\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Montenegro
Di Fabrizio (del 25/02/2011 @ 09:03:07, in Europa, visitato 1854 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Cafebabel.com Konik: vita nel più grande campo profughi nei Balcani

(Image: ©Simon Chang/ simon.chinito.com/)

Le case di questo importante campo rifugiati a Podgorica di Rom fuggiti dal Kosovo, sono state definite da The Guardian come "una cima di spazzatura puzzolente". Eppure i giovani ambiziosi che vivono là sono futuri maestri di hip-hop e padroni del loro destino By Emmanuel Haddad

15/02/11 - Siamo in Bratstva i jedinstva 4, un edificio fatiscente situato in un grande viale in Montenegro. La porta si apre e Dijana Uljarevic, incaricata dei programmi del Forum MNE (forum sull'educazione informale giovanile), ci accoglie in un ufficio un po' disordinato, un mix di giochi per bambini, computer e poster di concerti.

Queste case spesso vanno in fiamme

Konik è il più grande campo profughi nei Balcani, di cui pochi conoscono l'esistenza, secondo un articolo del 2009 di The Guardian. Lì vivono oltre 2.000 Rom in baracche di fortuna costruite con scarti di legno, latta ed altri materiali. Queste case spesso vanno in fiamme e, nei giorni di neve come oggi, al freddo e a perdite dai soffitti. Basta andare in case che sono cumuli di spazzatura puzzolente per i rifugiati del Kosovo dimenticati in un angolo, come suggerito dal titolo del giornale britannico. Enorme, specialmente dopo che la simpatia per i Rom è considerevolmente aumentata in Francia, a seguito della politica governativa di espulsione di massa dei Rom dai campi.

"Insegno loro a non vergognarsi"

Pavle Calasan | Il più grande centro commerciale con le foto di Konik

Speriamo di scattare fotografie nello stile di quelle del giovane fotografo montenegrino Pavle Casalan, che vengono esposte in un centro commerciale in città. Poco prima della nostra partenza arriva Osman Mustafaj. E' normale che gli ex partecipanti del progetto si fermino. "Non siamo spesso consapevoli dei progressi raggiunti da un progetto che opera con la gioventù," nota Dijana. "Spesso è quando tornano e ci dicono di aver trovato un lavoro che capiamo quanto ha operato".

Osman è un ragazzo di bell'aspetto, con un sorriso raggiante. Trent'anni, è arrivato dal Kosovo che ne aveva dodici, e non si è mai guardato indietro. La sua casa è qui. Le sue radici in MNE sono così forti che ne è diventato un membro attivo e sta pensando di fondare una propria OnG, "Coinvolgere la gioventù rom, ascali ed egizia nei Balcani" (UM RAE, Ukljuciti mlade Romi Aškalije Egipćani). Vuole far crescere la consapevolezza ed ascoltando Dijana, capisci da dove l'ha presa. "La cosa più importante è il dialogo" dice la giovane mente di MNE. "La comunità internazionale, che sovvenziona la maggior parte delle nostre attività - il governo montenegrino essendo per lo più assente - fornisce cibo ed altri beni, ma questo da solo non è sufficiente a sviluppare la capacità dei giovani. Ecco perché siamo qui. Per aiutare a tratteggiare le capacità degli individui, le loro capacità comunicative, i talenti e così via." Questo si realizza attraverso attività, ed è qui che intervengono Osman e altri educatori. Vividamente racconta il primo set di karaoke da lui organizzato nel campo rifugiati, la prima partita di calcio o quando i bambini sono scesi in centro città per mostrare la loro abilità nella breakdance. "Insegno loro a non vergognarsi di ciò che sono," sorride. "Alla loro età, ho sofferto la discriminazione..."

Hip-hop o piccola criminalità

E' difficile tracciare semplicemente un ritratto delle vittime o lamentare lo stato dei dintorni, anche se ci sono tutti gli ingredienti. "Nel 2003, il 61,3% della popolazione rom non aveva istruzione; il 21,3% non aveva terminato la scuola primaria. Solo il 9,2% l'ha terminata e ci sono solo sei Rom iscritti all'università tra il 2004 e il 2005, di cui quattro hanno abbandonato," osservano Sofia Söderlund e Elin Wärnelid in uno studio del 2009 intitolato Hip-hop and the construction of group identity in a stigmatised area.

Barčić Record ed altri artisti di Konik | storie di successo del Forum MNE

Osman è ottimista, ad esempio sul laboratorio di responsabilizzazione sull'Aids. "Per molti partecipanti è la prima volta che sentono queste informazioni." Nella soddisfazione che segue il suo discorso "molti vanno a fare i test, perché la popolazione rom è la più pesantemente colpita dal virus." Il potenziale dei giovani che prendono parte alle attività del Forum MNE, ispira non solo rispetto ma anche ammirazione. Sulle pareti dell'ufficio sono appesi articoli di giornali dedicato ai Barčić Record, uno dei gruppi di hip-hop emersi da Konik. Tuttavia, nel loro studio sull'impatto positivo dell'hip-hop nella creazione dell'identità rom di Konik, Sofia Söderlund e Elin Wärnelid hanno raccolto storie esemplari sulla povertà nei campi uno e due, dove le famiglie dei rifugiati vivono una sull'altra, tra crimine, prostituzione e problemi di droga. Le origini dei problemi spesso nascono dalla stessa fonte, cioè la mancanza di istruzione. Con i dati del 2007 che mostravano un tasso di disoccupazione dell'82% tra i Rom in Montenegro, l'istruzione era diventata secondaria.

 Barčić Record, Boys in Da Hood e co | Come l'attenzione agli emarginati ha prevalso

Laggiù, la gente "normale"

I giovani rapper le cui voci si sentono nello studio menzionano il confine tra "loro" e la gente "normale"; tra il centro città e "noi". Qualcuno è risentito soprattutto perché sono cresciuti in Germania, prima di essere deportati qui nella periferia. "Non fanno entrare i Rom," ricorda Dijana di quando andò in un pub con giovani Rom e non-Rom. "Poi si sono scusati." E' un inizio.

  Giorno di neve a Podgorica | Giovani nel campo Konik uno

Mi dirigo verso il campo Konik uno, dove ho appuntamento con Osman. La donna che ci accompagna in macchina non sa come arrivarci. Si ferma a chiedere: nessuno lo sa. I bambini stanno giocando nella neve in sandali e si finisce a bere un caffè nel suo ufficio. E' accanto al campo, ma lei non c'era mai passata.

After Sarajevo, Montenegro. This article is part of the Orient Express 2010-2011, a series of articles carried out by cafebabel.com in the Balkans. Read our Orient Express Reporter manifesto to find out more