Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 22/07/2008 @ 09:10:00, in lavoro, visitato 1405 volte)

Da Mundo_Gitano

Spagna: I Gitani rumeni si allontano dallo stereotipo
Por: JOAN M. OLEAQUE
La maggioranza lavorano, non sono nomadi, hanno figli scolarizzati e scommettono sull'inserimento

Valencia - 14/07/2008 - Si chiama Mirela, ha 17 anni, è gitana rumena. Come altre  ragazze, segue un corso per imparare ed essere salariati. Lo fa nella sede di Valencia della Fundación Secretariado Gitano. Veste alla maniera occidentale, senza ori e gonne lunghe.

L'estetica gitana dell'Europa dell'Est è più eterodossa di quanto crediamo. In parte, è legata a differenti sottogruppi di individui. Ci sono i tradizionalisti ed i più modernizzati. I più chiusi sono poco penetrabili, rari da inserire. I più aperti entrano ed escono dalle strutture della società maggioritaria cercando legami.

Mirela vuole essere parte attiva del paese dove vive adesso. Non è un buon momento, neanche per le politiche migratorie. Però con la sua attitudine, la ragazza contraddice tutto quello che ha giudicato della sua etnia Gianfranco Fini, presidente della Camera dei Deputati italiana. L'ex leader di Alleanza Nazionale ha detto in pubblico che risulta impossibile fare qualcosa col popolo rom. Secondo lui, i gitani dell'Est considerano "lecito" rubare, non lavorare e prostituirsi. Queste tipiche accuse, oltre ad un oscuro collegamento dei gitani rumeni con delitti e scandali, sono state brandite dal Governo di Berlusconi per espellerli e per prendere loro le impronte - minori inclusi -. Quello che è stato condannato dal Parlamento Europeo e che è proibito dall'articolo 14 della Convenzione Europea per la Protezione dei Diritti Umani e delle Libertà Fondamentali.

Anche in Spagna sono collegati popolarmente - però non in modo politico - con malefatte di ogni tipo. Isolamento, violenza, inciviltà, delinquenza ed estorsioni a minori sono assunti come qualcosa di unico alla loro esistenza. Tuttavia, Mirela, in un castigliano che ha imparato guardando la tv, prova a resistere in modo abbastanza logico. "La mia famiglia vive del ferro, lo raccoglie, lo vende, è un lavoro che i valenciani non vogliono fare. Io arrivai a 14 anni, scappammo dalla Romania perché lì non avevamo niente", dice. "Arrivammo per provare ad avere qualcosa. Non è quello che cercano tutti?" si chiede.

La differenza è che loro, come collettivo, sono perseguitati da un forte stigma di paria. "Tuttavia molti di loro stanno facendo sforzi reali per integrarsi", indica José María Martínez, del Secretariado Gitano, tecnico del programma di inserimento per il popolo rom. "Solo nella Comunità Valenciana abbiamo mantenuti contatti con circa 400 gitani rumeni e bulgari, ed abbiamo incontrato pochi esempi di delinquenza o di sfruttamento di minori". "Però questi casi, quando ci sono, generano molto conflitto e finiscono intossicando il resto". Secondo José Sánchez, responsabile dell'Impiego nella nazione di questa organizzazione, "potrebbero esserci circa 50.000 gitani dell'Est nel nostro paese, ed una parte importante è arrivata per restarci". Nella provincia di Valencia la cifra comprenderebbe 3.000 individui (del resto della Comunità Valenciana non esistono cifre certe). Secondo José María Martínez, "predominano quelli che mostrano una buona adattabilità al sistema". "Quello che succede è che sono diluiti e non li relazioniamo con quelli che percepiamo essere gitani dell'Est", aggiunge.

Marius, per esempio, è uno di questi rom che ha aperto il cammino. E' evangelico ed è da molti anni nel nostro paese. "Faccio da autista per gente che lavora nel campo, ho i miei permessi, pago l'affitto", espone. "In Spagna non si vive di storie, non si può: io lavoro 60 ore la settimana".

Mentre racconta, condivide il tavolo in un caffè con Vasil, un bulgaro sulla trentina - il 20% dell'immigrazione gitana dell'Est Europa nella Comunità Valenciana è della Bulgaria - che ha fatto ogni tipo di corsi di formazione ed ha inviato decine di offerte di lavoro. "Ho vissuto in una cassa di cartone, sotto il ponte, poi ho lavorato in un circo", dice. "Qui uno può aprirsi il cammino, però con molto sacrificio", ragiona.

Forse, l'offensiva contro i gitani in Italia può presentare il trattamento della Comunità Valenciana come una migliore possibilità. "Non credo che ne verranno altri", spiega Marius. "Noi gitani ci siamo rivolti alla Spagna e Valencia perché avevano immagine di accoglienza. Tanto la Romania che le Bulgaria formano parte dell'Unione Europea. Una moratoria pone ostacoli, cioè i loro immigrati in Spagna possano lavorare come dipendenti sino al 2009.

Nelle parole di Helena Ferrando, coordinatrice del Secretariado Gitano, "quelli che sono da meno tempo nel nostro paese, si vedono costretti all'economia sommersa e non a quella che li liberi". "Erano radicati nel loro paese e pretendono esserlo qui, solo che sono nomadi per cercare lavoro", continua. "La maggioranza parla o intende il castigliano". Quelli chiamati pisos-patera, con tutte le polemiche collegate, sorgono quando le famiglie senza tetto si mischiano con quanti hanno potuto avere qualcosa. "L'evacuazione non risolve nulla", ragiona Ferrando, "i gruppi si trasferiscono, okupan qualcosa, li si rigetta e così all'infinito". Non è raro vedere gitani di mezza età con le mani deformate e bruciate. Sono così per aver tentato di procurarsi luce elettrica irregolarmente (l'acqua viene presa dalle fontane). Non è raro vedere bambini con la faccia piena di punture di insetti. Però, se possono, non se ne vanno: un ragazzo gitano perse le braccia in un incidente in Romania. Si trasferì con la famiglia a Valencia per cercare da vivere. Morì. I suoi tornarono al loro paese per seppellirlo. Però ritornarono nel nostro paese per continuare a sopravvivere. Secondo José María Martínez, "un 70% delle famiglie rom già ha i figli scolarizzati in Spagna".

A tutti è costato molto viaggiare dalla Romania - molte volte via mafia - alle grandi città spagnole. Di seguito, si sono ripartiti secondo aspettative lavorative. Per conoscerle, hanno prima contattato familiari o conoscenti che erano qui. Avilés, Oviedo, Andalucía, Murcia, Comunità Valenciana, Badalona e Madrid sono le grandi zone della presenza gitana dell'Est. La campagna, le costruzioni o la musica ambulante, sono, come la raccolta del ferro, mezzi di sussistenza. Ne Las pateras del asfalto, uno dei primi saggi scritti sugli immigrati gitani in Spagna, il suo autore, Joaquín López Bustamante - direttore della pubblicazione Cuadernos Gitanos - indicava che la presenza dei rom i Romania si avvicinava "ai due milioni e mezzo di persone. Però non c'è altro paese in cui essere gitano tenga peggior valore sociale", aggiunge.

"Qui, almeno, sperano di avere un'opportunità", dice Miguel Monsell, dell'entità Cepaim e dell'Osservatorio Lungo Drom, un programma europeo che ha analizzato la presenza gitana immigrante nella costa mediterranea. "La donna è la responsabile dell'istruzione, il maggior motore per l'inserimento".

Anche l'elemosina, sola o con i bambini quando è il caso, l'uomo non la svolge. "Sono arrivate soprattutto persone tra i 20 e i 39 anni", precisa Monsell. "I più giovani sono quelli che hanno il migliore inserimento", espone. "C'è un 1% con studi universitari, ed il 10% con l'equivalente della Formazione Professionale",  chiarisce.

"Questo non facilita il trovare lavoro", spiega Nadja, di vent'anni, emigrata di recente dalla Romania perché lì non poteva sopravvivere. Ora, assieme a suo figlio e altri nove familiari, occupa un edificio disabitato nel centro di Valencia. Vuole frequentare un corso di servizio domestico. "Però se devo raccogliere il ferro, non ho tempo", si lamenta. Lei e suo marito fanno diversi km. ogni giorno. Dal sorgere del sole alla notte cercano e ricercano nell'immondizia. Poi con un carrello di supermercato lo portano ad una fabbrica.

Lontano, sulla spiaggia, altre famiglie rumene raccolgono rottami. Sono sul punto di essere sgomberate. Occupano una proprietà pubblica abbandonata a cui nessuno ha mai fatto molto caso. Sinora. Vasil, 25 anni e 5 figli, ha un veicolo e fa viaggi continui per portare il ferro ai compratori. Si paga 20 centesimi al kg. Guadagna di solito tra i 15 e i 20 € al giorno. Chi lo conosce dice che è di carattere socievole. Oggi non si mostra così.

Neanche un suo familiare, Ghorghe, che lavora con lui, e che, a differenza di Vasil, non parla spagnolo. Con loro ci sono bimbi piccoli, ragazze giovani, donne più anziane. Queste ultime sono le più imbronciate. "Alla fine non serve integrarsi", espone Vasil. "Non abbiamo voglia di parlare, né di comunicare", dice. "Il motivo? I giorni passano, e tutto peggiora", conclude.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/07/2008 @ 08:58:10, in casa, visitato 1568 volte)

Da Roma_Francais

Le Télégramme Morbihan - E'  stato rivelato venerdì il piano d'azione dipartimentale per l'alloggio di persone sfavorite nella regione di Morbihani. Il prefetto Laurent Cayrel, ritorna sulle priorità in materia d'alloggio per l'anno a venire.

Quali sono le caratteristiche di questo piano? Il piano è stato rivisto da un anno dal presidente del consiglio generale. Non era stato rivisto dal 1991 e mai più adattato. Deve rispondere a tre questioni. Come alloggiare le persone sfavorite? Come assicurare il loro mantenimento durante la residenza? Le persone devono poter pagare il loro affitto o ancora evitare un'espulsione precoce. E infine come si possono garantire i percorsi residenziali (fare in modo che la gente non resti a vita negli alloggi sociali)?

Come si ripartisce il Fondo di solidarietà per l'alloggio* (FSL)? Oggi, l'FSL è utilizzato al 60% per le persone desiderose d'accedere all'alloggio (una cifra al ribasso con il passaggio della cauzione d' un mese invece di due) ed al 40% per il loro mantenimento. E' gente che ha difficoltà a pagare il suo affitto ed i loro carichi. Incontrano in particolare difficoltà a pagare la loro fattura energetica.

Qual'è il rapporto tra la domanda e l'offerta di alloggi nel dipartimento? Abbiamo contato da 10.000 a 11.000 domande nel 2007. Una cifra stabile in rapporto al 2006. Di fronte a ciò, quest'anno abbiamo messo a disposizione delle persone sfavorite 7.500 alloggi. Restano da fare degli sforzi. Il termine per accedere ad un alloggio - ugualmente stabile - è oggi di 15 mesi nel Morbihan.

Questo piano dipartimentale ha fatto della lotta all'habitat indegno una priorità. E' stato stabilito un gruppo di lavoro per identificare gli alloggi insalubri. Rimetterà il suo rapporto alla fine del mese di settembre. Questo compito non è facile poiché i finanziatori e gli inquilini non si presentano per segnalare un alloggio insalubre. Per ora, se ci si fida ai dati nazionali, la proporzione degli alloggi insalubri è del 10%. Ciò che ne farebbe intorno a 3.000 nel Morbihan. Una volta identificati questi alloggi, vedremo caso per caso cosa conviene fare: può andare dal rinnovamento all'abbandono. Allora sarà stabilito un sistema d'aiuto. E' importante dire che non si lascerà la gente per strada.

Quali sono le altre priorità di questo piano? Abbiamo presentato una carta di prevenzione delle espulsioni locative per l'insieme dei parchi pubblico e privato. La firma dovrà aver luogo a settembre. D'altra parte, stiamo revisionando lo schema d'accoglienza della gens du voyage. L'obbiettivo è di trovare una via di sedentarizzazione progressiva.

 

* Il Fondo di solidarietà per l'alloggio (FSL) è finanziato dai dipartimenti. Permette di accordare un aiuto finanziario che faccia accedere alle persone in difficoltà ad un alloggio o di mantenersi.

Propos recueillis par Pierre Manière

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/07/2008 @ 10:41:41, in media, visitato 1108 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Ciao Fabrizio, ti mando i link dei 6 video dell'Assemblea pubblica della Federazione Rom e Sinti Insieme che Giovanna di Lello mi ha inviato e che ha messo su Youtube, dove sono rappresentati quasi tutti gli interventi del 10 luglio scorso.
Non so se puoi farlo, ma secondo me, sarebbe molto importante che si potesse vedere e sentire i rom e i sinti mentre fanno il loro intervento.

Ciao e grazie ancora

http://it.youtube.com/watch?v=d5rGNLTehfM

http://it.youtube.com/watch?v=1jdineDCrDc

http://it.youtube.com/watch?v=wXPfPbXGaDY

http://it.youtube.com/watch?v=LYrVx6M96ac

http://it.youtube.com/watch?v=wSAaT9huxaA

http://it.youtube.com/watch?v=fVW2PKqqVH8

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/07/2008 @ 09:46:16, in Europa, visitato 1350 volte)

Da Roma_Francais

14/07/2008 - Non c'è mai stata una politica ufficiale della Repubblica di Slovacchia per la sterilizzazione delle donne rom, ha fermamente insistito oggi Dianna Strofova, Segretario di Stato al Ministero degli affari esteri della Slovacchia, davanti al Comitato per l'eliminazione della discriminazione femminile (CEDAW). Il Comitato esaminava il secondo, terzo e quarto rapporto periodico della Slovacchia nel quadro della sua 41a sessione. La Slovacchia è diventata parte della Convenzione nel 1993 in quanto Stato successore della Cecoslovacchia ed ha ratificato il suo protocollo facoltativo nel novembre 2000.

La questione dei Rom in generale e le accuse di sterilizzazione forzata contro le donne di questa comunità hanno impregnato l'insieme delle discussioni. La Capo delegazione ed il rappresentante del Ministro dell' interno in seno alla delegazione hanno lungamente spiegato le circostanze dell'affare e spiegato che i perseguiti ed inquisiti a seguito di queste accuse, compreso il capo di genocidio, non sono stati riconosciuti. Sono state tuttavia rilevate lacune amministrative e sono state prese misure per garantire il chiaro consenso della donna in caso di proposta di sterilizzazione. Inoltre, è stato introdotto nel Codice penale slovacco il delitto di sterilizzazione forzata.

Tra i 10 membri della delegazione figurava anche la Rappresentante plenipotenziaria del Governo slovacco per le comunità rom, che ha affermato che le autorità cercano oggi di fare in modo che i Rom siano considerati come membri effettivi della società, tutto nel rispetto delle loro specificità e tradizioni. Ha in particolare insistito sugli sforzi intrapresi per la sanità e l'istruzione di questa comunità. Esperti tuttavia hanno ricordato alla Slovacchia i suoi obblighi positivi per impedire che siano commesse discriminazioni. E' stato ricordato in particolare che il tasso d' occupazione delle donne rom non è che del 4,5%. La delegazione l'ha attribuito in parte al debole livello di qualificazione di questo gruppo, dovuto ad uno spiacevole disinteresse della comunità rom per l'istruzione, contro il quale il Governo cerca di lottare promuovendo l'istruzione dei bambini rom, in particolare delle figlie.

Gli esperti del Comitato si sono anche molto inquietati della violenza domestica contro le donne, che ha provocato almeno 20 decessi nel 2007. Il Governo, si è aggiunto, ha già preso misure perché le forze di polizia possano meglio identificare e circoscrivere le realtà della violenza domestica, affinché tutte le strutture coinvolte possano meglio fare fronte e che le vittime di queste violenze possano avere accesso ad un aiuto ed a servizi professionali. Un piano d'azione per lottare contro la violenza verso le giovani è in corso d'elaborazione.

La delegazione ha riconosciuto che permane nel paese una forte segregazione fondata sul sesso nel mercato del lavoro, che forti stereotipi nell'istruzione e l'orientamento professionale contribuiscono a perpetuare. Ha ugualmente attribuito ad un'assenza della domanda sociale il fatto che le elette politiche restino poco numerose tanto a livello locale che nazionale, e così alcuni partiti hanno adottato nella loro organizzazione interna delle quote rappresentative per le donne. Le proposte in favore dell'imposizione di quote nelle assemblee elettive si è scontrate con una forte opposizione, compreso a volte delle donne stesse, che non si sentono a loro agio all'idea di dovere la loro posizione alle quote, ha risposto la delegazione.

Gli esperti hanno rilevato forti scarti di salario in fatto di sesso, poiché il salario delle donne rappresenta in media soltanto il 72,9% di quello degli uomini, ed ancora di meno nel privato e che lo scarto tende ad aumentare. La delegazione ha attribuito la tendenza a scarti di redditi più importanti tra i due sessi al fatto che le donne sono più numerose nel settore pubblico (45% degli impiegati nella funzione pubblica e 95% nei servizi dell'istruzione e medicali), quando della crescita economica degli ultimi anni hanno approfittato sopratutto i salari privati, dove le donne non occupano che un quarto dei posti.

Gli esperti si sono interrogati sull'efficacia dei programmi di sanità genetica, in particolare a favore dei giovani, a causa dell'opposizione di settori conservatori della società, tra cui la Chiesa.

Gli esperti si sono ugualmente preoccupati del finanziamento del futuro piano d'azione per l'uguaglianza tra i sessi, nella misura in cui la delegazione stessa aveva ricordato le difficoltà di finanziamento del precedente Piano d'azione completato nel 2008. L'assenza di risorse specifiche per questo piano aveva impedito la messa in atto di alcune misure, in particolare per la protezione delle donne vittime di violenze. La delegazione ha spiegato che il piano d'azione nazionale per il 2009-2013 è ancora in corso di preparazione e riconosciuto che non si è ancora dotato di risorse finanziarie sufficientemente precise.

La repubblica slovacca era l'ultimo paese i cui rapporti periodici nella presente sessione il Comitato CEDAW doveva esaminare. Il Comitato si riunirà di nuovo in sessione plenaria, venerdì 18 luglio, per chiudere la sessione.

Segue su: UN.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/07/2008 @ 09:45:37, in media, visitato 1059 volte)

Da Czech_Roma

Praga, 11.7.2008, 17:05, (ROMEA/CTK) Il Comitato Ceco di Helsinki (CHV) ha allertato il Segretario di Stato USA Condoleezza Rice dell'esistenza di pagine web ceche di neonazisti, che sono registrate negli Stati Uniti, in una lettera a lei indirizzata questa settimana mentre stava visitando Praga.

Rice e la sua controparte ceca Karel Schwarzenberg hanno firmato martedì a Praga il trattato USA-Repubblica Ceca su una base radar USA sul suolo ceco, nel quadro del piano USA di scudo anti missile.

CHV ha scritto che i neonazisti cechi ed altri gruppi estremisti simili hanno libero accesso ai server Internet negli Stati Uniti indipendentemente dal carattere intollerante ed aggressivo del materiale inviato.

Il comitato dice che questo è dovuto non solo al primo emendamento della Costituzione USA che garantisce libertà di espressione, ma anche alla mancanza di cooperazione effettiva tra le forze di sicurezza USA e degli stati Europei.

"CHV considera di fondamentale importanza che i post intolleranti su Internet o le manifestazioni direttamente neonaziste ed il loro impatto siano di conseguenza e impatto similari alle manifestazioni su Internet che sono proibite negli Stati Uniti, quelli connessi al terrorismo ed alla pedofilia," dice la lettera.

Si dice che Rice dovrebbe porre attenzione a questo tema e provare ad iniziare la cooperazione tra le unità di sicurezza ceche ed USA.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/07/2008 @ 09:14:03, in casa, visitato 1631 volte)

Da Roma_Daily_News

Today's Zaman - Il sindaco Topbaş dice che il progetto di Sulukule dev'essere rivisto

Il sindaco di İstanbul Kadir Topbaş ha detto che la municipalità reesaminerà il progetto di rinnovamento urbano del quartiere Sulukule alla luce delle raccomandazioni dell'UNESCO.

Il pianificato progetto di rinnovamento urbano rilocherà gli abitanti di Sulukule

Giovedì 10 luglio 2008 - In un recente rapporto l'UNESCO ha puntualizzato che il pianificato progetto di rinnovamento urbano del quartiere Sulukule a Istanbul, abitato primariamente da Rom, consisterà nella demolizione dell'area e la rilocazione dei suoi abitanti. Sulukule è compreso nell'area dei Siti del Patrimoni Mondiali.

Alla conferenza stampa, Topbaş ha detto di avere il rapporto e di essere informato sui fatti."Sono preoccupati sulla cultura del posto e che non vada persa in complessi di grandi appartamenti. Ed anche noi lo sappiamo. Ma puntualizzo il fatto al presidente dell'UNESCO che quando si progetta un posto dove vivano le famiglie, non sarà sufficiente alloggiare tutte le famiglie di Sulukule, a meno che non ci siano costruzioni di appartamenti," ha dichiarato.

Il sindaco ha detto che i residenti di Sulukule vivono in condizioni di tale povertà da gettare l'acqua delle pulizie per le strade, notando che questa è una situazione inaccettabile. Ha puntualizzato che a Sulukule ci sono costruzioni ad un piano abitate da troppe persone. Topbaş ha notato che i funzionari UNESCO non potrebbero offrire altre soluzioni e che concordino con lui quando dice che ci sono due opzioni - preservare le attuali condizioni o costruire appartamenti moderni. "Non vogliamo sradicare qualcosa nella nostra cultura. Non vogliamo neanche trattare ingiustamente la gente... Rivedremo il progetto e troveremo una via di mezzo," ha dichiarato.

La relazione sullo stato di avanzamento dell'UNESCO - recentemente preparata da una delegazione di quattro membri del Centro Patrimoni Mondiali dell'UNESCO, che ha portato ad un'ispezione di cinque giorni a maggio per determinare se la città, Capitale Culturale Europea per il 2010, debba essere consegnata alla lista "in pericolo" dell'organizzazione - è stata resa pubblica settimana scorsa.

Secondo la relazione, Istanbul, attualmente nella Lista dei Patrimoni Culturali, l'anno prossimo è attesa ad onorare il suo impegno nel prendere le misure necessarie per la protezione dei suoi siti storici e sradicare le inadeguatezze determinate dalla delegazione. Altrimenti, sarà messa nella Lista UNESCO dei Patrimoni Mondiali in Pericolo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/07/2008 @ 09:24:14, in scuola, visitato 1589 volte)

Da Bulgarian_Roma

Gli esperti dell'Ispettorato Regionale per l'Istruzione hanno discusso sull'integrazione scolastica dei Rom alla luce dei budget scolastici

Il numero degli abbandoni scolastici dei Rom probabilmente crescerà acutamente con l'inizio del prossimo anno scolastico, dato che molti dei genitori che vivono nei villaggi dove le scuole saranno chiuse, non sono pronti a permettere ai loro figli di studiare in un altro posto. Il numero di scuole chiuse è già troppo grande ed il processo di abbandono scolastico da parte di chi le frequentava potrebbe sfuggire dal controllo. Non è un'eccezione che siano state chiuse scuole con un numero relativamente alto di studenti. Nelle scuole dei villaggi che non sono state chiuse il budget copre a fatica gli standard minimi e per questo tutte le classi elettive ed i "doposcuola" saranno cancellati, cosa che renderà il processo educativo significativamente peggiore. D'altra parte, in molte scuole selezionate che integreranno gli studenti Rom delle scuole chiuse, si può osservare una certa paura tra i genitore ed anche tra gli insegnanti.

Questi sono stati indicati come i problemi acuti dell'integrazione dei bambini Rom durante l'incontro di lavoro nazionale "Integrazione scolastica alla luce dei budget scolastici". L'incontro era stato organizzato dal Centro "Amalipe" ed ha avuto luogo dal 6 all'8 luglio a Lyaskovetz. Vi hanno preso parte esperti di 15 Ispettorati Regionali per l'Istruzione (RIE) responsabili per l'integrazione scolastica.

E' stato presentato durante l'incontro il rapporto "Pari Accesso dei Rom all'Istruzione di Qualità" pubblicato da OSI. I partecipanti hanno discusso come applicare le sue raccomandazioni alle condizioni della riforma dell'istruzione del gennaio 2008. Si è anche discusso della fase attuale del programma "Folklore dell'ethnoi - folklore Rom", come pure degli effetti del budget dedicato sull'educazione interculturale. Hanno moderato l'incontro Deyan Kolev, Teodora Krumova (Centro Amalipe) e Boyan Zahariev (OSI – Sofia).

I partecipanti hanno concordato di proporre al Ministro dell'Istruzione ed al Ministro delle Finanze di stabilire il Programma Nazionale per il Supporto all'Educazione Culturale come mezzo per finanziare le classi elettive ed i doposcuola che sono fuori budget. Proporranno anche l'incorporazione di componenti aggiuntivi per le scuole che implementino la Strategia per l'integrazione scolastica (approvata dal Ministero dell'istruzione a giugno 2004) nella formula dei cosiddetti "standard unificati di spese" (ad es. la somma fornita dal Ministro dell'Istruzione e della Scienza per l'istruzione di 1 bambino).

E' stato anche deciso che il Centro "Amalipe" e i RIE organizzino incontri regionali con le scuole chiave nelle sei giornate bulgare. Il primo sarà organizzato il 15 luglio a Shumen. Vi prenderanno parte le principali scuole chiave della regione nord-orientale. Saranno presentate durante l'incontro le pratiche di successo per attrarre, mantenere ed integrare i bambini Rom a scuola (come le classi di folklore Rom), le principali conclusioni del rapporto "Pari Accesso dei Rom all'Istruzione di Qualità" e le opportunità per finanziare le misure per l'integrazione dei Rom nel quadro del budget.

Ulteriori informazioni su http://www.amalipe.com/en/?nav=news&id=76

Center Amalipe - Bulgaria
5000 Veliko Turnovo, p.o.box 113
Tel/fax: 00359 62 600 224;
tel: 00359 888 681 134
e-mail: center_amalipe@yahoo.com
http://amalipe.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/07/2008 @ 08:59:49, in Europa, visitato 1457 volte)

Da Roma_Francais

(belga/7sur7) 15/07/08 - La Romania lancerà una campagna culturale in Italia per migliorare la sua immagine, appannata in seguito delle violenze commesse nella penisola da dei Rumeni, e sulla raccolta delle impronte dei Rom in Italia, ha annunciato martedì il ministro della Cultura.

"Non possiamo restare senza reagire, il mio ruolo è di migliorare i contatti e le percezioni sulla realtà attuale rumena, essendola cultura il migliore strumento", ha dichiarato il ministro Adrian Iorgulescu in una conferenza stampa, citata da Mediafax.

"Andremo in Italia con un programma molto denso di manifestazioni culturali in tutti i settori, e non solamente a Roma ma ugualmente in altre città importanti d'Italia", ha spiegato, precisando che le basi di questo programma saranno stabilite dopo una riunione bilaterale prevista a settembre in Italia. Questa campagna si svolgerà su almeno due anni, in collaborazione col ministero degli Affari esteri, ha annunciato il ministro.

Il ministero degli Affari esteri s'è dichiarato "inquieto", venerdì, per una possibile discriminazione in occasione delle raccolta d'impronte della popolazione rom in Italia, appellandosi a "rispettare i diritti dei Rumeni recensiti".

L'Italia ha cominciato da luglio a schedare gli abitanti dei campi nomadi, rilevando le loro impronte digitali, ma anche la loro etnia e religione, secondo la comunità cattolica Sant Egidio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/07/2008 @ 09:50:48, in scuola, visitato 1428 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Leggere e scrivere in romanés è arrivato anche in Spagna

L’UNION ROMANÌ ha recensito Il testo "Leggere e scrivere romanés" su NEVIPENS ROMANI giornale quindicinale in difesa dei diritti umani, contro il razzismo e la discriminazione che ha visto la luce per la prima volta nel maggio 1986.

Inoltre il testo è stato illustrato anche sulla rivista trimestrale, a carattere internazionale, I TCHATCHIPEN (LA VERITÀ, ROMANÒ), che offre ai suoi lettori la possibilità di avvicinarsi al popolo zingaro da una prospettiva sociale e culturale.

Attraverso articoli, rapporti di ricerca e fornisce un quadro veritiero della comunità zingara, evitando stereotipi e di affrontare le questioni della diversità ideologica e di rigore scientifico.

I Tchatchipen mostra anche i più significativi sviluppi di pubblicazioni riguardanti la comunità zingara nella sezione di recensioni di libri e riviste, si può prendere il polso ad una cultura gitana che è costantemente in via di sviluppo.

I Tchatchipen è rivelato, in breve, come uno strumento molto efficace per insegnanti, operatori sociali, sociologi, antropologi, linguisti, giornalisti e tutti coloro che vogliono avvicinarsi a una delle più antiche minoranze in Europa.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/07/2008 @ 09:36:44, in scuola, visitato 1231 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

BELGRADO 16 luglio 2008 - Fonte: Tanjug: Il Consiglio Nazionale dei Rom accoglie con favore la decisione di introdurre il Romanì nelle scuole primarie.

Il Ministero dell'Istruzione ha deciso di rendere possibile lo studio della lingua Rom.

Ibrahim Osmani, presidente del Comitato per l'Istruzione e l'Uso Ufficiale delle Lingue, ha detto che il ministero ha appoggiato il progetto del Consiglio Rom e preso un impegno per assicurare pari opportunità di accesso delle minoranze all'istruzione a tutti i livelli, in linea con la Convenzione Quadro Europea sull'Istruzione.

L'Istruzione dovrebbe fornire pari opportunità a tutti, indipendentemente da religione o etnia, di prendere parte alla vita pubblica ed alle istituzioni, ha detto, notando che "i diritti garantiti a tutti gli esseri umani possono essere esercitati solo se hanno pari accesso all'istruzione".

La Serbia è una comunità multietnica, multiculturale e multireligiosa e l'appoggio alle minoranze dovrebbe costituire il punto di partenza per il progresso democratico e per la stabilità interna ed internazionale, ha detto Osmani.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/11/2019 @ 07:10:49
script eseguito in 166 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3234 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source