Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 25/02/2009 @ 09:16:27, in Europa, visitato 1160 volte)

Da Hungarian_Roma

Budapest, 20 febbraio (MTI) - Orban Kolompar, capo dell'Autorità Nazionale Zingara (OCO), ha chiesto alle comunità rom ungheresi di contribuire ad un'analisi delle recenti manifestazioni anti-Rom e di addivenire a proposte che calmino le tensioni con la società, ha detto venerdì Kolompar a MTI.

I sentimenti anti-Rom tenderanno a crescere nei prossimi mesi, in quanto i nazionalisti radicali stanno facendo sforzi per aumentare la loro base elettorale alimentando questi sentimenti, ha detto Kolompar.

Ha aggiunto che Fidesz, il principale partito d'opposizione, sta fornendo "tacito appoggio" a queste attività, citando la recente dichiarazione del leader di Fidesz, Victor Orban: "Non esiste un crimine zingaro, ma ci sono zingari criminali".

Kolompar ha detto che OCO non permetterà che la comunità rom sia etichettata collettivamente come un gruppo di criminali. "Chiunque usi questa retorica sta giocando col fuoco," ha aggiunto.

I leaders dei 1.127 governi locali Rom d'Ungheria si incontreranno per una conferenza nazionale agli inizi di marzo. L'agenda include anche i temi del lavoro, dell'istruzione e della sicurezza pubblica, ha detto Kolompar.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/02/2009 @ 14:27:03, in Italia, visitato 1132 volte)

Lunedì 23 febbraio 2009 - ORE 17.20 - Si è tenuto stamattina, in un clima di cordiale collaborazione, l'incontro tra i rappresentanti delle Organizzazioni sociali e del lavoro e il Procuratore Capo della Repubblica di Foggia Vincenzo Russo. L'iniziativa di cui si sono fatte promotrici le ACLI, la Caritas, la Cgil, la Cisl, l'Arci, l'Acsi, l'Opera Nomadi, l'Associazione Genoveffa de Troia, l'Ordine dei medici e Solidaunia ha avuto come oggetto la situazione del campo Rom di Borgo Arpinova, danneggiato dall'incendio del 19 dicembre scorso nel quale trovò la morte il piccolo Geylo. Dalle parole del Procuratore Capo si è appreso che l'istruttoria, seguita al sequestro disposto dalla Procura della Repubblica di Foggia dopo l'incidente, si avvia alla conclusione e a breve, quindi, il Comune di Foggia potrà disporre dello spazio per le opere di ricostruzione. La prima maggiore difficoltà incontrata dopo l'incidente viene così rimossa, dando alle circa 60 famiglie Rom e ai 67 bambini la possibilità di un ritorno alla normalità e ad una vita dignitosa. Pochi giorni ancora e il Comune di Foggia, con il quale più volte le stesse Organizzazioni avevano promosso iniziative di confronto su quella che è divenuta, nel frattempo, una vera e propria emergenza abitativa e sanitaria, soprattutto, per le 10 famiglie Rom più gravemente colpite dall'incendio, potrà iniziare il lavoro di ricostruzione. L'augurio, che ha trovato conforto nel dialogo costante con l'Assessore comunale Paolo De Vito, è che il dissequestro dell'area possa, nel più breve tempo possibile, stabilire le migliori condizioni di vivibilità del Campo di Borgo Arpinova, anche attraverso la dotazione di sistemi di sicurezza adeguati alla situazione.

redazione Teleradioerre

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/02/2009 @ 09:26:11, in Europa, visitato 1254 volte)

Da Roma_Daily_News (tutti i link sono in tedesco o inglese)

17 febbraio 2009 – Assieme ai Liberali, la coalizione di Conservatori e Socialdemocratici ha definitivamente rigettato, mercoledì scorso, una mozione introdotta dal partito di sinistra "Die Linke", che richiedeva una temporanea moratoria sui rimpatri forzati verso il Kosovo. "Die Linke" chiedeva anche al Governo Federale di garantire uno status di residenza permanente ai membri delle minoranze etniche e di altri gruppi vulnerabili. Il partito diceva anche che la Germania aveva una particolare responsabilità verso i Rom, risultante dall'Olocausto.

In un articolo sugli uffici del primo ambasciatore tedesco nominato per il Kosovo, la rivista internet net.de scrisse che uno dei suoi compiti principali sarebbe stato organizzare i ritorni dei rifugiati. Secondo l'ambasciatore, circa 200.000 abitanti del Kosovo vivono in Germania, la maggior parte con passaporto serbo o jugoslavo. Tra questi, 35.000 molti di questi Rom, Askali ed Egizi sono soltanto "tollerati". Sono a rischio di deportazione forzata in Kosovo, una volta segnato l'accordo di riammissione tra Kosovo e Germania.

Romano Them

Vedere anche:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/02/2009 @ 09:21:30, in Italia, visitato 1138 volte)

Ricevo da Agostino Rota Martir

Un gruppo di famiglie Rom Bosniache che vive fuori Livorno ha dato accoglienza al cittadino Rumeno Karol Racz, presunto autore dello stupro della minorenne avvenuto a Roma il 14 febbraio scorso.

I Rom in questione erano del tutto ignari del grave reato commesso (?) dal cittadino Rumeno pochi giorni prima a Roma. Conoscevano Karol, già un anno fa questi si era rivolto a loro perché bisognoso di aiuto e aveva trovato in questa piccola comunità di Rom il necessario sostegno e la possibilità di svolgere qualche piccolo lavoro: raccolta ferro, pulizia del campo. Si era sempre mostrato gentile e calmo con tutti i componenti della famiglia Rom, ancora fanno fatica a credere alle accuse che gli vengono mosse. Allora viveva con un gruppo di suoi connazionali a poca distanza dal campo Rom. Poi aveva lasciato Livorno per andare a Roma.

Qualche giorno fà Karol si era ripresentato al campo per chiedere agli stessi Rom la possibilità di poter dormire e di fermarsi solo qualche giorno il tempo per guadagnare qualche soldo per poi ripartire di nuovo. Era notte, faceva freddo, giusto appunto c'è anche una roulotte libera, così i Rom accettano di ospitarlo il tempo necessario, lo conoscono e si fidano: non immaginano lontanamente che Karol è ricercato dalla Polizia per il presunto reato di stupro a danno di una minorenne.

In quel momento i Rom vedono una persona, un uomo, un povero che chiede un aiuto, un'ospitalità.. anche loro ci sono passati, sanno benissimo cosa vuol dire essere rifiutati, messi fuori, passare le notti al freddo, sentirsi soli e affidarsi alla bontà di qualche "cristiano" capace ancora di compassione. Per loro in quel momento l'uomo precede la regola, il calcolo, il dentro e il fuori. Si potrà ragionare e disquisire all'infinito senza arrivare a delle certezze matematiche, e quel dubbio che mina ogni possibile ragionamento: "ma se avessero saputo che lui era ricercato, cosa avrebbero fatto?" Cosa avremmo fatto noi di fronte ad un conoscente, ad un amico? Ma non è questo il punto, perché in quel momento le famiglie Rom non lo potevano certo pensare o immaginare quali fossero le reali intenzioni del Rumeno: davanti a loro c'era una richiesta di aiuto, quella di Karol conosciuto l'anno prima, e la risposta fu quella di aprire la loro porta ed accoglierlo.

" Venite, voi che siete benedetti dal Padre mio..perché io ero forestiero e mi avete ospitato nella vostra casa.." (Mt.25, 35 ss.)

Quei Rom hanno accolto, non nascosto! Ingenuità o profezia?

La nostra società sa ancora accogliere l'altro senza calcolo, senza per forza dover programmarlo secondo i nostri progetti o senza rivestirlo dei nostri percorsi? E' ancora valida un'accoglienza dell'altro capace di rispettare la sua identità, le sue tappe, le sue scelte e senza la pretesa di essere sempre e solo noi a dover determinare tutto? Ne siamo ancora capaci?

Ti accolgo se accetti di cambiare al ritmo della mia bontà, se dimostri di volerti integrare, se sottoscrivi questi patti, altrimenti.." Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini..perché tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti." ( Lc 14, 12-14)

Bisogna riconoscere che non poche volte comunità di Rom e Sinti accolgono al loro interno persone (italiani e non) di passaggio, a volte sono persone ferite
dentro, emarginate dalla società..lì ritrovano anche quel calore umano che altrove gli è precluso, rifiutato, negato o condizionato. E' un'accoglienza semplice, sopratutto umana e discreta ma spesso capace di ridare coraggio e di aprire cammini nuovi a chi attraversa periodi di disagio e difficoltà.

Regolamento di campi imposto e blindato, quasi copiato nello spirito alle leggi razziali d'un tempo che ci illudevamo di aver lasciato alle spalle, demolizioni di insediamenti abusivi, ordinanze contro mendicanti, lavavetri, censimento dei senza fissa dimora, ronde..piano piano accettiamo come normalità interventi sempre più duri contro i poveri, gli immigrati e i Rom in particolare; in nome della sicurezza trangugiamo ogni sorta di boccone, spesso imbevuto con piccole dosi quotidiane di razzismo, fino a non farci sentire il disgusto o la vergogna per i nostri silenzi o peggio ancora collaboratori attivi a questi progetti. L'accoglienza che questi Rom hanno donato a Karol, nonostante tutto è stato un gesto di genuinità, di squisita solidarietà: hanno offerto il loro spazio, hanno aperto all'accoglienza la loro mano, a differenza di gran parte della società che in questi ultimi tempi vuol far mostra della sua "cattiveria" attraverso il suo pugno chiuso.

Grazie per questo vostro messaggio umano e cristiano!
Don Agostino Rota Martir - Campo nomadi di Coltano (PI) - 21 Febbraio 2009

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/02/2009 @ 09:17:13, in Europa, visitato 1377 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Emportal.co.yu 18 febbraio 2009. Fonte: Tanjug

Bozidar Djelic, vice Primo Ministro per l'integrazione UE ha detto oggi che per la fine di febbraio verrà disegnata una strategia per l'inclusione dei Rom e verranno assicurati fondi per il suo sviluppo.

Parlando all'apertura del 15° incontro del Tavolo internazionale dei Direttori del Decennio dell'Inclusione Rom 2005-2015, tenutosi a Belgrado, Djelic ha sottolineato l'importanza per la Serbia di predisporre la strategia durante la sua presidenza.

Djelic, che è anche coordinatore nazionale per il Decennio dell'Inclusione Rom, ha detto che l'organizzazione tenterà anche di essere formalmente più attiva nel proporre una politica europea verso i Rom.

Ha ricordato che le priorità della Serbia durante la propria presidenza saranno di risolvere i problemi dei Rom nella casa e nell'istruzione, come pure il problema della discriminazione e la questione della loro inclusione nel quadro di una politica Rom europea.

Ha detto che nei precedenti cinque anni la percentuale dei bambini rom che ricevono l'educazione elementare obbligatoria è salita dal 56% al 75%, aggiungendo che l'istruzione dovrebbe essere una priorità nell'integrazione sociale dei Rom.

Ha detto che l'istruzione non può essere la soluzione di ogni problema ma è un passo importante per risolvere gli altri problemi che la popolazione rom affronta.

Ha detto che durante il 2007 metà delle famiglie rom vivevano sotto la linea di povertà.

Commentando l'incidente di Kraljevo, dove un minorenne rom ha ucciso un serbo di 18 anni, seguito su internet da minacce di vendette contro i Rom, Djelic ha detto che ogni crimine dev'essere punibile solo per legge, senza riguardo all'etnia.

Un singolo crimine non può diventare base per rivincite contro un particolare gruppo etnico. Il governo serbo condanna le minacce apparse su internet, ha detto Djelic, aggiungendo di appoggiare l'azione presa dallo stato, dai corpi locali e dalle organizzazioni rom che richiamano alla calma.

Svetozar Ciplic, Ministro per le Minoranze ed i Diritti Umani, ha detto che l'Europa ha compreso che è impossibile parlare di democrazia e responsabilità sociale se non c'è coscienza dei problemi dei Rom.

Ciplic ha detto che il Decennio dell'Inclusione Rom partito cinque anni fa e ha esplicitamente stabilito che l'integrazione dei Rom è l'obiettivo di tutti i paesi firmatari.

I Rom sono una risorsa umana, culturale ed intellettuale che gli stati non hanno ancora scoperto, ha detto il Ministro, aggiungendo che oggi ogni paese ha problemi finanziari, ma la crisi economica globale non deve essere una giustificazione per rallentare il lavoro sull'integrazione sociale dei Rom.

Il Decennio dell'Inclusione Rom è iniziato nel 2005, su iniziativa dell'Open Society Institute e della Banca Mondiale e comprende 10 paesi.

Romania, Bulgaria ed Ungheria hanno già presieduto il Decennio Rom e la Serbia tiene la presidenza dal 25 giugno 2008. Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Macedonia, Montenegro, Romania, Bulgaria e Serbia stanno prendendo parte al Decennio.

Durante la presidenza serba, anche la Spagna è diventata membro di questa iniziativa regionale.

I rappresentanti dei 12 paesi discuteranno su discriminazione nell'istruzione e presenteranno i loro piani d'azione nazionali.

Iňigo de Palacio Espaňa, Ambasciatore spagnolo in Serbia, firmerà una dichiarazione sull'accesso della Spagna al Decennio dell'Inclusione Rom.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/02/2009 @ 09:46:42, in Kumpanija, visitato 1273 volte)

Da Roma_Daily_News

Carissimi,

C'è un nuovo sito web dalla Spagna chiamato Mundo Gitano (www.mundogitano. net) dove si forniscono opinioni e informazioni sui Rrom in Spagna e America Latina in generale; quanti di voi parlano spagnolo, possono entrare nel sito, dare un'opinione e leggere diversi articoli e proposte, c'è anche un progetto sul romanes, che forse non è così buono, ma dovete tenere a mente che in Spagna la conoscenza di questa lingua non è buona. Sto tentando di aumentare le informazioni che ci sono sul sito, ma da solo non basto, così penso che qui abbiamo gente che potrebbe collaborare [...] in rromanes o spagnolo, forse Kako Ron dal Canada o Yanko Hancock, che parla un po' di spagnolo?

Sarebbe grande se altri dessero le loro impressioni e opinioni sugli argomenti che appaiono nelle pagine, i Rrom spagnoli sono davvero lontani dal movimento Internazionale Romani, a causa del linguaggio (non parlano il rromanes), invece, se lo parlassero, potremmo aiutarci. Vi posso assicurare che c'è un grande interesse tra i Rrom spagnoli nel recuperare la lingua rromanes.

Saluti a tutti,

Lolya dall'Argentina
jorgebernaljohnson@hotmail.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/02/2009 @ 09:38:44, in Europa, visitato 2492 volte)

Da Urloweb.com

Venerdì 20 Febbraio 2009 13:08 - Più di una volta mi sono chiesto se il nomadismo dei rom e dei sinti sia una scelta dettata dalla voglia di viaggiare o da un vitale istinto di sopravvivenza.
Gli zingari rubano i bambini. Una ricerca dell’Università di Verona ha preso in esame l’ultimo ventennio fino al 2007. Ha scartabellato in tutte le procure italiane e non ha trovato un solo caso di rom o di sinto condannato per aver rubato un bambino.
Ora invece facciamo un salto indietro nel tempo. Questa storia, riportata nel mio libro “Non chiamarmi zingaro” edito da Chiarelettere, me l’ha raccontata Mariella Mher la scrittrice jenische (gli zingari svizzeri) che all’età di due anni fu “rubata”, per legge, alla propria famiglia. Siamo nel 1912 e in Svizzera, per contrastare la mortalità infantile, viene creata una fondazione: la Pro Juventute.
E’ subito riconosciuta di pubblica utilità e beneficia di contributi da parte della Confederazione Elvetica.
Nel 1926 le viene affidato l’alto compito di proteggere i bambini dall’abbandono e dal vagabondaggio e così idea il progetto Bambini di strada.
Il fondatore e direttore, dottor Alfred Siegfried, si fa personalmente carico di “sradicare il male del nomadismo” dalla società svizzera. Cardine della sua filosofia è la conversione di tutti gli jenisch, gli zingari svizzeri, da nomadi a sedentari. Purtroppo gli adulti sono già dati per spacciati mentre sui bambini si può ancora agire. Così, attraverso “misure educative sistematiche e coerenti”, Siegfried sottrae con la forza, alle rispettive famiglie jenisch, i figli. Queste operazioni vengono condotte in collaborazione con le autorità cantonali e comunali.
Il dottore, che definisce gli zingari geneticamente “inferiori, deficienti e mentalmente ritardati”, colloca i bambini, anche quelli in fasce, presso orfanotrofi, collegi, ospedali psichiatrici o all’interno di famiglie affidatarie.

L’operazione ha come obiettivo il riplasmare questo materiale umano introducendolo all’interno di una società sedentaria, ordinata e normale. Ogni contatto con la precedente famiglia è categoricamente vietato, pena la non riuscita del piano rieducativo. “Ogni qualvolta” sottolinea il dottor Siegfried “vuoi per nostra bonarietà, vuoi per uno sfortunato e casuale incontro, uno di questi bambini, ancora disadattati e instabili, entra in contatto con i propri genitori, tutto il nostro lavoro viene vanificato.”
Anche i cognomi vengono cancellati per impedire possibili e futuri ricongiungimenti che potrebbero riportare il fanciullo verso una vita nomade e di conseguenza verso il crimine.
Che il nomadismo jenisch anche in Svizzera sia dovuto alla ricerca della sopravvivenza attraverso il piccolo commercio, non viene preso in considerazione dal dottor Siegfried che, al contrario, lo considera una devianza genetica.
Il suo obbiettivo è recuperare questo popolo di asociali e così molte bambine, come fu in seguito provato, sono sterilizzate. Per alcuni bambini con ritardo di linguaggio si crea un metodo speciale: vengono infilati in una vasca da bagno e quindi bloccati dentro con delle assi di legno che gli cingono il collo affinché non possano uscire. Questa teoria medica asserisce che i problemi di linguaggio del bambino, precedentemente sottratto con la forza alla legittima madre, si risolvono immergendo il suo corpo, anche per venti ore, in acqua fredda.
L’ideologia nazista non è né sconosciuta né avversata dalla Fondazione Pro Juventute che, anzi, attraverso il suo direttore, intrattiene strette collaborazioni con psichiatri tedeschi e, in modo particolare, col dottor Robert Ritter che tanta parte ebbe nella soppressione di 500.000 rom e sinti durante il terzo reich.

In poco meno di quarantacinque anni e cioè dal 1926 al 1972, sono rubati alle rispettive famiglie circa duemila bambini di cui più di seicento dall’Associazione umanitaria Pro Juventute.

Nel 1972 un giornalista svizzero, Hans Caprez, raccoglie alcune testimonianze di jenisch vittime del programma della Pro Juventute. E’ una bomba e lo scandalo che ne scaturisce va su tutti i giornali. Non passa neanche un anno e la Pro Juventute interrompe il progetto Bambini di strada.
Vengono condotte delle indagini sui responsabili.
Tuttavia devono passare quindici anni prima che la Pro Juventute chieda pubblicamente scusa al popolo jenisch ammettendo le proprie colpe.
I risultati delle indagini sulle responsabilità della Confederazione arrivarono, invece, nel 1998 quando è condannata a risarcire le vittime.
Quel che resta, oggi, a questi bambini rubati sono: traumi, lesioni, vergogne e un risarcimento, riconosciuto dalla Confederazione Elvetica, di circa 10.000 euro.

Pino Petruzzelli

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/02/2009 @ 09:17:37, in Italia, visitato 1583 volte)

Da Circolo Pasolini Pavia

"Il Secolo XIX", 19 febbraio 2009 di Simone Schiaffino [dalla Liguria]

La ganascia d’acciaio sradica i sogni italiani. Demolisce speranza e degrado, in egual misura. Abbatte come fuscelli le baracche elette a casa. Sconquassa le povere cose che gli stranieri avevano raccolto laddove gli italiani gettano quello che non gli serve più. "Ora dove andremo?". L’unica riposta può essere "Via da qui, non all’ex Colonia Fara". Fa freddo, la pungente temperatura delle sette del mattino, quando gli uomini che vestono tre diverse uniformi compaiono nell’area esterna del grattacielo di Preli. Polizia municipale, agli ordini del comandante Federico Bisso, carabinieri della compagnia retta dal capitano Gianluigi Bevacqua, polizia di Stato, dal commissariato chiavarese governato dal dirigente Giampiero Bove. Volanti, gazzelle e autopattuglie. Poi arriva anche un camion dotato di un’enorme morsa metallica montata su un braccio mobile. Per abbattere il degrado: il campo rom a Preli, sorto in un paio di "notti di lavoro", nell’ultimo week end. Assistere alla demolizione della "baraccopoli" provoca un po’ di emozione. Perché gli uomini in divisa si trovano, metaforicamente, a guadare un fiume: da una parte gli ordini, gli obblighi, il dovere. Dall’altro l’umanità: il trovarsi di fronte ai "reietti", agli ultimi, quelli che una casa non ce l’hanno mai avuta. "Quando siamo arrivati qualcuno si lavava in mare nell’acqua gelida, altri dormivano ancora - dice il comandante Bisso -. Una parte è fuggita alla vista delle nostre auto; altri ci sono venuti incontro, per sapere cosa sarebbe successo. Avevano l’aria affranta. Una donna piangeva". Gli uomini della "forza pubblica" hanno spiegato che il campo rom sulla riva del mare chiavarese di ponente sarebbe stata, di lì a poco, rasa al suolo. Sgomberata. Disinfestata. Ulteriormente, per l’ennesima volta, recintata. L’annuncio ha provocato qualche minuto di tensione. Uno straniero, dei più giovani, ha sbraitato qualcosa nella sua lingua. Sembrava avesse l’intenzione di avvicinarsi ai poliziotti con intenti bellicosi. I suoi connazionali, forse suoi parenti, o fratelli, lo hanno preso per le braccia, impedendogli di farsi arrestare per resistenza o lesioni a pubblico ufficiale. Tutto è finito lì. Nello stesso momento, le otto o poco più, un ruggito sordo annunciava l’arrivo del camion munito di braccio meccanico e ganascia. La ditta spezzina "Costa Mauro", specializzata in bonifiche ambientali, è stata chiamata dal Comune di Chiavari, appena si è saputo dell’esistenza del campo rom: la notizia l’ha data, come sempre accade, un abitante di Preli, l’altro ieri sera. "Venite alla Fara - ha detto l’abitante - stanno costruendo baracche sotto i portici della Fara". Gli operai, che vestono tute antibatteriche e mascherine a naso e bocca, infagottano tutto e caricano sul camion. Mentre la morsa demolisce e distrugge. Resta a terra un orsacchiotto di peluche, portato lì forse da uno dei pochi bambini che la comunità rom si è portata con sé a Chiavari."Prima di demolire tutto abbiamo detto loro di prendere ciò che volevano portare con sé - conclude il capo della polizia municipale di Chiavari -. Qualcuno ha preso una coperta, altri qualche scatoletta di alimenti. Poi se ne sono andati". Nessun provvedimento, nessuna denuncia è scattata nei confronti degli stranieri. Anche perché l’unico reato poteva essere quello di occupazione abusiva di immobile. Ma i "reietti" non sono entrati all’ex Colonia Fara: gli sbarramenti in cemento e mattoni hanno retto. Si sono solo accampati accanto al fatiscente grattacielo. E non avere un posto dove andare, bivaccando in un’area aperta a tutti, ancora non è reato.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/02/2009 @ 09:47:21, in Europa, visitato 2087 volte)

Mutui e accampamenti : la maledizione delle case inglesi
di Giulia Alliani - 17 febbraio 2009

L'anno scorso uno dei nomadi l'aveva predetto: le autorità locali avrebbero impiegato almeno otto anni per riuscire a buttarli fuori. Pochi giorni fa, la tradizionale capacità divinatoria, che viene unanimemente riconosciuta agli zingari, é stata ancora una volta confermata.

Il loro rappresentante, nella sua predizione, non é andato troppo lontano dalla realtà: forse gli anni non saranno otto, ma cinque certamente sì, e forse anche di più. I 64 nomadi che, grazie ai quattro giorni di vacanza dei funzionari addetti al piano regolatore, erano riusciti a costruire a tempo di record, su un appezzamento di terreno in Inghilterra, nei Cotswold, un accampamento illegale, provvisto d i elettricità e condutture per l'acqua, hanno ottenuto da un ispettore governati vo il permesso di rimanere nel sito prescelto per altri quattro anni.

Il Consiglio del distretto di Stratford-on-Avon aveva rifiutato di concedere un permesso retroattivo e aveva ingiunto agli zingari di andarsene, ma i nomadi avevano proposto appello. Era quindi seguita un'inchiesta pubblica in dicembre, terminata la quale, l'ispettore del Governo, Phillip Crookes, ha garantito a 16 famiglie un permesso provvisorio che scadrà nel 2013.

Secondo l'ispettore, nella zona c'é una carenza di campi nomadi e la misura adottata dovrebbe dare alla comunità, che conta un centinaio di persone, il tempo necessario per cercare "dei siti alternativi e garantire ai bambini un passaggio senza strappi ad altre scuole se ciò si rendesse necessario". La notizia é stata accolta con irritazione dagli abitanti del posto, che hanno visto crollare il valore delle loro case, e dai loro rappresentanti, che giudicano semplicemente patetico il fatto che la decisione permetta a dei gruppi di individui di violare il piano regolatore al cui rispetto tutti sono tenuti.

Nella zona, prevalentemente rurale, conosciuta e apprezzata per i suoi luoghi idilliaci, a poche centinaia di metri dall'accampamento, sorge anche la casa di campagna di proprietà dell'ex-marito del ministro laburista Tessa Jowell, l'avvocato David Mills, attualmente sotto processo a Milano, unico imputato di corruzione in atti giudiziari dopo lo stralcio della posizione del presidente del Consiglio Berlusconi, in conseguenza del Lodo Alfano.

La sentenza di primo grado dovrebbe essere pronunciata nei prossimi giorni.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/02/2009 @ 09:31:33, in media, visitato 1718 volte)

Da corriere.it (una risposta a Beppe Sevegnini)

Caro Beppe,

nella tua risposta a Massimo Burioni (20 febbraio) ti domandi: «Dove sono gli zingari a Berlino? Buon titolo per un'inchiesta: non se ne vede in giro uno». Vorrei fare alcune precisazioni in proposito.

In Germania ci sono 110 mila-130 mila tra rom e sinti - sia di cittadinanza tedesca che stranieri. Quelli tedeschi sono riconosciuti come minoranza nazionale. Magari non li vedi perché in Germania sono riusciti ad adottare politiche di integrazione e inserimento che qui da noi sono troppo all'avanguardia, per cui non mendicano o rubacchiano per le strade (e sottolineo che anche da noi sono una minoranza quelli che lo fanno) né vivono nei campi «nomadi». Da noi i rom italiani non sono stati riconosciuti come minoranza, seppure esista una legge che ne riconosce ben dodici, e che li ha esclusi imponendo criteri per il riconoscimento tra cui anche loro rientrano. Del resto, da noi il «problema» viene trattato come «emergenza sicurezza», per cui i rom devono essere cacciati (che siano italiani o stranieri poco importa), non aiutati a integrarsi.

Ultima precisazione: credo che la gente inorridirebbe se ti sentisse chiamare un africano «negro». Quindi, che i rom e i sinti vengano chiamati con il loro nome, e non «zingari» (che è offensivo) o «nomadi» (che è scorretto). Il fatto che vengano chiamati nomadi serve solo a perpetuare il pregiudizio per cui loro possono solo vivere nei campi, che lo vogliano o meno. Non dico che sia tutta colpa degli organi d'informazione se ci sono problemi da una parte e dall'altra, ma forse, se iniziassero a usare quanto meno una terminologia adatta, a non strumentalizzare le notizie a tutti i costi limitandosi a riportare dati effettivi e non di comodo, e se facessero una vera campagna d'informazione corretta, già sarebbe un passo avanti.

Claudia Tavani, taffani@hotmail.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/04/2021 @ 00:15:32
script eseguito in 55 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2282 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buongiorno signore e signori.Sono un uomo d'affari...
23/02/2021 @ 11:04:09
Di Patrick
Buongiorno a tutti Sono un imprenditore che offro ...
23/02/2021 @ 10:59:47
Di Patrick
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source