Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 10/09/2008 @ 11:37:39, in blog, visitato 1960 volte)

Sucar Drom: 350mila grazie
L’Istituto di Cultura Sinta sviluppa dalla fine degli Anni Novanta iniziative, pubblicazioni e mezzi di comunicazione, come questo spazio web, che incoraggiano la conoscenza e il confronto per le comunità sinte e rom e per tutte le persone che si vogliono cono...

Ue, l'Italia non discrimina i Rom
La Commissione europea ha detto ieri pomeriggio che, dal rapporto ricevuto dal governo italiano, non sembrano esserci state discriminazioni nelle misure prese nei confronti di soggetti appartenenti all'etnia Rom che vivono in Italia...

L’Europa dei governanti approva la politica discriminatoria del Governo italiano
Già nel maggio scorso le dichiarazioni dei rappresentanti della Commissione Europea sul provvedimento che stabiliva il rilievo delle impronte digitali ai bambini rom apparivano assai deboli e semb...

Retroscena: perché la Commissione europea giudica le misure adottate dall’Italia non discriminatorie
Decisive per il parere favorevole di Bruxelles le Linee guida del Ministero dell’interno del 17 luglio che hanno attenuato la portata delle Ordinanze di maggio. Per la Commissione europea non sembrano esserci discriminazioni nelle misure prese dal governo italiano nei confronti di soggetti appartenenti all...

Mohacsi, strano giudizio della Commissione su impronte rom
“Trovo davvero strano che la Commissione ritenga conforme alla legge dell’UE la procedura della raccolta delle impronte digitali, che sembra essere stata applicata solo ai rom. Fatto che non può...

Ue, in Italia "non c'è nessuna raccolta sistematica delle impronte digitali"
Questa mattina i maggiori quotidiani italiani sparano in prima pagina le dichiarazioni del portavoce di Jacques Barrot, Commissario per Giustizia e gli Affari interni dell’Unione europea. Dopo le polemiche durissime di giugno e luglio l’impressione che potrebbe avere l’italiano medio è il via libera della Commissione europea al rilievo...

Il presidente romeno in udienza dal Papa: non sempre facile l'integrazione
Al cardinale Tarcisio Bertone ha portato la “Stella di Romania”, la più alta onorificenza del suo stato, al Papa ha presentato i problemi dell’integrazione, ma anche un'identità di vedute sui temi europei. Traian Basescu, presidente della Romania, sabato ma...

Roma, Madonna lancia una fiesta gitana
Strepitoso successo allo Stadio Olimpico di Roma per il concerto di Madonna. Unica data in Italia ha registrato il tutto esaurito già nei mesi passati. Il concerto prende ha inizio alle 21:18 con 60 mila spettatori in delirio per la cantante che scende dal trono ed ...

Roma, Nuove Tribù Zulu & Cheja’ Celen in concerto
Insieme per i diritti di tutti i bambini è il titolo del concerto delle Nuove Tribù Zulu & Chejà Celen che si terrà venerdì 12 settembre 2008, alle ore 21.00, al Parco di San Sebastiano in via delle Terme di Caracolla, 55. Le Nuove Tribù Zulu proseguono nel 2008 la collaborazione artistica con le danzatrici Chejà Celen (in foto), gruppo di bambine e ragazze rom pro...

Bussolengo (VR), picchiati e umiliati dai Carabinieri
Venerdì 6 settembre 2008, verso a mezzogiorno, tre famiglie Rom italiane hanno parcheggiato le proprie auto con le roulotte in un parcheggio comunale di Bussolengo (VR). Le famiglie sono formate da Angelo e Sonia Campos con i cinque figli minor...

Bussolengo (VR), la versione dei Carabinieri
Pubblichiamo la versione dei Carabinieri di Bussolengo sul gravissimo fatto accaduto venerdì 6 settembre. Nel verbale di arresto e di denuncia non è menzionato il minore di undici anni, sono menzionati solo due minori sui cinque presenti. Il verbale indica nelle ore 14.00 l’arrivo dei Carabinieri nel parcheggio di P...

Romania, rumeni intolleranti, 4 su 10 punirebbero gay e rom
Rumeni capofila dell'intolleranza verso i “diversi”. Da un sondaggio emerge un aspetto sconosciuto del popolo del paese balcanico: poco aperto verso omosessuali, persone affette da Aids e Rom, definiti dagli intervistati “disonesti” e “sfaticati”...

Spagna, guerra tra poveri africani e gitani
E' guerriglia fra poveri a Roquetas de Mar, una cittadina vicina a Almeria nel sud della Spagna, dove da due notti si sono verificati duri scontri - con barricate, auto e case date alle fiamme - fra immigrati africani e cittadini spagnoli di origine rom, nel quartiere degradato delle '200 Viviendas'...

Reggio Emilia, l'Europa e la salvaguardia dei diritti fondamentali
Un convegno che parla di Europa e tutela dei diritti fondamentali. Un convegno che porterà a Reggio Emilia il prossimo 19 settembre, tra i tanti ospiti internazionali, anche i rappresentanti della direzione generale giustizia, libertà e sicurezza della Commissione Europea e del Ministero dell'Interno, in questi giorni al centro del dibattit...

Modena, il Consiglio comunale dice no al "censimento" con le impronte
No al censimento dei bambini e delle bambine rom nei campi nomadi con la rilevazione delle impronte digitali: lo ha detto il Consiglio comunale di Modena approvando, con il voto favorevole dei gruppi di maggioranza e il voto contrario di An, Forza Italia e Lega, una mozione presentata dal consigliere di Sinistra Democratica Giorgio Prampolini...

Rom e Sinti, la federazione incontrerà il ministro Maroni
Dopo gli incontri avuti a luglio con il Prefetto Lombardi, commissario per l’emergenza “nomadi” in Lombardia e con alcuni funzionari della Prefettura di Roma, la Federazione “Rom e Sinti Insieme” incontrerà martedì 16 settembre il Ministro dell’Interno Roberto Maroni...

Bussolengo (VR), un incubo
Un incubo. Giorgio Campos, 18 anni a dicembre, nato a Como, di origine rom e con regolare residenza a Brescia, è ancora sotto shock. Per lui e la sua famiglia quella di venerdì scorso doveva essere una tranquilla gita per «far visita a parenti che vivono nei dintorni di Brescia», racconta. E invece una pausa pranzo a Bussolengo, vicino Verona, si è trasformata in dramma...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/09/2008 @ 09:35:14, in Europa, visitato 1159 volte)

Da Roma_Daily_News

Il 16 settembre 2008, si terrà a Bruxelles il primo "UE Rom Summit" della Commissione Europea, sotto l'alto patrocinio di José Manuel Barroso, Presidente della Commissione e della Presidenza francese del Consiglio d'Europa.

L'evento congiungerà oltre 400 rappresentanti delle istituzioni UE, governi nazionali, parlamentari e la società civile incluso organizzazioni Rom. La conferenza avrà luogo nell'edificio Charlemagne, Rue de la Loi 170 (Room "Alcide de Gasperi" S 3).

Ulteriori informazioni...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/09/2008 @ 09:13:27, in casa, visitato 1573 volte)

Da British_Roma

SALUTO A DALE FARM
Permettersi una casa è diventato sempre più difficile per innumerevoli persone il cui reddito continua a scendere. In un paese ossessionato dal possesso della casa questo sogno è diventato un incubo. Ma oltre a quanti lottano per pagare le loro ipoteche, c'è un altro gruppo di persone che soffre di un'insicurezza ancora maggiore. Oltre allo sgombero, c'è ora il rischio di diventare capri espiatori delle ruggini del paese e del fallimento del governo locale e nazionale.

Oltre 1.000 Viaggianti di Dale Farm, Essex, il più grande villaggio Zingaro nella GB, saranno sfrattati se il Consiglio Distrettuale di Basildon vincerà l'appello contro la Decisione dell'Alta Corte che impedisce la demolizione del sito in un'udienza del 5 dicembre.

Richard Sheridan, presidente del Consiglio Zingaro e portavoce per il sito, dice che i Viaggianti di Dale Farm soffrono un grosso errore della giustizia: "Il governo conservatore ha tolto il diritto di rimanere sul suolo pubblico nel 1994 quando ha abrogato il Caravan Sites Act del 1968, così i Viaggianti l'hanno comperato da loro. Ora siamo minacciati di sfratto dalla terra che ci siamo comperati," ha detto in una dichiarazione ad A World to Win.

"Il Consiglio di Basildon ha infranto l'Atto di Protezione dei Dati mettendo sul suo website pubblico dettagli personali e medici di 86 famiglie di Dale Farm. Sono preparati a spendere 3 milioni di sterline per sgomberarci, incluso quasi un milione di spese legali stimate, [...] Costerebbe 30 milioni di sterline ai contribuenti ottemperare alla legge se ci metteranno sulla strada - un enorme spreco di denaro."

Sheridan parteciperà il 16 settembre ad un summit Rom a Bruxelles patrocinato dalla UE, dove porrà il caso di continuare l'esistenza di Dale Farm. La riunione è stata richiesta quando il governo italiano ha criminalizzato i suoi stessi Rom. Il governo Berlusconi ha autorizzato incursioni all'alba, sgomberi e smantellamento dei campi, incluso 40 caravan e tende vicino a Roma.

Guidato dal leader conservatore Malcolm Buckley, il consiglio di Basildon ha messo da parte 3 milioni di sterline per abbattere le 132 case e sfrattare i Viaggianti dal loro sito a Crays Hill. Non è riuscito ad effettuare i suoi piani questo maggio, quando Andrew Collins, giudice dell'Alta Corte, ha ordinato di fermare lo sgombero per 40 famiglie. Un consigliere laburista ha descritto il minacciato sgombero come "una somma oltraggiosa di denaro impiegata per imporre le leggi di progettazione su un ex discarica in una strada anonima."

Ma una riunione del controllo di sviluppo del consiglio di Basildon tenutasi questo mese intende votare misure che potrebbero includere la demolizione di una piccola scuola in legno, una cappella e un ritrovo chiamato San Cristoforo. A Martina McCarthy, moglie di Richard Sheridan, è stata inviata una notifica, nonostante l'edificio sia stato costruito con la concessione del Consiglio della Contea di Essex e appartenga al Dipartimento per i Bambini, le Scuole e le Famiglie.

Il British National Party di estrema destra sta montando una viziosa campagna razzista di pressione verso i conservatori che attualmente controllano il consiglio di Basildon in vista di una riunione straordinaria per il 18 settembre. La disputa di fondo su Dale Farm è stata condotta con grida di guerra dal BNP che contesta tutti i 14 seggi locali.

L'estrema destra sta usando l'immigrazione e le tematiche dello sviluppo urbano per ottenere consenso in un area che ha visto lo sviluppo industriale andare e venire, con il declino della fabbrica di trattori Fard (ora della Case New Holland) e della compagnia Standard Telephone. Dato che Basildon è considerata un barometro dell'opinione pubblica per le elezioni generali, gli argomenti non sono solo locali.

A World to Win saluta gli organizzatori di Dale Farm, i leader Richard Sheridan, Joseph G Jones e Grattan Puxon del Consiglio Zingaro, per la loro campagna per i diritti di base, alla vita, alla salute, all'istruzione e alla privacy dei dati. Chiedono ai sostenitori di partecipare ad una manifestazione per i diritti umani il 16 settembre, in caso di tentativo di sfratto dopo l'udienza dell'Alta Corte di dicembre.

Corinna Lotz
Secretary, A World to Win
5 Settembre 2008

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/09/2008 @ 08:41:41, in scuola, visitato 1214 volte)

Da La voix des Rroms

PETIZIONE

da PARADA FRANCE All'attenzione di: Monsieur Olivier Dubault - Sotto Prefetto di la Seine Saint-Denis

Bianca ha otto anni. L'anno scorso era in una classe CLIN a Saint-Ouen e la sua insegnante era onorata del suo lavoro. Fa parte delle famiglie rom che si sono battute perché i loro figli potessero andare a scuola. Bianca doveva rientrare nel CE1 nella sua nuova scuola di Saint-Ouen. L'accampamento che abitava fino a lunedì scorso è chiuso ed alcune famiglie sono state selezionate per essere integrate in un villaggio d'inserimento, la scolarizzazione era uno dei criteri. Bianca e sua madre sono stati trattenuti, ma la sua famiglia comprende anche i nonni, che sono troppo anziani per essere integrati nel villaggio. In conseguenza di ciò, Bianca raggiungerà i nonni in un altro accampamento che è difficile da raggiungere da qui. La sua scolarità verrà interrotta e tutti quelli come lei saranno esposti all'obbligo di lasciare permanentemente il territorio.

A dispetto di tutte le convenzioni internazionali sul diritto all'infanzia, sulla libertà di circolazione dei cittadini europei, rischia quindi di essere reinviata in Romania perché la sua famiglia vuole restare unita. Bianca è arrivata in Francia all'età di due anni, non conosce il rumeno.

BIANCA DEVE RESTARE IN FRANCIA CON LA SUA FAMIGLIA E CONTINUARE AD ANDARE ALLA SCUOLA DI SAINT-OUEN !

http://www.myspace.com/paradafrance

Pour faire un lien vers cette pétition, cliquez-ici

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Organizzazioni non governative chiedono alla Commissione europea di chiarire e rendere pubblica la propria posizione sulle politiche italiane relative ai rom
CS119-2008: 09/09/2008

La EU Roma Policy Coalition (Erpc), una coalizione informale di organizzazioni non governative che si occupano in ambito europeo di diritti umani, antidiscriminazione, antirazzismo, inclusione sociale e diritti dei rom e dei travellers, ha affermato oggi che la posizione della Commissione europea sulle recenti politiche italiane relative ai rom necessita di essere chiarita.

L'Erpc si è dichiarata preoccupata per i commenti resi dal portavoce del commissario Barrot, che ad oggi rappresentano l'unica risposta pubblica al rapporto inviato dal ministro dell'Interno Roberto Maroni alla Commissione europea.

Secondo l'Erpc, la Commissione europea pare aver assunto la più limitata delle posizioni, accettando una versione "soft" delle misure inizialmente attuate dal governo italiano, misure che sono state duramente criticate in quanto discriminatorie e contrarie ai diritti umani da parte del Consiglio d'Europa, della società civile e della stessa Commissione europea.

L'Erpc teme che questo approccio mandi un segnale pericoloso, specialmente in Italia dove la retorica e gli atti ostili ai rom hanno già raggiunto livelli inaccettabili, come gli incendi di campi da parte di gruppi di facinorosi. Questa realtà pare assente dall'attuale interpretazione della Commissione europea, secondo la quale il censimento delle comunità rom è accettabile come soluzione estrema, sebbene un censimento effettuato su base etnica sia evidentemente una pratica discriminatoria.

In nome della trasparenza, è nell'interesse della Commissione europea fornire una spiegazione adeguata sulle proprie conclusioni e rendere pubblica tutta la documentazione pertinente.

Mentre la Commissione europea si prepara a ospitare un summit che dovrebbe affrontare il tema dell'esclusione dei rom in Europa, è indispensabile che non vi siano malintesi sulla sua posizione riguardante i diritti fondamentali dei rom che vivono in Europa.

Pertanto, l'Erpc chiede alla Commissione europea di: rendere interamente pubblico il rapporto del ministro Maroni e le note esplicative su cui ha basato il proprio giudizio; chiarire se la risposta a tale rapporto implica un "via libera" alle azioni e alle misure in fase di attuazione, tra cui gli sgomberi forzati e le affermazioni degradanti o razziste di autorità pubbliche; infine, affrontare le questioni relative ai rom dal punto di vista delle politiche d'inclusione sociale e non da quello delle preoccupazioni per la sicurezza.


FINE DEL COMUNICATO Brussels, 9 settembre 2008

Fanno parte dell'EU Roma Policy Coalition (Erpc): Amnesty International, European Roma Rights Centre, European Roma Information Office, European Network Against Racism, Open Society Institute, Spolu International Foundation, Minority Rights Group International, European Roma Grassroots Organisation, Roma Education Fund e Fundación Secretariado Gitano.

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 - cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/09/2008 @ 09:37:38, in musica e parole, visitato 1807 volte)

Ce l'abbiamo fatta!

L'Associazione Jazz Manouche Django Reinhardt comunica a tutto il suo pubblico che la 7^ edizione del Festival Internazionale Jazz Manouche Django Reinhardt si terrà nelle date del 18-19 e 20 Settembre 2008 nella città di Rivoli, sulle strade del centro storico e nel teatro della "Maison Musique".

Per tre giorni Rivoli ospiterà gruppi musicali provenienti da tutta Europa per far scoprire la musica del popolo Manouche, resa famosa dall'incontro di un loro figlio, Django Reinhardt, con il jazz americano degli anni '30, il valzer musette francese e la tradizione gypsy.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/09/2008 @ 09:30:15, in Europa, visitato 1239 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia



Mirko Cvetkovic, Primo Ministro serbo, ha detto che l'orientamento europeo serbo ed i passi sinora presi verso l'ingresso nella UE, sono una buona base per aumentare il suo coinvolgimento nella risoluzione dei problemi dell'integrazione dei Rom nel paese e nella regione.

All'apertura del 14° incontro del Tavolo Esecutivo Internazionale, che prende parte al "Decennio dell'Inclusione Rom 2005-2015", Cvetkovic ha detto che la Legge sui diritti e le libertà delle minoranze nazionali riconosce dal 2002 ai Rom lo status di minoranza nazionale.

Così si è creata una base per il loro accesso ai diritti che hanno le altre minoranze, ha detto il Primo Ministro e aggiunto che d'accordo con la Carta Europea sule Lingue Regionali e delle Minoranze, la Serbia riconosce la lingua rom.

Cvetkovic ha detto che nel cercare di risolvere i loro problemi, lo stato tratta i Rom come un gruppo marginalizzato, ma come una minoranza nazionale.

A presiedere all'incontro Ljuan Koka, Segretario per la Strategia Nazionale Rom del  Ministero per i Diritti Umani e delle Minoranze, ed il relatore Gabor Daroci, che rappresentava l'Istituto di Budapest di Open Society.

L'incontro riguarderà le priorità durante la presidenza serba del Decennio Rom, come la legislazione sulle aree residenziali Rom, la soppressione della discriminazione nell'istruzione, la politica europea sui Rom e l'accesso ai fondi europei, modi possibili di controllare e valutare attività a livello regionale e nazionale.

A seguito dell'incontro Svetozar Ciplic e Nikola Spiric, rispettivamente Ministro Serbo per i Diritti Umani e delle Minoranze - Presidente del Consiglio dei Ministri di Bosnia-Herzegovina, hanno firmato la Dichiarazione sull'accesso della Bosnia-Herzegovina al Decennio dell'Inclusione Rom.

Ciplic ha detto che così si è allargata la famiglia delli stati che vogliono migliorare la posizione dei loro Rom.

Secondo quanto ha detto, la Serbia è onorata di avere un altro partner e stato membro durante quest'anno di presidenza del Decennio Rom.

Spiric ha rimarcato che la Bosnia-Herzegovina intende fornire i più alti standard alle minoranze nazionali come quelle degli Stati europei sviluppati democraticamente.

Ha aggiunto che la Bosnia-Herzegovina farà di tutto per sviluppare il proprio piano d'azione per risolvere il problema della popolazione Rom.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/09/2008 @ 08:54:27, in Europa, visitato 1063 volte)

Stimate amiche e amici:

Sono contenta di dirvi che potete già vedere nelle nostre pagine web l'album di fotografie che abbiamo organizzato il passato mese di agosto a Madrid contro il razzismo che patiscono i nostri fratelli gitani in Italia. http://www.unionromani.org/notis/noti2008-09-03.htm

Ugualmente abbiamo "caricato" quattro video che sono una testimonianza fedele del corso della manifestazione, degli slogan che si sono ripresi in coro e dei discorsi pronunciati davanti all'Ambasciata Italiana di Madrid. http://www.unionromani.org/videos.html#manimadrid

Come sempre, restiamo per tutto a vostra disposizione.

SILVIA RODRÍGUEZ - Departamento de Comunicación de la Unión Romaní

UNION ROMANI
Dirección Postal/Postal Address:
Apartado de Correos 202
E-08080 BARCELONA (Spain)

Tel. +34 934127745
Fax. +34 934127040
E-mail: u-romani@pangea.org
URL: http://www.unionromani.org/index_es

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 08/09/2008 @ 14:04:01, in Italia, visitato 3686 volte)

Da Sucar Drom

Venerdì 5 settembre 2008, verso a mezzogiorno, tre famiglie Rom italiane hanno parcheggiato le proprie auto con le roulotte in un parcheggio comunale di Bussolengo (VR). Le famiglie sono formate da Angelo e Sonia Campos con i cinque figli minori, il figlio maggiorenne della coppia con la moglie e due minori e il cognato con moglie e tre minori.

Mentre stavano preparando il pranzo una pattuglia di Vigili urbani è arrivata e ha intimato alle tre famiglie di sgomberare. Le famiglie hanno spiegato che avrebbero mangiato e sarebbero subito ripartite.

Dopo alcuni minuti, intorno alle ore 13.00, è giunta nel parcheggio una pattuglia dei Carabinieri ed è successo il finimondo. Hanno intimato immediatamente lo sgombero e hanno subito iniziato a picchiare le persone, minorenni compresi. In quel momento entrava nel parcheggio Denis Rossetto con moglie e figlio e anche lui è stato immediatamente coinvolto.

Tutti sono stati portati in caserma e per sei ore e mezza sono rimasti in balia di una violenza inaudita. In particolare un figlio di Angelo e Sonia Campos è stato picchiato selvaggiamente, tanto da fargli perdere tre denti. Ma non è tutto perché qui avviene l’inimmaginabile: un carabiniere immobilizza il bambino di undici anni e gli immerge ripetutamente e completamente la testa in un secchio pieno di acqua, mentre un altro carabiniere divertito filma la scena con il telefonino. Poi un carabiniere si è denudato e ha invitato sempre il bambino di undici anni ad avere un rapporto orale.

Alle 19.30 finisce l’incubo e sono rilasciati tutti, all’infuori di Angelo e Sonia Campos e Denis Rossetto che vengono accusati di resistenza a pubblico ufficiale. Sabato mattina c’è stata la prima udienza e i tre “accusati” avevano difficoltà a camminare per le violenze ricevute. In queste ore l’associazione Nevo Gipen (Brescia) sta supportando le famiglie nella presentazione della denuncia.

Noi di sucardrom non abbiamo parole per commentare quanto raccontato dagli attivisti di Nevo Gipen, speriamo che la magistratura faccia piena luce su questo episodio gravissimo di chiara matrice razzista. Invitiamo tutti i lettori a rilanciare la notizia per evitare insabbiamenti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (5)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/09/2008 @ 11:55:41, in Regole, visitato 1213 volte)

Da OSSERVATORIO sulla LEGALITA' e sui DIRITTI

di Rita Guma (presidente Osservatorio sulla legalita' e sui diritti onlus)

Poiche' si continuano a leggere rivendicazioni di alcuni riguardo al parere della Commissione UE sulla questione del 'censimento' dei Rom in Italia, vanno fatte alcune precisazioni.

Il commento del sottosegretario Mantovano ce ne da' lo spunto. "La valutazione della Commissione europea, di integrale apprezzamento per le misure adottate dal Governo italiano sui campi nomadi, non ha bisogno di commenti: è chiara ed esplicita. - ha affermato Mantovano - Mancano ancora, invece, le scuse pubbliche di tutti quegli italiani che, all'opposizione dentro e fuori il Parlamento, non hanno esitato a buttare fango sull'Italia pur di contrastare l'azione dell'Esecutivo. Ma non si può avere tutto... Resta il rammarico di tre mesi persi dietro a polemiche che, al vaglio del massimo organismo dell'UE, si sono rivelate per quello che erano: dannose e strumentali".

Come Mantovano sa benissimo, la Commissione UE e' un organo politico, non giudiziario, ed emanazione dei governi, non degli elettori tutti in quanto non elettiva, quindi le sue valutazioni risentono degli equilibri politici, tanto e' vero che la Corte di Giustizia UE - che e' invece l'organo UE deputato alle valutazioni sulla legalita' dei comportamenti europei alla luce della normativa UE - non sempre sposa la concezione della Commissione di cio' che e' legale.

Ad esempio - proprio parlando di diritti civili - la Commissione ha concluso accordi con gli USA sui dati sensibili dei passeggeri UE in viaggio per gli Stati Uniti su cui il parlamento UE (organo elettivo) - timoroso per la privacy dei cittadini europei - ha portato la Commissione davanti alla Corte di Giustizia, che ha dato torto alla Commissione.

Il principio di separazione dei poteri esiste proprio perche' chi opera in un ruolo politico non puo' anche amministrare la giustizia con sufficienti garanzie, e peraltro la legislazione UE, che la Commissione UE ha dichiarato essere stata rispettata dalle misure del governo italiano in questa circostanza, non e' un trattato finalizzato a garantire i diritti umani.

Ricordiamo inoltre che i metodi adottati dal governo italiano nel caso dei Rom sono stati criticati dal Commissario per i diritti dell'uomo del Consiglio d'Europa e che il Consiglio d'Europa (di cui fa parte la Corte per i diritti dell'uomo) e' una organizzazione che trova il suo fondamento nella "Convenzione europea dei diritti dell'uomo", sottoscritta anche dall'Italia.

Quindi il Commissario Hammarberg - che prima di emettere il suo giudizio e' stato due giorni in Italia - e' un esperto di diritti che basa il suo giudizio su norme nate proprio per tutelare i diritti.

Quindi Mantovano ed altri dovranno accettare che, nonostante il pronunciamento della Commissione presieduta da Barroso (un politico la cui ricandidatura e' stata peraltro sponsorizzata da Berlusconi), in molti Italiani (e non) resti ancora il dubbio sul rispetto dei diritti umani conseguente alle misure sui campi nomadi adottate dal governo nelle varie fasi della vicenda.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/11/2019 @ 08:38:43
script eseguito in 166 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 884 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source