Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 09/01/2013 @ 09:08:40, in sport, visitato 899 volte)

Most, 3.1.2013 15:58, (ROMEA) Tifosi cechi spargono voci su sussidi al calcio dei Rom - ryz, Mostecky' deni'k, translated by Gwendolyn Albert

--ilustrachni' foto--

Il giornale Mostecky' deni'k riporta che diversi tifosi dell'Accademia Calcistica di Most hanno lanciato accuse contro la locale associazione romanì, che secondo loro beneficerebbe ingiustamente dei contributi comunali. L'associazione civica Aver Roma (Jini' Romové - Altri Rom), che per il secondo anno sta prendendosi cura dei giovani nella residenza di Cha'nov che abbiano talento calcistico, respinge l'accusa che il municipio stia "buttando un sacco di soldi" in questo lavoro.

"E' una sciocchezza. Non riceviamo questi importi mozzafiato. Come gli altri club sportivi, non otteniamo una singola corona più di quanto non ci sia dovuta," dice Petr Badzo di Aver Roma.

L'associazione ha ricevuto 27.500 corone (1.089 euro) nel 2011, anno in cui iniziò a lavorare con 80 bambini, per finanziare le sue attività e comprare le divise. Badzo dice che è stato il maggior contributo ricevuto, a cui sono seguiti contributi del tutto ordinari per coprire le spese di trasporto.

Scrive il giornale che la squadra di Cha'nov ha terminato terza in classifica lo scorso campionato. Gli è stata anche conferito il titolo di "squadra più corretta". Ai bambini viene permesso di giocare a calcio purché siano soddisfatti i loro obblighi scolastici.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/01/2013 @ 09:09:09, in musica e parole, visitato 1062 volte)

DIRITTI GLOBALI FONTE: ANDREA TARQUINI - LA REPUBBLICA | 02 GENNAIO 2013

Sul podio il maestro Sahiti, profugo dal Kosovo

BERLINO. Sono tutti bravi, strappano sempre grandi applausi e standing ovation. E sono tutti Rom. "Suoniamo soprattutto per mostrare che non è vero che se sei un Rom sei un criminale", è il loro motto. Girano di continuo l'Europa in tournée, sfidando anche pericoli in situazioni come quella ungherese, dove gli ultrà di destra e le loro milizie tipo Magyar Garda hanno le violenze razziste anti-Rom come attività quotidiana. Di orchestre sinfoniche ce ne sono tante ma questa è la storia di un'orchestra unica al mondo. Si chiama Frankfurter Philharmonische Verein der Sinti und Roma. Esiste da dieci anni, fondata dal musicista rom nato in Kossovo Riccardo Sahiti, oggi cinquantunenne. A Francoforte, nella metropoli finanziaria della democrazia tedesca, ha base sicura ma viaggia di continuo per portare in musica il suo messaggio antirazzista.

"L'idea mi venne perché all'inizio, io fuggito dal Kosovo in guerra e con una robusta formazione musicale sulle spalle, avevo difficoltà a farmi accettare nelle orchestre", ha spiegato Riccardo Sahiti alla Sueddeutsche Zeitung, l'autorevole quotidiano liberal di Monaco che all'orchestra sinfonica rom ha dedicato un reportage a tutta pagina. "Ho cercato e contattato colleghi ovunque, sapevo che musicisti sinti o rom erano attivi in orchestre importanti, dalla Wiener Staatsoper, all'Orchestra sinfonica della MDR (la tv pubblica dell'est tedesco) a Lipsia, all'orchestra nazionale romena".

Così nacque il progetto, nel novembre 2002 a Francoforte. Adesso a Praga hanno appena incassato il tutto esaurito suonando, tra l'altro, il Requiem per Auschwitz, composto da Roger Moreno, sinto di origine svizzera. "Nel maggio scorso", narra Moreno, "lo abbiamo eseguito ad Amsterdam e la regina Beatrice ci ha poi invitati a un caffè a palazzo reale per dare l'esempio contro i razzisti".

Non è facile farsi avanti, neanche nell'arte, se appartieni a una minoranza mal vista un po' ovunque. Sahiti è di buona famiglia, i genitori spesero tutto per il suo talento musicale, gli regalarono un pianoforte, riuscirono a mandarlo a studiare a Belgrado e poi a Mosca. Poi vennero le guerre volute dal dittatore serbo Slobodan Milosevic, i massacri etnici e gli stupri etnici di massa della sua soldataglia, asili e ospedali bombardati dai suoi Mig. Sahiti fuggì, appunto. E nel 2002, appena costituita, l'orchestra sinfonica Rom tenne proprio a Francoforte, gran pienone, il suo primo concerto.

"Aver creato l'orchestra vuol dire non perdersi di vista" spiega il violinista Johann Spiegelberg. "Ognuno di noi o quasi ha nella memoria brutte esperienze. Io una volta ero in una grossa città dell'est tedesco, alla fine d'un concerto, ancora in frac, arrivai a una pompa di benzina per fare il pieno con la mia vecchia Mercedes. Due giovinastri mi si sono avvicinati, mi hanno detto “eccolo là, il kanak (termine razzista per straniero usato dai neonazisti ma anche da gente comune nell'ex Ddr, dove tre generazioni vissero prima sotto Hitler poi sotto lo stalinismo, senza cultura democratica e quasi senza ribellarsi fino all'ultimo al contrario di polacchi o cecoslovacchi o ungheresi, ndr).

Ecco un altro kanak, bè kanak che ne dici, è sempre comodo per voi vivere bene qui a spese nostre e a casa nostra, no?”. Io non mi lasciai provocare".
"Ogni tournée è come un'allegra gita scolastica, eppure ce la mettiamo tutta". Musica sinfonica, classica, non folklore. E naturalmente anche musiche di opere ispirate al mondo Rom, da Carmenal Gobbo di Notre-Dame.

"Quella per noi è una nostra eredità culturale da tramandare". Il rischio, dice Jitkà Jurkovà, attivista dei gruppi antirazzisti cèchi che li aiuta a organizzare concerti, è che vengano visti come spettacolo esotico, e che il messaggio politico non sia capito appieno. Ma è un rischio che per il maestro Sahiti e i suoi orchestrali val la pena correre. Tanto da suonare il Requiem per Auschwitz anche in Germania.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/01/2013 @ 09:08:55, in media, visitato 1256 volte)

APERTURA - ANNA CURCIO

Il libro collettivo "La lingua del colore tra Italia e Stati Uniti" Un'analisi comparata su come cinema, fumetti e letteratura veicolano il razzismo in Italia e negli Usa
Portare la razza al centro del dibattito italiano su razzismo e antirazzismo. Questo il meritorio obiettivo di Parlare di razza. La lingua del colore tra Italia e Stati Uniti a cura di Tatiana Petrovich Njegosh e Anna Scacchi (ombre corte, pp. 318, euro 25), volume che si inserisce in un filone di studi, ancora relativamente giovane in Italia, rivolto soprattutto a sfatare il tabù della razza.

Dismessa dal dibattito politico e dal linguaggio di tutti i giorni da quello che è stato definito "il paradigma antirazzista dell'Unesco" che negli anni Cinquanta del Novecento reinterpretava il razzismo alla luce della violenza nazifascista e riconduceva i conflitti razziali a nozioni scientificamente false proliferate nell'ignoranza, la razza come categoria scientifica e analitica per leggere il razzismo ha solo di recente trovato nuova legittimità in Italia e nell'Europa continentale. In particolare grazie all'iniziativa di editori sensibili - tra questi senz'altro ombre corte - e il contributo di studiosi e studiose che, riprendendo gli insegnamenti di Frantz Fanon e delle correnti più radicali del movimento per i diritti civili americano, hanno assunto nello studio del razzismo una dimensione di attivismo volta al cambiamento.

In questo senso la razza, finalmente dismessa la sua supposta connotazione biologico-naturalista è stata assunta come costruzione sociale capace di ridefinirsi al mutare delle congiunture storico-politiche. È una categoria sociale "simbolica" ricorda Petrovich Njegosh, che mostra al contempo indiscutibili ricadute materiali pesando sulla vita dei soggetti in termini di opportunità, condizioni di vita e aspettative. Stabilisce cioè privilegi e forme di subordinazione che investono l'intero corpo sociale. Sebbene, dunque, socialmente costruita, la razza si presenta come concreto dato di realtà che occorre "nominare" per svelarne il potenziale di violenza. Così facendo diventa possibile rovesciare l'idea ancora oggi dominate del razzismo come vizio ideologico o patologia sociale legata all'ignoranza, da "curare" attraverso l'istruzione e l'educazione.

Il volume, all'interno di un approccio teorico eterogeneo complessivamente riconducibile all'americanistica, riflette sulle significazioni del termine razza tra Italia e Stati Uniti. Più precisamente, all'interno di una dimensione comparata assume la traduzione tra sistemi linguistici e culturali differenti come punto d'osservazione privilegiato per cogliere i punti di contatto tra un paese storicamente attraversato dal razzismo come gli Stati Uniti e l'Italia che dietro la vulgata di un "colonialismo minore" e degli "italiani brava gente" ha per lungo tempo rimosso dalla narrazione nazionale il passato colonial-razzista.

I saggi - che si occupino di letteratura, fumetti, cinema, poesia, linguaggio romanzesco o più complessivamente della cultura di massa - si concentrano sulla funzione svolta dal linguaggio nella strutturazione delle relazioni sociali e dell'identità razziale in Italia. In questo senso, mostrano la razza in traduzione come strumento di mediazione culturale, come dispositivo di addomesticamento che riporta personaggi, linguaggi e modi di fare all'interno di stereotipi riconoscibili nel nostro paese (è il caso di alcune traduzioni di poesia afroamericana, del doppiaggio cinematografico o della reazione italiana al fenomeno Obama che ha dato origine al volume). Nello stesso tempo vengono evidenziati esempi storici che testimoniano una continuità nella costruzione del racial thinking tra Italia e Stati Uniti. Il Dictionary of Race or People che per tutta la prima metà del Novecento ha orientato le scelte statunitensi in materia di immigrazione e naturalizzazione, sulla base di una precisa differenziazione razziale che insisteva sull'inferiorità degli europei meridionali e orientali, trovava fondamento "scientifico" nella teoria delle "due Italie" di Alfredo Niceforo e negli studi della scuola italiana di antropologia positivista da Sergi a Lombroso.

L'intera storia italiana e la costruzione della sua identità nazionale, sin dagli anni immediatamente successivi all'unificazione, è dunque opportunamente reinterpretata in relazione alla categoria di razza, intesa precisamente come supremazia "inalienabile" della bianchezza assunta quale principio dell'ordine sociale. È "Il capitalismo razziale moderno", per riprendere l'efficace definizione di Cedric Robinson che, dentro la più complessiva costituzione coloniale della modernità capitalistica e della costruzione degli stati nazionali, funziona, anche in Italia, come dispositivo strutturante della narrazione nazionale.

Peccato che il volume trascuri quasi del tutto questo aspetto. La costruzione dell'italianità e i connessi processi di "sbiancamento" non vengono infatti qui legati al piano più complessivo dei rapporti sociali e produttivi, cosicchè la razza è assunta esclusivamente "come rappresentazione culturale, linguistica e identitaria". Viene cioè perso di vista il nesso inscindibile tra classe e razza che connette il razzismo e i processi di razzializzazione con i rapporti di produzione e le loro trasformazioni storiche. E non si tratta, in questo senso, di assumere un punto di vista economicista, né di rimandare a un approccio deterministico; al contrario tale sguardo permette di ripensare i rapporti di produzione a partire dal processo di razzializzazione insistendo sulla loro inevitabile "articolazione" o "surdeterminazione" nel contesto sociale capitalistico. Si tratta, seguendo Marx, di analizzare il capitale come rapporto sociale e fare della lotta al razzismo un progetto complessivo contro lo sfruttamento e dunque di liberazione.

È la costruzione di un comune terreno di lotta fra coloro che sono "razzialmente neri" e la più ampia composizione del lavoro vivo contemporaneo. E fare, riprendendo l'insegnamento delle lotte anticoloniali e di quelle antirazziste in America, degli studi su razza e razzismo, non un progetto di educazione universale, ma un terreno di militanza politica per la trasformazione radicale.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/01/2013 @ 09:02:59, in conflitti, visitato 1081 volte)

Contropiano.org di Marco Santopadre

Un deputato di Alba Dorata guida il secondo assalto in pochi mesi contro un quartiere abitato da rom nel comune di Etolikon. La polizia arresta quattro nazisti e ne ricerca altri nove.

Continuano gli attacchi degli squadristi di Alba Dorata contro gli immigrati e le minoranze presenti in Grecia. L'ultimo assalto risale a venerdì, nella località di Etolikon, nell'ovest del paese. Una settantina di persone, tra cui alcuni abitante del piccolo comune, con il volto coperto da passamontagna o comunque incappucciati, hanno attaccato un quartiere abitato in prevalenza da rom, ed hanno incendiato sei case e quattro automobili. Non si ha notizia di feriti nell'attacco, anche perché all'arrivo della squadraccia neofascista la maggior parte degli abitanti del quartiere aveva abbandonato le proprie case.

A fornire la scusa ai neonazisti per il pogrom una lite, avvenuta poco prima, tra due abitanti del paese e due rom, durante la quale un 24enne era rimasto ferito. Poco dopo la Polizia aveva arrestato e portato in commissariato i due cittadini di origine rom. Ma il tam tam aveva portato decine di persone davanti al commissariato, e presto il presidio si è trasformato in spedizione punitiva.

Molti abitanti di Etolikon tendono a sminuire la gravità di quanto accaduto, definendola una questione locale, una resa dei conti interna al piccolo centro. Ma molti testimoni affermano che all'aggressione hanno partecipato parecchi militanti di Alba Dorata, tra questi anche un deputato della formazione neonazista al Parlamento di Atene, Konstantinos Barbarusis, da tempo attivo contro i rom. Il che fa pensare che il pogrom fosse stato organizzato in precedenza, in attesa di qualche occasione per poterlo mettere in pratica. Nel mese di agosto, nello stesso comune di Etolikon, si era già verificata un'aggressione di massa contro il quartiere abitato dai rom, e quella volta a parteciparvi furono addirittura 200 persone, furono usate anche armi da fuoco e ci furono 5 feriti tra gli aggrediti. Al deputato squadrista Barbarusis il parlamento aveva già deciso di ritirare l'immunità parlamentare dopo che nell'autunno era stato riconosciuto mentre partecipava ad una delle tante aggressioni contro i venditori ambulanti di cui Alba Dorata si è resa protagonista negli ultimi mesi.

Ed oggi la polizia greca ha arrestato quattro dei responsabile del pogrom anti rom di venerdì a Etolikon, e ha avvertito che altri nove potrebbero essere fermati nelle prossime ore.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2013 @ 09:08:46, in media, visitato 856 volte)

immagine da Quotidiano.net

Leggevo a Capodanno un articolo su MicroMega di Barbara Befani: Quel che non si dice della Montalcini, in cui la tesi grossomodo era che sulla stampa e sugli onnipresenti social network non ci si dimentica mai di indicare se l'autore di una malefatta sia (a torto o ragione) di etnia-religione ebraica, ma se si tratta della morte di un premio Nobel da tutti osannato e rispettato (se escludiamo Grillo, Storace e gente di solito poco politically correct), nessuno ricorda che questa premio Nobel, scienziata, senatrice a vita e altro ancora era non solo di origine ebraica (per quanto atea), ma in più riprese aveva pagato il suo essere ebrea.

Noto dai commenti (i commenti sono sempre indispensabili, anche quando si ha niente da dire) che da una parte c'è la rimozione del fatto che IN QUESTO CASO la sua origine sia scomparsa, dall'altra (i commentatori non sono tenuti a rispondere nel merito, sono un po' come il sale nella minestra, basta non abbondare) non sapendo che dire, si ritorni al vecchio argomento (ho detto vecchio, non che sia giusto o meno) dei crimini israeliani.

Non prendete la mia chiusa come irriverenza verso un morto, ma mi torna in mente un fatto di cronaca di un paio di mesi fa: Audace colpo dei soliti ignoti - cioè quando c'è un furto spesso e sovente appare la nota "si sospetta che il furto sia stato commesso da un gruppo di zingari..." In quel caso dove forse i ladri sarebbero potuti risultare simpatici, quella nota STRANAMENTE mancava.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/01/2013 @ 09:01:24, in sport, visitato 982 volte)

... ma soprattutto un BRAVO al Milan. Per due ragioni (le stesse che mi hanno spinto a scrivere COCCI):

  1. il razzismo non è un problema che riguarda solo chi ha una pelle, una religione, diversa. Coinvolge tutti: neri e bianchi, zingari e gagé;
  2. una squadra, un collettivo, una società, non sono tali solo quando c'è da dividere soldi e gloria, ma soprattutto nei momenti difficili. Lo sono anche e soprattutto per difendere lo stare assieme, che il bersaglio sia il fuoriclasse o un raccattapalle. E si deve reagire ASSIEME.

E dato che non siamo ancora in par condicio, trovo che Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, centri perfettamente il punto: "E' stata una cosa importante, credo che vada fatta anche nelle partite ufficiali. Credo che al di là della politica si debba cercare di riappropriarsi del nostro 'mestiere' di cittadini. Purtroppo lo abbiamo dimenticato, c'è una deriva ma tutti dovremmo chiederci: 'e io cosa ho fatto per evitarla?'".

Basterà questo soprassalto di civiltà a contrastare secoli di malcostume? Leggo:

Abbiamo ricevuto numerose mail di persone che confondono il sito del Pro Patria Club con quello della società. L'oggetto delle mail è per tutti lo stesso: come avere il rimborso per la gara interrotta.
In queste mail si coglie occasione per esprimere giudizi su quanto accaduto e spesso ci si lascia un po' andare. Chiudiamo gli occhi, ma non su tutto, e pubblichiamo quanto scritto da Milena T..... che scrive testuali parole:

[...]

La sottolineatura è mia. Le "testuali parole" le trovate sul sito del Pro Patria Club.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/01/2013 @ 09:10:50, in scuola, visitato 1050 volte)

Da Roma_Shqiperia

Top Channel tv La storia di una Romnì di 24 anni, con due lauree Uneflas.al - 20/12/2012

Enerida Isufi, 24 anni, vive Coriza. Una volta completati gli studi a Tirana in due facoltà ha avviato la ricerca di un lavoro. Ha bussato a tante porte per cercare lavoro nel suo profilo. E' laureata in relazioni pubbliche e comunicazione, così come in diritto.

Enerida si è sacrificata molto per proseguire gli studi nelle due facoltà, ha dovuto affrontare i pregiudizi e ha scavalcare muri, ma è riuscita. Però, a 24 anni, nessuno lo accetta. Io so perché: "Sono stati stabiliti stereotipi e pregiudizi in relazione a questa minoranza. Questa è una forma di discriminazione dei casi più realistici, non capita solo a me, ma che è subita dalla maggior parte dei giovani rom laureati", dice. Enerida è orgogliosa di appartenere alla comunità rom. Mostra i casi specifici in cui si sono verificati rifiuti. La ragazza si è assunta una grande responsabilità. Sta rompendo tabù e stereotipi razziali creati per la comunità rom in Albania. Enerida ora vede la vita come una doppia sfida di fronte ad un mercato del lavoro altamente competitivo, ma anche per la sua origine. Non intende nascondersi o soprassedere, vuole che essere rom sia per lei uno scudo e non una barriera. Mentre si cammina sulla strada che è la stessa di tutti, ricorda che tutti ignorano, e nemmeno prendono la briga di conoscere. Enerida è in realtà una ragazza da ammirare. E 'orgogliosa della comunità di cui fa parte, vuole che cadano i pregiudizi e non chi vi è sottoposto.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/01/2013 @ 09:09:34, in lavoro, visitato 1432 volte)

di Daniel Reichel e Giulio Taurisano

"Per trent'anni non ho mai lavorato. Niente. Ora che ho avuto la possibilità di farlo, devo ammettere che mi manca. Molto". Giovanni (lo chiameremo così perché ha chiesto di non mettere il suo nome vero) è un rom napoletano, con alle spalle una vita in roulotte tra Napoli, Milano, Genova e Torino. Parla piano, con lunghe e pensierose pause e l'inconfondibile accento partenopeo. La sua vita nell'ultimo anno è cambiata radicalmente: ha trovato un lavoro, una casa e guarda con velata fiducia al futuro.
Ma andiamo con ordine. Giovanni è arrivato a Torino con la moglie e le due bambine piccole da oltre un anno. Vivono in camper e la situazione economica è, usando un eufemismo, precaria. C'è la crisi e i soldi languono. "Vendevamo rose in via Garibaldi ma poca roba. Oramai si fa attenzione ad ogni singolo euro".

Un aiuto, nella difficoltà, arriva dall'associazione Idea Rom Onlus. Costituita nel 2009 da donne Rom delle comunità presenti nel torinese, Idea Rom lavora con le diverse realtà per promuovere l'integrazione sociale. Tra le tante iniziative, l'organizzazione ha dato il via nell'ottobre 2011 a "We Can", un progetto realizzato per favorire l'inserimento nel mondo del lavoro per Rom privi di occupazione (finanziato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo). Diciotto sono state le borse di lavoro attivate e quattro persone sono state inserite in modo stabile nelle rispettive aziende o realtà lavorative. Un successo vista anche la situazione italiana dove il precariato sembra quasi un privilegio.
"Uno degli scogli da superare - mi spiegano le attiviste di Idea Rom - è la diffidenza di uomini e donne verso un mondo che li ha abituati a non sentirsi all'altezza. Talvolta la segregazione ha portato molte di queste persone a immedesimarsi nella condizione di subumani, una condizione imposta dall'esterno, dalla società". Questa svalutazione di sé nasce sia dalla crescente intolleranza (si veda il pogrom della Continassa del dicembre 2011) sia, purtroppo, da un atteggiamento eccessivamente paternalistico di alcune istituzioni. Per dare una svolta a una situazione decisamente oltre il sostenibile, sembrerebbe preferibile adottare un approccio che responsabilizzi i Rom di fronte ai loro diritti e doveri. Dunque non offrire dei servizi emergenziali ad hoc ma spiegare alle diverse comunità come usufruire dei servizi accessibili ad ogni cittadino, senza differenziazioni.

Prigioniero di una sensazione di inadeguatezza, Giovanni in prima battuta rifiuta la proposta di Idea Rom di lavorare come apprendista per una cooperativa che lavora nei cimiteri. "Non avevo mai lavorato e non credevo di essere in grado di alzarmi tutti i giorni e farmi otto ore consecutive. In un cimitero poi!". Non sarebbe la prima volta che Giovanni rifiuta un lavoro. "Quando ero ragazzino mi avevano offerto un lavoro da portinaio a Napoli ma non mi sembrava una vita adatta a me". Vendere penne, raccogliere ferro, fare l'elemosina e qualche furtarello sono le occupazioni principali di Giovanni. "Ora mi rendo conto che quella non era vita. Tanti sacrifici pericolosi, torni a casa con la paura degli sgomberi. Sei sempre in movimento". Nelle sue parole si legge il rammarico per aver perso anni della sua vita, rincorrendo situazioni che oggi gli sembrano insostenibili. Non c'è condanna né autocommiserazione, piuttosto la consapevolezza di aver lasciato per strada delle possibilità che oggi invece vuole cogliere. "Per fortuna ho cambiato idea sul lavoro al cimitero e ho accettato. Mi sono detto, posso anche fallire ma almeno ci devo provare".
Non so quanti di noi non si farebbero remore nel decidere di lavorare in un cimitero. O come direbbe il ministro Fornero, sarebbero choosy nel dover affrontare un'esumazione. "Non volevo toccare i defunti all'inizio e ammetto che stare al cimitero quando scendeva il buoi mi faceva paura", ricorda Giovanni. Poi, gradualmente, tutto entra nella routine quotidiana, ci si abitua e anche un luogo apparentemente poco ospitale per i vivi, diventa un normale posto di lavoro. I datori di lavoro apprezzano la dedizione e l'impegno di Giovanni tanto da nominarlo capo di una squadra. Gli affidano le chiavi del cimitero e si fidano di lui. "La prima busta paga l'ho incorniciata - racconta sorridente - certo quando ho visto quanto trattengono di tasse, ho cominciato a capire perché la gente si lamenta del fisco".
Non è solo il primo impiego a cambiare la quotidianità di Giovanni. Con l'aiuto dell'associazione Idea Rom, con la moglie e le bambine riesce a sistemarsi in una casa. Un'altra prima volta per lui. "I miei parenti hanno delle case giù a Napoli ma io ho sempre vissuto in roulotte, con tutta la famiglia". All'inizio le mura dell'appartamento, lo soffocano. "I primi giorni non riuscivo a dormire. Mi mancava l'aria. Sapevo però che era la cosa migliore per la mia famiglia e piano piano mi sono abituato". Quando gli chiedo cosa gli manca del suo passato, risponde la famiglia. "Ero abituato ad avere attorno a me tutti i parenti e mi piaceva questa sensazione di vivere tutti sempre a contatto. Comunque non tornerei indietro. Questo è il futuro che voglio per le mie figlie".
Il suo contratto è finito a settembre e a dicembre dovrebbe rinnovarglielo. Giovanni ha trovato una sua dimensione. "Sento sempre i miei colleghi, il mio capo. Siamo rimasti in contatto e mi chiedono sempre quand'è che torno a lavorare con loro". Lui aspetta fiducioso con la volontà di andare avanti sulla nuova strada che si è costruito.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/01/2013 @ 09:07:00, in Kumpanija, visitato 1103 volte)

Da ateo vorrei fare una domanda a chi ne capisce più di me: esiste una differenza tra religione e credo? (i fondamentalisti possono astenersi dal rispondere)

Ho un ricordo confuso di un missionario, una foto che ritrae un giovane Gasparri (sì, proprio lui!) in un campo nomadi della capitale. I missionari che ho conosciuto, credo fossero di una chiesa concorrente, all'inizio in giacca e cravatta, poi hanno capito che l'abito da lavoro andava cambiato. La testa no, quella era più difficile da cambiare.

Era difficile, perché c'è chi si avvicina ai Rom e Sinti (o meglio, a quelli di loro che stanno oggettivamente male) pensando di:

  • avere di fronte una massa di bambini troppo cresciuti da rieducare (esiste anche la versione "missionario da combattimento": quello che vuole insegnare loro come si deve comportare uno zingaro);

  • avere comunque a che fare con gente che vuole assomigliare a loro, pensare come loro, parlare come loro.

Senza calcolare che:

  • Zingaro non è sinonimo di deficiente. Se qualcuno vuole assomigliare, pensare, parlare come un missionario, è in grado di impararlo anche da solo;

  • ma si sa che al missionario piace credersi indispensabile.

I Rom e i Sinti che stanno oggettivamente male, chiedono una risposta IMMEDIATA ai loro bisogni. Il missionario offre per forza soluzioni a lungo termine; e ce n'è bisogno, PER DIAMINE, ma occorre per forza instaurare un DIALOGO, o un codice condiviso, altrimenti non si va da nessuna parte.

Allarghiamo un momento il discorso: sento sempre di più parlare di disaffezione alla politica: ecco... diciamo che io mi fiderei poco di qualcuno che vedo una volta ogni uno-sei mesi, ma è talmente innamorato della mia causa e della mia miseria da voler parlare e progettare (progettare significa pensare) al posto mio. Un po' come essere soci: a me la miseria e a lui i discorsi.

Ieri notte mentre in via Idro festeggiavamo assieme un ennesimo san Silvestro, erano questi i pensieri che mi guastavano la festa. Esattamente un anno fa avevo scritto una cronaca piena di speranze ma, a parte abbracci, bevute e scherzi, quest'anno si sentiva la differenza. Nessuna delle promesse fatte si è realizzata in questo anno e la gente è stufa sino alla disperazione. E' stufa e vede complotti e nemici ovunque. Non ci si fida dei vicini con cui si è trascorsa una vita, ci sono genitori che di certe cose non parlano neanche coi loro figli. Difatti quest'anno ognuno ha festeggiato per conto suo, mancava il solito corteo di visite. Se questa è la situazione interna, che fiducia può esserci verso chi è esterno?

Tutta la fatica di anni nel progettare ASSIEME è a rischio, non tanto per il valore di quello che è stato raggiunto, ma perché le due mentalità che non si sono incontrate potrebbero portare ad un risultato del tipo:

  • i missionari insisteranno (fuori campo) su quello che ora potrebbe diventare il LORO progetto;

  • e se pure questo si realizzasse (in tempi biblici, suppongo) non ci sarà più nessuno degli abitanti;

  • perché quello che attualmente è un mantra (IL SUPERAMENTO DEI CAMPI) senza fondi a disposizione, si sta realizzando gratuitamente rendendo i campi superstiti ancora più invivibili del passato.

Poi, come in ogni credo, ci saranno (anzi, ci sono già) guerre di religione: i Rom sfiduciati che tornano ai vecchi atteggiamenti, associazioni che se la prendono col comune, comune che se la prende con qualcuno dei due. Ecco, questo sì mi ricorda i bambini, quando in Idro facevo l'animatore e non fare picchiare tra di loro le diverse fazioni era già un successo.

Ma sono passati vent'anni buoni, e nel mio doposbornia sto pensando di essere ancora allo stesso punto di allora. Non è neanche l'alcool: è da ottobre che ho cominciato a mandare affanculo a destra e sinistra. Adesso non saprei dove voltarmi, colpa dei vaffanculo, ma soprattutto di aver contribuito a mettere in moto tutto 'sto casino, senza sapere risolverlo. Servirebbero amici, dentro e fuori campo, ma amici veri. O che si mantenesse, ogni tanto, qualche impegno.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/01/2013 @ 09:01:35, in Italia, visitato 1138 volte)

Visto i tanti discorsi che si rincorrono, saprete cosa intendo per AGENDA.

Se non fosse così, intendo una serie di obiettivi su cui focalizzare lavoro ed attenzione, scelti tra i tanti problemi che sono da affrontare. Intendiamoci, la lista non è esaustiva (e può anche non essere condivisibile), ma da un lato credo che vadano trovate delle priorità, e dall'altro soluzioni che siano praticabili, possibilmente non vedano sprechi di fondi pubblici e vadano in direzione della partecipazione degli interessati (che attualmente è del tutto marginale). Che altro? Individuerei soluzioni che non siano settoriali, o ghettizzanti, ma che possano essere condivisibili (e vedano il contributo) anche della cosiddetta società maggioritaria, quei gagé con cui bisognerà trovare un modo di convivere.

  1. Un'idea di città inclusiva
  2. Territorio, problemi e risorse
  3. Artisti di strada e regime fiscale
  4. Se il politico dorme, chi lo deve svegliare?
  5. Progettare e condividere

La parte piccante, in ogni ricetta, va servita a fine cottura: LA PARTECIPAZIONE. In queste settimane c'è stato un rincorrersi di liste e cartelli elettorali, candidati che fanno e disfano alleanze, programmi che sembrano stati scritti 20 anni fa', e tutto ciò sta persino facendomi perdere la voglia di votare. Più si adopera la retorica di sentire la GGENTE, più si dice che siamo sull'orlo del burrone ed occorre lo sforzo di tutti, e più le decisioni vengono prese in club ristretti ed inaccessibili per chi non ha in tasca la tessera o la carta di credito giuste.

Non vorrei dire (ma lo dico lo stesso, perché a natale siamo tutti più buoni, e natale è passato), ma... credo di aver già vissuto momenti simili: i Rom e la loro situazione sempre più disastrosa, che diventano un trampolino di lancio per le solite consorterie, chiuse nella loro inaccessibilità e vogliose di rappresentare tutta la popolazione.

Da MAHALLA auguri di uno splendido 2013 (o che almeno sia meglio del 2012)!

PS: e le brutte figure lasciamole agli altri...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/11/2019 @ 20:11:07
script eseguito in 169 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1269 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source