Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 01/09/2005 @ 00:55:37, in Italia, visitato 1783 volte)
 
Nomadi, dal 2001 cresciuti del 50 percento
Negli ultimi 4 anni sono arrivati 5.000 rom, di questi il 60% sono minorenni. Consistente la comunità rumena nei campi, "specializzata" nell'accattonaggio. La scolarizzazione e i progetti del Campidoglio
Roma, 31 agosto 2005 - Cresce in modo significativo la presenza dei nomadi a Roma. Nella capitale rappresentano ormai una polis autonoma che vive soprattutto nei campi abusivi, improvvisati, senza acqua ne' luce. I rom sono aumentati negli ultimi quattro anni: secondo l'Opera nomadi sono aumentati del 50% passando da 10 mila a 15 mila. La maggior parte, il 60% -sempre secondo i dati dell'Opera Nomadi- sono minorenni. Di questi il 70% ha meno di 14 anni.

Sarebbero quindi 5000 - secondo queste stime - i nomadi arrivati a Roma negli ultimi quattro anni, che si sono aggiunti ai circa diecimila che erano gia' presenti nel 2001, quando la cifra ufficiale era di 6.500 unita' di residenti nei campi e di circa 3500 rom italiani che vivevano in abitazioni. Secondo l'Opera Nomadi, i 5000 arrivati dal 2001 in poi pero' vivono per lo piu' nei campi: si tratta di rumeni, molti clandestini, dediti alle attivita' piu' svariate ma soprattutto all'accattonaggio. La maggior parte vive in campi abusivi nei quali - sempre secondo l'Opera Nomadi- sono lievitate a dismisura le presenze e si vive in condizioni di vero sovraffollamento. Oggi dei 15 mila nomadi presenti a Roma - dicono all'associazione che rappresenta i rom - molti vivono in condizioni di estrema difficolta', con un tasso di disoccupazione pari al 90 per cento, in 26 campi nomadi, gli unici rimasti dei 51 insediamenti spontanei del 1996. Tra queste strutture, secondo quanto ha reso noto l'assessorato alle politiche sociali e promozione alla salute del comune di Roma, gli insediamenti di Tor Sapienza, Spinaceto, Via Candoni alla Magliana Vecchia, villa Troili e il campo Cesare Lombroso, sono attrezzate con moduli abitativi, muniti di energia elettrica e di collegamento alla rete fognaria cittadina. Circa mille persone, che vivono in condizioni igienico-sanitarie piu' o meno accettabili alle quali si uniranno i 2500 nomadi dei campi semi attrezzati.

L'assessorato ha annunciato che saranno presto ultimati i lavori nel campo di Salone che ospita 1245 rom e nel quale sono stati assorbiti anche gli abitanti dell'insediamento di via Collatina. A settembre dovrebbe essere ultimata la ristrutturazione del campo di vicolo Savini, uno dei piu' numerosi con 800 bosniaci, mentre ci vorra' ancora del tempo per rendere vivibili quelli della Barbuta sull'Appia, delle Sette Chiese, di via della Martora e di via dell'Arco di Travertino. Inoltre, i dati forniti mostrano una rete di accoglienza quintuplicata negli ultimi anni. Adesso i posti disponibili sono aumentati da 600 a 3.500 e diventeranno 5000 nel prossimo anno. Ma e' ancora troppo poco. A fronte delle poche migliaia che vivono in strutture attrezzate, gli altri sono relegati in insediamneti spontanei, al limite della sopravvivenza.Tutte realta' fatiscenti dove, molto spesso, l'unico segno di civilizzazione e' la fontanella pubblica. Condizioni difficilissime, dice l'Opera Nomadi, che diventano inaccettabili, se si pensa che ci vivono moltissimi bambini.

Giovani e giovanissimi utilizzati per l'accattonaggio e ancor peggio, per piccoli furti o prostituzione, secondo quanto denunciato in un documento ufficiale dal Tribunale dei minori di Roma. Per cercare di migliorare le condizioni di quasi 5000 bambini, il comune ha avviato un progetto di scolarizzazione e monitoraggio sui piccoli zingari con un servizio di pulmini per raggiungere le strutture scolastiche. Nell'anno scolastico 2004-2005 sono stati iscritti a scuola 1804 tra bambini e adolescenti rom, un dato in crescita se si pensa che nel biennio 1999/2000 erano 1161. Anche i piu' piccoli, cioe' quelli che frequentano la scuola materna o la scuola dell'infanzia, sono aumentati tra il '99 e il 2005, passando da 230 a 319.Se le iscrizioni sono cresciute, esiste pero' un'alta percentuale di bambini che non rispondono con frequenza all'appello, collezionando assenze e arrivando persino all'abbandono nel corso dell'anno scolastico.

Nel 2002/2003 ha frequentato regolarmente le lezioni il 47,44 per cento dei piccoli rom, mentre quasi il 15 per cento in modo saltuario. Ma esiste un 40 per cento di minori che nelle aule delle 264 scuole coinvolte nel progetto di scolarizzazione, non ha mai messo piede. Un fenomeno grave se si pensa che la maggior parte di questi bambini non risulta presente neanche campi. Piccoli fantasmi, nella maggior parte dei casi nascosti ai controlli della polizia. Per i genitori, infatti, rappresentano una preziosa fonte di guadagno perche' utilizzati per l'accattonaggio e per attivita' illegali. Bambini che vanno a ingrossare il tessuto della microcriminalita', che affollano i marciapiedi, i semafori, le strade. Chiedendo soldi, costretti a borseggiare. E invece dovrebbero solo giocare e studiare.
Fonte Ansa
 
 
 
Opera Nomadi
 Ente Morale (D. P. R. 26/03/70 n. 347)
SEZIONE del LAZIO                
posta elettronica: operanomadilazio@supereva.it
Segreteria tecnica :
Viale di Porta Labicana, 59 –00185 Roma
tel.: 06/44701860- fax 06/49388168
31.08.2005
 
Alla REDAZIONE ROMANA dell’ANSA
                    
 
OGGETTO : LETTERA APERTA all’On.le SABBATANI-SCHIUMA
 
 
UNA SERIA POLITICA COMUNALE
PER L’AVVIAMENTO AL LAVORO dei cittadini Rom/Sinti
 
Gentile On.le Sabbatani-Schiuma
 
era da tempo che volevo parlarLe e spero che ci possa incontrare in Comune quanto prima.
Le premetto che l’Opera Nomadi da sempre ha chiesto il numero controllato delle presenze in città e che allo stesso sia parallelo un patto sulle regole con i capifamiglia Rom/Sinti.
Numero controllato vuol dire redistribuzione organica degli sventurati profughi Rom Rumeni sull’intero territorio laziale, non significa espulsione verso la miseria e la totale mancanza di ammortizzatori sociali seguiti, per il popolo Rom di Romania, alla caduta del cosiddetto muro nel paese di residenza. Ed in Romania i Rom sono ben 2 milioni, una percentuale quasi superiore a quella già limite dell’Ungheria, mentre in Italia i Rom/Sinti non arrivano a 150.000, ovverosia la percentuale più bassa di tutto il territorio europeo. Bene ha fatto quindi Raffaela Milano a non stendere cavalli di frisia alla periferia di Roma.
Le scrivo dalla mia casa natale in Calabria, dove ad ogni fabbrica che chiude si minaccia di trasferire la produzione in Romania nazione in cui i nostri bravi connazionali industriali hanno la possibilità di pagare salari anche 10 volte inferiori a quelli del nostro Paese. Come in effetti sta accadendo, causando quindi un generale impoverimento della popolazione rumena.
Sarebbe stato quindi opportuno che Lei citasse anche le responsabilità del Governo Italiano nell’induzione dell’immigrazione dalla Romania e non soltanto attaccare a mò di ariete Valter Veltroni e Raffaela Milano. E comunque pure il Governo (ben tre Ministeri) si sta muovendo su di una linea ormai completamente diversa da quella della medievale <Bossi-Fini> tant’è che nelle prossime settimane anche il Comune di Roma parteciperà ad una riunione sull’innegabile in Italia.
 
Certamente bisogna fare molto ma molto di più : ancora nella politica capitolina restano tracce dei madornali errori strategici della gestione Rutelli (si veda, un solo esempio, la tragica discesa della scolarizzazione negli ultimi tre anni) , ma l’apertura dell’Rom> (legga per cortesia con attenzione i dati sull’avviamento al lavoro e l’intervento deciso contro la devianza fin dentro Rebibbia) ed un razionale piano per l’habitat della immigrazione Rom dalla Jugoslavia, dovrebbe farLa riflettere sul fatto che con Veltroni ed i suoi Assessori Milano e Carrazza (e numerosi Municipi, in testa il V°, il VII° , l’XI°, il IV° ed anche il XII° - quest’ultimo a Lei vicino politicamente -), nonché con l’intera Amministrazione Provinciale determinatissima anch’essa sulla strategia di <lavoro, habitat e regole> per i Rom/Sinti.
Il suo collega di partito, l’On.le MARCO CLARKE, ha compreso questa strategia perfettamente già dagli infausti giorni delle barricate di fine anni ’80 ed ha concorso in questi 17 anni ad avviare al lavoro numerosi capifamiglia Rom/Sinti, disegnando con noi un modello di possibile integrazione che si sta rivelando preziosa e che sarà definitivamente utile se Lei comincerà ad ascoltare e conoscere. La invitiamo quindi a visitare l’ROM> del Comune di Roma od uno qualsiasi dei tanti siti dove si avviano al lavoro i nostri sfortunati fratelli Rom/Sinti, verso cui, lo ribadiamo, non valgono né il buonismo né la mera repressione, ma la sopradetta strategia di <lavoro, habitat e regole>.
Insomma siamo molto più preoccupati di Lei per l’aumento esponenziale della popolazione Rom, ma ci piace la concretezza e molto meno il propagandismo.
 
Nei prossimi giorni attendiamo un Suo cortese cenno di riscontro.
 
 
Il Presidente Nazionale
Dr Massimo Converso
 
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/09/2005 @ 10:21:56, in Europa, visitato 2167 volte)

RAPPORTO DI AMNESTY INTERNATIONAL

riportato da Anna Lepadatu su Romanian_Roma

I Rom Mikhail Kaldarar e Vasilii Kodrian, da settimane sono trattenuti nelle carceri di Chişinãu, la capitale. Tutti e due senza addebiti a loro carico e a rischio di malvessazioni e violenze.

Mikhail Kaldarar è stato trattenuto dalla polizia durante un’azione effettuata nel quartiere rom della città di Yedintsy, nel nord del paese, attorno al 18 luglio. L’azione avveniva in seguito ad alcuni omicidi a Chişinãu. La polizia ha fatto irruzione negli appartamenti, malmenato uomini, donne e bambini. Ha poi trattenuto 30 di loro, tra cui bambini di 12 anni. La maggior parte sono stati scarcerati due giorni dopo, su richiesta del tribunale cittadino, che aveva giudicato non ci fossero imputazioni a loro carico. Testimoni riferiscono di essere stati malmenati durante i due giorni, perché confessassero le loro colpe.

Secondo il suo avvocato, Mikhail Kaldarar è stato invece trasferito sui richiesta del Ministero degli Interni in un Centro Temporaneo (izoliator vremennogo soderzhaniia, - IVS) della capitale. Doveva essere scarcerato il 25 luglio, perché trattenuto senza motivo. Un rapporto della polizia cita che il 27 luglio la madre e alcuni rappresentanti dell’Alleanza Unita dei Rom di Moldavia, si sono recati presso l’IVS, non avendolo visto tornare. Il 3 agosto il Ministero degli Interni ha confermato alla famiglia che Mikhail Kaldarar era ancora detenuto nell’IVS e che sarebbe stato rilasciato solo dopo che la comunità Rom avesse indicato i veri colpevoli degli omicidi di Chişinãu. Da parte sua, il Ministero non ha confermato questa versione dei fatti e né la famiglia né il suo avvocato hanno più avuto il permesso di un colloquio.

Il 5 agosto, Vasilii Kodrian è stato invece trattenuto dalla polizia di Yedintsy, nel corso della stessa inchiesta, al posto del figlio che non era reperibile. Si pensa che attualmente si trovi pure lui nell’IVS di Chişinãu.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Violenze e torture durante la custodia e gli interrogatori sono comuni presso la polizia moldava. Uno dei bersagli più frequenti di questi trattamenti è a comunità Rom. Nel suo secondo rapporto sulla Moldavia, pubblicato nell’aprile 2003, la Commissione del Consiglio d’Europa contro il Razzismo e l’Intolleranza (ECRI), esprime alta preoccupazione sulla discriminazione verso i Rom e sottolinea i trattamenti loro riservati dalle forze di polizia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/09/2005 @ 13:59:03, in media, visitato 1589 volte)
Alluvione a New Orleans: tra 50 e 100 morti
Attentato a Baghdad: oltre 1000 morti
Carestia in Niger: da 20.000 a 3.500.000 morti
Emergenze locali
Sgombero di via Capo Rizzuto: Comune e Provincia trattano da 66 giorni (oltre 100 se si calcola il pre-sgombero)
Da risistemare: circa 100 persone
Stime: oltre 10.000 persone a Milano risiedono in sistemazioni di fortuna
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/09/2005 @ 16:54:25, in Kumpanija, visitato 1597 volte)

E' morta il 28 agosto l'anziana regista Melani Spitta, una Sinta di nazionalità tedesca. I suoi film erano stati presentati nuovamente a Colonia, durante la rassegna cinematografica "Vedere attraverso gli occhi degli altri", tenutasi all'inizio di giugno.

Il saluto di Veshengro su Roma_und_Sinti

Se n'è andata una cara sorella

Conosciamo tutti quanti il sentimento di pena che accompagna la dipartita di una persona onesta e cara. Questo è quanto provo scrivendo di una donna che non ho mai conosciuto di persona, ma solo di fama. 

Dopo una lunga e dolorosa malattia, si è spenta a Francoforte sul Meno l'attivista civile e regista Melani Spitta, vincitrice del premio Otto Pankow. I Sinti la chiamavano "die Einzige", che possiamo tradurre come "l'Unica", sola superstite della sua famiglia allo sterminio di Auschwitz. I traumi sofferti non si erano mai cicatrizzati, traumi fisici e morali che avevano a vedere con la sua lunga sofferenza.

I funerali si terranno lunedì 5 settembre a Düren (vicino Aachen) alle 11.00 presso St. Marienkirche e la salma sarà tumulata nel cimitero della cappella.

Facciamo in modo, se non sarà possibile accompagnarla di persona durante il suo ultimo viaggio, che abbia un posto nel nostro cuore. Manteniamo il ricordo e il legame che ci avvicina a chi ha lottato per tutta la sua vita: contro un inferno che non è ancora passato e per questo non deve essere dimenticato, non solo da chi come i Sinti, i Rom e gli altri perseguitati l'hanno vissuto in prima persona.

Ricordiamo con orgoglio la Sinta Melani Spitta che tanto ha fatto per i diritti del nostro popolo.

Che possa riposare in pace.

Atch Develesa amari Phena!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/09/2005 @ 10:27:07, in Italia, visitato 1575 volte)

Una delle cose assurde di questo blog, è che è più facile sapere cosa avviene in Romania o in Germania (ad esempio), di ciò che succede in Italia.

In questi giorni, avrei bisogno di qualcuno che mi raccontasse cosa sta succedendo a Verona, e che riuscisse a seguirne gli sviluppi. La città potrebbe divenire un vero e proprio laboratorio dei rapporti tra autorità e comunità nomadi, che nomadi hanno smesso di esserlo da anni.

Nel 2001 la locale Lega Nord diede vita ad una campagna dal titolo "Fuori gli zingari dalla città". Bersaglio la comunità dei Sinti italiani - un centinaio - subivano uno sgombero dall'area in cui si trovavano da tempo, costretti ad una situazione di vagabondaggio da un posto all'altro per trovare una soluzione. Soluzione che dall'amministrazione comunale tardava ad arrivare. unità, che troverà ospitalità nella circoscrizione n. 6, l’unica di centro sinistra. La Lega si mobilita contro questa permanenza, e si mobiliterà affinché i Sinti vengano rimessi allo stadio e da lì continuerà a dire che devono andarsene. La campagna di raccolta firme, con cui la Lega intendeva sollevare la questione, non era una “normale” campagna antirazzista, ma il manifesto diceva: via gli zingari..." Il tribunale condanna alcuna assessori comunali per violazione alla legge Mancino. (*)

Le tensioni in comune continuano, anche perché nel frattempo la giunta è passata al centro-sinistra. Che in qualche modo tenta di mettere una pezza all'altra emergenza Zingari: gli arrivi dall'Europa dell'Est, in condizioni simili a quelle di molte città italiane. Il campo di Boscomantico, che accolse nel 2003 i rom sgomberati dal primo insediamento voluto dalla nuova amministrazione. La giunta Zanotto sanò allora – era il 2002 e solo da alcuni mesi amministrava la città – una situazione di estremo degrado ereditata dalla precedente giunta di centro-destra, più di duecento persone che vivevano alle porte della città in condizioni spaventose. A dicembre un altro centinaio di rom rumeni, che erano scappati durante lo sgombero ma erano poi tornati a Verona e dormivano sotto un cavalcavia, fu accolto nel campo. I bambini andavano a scuola o all’asilo-nido interno, ne nascevano di nuovi.
La svolta avviene quest’anno, quando il prefetto, su invito del ministero, comunica al comune che il 31 agosto scade la concessione dell’area. Il comune non demorde e stanzia quasi 700 mila euro per la realizzazione di un nuovo campo, adiacente al vecchio. Qui, però, fa sapere andranno solo coloro che sono in regola con le norme della legge, la famigerata Bossi-Fini.
(*)

Il resto è cronaca di questi giorni, e riporta ad esperienze simili in atto da altre parti d'Europa, ma anche a Roma, Milano, Napoli... Gli ultimi arrivati, quelli che non hanno niente da perdere e a cui resta solo l'espulsione, occupano una chiesa in pieno centro; come fecero a suo tempo i sans papier a Notre Dame. Il parroco, inizialmente reagisce con irritazione, poi cede al dovere della prima assistenza. La chiesa e il sagrato, complice anche i centri sociali veronesi che sostengono l'occupazione, si riempiono di cartelli e striscioni. Il comune non sa che pesci pigliare, nel frattempo davanti alla chiesa riappaiono i consiglieri inquisiti della maggioranza precedente, ma le provocazioni non vengono raccolte. Rimane la questura a gestire "l'unità di crisi". Nessuno degli occupanti ha ricevuto il decreto di espulsione. Anzi, a parere del dirigente della questura, Ferdinando Malfatti, è possibile che alcuni di loro siano sanabili, una volta esaminate le singole posizioni: Stiamo aspettando – dice – di avere una lista dei nomi degli adulti presenti in chiesa, per confrontarle con quelle forniteci dal comune. Per ora non pensiamo di intervenire, anche perché non è stato commesso alcun reato. La chiesa è aperta ai fedeli e il parroco ha dichiarato la sua disponibilità a dare rifugio a questa gente”. Passa Ania, che ha il pancione e una figlia piccola per mano, lei potrebbe avere il permesso per gravidanza, ma le assistenti sociali e gli operatori della comunità dei giovani le hanno proposto di andare in un istituto, lasciando il marito al suo destino. Ania non vuole, e come lei tutte le altre nella sua situazione: “Il comune ci ha tradito – dice – ci ha fatto promesse, i nostri bambini sono andati a scuola, hanno preso anche il diploma e adesso ci cacciano. Non vogliamo sparire nel nulla”. (*)

Notizie di ieri sera: la mediazione ha funzionato e le espulsioni per il momento sono state scongiurate. Il nodo adesso rimane quello di passare dall'emergenza alla progettualità.

(*) da Melting Pot

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/09/2005 @ 22:33:28, in Italia, visitato 1701 volte)

Come se il tempo stesse girando in tondo. Dopo un po', è normale che venga il mal di testa.

Una tesi, che ritrovo sempre più spesso: gli islamici oggi sono visti come 70 anni fa erano descritti gli ebrei (sottotitolo ovvio: il fascismo e il razzismo di allora stanno tornando con altre vesti)

Nel frattempo sta aumentando il mal di testa. Di questi islamici non mi fido... Li capisco, sono d'accordo, ma non mi fido. Quando scrivono di democrazia, di civiltà. di tolleranza... in realtà sono preoccupati di difendere loro stessi e magari quel poco e quel tanto che sono riusciti a portare con sé.

Quei paragoni che li disgustano, quelle immagini che li offendono, il sentirsi etichettare a priori come ladri o asociali... insomma, il repertorio di 70 anni fa, per chi è nato Rom è stato il pane quotidiano, fino a non farci più caso. Ora si [ri]scopre il razzismo e il fascismo di questi comportamenti. Ma manca ancora coscienza che gli islamici di oggi, sono gli Zingari di oggi (e di ieri). E se non si capisce questo, le vittime possono trasformarsi nei nuovi carnefici, più evoluti e civili.

Il principio è lo stesso: non riconoscere l'altro come un proprio simile. Senza voler far niente per capire da dove abbiano avuto inizio le differenze, ma soltanto per cintare idealmente il proprio cortile. Così è facile parlare di un popolo (che è la più grande minoranza europea) rinchiudendolo nella gabbia fisica e morale della devianza e della depravazione. Senza guardare oltre. Osservo che i tassi di natalità, mortalità, reddito, scolarizzazione che si trovano tra i Rom e i Sinti europei, sono grossomodo gli stessi dei campi profughi in Palestina o delle township sudafricane. Però, sarei giudicato razzista se parlassi di loro come qualsiasi persona civile (occidentale e no) si riferisce a chi non ha ne patria, ne bombe, ne IADL. O meglio, ci sarebbe chi si occupa di difesa legale, ma per ragioni sociopolitiche preferisce operare in paesi più facili da destabilizzare.

Mal di testa acuto: faccio quel che posso per calmarlo e scrivere della pulizia etnica che in questo clima europeo potrebbe essere il futuro degli islamici. Ma l'argomento è ancora un tabù mediatico: sappiamo di cosa succede fuori dai nostri confini, quello che succede in Italia (che si tratti di rimpatri forzati, attentati razzisti, discriminazioni) rimane forzatamente ristretto nella corrispondenza tra intimi.

 

PS: Ho soltanto riscritto una lettera che mandai 16 anni fa ai giornali. Allora, avevo visto un campo Rom soltanto due volte e già si stava cercando di fare in modo che le cose potessero cambiare. Ho dovuto cambiare pochissimo per rendere i 16 anni che sono passati.

PPS del giorno dopo: Ma davvero tenere un blog serve a sfogarsi? Quando tutti sfogano i loro mal di testa, senza sapersi ascoltare, si finisce a scrivere per se stessi. Anche a sfogarmi, vedo che le cose sono addirittura peggiorate da 16 anni fa.

Una volta c'era l'ebreo che da persona diventava categoria, tirato in mezzo anche quando non aveva niente a che fare col discorso. La personificazione di ciò che è negativo.

  • Su il Giornale.it di ieri: si parla di Kusturica, ma visto che il tema del film sono i Rom, il titolo diventa: «C’è chi si fa arrestare solo per avere un tetto»
  • Su La Padania online: titolo "AL QAEDA RIVENDICA LA STRAGE DI LONDRA" e testo "... Insomma - detto con la massima delicatezza per ...quelle vittime - gli sciiti sono l'equivalente, per mentalità, costumi e arretratezza, degli zingari. ..."  di Blondet (dove ho già sentito questo nome?)
Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 03/09/2005 @ 13:30:06, in Italia, visitato 1626 volte)

Sabato 3 Settembre 2005 ore 13:10:13

Da un anno stiamo intervenendo nell'Alto Vicentino dove vivono un centinaio di famiglie Sinte Italiane.
La situazione è drammatica. Famiglie intere si vedono negata la residenza e ricevono quotidianamente Ordinanze di Sgombero perchè appartengono alle Minoranze Etniche Linguistiche dei Sinti Italiani.
Particolarmente grave la situazione a Piovene Rocchette dove il Sindaco, Maurizio Colman, ha intrapreso "una crociata" contro una famiglia di Sinti Italiani che ha acquistato un terreno nel 2000. La famiglia Levacovigh si è vista notificare anche due ordinanze di sgombero al giorno.
Nelle prossime settimane abbiamo intenzione di lanciare una campagna nazionale per contrastare questi fenomeni di rifiuto contro uomini, donne e bambini italiani.
L'atteggiamento del Sindaco di Piovene Rocchette ha trascinato tutto l'Alto Vicentino (Vicenza compresa) e una riunione dal Prefetto il 3 agosto 2005 non ha aiutato a contenere i fenomeni di discriminazione.

Di seguito una rassegna stampa degli ultimi giorni da Il Giornale di Vicenza

23 agosto 2005, di Jenny Bassa
Incredibile iniziativa del sindaco Maurizio Colman contro due famiglie “rom”
Un fosso di 200 metri anti-nomadi
E ieri un incontro con le forze dell’ordine: «Serve pugno di ferro»

24 agosto 2005, di Jenny Bassa
Avvocati contro il fossato
La famiglia sinti s’è rivolta ai legali, contro il gesto “medioevale”
Piovene
S’inasprisce la battaglia per l’ottenimento della residenza delle due nomadi che ad oggi sono senza documenti

24 agosto 2005, di Mauro Sartori
Altri episodi. Varie “iniziative” della campagna per rendere più difficoltosa la permanenza delle carovane
La “rivolta” dei sindaci: «Prima i cittadini poi i rom»
Sbarre, ponticelli, fossati e massi: anche a San Vito, Thiene e Malo non stanno mani in mano

mercoledì 31 agosto 2005, di Bruno Cogo
Il Comune aumenta la sorveglianza
I NOMADI nel mirino
Raffica d’interrogazioni

mercoledì 31 agosto 2005, di g. m. m.
«NOMADI, in via Nicolosi
si passi alle demolizioni»
Dopo la roulotte, ora c’è un camper: continua il disagio

giovedì 01 settembre 2005, di Jenny Bassa
Piovene Rocchette. Azione contro il Comune che ha scavato un solco per impedire ai gitani di sostare in un terreno
NOMADI, dal fosso al tribunale
L’Opera che difende i rom ingaggia gli avvocati contro il sindaco

Su Sucar Drom la rassegna completa

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/09/2005 @ 01:03:28, in casa, visitato 1646 volte)

Dalla mailing list Bulgarian_Roma

Il comune di Sofia ha annunciato l'intenzione di demolire 25 case nel quartiere periferico di Hristo Botev, e di volere procedere con iniziative simili in altri quartieri della cintura urbana.

Sono i quartieri più poveri, con una forte presenza Rom. Il comune ha motivato la decisione con l'intenzione di combattere l'abusivismo edilizio. La decisione non è certamente improvvisa, ma sinora era stata rimandata per diverse ragioni, che tutt'ora non sono risolte. 

  • La prima riguarda il destino degli abitanti, che non hanno altra possibilità se non di finire in mezzo alla strada.
  • In secondo luogo l'illegalità edilizia in Bulgaria è un fenomeno largamente diffuso da anni, che riguarda tanto gli slums delle periferie che i grandi e piccoli complessi alberghieri sulla costa

Il governo già dal 1999 aveva preso l'impegno di risanare i quartieri ghetto, e aveva coinvolto diverse associazioni in progetti che riguardavano a fornitura di corrente elettrica, acqua potabile, scuole e servizi. Progetti che verranno forzatamente interrotti da questa nuova svolta.

Le motivazioni degli sgomberi sono dettate dagli appetiti finanziari ed immobiliari, ma anche dal nuovo quadro politico che sta determinandosi in Bulgaria, dopo il recente successo elettorale della coalizione ultranazionalista Ataka e i difficili tentativi di formare una compagine governativa.

La situazione casa è grave in tutto il paese. Dopo gli alluvioni che hanno colpito tutto l'Europa dell'Est, sono migliaia i Rom che nei piccoli paesi isolati si sono trovati senza casa. Interi villaggi sono stati cancellati dalle piogge. E già nel tormentato quadro politico della Bulgaria fioccano le polemiche sugli aiuti destinati alla ricostruzione, con il partito Ataka che tuona contro i fondi che sarebbero destinati alla ricostruzione dei villaggi Rom.

FONTI VARIE

Articolo Permalink Commenti Oppure (7)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/09/2005 @ 08:02:42, in blog, visitato 1662 volte)

Venerdì o sabato prossimi, la data è ancora da decidere, riprendono le interviste online. Toccherà sottoporsi alle mie e alle vostre domande a Yuri Del Bar, consigliere comunale Sinto a Mantova. Sono molto contento : - ( che anche i lettori abbiano contribuito a scegliere l'intervistato (l'unica indicazione arrivata era per lui). Continua il sondaggio per suggerire le prossime interviste sperando in un po' più di partecipazione.


Signore e signori che state a Milano e dintorni: non fate i vergognosi! Fatevi vivi, vi do appuntamento

alla Festa Nazionale dell'Unità

Martedì 6 settembre - ore 21.00 Caffé incontro

Milano e i rom: un progetto di integrazione tra speranza e solidarietà. Con don Virginio Colmegna, Francesca Corso, Mario De Gaspari, Maria Grazia Fabrizio, Pierfrancesco Maiorino, Carlo Montalbetti.

alle ore 22 dopo il dibattito, proiezione della versione breve di ZINGARI IN CARROZZA


Infine: ho cambiato la pagina destinata agli annunci. E' a vostra disposizione per vendere - acquistare, promuovere un libro, segnalare un sito... e ancora annunci, inserzioni, far conoscere il proprio lavoro e tutto quel materiale (relazioni, testimonianze, dischi, spettacoli ecc.) che ne consegue.. Ecco la Piazza Affari, che rimane col vecchio nome di TIENDA, una parola spagnola che significa negozio, ma da l'idea della bacheca Rom virtuale.

Cercate quello che vi interessa, contattate chi lo propone, proponete voi stessi le vostre capacità e risorse

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/09/2005 @ 12:56:33, in media, visitato 1605 volte)

C'è qualcuno che fa concorrenza a noi lettori della mano o delle sfere di vetro. S - (

Ha cominciato Vittorio Feltri sulle pagine del suo Libero, aprendo una rubrica di consigli sentimentali. 

Oggi scopro Future Feeds, un blog che fornisce anticipazioni su quali saranno gli sviluppi futuri legati al progresso tecnologico. ...Con qualche virata verso la cronaca - indeciso se ridere o piangere, ricopio integralmente:

1 Luglio 2029
Pronto il 5° governo Berlusconi

Montecitorio, Roma
Il Presidente della Repubblica Silvio Berlusconi ha annunciato oggi la formazione del suo quinto governo .
La rosa dei “consiglieri del presidente ” si è ridotta da sette a cinque e ora il governo conta due division in meno ( new-welfare , e credit-balancing ) accorpate rispettivamente nella divisione “future” e “money” .
“Il governo è ora più snello ed efficiente” , ha dichiarato alla platea dei giornalisti, “continua l’opera di riforma del nostro paese iniziata nelle precedenti legislature, iniziata con il Presidenzialismo dei primi anni 2000 e continuata con l’abolizione di tutti i ministeri e ministri a favore di piu efficienti ‘divisions’ e perpretata oggi con il rafforzamento delle divisioni principali e l’accorpamento delle risorse”.

I nomi del nuovo governo ricalcano in parte i precedenti, Marina e Piersilvio sono sempre presenti nell’esecutivo e sono ora affiancati da Giuseppe Schifani e Sandro Bondi , che occupano le poltrone di “Master Judge” e “Information team-leader” oltre a Gianni Letta , capo della divisione “money”.
Si annuncia un quinquennio relativamente tranquillo dal punto di vista politico. Le opposizioni , difatti non sono riuscite neanche questa volta a superare lo sbarramento del 12% , introdotto dalle precenti elezioni ( prima era il 9% ) e sono state quindi estromesse dalla paetecipazione ad ogni forma di attività politica ( come da riforma del nuovo codice penale ).
A chi gli chiedeva quale sarà le prima mossa Berlusconi ha risposto: “E’ stata una lunga e difficile campagna elettorale , è necessario ora riprendere fiato per terminare le riforme e portare avanti il nostro programma di governo. ne riparliamo tra 100 giorni.” 
Momenti di panico e qualche tafferuglio ci sono stati quando un giornalista , con pass della “Libera Repubblica di Bananas” , ovviamente falso , si è alzato per chiedere ” presidente, riuscirà a finire il ponte per questa legislatura?”, creando il gelo in sala e un lieve imbarazzo che ha solcato il viso del presidente.
Subito allontanato dalle forze dell’ordine è stato portato al commissariato di CentoCelle, sede della ” Info-police” , per accertamenti, ma ancora non è stata resa nota la sua identità.

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


24/01/2020 @ 19:11:28
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3689 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:27:21
Di Mr Pendelis
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source