\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Campo Rom di via Sacile-Bonfadini: incendio doloso? La testimonianza VIDEO di Paul Polansky
Di Fabrizio (del 07/04/2012 @ 09:30:10, in Italia, visitato 3715 volte)

Foto di Paul Polansky - MilanoInMovimento: A breve l'intervista integrale a Paul Polansky su questo sito.

All'alba di mercoledì un incendio ha distrutto metà del campo Rom di via Sacile angolo via Bonfadini a Milano. L'area sotto sgombero è destinata alla costruzione di uno svincolo della Statale Paullese e di un tratto di una rete fognaria.

Attualmente la versione ufficiale dei fatti parla di un incendio non doloso provocato da una candela situata all'interno del campo.

Il poeta Paul Polansky, già intermediario per l'Onu e premiato con lo Human Rights Award nel 2004, si trovava nel campo durante la notte in cui le baracche hanno preso fuoco e in un'intervista esclusiva rilasciata a Milano In Movimento dà una versione radicalmente diversa dell'accaduto e in particolare delle cause dell'incendio.

 Guarda la VIDEO intervista in esclusiva di Milano In Movimento.

Ndr: L'intervista è stata concordata e realizzata in collaborazione con la redazione di Mahalla


Nota:

Saluti a tutti,

Volevo scrivere oggi un rapporto su come e perché ci fosse stato un incendio nel campo rom a Milano dove vivevo, ma al suo posto troverete qui sopra un intervista con me in inglese ed italiano che spiega tutto.

Vi chiedo di girare l'intervista a tutti quanti siano interessati ad aiutare questi Rom.. Almeno venti famiglie nel campo ora non hanno un tetto. Stanno scavando tra i resti bruciati in cerca di materassi a molle per farsi nuovi letti. Il comune non ha portato loro nessuna tenda e neanche nuove baracche, come aveva promesso. L'unico aiuto è stato una tazza di Nescafe dopo che l'incendio è stato spento.

Ora all'ingresso del campo ci sono 24 ore su 24 due macchine della polizia. Perché, se è stata solo una candela a far scoppiare l'incendio? Ho intervistato i poliziotti e chiesto loro perché erano lì. Mi hanno detto [che era] per tenere lontani i Rom dal terreno intossicato (bruciato). Ma la polizia permette loro di piantare le tende che si sono procurati su quel terreno tossico, limitandosi ad osservarli dalle loro macchine, dato che i Rom passano tutto il giorno su quel terreno in cerca di quello che hanno perso nell'incendio.

Spero che possiate dare una mano, appellandovi al sindaco di Milano.

Grazie,

Paul