Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 18/11/2013 @ 09:05:30, in media, visitato 1152 volte)

By Ivan Ivanov - 6th November 2013

Ivan Ivanov spiega perché il "resocontare responsabile" è così essenziale nel cambiare le opinioni e gli atteggiamenti verso i Rom

La recente copertura mediatica sul caso di una bambina greca ritrovata in un campo rom in Grecia, ha sollevato la consapevolezza che ci sono "angeli biondi" anche tra i Rom. Ciò contrasta con il ritratto fin troppo stereotipata e dannoso dei Rom come "diavoli scuri". Rimuovere la sola bambina bionda dalla famiglia rom con altri 14 figli di pelle più scura, è la dimostrazione che lo stereotipo dei "Rom che rubano i bambini ai non-rom" è tuttora vivo nella testa della gente. Voce smentita dato che la bambina è di origine romanì. L'altro stereotipo generato dalle autorità e dai media è che i Rom siano "trafficanti d'infanzia". Anche questo teorema è stato smontato, dato che la bambina bionda è stata informalmente adottata da una famiglia molto povera della Grecia con 14 bambini, da un'altra famiglia povera della Bulgaria con 10 figli.

Un'azione così ben combinata da parte di alcuni media e politici anti-rom, ha un forte impatto negativo in un momento in cui i sentimenti anti-rom in Europa sono in crescita. L'impatto della recente isteria mediatica è profondamente preoccupante in quanto riproduce miti e stereotipi negativi sui Rom, rinforzando pregiudizi che possono incitare al razzismo e alla discriminazione contro queste comunità. Resoconti parziali e bigotti possono avere dure conseguenze sulla vita quotidiana delle comunità rom in tutta Europa ed indebolire qualsiasi sforzo della società civile, del mondo accademico e di alcune istituzioni nel promuovere un'identità ed un'immagine rom che sia differente e maggiormente positiva. Purtroppo, il giornalismo sensazionalista e di parte vende più della cronaca etica e responsabile, libera da stereotipi e pregiudizi.

Il caso della bambina rom bionda ritrovata in una famiglia rom mi da speranza. Questo caso è un chiaro esempio della forza dei media e della loro rapida influenza nella società. Perché non lavoriamo assieme per redirigere il potere dei media verso un cambiamento progressivo, utile a combattere i pregiudizi e gli stereotipi anti-rom, invece che ad incitarli? Dato che altri canali e strumenti non sembrano funzionare o essere così efficaci, perché non adoperare l'influenza dei media per cambiare opinioni e atteggiamenti della gente? So che questo genere di media non vende, ma lo spero comunque.

Ivan Ivanov è direttore esecutivo dell'European Roma Information Office

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/11/2013 @ 09:01:02, in Europa, visitato 986 volte)

Romeo Franz: L'Europa dev'essere libera da discriminazione e razzismo
Berlin, 11.11.2013 23:47, (ROMEA) Veronika Patochkovà, translated by Gwendolyn Albert

Quanto segue è un'intervista a Romeo Franz, 46 anni - compositore, pianista e violinista. Fondò il suo primo gruppo, Romeo Franz Ensemble, nel 1991 e nel 2012 compose il pezzo "Mare Manuschenge", in commemorazione delle vittime romanì del nazismo.

Nel 2011 Franz si è iscritto al partito dei Verdi ed è diventato attivista politico. Prima era stato presidente dell'Unione dei Sinti Tedeschi della Renania-Palatinato e membro del consiglio di amministrazione del Consiglio Centrale dei Sinti e Rom Tedeschi.

Franz è risultato sesto tra i candidati dei Verdi alle elezioni parlamentari del 22 settembre 2013. Purtroppo non ha ottenuto un seggio all'Assemblea Federale.

Qual è stato il momento o l'evento che ti hanno spinto a diventare un attivista politico, cioè, a varcare la linea di impegno in quanto comune cittadino a confronto delle opzioni offerte dalla società civile?

Da tempo ero attivo come difensore dei diritti civili e come vice-presidente dell'Unione dei Sinti Tedeschi della Renania-Palatinato. Grazie a questa attività ho accumulato una grande esperienza e ho lavorato con persone che si trovano in situazioni difficili, che avevano bisogno d'aiuto, ecc. Ho imparato molto in quel periodo. Decisi di iscrivermi ad un partito quando osservai che come membro dell'Unione potevo raggiungere solo cambiamenti limitati - non si riusciva ad andare oltre. Si è sempre nella posizione di supplicare, non si può decidere nulla da se stessi. Col tempo ho deciso che così non si poteva continuare, che così non si andava da nessuna parte. Decisi di entrare in politica. Grazie al mio lavoro nell'Unione ho avuto esperienze con molti partiti e mi sono fatta un'immagine precisa di ognuno di loro. Il partito dei Verdi era quello on cui avevo più cose in comune.

Quindi, non c'è stato un preciso momento in cui hai deciso di darti alla politica?

E' stata una decisione per gradi. Ho sempre intuito che fosse una possibilità, ad esempio quando ricercavo appoggio nei vari progetti nell'area dell'istruzione, sia per gruppi specifici che nel campo generale dell'istruzione interculturale. Per anni ho lavorato di volta in volta sulle opportunità, senza che nessuno dei miei progetti fosse approvato. A causa di ciò non sono stato in grado di realizzarli o di lavorare con le persone, con i giovani... mi era chiaro che andavo a sbattere contro un determinato muro.

Perché hai scelto i Verdi, in particolare? In Repubblica Ceca, l'ultima volta non sono riusciti ad entrare nella Camera Bassa. Potresti spiegare la tua decisione ai lettori cechi da un punto di vista tedesco?

In Germania i Verdi sono in Parlamento. Sono un partito che esiste da oltre 30 anni. In Germania hanno costruito una buona relazione con i loro votanti. Come dicevo, grazie al mio lavoro precedente ho accumulato molte esperienze, ed i Verdi fondamentalmente incontrano le mie esigenze meglio degli altri partiti, riguardo all'ambiente, ai diritti umani e delle minoranze. E' per questo che la mia decisione di unirmi a loro è stata abbastanza rapida.

Anche in Repubblica Ceca ci sono stati nove uomini e donne romanì candidati nelle liste dei Verdi.

E' la testimonianza del fatto che i Verdi sono un partito molto importante per questa minoranza, uno che apertamente e sinceramente rappresenta i loro interessi. La decisione di quei candidati ne è una prova lampante.

Prima delle elezioni, chiunque andasse sul sito dei Verdi nel tuo distretto elettorale di Ludwigshafen avrebbe visto immediatamente la tua fotografia. Eri in un buona posizione nella lista dei candidati, al sesto posto, anche se eri iscritto al partito da soli tre anni. Perché?

Può dipendere dal fatto che sono abbastanza conosciuto come musicista, e per la mia attività politica tanto in Germania che nella mia regione. Grazie al mio attivismo, ho una discreta esperienza. Penso che sia anche per questo. Un'altra cosa, di cui sono assolutamente sicuro, è che alle elezioni nel mio collegio elettorale hanno votato compattamente. Significa che nel nostro partito c'è stata una enorme accettazione e grande volontà politica di nominare un rappresentante dei Sinti come candidato al Parlamento. Due settimane dopo, quando durante la conferenza regionale ho chiesto un posto specifico nella lista dei candidati, ho ottenuto il terzo posto tra gli uomini. Significa che i Verdi hanno una grande comprensione per la minoranza sinti. La esprimono non vergognandosi di sostenere i diritti delle minoranze, mettendo rappresentanti sinti nelle loro fila, e con una grande apertura. Credo che sia un messaggio favoloso per la società.

Non pensi che i Verdi in Germania dovrebbero essere preoccupati di perdere voti, quando scelgono come candidato un Rom o un Sinto?

In Germania il partito dei Verdi non deve preoccuparsene. Il partito è conosciuto per il suo impegno nel proteggere l'ambiente e per la difesa dei diritti delle minoranze. Ogni elettore dei Verdi lo sa.

Questo si collega alla mia prossima domanda, cioè è visibile che i Verdi in Germania hanno anche altri rappresentanti di minoranza - l'esempio migliore è che uno dei co-presidenti, Cem Oezdemir, ha origini turche. Tuttavia, ci sono anche rappresentanti di minoranze che non hanno vissuto in Germania per tutto il tempo dei Sinti. Perché i Sinti sono così sottorappresentati in politica?

Questo è il punto: noi Sinti abbiamo vissuto in Germania per oltre 600 anni. Le nostre vite sono state profondamente toccate dall'Olocausto. Tuttavia, anche dopo la II guerra mondiale, non abbiamo mai ricevuto molti riconoscimenti. I Rom e Sinti tedeschi che fecero ritorno in Germania dopo la guerra, non vennero accolti a braccia aperte, al contrario, continuarono ad essere discriminati. In Germania Occidentale, i responsabili che dovevano prendersi cura dei sopravvissuti all'Olocausto erano spesso le stesse persone che in passato avevano organizzato i trasporti [verso i campi di concentramento]. Il genocidio dei Sinti venne riconosciuto solo nel 1981 dal cancelliere Helmut Schmidt, e lo fece perché Romani Rose ed altri sopravvissuti entrarono in sciopero della fame a Dachau. In quanto minoranza, abbiamo perso molto tempo perché per lungo tempo non abbiamo preso parte alla vita della società. Per prima cosa abbiamo costruito una base civile attiva. Il Consiglio Centrale dei Sinti e Rom Tedeschi, come le singole unioni statali, hanno fatto in modo che quanti fossero stati coinvolti nell'Olocausto ricevessero un indennizzo, anche se qualcuno lo sta ancora aspettando. Adesso i Sinti e i Rom tedeschi stanno lentamente acquisendo abbastanza fiducia in se stessi e la volontà di impegnarsi in politica. Ecco il bello della mia candidatura - grazie a ciò sono riuscito a convincere molti Sinti ad unirsi a partiti democratici ed essere attivi in politica.

Quanti Romanì e Sinti tedeschi conosci che abbiano preso esempio da te? Per loro sei un modello?

So di quattro Sinti e di un Rom che fanno parte di partiti tedeschi. Uno è nell'Unione Cristiano Democratica, uno con i Socialdemocratici, uno con Die Linke e due nei Verdi. Penso che sia un'ottima cosa. Ho anche una controparte in Bulgaria, che si chiama Orhan Tahir, è avvocato e membro dei Verdi. Anche lui è stato in corsa per il parlamento, dopo che sono andato a trovarlo in Bulgaria l'aprile scorso. Il segno che è giusto impegnarsi in politica è ottenere una buona risposta dalla nostra comunità. Altri che vorrebbero ottenere qualcosa si stanno unendo a noi. Ricevo email e segnalazioni su Facebook in cui la gente si congratula con me e che stanno per mettersi all'opera anche loro. Considero degna questa attenzione e credo che la mia candidatura sia stata di successo solo per questo, indipendentemente dai risultati.

Come si pongono i Romanì non-tedeschi in Germania, ad esempio, quanti vi sono immigrati dall'Europa orientale o meridionale? Ho letto da qualche parte che vuoi rappresentarli anche in politica, ma che vuoi che sia chiaro che i Romanì non-tedeschi hanno destini differenti e bisogni differenti dai Sinti e Rom tedeschi. Se tu, Sinto tedesco, parli per i Rom immigrati, non c'è il rischio di un'ulteriore omogeneizzazione?

La vedo in maniera un po' differente. Il concetto di Sinti-e-Rom esiste solo in Germania. A causa di questa doppia etichetta, si genera la sensazione che non ci siano differenze tra Romanì e Sinti, che siamo un gruppo omogeneo, ma in realtà questo è un errore. Per esempio. i Sinti tedeschi vivono in Germania da oltre 600 anni, ma i Rom tedeschi sono qui da 200 anni. Ci sono anche Romanì arrivati qui dopo la II guerra mondiale, o dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989-1990. Non sono parte dei Rom e Sinti tedeschi, ci sono molti gruppi nazionalmente differenti ed eterogenei. Ognuno di questi è una minoranza nazionale che ha vissuto in altri paesi per 800 anni - in Serbia, ad esempio. In quei paesi avevano la loro cultura romanì, proprio come in Germania abbiamo la cultura sinti. Anche la lingua è differente. La società maggioritaria deve tenere conto di queste differenze. Non è possibile equiparare automaticamente, immediatamente, le tematiche dei Rom immigrati con quelle dei Sinti tedeschi. Penso che succeda spesso e che produca ulteriore stigmatizzazione per tutti. Per questo credo sia un mio compito spiegare alla gente che ci sono differenze tra i gruppi.

Integrazione e politiche migratorie sono le tue aree, ma ciò non à immediatamente auto-esplicativo, né tu né la tua famiglia siete immigrati, sotto questo punto di vista. Non è una tua esperienza personale diretta.

Vedo il mio compito come quello di aiutare la gente, e non perché siano Tedeschi, o Romanì, o Sinti. Intendo appoggiare gli immigrati e i nuovi arrivati in Germania. Ho questo bisogno perché, grazie alla mia storia ed esperienza, ho appreso quanto sia orribile è subire il razzismo e l'esclusione dalla società. E' per questo che mi son dato l'obiettivo di lottare per tutte le minoranze che sono discriminate o spinte lontano dalla società, senza l'opportunità di parteciparvi. Personalmente non amo il termine "integrazione". Preferisco parlare di inclusione, perché questa comprende meglio quanto le minoranze o i socialmente esclusi fondamentalmente intendono raggiungere. Vogliono essere parte della società, suoi membri di diritto.

La tua famiglia e i tuoi genitori cosa dicono della tua candidatura?

La mia famiglia ama davvero cosa faccio. Sono uno dei fattori grazie a cui ho coltivato un interesse nella politica. Fondamentalmente i componenti della mia famiglia mi hanno portato a tutto ciò attraverso il loro modo di vivere - sono stati il mio modello. Il nazismo è un argomento ricorrente in casa nostra. La mia famiglia ha perso sei parenti durante l'Olocausto e - come spiegarlo? In qualche maniera siamo in obbligo verso quelle persone. Sulla base di quegli eventi ed esperienze, mi sono interessato alla politica. Per questo la mia famiglia mi appoggia in così pienamente, approva quanto faccio, e mi da forza - e questo è molto importante.

Come dicevo, anche in Repubblica Ceca ci sono stati uomini e donne in corsa per il parlamento. In conclusione, vorrei chiederti se vorresti mandare loro un messaggio.

Con molto piacere! Vorrei dire loro che considero magnifico che siano politicamente attivi. Spero che stiano assieme così da potere comunemente contribuire allo sviluppo della società europea. L'Europa dev'essere una terra per tutti e dev'essere libera da discriminazione e razzismo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 20/11/2013 @ 09:09:48, in Regole, visitato 1603 volte)

Giornalettismo - 19/11/2013 - Ben congegnata, fa già molte vittime


Una divertentissima bufala pubblicata dal blog Giornaledelcorriere sta facendo il giro di Facebook, con un gustoso codazzo di fessacchiotti che ci credono e si sentono scandalizzati per il tutto:

La bufala (scritta in maniera da imitare il linguaggio giornalistico, e anche molto bene) recita:

    Approvato finalmente il D.lgs. 958/2013 che la Commissione Consultiva dell'Integrazione ha richiesto per la salvaguardia delle popolazioni nomadi, le quali sono rappresentate dal 1971 dall'Unione Rom Internazionale. Questo movimento mira al riconoscimento di un'identità e di un patrimonio culturale e linguistico nazionale senza stato né territorio, cioè presente in tutti i paesi europei.
    La massima del Decreto entrato in vigore con l'ultima Gazzetta Ufficiale cita testualmente:
    "L'individuo che dimostri con la buona fede di appartenere ad un gruppo Rom (etnico e nomade) non sarà passibile di nessuna pena relativa al reato di furto (art.624 c.p.) se il valore economico del bene o denaro sottratto è inferiore a € 200, in quanto l'unico sostentamento di determinate strutture sociali deriva esclusivamente e da generazioni da tali azioni. Il soggetto dovrà altresì dimostrare sul momento di non avere regolare residenza o fissa dimora in Italia. Il presente non vale per chi possiede la cittadinanza italiana da almeno 10 anni".
    In poche parole: se uno zingaro ruba oggetti o denaro del valore inferiore a 200 Euro, non potrà essere denunciato per furto in quanto la sua azione è legata da secoli di usi e costumi del suo gruppo di appartenenza.

Ovviamente, bastano trenta secondi di ricerche su internet per scoprire che nulla di tutto ciò è vero. E ad essere interessante è anche la firma: " Ilenia Tripidosi - Corrispondente Estero" ha già firmato molte altre bufale e trollate a cui tanti hanno abboccato. D'altronde, come diceva Franz Kafka, "Tutte le mattine escono di casa un furbo e un coglione. Se si incontrano l'affare è fatto".

(no, non l'ha detto Franz Kafka; bravi!)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/11/2013 @ 09:09:29, in musica e parole, visitato 1326 volte)

clicca sull'immagine per ulteriori informazioni

Dall'introduzione: E TU, QUANTI ZINGARI CONOSCI? Era lo slogan di una campagna dell'UNAR dell'anno scorso. Questo piccolo volume non parlerà della cultura rom, o delle origini della loro lingua, o delle persecuzioni che hanno subito... Parla del conoscersi.

I Rom e i Sinti sono in mezzo a noi, ovunque in Italia e in Europa, e quando viene loro concesso, lavorano tra noi, mandano a scuola i loro figli assieme ai nostri. Perché a Pessano deve essere diverso? Perché aspettarsi che possano migliorare, se si nega loro la possibilità di affrancarsi dalla miseria?

Ma questi fogli raccontano anche di una cultura, che magari non si trova nei testi di antropologia, che è vivere quotidiano, proprio in questo Nord-Est milanese. In parole povere: per una volta non si scrive di tutto ciò di cui avrebbero bisogno (anzi: avrebbero diritto), ma di quello che potrebbero insegnarci, anche da subito, se ne avessero la possibilità. Sempre per la solita ragione: sono in mezzo a noi tutti i giorni.

Testimonianze pratiche: sono sicuro che a tutti (anche a chi non sopporta gli zingari), interessa conoscere qualcosa su STAR BENE e MANGIARE. Scoprirete che anche un'anziana romnì può avere qualcosa da insegnarci.

QUESTA E' LA PRIMA RAGIONE. La seconda è che queste famiglie, che stiano accanto a noi (magari insegnandoci qualcosa) o che vadano via (ad insegnarlo altrove), potrebbero vivere in una roulotte, in una casa, sotto un ponte, in un campo... non cambierebbe niente nella loro cultura.

Ma, dovunque andranno o si fermeranno, dovranno trovare la possibilità e i mezzi per vivere. Il terzo punto, altrettanto interessante, è GUADAGNARE, tutti (voi con Maria e la sua famiglia): non vi chiediamo carità, ma rispetto e condivisione. Se una persona dovesse dipendere per sempre dal vostro buon cuore, rimarrà sempre qualcuno "ai margini" di cui sarà facile disfarsi. Se invece troverete interessante quello che ha scritto Maria, a voi costerà poco, ma per lei il ricavato della vendita di queste pagine sarà importante.

Per i soldi, certo, ma anche perché dopo tanto tempo ASSIEME si sarà cominciato a costruire una relazione.

A tutti i lettori, un sincero augurio di continuarla.

[...]

    L'autrice: Hajrija Seferovic (Maria) è nata da genitori Kalderasha nel 1938 a Tramnik, nell'ex Jugoslavia, prima di cinque figli. La famiglia si spostava spesso per guadagnarsi da vivere con la vendita di cavalli, e facendo pentole e piatti di rame che vendevano ai mercati. Maria si ricorda una gioventù bella, sotto le tende in una grande "kumpanja". Nei vari spostamenti il suo gruppo veniva spesso in Italia. All'inizio della guerra in Bosnia la famiglia è scappata con l'aiuto di organizzazioni umanitarie (ONU). Alcuni dei suoi familiari sono andati a vivere in Francia, altri in Germania e negli Stati Uniti, lei e la sua famiglia a Torino dove hanno vissuto per 10 anni, e da dove dopo sono stati sgomberati. Da allora hanno cercato di mettere radici a Napoli, in Sicilia, a Roma, e Bologna ma sono sempre stati sgomberati.
    All'inizio del 2000 si sono nuovamente spostati arrivando a Pessano con Bornago, ove hanno comperato un piccolo terreno agricolo con l'intento di fermarsi, per essere vicini al marito di Maria che era in cura a San Raffaele per una grave malattia, che lo ha portato alla morte.
    Maria allora decise di fermarsi a Pessano ma ciò non fu possibile a causa dei continui sgomberi. In questo momento Maria sta a Trezzo sull'Adda in una povera roulotte, dove continua a curare suo figlio cieco dalla nascita ed ha vicino la maggiore parte dei suoi numerosi figli.

Coordinamento editoriale:

  • Natalija Halilovic
  • Frances Oliver Catania
  • Fabrizio Casavola

Copertina:

  • Rebecca Covaciu

Dettagli:

  • Copyright A.S.D. La Comune, via Novara, 97 Milano (Licenza di copyright standard)
  • II edizione
  • Pubblicato il 20 novembre 2013
  • Lingua Italiano
  • Pagine 30
  • Formato del file PDF
  • Dimensioni del file12.86 MB
  • Prezzo 2,50 euro

Scarica il libro

Altre pubblicazioni

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/11/2013 @ 09:05:55, in scuola, visitato 1017 volte)

di Cinzia Gubbini - Intervista a Luigi Guerra, direttore del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna su Cronache di Ordinario Razzismo

La scuola media Besta di Bologna, nel quartiere periferico di San Donato, ha smesso di turbare il dibattito pubblico. La decisione del preside della scuola e del Consiglio dei docenti di formare una prima classe "sperimentale", composta soltanto di alunni di origine straniera, ha dapprima suscitato qualche indignazione, per poi essere giudicata praticamente all'unanimità un atto coraggioso, necessario a risolvere una situazione complicata. Il dirigente scolastico Emilio Porcaro, infatti, dopo le prime notizie aveva tenuto a precisare che si trattava di un modo per permettere innanzitutto a questi ragazzi, arrivati in Italia a agosto a classi già formate, di frequentare la scuola - visto che altre scuole li avrebbero rifiutati - e di inserirli solo successivamente nelle classi "normali", una volta insegnato loro l'italiano. Eppure c'è chi, pur lodando il tentativo della scuola, sin dal primo momento non ha rinunciato a evidenziare gli aspetti dannosi di questo metodo. Tra questi c'è una voce autorevole: quella di Luigi Guerra, direttore del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna e professore di didattica e pedagogia speciale.

Professore, lei ha detto che il metodo della scuola Besta è "pedagogicamente sbagliato": cosa intende?
Vorrei premettere che stimo molto il dirigente e gli insegnanti di quella scuola. Penso che abbiano fatto tutto quel che era nelle loro possibilità, considerata la situazione difficile. Detto questo non è accettabile comporre una classe di soli migranti. Che siano tre, dieci, otto. E' un metodo inammissibile, perché è l'esatto contrario del concetto di inclusione. Qualsiasi insegnante di linguistica sa cosa succede in queste situazioni: gli individui tendono a rinchiudersi in aree di linguaggio omogenee. Potrebbe accadere che il tunisino parli con il marocchino in francese o il filippino con il peruviano in spagnolo, ma tendenzialmente accade esattamente quel che accade ai nostri figli quando li mandiamo a Londra con gli amici per imparare l'inglese: normalmente non imparano nulla, perché continuano a muoversi in un contesto in cui a prevalere è la lingua italiana. E' un discorso che ovviamente funziona anche quando in una classe ci sono quindici stranieri e otto italiani. La lingua si impara per immersione: e quando mi immergo c'è tanta acqua.

Eppure le motivazioni addotte dal preside sembrano molto ragionevoli: sono ragazzi che non sanno neanche una parola di italiano, vogliamo solo introdurli alla lingua e a questo sistema scolastico che non conoscono, poi verranno introdotti nelle altre classi. Insomma, è una classe ponte. Cosa c'è di sbagliato?
Ma non funziona così. La scelta più giusta, a mio avviso, doveva essere: ti metto in una classe normale poi, caso mai, per due ore al giorno mi dedico a te con un progetto speciale, un laboratorio linguistico funzionale all'apprendimento della lingua italiana. D'altronde questo dovrebbe essere il modo in cui si accolgono tutti i bambini con dei bisogni speciali in una scuola.

Al di là del "giusto modo" di accogliere una persona, c'entra anche l'apprendimento tra pari?
C'entra eccome, ed è stato dimostrato che l'insegnamento tra pari è uno dei principali e più efficaci veicoli di apprendimento linguistico. I bambini apprendono dagli altri bambini: imparano l'italiano litigandosi la merenda o chiedendo dov'è il bagno. Il lavoro dell'insegnante è certamente importante, ma ha soprattutto la funzione di purificazione e formalizzazione.

Lei dice che bisognerebbe accogliere in modo speciale bambini speciali, ma come si fa se non ci sono risorse sufficienti?
Beh certamente: se le risorse sono scarse ci tocca usare modelli approssimativi. L'importante, però, è non far coincidere il "meglio che potevano" con il modello pedagogicamente corretto. E' come quando due genitori che lavorano mi dicono: riesco a stare solo mezz'ora al giorno con i miei figli, va bene? Certo che non va bene, ma se non si può fare a meno di fare quel tipo di lavoro c'è solo da cercare di fare il meglio in quella mezz'ora.

La scarsità di risorse peraltro diventa spesso una "condanna" per le scuole migliori, più avanzate e "ricche" di esperienze. Il preside della scuola Besta ha raccontato di essersi trovato in "emergenza" proprio perché sulla sua scuola sono ricadute le domande di tutte le famiglie che sono riuscite a ricongiungersi con i loro figli solo in estate. Le altre scuole li avrebbero rifiutati...
Purtroppo accade spesso, troppo spesso. Conosco il caso di una scuola di 200 alunni in cui sono arrivati in tre anni 150 alunni migranti. Cosa è successo? Che quella scuola ha chiuso i battenti. Sono cose che non dovrebbero accadere, anche perché una programmazione è possibile. Ma, soprattutto, bisognerebbe avere una cultura di sistema, che parta dal territorio innanzitutto. Dovrebbe esistere una rete reale e capace di parlarsi e organizzarsi. Non esisterebbero emergenze.

Tra i soggetti che potrebbero fare rete e diffondere una cultura dell'interculturalità, però, ci sono anche le università. Cosa fate voi, come voce forte e competente?
Noi diventiamo matti pur di fare qualcosa: e prima di tutto formiamo insegnanti. Li formiamo come possiamo, in modo gratuito. Con gli insegnanti interessati e che per venire a seguire i nostri corsi devono scappare di scuola, perché difficilmente vengono incentivati gli spazi di formazione. Ma lo facciamo, anche noi, in emergenza: nel mio Dipartimento il prossimo anno chiudiamo due corsi di laurea e mandiamo a spasso 300 studenti che ci avevano investito. Questa è la realtà. Dunque è ovvio che per fare buona integrazione e promuovere l'interculturalità sarebbero necessarie altre premesse.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2013 @ 09:08:18, in musica e parole, visitato 1214 volte)

Il titolo significa poco... solo alcuni pensieri randagi. Da qualche giorno si sta ricordando il cinquantenario dell'assassinio di Kennedy. Ieri sera, una radio per ricordare quei tempi trasmetteva il brano che trovate in fondo. Ascoltavo quel pezzo, vecchio e stranoto, come se fosse la prima volta. Strade da percorrere all'infinito, una pace impossibile da trovare, morti, pianti e gente che non vuol vedere e non vuol sentire... Non soltanto una frontiera, un equilibrio da cercare, ma la storia, quasi didascalica, di quelle genti ospiti delle pagine di Mahalla. Senza essere un flamenco, senza essere balcanica, quella è una canzone rom.

Credo che Bob non se ne sia reso conto, aveva 21 anni nel 1963... Ma, se un gagio con radici ebraiche, è stato capace di fare un manifesto generazionale di quella ricerca e di quel vagare, significa che la "condizione esistenziale" dei Rom e dei Sinti è qualcosa che anche noi possiamo intendere e sentire sulla nostra pelle. Sentirli, ogni tanto, quasi fossero vicini, forse fratelli (no, forse sto esagerando), con cui dividere un inno.

E non alieni portatori di una cultura (ma cosa significa, cultura????) inconciliabile col nostro modo di vita.

How many roads must a man walk down
Before you call him a man?
Yes, 'n' how many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?
Yes, 'n' how many times must the cannon balls fly
Before they're forever banned?
The answer, my friend, is blowin' in the wind,
The answer is blowin' in the wind.

How many times must a man look up
Before he can see the sky?
Yes, 'n' how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, 'n' how many deaths will it take till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin' in the wind,
The answer is blowin' in the wind.

How many years can a mountain exist
Before it's washed to the sea?
Yes, 'n' how many years can some people exist
Before they're allowed to be free?
Yes, 'n' how many times can a man turn his head,
Pretending he just doesn't see?
The answer, my friend, is blowin' in the wind,
The answer is blowin' in the
wind.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2013 @ 09:04:28, in sport, visitato 1935 volte)

di Andrea De Benedetti, 22 novembre 2013 su DONNEUROPA
Quattro ragazze italiane e quattro rom, unite da una maglia, partita dopo partita. Un'associazione che in campo porta solidarietà e integrazione. Insieme sono uno sport, il calcio, quando sa essere il più bello del mondo

C'è Sara, che pratica da anni ginnastica ritmica, ma non rinuncerebbe all'allenamento del giovedì per tutto l'oro del mondo. C'è Florina, che sa di essere bella e a volte fa un po' la leziosetta beccandosi gli implacabili cazziatoni del mister. Ci sono Lucrezia e Serena, che una volta alla settimana risalgono la corrente del traffico torinese da Sud a Nord per sudare e giocare con Adelina e Lavinia. Ci sono Alice e Arianna, che secondo Sara sono le più brave di tutte, o forse no, ma comunque sono quelle che tirano il gruppo. E c'è, anzi c'era, Ionela, che tirava certe legnate da far paura, ma adesso è andata ad abitare altrove e ha lasciato un vuoto grande così nel gruppo.

Insieme si chiamano New Team, e non c'è squadra, in Italia, che possa dirsi più nuova di questa. Quattro ragazze rom e quattro italiane unite dalla stessa maglia, un esperimento di integrazione sociale e convivenza con il pallone nel ruolo che meglio gli si confà: quello di mediatore culturale. Perché il pallone, là dove c'è da far dialogare mondi, la sua parte la fa sempre: non c'è link sociale più efficace di un assist, non c'è modello di scambio culturale più perfetto di una triangolazione ben riuscita.

Non che le otto ragazze abbiano ancora imparato a triangolare o a colpire la palla come dio comanda: "Dico la verità: per il momento sono un mezzo disastro", spiega Mister T, al secolo Timothy Donato, allenatore e presidente dell'associazione Nessuno Fuorigioco di cui la New Team è il progetto cardine: "è quasi un anno che cerco di insegnare loro a stoppare un pallone, e va già bene se adesso si ferma a sei metri. Però hanno entusiasmo da vendere e tantissima voglia di imparare e stare insieme: per noi è quello che conta".

Il progetto è nato quasi due anni fa con la squadra maschile dei pulcini. Tutti rom dei campi nomadi di Lungo Stura e di via Germagnano, a Torino, le zone rosse di una marginalità sociale che i media si ostinano a declinare con le parole spaventate di sempre: emergenza, allarme, problema. Timothy e gli altri (Marina, Emanuele, Enrico, Sara) su quell'"emergenza" e su quel "problema" hanno costruito un'opportunità di integrazione ed emancipazione. L'idea iniziale era quella di allestire anche per i maschi una squadra mista, ma trovare famiglie italiane disposte a lasciare i propri figli in compagnia di pericolosissimi zingari, ancorché minuscoli, è stato più complicato del previsto.

Paradossalmente è stato più facile mettere insieme la squadra delle ragazze, e anzi in quel caso le obiezioni principali non hanno avuto a che fare con il pregiudizio etnico ma con quello di genere: "Mia mamma all'inizio non voleva che giocassi a pallone", spiega Sara, l'unica delle quattro ragazze rom che vive in appartamento e non nel campo nomadi: "diceva che non è uno sport da bambine, che preferiva mi dedicassi a qualcos'altro: alla fine ha accettato, ma è stata dura".

Fatta la squadra, il problema adesso è quello di trovare altre società con cui organizzare un campionato femminile di calcio a 5 under 20 all'interno della sezione Uisp torinese: finora hanno aderito in tre, ma la speranza è di allargare il bacino di squadre per dare un senso all'enorme lavoro del mister e dell'esercito di volontari che lo accompagnano. Anche se poi il senso vero di questo progetto non consiste nel vincere i campionati, ma nel mettere in comunicazione due mondi molto meno distanti di quanto non appaia: "All'inizio c'era un po' di diffidenza - precisa ancora Sara - ma adesso andiamo d'accordissimo: ci troviamo su Facebook, usciamo insieme, parliamo delle nostre cose, siamo andate persino due giorni insieme a Venezia".

Amicizie autentiche, relazioni tra pari, normalità: il pallone rifugge la retorica e offre cose concrete. Tutt'altra cosa rispetto alla melassa buonista e velleitaria di altre esperienze analoghe fatte di sentimenti concessi in elemosina: "Il rischio era un po' questo -ammette Mister T - le ragazze italiane vengono tutte da esperienze con gli scout e avevo paura che fossero venute qui per fare la classica buona azione. Invece grazie a quest'esperienza hanno cambiato prospettiva rispetto all'idea del diverso. Ora il diverso non esiste più. Esistono le persone". Poco importa se quelle persone non sanno ancora stoppare un pallone. Prima o poi impareranno, forse.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/11/2013 @ 09:00:57, in Italia, visitato 1476 volte)

di Ernesto Rossi

Sono passati pochi giorni dalla Giornata Mondiale dei Diritti dell'infanzia. Il Comune ha rischiato di ripetere l'impresa di Moioli-decorato: lei a celebrarla coi discorsi, lui con lo sgombero di Rubattino. Occasione persa. Ma lo sgombero rimane: in via Brunetti e Montefeltro si prepara quello di circa 1500 rom romeni, metà bambini, che si sono lasciati 'accumulare' ...anzi, vi si è contribuito con tutti gli altri sgomberi diffusi sul territorio milanese di piccoli gruppi che venivano ad aggiungersi qui, non avendo dove rifugiarsi. Così ora si procede, con un unico intervento spettacolare. Una ripulitura generale della città, perché si presenti al meglio in vista dell'EXPO 2015.

Ma dove andranno, visto che i posti in emergenza che sono stati predisposti (via Barzaghi, Lombroso, Novara) non sembrano superare le duecento unità? E perché, proprio adesso che arriva il gelo di 'Attila', mettere per la strada centinaia di persone senza riparo e di bambini?

È 'l'Europa che ce lo chiede'? Non pare. A Natale del 2011 venne a Palazzo Marino il Signor Schokkenbrok, inviato appositamente dal Consiglio d'Europa. Incontrò a porte chiuse il Sindaco e gli assessori Granelli e Majorino: neppure un comunicato stampa, per una visita così importante, ma la materia era ...delicata: si chiedeva al Comune di Milano di cessare gli sgomberi o comunque di adeguarli alle prescrizioni dell'UE: preavviso, assistenza, destinazione alternativa garantita.
Sono anni che si parla di prevenzione. Per la salute, ma vale anche nel sociale. Costa meno, evita sofferenze. Serve a tutelare i Diritti fondamentali delle persone. Boh.

Insomma, per tutte queste ragioni (!) lunedì mattina si sgombera. Manteniamo le tradizioni.

Sono nomadi? E noi li aiutiamo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
USA
Di Fabrizio (del 26/11/2013 @ 09:04:11, in musica e parole, visitato 1294 volte)

Banda rock romanì da lezione di cultura a giovani rappers the BOLTON News 7:40am Wednesday 20th November 2013 in NW
KAL con il gruppo-laboratorio di Kamosi

GIOVANI rapper di talento hanno azzeccato ogni nota dopo aver condiviso la ribalta nella con alcune superstar reali.

I rocker romanì KAL questa settimana si sono uniti al gruppo Kamosi di Wigan sul palco del Leigh's Derby Rooms per un master class su musica, patrimonio e identità culturale.

La band di Belgrado ha portato con sé un importante messaggio sul riconoscere l'identità romanì e combattere i pregiudizi. Dragan Ristic, front-man di Kal, ha detto:

"Sono davvero impressionato dai giovani che abbiamo incontrato stasera. Vogliamo mostrare loro che possono esprimersi attraverso la musica. Può aiutare gli altri a capire cosa pensano e sentono... Vogliamo anche che continuino a celebrare la loro cultura. Sono venuti qui dall'Europa Orientale e si sono adattati ad un nuovo modo di vita, ma conservare il senso della loro identità per loro può essere un vantaggio. Abbiamo apprezzato molto lavorare con loro e il messaggio che abbiamo lasciato loro e di concentrarsi sulla loro istruzione e di lavorare duro. Così potranno davvero realizzare i loro sogni e fare quello che vogliono nella vita."

I menestrelli serbi mescolano i suoni rom balcanici con una stupefacente varietà di stili, tra cui tango, musica mediorientale, turca e occidentale.

Tano Udila, di 13 anni, della Westleigh High School, ha detto: "Per noi è un'opportunità fantastica di mostrare il nostro talento e parlare di chi siamo. Il rap che abbiamo composto è tutto sull'amore, perché sentiamo che è importante per tutti, di qualsiasi provenienza o cultura. La musica è un grande modo per far girare un messaggio e mi ha fatto anche comprendere il valore di un'idea sulla propria storia."

L'evento è stato organizzato da Wigan Council's Voice and Engagement Service, Community Arts Northwest (CAN) e da Manchester's-own World Music DJ collective Satellite State Disko (SSD).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 27/11/2013 @ 09:07:28, in blog, visitato 1370 volte)

Riparte la caccia alle streghe...
Il caso greco di Maria sta facendo il giro del Mondo, innescando com'era prevedibile una caccia alle streghe contro le famiglie, appartenenti alle minoranze linguistiche sinte e rom. Lo stereotipo di rapitori di bambini è vecchio di secoli ma viene...

Linea gialla, un programma xenofobo contro i rom
Ieri sera tantissimi italiani hanno visto il programma Linea Gialla su La7 che ha trattato il caso della bambina rom in Grecia. Abbiamo trovato l'impostazione di tutto il programma, diversi interventi da studio...

UNAR, dalle discriminazioni ai diritti
La Ministra per l'Integrazione, Cecile Kyenge, e la Viceministra al Lavoro e le Politiche Sociali con delega alle Pari Opportunità, Maria Cecilia Guerra, hanno presentato ieri a Roma, presso il Teatro Orione, Via Tortona 7, la nuova edizione del Dossier...

Babel Film Festival, la terza edizione
Dal 2 al 7 dicembre 2013 si svolgerà a Cagliari la terza edizione del festival cinematografico internazionale Babel Film Festival. E' il primo concorso internazionale al mondo destinato ai film parlati in lingue minorita...

Lanciano (CH), Alexian & International Friends

La meravigliosa vita di Jovica Jovic
Pubblicata da Feltrinelli la biografia del fisarmonicista rom, scritta da Rovelli e Ovadia. Un documento straordinario e utile. "Stai zitto che chiamo gli zingari". Oppure: "Sei vestita come una zingara". Oppure: "Sei sporco come uno zingaro". Alzi la mano chi non ha mai usato...

Slovacchia, nazista diventa governatore
L'estremista anti-rom Kotleba vince il ballottaggio in Banska Bystrica. Un nazionalista dell'estrema destra, noto per i suoi atteggiamenti antirom, è stato eletto nella giunta region...

Mantova, dalle discriminazioni ai diritti
Giovedì 28 novembre 2013 ore 15.30, presso l'Aula 1 della Fondazione Università di Mantova, in via Scarsellini 2, la Provincia di Mantova, il Centro di Educazione Interculturale della Provincia e l’Associazione Artico...

Milano, un altro sgombero di massa alla vigilia dell'inverno
Lunedì 25 novembre è stato sgomberato il "fortino" di via Montefeltro-Brunetti occupato da circa 700 rom rumeni, risultato della fallimentare chiusura del campo regolare di via Triboniano e degli ultimi sgomberi di questa amministrazione...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/10/2020 @ 23:45:41
script eseguito in 190 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 451 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source