut, uno storico che si è chinata prima sulla storia della deportazione degli ebrei nel Douaisis prima di scoprire che gli zigani della zona erano stati assassinati nei campi della morte. Colpa dell'affiliazione del Nord Pas-de-Calais al commando tedesco? Può darsi.
Erano cestai, giostrai, stagionali, artisti del circo, musicisti... "La maggior parte parzialmente sedentarizzati" precisa Monique Heddebaut "e avevano quasi tutti lo stesso itinerario". Ha trovato la traccia di 47 zigani arrestati a Roubaix. Vivevano in via Edouard d'Anseele, via Pierre de Roubaix. C'era stata anche la famiglia Lagrenée (leggere pag. 3), arrestata a Pont-de-la-Deule nel Douaisis. Quindici deportati, solo tre sopravvissuti. Poi questa famiglia di Poix-du-Nord, giostrai ancora. "Un giorno, dopo una conferenza che avevo data sulla deportazione degli zigani della zona, un signore è venuto a vedermi, ricorda Monique Heddebaut. Era di Poix-du-Nord. Mi ha raccontato il ricordo di una roulotte che era rimasta sul ciglio della strada durante anni. Dopo la guerra, pensava che i suoi proprietari sarebbero venuti a riprenderla. Aveva finalmente capito perché era rimasta lì..."

UN SOLO MONUMENTO COMMEMORATIVO PER GLI ZIGANI DELLA ZONA
La deportazione degli tzigani della zona resta una macchia nera della nostra storia. E' sempre mal conosciuta e i lavori degli storici che hanno lavorato per l'esposizione virtuale presentata dal museo della resistenza di Bondues, colmano questa lacuna. E' rivelatore che, nella zona, un solo monumento commemorativo sia stato eretto per ricordarsi di questi zigani, allorché "ci sono 27 o 28 monumenti o targhe in memoria di ebrei o giusti" cifra Odile Louage. Niente a Roubaix per 57 persone arrestate. Possiamo meravigliarci.
A Malines, questo campo di raggruppamento in Belgio, tramite il quale sono transitati la maggior parte degli ebrei deportati, i sopravvissuti hanno fatto installare una targa per gli tzigani, loro fratelli di dolore e di sfortuna.
"Nella zona, abbiamo aiutato e nascosto dei bambini ebrei" ricorda Odile Louage, tra l'altro assistente di storia che ha insegnato fino ad andare in pensione in classi preparatorie al liceo Faid'herbe di Lille "ma non abbiamo fatto nulla per i bambini tzigani". La fondazione per la memoria della deportazione non fa nessuna esclusiva, nessuna distinzione nell'orrore: ebrei, partigiani, tzigani, omosessuali, hanno in comune la loro sorte.

UN GIORNO E' TROPPO TARDI
Di queste scomparse, Monique Heddebaut parla con commozione. Ha ritrovato tracce dei decreti di 1940, i quali vietavano ai nomadi di circolare. "Poi ci fu un'escalation". L'estate scorsa, quando i rom si trovarono tra i fuochi della comunicazione governativa, Monique Heddebaut ha risentito un profondo malessere. "Siamo nel 2010 non nel 1940, ma attenzione, ci sono alcuni atteggiamenti che non si possono tollerare."
Cita quest'altro storico che ha lavorato su le popolazioni rom di Ungheria, Romania, Repubblica Ceca, la quale ha sentito dire là, inorridita: "bisognerebbe gasarli"...
Monique Heddebaut dice ancora: "Il problema è l'escalation. Un giorno, è troppo tardi."
Antoine Lagrenée, è un bambino rom arrestato e deportato qui.
Aveva 14 anni. Come altre 14 persone della sua famiglia, Antoine Lagrenée è stato deportato perché tzigane. Arrestati dai tedeschi con l'aiuto della polizia francese, solo tre di loro ritornarono dai campi nel 1945.
E' oggi un signore di 80 anni, con l'udito un po' difettoso, e dallo sguardo che sfugge talvolta nel vago. Nel gennaio 1944 Antoine Lagrenée ha quasi 14 anni. Vive a Pont-de-la-Deule vicino a Douai, dove la sua famiglia è arrivata dopo una lunga epopea. Una vita di viaggiatori come quella di tanti altri. Lo storico Monique Heddebaut non ha trovato tracce scritte di questi arresti. E' giusto riuscita ha tirare fuori dagli archivi delle schede d'arresto, redatte a posteriori. Sa che questi arresti sono stati compiuti dall'occupante tedesco con "l'aiuto della polizia francese, la quale in zona rendeva sicuri i luoghi mentre i tedeschi intervenivano per gli arresti."
Antoine Lagrenée ha una memoria discreta, il verbo scarso. Parla con poche parole della sua liberazione, "l'11 aprile 1945". Dopo essere transitato nel campo di Malines in Belgio e Auschwitz (il convoglio vi arrivò il 17 gennaio 1944) è inviato a Buchenwald. Antoine Lagrenée viveva nel blocco 31 di questo campo di lavoro, vicino a Weimar in Germania. "Abbiamo avuto la fortuna di stare in un blocco molto organizzato dai partigiani francesi" ricorda. Monique Heddebaut che conosce bene Antoine, racconta anche "che un maestro che si trovava nello stesso blocco, faceva lezione ai bambini."
Antoine Lagrenée è sopravvissuto, malgrado la sua giovane età, nell'inferno di Buchenwald. "Siamo stati liberati dagli americani, ma prima ancora dai deportati stessi" precisa. Secondo le valutazioni di Monique Heddebaut, 148 tzigani sono stati deportati dal Nord Pas-de-Calais. Ne ha contati 351 arrestati in Belgio, anche loro inviati verso i campi della Polonia e della Germania. Ma confessa di non essere certa che non ce ne siano altri. Il lavoro degli storici non è ancora concluso.

ESPOSIZIONE VIRTUALE A BONDUES
E' lì dove 68 persone della zona sono state fucilate, tra 1943 e 1944 che il museo della resistenza di Bondues ha installato delle postazioni, presentando documenti inediti sulle deportazioni razziali dell'ultima guerra mondiale. La maggior parte sono inediti. I documenti sono stati affidati dalle famiglie agli storici, i quali hanno lavorato con il museo della resistenza di Bondues. Ci sono anche fondi degli archivi propri del museo, documenti tratti da archivi dipartimentali, da quelli della caserma Dossin, del museo ebraico di Malines. Una raccolta consultabile su delle postazioni, le quali presentano documenti numerati, i quali raccontano di queste persecuzioni razziali che hanno toccato il Nord Pas-de-Calais durante la seconda guerra mondiale. Alle spalle, ci sono due anni di ricerche per potere tracciare le "grandi fasi di quello che è successo", spiega Danielle Delmaire storico, che ha insegnato all'università di Lille III. "Dalle prime serie di divieti imposti agli ebrei a partire da 1940-1941, i grandi arresti di 1942, i convogli, i ritorni dai campi..." Vi troviamo inoltre la foto di Micheline Teichler, scolara a Faid'herbe a Lille della quale un compagno di scuola – Edgard Leser il quale ha avuto la fortuna di essere un bambino nascosto -, ha voluto onorare la memoria. Con gli Amici della Fondazione per la Deportazione, ha tenuto che il suo ricordo non sprofondi nell'oblio. Il suo nome è stato dato a una classe del collegio Rabelais di Mons-en-Baroeul. "Abbiamo l'intenzione di proseguire con questo lavoro, organizzando una giornata di studi sulla spoliazione dei beni di ebrei e tzigani, il prossimo 12 ottobre, al museo della resistenza di Bondues" precisa Odile Louage, la quale ha presa la presidenza del museo e vuole perfino prendere in considerazione una pubblicazione al riguardo. Un lavoro che risponde esattamente agli obiettivi della Fondazione per la Memoria della Deportazione: la ricerca storica, la trasmissione e la difesa di questa memoria. Odile Louage aggiunge che: "intorno alla Fondazione si è realizzata l'unione di tutti i componenti del mondo della deportazione. Tutte queste strutture, con ognuna la propria sensibilità, lavorano alla trasmissione di valori tali come sono stati definiti all'indomani della guerra, nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo."

 
Di Fabrizio (del 22/02/2011 @ 09:12:04, in Europa, visitato 1303 volte)

Da Roma_Daily_News

17/02/2011 - Un gruppo di 93 Macedoni sono tornati giovedì dalla Francia, dopo che lì era stato negato loro l'asilo, lo riporta la stazione privata TV Alsat.

Il gruppo, Macedoni di origine albanese e rom, è stato rimandato all'aeroporto della meridionale città di Ohrid, prima di essere riportato alle loro case, recita il rapporto.

I richiedenti asilo, intervistati dalla TV, hanno detto di aver cercato lavoro in Francia, la maggior parte illegalmente, prima di essere deportati dopo che la loro richiesta di asilo si era dimostrata senza basi.

Il gruppo è stato il primo di questo genere ad essere ritornato dalla Francia.

Settimana scorsa, un gruppo di 60 persone a cui  era stato negato l'asilo in Germania, ha cercato di attaccare e prendere a male parole un gruppo di giornalisti che seguiva il loro arrivo all'aeroporto di Skopje.

Da quando l'Unione Europea ha abolito l'obbligo di visto per Serbia, Macedonia e Montenegro nel dicembre 2009, alcuni stati membri UE, cioè Svezia, Belgio e Germania hanno registrato un incremento di richiedenti asilo da questi paesi, soprattutto di etnia rom e albanese.

La Commissione Esecutiva Europea ha ammonito Serbia e Macedonia che potrebbero perdere i privilegi di circolazione senza visto, se non fermeranno questo afflusso.

La Germania ha anche deportato 36 persone a dicembre, quando la UE ha esteso gli stessi diritti ad Albania e Bosnia, ma con uno stretto sistema di monitoraggio e la possibilità di sospendere i privilegi in caso di abuso.

© 2010 AFP

 
Di Fabrizio (del 21/02/2011 @ 09:22:46, in Europa, visitato 1367 volte)

Da Hungarian_Roma

NewEurope I Rom in Ungheria di fronte alla perdita d'identità - Author: Cillian Donnelly

La prossima generazione di Rom. Mentre si prepara il Quadro per le Strategie d'Inclusione Nazionale dei Rom, che dovrebbe essere presentato ad aprile, c'è paura che venga erosa l'identità rom in Ungheria. Il governo ha fatto delle Strategie d'Inclusione una delle priorità chiave dei suoi sei mesi di presidenza UE. | EPA/MIRCEA ROSCA

13/02/2011 - E' stato detto in un incontro al Parlamento Europeo che le prossime generazioni di Rom in Ungheria sono in pericolo di perdere il loro senso di storia e di identità.

"E' importante per i gruppi rom passare conoscenze ed esperienze ai più giovani", ha detto la parlamentare ungherese Ágnes Osztolykán durante una riunione del gruppo dei Verdi il 9 febbraio. "Ma in Ungheria, è abbastanza diverso, non ci sono gruppi simili tra i Rom, ed è difficile trovare giovani progressisti. I Rom ungheresi sono in una situazione più difficile degli altri nell'Europa Centrale e del Sud-Est".

Osztolykán, portavoce per l'istruzione e la cultura di Lehet Más a Politika (LMP),  ha illustrato la situazione rom nel suo paese nativo durante un incontro di due giorni in cui l'Ungheria e la sua politica, che detiene la presidenza UE, erano sotto scrutinio.

Le due più grandi sfide da affrontare per i Rom in Ungheria sono una maggiore integrazione e combattere la crescita dell'estrema destra, entrambe devono essere affrontate come parte di un più ampio sforzo della società civile. La marginalizzazione dei Rom, spesso attraverso politiche di odio, hanno portato ad una comunità più isolata e frammentata, nonostante gli sforzi politici.

Gli anni '90, dice Osztolykán, hanno visto la volontà in Ungheria di stabilire un programma per l'integrazione sociale dei Rom, invece dell'integrazione economica, facilitata dai donatori internazionali. Ci sono stati, dice, "molti segnali positivi all'inizio", particolarmente nell'istruzione, ma presto si sono spenti. Il denaro sembrava andare "nella lotta alla crisi economica. Gli investimenti nell'insegnamento e nell'istruzione non erano sufficienti".

Nel 2004 è stata progettata una nuova strategia rom, per cui a ciascun stato membro UE viene richiesto di elaborare un piano d'azione. "Soltanto a quel punto la gente ha iniziato a pensare all'integrazione economica", dice Osztolykán, "e a cose come l'edilizia sociale. Sono state avviate diverse iniziative comunitarie". Oggi, dice, il governo ungherese ha parlato molto di integrazione rom, che giudica un "buon segno". Dice anche di essere "molto soddisfatta" per i progressi in corso verso una strategia integrata dei Rom.

Tuttavia, dice, i problemi economici continuano ad incombere sui Rom. E' importante riqualificare. "Abbiamo bisogno di insegnare la conoscenza. Molti Rom hanno perso il lavoro, diversi settori industriali sono stati distrutti. Ora i Rom sono tra il 10% più povero dell'Ungheria, nonostante qualche piccolo movimento verso la fascia di ceto medio. Tuttavia, ci sono ancora "pochissimi laureati". La questione dei progressi dalla scuola primaria al terzo livello è qualcosa che ancora dev'essere esaminata.

L'ascesa dell'estrema destra in Ungheria, cominciata circa dieci anni fa, provoca grandi preoccupazioni, non solo ai Rom, ma anche a chi è impegnato con la politica, la società civile e l'attivismo, dice Ágnes Osztolykán.

La destra radicale, aggiunge, è riuscita a "prendere il sopravvento" nel dibattito sull'integrazione e a definire l'agenda, che è qualcosa su cui tanto i parlamentari nazionali che quelli europei devono lavorare per porre rimedio. Dice: "Sta a noi trovare una via di mezzo".

"Purtroppo, ci sono pochi Rom dentro la società civile in grado di parlare. Da una parte c'è un clima di paura, ma c'è anche l'intenzione di aiutarli, di porre fine alla discriminazione e alla marginalizzazione. Nel 2010, è stato costruito un nuovo istituto a Budapest, allo scopo di porre queste persone emarginate sulla mappa".

 
Di Daniele (del 17/02/2011 @ 09:36:52, in Europa, visitato 1689 volte)

Da Slovak_Roma

Michaela Terenzani - Stanková Rendendo la lingua legale

Una volta che allacci un bottone sul tuo giubbotto in modo sbagliato, allora tutto il tuo giubbotto è ovviamente abbottonato sbagliato, ha detto Rudolf Chmel, il Vice Primo Ministro per i diritti umani e le minoranze nazionali, descrivendo le tensioni che hanno circondato la Legge sulla Lingua dello stato della Slovacchia. Il suo ufficio ha iniziato ufficialmente a lavorare con più forti poteri il 1° novembre e tra le sue prime iniziative legislative c'è un emendamento alla legge sulle lingue minoritarie che è stato presentato per la discussione pubblica poco prima della fine del 2010. Il diritto di usare la propria lingua madre, nonché i conflitti che scoppiano regolarmente tra slovacchi e ungheresi e i problemi della situazione di esclusione sociale delle comunità rom sono stati tra i temi che Chmel ha discusso con il pubblico slovacco poco prima della vacanze di Natale.

The Slovak Spektator (TSS): La legge statale sulla lingua, che ha provocato molta tensione tra ungheresi e slovacchi, è stata recentemente modificata. Come ha fatto a percepire l'emergere del problema?

Rudolf Chmel (RCH): La legge statale sulla lingua è emersa come problema quando è stata approvata dal governo di Vladimir Meciar nel 1995, perché ha un evidente tono contro le minoranze, e soprattutto anti-ungherese, ivi comprese le sanzioni. Ma il periodo precedente della situazione risale agli inizi degli anni '90 quando una certa parte di nazionalisti si avvicinò con l'idea di protezione della lingua di Stato, come se qualcuno stava ancora cercando di portarla via da noi. In generale gli slovacchi sembrano che vivano ancora nel XIX secolo, nel Romanticismo, quando il linguaggio doveva essere combattuto, o più tardi, quando la magiarizzazione era parte delle politiche statali. Ma oggi la lingua slovacca è una parte naturale dell'identità degli slovacchi e come tale non ha bisogno di meccanismi repressivi giuridici per la sua tutela. E' fondamentalmente una controversia tra chi vuole proteggere e lottare per la lingua e coloro che vogliono prendersi cura di essa e coltivarla. Se c'è una minaccia per la lingua slovacca, è a causa di ignoranti slovacchi e non degli ungheresi o altre minoranze.

Il governo di Mikuláš Dzurinda ha liberalizzato la legge nel 1999 ed ha approvato una legge sulle lingue minoritarie, così formalmente questi due problemi sono stati modificati, ma la verità è che entrambe le leggi sono imperfette - e quindi hanno bisogno e avranno bisogno di essere migliorate. Nel 2009 il governo di Robert Fico ha rinforzato nuovamente la legge, e praticamente l'ha riportata di nuovo ai tempi di Meciar. La coalizione di governo attuale sta cercando sia di armonizzarle che liberalizzarle - ossia, moderare la protezione ed incrementare l'attenzione per entrambe le lingue, quella di stato e quella delle minoranze.

TSS: Come ha visto la tensione che è emersa fra gli ungheresi e gli slovacchi per la Legge statale sulla lingua?

RCH: La minoranza ungherese si occupa della questione della lingua in modo diverso rispetto alle altre minoranze, come gli ungheresi, simili agli slovacchi, vivono ancora con la convinzione che la lingua sia l'attributo più importante della loro identità nazionale. E' vero, ce ne solo accorgiamo meno quando si parla di minoranze. Quando si tratta della lingua, una minoranza è naturalmente più vulnerabile ed in pericolo perché vive in un ambiente della lingua in maggioranza ed è nel maggiore dei casi la lingua minoritaria piuttosto che la lingua di maggioranza che è assimilata. Nel 2009, la legge statale sulla lingua è stata reintrodotta nell'agenda nazionale inter statale slovacca-ungherese, dal momento che le caratteristiche repressive della modifica erano rivolte soprattutto contro la minoranza ungherese. Il governo ungherese ha interferito e la bolla è cresciuta. In quel momento ho creduto che fosse inutile, in quanto faceva parte della carta ungherese che il governo guidato da Fico ha giocato nelle relazioni bilaterali con l'Ungheria. Ecco perché abbiamo creduto che le misure restrittive dovrebbero essere eliminate. Dopo tutto, c'erano pertinenti raccomandazioni internazionali che supportavano la nostra posizione.

TSS: Ma le sanzioni che lei ha criticato in passato rimangono nella legge, anche se in modo limitato. E' soddisfatto della soluzione che il parlamento ha recentemente approvato?

RCH: Siamo venuti con le richiesta di rimuovere le misure restrittive sia sulla legge statale sulla lingua, e nella legge sulla lingua delle minoranze, in quanto le due leggi in realtà sono due facce di una stessa medaglia e, pertanto, devono essere compatibili. L'emendamento alla legge statale sulla lingua è stato proposto dal ministro della cultura perché compete al suo dipartimento. C'è anche un dipartimento di lingua di stato presso il ministero della cultura che supervisiona sul corretto uso dello slovacco. Questo è quello che ho cancellato quando ero ministro della cultura (nel 2002-2005) perché mi sembrava troppo per i funzionari ministeriali dire cosa è giusto e cosa è sbagliato nella lingua. Per tutto questo abbiamo un'autorità accademica, L'istituto di linguistica Ludovit Stur presso l'accademia slovacca delle scienze, come pure diversi dipartimenti universitari. Non è dato agli ufficiali ed hai politici il codificare il linguaggio. A parte questo, credo che la legge statale sulla lingua, dovrebbe essere una legge di solo valore simbolico e non dovrebbe essere utilizzata per qualsiasi repressione o minaccia.

Così è stato necessario emendare la legge, ma è più facile a dirsi che a farsi, come i vecchi pregiudizi nazionalisti e i traumi che hanno lavorato nelle relazioni fra slovacchi ed ungheresi per decenni, permangono nella coscienza politica slovacca sia nazionalistica che democratica, quella che attualmente governa il paese.
Ora i nazionalisti da Smer e dal Partito Nazionale Slovacco (SNS) dicono che la legge è servile a Budapest, dall'altro lato i nazionalisti ungheresi criticano il governo slovacco dicendo che la legge continua a perseguitare le minoranze. Quindi di solito i nazionalisti partono dalle stesse piattaforme, rimanendo solamente uno contro l'altro. Ma credo che se le sanzioni sono state eliminate, la legge sarebbe piuttosto buona. Usando il termine "sanzione" o "ammenda" in relazione al linguaggio, è un intervento drastico nella società, come la lingua è un affare molto intimo, molto personale dell'identità umana come dell'identità di una comunità più grande. Qualsiasi repressione in quella zona interferisce con l'identità umana. Dopo la nostra ultima modifica, le repressioni verranno utilizzate solo in campo ufficiale, molto formalmente, ma penso che siano completamente ridondanti. C'è stato un sollievo significativo in diversi settori della comunicazione pubblica, per esempio in uffici di auto-governo o negli uffici di polizia. Il rilievo è ancora più grande nel settore della cultura. Ma la legge ancora non contiene tutti i provvedimenti che potrebbero essere necessari.

TSS: Ora tenterà anche di modificare la legge sulle lingue minoritarie, che dovrebbe per molti aspetti allargare il diritto delle minoranze ad usare la loro lingua madre – una misura che spesso incontra resistenze da parte dei politici in Slovacchia. Perché c'è una mancanza di volontà tra i politici della Slovacchia per questo?

RCH: E' necessario modificare la legge sulle lingue minoritarie da quando abbiamo modificato la legge statale sulla lingua e queste due leggi devono essere compatibili. Abbiamo inoltre stabilito come uno dei nostri obbiettivi sia un concetto più ampio della politica per le minoranze in termini giuridici. Vogliamo farla finita con la discordia tra le due lingue, come la legga statale sulla lingua ha interferito negli usi delle lingue minoritarie, in particolare dopo che il governo di Fico l'ha modificata. Ciò doveva essere rimosso perché l'uso delle lingue minoritarie è disciplinato dalla legge sulle lingue minoritarie e non dalla legge statale sulla lingua. Le raccomandazioni internazionali hanno parlato con la stessa voce che questa discordia dev'essere rimossa.

Per rendere compatibili le due leggi, ora ci sono le sanzioni introdotte nel progetto di modifica della legge sulle lingue minoritarie perché ci sono già delle sanzioni nella legge statale sulla lingua. Se un membro della minoranza non è in grado di far valere il suo diritto di parlare una lingua minoritaria, possono lamentare l'istituzione in questione. Ma io personalmente credo che non ci dovrebbero essere sanzioni in nessuna delle due leggi.
Ovviamente, per qualcuno dei miei colleghi questo suonava come un reato contro la maggioranza slovacca, che le istituzioni slovacche potrebbero essere sanzionate se un ungherese, un ruteno, un ucraino od un rom non possano ottenere un'informazione nella loro rispettiva lingua. La mentalità slovacca, non pensa se accadesse al contrario, ma quando è la maggioranza che deve essere punita, tutto ad un tratto non ci piace.

TSS: Uno dei principali cambiamenti che lei sta introducendo nel progetto di modifica della legge sulle lingue minoritarie, è abbassare il quorum per chi parla la lingua minoritaria, dall'attuale 20% al 10%.

RCH: Tutte le raccomandazioni internazionali dicono che il quorum dev'essere abbassato. Nel 1999, quando la legge è stata redatta per la prima volta, anche il 20% sembrava troppo alto. Ma l'esperienza ha dimostrato che non è un buon quorum, in quanto permette ancora di assimilare le minoranze. Le raccomandazioni internazionali che abbiamo ricevuto parlano del 10%, sostenendo che le lingue minoritarie richiedono maggiore protezione in quanto la loro posizione statale non è uguale a quella della lingua nazionale. Ho il sospetto che non sarebbe accettato facilmente da molti cittadini e politici ma il quorum proposto non è così basso. Nota bene, non riguarda la minoranza ungherese, bensì le altre minoranze. Attualmente, sotto il quorum del 20%, sono circa 520 municipalità con lingua ungherese e, con il quorum abbassato al 10%, sarebbero altre 30, meno del 1% in più. Ma è interessante considerare che la minoranza tedesca, che è molto più piccola. Attualmente, vi è un solo comune di lingua tedesca, Krahule nella Slovacchia centrale, ma con il quorum del 10%, salirebbe da 10 ad 11 municipalità. Con la minoranza croata, si potrebbero influire due parti della municipalità di Bratislava, Jarovce e Cunovo. Considerando la minoranza rutena, proponiamo il conteggio insieme alla minoranza ucraina per finalità di utilizzo delle minoranze linguistiche, il che significherebbe che persino la città di Humenné diventerebbe ufficialmente bilingue.
Il problema con la minoranza rom, a questo riguardo, è che un'infrastruttura completamente nuova per la loro lingua, avrebbe bisogno di essere stabilita. In questo caso, dovremmo prendere in considerazione un modo per rinviare l'implicazione pratica della legge per creare spazio per l'educazione dell'intelligenza rom che sarebbe in grado di saturare questa infrastruttura. Non è una cosa facile, che richiede anche un più alto budget per le municipalità interessate.

TSS: Il suo ufficio si occupa anche di alcuni problemi legati alla minoranza rom. Quali di questi consideri più seri?

RCH: L'agenda dei rom è attualmente distribuita tra diversi uffici e penso che sia necessario un approccio più globale. Negli ultimi 21 anni lo stato ha fallito nelle politiche sociali. Vi è una sorta di egoismo economico tra i non-rom e le problematiche per ridurre la povertà dei rom. E da quando nascondiamo le problematiche economiche ed i fallimenti dello stato, le soluzioni che vengono proposte sono spesso razziste, ideologiche e dirette verso i cittadini più poveri di questo paese.
"Le comunità socialmente escluse" è solo un bel nome per le baraccopoli, dove le persone non hanno una possibilità di prendere una via d'uscita dal circolo vizioso in cui vivono. E poiché non esiste un approccio globale per risolvere i loro problemi, ma ogni ufficio lo risolve nel suo piccolo dipartimento – nella sanità, nella scuola, negli affari sociali, nella giustizia – le soluzioni sono sempre e solo parziali. Secondo me, non solo non abbiamo mosso il problema della socializzazione reale delle comunità rom in avanti negli ultimi 20 anni, ma abbiamo raggiunto persino "numeri rossi".
Attualmente sono soprattutto le associazioni civiche che si interessano di questi problemi, sulla base della volontà di alcuni appassionati che operano all'interno delle comunità rom, ma non c'è stato alcun approccio sistemico. Il problema della minoranza rom non può essere risolto dal mercato, che alcuni ritengono che sia in grado di risolvere tutto. Oltre a questo, tutti i programmi per i rom che sono stati eseguiti fino ad ora, erano programmi a breve termine. E questo problema deve essere risolto nel lungo periodo ed in modo esaustivo. D'altra parte, la povertà estreme che non si vuol vedere in questo ambiente, continuerà a generare costi sempre più elevati. Ma il denaro non è il problema più grande. Il problema è che c'è una mancanza di un concetto a lungo termine ed una mancanza di esperti di politica che proponga soluzioni.

TSS: I problemi delle minoranze rom non sono solo slovacchi e sempre più influenzano l'intera Europa. Pensi che la cooperazione europea una soluzione completa ed a lungo termine?

RCH: Se c'era qualche senso nella "soluzione" francese del problema, poi si sarebbe attirata l'attenzione al carattere europeo del problema rom, dimostrando che non è un problema di un paio di stati dei Balcani e dell'Europa centrale, ma un problema che l'Unione Europea deve rifletter e risolvere. Se ignoriamo i problemi dei rom in Romania ed in Bulgaria, questi si apriranno come una questione irrisolta in Francia o in Italia e continuerà a crescere. Non possiamo tenere gli occhi chiusi su questo. La UE attualmente ha attualmente molto più gravi problemi economici e finanziari e non può quindi concentrarsi interamente sulla questione rom, ma forse dovremmo essere uno di quelli che avrebbe spinto l'agenda, soprattutto una volta che abbiamo un'idea. Uno dei problemi principali che il governo sta affrontando adesso, è quello di trovare soluzioni chiave all'agenda rom e di non far finta che questo problema non esiste o che non lo possiamo vedere. Il problema è qui, ed è grave.

TSS: I suoi predecessori sono stati criticati per la cattiva gestione dell'agenda rom. Saranno i poteri forti del suo ufficio a cambiare la percezione critica del pubblico del vostro ufficio?

RCH: Questo ufficio porta sempre una certa sfida in esso – è in un certo senso un ufficio virtuale, perché i suoi poteri non sono realmente tangibili, come i diritti umani che sono ancora violati anche nelle democrazie, anche in Slovacchia. Questo ufficio vuole servire come coordinatore dell'agenda dei diritti umani, che di fatto rientra nella responsabilità di tutti i dipartimenti governativi. Siamo come un custode, ma senza la possibilità di punire. Possiamo solo consigliare e cercare di migliorare la normativa. Il secondo pilastro di questo ufficio, sono le minoranze nazionali, che comprendono anche la minoranza rom, e ci sono alcuni problemi molto seri lì. Ho intenzione di avere incontri con il ministro dell'istruzione per cercare per cercare insieme di risolvere i problemi di educazione delle minoranze. Ci sono ancora molte cose controverse che succedono e che devono essere indagate e guardate – come figli di famiglie rom che vengono spesso inviati alle scuole speciali anche se non li appartengono. Vedo molto lavoro da fare per noi insieme con l'istruzione e ed i servizi sociali in materia di istruzione dei bambini rom. Alcuni passi decisivi bisogna finalmente prenderli.

 
Di Fabrizio (del 17/02/2011 @ 09:19:58, in Europa, visitato 1249 volte)

Da Hungarian_Roma

Bódvalenke, 7.2.2011 16:35, (ROMEA)

Photo: http://www.bodvalenke.eu

Un nuovo ed esaltante progetto artistico è attualmente in corso a Bódvalenke, Ungheria del nord.

Agli artisti è stato chiesto di affrescare le pareti delle case, in quella che è un'area socialmente svantaggiata, dove di 210 abitanti il 90% è Rom. Il budget annuale a Bódvalenke è di 30 milioni di fiorini (circa 100.000 euro), utilizzato principalmente per il funzionamento dell'ufficio del sindaco, assegni sociali e progetti di lavori pubblici, senza lasciare soldi per lo sviluppo del villaggio.

I pittori rom ungheresi hanno già completato 13 stupendi disegni sulle pareti.

Artisti rom di tutta Europa ora sono stati invitati a Bódvalenke per partecipare al progetto.

Gli elaborati verranno prima giudicati da una giuria selezionata. A quei pittori le cui opere verranno scelte, verranno forniti vernici, pennelli, vitto e alloggio e verranno coperte le spese di viaggio. In aggiunta, verrà fornita una borsa di studio, a seconda delle dimensioni del lavoro, della media di 1.000 euro.

Qualsiasi aiuto sarà grandemente apprezzato. Quanti siano interessati, dovrebbero inviare le loro proposte (meglio in formato PDF) a Eszter Pásztor at epasztor@enternet.hu

Ulteriori informazioni sono disponibili su http://www.bodvalenke.eu.

Minesh Patel, Bódvalenke

 
Di Fabrizio (del 16/02/2011 @ 09:56:47, in Europa, visitato 1040 volte)

PARLAMENTO EUROPEO Giustizia e affari interni - 09-02-2011 - 15:24

La deputata Lívia Járóka

  • Il 95% dei Rom conduce ormai una vita sedentaria e non vuole tornare a essere nomade
  • Tra i rischi maggiori quello della povertà e della mancanza di istruzione

Mentre la tragica morte di quattro bambini in un campo di Roma commuove l'Italia, sono oltre 12 milioni i Rom europei che continuano a lottare contro segregazione e povertà nell'UE. Oggi l'Europa sta cercando una soluzione comune per risolvere il problema. La presidenza ungherese ha definito la strategia europea sui Rom una delle sue priorità.

Ne abbiamo parlato con la parlamentare di centro-destra (PPE) ungherese Lívia Járóka, l'unica deputata Rom seduta in Parlamento. La giovane 36enne è la relatrice di un rapporto che si propone di non permettere più all'Europa di sprecare il potenziale dei Rom e il loro possibile contributo all'Unione.

Sta cercando di lanciare una strategia europea sui Rom. Quali punti sono più importanti?
Dobbiamo cambiare il nostro approccio. Da una prospettiva etnica di questa minoranza dobbiamo allargare la nostra visuale, dando ai Rom più prospettive specialmente dal punto di vista lavorativo. Abbiamo leggi europee per combattere la discriminazione, ma spesso non vengono messe in atto nei singoli Stati membri. Comunque la discriminazione etnica è soltanto uno dei fattori. Esiste in Europa una povertà invisibile che non viene percepita neanche da coloro che assegnano i fondi europei.

Nella mia strategia metà del successo dipenderà dalla stessa comunità Rom e dalla presenza di leader fra loro. Per questo c'è il bisogno di una nuova classe dirigente di Rom istruiti che vengano dalla comunità stessa e la rappresentino.

Molti continuano a pensare che i Rom siano nomadi. Ma è ancora così?
I Rom hanno il diritto di andare dove vogliono in quanto cittadini europei. Se poi desiderino davvero muoversi è un altro discorso. Oggi il 95% dei Rom europei conduce una vita sedentaria. Quel 5% che continua a muoversi lo fa per ragioni culturali o lavorative.

Negli ultimi anni l'emigrazione che abbiamo visto era legata a motivi economici. Gli Stati membri usciti dall'epoca comunista si sono trovati di fronte a realtà economiche nuove che hanno lasciato i più poveri senza un lavoro. I Rom sono stati i primi a essere espulsi non in quanto gruppo etnico, ma perché non erano istruiti.

I Rom non vogliono una vita nomade, ma lavoro, dignità e cibo. La prossima generazione rischia di continuare a vivere in povertà non per la sua etnia, ma perché probabilmente ha entrambi i genitori disoccupati. Dobbiamo evitare che i Rom emigrino di nuovo per ragioni economiche come hanno fatto quando si sono diretti verso la Francia, il Regno Unito, l'Italia e molti altri paesi. Ma non sono stati soltanto i Rom: anche molte altre persone in difficoltà sono state costrette a lasciare il loro paese alla ricerca di un lavoro.

Perché è tanto importante sostenere le donne Rom?
Nelle aree più svantaggiate, due generazioni di Rom stanno crescendo senza vedere i genitori andare al lavoro. Questo vuol dire anche che sono le donne coloro che mentalmente e fisicamente coltivano la speranza. Sono un'antropologa e ho visto con i miei occhi quanto molto dipenda dal lavoro delle donne. Sono loro a assicurarsi che ogni giorno ci sia del cibo sul tavolo, sono loro a assicurare che vengano rispettati i diritti dei propri figli.

Sostenere le donne Rom è uno degli elementi chiave della nostra strategia. Dobbiamo accertarci che non avvengano più i matrimoni forzati e che si combatta contro l'abuso di droghe e la tratta di esseri umani.

Con la sua storia personale ha dimostrato che è possibile sconfiggere povertà e esclusione sociale. Cosa suggerirebbe a altri Rom che vogliono seguire il suo esempio?
La mia fortuna è stata l'istruzione. I miei genitori si sono trasferiti per evitare che fossimo messi in classi separate, soltanto per Rom. Hanno controllato che studiassimo abbastanza per essere ammessi in buone scuole. Comunque una delle cose più importanti che mi hanno dato è questo forte legame familiare e la nostra tradizione di accettarci l'uno con l'altro.

Io sono figlia di un matrimonio misto. Ho visto quello che hanno fatto i miei genitori per darci una vita migliore. Tutti noi, i miei fratelli e io, siamo andati all'università, grazie ai messaggi positivi trasmessi da mia madre e mio padre.

Ha mai sofferto sulla sua pelle la discriminazione?
Per me essere una Rom è una ricchezza, un elemento molto positivo.
Mio padre è sempre stato molto protettivo: non ho mai sentito nessun commento etnico a casa. Per noi era naturale essere Rom, ma prima di tutto ungheresi e europei.

Per mia sorella è stato diverso. Č nata dieci anni dopo di me in un momento in cui il governo stava cambiando e si respiravano turbolenze economiche e tensioni sociali. Si stava creando un baratro tra Rom e non Rom, tra ricchi e poveri. Abbiamo iniziato a avvertire questa sensazione sulla nostra pelle.

Mi sono accorta all'università di quanto colleghi e amici non sapessero niente dei Rom e fossero completamente pieni di pregiudizi infondati. Ho capito così che dovevo fare qualcosa e mostrare che, oltre ai curriculum nazionali, al dialogo sociale e al lavoro nelle comunità Rom, era estremamente importante lavorare con i media.

Come potremmo creare fiducia e cooperazione reciproca?
I media hanno un ruolo molto importante, dovrebbero mostrare modelli di cooperazione tra Rom e non Rom. La crisi economica ha reso ancora più difficile combattere i pregiudizi. Il nostro compito dovrebbe essere quello di creare degli spazi per l'integrazione, come associazioni sportive miste, classi e luoghi di lavoro comuni. Poi abbiamo bisogno di una valida classe dirigente tra i Rom. Aspetto con ansia la nascita all'interno della società Rom di un approccio comune che venga dal basso.

Il rapporto sulla strategia europea per l'inclusione dei Rom dovrebbe essere votato dalla commissione per le libertà civili il 14 febbraio per poi arrivare in plenaria a marzo.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


07/04/2020 @ 19:30:50
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Il libro con le storie di via Idro... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3371 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source