Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 11/08/2005 @ 13:04:10, in media, visitato 3101 volte)
Non l'avrei segnalato, se non fossi appena uscito da un post di Kelebek. E mi son ricordato di Marcell_o che vive anche lui le cronache di questi giorni con un certo disagio.

La Libertà - Piacenza - edizione online

Sui fischi a Tremonti
...Sono gli stessi quotidianamente che si ergono come unici difensori della tolleranza e della democrazia, quelli che dimostrano sdegno e condannano i modi della Lega al Parlamento Europeo di rappresentare il malcontento degli Italiani sull'euro (mentre gli stanno bene gli insulti a Berlusconi nello stesso Parlamento), quelli che accettano l'aumento delle tasse solo quando comanda Prodi o D'Alema, (perché se lo fanno è a fin di bene), quelli che vogliono far votare gli extracomunitari, quelli che giustificano l'eliminazione dei crocefissi nelle scuole, che sono a favore delle moschee per i musulmani, dei campi nomadi attrezzati e case per gli zingari, quelli che chiedono il ritiro delle forze di pace italiane all'estero e che difenderebbero la democrazia contro i terroristi internazionali e i dittatori, con le manifestazioni e i cori della pace, spinello e aborto liberi. [...]

Fosse il solito blogger d'assalto e anonimo, sarebbe la norma. Ma confesso che mi stupisco quando questi pensieri li trovo su un giornale (beninteso, che non sia Libero o La Padania). Forse perché mi illudo ancora che un giornale dovrebbe anche riflettere ed analizzare, e non soltanto sfogare i propri mal di pancia... Non contesto, sia chiaro, il fatto che l'articolista fosse contrario ai fischi a Tremonti, ma che se anch'io estremizzassi il ragionamento (come fa lui), mi farei l'opinione che chi fischiava Tremonti lo faceva per chiedere il voto agli extracomunitari o le case agli "zingari"... o magari non vogliono il crocefisso nella scuola. Sui motivi (giusti o sbagliati) di quei fischi, non ho letto una riga.

Credo che molto più dei fischi a Tremonti, sia questo l'esempio di come (con una confusione immane) ogni confronto o polemica finisca per diventare "scontro di civiltà": o noi o loro. Noto anche come extracomunitari e Zingari, che con questa storia per una volta non c'entrano niente, vengono usati come il necessario prezzemolo per spaventare il lettore. Trasformandoli da persone in carne e ossa (con pensieri e bisogni propri) ad oggetti: fate caso a quante volte nelle cronache "si parla" di loro (di solito in maniera negativa) e a quante volte "vengano fatti parlare".

Rendere l'altro un alieno: ecco l'altro aspetto dello "scontro di civiltà".


Tornando alla telenovela:

Buone notizie: stamattina è arrivata una cartolina da zio Kalderosh. E' finito sulle Alpi svizzere (vedi sotto) e si sta rimpinzando di pasticcio di capriolo!

Alpi svizzere

CIAO!!! Un caro saluto dallo zio (e dalla NEO zia) ; - )

Xavier, suo nipote, ha portato la cartolina dai carabinieri, per rassicurarli sulla salute della loro collega. Non ho capito il perché, ma l'hanno trattenuto per accertamenti. Per fortuna, avevamo già tolto il francobollo dalla cartolina.

PS: Tikla il guaritore continua domani, così pian piano arriveremo al ferragosto

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/08/2005 @ 11:53:30, in Regole, visitato 1642 volte)
Cafébabel, come fece già qualche mese, ha dedicato un trittico di articoli ai Rom in Europa. Tra i tre, scelgo di segnalare questo:
Definiti dal punto di vista legale come una minoranza in Europa, i Rom beneficiano di particolari protezioni. Ma l’applicazione delle leggi non è sempre uguale all’interno dell’Unione.

Chiamarli “Rom” è più politically correct. La comunità internazionale ha adottato questo termine negli anni novanta, periodo di proliferazione di iniziative legislative volte alla protezione di questa minoranza.
La questione Rom ha sempre riguardato l’europa sin dal medioevo. Gente perennemente in viaggio, nomade perché non lo si lascia insediare da nessuna parte, i Rom subiscono in pieno le politiche europee di sedentarizzazione della popolazione, di creazione degli ordini di circolazione, di istituzione di liste di spostamento. Fuori legge anche per lo stesso loro modo di vivere la propria esistenza, i Rom sono stati ben presto messi al bando dalla società.

I criteri di Copenhagen

Se il problema si ripropone oggi, è senza dubbio grazie al Consiglio d’Europa e dei sacrosanti criteri di Copenhagen, definiti nel 1993 in tale sede. Essi stabilivano i parametri politici minimi che gli stati candidati dovevano soddisfare: democrazia, Stato di diritto, rispetto dei diritti umani e protezione delle minoranze. I paesi candidati dell’Europa centrale e orientale sono dunque stati obbligati a sviluppare politiche specifiche, spesso intinte di buona volontà. I casi emblematici della Slovacchia e dell’Ungheria illustrano queste evoluzioni. Nel 1993, l’appena nata Repubblica Slovacca prevede nella costruzione della sua identità nazionale e tra i nuovi criteri di buon governo, i principi della salvaguardia delle minoranze. La costituzione slovacca si conforma alla fondamentalità delle regole internazionali in materia, ma i politici si rendono col tempo conto della necessità di una politica specifica che oltrepassi il solo principio della non discriminazione. I Rom si dimostrano raggiunti solo marginalmente da queste migliorie, permangono un tasso di disoccupazione vicino al 100%, l’impossibilità di fare studi superiori nella propria lingua e la mancanza di fondi.
Il problema si è posto diversamente in Ungheria. Campione della multinazionalità, la patria magiara è la prima al mondo a riconoscere il diritto collettivo delle minoranze. Il Consiglio d’Europa vi si è ispirato. In effetti, la Costituzione Ungherese riconosce dodici minoranze ufficiali, le quali godono di diritti collettivi tra i più estesi in tutta Europa: accesso all’insegnamento, rappresentanza nei consigli comunali, integrazione nelle strutture politiche internazionali, organizzazione delle manifestazioni culturali, creazione di un posto di commissariato alle minoranze, giurisprudenza della corte costituzionale in favore della discriminazione positiva nel quadro della legge elettorale...
Se l’Ungheria ha sviluppato un tale arsenale giuridico e politico in favore delle sue minoranze, è anche per assicurare un trattamento paritario e reciproco della sua diaspora. Ma i Rom non hanno stato, e non hanno paese. Rimangono pur sempre i parenti poveri di queste belle misure. Là come altrove, sono più vittime della violenza della polizia, beneficiano di minori politiche sociali e non godono della stessa rispettabilità delle altre popolazioni, né delle altre minoranze.

La sufficienza occidentale

Cosa succede in Europa Occidentale? In Francia i Rom sono accantonati sotto la categoria di “gens du voyage” (“gente viaggiatrice”). A partire della legge del 5 luglio 2000 relativa all’accoglienza e all’habitat di questa gente, la situazione dei Rom avrebbe dovuto migliorarsi al livello delle condizioni di accoglienza da parte dei comuni o delle scuole. Purtroppo però i nomadi non godono delle politiche sociale legate all’alloggio nè di tutto quello che ne consegue. Capitolo chiuso.
Nei paesi dell’Ovest dell’Unione, i Rom costituiscono ugualmente una minoranza mal rappresentata e poco protetta. Qualche organo consultivo è stato istituito qua e là, come in Austria e in Belgio. In Danimarca e in Svezia, la protezione dei Rom dipende da un mediatore dal momento che è presa in carica direttamente da un ministero dei Paesi Bassi. La Finlandia Ha da poco lanciato l’idea di un forum consultivo europeo dei Rom che permetterebbe loro di assumere una visibilità transeuropea, quadrando innanzitutto la con la difesa dei loro interessi.

Per ora, l’Europa dell’est resta dunque la più attiva. All’inizio di febbraio i rappresentanti degli otto Stati dell’Europa Centrale e Orientale si sono riuniti a Sofia per impegnarsi seriamente e mutualmente in vista della non discriminazione dei Rom. Avrebbero dovuto invitare la vecchia Europa. Non avrebbe fatto loro male. Perché da noi a causa dei criteri di Copenhagen, la Commissione non si piega veramente sulla questione del trattamento dei Rom. Tant’è che l’ultimo rapporto del PNUD il più importante mai realizzato sulla situazione dei Rom, non ha tenuto conto del trattamento che le è stato riservato in Europa orientale. È increscioso. In quanto nella vecchia Europa, i Rom tante volte non sono che degli zingari prima che d’essere degli uomini.
Alice Desthuillers - Paris - 18.4.2005 | Traduzione: Andrea Bassi
Copyright © 2005 Babel International All Rights Reserved
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/08/2005 @ 13:49:17, in Kumpanija, visitato 2800 volte)
Continua, anche se ferragosto è alle porte, il corso di giornalismo di Tikla. Che ormai sta diventando una specie di telenovela.

Aggiornamento: lo zio Kalderosh non è più agli arresti domiciliari. Stamattina è sparito! : - o
Prima di affermare che lo zio abbia scoperto il significato della parola "latitante", vorrei far presente che assieme a lui è sparita anche una carabiniera (si dice così?) che lo piantonava. Come spiegavo la volta scorsa, ad agosto lo zio diventa particolarmente "iperattivo" e davvero non so come spiegare ai carabinieri rimasti, che forse non si tratta di rapimento, ma di fuga d'amore, rispettosa della tradizione. : - \

Prometto che, se non mi viene un esaurimento nervoso, vi terrò aggiornati.

Quanto a Tikla e al suo corso di giornalismo, mi ha detto che oggi non aveva notizie da commentare (tranne questa, forse), ma se volevo aveva un'altra storia da raccontare.

Tikla dice che la verità è come una donna, così come è stata fatta. Mettile un po' di rossetto, un po' di fondotinta, è non è più verità, ma qualcosa di diverso. L'ho fermato, per paura che si facesse prendere da qualche discorso antifemminista, ma lui ha continuato. Se la verità può diventare così facilmente una bugia, è per un istinto di "comunicare" (ha usato proprio questa parola) e di sopravvivere. Come ha fatto lui col diavolo, come facciamo tutti.

TIKLA IL GUARITORE

"Non riesco a capire" mi fece un giorno il Diavolo "Come mai sei così scaltro che riesci ad ingannare anche me e sei sempre così povero"

"E' che il denaro mi sfugge tra le mani. La vita è dura e la gente ci caccia da un posto all'altro. Così, quando sono riuscito a risparmiare qualcosa, dobbiamo ripartire. Finisce che perdiamo giornate intere a far nulla. I bambini piangono, mia moglie mi da del buono a nulla..."

Il Diavolo, quel mio caro amico, mi ascoltava, ma sapevo che il suo ruolo non era di aiutare i poveracci come me, piuttosto il contrario. Poi, mi fece:

"Ti aiuterò a guadagnare dei soldi, tanti soldi, se vorrai. Ma dovrai obbedirmi"

"Non dovrò per caso ammazzare qualcuno?"

"Per quello, basto io. Voglio solo che tu mi obbedisca ciecamente e senza fare obiezioni!"

Inutile dire, che mi feci molto diffidente. Quello continuò. S'informò su mia moglie che prediceva l'avvenire. Su quanto si poteva guadagnare in questo modo. Poi arrivò la sua proposta:

"Resta inteso che questa proposta è solo per te, non per tua moglie. Avrai il dono di guarire gli ammalati, così guadagnerai abbastanza per vivere bene. Ma dovrai stare attento. Quando ti chiameranno per curare qualcuno, io sarò visibile solo a te. Se mi vedrai accanto alla testa dell'ammalato, sappi che guarirà, qualunque sia la sua malattia. Se, al contrario, mi vedrai ai suoi piedi, sappi che quella persona sarà prossima alla morte. Non dovrai insistere. Accontentati di consolare la famiglia"

E secondo voi, ho accettato o no? Mi sa che dovrete aspettare domani per conoscere il seguito. ; - )

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/08/2005 @ 23:14:26, in media, visitato 1755 volte)

Ho sempre pensato che la lingua inglese fosse più sintetica di quella italiana. Non sempre è così: propongo un confronto all'americana della stessa notizia (e stessa agenzia).

Cassazione: si a espulsioni motivate

Accolto ricorso prefetto Milano, aveva espulso 15 rom
(ANSA) - ROMA, 8 AGO - La Cassazione da il via libera alle espulsioni collettive degli extracomunitari privi del permesso di soggiorno motivate. Il provvedimento espulsivo deve avere una motivazione, anche identica, nei confronti di ogni singola persona priva dei documenti in regola. La Suprema Corte ha accolto il ricorso della prefettura di Milano contro il decreto del Tribunale di Milano che, lo scorso agosto, aveva annullato i decreti di espulsione di 15 rumeni di etnia rom.

 


 La stessa tradotta in inglese (e da me ritradotta in italiano) diventa così:

Cassazione: sì a espulsioni di massa
Da considerare i casi individuali
(ANSA) - ROMA, 8 AGO - Deportazioni collettive di migranti irregolari sono accettabili a determinate condizioni, così si è espressa lunedì la Corte di Cassazione.

La Corte ha stabilito che le autorità possono espellere gruppi amplii di stranieri con la medesima motivazione, anche se ogni singolo caso va valutato.

La decisione ha ribaltato quella del TRibunale di Milano, che aveva giudicato l'espulsione di 15 migranti Rom non in regola coi permessi di soggiorno, come in violazione della Convenzione Europea sui Diritti Umani - Protocollo 4, Articolo, che proibisce "le espulsioni collettive di stranieri".

La Cassazione ha stabilito che questo non si debba applicare in Italia, quando ci siano sufficienti rassicurazioni che la richiesta di espulsione sia stata esaminata su basi individuali, anche se la stessa si applichi a più persone.

La Cassazione ha deciso che il fatto che diverse persone siano espulse per la stessa ragione, sia "irrilevante" ai fine della Convenzione.

Sottolinea come ai migranti sia stata fornita adeguata protezione e il diritto all'assistenza legale, perché potessero rimanere in Italia.

Laura Boldrini, portavoce per l'Italia dell'Agenzia dei Rifugiati delle Nazioni Unite, ha giudicato positiva la decisione, nonostante il suo tono generale.

"La Corte ha sottolineato l'importanza di verificare i casi individuali, come pure la salvaguardia dovuta ad ogni immigrato che staper essere espulso," ha detto.

Boldrini si è poi riferita alla recente decisione dei ministeri degli interni di cinque paesi dell'Unione Europea, dilavorare congiuntamente per deportare immigrati della medesima nazionalità. Ha descritto il piano - secondo cui i migranti espulsi da Italia, Francia, Germania, UK e Spagna siano trasportati col medesimo volo - come un tipo di espulsione collettiva.

Queste deportazioni collettive sono state ripetutamente nei titoli di testa delle notizie italiane l'anno scorso, con particolare enfasi sulle espulsione verso la Libia.

Si ritiene che oltre un migliaio di migranti siano stati trasportati in aereo in Libia e circa altri 200 abbiano incontrato lo stesso destino a marzo.

La decisione aveva sollevato ampie critiche da parte dei membri delle opposizioni, delle organizzazioni umanitarie, dell'Agenzia per i Rifugiati dell'ONU e della Corte Europea sui Diritti Umani.

In aprile il Parlamento Europeo aveva votato una risoluzione che condannava le espulsioni, mentre Amnesty International aveva pubblicato una serie di riserve, in quanto le deportazioni collettive sono proibite dalle leggi internazionali.

I gruppi umanitari paventano che le deportazioni collettive violino le regole internazionali sui rifugiati, e che i casi individuali non siano esaminati adeguatamente.

Il governo italiano, che ha fatto della lotta all'immigrazione illegale una sua priorità già dal 2001, ha difeso le deportazioni collettive, rimarcando che ogni richiesta di asilo è esaminata caso per caso.

© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati

Articolo Permalink Commenti Oppure (6)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/08/2005 @ 23:01:23, in media, visitato 1305 volte)
Fonte: Romano Liloro mailing list

TV BTR Nacional
STR. "Lazar Licenovski" 31-b
1000 Skopje, Macedonia
Tel: + 389 2 311 - 0356; + 389 2 311 - 2240
Fax: + 389 2 321 - 6000
tvbtr@mt.net.mk

Novembre 2005: Si terrà a Skopje, in Macedonia, il Terzo Festival Rom della Radio e della Televisione

Ruota Dorata

La manifestazione durerà quattro giorni, dedicati a presentare produzioni video (films, documentari, sceneggiati) e programmi radio di tutto il mondo. Possono partecipare produttori, giornalisti, registi.

I lavori devono essere presentati entro il 20 ottobre 2005.

Gli argomenti di quest'anno, nello spirito del Decennio dell'Inclusione dei Rom (2005-2015), il terzo Festival Ruota Dorata vuole porre attenzione ai temi: alloggio, economia, salute e scolarizzazione.

Durante la durata del festival si sussegueranno anche audizioni di temi filmici e colonne sonore. Inoltre verranno organizzati incontri e dibattiti aperti a tutti partecipanti alla manifestazione, allo scopodi condividere esperienze, raccogliere critiche e suggerimenti, discutere più in generale sull'attenzione che i media rivolgono ai Rom e favorire ogni possibile forma di collaborazione.

La manifestazione terminerà con la premiazione dei lavori presentati.

Sul Decennio dell'Inclusione dei Rom:
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/08/2005 @ 14:25:46, in casa, visitato 1446 volte)
Da: Oneworld.net

Settimana prossima partiranno i lavori di bonifica della Mahalla di Mitrovica Sud, su richiesta delle autorità municipali, col supporto di UNMIK, KFOR e del Kosovo Protection Corps. L'area ripulita verrà usata per la ricostruzione del quartiere e per permettere il ritorno dei Rom alle loro case.

Il portavoce dell'UNMIK, Georgy Kakuk, ha annunciato che i lavori partiranno lunedì 8 [agosto] alle 16.00, con la demolizione di quattro case danneggiate, usando esplosivi da edilizia. Kakuk ha rifiutato di commentare sulle implicazioni politiche del progetto.

Membri del KPC e del KPS assicureranno la sorveglianza nei 200 metri attorno alla zona, perché nessuno si avvicini alla zona dei lavori.

Riferimenti:
Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Alessandro (del 07/08/2005 @ 10:24:18, in blog, visitato 1499 volte)
Fateci caso si incontrano sempre le persone giuste al momento giusto (forse), e nel posto sbagliato (sempre).
Vi ho presi o prese in giro tutti: non ero in vacanza... ero in ospedale per un tagliandino del quale non vi dico le coordinate salvo che non devolviate un obolo congruo ai primi dieci barboni (avete mai pensato a quanto costano 4 rasoi bilama gillete? 4,60€, hai voglia a diventar barbone).
Ed allora alla stanza 1 letto 10 prima del mio ho fatto la conoscenza di uno spirito libero, intraprendente, coraggioso, traduttore, teatrante, viaggiatore a rischio, filosofo, giramondo, affabulatore (vere le storie?), capobranco di una mandria di figli velocissimamente attorno al suo letto pur affrontando traversate oceaniche, prendere quattro treni in Sardegna per coincidere col traghetto, telefonate in russo, in brasiliano, esperto di politica italiana, curriculae urbe et orbi, conoscitore del corano, di imperscrutabili fumatori doganieri turchish, autisti levantini, ospitali nomadi baktiari purché disponibile a bere sangue dal collo di una capra viva, un uomo che pur di portare in Italia un gatto cadutogli in braccio da un mango, si è fatto 40 ore di aereo per far verificare, in una scatolina con ghiaccio secco, dall'istituto sieroterapico italiano che il gatto, tenero cuore, fosse sano e potesse accomodarsi in economica sull'aereo, che ha visitato incuneandosi per 13 piani sotto terra la ormai distrutta città millenaria di fango di Bahn, potrei parlare di un Indiana Jones nostrano ma di qualità, con capacità di vivere di espedienti spacciandosi per dervisho nelle bettole di Istanbul e che avrebbe dovuto imbarcarsi tra poco per Manaus, così, per girare un po' di amazzonia prima fare un salto in Chiapas per un calumet col subcomandante Marcos e poi a Mexico City per vedere la madonna di Guadalupe.
Quest'uomo pochi giorni fa, e se non fosse stato così non ci saremmo mai conosciuti - ha avuto un piccolo problema, e si è ricoverato, e mentre passavamo queste interminabili giornate a parlare (anch'io ne avevo da raccontare, come rincorrere una stronza gallina che non voleva saperne di diventare brodo), è stato preso da un'allergia tipica da ospedale: cioè nessuno ne sa niente, eccheccavolo ci stanno a fare tutti questi medici? diventando rosso tra le donne d'ogni porto tatuate, cominciando e non terminando mai, di grattarsi, spugne fredde, antistaminici, ben ultimo un siringone di cortisone, senza perdere per un attimo la sua verve gesticolando come un tarantolato salentino, insomma, io oggi sono venuto via e lui restava sino a bo...? ma son sicuro che un passaggio un un cargo battente bandiera liberiana lo troverà.
Scusate, sono stanco per l'intervento, le medicine ecc. dimenticavo: l'amico Giorgio ha ottant'anni, un metro e novanta, senza un filo di grasso, con ancora dei bei capelli (alla Alain Delon) grigi e affascinante per me... figuriamoci per una donna. E non storcete il naso donne, uomini così, raramente si incontrano.
Alessandro

da:
Fanciullozzo
Giovedi 4 Agosto 2005 ore 17:11:29
Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/08/2005 @ 07:51:49, in Europa, visitato 1579 volte)
Fosse per me, e anche a beneficio dei pochi lettori che sudano in città, dedicherei agosto alla visione di Novella2000 e del Sudoku. Insomma, ogni tanto è necessario per tutti tirare il fiato.

Agosto, dalle mie parti, è anche il mese il mese degli sgomberi, quelli che si fanno di nascosto. Finisce che con le buone o le cattive, anche noi si andrebbe in campagna...

A volte, dalla calura e dalla pigrizia che mi stanno avvolgendo, emergono notizie che non saprei classificare


potrei immaginarmi uno sgombero agostano in grande stile, o la solita cattiva coscienza che emerge in questo periodo o... insomma, io non abito a Londra e non mi sono trovato con la metropolitana in fiamme...
Diciamo: mi manca qualche dato fondamentale per giudicare sui fatti e non in base all'ideologia.

Non sono un suddito di Her Majesty, quindi qualche dubbio rimane:
  • sono misure efficaci o gli attentatori (speriamo di no) si faranno beffe di questi cambiamenti?
  • la recente campagna elettorale inglese si è giocata tra conservatori (che volevano limitare lo Human Right Act) e laburisti che lo volevano mantenere. Insomma, alla faccia del "Non cambieranno il nostro stile di vita", mi sa che i due erano d'accordo a cambiarlo alla prima occasione buona.


Ci sarebbe qualche altra domanda che mi frulla in capo, ma sono certo che non avrà risposta e non cambierà niente.
Allora, miei scarsi e accaldati lettori, concentriamoci su preoccupazioni più pratiche:
E' vero o no, secondo la vostra esperienza, che in casi simili, c'è sempre qualche innocente che ne fa le spese?

si parla di un rimpatrio forzato (che sarà operativo a giorni), di una famiglia che col terrorismo non c'entra niente (anzi, arrivata in Gran Bretagna per sfuggire al terrorismo), famiglia integrata nella società, con madre e una figlia con gravi problemi di salute e un altro bambino che in Inghilterra è nato ed è sempre vissuto (a proposito, rileggete Odissee italiane).

Se prima riuscire ad evitare il rimpatrio era un'impresa difficile, ora è quasi disperata. La UK Association of Gypsy Women, chiede una firma per PROVARE. Anche se le firme possono fare poco. Anche se è agosto. Perché no?
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/08/2005 @ 04:16:52, in Italia, visitato 2133 volte)


Neveresa Hamidovic arrivò in Italia da Sarajevo che aveva 13 anni. Faceva parte di un gruppo di 44 famiglie di immigrati, tutte di Rom, e furono sistemate nell "campo nomadi" di via Salvini a Roma. Qui crebbe e sposò suo marito Mammud in municipio. Entrambi hanno vissuto più della metà della loro vita in Italia ma ora, assieme ailoro quattro figli, devono affrontare il ritorno in Bosnia.

Come riportato da diversi giornali, qualche giorno fa Nevresa e suo marito sono stati fermati dalla polizia italiana per un controllo di routine dei documenti. Nevresa ha un passaporto bosniaco regolare, ma il visto italiano è scaduto. Lei e suo marito hanno provato a spiegare la loro situazione, in particolare le difficoltà che ci sono con la burocrazia bosniaca data la confusione dopo la guerra. Hanno detto alla polizia di risiedere in Italia da oltre 20 anni, sposati dalle autorità italiane, con i figli (che non hanno mai vissuto in Bosnia) che frequentano qui le scuole. Lo stesso, Nevresa è stata messa in un centro di permanenza temporanea, o CPT, a Ponte Galeria a Roma. Secondo la legge in vigore, sarà detenuta lì per 60 giorni e poi rimpatriata forzatamente in Bosnia.

Secondo il giornale Il Manifesto, qyuello di Nevlesa è tuttaltro che un caso isolato. Pochi mesi fa a Pistoia, la polizia fermò un Rom senza documenti. Nato in Italia da genitori yugoslavi, l'uomo vive e ha famiglia in Italia, con quattro figli tutti nati qui. Non è mai stato in Serbia, ma verrà lo stesso rimpatriato nella terra dei suoi genitori dal CPT Vulpitta a Trapani. A differenza di Nevresa, l'uomo ha avuto la fortuna di essere assistito da un avvocato che sta facendo in modo di bloccare il suo ritorno in Serbia sulla base del suo stato di "apolide".

Questi casi sono indicativi della situazione di molti Rom in Italia senza status legale. Nei cosiddetti "campi nomadi", queste persone crescono e vivono nell'assoluta mancanza di legge e assistenza legale. Se il governo italiano tuttora non è in gradodifornire cifre e statistiche precise su questa popolazione, è chiaro che tra di loro ci sono anche molti apolidi.

Dato che la legge italiana non riconosce la cittadinanza per nascita, molti Rom sono considerati iimigrati anche se sono natiin Italia. E' quindi possibile espellerli per un semplice fraintendimento burocratico, come il visto scaduto per Nevresa. Questi Rom sono quindi parificati dallalegge sull'immigrazione (Bossi/Fini) a tutti gli altri immigrati di recente arrivo, e spesso inviati nei vari CPT in Italia.
(Dzeno Association)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/08/2005 @ 19:50:51, in Italia, visitato 1464 volte)
JTA - Global News Service of the Jewish People

Il consiglio comunale questa settimana ha approvato all'unanimità l'approntamento di un'area di 3000 mq per edificare il museo. La sede, particolare significativo, sarà Villa Torlonia - già residenza di Mussolini. "Questo nuovo, fondamentale luogo della memoria si aggiungerà ad altri siti che ricordano gli anni più bui dellastoria romana e la terribile sofferenza inferta agli Ebrei romani" ha affermato il sindaco Walter Veltroni. Entro la fine dell'anno verrà formata una commissione, composta da rappresentanti cittadini e della comunità ebraica.

Riccardo Pacifici, portavoce della comunità, dice che il museo riporterà la storia di tutti quanti abbiano sofferto per mano dei nazisti e dei fascisti, quindi anche dei Rom, degli omosessuali e degli oppositori politici, non solo degli Ebrei.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 12:14:49
script eseguito in 172 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 309 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source