\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Ungheria
Di Fabrizio (del 21/02/2011 @ 09:22:46, in Europa, visitato 1547 volte)

Da Hungarian_Roma

NewEurope I Rom in Ungheria di fronte alla perdita d'identità - Author: Cillian Donnelly

La prossima generazione di Rom. Mentre si prepara il Quadro per le Strategie d'Inclusione Nazionale dei Rom, che dovrebbe essere presentato ad aprile, c'è paura che venga erosa l'identità rom in Ungheria. Il governo ha fatto delle Strategie d'Inclusione una delle priorità chiave dei suoi sei mesi di presidenza UE. | EPA/MIRCEA ROSCA

13/02/2011 - E' stato detto in un incontro al Parlamento Europeo che le prossime generazioni di Rom in Ungheria sono in pericolo di perdere il loro senso di storia e di identità.

"E' importante per i gruppi rom passare conoscenze ed esperienze ai più giovani", ha detto la parlamentare ungherese Ágnes Osztolykán durante una riunione del gruppo dei Verdi il 9 febbraio. "Ma in Ungheria, è abbastanza diverso, non ci sono gruppi simili tra i Rom, ed è difficile trovare giovani progressisti. I Rom ungheresi sono in una situazione più difficile degli altri nell'Europa Centrale e del Sud-Est".

Osztolykán, portavoce per l'istruzione e la cultura di Lehet Más a Politika (LMP),  ha illustrato la situazione rom nel suo paese nativo durante un incontro di due giorni in cui l'Ungheria e la sua politica, che detiene la presidenza UE, erano sotto scrutinio.

Le due più grandi sfide da affrontare per i Rom in Ungheria sono una maggiore integrazione e combattere la crescita dell'estrema destra, entrambe devono essere affrontate come parte di un più ampio sforzo della società civile. La marginalizzazione dei Rom, spesso attraverso politiche di odio, hanno portato ad una comunità più isolata e frammentata, nonostante gli sforzi politici.

Gli anni '90, dice Osztolykán, hanno visto la volontà in Ungheria di stabilire un programma per l'integrazione sociale dei Rom, invece dell'integrazione economica, facilitata dai donatori internazionali. Ci sono stati, dice, "molti segnali positivi all'inizio", particolarmente nell'istruzione, ma presto si sono spenti. Il denaro sembrava andare "nella lotta alla crisi economica. Gli investimenti nell'insegnamento e nell'istruzione non erano sufficienti".

Nel 2004 è stata progettata una nuova strategia rom, per cui a ciascun stato membro UE viene richiesto di elaborare un piano d'azione. "Soltanto a quel punto la gente ha iniziato a pensare all'integrazione economica", dice Osztolykán, "e a cose come l'edilizia sociale. Sono state avviate diverse iniziative comunitarie". Oggi, dice, il governo ungherese ha parlato molto di integrazione rom, che giudica un "buon segno". Dice anche di essere "molto soddisfatta" per i progressi in corso verso una strategia integrata dei Rom.

Tuttavia, dice, i problemi economici continuano ad incombere sui Rom. E' importante riqualificare. "Abbiamo bisogno di insegnare la conoscenza. Molti Rom hanno perso il lavoro, diversi settori industriali sono stati distrutti. Ora i Rom sono tra il 10% più povero dell'Ungheria, nonostante qualche piccolo movimento verso la fascia di ceto medio. Tuttavia, ci sono ancora "pochissimi laureati". La questione dei progressi dalla scuola primaria al terzo livello è qualcosa che ancora dev'essere esaminata.

L'ascesa dell'estrema destra in Ungheria, cominciata circa dieci anni fa, provoca grandi preoccupazioni, non solo ai Rom, ma anche a chi è impegnato con la politica, la società civile e l'attivismo, dice Ágnes Osztolykán.

La destra radicale, aggiunge, è riuscita a "prendere il sopravvento" nel dibattito sull'integrazione e a definire l'agenda, che è qualcosa su cui tanto i parlamentari nazionali che quelli europei devono lavorare per porre rimedio. Dice: "Sta a noi trovare una via di mezzo".

"Purtroppo, ci sono pochi Rom dentro la società civile in grado di parlare. Da una parte c'è un clima di paura, ma c'è anche l'intenzione di aiutarli, di porre fine alla discriminazione e alla marginalizzazione. Nel 2010, è stato costruito un nuovo istituto a Budapest, allo scopo di porre queste persone emarginate sulla mappa".