Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 11/04/2012 @ 09:03:25, in Kumpanija, visitato 999 volte)

E' venuta a mancare prematuramente Giuseppina "Rumanì" Ciarelli, romnì italiana tra le prime a Milano a diventare mediatrice culturale e attivista per i diritti dei rom e dei sinti. Rumanì ha iniziato il suo impegno come mediatrice a favore delle donne e dei minori rom e sinti nei consultori famigliari, insieme ai mediatori e alle mediatrici di Sucar Drom alla fine degli Anni Ottanta. E' stata una delle prime mediatrici sanitarie italiane, ci mancherà il suo sorriso e ci mancheranno le sue capacità. Pubblichiamo il ricordo della Consulta Rom e Sinti di Milano a firma di Giorgio Bezzecchi, Dijana Pavlovic e Paolo Cagna Ninchi

"Noi siamo belli", questo diceva Rumanì di noi rom, questo è quello che sentiva, che pensava e che diceva quando incontrava, anche in incontri ufficiali i "gagi". Questo ci ha insegnato Rumani, a credere che i rom sono belli, perché liberi, perché portano qualcosa di bello in questo mondo con il loro modi di vedere la vita, con la gioia capace di esprimersi in ogni momento, anche il più difficile.

Rumanì era libera e capace di raccontare la LIBERTA', capace di cancellare i pregiudizi con le sue parole semplici e forti. Traduceva il suo nome RUMANI' in "donna libera". Così noi pensiamo a lei, sorridente e orgogliosa.

E' stata una delle prime attiviste e leader del movimento per i diritti Civili di Rom e Sinti a Milano. Ciarelli Giuseppina nata Avezzano il 7 Giugno 1957, detta "Rumanì" dalle donne delle Comunità Rom e Sinti di Milano.

Rumanì è stata una delle prime attiviste dell'Opera Nomadi di Milano, iniziava la sua attività già alla fine degli anni '80, nei primi anni '90 seguì un corso di Mediatori Sanitari andando a lavorare per anni nel Consultorio familiare di via Fantoli svolgendo la propria importantissima funzione a favore

Nella prima metà degli anni '90 ritirò a nome dell'Opera Nomadi di Milano l'Ambrogino d'Oro testimoniando orgogliosamente e caparbiamente il desiderio delle Comunità rom e sinte di superare le difficoltà legate alla lotta alla discriminazione e al riconoscimento dei propri diritti. Aveva un grande ruolo all'interno della Comunità e per noi era un punto di riferimento, non solo una grande amica.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/04/2012 @ 09:20:46, in casa, visitato 959 volte)

OPERA NOMADI DI REGGIO CALABRIA - COMUNICATO STAMPA

Il razzismo contro i rom continua ad essere esercitato nel territorio della nostra provincia per ostacolare l'inserimento abitativo di questi cittadini e quindi il superamento dei ghetti.

Nell'ambito dell'operazione di equa dislocazione delle famiglie rom, pochi giorni fa, il Sindaco del Comune di Melito Porto Salvo ha assegnato un alloggio popolare ad una famiglia rom che abita in una baracca con una bambina affetta da una grave malattia congenita. Ma prima che il Comune potesse consegnare l'alloggio l'immobile è stato occupato abusivamente da un'altra famiglia melitese per impedire l'insediarsi dei rom.

Il sindaco di Melito Porto Salvo è intervenuto tempestivamente sfrattando gli occupanti, ma questi hanno cominciato a protestare contro la famiglia rom e contro l'Amministrazione comunale dichiarando che non intendono accettare dei rom nel loro quartiere. Questa famiglia, che dopo tanti anni è riuscita ad avere un alloggio adeguato dove poter curare la figlia, ora si trova a dover affrontare il rifiuto di questi concittadini con la preoccupazione per quanto potrebbe accadere.

Purtroppo queste azioni razziste sono un copione che si ripete ormai da anni. Altre occupazione abusive di alloggi destinati alle famiglie rom si sono verificate nei mesi passati nel comune di Gioia Tauro e qualche anno fa anche a Reggio Calabria è avvenuta la stessa cosa in concomitanza con l'operazione di equa dislocazione. Nella stessa città di Melito Porto Salvo, pochi anni fa, sei alloggi destinati alle famiglie rom sono stati incendiati. Queste azioni sono state contrastate adeguatamente sia dalle Amministrazioni comunali che dalle stesse famiglie rom e dall'Opera Nomadi e quindi anche se hanno rallentato i progetti di inserimento abitativo non hanno impedito che si raggiungessero dei risultati. Tuttavia è mancata una condanna di queste azioni da parte della comunità civile nel suo complesso. E' chiaro che queste azioni di discriminazione non sono casi isolati, come spesso si vuole lasciare intendere, ma sono l'espressione di un pensiero diffuso nella nostra società secondo il quale i rom sono dei cittadini “inferiori” che non possono vivere insieme alle altre persone. Questo è il motivo della mancata condanna. Nonostante da anni abbiamo recepito le leggi europee contro il razzismo, abbiamo un Ufficio Nazionale contro il Razzismo che dipende dal Governo nazionale, vengono realizzate continue iniziative di contrasto alla discriminazione e dal 28 febbraio 2012 l'Italia ha una strategia nazionale per l'inclusione delle comunità rom che prevede il superamento dei ghetti, in alcuni comuni ( Cosenza, Roma, ecc..) si progettano ancora campi ghetto e si continuano a realizzare azioni razziste.

Qualcosa non ha funzionato. A differenza di quello che si dice nei dibattiti e sui media il razzismo fa parte integrante della nostra cultura locale e nazionale. La nostra cultura, come tutte le culture occidentali, contiene come suoi elementi interni sia il razzismo che l'antirazzismo. Pertanto il razzismo si potrà combattere adeguatamente solo dopo che avremmo ammesso la sua esistenza effettiva nella nostra cultura, e quindi non più come elemento estraneo che sporadicamente interessa la nostra società ( Bauman Z., Modernità e Olocausto, 1992) ma quale elemento costituente che va estirpato lavorando dall'interno.

Nonostante il limite esistente nella strategia di lotta al razzismo, nella provincia di Reggio Calabria dei risultati sono stati raggiunti. Negli ultimi 10 anni attraverso il progetto di equa dislocazione circa 20 famiglie rom sono state inserite nel tessuto urbano del comune di Melito Porto Salvo ed oggi abitano civilmente accanto alle famiglie non- rom. Nello stesso periodo, nel comune di Reggio Calabria, circa 102 famiglie sono state inserite in 80 condomini diversi che si trovano su tutto il territorio comunale da Gallico a Pellaro. Anche questi rom di Reggio Calabria vivono bene accanto alle famiglie non rom. Questo ci fa capire che l'opposizione che quasi sempre caratterizza il primo momento dell'inserimento nel quartiere è condizionato dal pensiero razzista comune, ma viene superata gradualmente con il contatto personale e diretto tra rom e non-rom (Teoria del contatto di G. Hallport). Queste 122 famiglie vivono bene con i loro vicini di casa i quali hanno finalmente capito che i rom sono persone come loro, che gli stereotipi negativi diffusi non corrispondo alla realtà e che con loro ci si può vivere assieme nello stesso condominio. Il progetto di equa dislocazione realizzato nei due comuni attraverso la collaborazione tra Amministrazioni comunali, Opera Nomadi e famiglie rom ha quindi permesso a ben 122 famiglie di uscire dai ghetti e di inserirsi nella società. Da pochi mesi anche il comune di Gioia Tauro ha avviato il progetto di equa dislocazione per le famiglie rom e ha già dislocato la prima famiglia.

Alla luce della buona esperienza realizzata a Melito Porto Salvo l'Opera Nomadi prega la comunità del luogo, la Chiesa, le associazioni del terzo settore, i candidati a sindaco e tutta la società civile, da sempre molto sensibile verso i problemi sociali, a prendere una posizione su questo caso di non accoglienza per far capire alle persone che si ostinano a non accettare i rom che bisogna abbandonare i pregiudizi perché i rom sono persone come loro e che respingerli significa respingere se stessi.

Reggio Calabria, 7 aprile 2012
Opera Nomadi di Reggio Calabria
Il presidente Antonino Giacomo Marino

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/04/2012 @ 09:18:29, in Regole, visitato 1035 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Tanjug

BELGRADO - Circa 30.000 persone in Serbia, soprattutto Rom, non hanno documenti personali. mentre 6.500 non sono iscritti al registro delle nascite, il ché li rende giuridicamente invisibili.

Il responsabile ACNUR in Serbia, Eduardo Arboleda, ha dichiarato lunedì che la Serbia è cosciente di questo problema con gli apolidi, ed assieme all'ACNUR sta lavorando ad una soluzione, aggiungendo che con l'adesione di emendamenti al codice di procedura civile, la Serbia potrebbe essere la prima nella regione a risolvere la questione.

Secondo Arboleda, l'apolidia è un grave problema, con serie conseguenze sulla vita delle persone, dato che impedisce di ottenere i certificati di nascita, limita l'accesso al lavoro, all'assistenza sanitaria ed al rispetto ai diritti umani fondamentali.

Ha detto a Tanjug che questo problema è presente soprattutto per i Rom che vivono nelle baraccopoli,, che non hanno permesso di residenza o nessuna conoscenza delle procedure d'accoglienza, [...].

Secondo i dati di uno studio recente sulla situazione in Serbia, risulta che il 6,5% dei Rom non abbia documenti personali, mentre l'1,5% non è nemmeno presente nei registri delle nascite, dice Arboleda.

Ha aggiunto che da almeno cinque anni l'ACNUR sta lavorando sul problema delle baraccopoli rom e della loro registrazione, sinora in 20.000 hanno ottenuto documenti adeguati.

"Credo che assieme al governo serbo possiamo risolvere questo problema," ha detto Arboleda, aggiungendo che l'ACNUR sta per firmare un memorandum d'intesa col ministero competente, sull'impegno comune nella risoluzione della questione.

A dicembre 2011, la Serbia ha aderito alla Convenzione del 1961 sulla Riduzione dell'Apolidia, e a marzo 2012 il difensore civico Sasa Jankovic ha presentato il rapporto sulla posizione delle persone legalmente invisibili in Serbia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/04/2012 @ 09:33:22, in Regole, visitato 1087 volte)

(foto Keystone) Corriere del Ticino AI: vietato discriminare gli zingari
Secondo il TF bisogna tenere conto del loro particolare modo di vita 5.04.2012 - 12:01 ats

LOSANNA - Gli zingari non devono essere discriminati nei riguardi dell'assicurazione invalidità (AI): il Tribunale federale (TF) ha accolto il ricorso di una donna a cui è stata rifiutata una rendita, col motivo che i suoi problemi di salute non le impediscono di svolgere un'attività sedentaria.

La donna, appartenente alla comunità svizzera degli zingari, vive nella regione di Ginevra nei mesi invernali e si sposta il resto dell'anno in Francia, Germania e nella Svizzera tedesca. Dopo essere stata impiegata dall'impresa del marito rigattiere, dal 2006 non è più in grado di lavorare a causa di una lombalgia cronica. Le autorità ginevrine le avevano tuttavia negato una rendita AI.

La valutazione del grado d'invalidità - rilevano i giudici federali - deve tener conto del modo di vita degli zingari. Nel loro caso, i dati statistici sui quali è basato il calcolo del reddito che la persona potrebbe conseguire non sono adeguati.

Per aver omesso di tener conto dell'itineranza della donna, il rifiuto opposto dalle autorità ginevrine è contrario al divieto di qualsiasi discriminazione, diretta o indiretta, previsto dalla Costituzione federale e agli impegni, relativi alla protezione delle minoranze, sottoscritti dalla Svizzera sul piano internazionale, sentenzia la Corte suprema.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Marylise Veillon (del 08/04/2012 @ 09:57:06, in Kumpanija, visitato 1280 volte)



La fortuna, la provvidenza, il destino o come lo si voglia chiamare, ha fatto sì che fossi presente a Londra, nella settimana dell'otto aprile 1971. Da allora, ne è passata di acqua sotto i ponti. Sono trascorsi 41 anni. Ero quasi un bambino. Il mio viaggio a Londra, appena dopo il franchismo, fu il mio battesimo riguardo alla conoscenza della realtà gitana mondiale, della quale fino allora, avevo soltanto vaghe conoscenze.

Gitani e gitane provenienti da 25 paesi si erano dato appuntamento a Londra. Ci sono andato senza conoscere nessuno, e senza avere ben chiaro in mente di cosa trattava quella riunione. La mia prima sorpresa fu di constatare che quelle giornate erano state convocate, programmate e dirette dai gitani stessi. Neanche un solo "gachó" (payo) intervenne nei dibattiti, né assolutamente condizionò gli accordi lì presi. I ricordi vengono alla mia memoria con la stessa forza con la quale appaio nelle foto che accompagnano questo commento, le quali mi sono state regalate l'anno scorso, nel Regno Unito.

L'otto aprile del 1971, sapevo che nel mondo vivevano più gitani di quelli che conoscevo in Andalusia, però non li avevo mai visti. L'otto aprile 1971 ho sentito parlare per la prima volta in romanì. A casa mia, la mia famiglia chiacchierava in gergo. Non era lo stesso, ma era simile. Ho potuto scoprire stupito, come gitani che vivevano dietro la cortina di ferro - gitani che non si erano mai neanche sognato che le autorità comunista del loro paese avrebbero potuto mai autorizzarli a uscire verso il mondo capitalista - si capivano perfettamente con gli altri gitani arrivati dalla Francia, dalla ex Iugoslavia, o dalla temuta Germania. L'otto aprile 1971, sono stato invaso da brividi di commozione quando ho sentito sulla mia pelle i baci calorosi di tanti gitani che mi abbracciavano, emozionati per avere trovato il figlio perduto, il fratello sconosciuto che veniva dalla vecchia Spagna dove - loro lo sapevano - vivevano centinaia di migliaia di gitani separati dal resto del loro popolo, disperso in milioni per tutto il mondo.

L'otto di aprile 1971 mi sono sentito più libero che mai. Ho partecipato alla votazione che ha ufficializzato la nostra bandiera e poi ho percepito la liberazione che si prova tenendo come tetto l'azzurro del cielo e come pavimento il verde dei campi. Poi ho capito con chiarezza assoluta perché mio nonno Agapito ci augurava sempre salute e libertà.

L'otto aprile 1971 ho visto per la prima volta una balalaica. Ho ascoltato il suo suono nelle mani di Jarko Jovanovic. Alla sua melodia si è unita la musica soave, triste e melancolica di alcuni violini, e mentre dalle corde della balalaica saltano fuori le note infuriate, che imitano il crepitio delle fiamme assassine che hanno distrutto la vita di tanti innocenti nei campi nazisti, i violini con la loro dolce melodia, fanno strada a fiumi di lacrime, mentre giocano con il ricordo di tanti anziani ingiustamente gasati, decine di migliaia di bambini massacrati e centinaia di uomini e donne che, nel fior della vita, non capirono mai perché li svestirono prima di introdurli nelle camere a gas. Così è nato il "Gelem Gelem".

L'otto aprile 1971, come lo sbocciare di un fiore, nella vecchia Europa è apparso il germe di una coscienza collettiva addormentata per tanti secoli. Gitani e gitane provenienti da 25 stati, residenti nei paesi comunisti dell'eterno freddo, o nella geografia spesso disumana del capitalismo più feroce, hanno messo al di sopra di qualsiasi ideologia il rispetto per la nostra comune condizione di gitani. Poi ci siamo resi conto che eravamo un popolo, che aveva saputo conservare leggi e costumi e che dovevano essere difesi. Il rispetto verso le persone più grandi, l'autorità indiscussa degli anziani, il valore della parola data, la venerazione suprema della famiglia, sono l'espressione palpabile della nostra massima istituzione e dell'amore supremo e incorruttibile nei confronti della libertà.

Oggi non ci sembra il giorno adatto per parlare delle nostre miserie. Dell'emarginazione della quale siamo vittime e degli attacchi razzisti che patiamo. Per denunciare queste situazioni abbiamo tutti i giorni dell'anno, e così facciamo. L'otto aprile è la Giornata Internazionale del Popolo Gitano è ha una vocazione di fraternità e di rispetto per tutto il mondo. Così come in questo giorno i gitani e le gitane del pianeta si avvicinano ai fiumi per depositare sulle loro acque le candele del ricordo e i fiori della libertà, nelle quali sta il simbolo del nostro desiderio di convivere con il resto dei cittadini in pace e armonia, in quanto una celebrazione che racchiude il ricordo del passato e l'amore per la libertà dovrebbe essere patrimonio di tutta l'umanità.

Juan de Dios Ramírez Heredia
Presidente de Unión Romani
Abogado y periodista

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/04/2012 @ 09:17:23, in musica e parole, visitato 977 volte)

Prosegue la V edizione di StranItalia con una serata che va "Oltre i luoghi comuni".
Recuperare la curiosità e l'apertura verso l'altro, ribaltare i luoghi comuni, i pregiudizi per costruire e proporre luoghi in comune...

SABATO 14 APRILE

19:30 TESTIMONIANZE di Bianca Stancanelli
Rebecca Covaciu
Roberto Malini
20:30 APERITIVO preparato da Operazione Mato Grosso
e CONCERTO Roberto Durkovic e i fantasisti del metrò

c/o SALA RIUNIONI PARROCCHIA SANTA TERESA (FRATI)
Piazza Montegrappa, 1 - LEGNANO

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/04/2012 @ 09:32:01, in Italia, visitato 1411 volte)

Da circa un mese, i due fratellini Libero e Il Giornale stanno battendo la grancassa, ripetendo la notizia che con Pisapia (ed in assenza di sgomberi) a Milano sono in aumento i "nomadi". E' il loro marchio di fabbrica: si alternano nel ripetere la cosa, finché qualche altro media, per sfinimento o in mancanza di altro da scrivere, si unisce al coro.

    Leggendo le cronache dalle altre città (grandi e piccole) in Italia, ho invece la sensazione che i cosiddetti "nomadi percepiti" (cioè: mendicanti, lavavetri, mariuoli di vario calibro) siano in aumento un po' dovunque. Figli di questi tempi, credo: nell'attuale situazione economica, non siamo solo noi a perdere il lavoro, fare più fatica a fare la spesa o mandare i figli a scuola. Ma si sa, che il compito della maggior parte dei giornali non è tanto fare informazione, quanto trovare il colpevole, e a Milano si preferisce dare la colpa a Pisapia, piuttosto che a Monti (o al suo predecessore, nessuno ricorda come si chiamasse?)

La soluzione per Milano, apripista Libero e il Giornale, sarebbe riprendere la vecchia e sana politica degli sgomberi ad oltranza che, a detta loro (ma anche del prefetto Gian Valerio Lombardi), in passato aveva ridotto le presenze nomadi in città.

Sarebbe utile ragionare sulle cifre riportate, e capire come vengano fornite. Ad esempio, sulle stesse pagine dei quotidiani da anni si parla si situazioni al limite dell'invivibile dentro TUTTI i campi rom cittadini, dove polizia e carabinieri non riuscirebbero nemmeno ad entrare. Io al contrario posso testimoniare che le loro pattuglie vi entrano regolarmente, anche una volta al giorno, fanno il loro giro ed escono senza problema. Che quelle stesse pattuglie con frequenza quasi mensile compiano una sorta di censimento (rigorosamente prima delle 7.00 e non capisco il perché), ma che nonostante ciò in comune da anni non sanno con quanti rom e sinti hanno a che fare. Quello che ricordo degli sgomberi di De Corato, non è che portarono ad una riduzione delle presenze nomadi in città, ma che si creò un'ondata di "nomadi di ritorno": sempre gli stessi sgomberati ogni volta. I due giornali, con dietro il coro, dimenticano che quella politica ebbe come risultato almeno una cinquantina di insediamenti di fortuna, diffusi in tutta la periferia, dove venivano rimbalzati gli sgomberati.

L'incendio questa settimana nel campo di via Sacile, ha risvegliato il dibattito sul destino di questi insediamenti, e come porvi rimedio. Se l'ex vicesindaco De Corato nostro ne approfitta per ribadire quanto lui era bravo, l'attuale maggioranza -ormai da mesi- prosegue con dichiarazioni (tante) ed atti concreti (meno), apparentemente contraddittori tra loro che, almeno riguardo alla questione degli insediamenti abusivi, sta portando al risultato di avere le stesse presenze di prima, ma più concentrate e periferiche rispetto al passato.

Occorre capire meglio cosa passi per la testa degli attuali amministratori: sicuramente una delle cause della loro indeterminatezza è data dal buco in bilancio della giunta precedente, già denunciato il luglio scorso. La seconda causa è dovuta al fatto che dichiarando la Corte Costituzionale illegittimo il Piano Maroni, sono scomparsi i fondi superstiti. In questa situazione, non conoscendo quanti possano essere i soldi disponibili, le tante e contraddittorie dichiarazioni sono fatte non tanto a ragion veduta, quanto per motivi di propaganda a corto respiro.

    Apro una parentesi: domenica scorsa ero all'insediamento di via Sacile. In quel campo che TUTTI indicano come una bomba ad orologeria sociale, gli abitanti mi mostravano le loro carte d'identità italiane (dato che sono arrivati lì dopo innumerevoli altri sgomberi) - carte d'identità andate bruciate con l'incendio. Buona parte dei maschi adulti ha un lavoro (per quanto in nero), i bambini hanno iniziato ad andare a scuola. Quindi esistono anche dei Rom "abusivi" che sono già sulla via dell'integrazione. Se fosse quello l'obiettivo, sarebbe DOVERE dell'amministrazione aiutarli, trovare qualche modo meno infernale di poter vivere. Ma le risposte ottenute dal comune spesso sono state del tono "vogliamo aiutarvi, ma dovete andarvene".

    Un esempio di cosa manca: il campo è (ovviamente) una gigantesca discarica, il comune non effettua la raccolta dell'immondizia, per paura di trattare TROPPO BENE questa gente (poco importa se le infezioni sono per loro natura antirazziste, e attaccheranno tanto loro quanto il resto degli abitanti). In Francia, anche se un insediamento è abusivo o a rischio sgombero, le municipalità (di destra o sinistra) mettono sempre a disposizione dei cassonetti per la raccolta rifiuti. In via Sacile sono gli OCCUPANTI ad autotassarsi per poter pagare una compagnia privata che provveda.

    Altro esempio: nel campo manca l'acqua, e più volte al giorno le donne fanno un lungo percorso sino ad un parchetto cittadino munito di fontanella, sollevando spesso il ribrezzo degli altri frequentatori del parco. Alcuni OCCUPANTI avevano raggiunto un accordo col proprietario di una casa abbandonata accanto al campo, per ripristinare il collegamento idrico. Ora bastava superare una recinzione divelta per rifornirsi senza scandali. Dopo qualche giorno, è intervenuta la polizia municipale per chiudere il rifornimento dell'acqua così ottenuto.

Questo il panorama di un'integrazione che (discorsi a parte) viene resa impossibile. La giunta attuale non chiede sgomberi, ma il "superamento dei campi"; cosa cambi non è chiaro, in assenza di proposte su dove può finire questa gente. L'alternativa pratica ai disastrosi campi attuali sembrano essere campi ancora più disastrosi.

Luoghi disastrosi per gente altrettanto disastrosa. E qua, occorre misurare l'approccio che si vuole avere con chi ci abita. Se UNA PARTE è gente come quella che descrivevo sopra, quando si tratta di cercare un dialogo con l'amministrazione, i toni tornano a quelli di anni fa: spaccio, prostituzione, ricettazione, furti, ecc. (qualche volta gradirei anche dati e cifre, please), diventano SCUSE per bloccare qualsiasi scelta che non vada oltre la pura emergenza. Scuse, di cui gli house organ comunali, le pagine cittadine del Corriere e di Repubblica, si fanno volentieri altoparlanti.

Con un'aggravante, per tornare al panorama dell'informazione: il progressivo "superamento dei campi", dietro il paravento del ripristino della legalità e del decoro, nasconde ancora, a distanza di anni e di giunte passate, i vecchi appetiti che si chiamano Expo, speculazioni immobiliari varie e, nel caso di via Sacile, i lavori di prolungamento della Paullese che, guardacaso, Pisapia in campagna elettorale si era impegnato a bloccare. Ma, visto che Pisapia per i suoi fan rimane intoccabile (e spesso inavvicinabile), il "lavoro sporco" viene delegato ai Granelli ed ai Majorino del caso.

Quindi: Pisapia come Moratti e sgomberi come "pensiero unico"? Leggo, nelle cronache romane, una descrizione della situazione nella capitale, governata da una maggioranza diversa che sta investendo una marea di soldi per costruire nuovi campi piazzati praticamente nel deserto: Rom, 21 luglio: "Con gli sgomberi i campi sono aumentati da 80 a 269". La gente anche lì rimane sempre quella, cambia il numero e la dimensione degli insediamenti di fortuna (diteglielo voi a De Corato).

E, permettete, destra e sinistra non usciranno da questo pantano (qualsiasi cosa proclamino), se non troveranno il coraggio di "prendere il toro per le corna", anche a costo di scelte impopolari. Scelgano una buona volta: la repressione dura e pura, con la PULIZIA ETNICA delle città. Oppure, prendano atto (magari non lo sanno...) che ci sono centinaia di edifici abbandonati sul territorio, potrebbero risolvere una buona parte del problema o, se restano abbandonati, prima o poi verrà qualche sgomberato ad occuparli. Io non ero ancora nato, ed in un'Italia sicuramente più povera di quella odierna, i vecchi politici di un vecchio centro (poi centro-sinistra), avevano già iniziato a smantellare le coree (molto più estese dei campi attuali), a favore di una politica della casa per le masse di immigrati che si erano riversate a Milano, Roma, Torino ecc.

Sappiate, signori amministratori, che quel che dovreste fare voi (scolarizzazione, facilitare l'accesso al lavoro, ai servizi pubblici e sanitari, dialogare con Rom ed altri cittadini) a Milano ed altrove lo stanno facendo da anni nuclei di volontari, sempre più numerosi e coscienti. Sono il capitale di un'amministrazione senza soldi, signori amministratori, sono i vostri votanti. Non fate la faccia offesa se vi chiedono ASCOLTO e RISPETTO.

E sulle stesse note, vi chiedo di aderire al progetto elaborato da un'altra comunità rom, con la medesima pratica di mediazione sociale diffusa. GRAZIE.


Nel frattempo: Matteo Salvini è sempre stato un ragazzo sveglio ed attivo, uno che la città se la gira da cima a fondo. Giovedì mattina era con i suoi in via Sacile, per dire ai Rom che dovevano andarsene. Mi dicono che la sera sia apparso contemporaneamente in televisione su Matrix, prendendosela con gli zingari ladri, e a Porta a Porta, piangendo sui (presunti) furti della Lega. Schizofrenico grave.

Fonti:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Foto di Paul Polansky - MilanoInMovimento: A breve l'intervista integrale a Paul Polansky su questo sito.

All'alba di mercoledì un incendio ha distrutto metà del campo Rom di via Sacile angolo via Bonfadini a Milano. L'area sotto sgombero è destinata alla costruzione di uno svincolo della Statale Paullese e di un tratto di una rete fognaria.

Attualmente la versione ufficiale dei fatti parla di un incendio non doloso provocato da una candela situata all'interno del campo.

Il poeta Paul Polansky, già intermediario per l'Onu e premiato con lo Human Rights Award nel 2004, si trovava nel campo durante la notte in cui le baracche hanno preso fuoco e in un'intervista esclusiva rilasciata a Milano In Movimento dà una versione radicalmente diversa dell'accaduto e in particolare delle cause dell'incendio.

 Guarda la VIDEO intervista in esclusiva di Milano In Movimento.

Ndr: L'intervista è stata concordata e realizzata in collaborazione con la redazione di Mahalla


Nota:

Saluti a tutti,

Volevo scrivere oggi un rapporto su come e perché ci fosse stato un incendio nel campo rom a Milano dove vivevo, ma al suo posto troverete qui sopra un intervista con me in inglese ed italiano che spiega tutto.

Vi chiedo di girare l'intervista a tutti quanti siano interessati ad aiutare questi Rom.. Almeno venti famiglie nel campo ora non hanno un tetto. Stanno scavando tra i resti bruciati in cerca di materassi a molle per farsi nuovi letti. Il comune non ha portato loro nessuna tenda e neanche nuove baracche, come aveva promesso. L'unico aiuto è stato una tazza di Nescafe dopo che l'incendio è stato spento.

Ora all'ingresso del campo ci sono 24 ore su 24 due macchine della polizia. Perché, se è stata solo una candela a far scoppiare l'incendio? Ho intervistato i poliziotti e chiesto loro perché erano lì. Mi hanno detto [che era] per tenere lontani i Rom dal terreno intossicato (bruciato). Ma la polizia permette loro di piantare le tende che si sono procurati su quel terreno tossico, limitandosi ad osservarli dalle loro macchine, dato che i Rom passano tutto il giorno su quel terreno in cerca di quello che hanno perso nell'incendio.

Spero che possiate dare una mano, appellandovi al sindaco di Milano.

Grazie,

Paul

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/04/2012 @ 09:20:36, in Regole, visitato 979 volte)

VITA di Gabriella Meroni - 04 aprile 2012

Il governo attuale difende le decisioni del precedente sull'emergenza rom. E l'Asgi si chiede perché

L'Asgi (Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione) esprime "sconcerto e perplessità" per la scelta del governo Monti di impugnare davanti alla Corte di Cassazione la sentenza del Consiglio di Stato che, con riguardo ai decreti sull'emergenza nomadi emanati dal Governo Berlusconi nel maggio 2008, aveva negato che esistessero i presupposti legali per la dichiarazione dello stato di emergenza.

La sentenza del massimo giudice amministrativo, che risale al novembre scorso, "seguiva quella del Tar del Lazio del 2009 - ricorda l'Asgi - che, pur riconoscendo invece la legittimità della proclamazione dell'emergenza, aveva comunque censurato l'operato del governo che aveva imposto il "censimento" etnico e che aveva regolamentato impropriamente i cosiddetti campi nomadi di Roma". L'Asgi chiede dunque che il Governo Monti desista dall'azione giudiziaria intrapresa, "così dimostrando di discostarsi dalla politica discriminatoria del precedente esecutivo e riconoscendo piena dignità alle popolazioni rom e sinte".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/04/2012 @ 09:00:09, in casa, visitato 1061 volte)

Amnesty International Data di pubblicazione dell'appello: 02.04.2012 - Status dell'appello: aperto

Dal 19 marzo circa 1500 famiglie rom sono a rischio sgombero forzato dall'insediamento informale di Belvil, Belgrado, capitale delle Serbia. Le famiglie non sono state informate su dove saranno rialloggiate e potrebbero essere reinsediate in condizioni inadeguate o rimanere senza casa.

Lo sgombero dell'insediamento era stato precedentemente minacciato dalle autorità di Belgrado nel marzo 2010. Le autorità locali avevano affermato che la maggior parte dei residenti dell'insediamento di Belvil sarebbero stati sgomberati per far posto a strade di accesso ad un nuovo ponte sul fiume Sava. Non era stato predisposto alcun piano di reinsediamneto ne era stata avviata una consultazione con i residenti.

A seguito alla campagna di Amnesty International e delle organizzazioni locali per i diritti umani, lo sgombero era stato sospeso. Come risultato della pressione esercitata, la Banca Europea degli Investimenti (Bei), uno degli finanziatori del progetto del ponte di Sava, ha dichiarato che lo sgombero sarebbe dovuto avvenire in conformità con gli standard internazionali.

Nell'aprile 2011, le autorità cittadine, coadiuvate dalla Bei, convocarono una riunione con i residenti di Belvil che vivono lungo la strada di accesso (circa 100 famiglie) e promisero che lo sgombero sarebbe avvenuto nel rispetto degli standard internazionali sui diritti umani. Le autorità promisero che avrebbero elaborato un dettagliato piano d'azione per il reinsediamento in accordo con le persone coinvolte. Ai residenti sarebbero state assegnate delle case prefabbricate, considerate da Amnesty International un alloggio adeguato.

Tuttavia i residenti di Belvin non sono più stati contattati dalle autorità cittadine fino al 15 marzo 2012 quando gli è stato comunicato che sarebbero stati sgomberati al più presto.

Nonostante le assicurazioni da parte della Bei e delle autorità cittadine, il 16 marzo le autorità della città di Belgrado hanno distribuito la notifica di sgombero ai residenti di Belvil. Gli è stato chiesto di distruggere e lasciare le loro case, senza alcuna consultazione preventiva e senza ricevere alcuna informazione su possibili piani di reinsediamento.

Egregio Sindaco,

Sono un simpatizzante di Amnesty International, l'Organizzazione non governativa che dal 1961 agisce in difesa dei diritti umani, ovunque nel mondo vengano violati.

Sono molto preoccupato per il rischio di sgombero di 1500 famiglie rom a Belvil, un insediamento informale di Belgrado.

Il 16 marzo le autorità della città di Belgrado hanno distribuito la notifica di sgombero ai residenti di Belvil. Gli è stato chiesto di distruggere e lasciare le loro case, senza alcuna consultazione preventiva e senza ricevere alcuna informazione su possibili piani di reinsediamento.

Essendo la Serbia uno Stato parte dei trattati internazionali e regionali che vietano gli sgomberi forzati, Le chiedo di:

  • fermare lo sgombero delle famiglie rom che vivono a Belvil e altrove a Belgrado;
  • avviare una consultazione reale con tutte le persone interessate per trovare tutte le possibili alternative agli sgomberi;
  • fornire alle persone interessate un piano per il loro reinsediamento, compresa la fornitura di un alloggio adeguato;
  • assicurare che gli sgomberi siano eseguite come ultima risorsa e dopo che siano state prese tutte le tutele legali e le garanzie, compreso un reinsediamento completo e un piano di compensazione per tutte le persone interessate.

La ringrazio per l'attenzione.

Scarica l'appello in favore dei rom in Serbia (.pdf 14.21 KB)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/11/2019 @ 05:41:10
script eseguito in 213 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2591 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source