Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 20/12/2005 @ 14:55:15, in lavoro, visitato 3757 volte)
Un argomento già trattato in un vecchio post, che mischiava cantieri, campi di calcio e campi sosta.

Vite da Cantiere.
Nuovi schiavi e caporali a Milano e in Lombardia nel Millennio della globalizzazione.
di Luigi Lusenti e Paolo Pinardi
Contributi di don Luigi Ciotti, Franco De Alessandri, Guglielmo Epifani e Franco Martini
Edizioni Comedit 2000 - euro 13,00

E’ la nuova pubblicazione di Comedit 2000, la piccola casa editrice milanese che fa dell’indagine sociale e della conoscenza del territorio il presupposto della propria militanza.
Insieme agli amici dell’Arci e di Libera e della rivista il ponte della Lombardia, promotori della Carovana Antimafie, e ai sindacalisti della Fillea Cgil della Lombardia si è voluto approfondire e far conoscere all’intera città la realtà del cantiere edile, paradigma nel suo sfruttamento e nella sua precarizzazione del lavoro di oggi e della società globalizzata.

In alcune piazze di Milano alle sei del mattino era possibile incrociare decine se non centinaia
di ragazzi e adulti marocchini o egiziani, rumeni o albanesi, in attesa del caporale che dopo veloce contrattazione smistava il suo carico umano in uno dei tanti cantieri della nostra città e regione; ora, dopo diverse denunce e iniziative sopratutto dei sindacalisti e della Carovana Antimafie, il mercato delle braccia è diventato più sotterraneo, ma non meno efficace.
Del resto questo dell’edilizia è uno dei pochi settori trainanti di questa economia in declino: grandi infrastrutture come la Tav o la nuova Fiera, il recupero delle aree dismesse come il Portello o l’Innocenti, i piccole e medi cantieri di una politica urbanistica milanese e lombarda a dir poco sfrenata per cui si costruisce dappertutto sotto (i box) e sopra (mansarde); l’importante è dar fiato alla bolla speculativa del mattone, poi si vedrà.

E allora perchè stupirsi se delle persone, spesso senza permesso di soggiorno, vengono reclutati a 3 euro all’ora con il caporale che spesso ne trattiene più della metà, se nei nostri cantieri si raggiungono percentuali di lavoro nero pari al 40% e in alcuni casi oltre la metà; buona parte di questa città rischia di essere un cantiere precarizzato che oggi c’è e domani non si sa: i giovani dei call center, i lavoratori dei centri commerciali e di molti servizi o agenzie, le migliaia di co.co.co e dei nuovi rapporti di lavoro della legge 30 perfino tantissime partite Iva.
Perchè stupirsi se dei ragazzi vengono sbattuti nei cantieri, senza formazione e senza nessuna misura di sicurezza: siamo il paese con la più alta percentuale di incidenti sul lavoro; situazioni assurde come il simulare incidenti stradali o risse tra marocchini, quando si verificano gravi e spesso mortali infortuni nei cantieri periferici, sono meno rari di quel che si pensa; in quelli più grandi e importanti si ha la fortuna di un immediato soccorso e di un commento sui giornali del giorno dopo.

Queste vite da cantiere sono raccontate nel libro; il mercato delle braccia, l’infiltrazione delle varie mafie è documentato da semplici lavoratori, sindacalisti, magistrati e associazioni.
Le classi dirigenti, i ceti politici di Milano e Lombardia nelle varie consultazioni elettorali, primarie comprese, farebbero bene ad interrogarsi del perchè siamo giunti a questo punto e se non è il caso di fermarsi e invertire la rotta.
***************************************************************

Anzichè tenere i tuoi libri fermi e inutilizzati,
falli circolare! rendili utili !
Abbiamo bisogno, soprattutto oggi, di tutte le sapienze e culture possibili
Rivolgiti a noi,
ilponte.it
via delle leghe 5 - Milano
MM1 Pasteur - tram 1 via Venini
tel. 02.28.22.415 - fax 02.28.22.423

vite%20cantiere
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/12/2005 @ 11:17:01, in scuola, visitato 1427 volte)
Come riunire i bambini romaniì alla parola scritta. con il nostro programma Our Stories.

[...] Il programma si impegna a [...] sviluppare nuovi metodi ed approcci creativi per la creazione e la promozione di libri per l'infanzia romanì.

Il progetto Our Stories è promosso da Next Page come continuazione di un laboratorio per promuovere la lettura tra giovani e bambini romanì, laboratorio che VORBA ha organizzato all'inizio di quest'anno (vedi). Serve ad incoraggiare il processo di inclusione attraverso la partecipazione a performances di lettura e altre attività creative di lettura e scrittura - svolte nelle comunità Rom della Bulgaria, Macedonia, Romania e Serbia-Montenegro. L'unicità del progetto è ch attraverso i mezzi artistici e la partecipazione diretta nella creazione del testo, i bambini romanì arrivano alla scoperta del mondo della scrittura. le attività creative saranno raccolte in seguito in volumi rivolti all'infanzia, che per i bambini sono i primi strumenti a loro disposizione, contenenti testimonianze sulla loro cultura e sulla vita contemporanea della gioventù romanì.

Il progetto Our Stories è promosso dalla Fondazione Culturale Europea ed è sviluppato in cooperazione con organizzazioni romanì culturali ed educative ed organizzazioni internazionali attive nel campo della lettura per l'infanzia.

Ulteriori informazioni sul Reading Promotion for Romani Children program, contattando Sofiya Zahova, coordinatrice del progetto.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/12/2005 @ 08:54:53, in blog, visitato 1950 volte)

Recentemente ho scritto ad Ahmed Almezayen (ve lo ricordate?), che voleva qualche informazione sul significato del nome Mahalla in Europa.

Tempo fa, anche Terry me ne aveva chieste e le avevo scritto:
...quei quartieri risalgono all'impero ottomano, e esistevano in tutto il loro dominio. Una che esiste tuttora, anche se ne ha perso il nome, è a Gerusalemme, presso la Porta del Leone, mi pare. E a Istambul c'è ancora a Sukulele lo storico quartiere dei Rom. Sono/erano quartieri a forte composizione etnica, non escludo che col tempo ci siano stati dei rimescolamenti, tieni anche conto che in tutta l'Europa dell'Est (quindi anche fuori dagli ex dominii turchi), negli anni '50/'60 ai Rom erano state assegnate anche case popolari nelle città più grandi e che spesso le varie etnie si sono mescolate tra loro, almeno fino alla fine degli anni '80, quando riapparvero le divisioni etniche e nazionaliste.
Quindi, Mahala non ce ne sono in Italia. In centro Italia, i Rom Abruzzesi sono "inurbati" da decenni, e attorno agli anni 60/70 a Vasto, Lanciano ecc. c'erano quartieri abitati prevalemente da loro. Ultimamente, si è tentato di superare questa mentalità da "ghetto", suddividendo la loro presenza nei diversi quartieri.

Ma torniamo ad Ahmed, che mi scrive:
Grazie, aggiungo alcune informazioni:
1) Mahala è una parola originaria araba, adoperata per indicare piccole città;
2) In Egitto esiste una grande metropoli che si chiama Al-Mahala Al-Kobra (letteralmente: La Grande Mahala).
Un saluto
Ahmed

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 19/12/2005 @ 18:44:06, in scuola, visitato 1382 volte)
da sucar drom
Pubblichiamo l'articolo apparso giovedì 8 Dicembre 2005 sul quotidiano L'Arena.
Come molti dei nostri lettori sanno la situazione a Verona è molto difficile e nutriamo forti dubbi, dopo l'intervento della magistratura per sospetta concussione, pedofilia e traffico di stupefacenti a Boscomantico, che l'Istituto Don Calabria riesca a gestire la grave situazione. Ne è prova il giornaliero arrivo a Mantova, proprio da Verona, di bambini Rom Rumeni che chiedono l'elemosina nelle vie della nostra città, insieme ai genitori.
Speriamo che il progetto del Don Calabria possa offrire realmente risposte postive e concrete alle famiglie presenti.

testata
In arrivo 115mila euro
Finanziamenti per la scuola dei bimbi Rom
Dalla Fondazione San Zeno


La Fondazione San Zeno finanzierà interamente il progetto per l’integrazione scolastica dei bambini Rom presenti nel campo nomadi di Boscomantico.
È stata l’assessore alla Cultura delle differenze, Stefania Sartori, a comunicare ieri, nel corso di una riunione straordinaria della Giunta, la decisione presa dal Consiglio di amministrazione della Fondazione promossa da Calzedonia. Lo stanziamento è di 115 mila euro e il progetto finanziato riguarda l’anno scolastico in corso.
«Questi fondi», commenta l’assessore Sartori, «serviranno a supportare l’accompagnamento, il tutoraggio e l’intervento dei mediatori culturali. Si tratta di azioni fondamentali per garantire la frequenza costante e proficua dei bambini Rom alle attività didattiche e soprattutto ad evitare che la classe risenta di questi inserimenti». L’assessore fa inoltre sapere che «grazie a questi fondi, potranno essere liberate risorse comunali per il progetto, della durata di 18 mesi, per l’inserimento lavorativo degli adulti, con iniziative di formazione professionale nelle aziende».
Entrambi i progetti sono gestiti dal Don Calabria. Attualmente nel campo di Boscomantico si trovano circa 70 adulti e altrettanti bambini, molti dei quali in età scolare. (e.s.)

Rif:
L'Arena
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/12/2005 @ 14:11:58, in casa, visitato 1586 volte)
Scrive Paola Dispoto su luigigallo.info

domenica 18 dicembre 2005

Nel 2000 è stato pubblicato un libro dal nome "Il Paese dei campi", autore l'ERRC (European Roma Rights Center), edizioni Carta .

Il paese dei campi è l'Italia. Nel resto d'Europa non esitono "campi nomadi".La nascita dei campi risale agli anni '80, quando con leggi regionali a "tutela delle minoranze rom e sinte" 10 regioni italiane decidono che rom e sinti sono nomadi e in quanto tali devono stare nei campi. Sull'uso scorretto e strumentale del termine nomadi ho già scritto, non scriverò invece quali abusi e prevaricazioni subiscono rom e sinti nei campi su territorio nazionale, i rapporti dell'ERRC sono esaustivi a riguardo.

Voglio invece tornare alla nostra situazione locale. A Bolzano non siamo stati da meno, pur non avendo una legge provinciale (che invece in provincia di Trento hanno). Esistono due campi, quello dei sinti alla spaghettata (Bolzano Sud), e quello dei rom a Castel Firmiano, entrambi aperti dal '96.

Cosa non va nei campi? Sarebbe una lista troppo lunga da elencare, ma ad esempio,entrambi sono fuori dalla città, quasi a voler sottolineare l'emarginazione, la distanza "sociale" tra zingari e gage, entrambi sono collocati in un contesto che presenta molte problematiche per la salute delle persone che nei campi vivono, il campo rom su una discarica mai bonificata e il campo sinti circondato da strade a scorrimento veloce, inceneritore, antenne della telefonia mobile, elettrosmog. Se invece entriamo nello specifico delle attitudini di sinti e rom rispetto all'abitazione, per nessuno dei due gruppi il campo rappresenta la condizione desiderata. Partiamo dai rom: la maggior parte di loro in Macedonia viveva in casa, quando sono arrivati a Bolzano non si è trovato di meglio che metterli in roulotte cadenti della protezione civile già utilizzate per i terremotati. Erano sfollati di guerra, molti hanno chiesto lo status giuridico di rifugiati politici, ma erano rom, cioè nomadi, e quindi roulotte, campo e zitti. Non sorprende che al Villaggio rom attualmente non ci siano più roulotte ma piccoli manufatti autocostruiti che almeno preservano la dignità di queste persone, la maggior parte delle quali lavorano regolarmente da anni (con buona pace di chi continua a sostenere che i rom non vogliono lavorare!). E non sorprende nemmeno che tutte le famiglie aspirino a vivere in un alloggio. Molte famiglie rom, con sacrifici sono riuscite ad affittare appartamenti sul mercato privato ( e non dell'IPES) tornando così ad uno stile di vita desiderato. Certamente anche tra i rom si registra qualche pecora nera, qualche famiglia (pochissime in verità) che vive in alloggio IPES e fa parlare di se. Come centinaia di altre famiglie bolzanine.

Per quanto riguarda i sinti la situazione è più complessa. Esiste una spaccatura generazionale rispetto alla preferenza per una condizione abitativa piuttosto che un'altra. Le giovani generazioni in genere preferiscono gli alloggi, sentono meno la necessità della vita con la famiglia allargata, con cui mantengono comunque i contatti. Gli anziani e le generazioni di mezzo invece opterebbero ancora per la vita non in alloggio, ma nemmeno in un campocome quello della spaghettata.

Oltre ai problemi cui ho accennato sopra, la vita del campo, dove per campo si intende un campo con un gestore/custode dove risiedono diverse famiglie allargate, implica una forzatura rispetto alle modalità spontanee di aggregazione dei sinti. In poche parole se potessero scegliere non starebbero lì tutti insieme. Piccola divagazione: non esite e mai esisterà un capo o re o imperatore degli zingari: questo principalmente perchè l'organizzazione sociale dei sinti è acefala, non prevede un capo. Ogni capofamiglia è il riferimento per il proprio gruppo (famiglia nucleare o allargata) e basta.

Riportare questa logica all'interno di un campo dove sono presenti ad esempio 8 famiglie allargate comporta il dover affrontare 8 punti di vista molto probabilmente tesi gli uni contro gli altri in una lotta alla sopravvivenza. Questo è solo il più ecclatante dei motivi per cui, potendo scegliere, nessun sinto andrebbe a vivere in un campo così concepito.

Quindi non gli alloggi, non i campi, allora cosa? Le micro aree.

Cosa sono le micro aree? Sono delle aree più piccole di un campo dove risiede una sola famiglia allargata o altrimenti più famiglie in accordo tra loro o affini. Sono aree dove ogni singola famiglia dispone di uno spazio privato e di servizi adeguati. Non sono marginali rispetto all'abitato e ai servizi. Non sono custodite ma affidate alla responsabilità delle persone che la occupano, così come qualsiasi appartamento concesso in affitto. Non esiste un regolamento, come al campo, dove quasi devi chiedere il permesso per andare via per qualche settimana, o se vuoi ospitare parenti per un po'. Tuttalpiù un contratto d'uso e contratti delle relative utenze.

Che i campi abbiano prodotto più danni che vantaggi se ne sono accorti quasi tutti (per fortuna), anche la nostra amministrazione. Per questo ancora la vecchia legislatura Salghetti aveva commissionato alla Fondazione Michelucci di Firenze uno studio per il superamento dei campi. Lo studio verrà presentato prossimamente, ma le conclusioni sono state anticipate e prospetano, tra le altre proposte, proprio questa delle micro aree.

L'aspetto che secondo me è da rilevare di una soluzione come la micro area è rispetto all'impatto che questa ha con il territorio circostante. Faccio un esempio: quanti sanno che su via Resia esiste una micro area da circa 20 anni? Si tratta di villa Gabriel (così detta dal nome della famiglia che la abita, i Gabrielli), una ex casa ANAS con attorno dello spazio occupato da alcune roulotte. E quelli che ne conoscevano l'esistenza hanno mai sentito qualcuno lamentarsi per quella presenza? qualcuno ha mai avuto personalmente un contatto negativo con la famiglia che lì abita?

Io so che la famiglia Gabrielli è una famiglia di antico insediamento qui a Bolzano, una famiglia di bravi musicisti, conosciuta e stimata da molti in città.

Mettendo il naso fuori provincia, vicino Reggio, in Emilia, si sta ultimando il primo residence per sinti.

Torniamo a noi. Durante la sua campagna elettorale, il sindaco Spagnolli, che i sinti li conosce bene, ha inserito nel programma la realizzazione di micro aree per le famiglie sinte che vivono al campo della spaghettata. Io confido molto nell'impegno preso pubblicamente dal sindaco, e spero davvero che non siano state solo promesse.

Paola

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/12/2005 @ 11:59:27, in blog, visitato 2553 volte)

Si mangia e si beve, anche dalle nostre parti. Gli elementi più "selvaggi" hanno già stappato le bottiglie, le donne stanno già alimentando la stufa.

Chi è rimasto sobrio (spera di recuperare poi il tempo perduto) ringrazia Mastro nns & the ChalgaUntzBrassMetalJazzBbbanda

Qualche suggerimento per un piatto diverso dal solito?

La prima ricetta, la dedichiamo a un blogger che da un po' è in "silenzio stampa", sperando di vederlo scrivere presto:

Burek (via Tiscali Europa)

La pasta:
-
350 gr di farina
- 1 cucchiaio di olio di oliva
- 1/8 l di acqua tiepida
- 1 pizzico di sale

La farcitura:
-
600 gr di spinaci bolliti tritati
- 200 gr di panna fresca
- 2 cipolle sminuzzate
- 1 spicchio d'aglio pestato
- sale e pepe

Impastare la farina, l'olio, il sale e l'acqua per formare una pasta molle. Spalmare con l'aiuto di un pennello dell'olio d'oliva sulla pasta e ricoprirla con uno strofinaccio. Lasciare riposare per mezz'ora. Fare rosolare le cipolle e l'aglio in una padella, e aggiungervi gli spinaci con sale e pepe. Aggiungere la panna fresca e un po' di farina in modo che l'impasto non diventi troppo liquido. Tagliare la pasta in 8 o 10 pezzi. Stendere ciascun pezzo di pasta in strati molto sottili, quasi trasparenti. Imburrare il fondo di una teglia da crostata e stendervi uno strato di pasta, più uno di spinaci, più uno di pasta e così via. Nella parte superiore stendere due strati di pasta per una migliore tenuta. Fare cuocere il Burek nel forno preriscaldato per 30 minuti a 180-200°. Un altro modo per realizzare il Burek consiste nel mettere la farcitura di spinaci in ognuno dei pezzi di pasta, arrotolarli a forma di lumaca e disporli nella teglia con il resto degli spinaci sparsi tra i piccoli Burek. Anche in questo caso fare cuocere per una trentina di minuti.

Dober tek!

Involtini di cavolo alla romena (Sarmale)

via Rete Civica San Donato Milanese

-

1/2 Kg di Cipolle tagliate fine

 

-

1 Carota

-

150 g di Riso

-

700 g di Carne trita di maiale e di vitello

-

1 Uovo

-

1 cucchiaino di Semolino

-

2 cucchiai di Concentrato di pomodoro

-

1 Cavolo di media grandezza

-

1 Limone

-

Sale, Pepe, Olio q.b.

-

1 bicchiere di Vino bianco

La cipolla tritata con la carota a julienne (ed eventualmente altre verdure in modo da creare un soffritto, va a gusti) si fa sciogliere con 100 ml di acqua e 100 ml di olio a fuoco basso, deve bollire, non si deve rosolare.

Si fa raffreddare. Si fa bollire il riso per 10 minuti e poi si risciacqua con l’acqua fredda. Quando è tutto freddo si mescola con la carne, l’uovo, il semolino e il concentrato di pomodoro. Si aggiunge sale e pepe q.b. Si lascia riposare il composto per mezz’ora.

Le foglie del cavolo si lavano e poi si sbollentano nell’acqua alla quale si è aggiunto il succo del limone e un cucchiaio grande di sale. Quando le foglie di cavolo sono fredde si possono fare gli involtini. (Si può fare in estate anche con foglie di vite, bisogna allora farle sbollentare di meno perché sono meno dure).

Si mette la foglia nel palmo della mano, si adagia un cucchiaio di composto e si arrotola dopo di che si spingono in dentro le due estremità in modo da chiudere bene l’involtino. Sul fondo della pentola si mettono 2 cucchiai di olio e un strato di cavolo tagliato a listarelle (perché così non si attaccano) e poi si cominciano e mettere gli involtini a strati.

Quando sono state messe tutte si aggiunge acqua fredda fino quasi a coprirle e si fa cuocere a fuoco basso da quando comincia a bollire per un’ora e mezza. Poi si aggiunge un bicchiere di vino bianco e si fa ancora cuocere un quarto d’ora. Non bisogna mai mescolare perché se no si disfanno e viene una poltiglia. Bisogna solo ogni tanto smuovere bene la pentola soprattutto quando l’acqua sta per consumarsi tutta.

Polneti Piperki

Ho chiesto ad alcuni amici provenienti dalla ex Yugoslavia quale fosse il loro piatto preferito. Inutile dire che si sono divisi in varie fazioni anche su questo argomento. Alla fine della discussione, per una volta abbiamo raggiunto un accordo:

Peperoni ripieni, qui nella variante macedone (via Padania - ricettario mutietnico)

- 8 peperoni medi verdi
- 2 peperoni piccoli verdi tagliati a pezzettini
- 150 gr di burro
- 4 cipolle piccole, tagliate fini
- aglio macinato, 2 chiodi di garofano
- 1 barattolo di passata di pomodoro
- sale e pepe
- 500 grammi di prosciutto affumicato
- 2 uova
- 500 gr di pan grattato

Tagliare gli 8 peperoni secondo le nervature, lavarli e rimuovere i semi. Scottarli in acqua salata per 5 minuti e poi scolarli. In un tegame a parte, sciogliere il burro, aggiungere le cipolle tagliate fini, l'aglio, e il sale. Quando sono dorati, porre nel tegame la passata di pomodoro, il prosciutto, i 2 peperoni piccoli tagliati fini e i chiodi di garofano. Dopo 15 minuti, togliere dal fuoco e mescolare con le uova e il pan grattato. Riempire i peperoni tagliati, e ricoprire col resto del pan grattato. Mettere in forno a 250° per 25 minuti e fare brunire la parte superiore.

Non so se siate cattolici, ortodossi o musulmani (o evangelici), quindi sul bere decidete voi e non scateniamo altre guerre.

Comunicazione di servizio per milanesi e dintorni:

Veglione di capodanno al campo

*****

Musica, balli, fuochi per una serata che ricorderete.
Contattatemi per informazioni o partecipare

Soundtrack:

Per una volta, abbandoniamo la musica balcanica, per promuovere nuovi suoni:

Gypsy Punk

Dai Gogol Bordello: Qui

Jazz sinto & manouche:

Aperitivo con Patrick Saussois:

E se avete già mangiato, il digestivo è dei Manomanouche Quartet:

Dimenticavo: gli auguri dal mondo



Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/12/2005 @ 11:07:43, in Europa, visitato 1573 volte)
header_02_loggedout
15/12/05 - Una coppia bulgara, il cui figlio nato in Irlanda è morto qui due anni fa, ha fatto appello per la revisione della sentenza governativa di rimpatrio forzato.

Andon Kozhukarov e Bilyana Spasovo, entrambe parte della comunità rom, hanno vissuto in Irlanda da quando hanno lasciato la Bulgaria nel 2002.

Ora chiedono asilo a causa della persecuzione politica, motivando la richiesta col fatto che nella loro città natale il signor Kozhukarov sarebbe stato malmenato e la signora Spasovo trattenuta dalla polizia.
Gli avvocati della coppia sostengono che il Ministero di Giustizia non ha considerato come uniche e tragiche le circostanze del loro caso e che non ha vagliato se questo rimpatrio fosse avvenuto nello spirito della Convenzione Europea sui Diritti Umani.

Il loro primo figlio, Davide, morì nel dicembre 2003 ed ora è sepolto nel cimitero di Glasnevin a Dublino.

Affermano che sarebbe impossibile per loro visitare la sua tomba, se fossero rispediti in Romania.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/12/2005 @ 14:53:13, in Regole, visitato 1398 volte)
Raga, quando volete liberare un posto in treno, spruzzatelo col disinfettante, lasciate stare i cazzotti.
pidocchio
Nella foto (lapelle.it): altri passeggeri fastidiosi
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/12/2005 @ 11:58:32, in lavoro, visitato 1318 volte)
DROBETA-TURNU SEVERIN - L'Agenzia Distrettuale per il Lavoro e l'Impiego (AJOFM) della provincia di Mehedinti (Romania meridionale) ha dato inizio il 2 dicembre scorso a un programma di monitoraggio sui Rom senza lavoro. Nelle 10 comunità presenti nella provincia, che conterebbe 16.000 persone secondo stime non ufficiali,  gli impiegati dell'agenzia valuteranno il loro status sociale e li coinvolgeranno in corsi di formazione a seconda delle richieste degli operatori economici locali.

"Secondo i dati forniti dai municipi dell'area, il 35% dei Rom è in cerca di lavoro. Alcuni sindaci hanno richiesto sussidi che permetterebbero di creare da subito 180 posti di lavoro, ma questo rimane insuffiuciente rispetto alla domanda di Mehedinti", secondo il direttore di AJOFM, Gheorghe Clement. L'agenzia ha intanto individuato 100 posti vacanti o intende assegnarli tramite 12 corsi brevi di formazione.

Fonte: Romanian_Roma
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/12/2005 @ 10:08:41, in blog, visitato 1780 volte)
ma_grp_1

L'antiziganismo è una specifica forma di razzismo e discriminazione razziale contro i Rom, manifestata con stigmatizzazioni; violazione flagrante dei loro diritti umani; diniego dell'accesso ai pubblici servizi, scuola, lavoro; diniego della partecipazione ai processi amministrativi decisionali a livello locale e centrale; persecuzione; abuso; violenza; deportazione forzata; pulizia etnica; sterminio ed etnocidio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/12/2019 @ 14:41:23
script eseguito in 180 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 10704 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
12/12/2019 @ 08:20:56
Di ANNA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source