Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 22/12/2011 @ 09:08:09, in media, visitato 1308 volte)

Tiscali: sociale

BOLOGNA – "Mi piace andare a trovare i Rom. Di solito non è un'esperienza piacevole, perché non scelgo mai le comunità più floride. Vado nelle cloache. Non per il gusto perverso della miseria, al contrario. Semplicemente perché in Europa ce ne sono troppe ed è giunto il momento di fare qualcosa. Sono posti in cui la miseria è allucinante. Mi viene da dire, fuori dal mondo. Sono posti fuori dal mondo". Queste paroole sono del fotografo Alain Keler, che ha attraversato l'Europa sulla sua Skoda per visitare i campi Rom di diversi Paesi, compresa l'Italia. Al suo ritorno ha raccontato le sue esperienze all'amico disegnatore Emmanuel Guibert che, insieme a Frédéric Lemercier, ne ha fatto un reportage a fumetti e fotografie uscito a puntate in Francia sulla rivista XXI e poi in Italia nel volume "Alain e i Rom" (Coconino Press). "Alain tornava dai suoi viaggi e me li raccontava – spiega Guibert – è un momento cruciale quello del ritorno, pieno di storie e aneddoti e del bisogno di raccontarli e, se non c'è una pubblicazione immediata, il calore si perde". E rispetto ai recenti fatti di cronaca, commenta: "Quello che è successo a Torino fa paura, ma non è un caso isolato, il mio amico Alain mi ha raccontato episodi simili accaduti in Repubblica Ceca, purtroppo l'odio cresce nelle situazioni di crisi". Ecco perché, continua, "dobbiamo parlare, non lasciare che le cose avvengano nel silenzio e mostrare gli esempi di persone che fanno qualcosa a livello locale: la risposta è qui".

Il libro "Alain e i Rom" si apre con una prefazione di don Luigi Ciotti, fondatore del gruppo Abele e di Libera, in cui si legge: "Le foto di Alain Keler ci aiutano a gettare luce su quella che spesso sentiamo etichettare come ‘emergenza', ma è invece una situazione ormai consolidata di degrado e marginalizzazione". I Rom, insomma, fanno "notizia" solo nel caso di eventi drammatici, come nel caso di Torino di qualche giorno fa, altrimenti nessuno si ricorda di loro e delle condizioni in cui vivono. Lo dimostra anche il caso del fotografo Alain Keler che ha girato il mondo, lavorando per le agenzie di stampa, ma quando ha smesso e ha deciso di occuparsi di ciò che lo interessava, non ha più venduto nemmeno una fotografia. Perché si tratta di soggetti difficili. "Ai quotidiani interessano i fatti drammatici – dice Guibert – mentre il ruolo delle riviste e dei libri è diverso, si prendono il tempo e lo spazio per raccontare le cose: è anche l'ambizione di questo libro, dare l'idea di un posto, delle persone che ci abitano, far sentire le loro voci, mostrare i loro volti". Conoscerli, in una parola. "Non abbiamo fatto altro che ripetere cose che tutti sanno – continua Guibert – che la maggior parte dei Rom non è più nomade e che, quando se ne va da un posto, è per l'impossibilità di viverci".

Il libro di Keler, Guibert e Lemercier ha anche questo pregio, di mostrarci i campi Rom a poca distanza dalle nostre case, alle periferie delle nostre città, di farci incontrare le persone che ci vivono e quelle che con loro lavorano per cambiare le cose. "Quando abbiamo iniziato a lavorare insieme, Alain aveva già fatto la maggior parte dei suoi viaggi, ma l'ho accompagnato a Parigi – racconta Guibert – e sono entrato in posti di cui conoscevo l'esistenza ma in cui non mi ero mai fermato, ho conosciuto le persone che ci vivono e i volontari che lavorano per cambiare la situazione". Tra loro c'è anche Ivan Akimov, slovacco che ha vissuto per molti anni in Francia e che, insieme alla moglie Helena, ha creato i Kesaj Tchavé, un gruppo di giovani musicisti, ballerini e cantanti Rom. Come racconta Alain Keler nel sesto capitolo del libro, ogni giorno, Ivan, insieme alla moglie Helena, fa il giro dei villaggi e delle baraccopoli di Kežmarok in Slovacchia per portarli a suonare e ballare. Grazie a Ivan Akimov, i Kesaj Tchavé hanno suonato anche in Francia, a Parigi. "Ho assistito a uno di quei concerti e fa un bene incredibile" dice Guibert.

Ivan è una di quelle persone che cercano di cambiare le cose. E racconta Guibert, "anche se il suo lavoro non durerà per sempre, almeno è riuscito a modificare la prospettiva del mondo esterno per quei ragazzi". Ma non è l'unico. Insieme a lui ci sono Jeanne, Colette, Antonio e altri di cui veniamo a conoscenza leggendo "Alain e i Rom". "Ho un'ammirazione senza limiti per loro – dice Guibert – Sono persone che non fanno un discorso convenzionale sui Rom, che parlano con voce franca senza nascondere i problemi, che, dopo generazioni di pregiudizi, violenza e sfiducia, cercano di cambiare la situazione, dedicando la loro vita, o solo una parte, a lavorare con queste persone". Ed è quello che ha fatto con i suoi reportage Alain Keler. "Alain ha deciso di raccontare come vivono i Rom d'Europa perché ha origini ebree e i suoi nonni sono morti nei campi di sterminio nazisti – spiega Guibert – Per questa ragione non può sopportare la discriminazione e il razzismo che colpisce i Rom: per lui è un dovere e anche io ho sentito di dovermi mettere a sua disposizione per far conoscere il lavoro paziente e segreto che fa, come si dice in Francia, contro il vento".

15 dicembre 2011 - di Redattore Sociale

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/12/2011 @ 09:30:13, in Europa, visitato 1381 volte)

Da Nordic_Roma

Rom frugano nei cassonetti della ricca Norvegia - AUDREY ANDERSEN - 7-12-2011

LETTERA DA OSLO: E' un freddo venerdì mattina d'autunno e già si sta formando una fila di persone fuori da Fattighuset (La Casa Povera) nel centro di Oslo. Si va dai ragazzini ai pensionati, e la coda finisce quando il centro di carità chiude le porte al pubblico alle 15.30.

Mentre la Norvegia è uno dei paesi più ricchi al mondo, le statistiche recenti mostrano che il 9,68% di chi vive ad Oslo viene definito povero.

In Norvegia circa 85.000 bambini vivono in povertà, ma è nella parte est di Oslo, la più etnicamente sfaccettata, che il fenomeno si concentra. Una famiglia di 3 componenti che vive con un reddito annuo di NOK 273.000 (€ 35.330) viene considerata sotto la soglia di povertà.

In un'altra parte della città, un altro gruppo si riunisce per affrontare la giornata. A Frogner Park, alcuni Rom sono rannicchiati su una panchina, mentre alcuni turisti giapponesi sono in posa davanti alle famose sculture Vigeland che delimitano il ponte principale.

Una Romnì di mezza età suona una pittoresca fisarmonica mentre passano i turisti. Altri del gruppo, attrezzati con grandi buste di plastica Ikea, iniziano il giornaliero rimestare nei bidoni, in cerca di bottiglie d'acqua e di birra che siano rimborsabili.

Frogner ospita alcuni tra i cittadini più ricchi. Mentre il reddito medio è in aumento, si allarga anche il divario tra ricchi e poveri. D'estate, diventò una sorta di rifugio per alcuni Rom che vivevano in un campo improvvisato, nascosto alla vista, in un bosco ai margini del parco. Tutto ciò che ora rimane è il guscio di una struttura in legno improvvisata. A luglio, come altri in città, il campo venne sgomberato dalle autorità comunali senza preavviso.

Per qualche periodo i problemi connessi con i Rom sono stati la produzione di birra, con annesse questioni legate all'igiene ed alla criminalità. L'argomento ha coinvolto tutto lo spettro politico, da ambo le parti. Sembra esserci consenso sul fatto che, pur essendo poveri, trattare con loro è più problematico rispetto agli altri gruppi.

Da un lato dello schieramento politico, sono visti come una minaccia sanitaria, principalmente perché non hanno accesso a docce e servizi igienici. Dall'altro, come vittime della xenofobia con i sostenitori dei diritti umani che chiedono tolleranza e compassione. Marianne Borgen, del partito socialista di sinistra (SV) e Kirkens Bymisjon, di un'associazione caritatevole ecclesiastica, vorrebbero che ai Rom venissero forniti servizi di base, come docce e servizi igienici.

D'altra parte, le autorità ritengono che offrire docce e servizi igienici sia una pericolosa seduzione che potrà aprire i cancelli all'arrivo di un maggiore numero di Rom.

Kari Helene Partapuoli, del Centro Antirazzista, è abituata a questo tipo di retorica ufficiale, usata spesso per discriminare i Rom. "Vogliono gestirli come nel resto d'Europa, come -spazzatura-, perché non ne arriva altra."

Ma sono stati i mezzi d'informazione a dipingere banchetti dei Rom a base di topi, cani e piccioni selvatici, cosa che ha fatto infuriare tanto la comunità rom che i suoi sostenitori.

La foto di un giornale ritrae i resti di un barbecue rom, con alcune ossa di animale che si diceva fossero quelle di un topo. Poi la notizia si rivelò infondata, e le ossa si rivelarono essere quelle di un pollo.

Il musicista zingaro Raya Bielenberg, da tempo residente a Oslo, ha reagito con rabbia alle speculazioni dei media: "Siamo un popolo con un orgoglio, e morire3mmo piuttosto che mangiare topi o cani," ha detto. "E se hanno il diritto di venire qua e mendicare, dovrebbero almeno avere un posto dove andare in bagno e lavarsi."

Concorda Kari Gran, portavoce della missione ecclesiale (Kirkens Bymisjon) di Oslo, e sente che la situazione sta arrivando ad un punto critico. Dice di incontrare ogni giorno i Rom a Bymisjon, dato che sono l'unica organizzazione che li aiuta attivamente

"Forniamo loro un posto dove incontrarsi, mangiare, usare i servizi igienici, oltre ad un servizio di consulenza," dice. "Ma non abbiamo docce o lavanderia."

Kirkens Bymisjon è il solo posto che si prende cura dei Rom, ma la sola carità non può fare molto.

Un problema è che i Rom, soprattutto dalla Romania, arrivando qui con visto turistico non possono beneficiare dell'assistenza sociale o di servizi come un posto dove dormire la notte, usufruire di docce o di lavanderia. Non possono equipararsi ai bisogni di altri gruppi emarginati.

Gran ed altri sono molto preoccupati per i Rom, particolarmente per l'avvicinarsi del rigido inverno. Alcuni Rom per l'occasione torneranno a casa, ma per molti la tetra prospettiva è di dover dormire all'aperto.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/12/2011 @ 09:00:46, in Italia, visitato 1128 volte)

Punto di vista interessante, quello presentato su GAY INDIPENDENT. Anche se la critica lì è più centrata sul dualismo uomo-donna, la domanda di fondo è: quanto può essere efficace scindere la lotta alla discriminazione tra antirazzismo da una parte e pari opportunità dall'altra?

Di Enzo Cucco - 15/12/2011

Lo scorso 13 dicembre il Governo ha assegnato ad Andrea Riccardi alcune funzioni di grande rilievo nell'ambito delle politiche sociali, tra cui quelle sulla famiglia, sulle tossicodipendenze e sull'UNAR, l'Ufficio nazionale contro le discriminazioni razziali, ed ha riconfermato ad Elsa Fornero le funzioni sulle pari opportunità.
Va ricordato che l'attuale Governo ha ridotto in modo molto consistente il numero dei Ministri (sia con portafoglio che senza), e tenendo presente la scadenza della legislatura, l'impressionante mole di lavoro e di responsabilità a carico di ciascuno e la oggettiva scarsità di funzioni assegnate ad alcuni dei Sottosegretari e Viceministri, una ridefinizione delle attribuzioni era necessaria.

Ma perché allontanare l'UNAR dalle pari opportunità?

Questa distinzione appare in controtendenza rispetto all'evoluzione che tutto questo ambito di politiche (ma anche di norme) ha subito e sta subendo in tutt'Europa. Come è noto l'Italia ha prodotto un corpo di norme significativo ed all'avanguardia nell'ambito delle pari opportunità tra uomo e donna, ma manca del tutto di una norma specifica per la lotta contro tutte le forme di discriminazione, oltre alle due leggi di recepimento delle direttive comunitarie del 2000. La carenza normativa e l'assenza di un soggetto terzo per l'intervento in materia di lotta alle discriminazioni sono stati per anni i motivi sia delle critiche europee che dell'assenza di una vera politica nazionale sulla materia. Di questa situazione era perfettamente consapevole sia il Ministro Carfagna che l'UNAR a cui dobbiamo riconoscere di aver fatto letteralmente dei miracoli per recuperare nell'ambito delle politiche e degli interventi concreti quello che sul piano normativo non poteva essere recuperato. Prima di tutto la facoltà di intervenire su tutte le sei aree di potenziale discriminazione previste dall'articolo 19 dei Trattato dell'Unione (genere, orientamento sessuale, età, disabilità, religione e credenze personali, origine etniche e nazionali) e non solo in materia di razzismo, come la missione iniziale prevedeva.

Unire l'UNAR al Ministero "della cooperazione internazionale e integrazione" sembra re-spingere queste politiche nell'alveo di quelle contro il razzismo, con la conseguenza che le pari opportunità tornano ad essere esclusivamente quelle "classiche" tra uomo e donna. E' così, o si tratta solo di un effetto ottico dovuto ad una redistribuzione di funzioni basata su logiche politiche e non su una razionale trattazione delle materie in oggetto?

Spero di essere smentito, magari anche solo leggendo il testo dei decreti di delega che ancora non si conoscono, e sono certo che la qualità del Ministro Riccardi e l'indiscussa consapevolezza e dedizione che l'UNAR ha dimostrato negli ultimi anni nel gestire una materia tanto incandescente, sapranno non solo dissipare ogni ombra ma anche far procedere l'Italia nella direzione di quelle riforme che in tutta Europa ormai sono concretezza da anni. Non ci sono ne i tempi né le condizioni politiche per intervenire sulla legislazione italiana in modo organico, ma molto si può fare sulle politiche e soprattutto si deve tentare di istituire quel soggetto indipendente dal Governo che, assorbendo l'UNAR e magari qualche altra istituzione di parità, sappia farci fare quel passo avanti di cui abbiamo bisogno.

Saprà il Governo marciare, diviso ma unito, su questo obiettivo? Saprà gestire l'oggettiva sovrapposizione di due Ministeri su una materia che, nella sostanza e per molti ambiti non solo sono sovrapponibili ma necessitano di integrazione?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/12/2011 @ 09:36:52, in Europa, visitato 1369 volte)

Osservatorio Balcani e Caucaso di Cristina Bezzi 15 dicembre 2011

Foto di Cristina Bezzi

Che impatto hanno i fenomeni migratori sui diritti dei bambini? In questo reportage Cristina Bezzi, antropologa, visita la Moldavia romena, una delle aree più povere della Romania e più colpita dall'emigrazione

Secondo le stime UNICEF sono 350.000 in Romania i bambini con uno o entrambi i genitori all'estero per lavoro. Mentre madri e padri sono in Italia, Spagna e Francia per contribuire ad un bilancio famigliare altrimenti impossibile, loro vengono accuditi da zii, nonni o altri parenti. A volte vivono praticamente soli, magari affidati a qualche vicino di casa.

Anche a seguito di recenti e drammatici fatti di cronaca al destino di questi "orfani bianchi", così vengono chiamati, si inizia a prestare sempre più attenzione. Ci siamo recati nella Moldavia romena - nordest della Romania, una regione tra le più povere del Paese e quindi più colpite dal fenomeno migratorio - accompagnati dai volontari dell'Albero della Vita, Onlus impegnata nella tutela e salvaguardia dei diritti dei bambini.

Il progetto children rights in action
Il progetto di ricerca finanziato dalla Commissione Europea "Children's rights in action. Improving children's rights in migration across Europe" è coordinato dalla fondazione L'albero della vita di Milano e vede come partner la fondazione ISMU, l'Università di Barcellona, la Fundaciò Institut de Reinserciò Social e l'associazione Alternative Sociale di Iaşi. Scopo del progetto analizzare le condizioni dei bambini romeni coinvolti nel processo migratorio familiare, in Romania, Italia, Spagna e sviluppare delle buone prassi per ridurre la loro condizione di vulnerabilità. Spesso i loro diritti fondamentali vengono violati sia nel paese di origine ma anche in quello di accoglienza a causa delle difficoltà d'integrazione nel nuovo sistema. L'importanza della ricerca appare evidente se si pensa che solo in Italia sono 105 mila i romeni iscritti alla scuola dell'obbligo e che molti si ricongiungono ai loro genitori solo dopo anni di distanza.
L'economia della zona è basata prevalentemente su un'agricoltura di sussistenza che, già fragile, è stata messa in ginocchio dalle alluvioni che nel 2008 hanno colpito l'intera area. Molti hanno dovuto considerare la migrazione, per poter far fronte ai bisogni familiari. E sono partiti per periodi più o meno lunghi, lasciando i figlia a casa.

Liteni: vivere a ritmo del passato, abitare nelle case del futuro
Parto dall'affollata autostazione di Iaşi, principale città della Moldova romena, alle 6.30 del mattino con il minibus che ogni mattina accompagna gli insegnanti della scuola media ed elementare del paese al lavoro. Trascorso un primo pezzo di superstrada svoltiamo su una strada bianca che ci porta dalla veloce e moderna città a Liteni, paesino a circa 50 chilometri da Iaşi dove il 30% dei 2.200 abitanti lavora all'estero. "In realtà sono molti di più", spiega il sindaco, Petraş Constantin, perché molti continuano a rimanere registrati all'anagrafe pur non vivendo più nel paese".

Qui il ritmo è ancora scandito dalle stagioni e al posto delle macchine che hanno oramai invaso la città, la gente si sposta utilizzando carretti di legno trainati da cavalli. Tutt'intorno distese di campi in passato coltivati da un'azienda agricola di stato, restituiti poi negli anni '90 ai vecchi proprietari. L'attività agricola è la principale occupazione delle persone che vivono nel paesino di Liteni; in questo periodo uomini, donne, vecchi e bambini sono impegnati nella raccolta del mais e il paese, nelle prime ore del pomeriggio, è attraversato da carri carichi di pannocchie seguiti da intere famiglie che tornano verso casa.

E' proprio l'immagine di un cavallo che rimane bloccato dal peso esagerato del carro davanti al cancello di un'enorme e moderna villa in costruzione che mette in risalto la doppia identità del luogo.

La vita del villaggio procede con il suo antico ritmo di campi arati dal cavallo, giornate che iniziano con il sorgere del sole e terminano con il suo tramonto, ma accanto alla strada bianca e polverosa si innalzano case modernissime quasi tutte non intonacate, che stanno sostituendo le piccole abitazioni tradizionali dai caldi colori pastello.

Dietro ad ogni casa nuova o in costruzione c'è una storia di migrazione. Lo stile delle costruzioni spesso racconta anche la storia di quella migrazione, come osserva Gheorghe Moga, direttore della scuola del paese: "Se osservi le caratteristiche delle case puoi capire anche dove le persone sono emigrate". Da Liteni le persone si sono dirette principalmente in Italia, Spagna, Francia e in misura minore in Germania.

La maestra
Entriamo nella prima elementare con la maestra Ileana, i bambini le si fanno attorno e la stringono forte in abbracci. "Manifestano così la loro carenza affettiva", mi spiega. Ileana chiede quanti di loro hanno un genitore all’estero, più della metà dei circa venticinque bambini alza la mano, la maggior parte ha la mamma lontana; nel villaggio questa è la normalità.

Ileana stessa è tornata in paese solo per alcuni mesi, in realtà lavora in Italia già da due anni e a breve ritornerà lì per accudire una persona anziana. "Nel 2009 c'è stato un' ulteriore riduzione degli stipendi per coloro che lavorano nel pubblico, tutti gli stipendi sono stati ridotti del 25%, se prima prendevo circa 300 euro dopo il 2009 lo stipendio è arrivato a 250. Ho una figlia che sta studiando a Iaşi al liceo, solo per il vitto e l'alloggio devo pagare 100 euro al mese più tutte le altre spese. Mio marito lavora la terra, non ha un salario fisso e trovare lavoro qui è molto difficile. Semplicemente se io non fossi partita non ce l'avremmo fatta".



Cerco un posto dove potermi risciacquare le mani. Maria, una ragazza di 14 anni, mi sorride e si offre di aiutarmi. Mi guida verso il pozzo azzurro proprio di fronte alla scuola; il villaggio infatti non è dotato di acqua corrente. Maria stringe forte la catenella del secchio alla corda e con movimenti decisi inizia a calare. Maria è molto curata e sembra essere serena nonostante l'assenza del padre e la distanza della madre partita per lavorare in Italia quando lei aveva otto anni. Vive con gli zii e i cugini, sembra capire i motivi per cui la madre è lontana, ma parlando con lei hai l'impressione di rivolgerti ad un' adulta responsabile più che ad un'adolescente.

Quando la crisi fa migrare le donne
Spesso sono le mamme a partire perché in questo periodo è più facile per una donna trovare lavoro. Dopo l'entrata della Romania nell'Unione Europea (2007), il flusso migratorio femminile è andato aumentando, mentre in seguito alla crisi economica sono stati molti gli uomini a rimanere senza lavoro e a tornare in Romania. A Liteni ci sono diverse donne che lavorano principalmente in Spagna ma anche nel sud Italia. Maria parte per circa 3-4 mesi all'anno, non vuole prolungare di più la sua assenza perché ha due bambini di 7 e 9 anni. Suo marito aveva lavorato per un periodo in Germania ma negli ultimi anni non è più riuscito a trovare lavoro.

Come lui anche Vasile, un 42 enne di Liteni, e rientrato dopo aver perso il lavoro all'estero. Ha lavorato come manovale a Torino per ben 7 anni, ma ultimamente faceva fatica a trovare lavoro ed inoltre spesso i datori di lavoro non lo pagavano: "Succede spesso, lavori per mesi e poi il datore non ti paga e quindi alla fine ho cercato un posto per mia moglie come badante. Adesso lei è lì".

Vasile e la moglie hanno quattro figlie: sei, otto, dieci e quattordici anni. Attualmente è lui a prendersene cura; ha dato la sua terra in affitto per poter seguire le figlie e le faccende di casa. A breve però desidera tornare a Torino dove spera di trovare nuovamente lavoro e lascerà le figlie in custodia alla sorella.

La sua idea è quella un giorno di rientrare definitivamente in Romania, ma non riesce ad immaginare quando: "Fino a quando le figlie non saranno grandi saremo costretti a lavorare all’estero. Qui la gente vive di ciò che produce la terra, non ci sono posti di lavoro, sarebbe necessario andare in città ma anche lì è difficile e un salario medio, di circa 250 euro, non è comunque sufficiente a far sopravvivere una famiglia". Vasile alza lo sguardo e mi mostra con orgoglio la casa che stanno costruendo attraverso le rimesse, anche se non è finita a breve potrà trasferirsi lì a vivere con le figlie. In lontananza la sua casa non intonacata si confonde con le pareti grige di numerose altre case. Ma sarà possibile per gli abitanti di Liteni tornare un giorno a vivere stabilmente nel loro paese?

Ancora bambini con la "chiave al collo"?
Come spiega lo psicologo Catalin Luca, direttore dell'associazione Alternativa sociale, la prima in Romania ad occuparsi dei bambini soli a casa, il fenomeno non è nuovo in Romania: "Durante il comunismo ci sono state diverse generazioni di bambini che sono cresciuti da soli, poiché ambedue i genitori lavoravano tutto il giorno. Questi bambini sono conosciuti come la generazione dei "bambini con la chiave al collo", perché passavano le giornate davanti al block con la chiave di casa appesa al collo, in attesa che i genitori rientrassero. Questa stessa generazione è quella che oggi emigra e lascia i figli a casa pensando che, così come è stato per loro in passato, il compito del genitore sia quello di sostenere i figli da un punto di vista materiale, proprio perché anche loro sono stati abituati alla distanza emotiva e a volte anche fisica dai genitori".



L'Associazione Alternative Sociale di Iaşi ha iniziato ad occuparsi di questo fenomeno impegnandosi attraverso campagne di sensibilizzazione e di informazione per i genitori, attività di prevenzione e counseling per i minori e proposte di legge per la tutela dei minori rimasti soli a casa.

Catalin Luca ha recentemente concluso la sua ricerca di dottorato in cui ha indagato le conseguenze causate dalla lontananza dei genitori, utilizzando un approccio che tiene in considerazione il punto di vista del bambino: "Dal loro punto di vista non sono le cose materiali di cui hanno bisogno ma la presenza dei genitori, la possibilità di discutere con loro. Spesso i bambini non vengono coinvolti nella decisione dei genitori di partire; la loro impressione è che non possono chiedere aiuto a nessuno per risolvere i loro problemi".

Drammatiche conseguenze
I bambini vengono accuditi dal genitore rimasto o da una zia, altre volte dai nonni, nei casi più gravi da un vicino o da un fratello maggiore. La mancanza di supervisione da parte dei genitori spesso pregiudica lo stato di salute del minore che tende a non nutrirsi regolarmente, peggiora l'apprendimento scolastico e può determinare soprattutto tra gli adolescenti la frequentazione di entourage negativi. Dal punto di vista psicologico le conseguenze possono andare da una disposizione alla depressione fino ad arrivare nei casi più estremi al suicidio.

Lo scorso settembre ad Arad, Romania occidentale, è morta Monica, una bambina di dieci anni che a causa della nostalgia della madre, che lavora in Spagna, ha smesso di alimentarsi fino a che i suoi organi non hanno più retto.

Il caso di Monica, ha creato un grande scandalo. La madre è stata demonizzata assieme a tutte le madri che partono "senza preoccuparsi abbastanza dei loro figli". Davanti a questo caso anche i politici hanno mostrato un cenno d'interesse tanto che il parlamentare Petru Callian ha proposto un disegno di legge che prevede una multa per i genitori che lasciano il Paese senza aver affidato i figli ad un legale rappresentante.

Come spiega Alex Gulei, assistente sociale di Alternativa Sociale, in Romania esiste già una legge che obbliga i genitori a nominare un tutore legale prima di partire per l'estero, ma poiché non è prevista nessuna sanzione, quasi nessuno si preoccupa di farlo.

E' il caso di Nicu un ragazzino di nove anni, che partecipa al programma del centro diurno Don Bosco della Caritas di Iaşi. La mamma è partita per l'Italia quattro anni fa e quindi vive con la nonna settantenne e la sorellina di sei anni. Da anni Nicu dovrebbe sostenere un'operazione chirurgica molto delicata, ma non può farlo perché per questo sarebbe necessaria la firma della madre che è la legale rappresentante del figlio, ma che è da anni che non si mette in contatto con loro. La nonna sta pensando di far togliere per abbandono la rappresentanza legale alla madre per ottenerla lei, cosicché il piccolo Nicu possa essere operato, la sua paura è però che non le restino molti anni di vita e che se lei morisse il nipotino sarebbe affidato ai servizi sociali.

Le conseguenze psicologiche ed emotive della privazione dell'affetto materno e paterno sono un prezzo altissimo pagato dai minori romeni le cui famiglie sono coinvolte nel processo migratorio. Purtroppo spesso anche per chi segue i genitori nel Paese di accoglienza il processo di adattamento è lungo e non sempre facile. In molti casi tra l'altro accade che il minore rientri in patria con o senza la famiglia subendo un ulteriore fase di adattamento.

La tutela dei diritti dei minori coinvolti in processi di migrazione è complessa e non può che passare attraverso un approccio che coniughi il livello locale a quello nazionale ed europeo. Un primo passo in questa direzione è l'analisi delle loro condizioni di vita e l'individuazione di buone prassi per ridurre la loro vulnerabilità.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 



Dopo i recenti avvenimenti che hanno coinvolto i Rom che abitano nella Cascina Continassa di Torino, occorre aiutare e supportare in questo tragico momento le famiglie che hanno perso l'unica casa che conoscevano.

Superata la prima emergenza, è prioritario ridare dignità e speranza a uomini, donne e bambini che, in pochi istanti, hanno visto andare a fuoco tutta la loro vita e che ora si trovano ad affrontare il freddo e la disperazione di non avere più niente.

Di grande aiuto sono stati, in questi primi giorni, coloro che hanno portato la loro solidarietà e che hanno contribuito a migliorare le condizioni materiali in cui si sono ritrovate a sopravvivere le vittime dell'attacco razzista: le associazioni di volontariato, le autorità politiche e religiose, i funzionari pubblici e, soprattutto, i tantissimi cittadini fra i quali molti residenti nel quartiere da cui si è mosso il corteo che ha assaltato il campo nomadi.

Adesso è però necessario dare un indirizzo alla spontanea solidarietà dei tanti che ancora vorrebbero manifestare concretamente la loro solidarietà.

Le famiglie rimaste nella cascina hanno una enorme, principale, necessità:

un'ABITAZIONE VERA nella quale poter vivere dignitosamente.

Per questo motivo facciamo un appello ai cittadini, alle associazioni, agli enti religiosi e alle istituzioni affinché si adoperino per l'unica vera soluzione alla gran parte dei problemi innescati dalla presenza di campi nomadi nelle città: un'abitazione per le poche famiglie costrette a restare nel luogo in cui sono state aggredite e messe in pericolo di vita.

Si tratta di 3 famiglie, 7 persone in tutto, quelle che hanno finora trovato il coraggio di rivolgersi alla Magistratura per ottenere quella giustizia che gli aggressori hanno tentato d'oltraggiare durante il linciaggio.

Chi vuole dare il suo sostegno può:

  1. mettere a disposizione locali per l'ospitalità delle famiglie;
  2. offrire un lavoro;
  3. versare un contributo economico al Centro Studi Sereno Regis di Torino specificando la causale AIUTO FAMIGLIE ROM INCENDIO CONTINASSA:
  • con bonifico sul conto corrente postale 23135106 intestato a Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi 13 – 10122 Torino - IBAN IT 67 G 076 0101 0000 0002 3135 106
  • con vaglia postale
  • in contanti presso la segreteria del Centro Studi (sarà rilasciata ricevuta)

I fondi raccolti saranno consegnati direttamente alle famiglie per provvedere alle necessità materiali e alle spese per le abitazioni che speriamo di poter reperire. Sarà data completa trasparenza alla gestione dei contributi.

FEDERAZIONE ROMANI'
Via Altavilla Irpina n. 34 – 00177 Roma - fax +39.0664829795
http://federazioneromani.wordpress.com
federazioneromani@libero.it

IDEA ROM ONLUS
c/o Centro Studi Sereno Regis
Via Garibaldi 13 - 10122 Torino - fax +39.01182731123
www.idearom.it  - Fb IdeaRom
idea.rom@gmail.com

CENTRO STUDI SERENO REGIS
Via Garibaldi 13 - 10122 Torino - tel +39.011532824 +39.011549005 - fax +39.0115158000
http://serenoregis.org/
info@serenoregis.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/12/2011 @ 09:49:15, in Regole, visitato 1128 volte)

15 Dicembre 2011
Spett. le Procura della Repubblica di Torino,
Egregi dott. Caselli, dott. Bornia e dott.ssa Longo,

Il Centro Europeo per i Diritti dei Rom (ERRC)1, la Federazione Romanì2 e Idea Rom Onlus (Idea Rom)3 Vi scrivono per esprimere preoccupazione per il violento attacco incendiario del campo Rom, avvenuto a Torino lo scorso 10 Dicembre.

Secondo quanto riportato all'ERRC dai nostri partner locali, centinaia di persone hanno fatto incursione nel campo informale di via Continassa e hanno dato fuoco a baracche, camper e macchine. L'attacco è stato scatenato dall'accusa di stupro rivolta a due Rom. Successivamente la presunta vittima ha dichiarato di non essere stata violentata. L'intero campo è andato distrutto inclusi le case e i beni di proprietà di 46 Rom che vivevano li. Testimoni dicono che alcuni manifesti affissi prima dell'attacco incitavano i residenti a 'ripulire' l'area dai Rom. Mass media e testimoni confermano che un pubblico ufficiale, il presidente della V circoscrizione era presente alla manifestazione che ha preceduto la violenza4.

L'ERRC, la Federazione Romanì e Idea Rom chiedono alle forze dell'ordine e alla Procura della Repubblica di Torino di investigare immediatamente ed imparzialmente e di considerare la connotazione razziale dell'atto.

Le vittime dell'attacco sono membri della minoranza Rom e date le circostanze è possibile che si sia trattato di un atto di matrice razzista o di un crimine d'odio. Dunque, l'indagine dell'incidente e il perseguimento dei colpevoli riguarda la protezione dei diritti umani, sia degli individui che della comunità Rom. L'investigazione e la risoluzione del caso renderà giustizia alle vittime sulla base di quanto stabilito dall'articolo 13 della Convezione Europea per la Salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà
Fondamentali secondo cui ogni persona i cui diritti e le cui libertà riconosciuti dalla Convenzione (inclusi il diritto alla libertà e alla sicurezza e il divieto di tortura) sono stati violati, ha diritto a un ricorso effettivo davanti ad un'istanza nazionale.

Data l'importanza dell'incidente di cui sopra, le organizzazioni firmatarie della presente lettera, in accordo con la legge italiana per l'accesso agli atti amministrativi5, chiedono gentilmente ai Vostri uffici di provvedere per iscritto le seguenti informazioni:

  • E' stata aperta un'indagine per tale incidente e quali misure investigative sono state adottate dal Vostro ufficio al fine di identificare i colpevoli?
  • Quali misure saranno prese dai Vostri uffici per accertare le responsabilità e dare piena
    protezione alle vittime?
  • Oltre le due persone identificate subito dopo l'attacco, sono stati individuati altri individui
    sospetti che hanno organizzato o partecipato all'incidente?
  •  Qualcuno è stato accusato per questo incidente e quali accuse sono mosse contro di loro?

Rimaniamo in attesa di una Vostra risposta e Vi ringraziamo per gli sforzi compiuti nel condurre una giusta e rapida indagine del caso.

Distinti saluti,

Dezideriu Gergely  Direttore esecutivo European Roma Rights Centre
Nazzareno Guarnieri Rappresentante Legale Federazione Romanì
Snezana Vuletic Rappresentante Legale Idea Rom Onlus


1 Il Centro Europeo per I Diritti dei Rom (ERRC) è un'organizzazione giuridica internazionale di interesse pubblico impegnata in una serie di attività volte a combattere il razzismo contro Rom e Sinti e l'abuso dei diritti umani attraverso contenziosi strategici nell'ambito del diritto, ricerca e sviluppo di politiche, advocacy e formazione di attivisti Rom e Sinti.

2 La Federazione Romanì è una federazione nazionale formata da 18 organizzazioni Rom e da attivisti e singoli aderenti di tutta Italia. La mission della Federazione è l'auto-determinazione della popolazione Romanì attraverso la promozione di una rappresentatività qualificata delle comunità Rom

3 Idea Rom Onlus è una ONG formata da donne Rom basata a Torino. Essa promuove la diretta rappresentanza dei Rom ed è membro della Federazione Romanì.

4 Vedere: http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/434502/

5 Il diritto all'accesso agli atti amministrativi nella l. 241/1990 e nel DPR184/2006

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/12/2011 @ 09:16:34, in Italia, visitato 1192 volte)

Richiesta intervento urgente per emergenza umanitaria campo Rom Via Idro

Dedichiamo molto del nostro tempo all'impegno civile e sociale e al miglioramento della qualità della vita nei quartieri di Crescenzago Adriano Gobba, sia a titolo personale che in qualità di rappresentanti di associazioni e comitati.
Con la presente, denunciamo che la situazione del Campo Rom di Via Idro si è aggravata a tal punto da raggiungere un vero e proprio livello di emergenza umanitaria.
Giorno dopo giorno, le condizioni del campo peggiorano in modo allarmante: manca la corrente elettrica da mesi, i frigoriferi non possono funzionare, le fogne straripano, la strada si allaga. Le persone vivono al freddo. La salute è seriamente a rischio. Le prime vittime sono i bambini e gli anziani, i più deboli ed indifesi.
I responsabili dell'amministrazione comunale sono informati, ma inspiegabilmente non provvedono.

Per i Rom Harvati, cittadini italiani che risiedono da oltre 30 anni in Via Idro, si sono ulteriormente ridotte le possibilità di lavorare non solo per la crisi generale, ma soprattutto perché sono vittime - come altri nomadi e minoranze etniche - di politiche centrali e locali di discriminazione ed ingiustizia sociale.
Infatti la sentenza del Consiglio di Stato del 16 novembre 2011 ha cancellato il Piano Maroni che prevedeva, oltre a misure lesive della dignità delle persone, il finanziamento di un campo di transito in Via Idro e la chiusura entro il 31 dicembre 2011 di quello attuale, regolare e storico.

Si vuole da parte anche della nuova amministrazione di Milano insistere sul campo di transito in Via Idro, rifiutato sia dalla comunità rom sia da cittadini, comitati, associazioni, partiti e dal Consiglio di zona 2?
Perchè non si provvede con urgenza a garantire agli abitanti il ripristino delle condizioni di vita umane e ad approntare un piano di riqualificazione da inserire in un progetto di valorizzazione del patrimonio ambientale (Lambro, Martesana, costituendo Parco della Media Valle del Lambro) e della comunità rom, i cui membri già nel passato hanno dimostrato di potere mettere a disposizione esperienza e competenza (cooperative per la cura del verde e di lavori diversi)?

Nel ribadire la richiesta ai destinatari della presente ad intervenire tempestivamente per ripristinare le condizioni di vita normali e rispettose della dignità e della salute delle persone che vivono nel villaggio di via Idro, confermiamo la nostra disponibilità a farci promotori di un progetto generale di riqualificazione e valorizzazione dell'intera area allo scopo di migliorare la qualità ambientale e urbana e le relazioni tra i rom e gli abitanti dei quartieri interessati.
I bambini di Via Idro si stanno ammalando. Fate presto, prima che sia troppo tardi!

In attesa di un positivo riscontro, i migliori saluti.

Carlo Bonaconsa, Comitato Vivere Zona 2
Fabrizio Casavola, redazione di Mahalla
Laura Coletta, Associazione "Elementare Russo"
Gabriella Conedera, Scuola Elementare di via Russo
Cesare Moreschi, Comitato Vivere Zona 2
Giuseppe Natale, Anpi Crescenzago
Antonio Piazzi, Anpi Crescenzago
Paolo Pinardi, Martesanadue

Lettera aperta a:
- Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia
- Assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino
- Assessore alla Sicurezza e coesione sociale, Marco Granelli
- Presidente del Consiglio di Zona 2, Mario Villa


QUI invece trovate la lettera scritta al sindaco dalla scuola elementare Russo


Nel frattempo, ricevo da Alberto Ciullini:

Strage, stragi, ed emergenze umanitarie nell'indifferenza

Questo l'intervento che a nome del gruppo di SEL ho letto ieri sera in Consiglio di Zona 2.

Presidente, consiglieri,

avremmo voluto intervenire perché questi giorni sono giorni particolari: le date che vanno dal 12 al 15 dicembre, sono giorni densi di significato per Milano, la sua storia ma anche per la storia e la coscienza di tutto il Paese. Sono i giorni in cui è indispensabile fermarsi e ricordare uno degli eventi che hanno caratterizzato la storia recente del questo Paese: una strage, la strage di piazza Fontana, con cui 42 anni fa si avviava la strategia della tensione e delle stragi di Stato. Bene ha fatto il Consiglio comunale a riunirsi in seduta straordinaria per commemorare le 17 vittime innocenti e a proporre l’istituzione della Giornata della memoria cittadina per "conservare una viva memoria del nostro passato, soprattutto a vantaggio di quanti non erano presenti: un segno di grande maturità democratica, che permette di offrire alle giovani generazioni la possibilità di conoscere ciò che accadde e di partecipare in maniera responsabile alla diffusione di una coscienza civile". Una strage, 17 vittime e 88 feriti cui vanno aggiunti Giuseppe Pinelli, la 18° vittima innocente come ha detto giustamente il Presidente Napolitano, e gli ulteriori tre feriti: Licia Pinelli e le sue due figlie. Una strage rimasta giuridicamente impunita, costituendo uno schiaffo vergognoso alla memoria di quelle vittime e al dolore dei loro famigliari, ma non senza colpevoli: perché la verità storica su quella strage e su quelle che ahinoi si susseguirono negli anni successivi è ormai acclarata e certa: manovalanza neofascista e regia degli apparati deviati dello Stato.

Di questo avremmo voluto parlare e ricordare. Ma la cronaca degli ultimi giorni ci ha purtroppo portato all’attenzione fatti di una gravità inaudita per un paese che vuole essere democratico e civile. Prima a Torino e poi a Firenze due episodi apparentemente diversi ma uniti dallo stesso filo conduttore: l’intolleranza verso il "diverso".

A Torino abbiamo assistito a quello che molti osservatori hanno giustamente definito un pogrom, che non è sfociato in tragedia solo per fortuna e casualità. La caccia al Rom perché non può che essere il Rom a commettere certi atti, non importa se addirittura inventati: la caccia al Rom è "a prescindere".

A Firenze la strage c’è stata, due morti e un ferito gravissimo, anche per il ritardo, dobbiamo dirlo, con cui il criminale è stato intercettato. Un cittadino italiano, bianco, ha sparato uccidendo due senegalesi e ferendone molto gravemente un terzo. Non soddisfatto dopo due ore circa ha riaperto il fuoco contro altri cittadini senegalesi per poi spararsi suicidandosi. Ora qualcuno tenta maldestramente di derubricare il fatto a pura follia, ma sappiamo invece che se di follia si tratta, stiamo parlando di lucida follia xenofoba, razzista, neo-nazista. Del resto agli ambienti che si rifanno e ispirano a queste reiette ideologie il criminale senza alcun dubbio apparteneva.

Due episodi apparentemente diversi, lontani, separati ma che trovano ahimè un comune denominatore: quel mix di ignoranza e sottocultura, che negli ultimi venti anni è stato coltivato, coccolato, aizzato, alimentato con cinica e fredda volontà da tutti quelli che hanno parlato e parlano di invasione, calata dei barbari, supremazia culturale, pulizia etnica ecc.

Due episodi che ci devono far riflettere per fare in modo che il terreno di coltura di queste folli ideologie non venga alimentato anche solo dalla fatica, dalla ignavia, dalla pigrizia che ci possono anche involontariamente cogliere.

E allora dobbiamo evitare che nel nostro territorio, quello della nostra zona, si consumi un’emergenza umanitaria nell’indifferenza dei cittadini e delle istituzioni, solo perché stiamo parlando degli ultimi fra gli ultimi. Stiamo parlando del campo di via Idro, nel quartiere di Crescenzago. Il campo, giorno dopo giorno, si sta sempre più degradando: manca la corrente elettrica da mesi, gli abitanti del campo vivono al freddo, non funzionano i frigoriferi, le fogne straripano, la strada si allaga, mancano il lavoro e una prospettiva per il futuro.

E le vittime sono prima di tutto i bambini, le donne, gli anziani, i soggetti più deboli e indifesi.

I rom che abitano in Via Idro vi risiedono da anni, sono cittadini italiani e hanno il diritto come tutti che venga trovata assieme una soluzione dignitosa, sia per quelli che intendono trovare altrove una sistemazione sia per quelli che ci vogliono rimanere.

Questa grave e insostenibile situazione ci viene segnalata dai cittadini del campo ma anche dalle associazioni, dai gruppi, dalle organizzazioni, dai partiti e dai semplici cittadini che negli ultimi anni hanno cercato di trovare concordemente strade e percorsi per uscire dalla perenne precarietà ed emergenza.

Chiediamo che si intervenga subito perché lasciare abbandonata al degrado una struttura che, ricordiamolo, è di proprietà comunale, può solo favorire l’instaurarsi di fenomeni e derive pericolose e rischiose, come purtroppo le cronache di questi giorni ci dimostrano. Non governare le situazioni di difficoltà e criticità è il miglior modo per farle degenerare con il fondato rischio di non controllarle più.

In questo momento non ci interessa neppure, paradossalmente, ragionare sulla sentenza del Consiglio di Stato che ha dichiarato illegittimo il decreto "emergenza nomadi" e i successivi decreti attuativi che hanno determinato per migliaia di nomadi l’esposizione a gravi violazioni dei diritti umani, come denunciato da organismi regionali e internazionali negli ultimi anni e da un recentissimo documento redatto da Amnesty International. Non ci interessa ragionare ora come affrontare definitivamente la questione, anche se è indispensabile e non prorogabile una di discussione serena e seria su questo tema.

Oggi chiediamo "solo" che si intervenga subito a garantire condizioni di vita civili, trovando una soluzione rapida almeno alla fornitura della corrente elettrica! Perché vorremmo essere convinti di vivere ancora in una città civile dove non devono passare 6 mesi perché si riesca ad attivare un’utenza elettrica.

Gruppo SEL in Consiglio di Zona 2

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/12/2011 @ 09:14:50, in media, visitato 1822 volte)

Filippo Facci come scrivevo più di un anno fa, è uno scribacchino atipico: voltagabbana, a tratti servile, e con un ego sovradimensionato, ma ammettevo che quando scrive del tormentato rapporto tra rom, popolazioni autoctone e razzismo lo fa con una lucidità rara.

Un suo nuovo scritto pubblicato da Il Post mi conferma questa impressione, e vi invito a leggerlo con attenzione.

Ma qua, partono i necessari distinguo:

  • Neanche a me piace l'abitudine, tutta italiana, di schierarsi per forza tra guelfi e ghibellini. Però... se nell'arco di pochi giorni le piccole, quotidiane violenze che segnano il NOSTRO rapporto con chi percepiamo come straniero, hanno due picchi violenti come quelli di Torino e Firenze, è doveroso interrogarsi sulle cause politiche di quel titolo: Siamo razzisti? Sì. I vari Berlusconi, Borghezio e compagnia, avranno pure delle responsabilità nel cambiamento antropologico in senso razzista dell'Italia. Provo a spiegarmi meglio: il razzismo non può essere una scusa per giustificare le colpe di chi ha avuto ruoli di responsabilità negli ultimi decenni, casomai ne è una delle cause.
  • Non si tratta del gesto di un folle: che sia un corteo di incendiari (come a Torino, a Ponticelli, a Opera), o si tratti di responsabilità singole (Carreri a Firenzi, Breivik a Oslo). Si è formato in tutta Europa un quadro che giustifica la follia, la noia, il bisogno di distinguersi, ad esprimersi in atti violenti verso determinate categorie, guardacaso Rom, Sinti, stranieri, portatori di handicap.
  • Facci scrive "la ragazzetta di Torino è una mitomane che sconfina nel cretinismo: il contesto disegnatelo voi." Chi reggeva le torce accese, chi minacciava i giornalisti a Torino, gente matura magari, faceva parte dello stesso contesto di quella ragazzina. Per comodità li classifichiamo come mostri, ma i mostri veri sono la camorra, che per liberare un'area edilizia appetibile ha mandato in riformatorio senza prove una ragazza madre, e dato fuoco a rifugi di poveracci. Mostro è chi a Opera aizzò la folla già scalmanata di suo, e l'anno dopo incassò la carica di sindaco.
  • Essere zingari è un'aggravante? Ho paura di sì. Facci ha il coraggio di ricordare come l'immagine della zingara rapitrice di bambini sia una colossale bufala storica. Se di coraggio di uno scrittore vogliamo parlare, in fondo non gli costa niente, ma di sicuro non è una posizione comoda per chi si rivolge a lettori di destra.
  • Smontato uno stereotipo, però ricade (preso dal suo eccesso di realismo) in un altro: quello dello zingaro ladro. Si dimentica che di ladri in circolazione abbiamo un vasto campionario, e che senza scomodare i suoi compari di casta/classe (non di schieramento, il fenomeno riguarda tanto destra che sinistra), c'è chi lo fa in maniera più o meno furba. Sfugge a Facci, come a tanti altri, che non è l'etnia, ma la condizione di vita. Nel comodo delle nostre case con porte blindate ed antifurto, siamo pronti ad idealizzare la Palestina, l'Egitto, il Sud Africa o la Colombia... un giro in quegli slum ci mostrerebbe un'umanità dolente e piene di speranze che ruba, figlia, si ammala e muore con percentuali del tutto simili ai Rom e Sinti nostrani. Ma senza andare nel "terzo mondo", un giro in qualche quartiere USA del "primo mondo" restituirebbe la medesima realtà. Ma quelli, sono i poveri lontani, i loro odori e le loro grida diventano innocuo esotismo.
  • Allora, quello che scandalizza il benpensante, di destra e di sinistra, non è il furto, ma la sua necessità (che deve anche essere prossima, altrimenti non se ne accorge). Perché tutti amiamo crederci buoni, democratici, autosufficienti. Ma il pensionato beccato al supermercato con due scatolette di tonno nascoste nella giacca, ci porta la miseria allo specchio, chi ruba per fame in un mondo di prosperità lo fa perché ha sua volta è stato deprivato (derubato) dei valori occidentali di vita, compreso il pieno accesso ad istruzione, casa, lavoro, sanità. Invece, fiduciosi nel NOSTRO progresso, non solo vogliamo essere ricchi, ma pure amati dai poveri, perché così la NOSTRA coscienza (di classe?) non ci pone domande scomode. Paradossalmente, diventiamo cattivi quando questo ci è negato.
  • Facci cita il Porrajmos, un olocausto dimenticato e tutto particolare. Lo fa, sapendo quanto la nostra sia una bontà di facciata, per cui VOGLIAMO DIMENTICARE i nostri antenati che fecero del Porrajmos, della Shoa, ma anche dei massacri in Africa e nelle Americhe: non un isolato episodio di razzismo, ma un sistema pianificato di arricchimento, sterminio e terrore. Ci stupiamo che qualcuno sia sopravvissuto, emigri perché non abbia più di che vivere e soprattutto abbia l'ardire di presentare il conto. Cosa che possono fare gli Israeliani, forti di uno stato e di un esercito mica male, non i Rom e Sinti che vivono tuttora in eterno dopoguerra. E allora, dagli allo zingaro!
  • VOGLIAMO DIMENTICARE, e l'abbiamo fatto, come eravamo nel dopoguerra o quando si emigrava, perché nuovamente ci vergogniamo della povertà. Razzismo ha tanti significati e radici, questo è quello attuale. Ma ricorda un articolo del Corriere (uscito in concomitanza con quello di Facci) che c'è un ulteriore differenza: il nomadismo. Che secondo il Corriere può aprire le porte dei cieli (spero che qualche zingaro si sia fregato la chiave per tempo) e secondo il più realista Facci non ha più ragione di essere. Il Corriere ricorda come furono nomadi anche gli Ebrei, ma dimentica che tutti i popoli che diedero vita agli stati moderni lo sono stati, finché non fecero a botte per trovare una terra dove potersi fermare. Potersi fermare, non dimentichiamolo, significa avere la possibilità di cacciare qualcun altro. Non chiamiamolo NOMADE, allora, chiamiamolo SGOMBERATO. Se ci intendiamo sulle parole, forse saremo già in grado di intravedere le soluzioni.
Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/12/2011 @ 09:03:56, in musica e parole, visitato 1447 volte)

Cliccare sull'immagine. Quello che riporto qui sotto, è la necessaria sintesi

Il Dirigibile di Daniele Barbieri

In poche ore Torino e poi Firenze. Ho provato a scrivere quel che penso in forma di poesia: mi sono ispirato a Martin Niemöller (chi non lo conoscesse troverà, alla fine, una breve nota biografica).

«Prima venne la Lega contro gli immigrati
ma io non dissi nulla
perché non sono un migrante.

Poi dichiararono clandestini persino i bambini e le donne incinte
io non dissi nulla
perché mia moglie e mio figlio sono italiani.

Poi accaddero cose terribili a Novi Ligure, a Erba, a Ponticelli....
e io non dissi nulla
perché abitavo altrove e dunque non sono affari miei.

Poi peggiorarono le condizioni di vita e di lavoro nelle fabbriche
ma perché avrei dovuto dire qualcosa?
io non sono un operaio.

Poi tassarono solo chi aveva pochi soldi
forse avrei potuto dire qualcosa
ma speravo lo facesse qualche altro.

Nello stesso periodo spesero montagne di soldi in armi
di nuovo pensai che avrei potuto dire qualcosa
ma ero quasi sicuro che questo compito spettasse ad altri.

Poi bruciarono il campo rom di Torino
e io non dissi nulla
perché non sono un rom.

Poi ammazzarono due senegalesi a Firenze
e io non dissi nulla
perché non sono senegalese.

Poi vennero ad arrestarmi.
Non so neanche perché,
avevo solo mugugnato.

Sperai che molti mi difendessero
però nessuno lo fece.
Forse nessuno di quelli rimasti si chiama Daniele».

Martin Niemöller era un pastore protestante che all'inizio si fece sedurre da Hitler ma poi capì e divenne un coerente e coraggioso oppositore del nazismo. I suoi sermoni infastidirono il regime ma per qualche anno ebbe relativamente pochi guai: di certo gli giovò l'avere amicizie influenti ed essere uomo di Chiesa. Nel 1937 la relativa tolleranza verso Niemöller (e altre/i) finì. Venne arrestato dalla Gestapo. Rimase sino alla fine della guerra in vari lager (fra cui Dachau) ma si salvò. Nel dopoguerra si impegnò nella riconciliazione ma chiedendo che il popolo tedesco non chiudesse gli occhi sulle radici dell'orrore, sulle complicità, sui silenzi. Proprio una sua poesia sull'apatia, sul silenzio divenne famosa. I versi di «Prima vennero» furono letti (persino cantati) in molte versioni e diverse occasioni. Come capita spesso vennero attribuiti per errore ad altre persone (in questo caso a Bertolt Brecht). Quando chiesero a Niemöller quale fosse il testo originale disse di non ricordarlo. Forse era vero oppure intese significare che in fondo era importante il senso della poesia non le parole esatte. Per questo anche io (come alcuni anni fa Lorenzo Guadagnucci, a proposito del decreto «anti lavavetri» di Firenze) mi sento autorizzato a darne una mia interpretazione.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/12/2011 @ 09:11:47, in Italia, visitato 1144 volte)

Segnalazione di Maria Derossi

di Lidia Ravera

Dunque la fatale membrana ancora miete vittime. Ancora si investe sulla verginità delle figlie. Perché così vuole la Chiesa. Perché così vuole il futuro acquirente, il marito d'una volta, quello che ci teneva a infilarsi per primo nell'angusto orifizio femminile, a scopo di libidine o di procreazione. Un tuffo nel modernariato, di cui si potrebbe anche sorridere se non fosse diventato così frequente, fra le adolescenti, la scelta di cavarsi dai guai, accusando gli extracomunitari.

Dieci anni fa a Novi Ligure la sedicenne Erika caricò su due innocenti albanesi il fardello di un duplice delitto. I due rischiarono il linciaggio. Tre giorni fa a Torino l'adolescente "Sandra", ha caricato sui Rom la sua prima esperienza sessuale. Erika voleva evitare la galera, Sandra l'ira di una madre bacchettona, repressiva, arretrata.

Qual è l'unico modo accettabile di perdere la verginità? Dichiarare che te l'hanno rubata. E qual è il ladro più gradito? Lo zingaro. Accusa lo zingaro e i tuoi amichetti avranno un'occasione per scaricare il testosterone in eccesso. La comunità in cui sei cresciuta non ti espellerà. Tua madre potrà girare a testa alta: una figlia violata da uno zingaro, vale quanto una figlia illibata. Anzi di più. Mette d'accordo i precetti della Chiesa e quelli di Telepadania.

il Fatto Quotidiano, 14 dicembre 2011

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/04/2021 @ 00:38:33
script eseguito in 83 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2369 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buongiorno signore e signori.Sono un uomo d'affari...
23/02/2021 @ 11:04:09
Di Patrick
Buongiorno a tutti Sono un imprenditore che offro ...
23/02/2021 @ 10:59:47
Di Patrick
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source