Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 11/06/2009 @ 09:18:55, in Europa, visitato 1622 volte)

Ricevo (e traduco) da Unión Romaní copia della lettera da loro inviata a tutti i capilista delle sei formazioni spagnole che hanno ottenuto rappresentanza nel Parlamento Europeo:

 Barcellona, 9 giugno 2009

Stimati Deputati

Prima di tutto permettetemi di manifestarvi a nome della UNION ROMANI, Federazione delle Associazioni Gitane, le nostre più sincere congratulazioni per il successo della vostra formazione politica nelle passate elezioni al Parlamento Europeo. Voi incarnate la rappresentazione più genuina della volontà politica degli spagnoli che vi hanno eletto e la vostra alta missione nell'Europarlamento dovrà essere decisiva per la difesa dei valori civici che ispirarono i padri dell'Unione Europea e che hanno come fondamento l'amore e il rispetto alla libertà - valore supremo senza il quale non è possibile la democrazia.

Essendo la libertà la caratteristica più importante della tradizionale cultura gitana, intendiamo farla partecipe della nostra inquietudine in vista del risultato di queste elezioni. L'avanzata sperimentata da partiti e coalizioni apertamente razziste e xenofobe, fanno presagire tempi difficili per noi che siamo sempre stati, lungo la storia, i capri espiatori su cui si sono scaricati i sentimenti più selvaggi che a volte hanno marcato il comportamento degli esseri umani.

 Non sono dovuti passare molti giorni perché i ministri europei riuniti nel Lussemburgo manifestassero ieri che noi, i gitani, che costituiamo la minoranza etnica più importante della UE, ci sentiamo minacciati "dall'aumento del movimento estremista, come conseguenza della crisi economica attuale",  e che "i gitani stanno sottomessi ad una pressione enorme e ad una discriminazione crescente, e che ci sono gruppi radicali che stanno sviluppando una posizione antizigana basata su pregiudizi che portano a comportamenti radicali e inaccettabili". Questo lo ha detto il ministro ceco dei Diritti Umani e delle Minoranze, Michael Kocav, il cui paese ostenta, come voi sapete, la presidenza di turno della UE.

Il panorama attuale, signor Deputato, non può essere più allarmante: nella Repubblica Ceca alcuni gruppi neonazisti agiscono violentemente contro i gitani ed il Partito Nazionale ha promesso attraverso la televisione "una soluzione finale per la questione gitana" (vedi QUI ndr). In Olanda l'estrema destra si è convertita nella seconda forza politica tramite il Partito della Libertà guidato da Geert Wilders e che ha conseguito quattro seggi nel Parlamento Europeo. Gli estremisti hanno ottenuto seggi ugualmente in Romania. In Ungheria, gli ultranazionalisti di "Jobbik" hanno realizzato diverse marce militari [...] con slogan razzisti contro gli immigrati. In Austria il Partito per le Libertà ha rivendicato attivamente durante la campagna che "l'Occidente è per i cristiani". E' specialmente allarmante che nel Regno Unito, il Partito Nazionale Britannico - razzista e xenofobo - guidato da Nick Griffin, abbia conseguito, per la prima volta, di entrare nel Parlamento Europeo con due seggi.

 Permettemi di dirvi, a titolo personale, che i grandi dibattiti che sostenni nel Parlamento Europeo, quando fui Deputato, contro il gruppo di estrema destra guidato da Jean Marie Le Pen, o contro i fascisti italiani comandati dallo scomparso Giorgio Almirante, possono apparire come divertimento di giochi floreali in vista del panorama che ci presenta la futura composizione della Camera di Strasburgo.

Di conseguenza, stimato signor Deputato, la UNION ROMANI vi supplica calorosamente di quanto segue:

Primo: che esercitiate la vostra direzione nel seno del vostro Gruppo Parlamentare perché sotto nessun concetto si passino azioni di attuazione congiunta con i Deputati e le Deputate che difendono idee razziste, xenofobe o antieuropee.

Secondo: che guidiate nel vostro Gruppo Parlamentare una corrente apertamente antirazzista e battagliera contro quanti volessero resuscitare i vecchi demoni del nazismo che costarono tanti milioni di vite innocenti, non tanto tempo fa, nella nostra vecchia Europa.

Terzo: che rendiate pubblica la vostra testimonianza antirazzista. Ve lo chiediamo calorosamente. Agite con coraggio. Noi, i gitani, ed i nostri figli vi ringrazieremo sempre. Ed anche tutta la cittadinanza. Perché difendere i valori che significano il rispetto per la dignità umana, dev'essere patrimonio di tutti i democratici, al di là di qualsiasi appartenenza partitica o di interesse. Dante Alighieri ammonì che "i posti più caldi dell'inferno sono riservati a chi in momenti di crisi fece mostra della sua neutralità".  Noi, dall'UNION ROMANI lo diciamo più rudemente: "ai razzisti, nessuna acqua".

Speriamo, signor Deputato, che vogliate dare alla nostra petizione il valore e l'urgenza che merita. Dicono che la Storia non si ripete. Abbiamo paura che si ripeta, prima come una farsa parlamentare inscenata da quanti non credono ne all'Europa ne alla democrazia, e poi come tragedia sanguinosa di espulsioni, estradizioni, violenza e morte.

Ricevete, a nome di quanti associamo nell'UNION ROMANI, il nostro migliore e più speranzoso saluto gitano.

JUAN DE DIOS RAMÍREZ-HEREDIA
Presidente de la Unión Romaní

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/06/2009 @ 09:18:31, in Europa, visitato 1090 volte)

Ricevo da Giacomo Locci

Sperando di far cosa gradita inviamo, di seguito e in allegato il progetto di Servizio Civile promosso da IBO Italia a Panciu, in collaborazione con l'associazione locale Rom Pentru Rom nel quale sono richiesti 4 volontari. Purtroppo non è sempre facile trovare giovani interessati ad un'esperienza di volontariato in Romania e alle attività e alle tematiche previste, quindi vi chiedo il favore di girare questa opportunità ai vostri contatti ed eventualmente darle visibilità nei vostri spazi web, ricordandovi che il Servizio Civile è aperto a ragazze e ragazzi dai 18 ai 28 anni e il bando dovrebbe uscire dopo metà giugno.

Resto a disposizione per ulteriori informazioni

Grazie dell'attenzione
Cordiali Saluti

Giacomo Locci

Gelem Gelem: il centro Pinochio ti aspetta!

IBO Italia cerca 4 volontari per il progetto di Servizio Civile a Panciu presso l’associazione locale Rom Pentru Rom ed il suo centro giovanile "Pinochio". Se hai dai 18 ai 28 anni, conosci le lingue, sei un tipo che si adatta, sa lavorare in gruppo con umiltà e determinazione, vai oltre i pregiudizi, credi nella ricchezza delle di erenze ma anche nel rispetto delle diversità, hai esperienza nell’educazione non formale e nell’animazione o nella progettazione sociale, allora devi provarci!

A Panciu, paese di circa 10.000 abitanti, a 180 km da Bucarest, l’associazione Rom Pentru Rom gestisce un centro giovanile dove circa 40 fra bambini, adolescenti e ragazzi, rom e non rom, studiano, giocano e crescono insieme superando barriere e pregiudizi, oltre a difficili situazioni familiari. Alfabetizzazione, sostegno scolastico, teatro, giocoleria, musica, educazione all’igiene, scambi internazionali: lo staff locale, aiutato dai volontari italiani, porta avanti molteplici attività e numerose collaborazioni.

IBO Italia - Giacomo Locci
Ufficio Comunicazione
Via Montebello 46/a 44100 Ferrara
tel. +39.0532.243279 - 247396
fax +39.0532.245689
Cell.+39.347/8851793
skype contact: giacolocci
e-mail: promozione@iboitalia.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/06/2009 @ 09:28:52, in Regole, visitato 1138 volte)

Segnalazione di Dario Cercek

11 giugno 2009 - Due agenti della polizia locali sono finiti sotto inchiesta con l’accusa di sequestro di persona e violenza privata per aver fermato una donna rumena - fermata sulla base dell’ordinanza contro l’accattonaggio firmata lo scorso autunno dal sindaco Bruni - averla caricata sull’auto di servizio e averla abbandonata in pieno inverno, con una temperatura sotto zero e tra la neve in cima a Civiglio. Non prima di averle fatto togliere le scarpe e averle gettate in un dirupo, ovviamente innevato. L’episodio incriminato risale al 3 gennaio, due giorni dopo l’ennesima nevicata di un inverno tra i più rigidi e imbiancati che Como ricordi. La donna, una ultrasessantenne frequentatrice abituale degli incroci semaforici della convalle, dopo essere stata abbandonata in "altura" ha dovuto far rientro in città a piedi. L’inchiesta ha preso il via solo alcuni mesi dopo, pare in seguito a una relazione di servizio che uno dei due componenti della pattuglia incriminata ha consegnato al comandante. L’estensore della relazione di servizio, nei giorni scorsi, è stato interrogato dal magistrato titolare del fascicolo alla presenza del suo avvocato e avrebbe di fatto confermato l'episodio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/06/2009 @ 14:36:59, in lavoro, visitato 2091 volte)

Ricevo e porto a conoscenza

cerchiamo un interprete di sinto urgentemente
EUROSTREET coop a r.l.
SERVIZIO TRADUZIONI – TRANSLATIONS SERVICE
Via Losana, 13
13900 – BIELLA (BI) – ITALY
tel. 0039 015351269
fax 0039 015352844
email claudio@eurostreet.it / claudio@eurostreet.eu
website www.eurostreet.it
www.italiantranslationscommunity.eu
office: from 08.30 to 19.00

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/06/2009 @ 08:52:50, in Europa, visitato 1612 volte)

Da Hungarian_Roma

6 giugno 2009 IL PADIGLIONE ZINGARO PERPETUO ufficialmente inaugurato alla BIENNALE DI VENEZIA domenica 7 giugno alle 12.00

Il lancio del Padiglione Zingaro Perpetuo è una risposta ad una doppia crisi: Mentre il 2007 vide l'acclamato primo Padiglione Rom a Venezia [( http://www.romapavilion.org) vedi QUI ndr], il previsto Padiglione Rom del 2009 è stato cancellato con un minimo preavviso. La situazione molto sfortunata è resa più acuta dal fatto che nel 2009, la Biennale di Venezia ha luogo tra violazioni estreme dei diritti umani del Popolo Romanì in Italia ed in altri paesi europei.

Il Padiglione Zingaro Perpetuo è una risposta immediata, ma anche a lungo termine, a questa situazione. E' un padiglione mobile e viaggiante [...] La sua prima Residenza dopo il lancio - con i suoi propri spazi, edifici, artisti, curatori e concetti - è già programmata per l'HELSINKI Suomenlinna- Sveaborg (L'Istituto Nordico di Arte Contemporanea - l'ex NIFCA). Avrà luogo nel contesto di un nuovo format artistico: un Assemblea delle Arti. La seconda Residenza sarà a BELGRADO. Ulteriori Padiglioni Zingari seguiranno sino Biennale di Venezia del 2011.

Gli artisti del Padiglione Zingaro Perpetuo includeranno eminenti rappresentanti Rom, Romanichal, Sinti, Kale, Traveller, Manush, Romanisael [...] ed altri artisti zingari.

Diversi rinomati artisti, pensatori, curatori, figure pubbliche assieme a padiglioni nazionali hanno già dichiarato la loro solidarietà ed offerto il loro supporto. Potete vedere la lista in divenire sul nostro sito web, dove c'è la lista dei Supporter come pure delle Petizioni ed i link al nuovo gruppo lanciato su Facebook: http://www.facebook.com/group.php?gid=9417386654 Unitevi a noi per esprimere la vostra solidarietà e ricevere aggiornamenti sui Padiglioni Zingari.

Il nome del padiglione porta con sé la speranza e la richiesta che indipendentemente dalla situazione organizzativa, finanziaria, artistica o politica, un padiglione romanì o una sua rappresentazione saranno ufficialmente presenti alla Biennale di Venezia e dentro il contesto artistico stabilito. Inoltre - porta alla richiesta che gli artisti romanì siano rappresentati nei Padiglioni Nazionali dei loro paesi di residenza.

Per la prima volta nel 2009, l'assenza di artisti zigani nei padiglioni nazionali è stata trattata in forma mediatica dalle Cartoline da Venezia (immagine di apertura). La Cartolina da Venezia è stata distribuita nel contesto di diversi Padiglioni Nazionali - inclusi, al momento:

Il Padiglione di Grecia
Il Padiglione di Ungheria
Il Padiglione di Israele (previa riconferma)
Il Padiglione di Italia (Arsenale)
Il Padiglione di Polonia
Il Padiglione di Estonia
Il Padiglione di Serbia
Il Padiglione di Turchia
Il Padiglione di Uruguay

Speriamo che seguano ulteriori padiglioni nazionali.

Il lancio del Padiglione Zingaro Perpetuo [è avvenuto] al Padiglione Ungherese ai Giardini di Venezia alle 12.00 di domenica 7 giugno 2009. Questa inaugurazione del Padiglione Zingaro Perpetuo non è parte del Padiglione Ungherese - ma da questo è ufficialmente supportato.

Per ulteriori informazioni guardate il sito appena preparato: http://www.PERPETUALPAVILION.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 13/06/2009 @ 11:33:02, in blog, visitato 1256 volte)

Venezia, Gentilini vince il primo round
"Auspicherei che la stessa rapidità con cui è stato istruito questo processo si verificasse per ogni procedimento. Perché è alquanto singolare un iter così celere: i fatti contestati risalgono al settembre 2008, gli atti vengono depositati attorno a...

Roma, il Libro Bianco sul Razzismo in Italia
Venerdì 12 giugno 2009, a Roma, presso la Sala della Pace della Provincia di Roma, via IV Novembre 119/a H. 10-13, Lunaria presenta il Libro Bianco sul Razzismo in Italia...

Ddl sicurezza, c'è il rischio di creare una società di invisibili
Le norme relative all'immigrazione contenute nel ddl sicurezza del governo, rischiano di creare una società parallela di cittadini invisibili, di costruire dei nuovi ghetti, di far crescere il numeri di cittadini apolidi. È questo l'allarme lanciato dal segretario del Pontificio...

Roma, ancora razzismo contro Mario Balotelli
Ancora insulti razzisti contro il giovane fuoriclasse dell'Inter Mario Balotelli, ieri sera a Roma, in zona Ponte Milvio. Il campione era in compagnia di alcuni compagni nella Under 21, fra cui Criscito e Giovinco, quando un gruppo di intolleranti gli si è avvicinato rivolgendogli insulti razzisti e gettandogli addosso, in segno di disprezzo, alcune banane....

Europee, cresce il centro-destra
Il nuovo emiciclo di Strasburgo conferma la precedente gerarchia dei gruppi politici anche se è evidente una crescita del centro-destra (accedi ai dati europei). Il Ppe è di gran lunga il primo partito con 267 deputati su 736. Il Pse resta il secondo gruppo, anche ...

Un'Italia meno bipartitica e apparentemente meno berlusconiana
Il primo dato che emerge dal voto italiano di sabato e domenica è che, dalle Politiche dello scorso anno a queste Europee, oltre 7 milioni di elettori si sono persi per strada: sicuramente incerti, sicuramente insoddisfatti, sicuramente delusi. Soprattutto si tratta di una valanga di gente che sbatte la porta in faccia a tutto e tutti...

L’Europa in crisi cede il passo agli estremisti
“L’Europa è imbevuta di relativismo culturale, un’illusione, perché non esiste uguaglianza fra culture. La nostra è di gran lunga migliore”. Questa è solo una delle frasi usate dall’olandese Geert Wilders in campagna elettorale. Da oggi quattro seggi del Parlamento Europeo saranno occupati dagli u...

Roma, il terzo censimento...
Un incendio ha distrutto una ventina di baracche all'interno del “campo nomadi” di via del Flauto, nel quartiere del Collatino. Le fiamme sono divampate attorno alle 3,30 di domenica notte...

Dove porta l'odio dell'altro
Tra il discorso di giovedì all’Università del Cairo e la commemorazione dello sbarco in Normandia che avvenuta sabato scorso in Francia, Barack Obama ha scelto la sosta a Buchenwald, il campo di morte dove tra ...

Abbiamo perso, in tutti i sensi
I numeri ci dicono che Dijana Pavlovic non siederà per i prossimi cinque anni nel Parlamento europeo. Il dato elettorale è chiaro: le forze politiche italiane che in una qualche misura hanno sempre sostenuto le battaglie delle minoranze rom e sinte, non entrano nel Parlamento europeo perché sono divise...

Ue, il Consiglio Affari sociali e occupazione approva i “10 principi comuni” per l’integrazione dei Rom
10 principi comuni per l’integrazione delle popolazioni rom: è quanto propone il Consiglio dell’Unione europea, nella sua formazione Affari sociali e occupazione, che si è riunito lunedì a Lussemburgo...

Milano, la legge fascista del 1931 nega il lavoro ad un Cittadino immigrato
La norma che prevede la cittadinanza italiana o europea per lavorare nei servizi di trasporto pubblico ''non appare di certo priva di logica, o irrazionale, o arbitraria'', anche alla luce dei ''rischi di attentati''...

Roma, battuta d'arresto alla vigilanza a "guardia" dei "campi nomadi"
Finisce nelle secche l'appalto sulla vigilanza nei “campi nomadi” della Capitale. Ieri il Tar del Lazio lo ha sospeso. Si tratta di un affare da 4 milioni di euro in tre anni per il quale la Prefettura di Roma aveva in...

Xenofobi al Parlamento europeo
Il Giornale ha pubblicato ieri , a firma di Roberto Fabbri, un articolo per descrivere alcuni dei nuovi parlamentari europei, eletti pochi giorni fa. L’articolo chiarisce subito che si parla di xenofobi dichiarati ma naturalmente già dal titolo il giornalista descrive quest...

Diversità come Valore
Quattrocentomila euro da investire in campagne di sensibilizzazione sul territorio nazionale, attività formativa agli operatori della pubblica amministrazione di varie Regioni italiane e iniziative finalizzate alla costituzione di reti territoriali per il contrasto delle diverse forme d...

Cohre, il pacchetto sicurezza viola la Carta sociale europea
Il pacchetto sicurezza e i discorsi razzisti e xenofobi hanno portato a misure contrarie al rispetto dei diritti umani in particolare, ma non solo, di Rom e Sinti in Italia. Questa la tesi sostenuta dall'organizzazione non governativa Cohre, che si occupa di difendere il diritto alla casa e prevenire gli sfratti, nel ricorso collettivo contro l'Italia presentato al C...

Cgil, Cisl e Uil: l'Italia discrimina gli immigrati, i Rom e i Sinti
L’Italia discrimina i lavoratori stranieri, e lo fa venendo meno anche agli impegni assunti a livello internazionale. È l’accusa lanciata da Cgil, Cisl e Uil in un rapporto sulla situazione di migranti, rom e Sinti in Italia destinato all’ Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), che fa capo all’Onu...

Roma, le proposte del Pd a favore dei Rom
Interviene Roberto Morassut (in foto), Segretario regionale del PD, sulla questione Rom. Morassut giustamente afferma che "dopo un anno di Alemanno sul tema nomadi c'è il nulla"...

Genova, caro Assessore è chiaro che ti riferisci ai Rom
Caro Assessore Scidone, a proposito della sua proposta di ordinanza sul divieto a camper e roulotte di stazionare nel territorio genovese. Lei ha di proposito non nominato i rom evitando di incorrere nella violazione degli articoli 3 e 16 della Costituzione, ma è palese che a loro si riferisce....

Rom e Sinti, la questione della rappresentanza
La questione della rappresentanza delle minoranze sinte e rom è da sempre un annoso problema a cui si sono confrontati in molti senza successo. Infatti oggi non esiste una rappresentanza nazionale come ad esempio esiste per gli ebrei italiani, attraverso l’UCEI. Le ragioni sono molteplici ma è forse utile provare a riflettere su alcune di queste...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/06/2009 @ 20:42:38, in blog, visitato 1114 volte)

è reperibile anche su Facebook: http://www.facebook.com/sivola

(A partire dalle ore 6.01 di sabato 13 giugno, potrai scegliere un nome utente per il tuo account Facebook per consentire ad amici, familiari e colleghi di trovare facilmente il tuo profilo.

Per selezionare il tuo nome utente, visita il link seguente a partire dalle ore 6.01 del 13 giugno:
http://www.new.facebook.com/username/

Per maggiori informazioni sui nomi utente, visita il Centro assistenza:
http://www.new.facebook.com/help.php?page=896

Grazie,
Il team Facebook)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/06/2009 @ 09:51:24, in Europa, visitato 901 volte)

Riprendo da La voix des Rroms, questo breve video dove si vede chiaramente la polizia che lacera le tende ed i ripari dei Rom per impedire loro di farvi ritorno. Fatto, questo, denunciato anche per molti sgomberi in Italia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/06/2009 @ 09:51:54, in sport, visitato 1460 volte)

Da Czech_Roma (gli ultimi casi di settimana scorsa)

Nationalpost.com by Giuseppe Valiante gvaliante@nationalpost.com

immagine by Glenn Lowson For National Post

Quando i Bohemians scesero sul campo di calcio, domenica prima della quinta partita della stagione, l'allenatore Tibor Lukacs indicandoli dalla linea di fondo, disse: "Questi ragazzi sono la vera Unione Europea".

Questa giovane squadra, composta da rifugiati rom della Repubblica Ceca arrivati in Canada dal 2008, simbolizza il vero spirito della UE, perché sono persone senza confine, dice.

I Rom sono sparsi in tutta Europa, dove dicono di subire segregazione, discriminazione e spesso attacchi violenti. Questi casi stanno aumentando con la crescita dei gruppi neonazisti e dei partiti nazionalisti con rami paramilitari di giovani provenienti dalle campagne.

Le divise del FC Bohemian sono blu e verdi, la quintessenza dei colori rom. Lukacs lo spiega indicando il cielo e poi il terreno erboso della prima divisione Hamilton, campo di calcio della lega professionisti.

"Non è m...a politica, sai. E' perché non abbiamo niente," dice.

"Questo è tutto quello che siamo, tutto ciò che abbiamo è il cielo e la Terra," dice Lukacs.

Ed ora molti Rom sperano di avere il Canada.

Dalla fine del 2007, quando fu abolito l'obbligo di visto per i cittadini cechi, un crescente numero di Rom sono entrati nel paese facendo richiesta d'asilo. Dal gennaio 2008, il Tavolo dell'Immigrazioni e dei Rifugiati del Canada riferisce di quasi 2.000 casi - 404 nel solo mese di aprile.

I responsabili del tavolo immigrati sono tornati settimana scorsa da una missione in Repubblica Ceca, per scoprire come mai i Rom stiano scappando. Si aspetta a breve un rapporto. I lavoratori sociali dell'Ontario Meridionale si stanno anche incontrando questa settimana col governo provinciale e federale per vedere quante somme e risorse extra possono essere messe a disposizione, dato che i ricoveri d'emergenza stanno raggiungendo il limite.

La maggior parte dei rifugiati si è insediata nell'Ontario Meridionale mentre aspettano una decisione. Il tempo medio di attesa è di 16 mesi e ½, ed il tavolo dei rifugiati aveva, al 1 maggio, un arretrato di 1.687 casi.

Per il momento, tutto quello che i rifugiati possono fare è aspettare - e giocare a calcio.

Il FC Bohemians, dal nome della provincia ceca di Boemia, ha avuto un paio di opportunità ma rapidamente ha subito un 2 - 0 dal Dundas C. Il vento ha spinto un calcio d'angolo della squadra avversaria all'incrocio dei pali a destra per il primo goal.

"E' stato il vento, cosa possiamo farci? Bisogna essere preparati anche a questo." ha detto il mister Lukacs.

Lukacs, 45 anni, è immigrato dalla Repubblica Ceca in Canada nel 1997, parla sei lingue ed è il punto di riferimento per molti dei nuovi arrivati Rom. Lavora come interprete per il Centro Sanitario Comunitario Hamilton Urban Core, e di solito è una delle prime persone che gli immigrati incontrano al loro arrivo.

Ha capelli lisci sale e pepe, che si uniscono giù nella scollatura. Un orecchino d'oro penzola dal suo lobo sinistro e porta scarpe di cuoio appuntite beige chiaro, con inciso un falso-coccodrillo. Parla con un accento che suona come una miscela di europeo orientale e persiano.

Dice di aver fatto parte di una heavy metal rock band negli anni '80 e '90 nella Repubblica Ceca chiamata Merlin, ma la fama e i soldi non sono bastati a tenerlo là.

"Ogni volta qualcuno ti dice che sei una m...a. Ogni giorno. Se vai da qualsiasi parte, ti fanno sentire sempre un estraneo. Per quanto tempo uno può ascoltare tutto ciò?" dice. Scherza che forse se tingesse di biondo i suoi capelli ed avesse gli occhi blu, potrebbe essere capace di inserirsi.

I giocatori di calcio non hanno vinto nessuna delle partite precedenti. A volte quando sbagliano, i Bohemians smettono di giocare e gridano tra di loro in romanes, mentre la palla scappa. Lukacs dice che presto saranno dove devono essere.

A metà partita, Lukacs ha camminato oltre le gradinate per tradurre la storia di Rudolf Zajda, ex consigliere del governo ceco per le questioni rom. Arrivò in Canada nove mesi fa e sta imparando l'inglese così da usare i suoi titoli di studio in psicologia e assistenza sociale per trovare un lavoro.

Zajda, 48 anni, dice che riceveva costantemente nella posta lettere di minacce e di affrontare discriminazioni sul lavoro. Ma quello che finalmente l'ha fatto decidere a lasciare fu il giorno che un tizio seguì la sua macchina, gridandogli attraverso il finestrino che l'avrebbero ucciso.

"Stavano minacciando la mia vita e la polizia non faceva niente," dice.

Zajda dice di aver sentito del Canada dai media cechi, che spesso raccontano quanto sia facile andarci e come si sia i benvenuti.

Nella ripresa, i Bohemians hanno segnato un goal, ma hanno perso 5 -1.

Dopo la partita, alcuni dei giocatori si rilassano con la famiglia nel loro complesso di appartamenti nel centro di Hamilton.

Jakub Penicka, 20 anni e le gambe ancora un po' arrossate per la partita, dice di essere qui da 18 mesi e di andare a scuola per imparare l'inglese. Come lavoro spera di mettersi in proprio.

"[Nella Repubblica Ceca] non va bene, perché eravamo differenti. Ti osservavano sempre. Cercavi un lavoro ma nessuno te lo dava," dice Penicka.

David Kroscan, 26 anni, parla cinque lingue ed è arrivato qui sei mesi fa. Prende in braccio la sua bambina e dice che i canadesi "ti parlano con educazione", in un modo che fa capire come questa per lui sia un'anomalia.

Suo padre, in piedi di fronte a lui, si rigira le tasche.

"Se mio padre va in un  negozio [nella Repubblica Ceca] gli chiedono di mostrare le tasche," dice David. "I Rom arrivano in Canada perché hanno bisogno di una vita differente, una vita migliore."

Lukacs e molti dei Rom ad Hamilton, il cui numero è stimato tra i 1.500 e i 3.000, stanno cercando di costruire una comunità. Lukacs dice che non hanno molti soldi, ma ci sono degli eventi programmati, come uno spettacolo di Miss Roma.

E Lukacs dice che sta finendo un libro, che dice gli ha preso la parte migliore di un decennio, sulla storia dei Rom.

"La gente dice che veniamo dall'Egitto [da cui deriverebbe il termine "Zingari"] o dall'India; sono tutte c.....e," dice. Dalle sue ricerche, ha imparato che i Rom discesero da almeno 20 regioni nel mondo e si stabilirono in Europa nell'VIII secolo.

"E' come se dopo 500 anni la gente chiedesse ai Canadesi da dove arrivano," dice.

Ha imparato che la lingua rom viene dal sanscrito, con molti imprestiti dal persiano.

"Sto cercando di trovare chi sono davvero i nostri antenati," dice Lukacs.

Un portavoce del Ministro per l'Immigrazione, Jason Kenney, dice che il governo sta monitorando da vicino il numero crescente di richiedenti asilo, ma Kenney non crede che la Repubblica Ceca sia "un'isola di persecuzione."

Lukacs dice di comprendere che il Canada non può spalancare le frontiere e accogliere tutti i Rom d'Europa. Si stima che al popolazione rom della Repubblica Ceca sia tra le 250.000 e le 300.000 unità.

Dice che l'unica soluzione è che il Canada lavori con i governi europei per rendere migliore la vita alle sue minoranze rom.

"Cosa stanno aspettando?" si chiede. "Una pulizia etnica?"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/06/2009 @ 09:10:12, in Italia, visitato 1180 volte)

Emergenza rifiuti nel campo nomadi della Favorita. I ratti hanno invaso l'area, dove viene raccolta solo l'immondizia accatastata all'ingresso. Il resto viene bruciato
È ancora alta l'emergenza rifiuti al campo nomadi della Favorita, dove i topi che razzolano tra l'immondizia hanno morso cinque bambini. Così i rom l'altro ieri notte hanno deciso di agire da soli e dare alle fiamme i cumuli di immondizia accatastata all'interno del campo, ormai da settimane. Non soltanto sacchetti, ma anche materiali ingombranti che al campo si sono accumulati in continuazione e non sono mai stati smaltiti.

Da quando il personale dell'Amia ha ripreso lentamente la raccolta, gli unici rifiuti a scomparire sono stati quelli appena all'ingresso nel campo o deposti sulla strada. Ma in fondo al campo, nella parte kosovara, dove la comunità è più numerosa e ci sono molti bambini, la montagna è sempre più alta. «I topi sono enormi - dice Hassan, uno dei responsabili del campo - Sono più grandi dei gatti. Non tolgono l'immondizia dove noi viviamo, allora ci aiutiamo da soli. Lo facciamo per i nostri figli che sono in grande pericolo. Qui dentro non arriva nessuno, è da molto tempo che non ritirano i rifiuti, ogni giorno speriamo che la situazione migliori».

Negli ultimi giorni, infatti, cinque bambini del campo sono stati morsi dai topi che si aggiravano fra la spazzatura mentre giocavano. La notte poi il pericolo di essere aggrediti aumenta: i ratti entrano anche nelle baracche e la gente ha paura. «Appena fa buio - dice Alì - si scatenano. Abbiamo terrore, entrano nelle case, ce li ritroviamo sul letto. E non dormiamo più. Con mia moglie stiamo sempre attenti, ma non si sa mai cosa può succedere. Non sappiamo come difenderci».

Se la situazione non tornerà presto alla normalità, il pericolo di nuovi incendi è dietro l'angolo: «I nostri figli - continua Hassan - non hanno altri spazi in cui giocare. Stanno tutto il giorno a correre nel campo, e ormai giocano fra i rifiuti. Adesso inizia il vero caldo, e qui diventa un forno. Abbiamo bisogno di una mano, altrimenti continueremo a bruciare i rifiuti a nostro rischio e pericolo».
(14 giugno 2009)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


01/04/2020 @ 12:48:19
script eseguito in 141 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2387 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source