Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/11/2012 @ 09:09:40, in sport, visitato 926 volte)

E' stato quello che mi son detto quando ho letto questa notizia su Yahoo.

Un chiarimento per chi non mastica l'argomento: Ricardo Quaresma era (una volta) un giovin calciatore di belle speranze, finché non mise piede nell'Inter, da cui uscì senza troppi rimpianti e, come è successo a molti, da quel momento ha tirato praticamente a campare. Ma è anche frutto dell'unione tra un gitano portoghese ed un angolana. Ed a differenza di altri nomi noti, non ha mai rinnegato la sua appartenenza al mondo romanì.

Mi immagino i soliti cori che avrà dovuto subire in una carriera che ormai si è fatta lunga. Invece, mentre testimoniava in tribunale per un furto che aveva SUBITO, succede che pure sua madre viene rapinata! Tanto per riequilibrare la notizia, non si capisce se da una rom o da una rumena o da una rom rumena...

Il tutto, sembra sia terminato con l'aggressione del calciatore ad un poliziotto turco (da quel che ne so, tipini da prendere con le molle). Che mondo!!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/11/2012 @ 09:09:16, in media, visitato 1076 volte)

La testata si chiama ILNORD.com, e se fossi prevenuto già il nome sarebbe una garanzia. Ma non lo sono, e allora via con la lettura. Bell'articolo, dal titolo Incredibile in Toscana: 13 milioni di euro per gli Zingari di etnia rom/sinti. Che in Toscana ci siano Zingari (con la Z maiuscola) che non siano "di etnia rom/sinti" sinora mi era sfuggito, mi sfugge se la cosa sia un maldestro tentativo di politically correct o sia il primo di una serie di corti circuiti mentali. Diciamo (per non far polemiche inutili)... un titolo alla Wertmuller.

Il pezzo forte del titolo comunque è l'Incredibile iniziale. Fatta una rapida ricerca, trovo un documento della Fondazione Michelucci (QUI il .pdf del 2007) che conta circa 3/4000 presenze di Rom e Sinti nella regione. Quindi, fatti due calcoli, la spesa (o meglio: l'investimento) sarebbe tra i 3.000 e i 4.000 euro a cranio; ovviamente in questa cifra c'è di tutto: scuola, casa, lavoro, ed esigenze diversissime tra loro. Però come somma, tutto mi sembra tranne che una cifra Incredibile.

Un qualsiasi paziente lettore gradirebbe quindi sapere a cosa serviranno quei soldi ma (provate a leggere il pezzullo), non ci si capisce niente. Questa nella prima metà dell'articolo.

La seconda metà si divide quasi esattamente in due:

  • un lungo (e burocratico) intervento di un consigliere del PdL. Intervento che, per quanto corretto, non aggiunge e non toglie niente alla confusione che ormai regna sovrana;
  • un pippotto finale, ed è l'unica parte che risulta comprensibile al vostro paziente lettore, e che quindi riporto interamente.


  • Tagliateli tutto, ma non i fondi ai loro protetti. Zingari e immigrati. In una regione colpita, come e più di altre in Italia, da una profonda crisi occupazionale, spendere 13milioni di euro delle tasse dei cittadini per costruire delle nuove casette per gli Zingari, è scandaloso. Quando, il governatore Rossi penserà agli Italiani residenti in Toscana, nessuna casetta per loro? E’ deprimente pensare che, nei prossimo giorni, file di pecore telecomandate si recheranno ai seggi delle primarie del Pd, per votare degli esseri inutili in cerca di poltrone. Membri di un partito il cui unico scopo, è dissolvere la nostra società e il nostro tessuto economico. Non siate pecore. Andate alle primarie del Pd, in Toscana, e scrivete sulla scheda "13 milioni di euro".

Sostituite la parole "in una regione colpita [...] da una profonda crisi occupazionale" con qualsiasi altra emergenza, che può andare dal terremoto alle recenti alluvioni, e vedrete che un motivo per non spendere quei soldi lo si troverà sempre. Nel senso che si risparmieranno 13 milioni, e ne spenderemo altrettanti, se non di più, per rimediare POI ai ritardi di investimenti strutturali su una situazione altrettanto emergenziale (la botte piena e la moglie ubriaca in politica non funziona).

Per terminare, un accenno alle "pecore telecomandate": dopo tutto quello spazio dedicato al PdL, perché il vostro lettore non dovrebbe pensare che a questo punto prendersela col le primarie del PD, non è proprio un segnale di testata indipendente?

Questi Rom! Se non ci fossero, dovrebbero inventarli.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/11/2012 @ 09:14:34, in Italia, visitato 1749 volte)

Idea Rom Palermo è un'associazione di promozione sociale "mista", rom-gagè. Nasce per volere di un gruppo di persone che condividono l'amore per il mondo Rom, accomunate dalla convinzione che i Rom siano troppo discriminati ingiustamente.

Scopo dell'associazione è abbattere tutti quei pregiudizi e stereotipi che fanno dei Rom il popolo più perseguitato e discriminato.

L'associazione persegue i seguenti fini:
• favorire l’integrazione e la partecipazione attiva dei Rom, dei Sinti, dei Kalè, dei gruppi e delle comunità viaggianti – di seguito denominati Rom anche se appartenenti a popoli o gruppi di diversa origine – nella società italiana ed europea, nel rispetto delle diverse identità, delle pari dignità e dei valori fondamentali del vivere civile;
• ottenere il riconoscimento dei Rom come minoranza etnica e linguistica, con pieni diritti di cittadinanza;
• contrastare i pregiudizi diffusi sulle popolazioni Rom e tutte le forme di discriminazione, diretta e indiretta, verso questa popolazione;
• promuovere la mediazione interculturale e la convivenza civile, agevolando le relazioni e le interazioni tra individui, comunità e culture, favorendo la conoscenza, il dialogo, la comprensione e l’incontro, valorizzando le reciproche differenze;
• promuovere incontri e discussioni sulla cultura Rom mediante l’organizzazione di corsi e seminari;
• stimolare la diffusione della culture Rom nelle scuole;
• promuovere interazioni con le varie circoscrizioni cittadine.

L'associazione è gemellata con Idea Rom Onlus di Torino. Chiunque può diventare socio di Idea Rom Palermo.

Contatti:
email: idearompalermo@libero.it - Facebook: https://www.facebook.com/idearom.palermo

Presidente: Manuela Casamento
Vice presidente: Antonella Venezia
Segretario/Tesoriere: Alberto Moncada
Soci Fondatori:
Fortunata Li Muli
Rodica Agape
Mirveta Iljazi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/11/2012 @ 09:04:47, in Regole, visitato 1253 volte)

In carcere l'ideologo di Stormfront Arrestati anche tre attivisti del sito neonazista che sostiene "la superiorità della razza bianca". Ipotesi di reato sono "incitamento all'odio razziale e diffusione di idee antisemite" di FABIO TONACCI

ROMA - In carcere l'ideologo e tre attivisti di Stormfront Italia, il sito neonazista e antisemita che sostiene la "superiorità della razza bianca". La Polizia postale e la Digos hanno notificato le ordinanze di custodia cautelare in carcere a Daniele Scarpino di Milano, amministratore del forum italiano del portale stormfront. org e ideologo, Diego Masi di Frosinone, Luca Cianfaglia di Teramo e Micro Viola di Cantù. L'ipotesi di reato, formulata dal pool antiterrorismo della procura di Roma diretto da Giancarlo Capaldo, è di aver costituito un'associazione dedita all'incitamento all'odio razziale e alla diffusione di idee antisemite via Internet. Sono in corso 21 perquisizioni in dodici regioni, tra cui Abruzzo, Calabria, Sicilia, Val D'Aosta, Lombardia, Lazio.

Stormfront. org, "il più grande sito d'odio presente su Internet" come è stato definito dai media americani, è comparso in rete già dai primi anni novanta come bollettino di notizie. Diventa un sito vero e proprio nel 1995, quando viene gestito dall'ex leader del Ku Klux Klan e pregiudicato Don Black (già membro del Partito nazionalista socialista del popolo bianco, fu imprigionato nel 1981 per aver partecipato al golpe fallito che doveva rovesciare il governo domenicano). La base operativa dove sono installati i server è a West Palm Beach, in Florida, da dove Don Black gestisce quindici forum in tutto il mondo, dal Portogallo alla Nuova Zelanda. Nel 2008 aveva 80 mila utenti unici giornalieri, che aumentarono di 2000 unità il giorno dopo che gli Stati Uniti elessero presidente Barack Obama.

Nel forum italiano vengono citati passi del Mein Kampf, pubblicate foto delle Ss, elencati nomi di presunti "poteri occulti giudaici". Gli utenti discutono della superiorità dei bianchi e del "pericolo della contaminazione dei negri". Di recente, dopo un articolo pubblicato sul neonato Huffington Post Italia, hanno aggiornato la loro blacklist di ebrei italiani appartenenti al mondo della cultura, della politica e dell'informazione. Quella condotta dalla procura di Roma e che ha portato agli arresti di oggi è la prima grossa indagine in Italia su Stormfront. Il forum italiano sarà oscurato a breve.

(16 novembre 2012)


Il giorno 17, leggo su diverse testate:

che tra i motivi della chiusura, c'era il rischio che questi fascistelli programmassero l'assalto a qualche campo rom. Così di getto, 2 reazioni contrastanti:

  • il ricordo di quello che è avvenuto negli anni recenti, a Opera, Ponticelli, Torino, con le folle inferocite (da chi? strano, ma i colpevoli non  sono mai saltati fuori) che davano fuoco a tende e baracche;
  • un altro ricordo, più tragicomico, di quando un gruppettino di teste calde, senza nessuna folla alle spalle, entrò in un campo per una spedizione punitiva. Se non ricordo male gli adulti risposero con qualche parolaccia e un po' di sputi, credo che i ragazzini circondarono la squadra di arditi, i quali chiesero maschiamente soccorso ai vigili urbani...
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/11/2012 @ 09:09:32, in Italia, visitato 930 volte)

Il tema di questa quarta edizione è "Diverso da chi? Suoni, parole e immagini della discriminazione in Italia".

In Europa milioni di persone sono ancora sottoposte a esclusione sociale, povertà, maltrattamenti e violenza, per quello che sono, quello che si presume siano o ciò in cui credono. Fino a quando l'Europa non affronterà seriamente l'esclusione sociale, la violenza e i maltrattamenti, la povertà e il pregiudizio, le persone continueranno a essere discriminate e a vedere violati i loro diritti umani. Amnesty International, attraverso la campagna "Per un' Europa senza discriminazione", chiede ai governi, alle organizzazioni e ai privati cittadini di impegnarsi pubblicamente per rendere i Diritti Umani una realtà per tutti.

Il tema di quest'anno è fortemente legato all'urgenza di visibilità di quanto succede quotidianamente, in un momento in cui, anche in Italia, vediamo acuirsi fenomeni e atti di violenza verso individui e gruppi di persone sulla base dei pregiudizi più disparati.

Ed è a questi episodi che richiama l'attenzione il sottotitolo del concorso di quest'anno:

"Suoni, parole e immagini della discriminazione in Italia".

Tutti gli artisti non professionisti in gara sono chiamati a ragionare sul tema in maniera personale sul proprio territorio e a renderlo visibile attraverso la loro arte.

Obiettivo del concorso, che si chiuderà il 10 Febbraio 2013, è che anche l'arte, attraverso Amnesty International, possa fare la sua parte nella denuncia di queste forme di discriminazione.

La premiazione del concorso si terrà il 23 Marzo 2013.

Per maggiori informazioni sulla campagna di Amnesty International "Per un'Europa senza discriminazione"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 16/11/2012 @ 09:08:39, in Kumpanija, visitato 813 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/11/2012 @ 09:15:39, in blog, visitato 844 volte)

Nel disperato tentativo di riordinare le informazioni che abitualmente (e distrattamente, credo) leggete sulla fascia a destra dei post, è nata la pagina WIKIMAHALLA, dove trovate:

  1. Le produzioni di Mahalla
  2. la sezione Dicono di noi
  3. ed il Bollettino dei Naviganti con alcuni suggerimenti per capire dove siete capitati.

Se non vi basta, provate a curiosare nella sezione Autori. Buona lettura.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/11/2012 @ 09:04:59, in Europa, visitato 1023 volte)

Cambridge news Assessore si  scusa per una mail "scherzosa" sui Traveller by Chris Havergal

Ha causato delle scuse la mail che prendeva in giro i Traveller, inviata dall'assessore incaricato della riapertura del sito di Meldreth.

Mark Howell, membro del gabinetto per l'alloggio del South Cambs District Council, ha ammesso di aver fatto "stupidamente" circolare una foto di un falso segnale stradale che mostrava una roulotte e le parole "F*** off gypos". Sotto, chiedeva: "Pensate che la contea ne ordinerà un po'?"

La mail venne spedita sei anni fa ai colleghi del consiglio, quando era in un gruppo indipendente, ma venne poi ripresa dagli oppositori al controverso piano di riaprire il sito di Mettle Hill a Meldreth.

Il consigliere Robin Page, uno dei destinatari delle mail, dice che Howell era d'accordo che i Traveller fossero a Meldreth, ma non lo era il reparto Papworth and Elsworth da lui rappresentato, che ne chiese le dimissioni.

Dice Howell: "Quella mail di oltre sei anni fa non è stata altro che uno scherzo privato tra amici di un gruppo indipendente di cui allora facevo parte, ed ora viene usata per scopi politici. Chiunque mi conosca sa che non condivido le opinioni lì contenute, e che ho lavorato senza sosta per tutti i residenti da quando sono stato eletto consigliere. Col senno di poi è stata una cosa stupida inviarla e posso solo chiedere scusa se qualcuno si è offeso."

Il consiglio si è riunito stasera (8 novembre, ndr.) per discutere il progetto di acquistare e ristrutturare Mettle Hill, focolaio di criminalità e vandalismo sino alla chiusura nel 1996.

Il consigliere Mark Howell

Oltre 500 abitanti si riuniranno in un'assemblea martedì (scorso. ndr.), e tra loro i Traveller che vivono al lato opposto del sito e che sono, secondo loro, a minaccia di sgombero.

Il consigliere Page, che rappresenta Haslingfield e The Eversdens, ha detto che il comportamento di Howell è stato "intollerabile".

"Penso sia stato vergognoso," ha detto Page. "Penso che non solo avrebbe dovuto lasciare la giunta, ma dimettersi da consigliere."

Diversi membri del consiglio negli anni recenti hanno fatto dichiarazioni incandescenti sui Traveller. Il conservatore Mervyn Loynes disse di voler "mettere un campo minato" attorno a Smithy Fen in Cottenham.

Il consigliere Loynes ha accettato di partecipare ad una commissione d'inchiesta.

La consigliera Deborah Roberts ha detto che i Travellers di Smithy Fen dovrebbero essere lasciati "a mollo" nelle acque di scarico e che si sarebbe lanciata in un attacco suicida esplosivo sull'insediamento se avesse avuto il cancro.

Nessuna consultazione su Mettle Hill

Il sito di Mettle Hill

Dice un consigliere che gli abitanti in prossimità di un ex sito di Traveller vorrebbero dire la loro sulla riapertura.

In una riunione convocata sull'argomento a Meldreth, la consigliera Susan Van de Ven, che rappresenta Melbourn, Meldreth e Shepreth, ha lamentato la totale mancanza di consultazioni.

Oltre 500 persone si sono radunate in una saletta dopo che il consiglio distrettuale di South Cams aveva fatto trapelare di voler acquistare e ristrutturare i lotti del vicino Mettle Hill - che furono esposti a criminalità e vandalismi sino alla chiusura nel 1996.

Ha detto Van de Ven: "Sono arrabbiata perché nessuno di noi ne sapeva niente fino alle 10 di mercoledì 31 ottobre, ma il consiglio della contea ne aveva parlato con quello di quartiere già dall'estate scorsa."

"Meldreth è una questione molto sentita, sono orgogliosa di vivere in questa comunità che si è ben integrata con i Traveller, e la nostra campagna deve riflettere questo spirito. E' un tema che suscita parecchia attenzione ed  è importante che sia data retta ai nostri punti di vista."

Il consiglio ha annunciato l'intenzione di spendere 500.000 sterline, finanziate dal governo, per riaprire Mettle Hill con nuovi servizi e con un numero di piazzole tra le 8 e le 10.

Un portavoce ha detto che l'apertura del sito aiuterebbe a mantenere i propri obblighi di fornire sufficienti sistemazioni per i Traveller e ha promesso che il sito verrà gestito con cura.

Il progetto verrà discusso dalla maggioranza stasera alle 18 e poi dovrà essere votato dal consiglio il 22 novembre.

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/11/2012 @ 09:15:59, in Italia, visitato 1079 volte)



Il problema sicurezza è stato spesso al centro del dibattito politico tanto da segnare intere campagne elettorali e l'azione di molte amministrazioni locali. Chi può dirsi veramente ed integralmente sicuro?

A Roma questo si è tradotto in una dizione molto presente tra gli ultimi argomenti di conversazione della politica, della società civile e della magistratura: Piano Nomadi. La questione non riguarda amministrazioni solamente di destra, anche le politiche di Veltroni per i Rom della città non si sono distanziate molto da ciò che accade oggi. La differenza è di genesi e legittimità. Il progetto attuale trova la sua origine politica dal neologismo berlusconiano Emergenza Rom, coniato nel 2009. Da quel momento nella Capitale si sono succeduti 470 sgomberi, sono stati chiusi 10 grandi campi e sono stati spesi 60 milioni di euro. Dopo più di tre anni, e nonostante le proteste da parte delle associazioni che da sempre lavorano affianco dei Rom, siamo giunti ad un giro di boa. La Repubblica esce con un dossier on-line che inquadra il problema e ne evidenzia alcune problematiche, come:

1. l'esagerazione delle dimensioni del problema,

2. provvedimenti contrari al diritto internazionale,

3. mancato rispetto della volontà delle persone,

4. creazione di mega-campi incontrollati alla periferia della città.

Tale politica, come denunciano le associazioni di settore, fa oggi i conti con un alto prezzo in termini di integrazione, risorse mal spese, sicurezza e credibilità del nostro Paese in Europa sul tema dei diritti umani.

I dati sulla popolazione Rom a Roma fotografano però una situazione molto chiara: sono circa 7000 i Rom della città (lo 0,002% della popolazione della capitale) di cui il 50% di minori (il 35% non supera i 14 anni). Stiamo parlando di una popolazione estremamente giovane, formata per lo più di bambini. Non stupisce quindi che sono i bambini i più colpiti dal Piano Nomadi. I tanti sgomberi che hanno interessato la capitale hanno di fatto impedito a molti bambini di avere una continuità scolastica a spese di scolarizzazione ed integrazione.

Il Piano Nomadi ha poi pesato per 60 milioni di euro sulle casse dell'amministrazione comunale, anche se "con 35-40 milioni di euro", ha commentato Stasolla, presidente di 21 luglio, associazione nata per difendere i diritti dell'infanzia, "avremmo potuto dare casa a tutti i rom e sinti nei campi del nostro Paese. Ne avanzavano 15" conclude Stasolla "per dare case agli italiani". La Banca Mondiale ha dichiarato che "l'integrazione completa dei Rom potrebbe garantire un incremento di circa 0,5 miliardi all'anno per le economie di alcuni paesi" e in questo non è da escludersi l'Italia.

Molte persone continuano a legittimare gli atteggiamenti del Piano Nomadi con il luogo comune che, essendo nomadi, non hanno bisogno di un'abitazione fissa e le amministrazioni che si succedono non possono far altro che trovare soluzioni provvisorie in campi sempre meno attrezzati e sempre più lontani dalla città. Alcuni mettono avanti l'esperienza di persone che hanno subìto dei furti in casa da parte di Rom.

A questi due differenti livelli di pensiero ha provato a rispondere il Ministro per la Cooperazione Internazionale e l'Integrazione Andrea Riccardi parlando di "superamento dei campi rom". In effetti è un tòpos diffuso che i Rom siano nomadi. Oramai in Italia vi sono famiglie stanziali da più di tre generazioni. Detto questo potremmo aggiungere che il primo limite del Piano Nomadi sia proprio nella dizione: non si tratta affatto di nomadi. Ha affermato il Ministro: "io non credo che bisogna santificare il popolo Rom. Ma non si può criminalizzare un'intera comunità!". Il Ministro è convinto che "bisogna uscire da una logica di emergenza verso i Rom" e che bisogna "passare ad una logica di costruzione del futuro". Questo disegno non sarebbe nuovo per la città di Roma. La Capitale ha già vissuto periodi di emergenza abitativa ai quali ha saputo dare una risposta nel corso degli anni. Non tutti ricordano i baraccati del Mandrione o del Cinodromo; emigranti per la maggioranza del sud della Penisola in cerca di una vita migliore. Vivevano in abitazioni di fortuna, arrangiate a ridosso di un acquedotto o issate dalla lamiera. In condizioni miserevoli crescevano i propri figli e sognavano un futuro diverso per sé e le generazioni a venire. I piani di edilizia popolare degli ultimi decenni del '900 hanno provato a dare una risposta a queste persone. Ancora oggi, recandovi a Spinaceto nella periferia sud di Roma, è possibile che bambini e ragazzi di via Lorizzo chiamino ancora "il Mandrione" quella fascia di palazzoni popolari dove, oramai tre generazioni fa, sono stati trasferiti i loro parenti proprio da via del Mandrione, dove avevano issato un'abitazione di lamiera a ridosso dell'acquedotto Felice dopo essere fuggiti dalla miseria della loro provincia di provenienza.

Esiste un riscatto per tutti! Perché non può essere vero anche per i Rom, esigua minoranza nella nostra città?

Alla luce di questo, insieme al Ministro Riccardi possiamo affermare che "una delle più grandi battaglie per l'integrazione sia cambiare mentalità".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 12/11/2012 @ 09:13:30, in blog, visitato 988 volte)

Alexian Spinelli: "La cultura rimossa"
Intervista a un ambasciatore di una cultura millenaria, rispetto alla quale l'Occidente è in debito. Ma è come se non riuscisse a ricordarlo. Docente universitario, musicista e ambasciatore della cultura rom, Alexian Santino Spinelli ha ricevuto in questi giorni un importante riconoscimento. Ha presenziato all'inaugurazione a Berlino...

Mantova, dalla Strategia Nazionale alla Strategia Locale: partita l'annualità 2012
La Strategia Locale Men Sinti (Noi Sinti) nasce da una progettazione condivisa tra Provincia di Mantova, Associazione Sucar Drom, Fondazione Marcegaglia Onlus, ConsorzioProgetto Solidarietà, For.ma, Sol.Co Mantova, Caritas, Promoimpresa ed ha l'obiettivo di promuovere condizioni di migliore interazione sociale e lavorativa per i cittadini italiani, appartenenti alle minoranze linguistiche sinte e rom, e per i cittadini immigrati, appartenenti alla minoranza rom che abitano la provincia mantovana...

Il Giornale alimenta credenze infondate e visioni stereotipate
Nella homepage dell'edizione online del quotidiano Il Giornale, in data 30 ottobre è comparso un articolo intitolato: «Rom rapisce una bambina e spara all'eroe che la salva». Proseguendo nella lettura del resoconto dell'episodio di cronaca che ha visto coinvolti un aggressore e una signora che portava in braccio una bambina, al lettore vengono somministrate frasi dal seguente tenore: «la paura degli "zingari che portano via i bambini". Un timore che, se per certi versi può sembrare leggendario, per altri lo è molto meno. L'ombra mai dissipata del coinvolgimento dei rom c'è stata infatti in casi notissimi e finora mai risolti»...

Rom e Sinti, come costruire una strategia locale: l'esperienza di Mantova
Pubblichiamo le linee guida che ci hanno guidato nel costruire la Strategia locale "MenSinti", presentata alla stampa venerdì scorso con una conferenza stampa con i rappresentanti sinti e rom e tutti i partner coinvolti...

Mantova, occupato il Consiglio comunale

Martedì scorso la Comunità sinta mantovana, guidata dall'associazione Sucar Drom, ha occupato pacificamente il Consiglio comunale di Mantova per chiedere l'introduzione nel Piano di Governo dl Territorio (PGT), in discussione,...

Il Giornale e la scuola italiana del giornalismo xenofobo
Il Giornale ritorna sulla leggenda degli "zingari rapitori di bambini" con un pezzo da scuola italiana di quel giornalismo xenofobo e razzista (vedi questo caso) che vede appunto nel quotidiano diretto da Sallusti uno dei campioni in assoluto...

Chiari (BS), Nadia Cari presenta il suo libro di poesie
Questa sera sarà presentato il libro di poesie "note di Prima vera" della poetessa sinta Nadia Cari. L'evento, all'interno della manifestazioni "Il vento dello spirito, ripartiamo dall'uomo" si terrà oggi, venerdì 9 novembre...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/01/2020 @ 05:59:33
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1500 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source