Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 26/04/2009 @ 09:26:41, in Italia, visitato 1391 volte)

24 aprile 2009| Bruno Viani

Nell’album dei ricordi conservano ancora gelosamente le immagini della visita del cardinale Dionigi Tettamanzi, nel 1995. "Piccolo di statura, ma un grande uomo - raccontano - che ha saputo ascoltare i nostri problemi. Sì, quando è morto Giovanni Paolo II abbiamo pianto tutti, ma poi abbiamo fatto il tifo davanti alla televisione perché fosse Tettamanzi il nuovo pontefice. Sarebbe stato, davvero, il nostro Papa".

Eccolo, il conclave visto con gli occhi dei rom korakané di via Adamoli, che si apprestano ad accogliere l’arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco, in visita pastorale al vicariato dell’alta Valbisagno.

L’appuntamento è fissato per il primo pomeriggio di domani, intorno alle ore 15. E gli zingari musulmani si sono organizzati, con l’aiuto dei volontari di Sant’Egidio, per accogliere a braccia aperte l’arcivescovo che rappresenta la Chiesa cattolica.

"Non esiste un solo popolo degli zingari - racconta Ismet Cizmic, 41 anni, rom di Sarajevo - ci sono gli ortodossi cresciuti nella ex Jugoslavia, i sinti cattolici italiani, e ci siamo noi korakané, vuol dire “lettori del Corano”. Eppure, è come se fossero le dita di una mano: sono distinte, però formano un unico arto. E tutti crediamo in un unico Dio".

Cosa si aspettano i rom della Valbisagno dalla visita dell’arcivescovo? Soprattutto, sperano di trovare un uomo che li ascolti. E si sforzi di capire anche le diversità. "Quando io ero bambino, a Roma - riprende Ismet - l’accampamento si trasferiva quasi ogni notte, da un quartiere all’altro. I carabinieri ci sgomberavano e noi ci spostavamo un po’ più in là, ma il risultato era che nessuno dei nostri poteva frequentare le scuole. Vivevamo accampati senza riscaldamento e senza servizi igienici, senza acqua".

Altri ritmi, altre tradizioni. Un’altra vita. Ismet è nato nel 1967, per i nostri parametri è un uomo nel pieno dell’età. "Ho nove figli - racconta - e sono già nonno di una bambina di sei mesi".

Il decimo figlio è in arrivo, dice indicando con un sorriso il pancione della moglie Jasminka. Quando nascerà, l’ultimogenito di casa Cizmic sarà più giovane dei suoi nipoti.

E anche Jasminka racconta. Parla dei dolci bosniaci fatti con miele e noci, preparati tanti anni fa per il cardinale Tettamanzi ("Li rifarò uguali per il cardinale Bagnasco, ma non voglio rovinare la sorpresa"). E parla con semplicità dei dolori di un’esistenza difficile. "Qui i vecchi non esistono, è anziano chi ha cinquant’anni - dice - tanti inverni al gelo, senza igiene, lasciano il segno"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/04/2009 @ 09:11:16, in Italia, visitato 1532 volte)

Ho organizzato una mostra fotografica sul mondo Rom nella magnifica Genova.

Oltre ad immagini realizzate da professionisti, ci saranno anche più di 200 immagini scattate dai bambini khorakhanè e sinti di Genova. Abbaimo dato loro 12 macchinette fotografiche e li abbiamo lasciati liberi di fotografare tutto quel che volevano. Le foto sono venute molte bene e la vedute d'insieme che caratterizza l'installazione le abbellisce ulteriormente. Ci sono ritratti di fratelli, sorelle, immagini dei campi, qualche genitore, e tanti sorrisi (insieme a dita davanti all'obiettivo e ad incredibili immagini composte da striature rose e blu, quasi un quadri di Rothko). Ben lontane dalle classiche immagini che di solito tg e giornali pubblicano, bimbi abbandonati a loro stessi mentre vagano tra la rumenta. Troppo facile dare l'immagine di un popolo incivile, in questa maniera. Noi proviamo a rispondergli in questa maniera. Rispondiamo a chi voleva le impronte digitali dei bambini Rom, mettendoci addirittura le facce.

Ci saranno dei testi che accompagneranno le immagini, tentando di spiegare ai gagè cosa contraddistingue la cultura Rom, qual è la loro storia, quanti ce n'è, in Italia e nel mondo. Provando a fargli capire qualcosa in più sul vostro mondo. A cui mi sono avvicinato assai di recente, grazie ad un libro, quello di Pino Petruzzelli. Che qui a Genova ha anche aperto un corso di formazione teatrale per Rom e Sinti.

Sono un po' dispiaciuto per non essere riuscito a coinvolgerli di più in questo progetto, ma problemi logistici/temporali non mi hanno permesso di essere quotidianamente in contatto con loro. Anche se Sergio mi ha dato una grossa mano. Questo probabilmente l'aspetto negativo del progetto (e qui tralascio il fatto che la Provincia di Genova - finanziatrice dell'iniziativa - abbia preferito, diciamo così, "sorvolare" sulla denuncia delle discriminazioni che quotidianamente i Rom subiscono, puntando principalmente sull'aspetto culturale. Quello che volevo fare anche anche io, mettendoci un po' di palle in più. Ogni tanto penso che questa sia un'occasione sprecata per far sentire realmnte la vostra voce - anche se Ismet e Tito delle due comunità genovesi interverranno alla conferenza per l'inaugurazione, lunedì 27. D'altro canto, questa mostra vuole essere istruttiva, educativa, insegnare ai gagè qualche cosa in più sul mondo Rom, scopriranno ad esempio, che una bassissima percentuale è ancora nomade ed immagino la sorpresa sui loro volti. Non affrontare la questione politica potrebbe essere anche giusto, quindi. Reste il fatto che, se non avessi avuto vincoli monetari, sarebbe stata una mostra ancora più coraggiosa!)

Ma sono contento lo stesso, ogni giorno di più, quando sento dalla bocca della gente fuoriuscire la parola Rom sorrido (per non piangere...) nel sentire quanto ignoranza c'è in giro. E mi sorprendo per essere riuscito ad uscire dalla melma ignobile che ricopre il nostro paese. Sto dalla parte dei Rom, questa mostra l'ho fatta per loro e dopo farò ancora di più. Li coinvolgerò direttamente (questa volta sul serio) nel realizzare un libro fotografico con le immagini dei bambini che saranno esposte; un progetto a lungo termine, da realizzare con un po' più di calma ma che, sono sicuro, riscuoterà grande successo anche tra di loro. Giovedì li ho incontrati e tutti mi sono parsi entusiasti di questa mostra, i ragazzi in particolare. Ne sono assai felice. Avendoli conosciuti direttamente, mi incazzo ancora di più quando sento i beceri stereotipi che, per una volta, uniscono politica, popolo e "informazione".

Mi sono dilungato troppo, credo.
Spero possa piacervi l'iniziativa che ho realizzato ma soprattutto, spero possiate venire a Genova ad ammirarla (le foto sono tutte magnifiche, da Roma, Milano, Siviglia, Balcani e Genova, naturalmente.

Buone giornate,
luca

ROM? ROM!
VIAGGIO NEI MONDI ROM

Quando si affronta il tema dei Rom, anche le persone piu' sensibili tendono inevitabilmente a ripiegarsi su loro stesse e ad accettare acriticamente i luoghi comuni, quasi sempre negativi, che da sempre accompagnano questo popolo.
La mostra fotografica che in questa sede proponiamo, con immagini scattate a Milano, Roma, Siviglia e Genova vuole essere quindi anche un tentativo di esplorare sia pur minimamente (vista l'ampiezza dell'argomento) un mondo - appunto quello dei Rom - così complesso e sfaccettato. Per l'occasione sono state distribuite a molti bambini dei campi genovesi delle macchine fotografiche usa e getta, con le quali essi hanno potuto scattare liberamente fotografie di momenti e/o situazioni, dal loro punto di vista, particolarmente importanti e significativi.
Una prospettiva di analisi quindi tutta interna alla loro sensibilita' e un ulteriore modo per tentare di alzare un velo su una realta' misconosciuta e molto spesso fraintesa per gli stereotipi che da sempre la circonda.


MOSTRA FOTOGRAFICA dal 27 aprile al 18 maggio 2009

Fotografie di:
Giorgio de Finis
Max Intrisano
Luana Monte
Alessandro Pangallo
Michele Palazzi

L'altro punto di vista - Visioni dal mondo Rom.
200 fotografie realizzate dai bambini delle comunità khorakhanè e sinti di Genova

Installazione dell'opera
"Margini di realta'"
a cura di Stefania Gessi, Lara Grillo, Silvia Cappuccio e Annalisa Rossi.

Sala polivalente - cinema Sivori,
Salita Santa Caterina, 12 Genova.

Aperta tutti i giorni dalle 15.30 alle 20
ingresso libero.


INAUGURAZIONE
Lunedì 27 aprile 2009, ore 10.00

Introduzione di Giorgio Devoto (Assessore alla Cultura della Provincia di Genova)
Interverranno gli autori delle fotografie ed i portavoce delle comunita' khorakhane' e sinti di Genova

A seguire:
proiezione del cortometraggio Savorengo Ker di Fabrizio Boni
e del documentario Porrajmos, di Paolo Poce e Francesco Scarpelli.

Sala polivalente - cinema Sivori,
Salita Santa Caterina, 12 Genova.

Per maggiori informazioni:
010 5499357 (Assessorato alla Cultura della Provincia di Genova) - romrom09@libero.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/04/2009 @ 09:56:13, in scuola, visitato 1324 volte)

CARI AMICI,

sono Barbara Bello, una dottoranda di ricerca dell'Università Statale a Milano e trainer giovanile. Ho ricevuto la richiesta di diffondere l'informazione di una seminario internazionale per giovani Rom e Sinti o per giovani trainer e leaders che lavorano con giovani Rom e Sinti. Il Seminario, organizzato dall'associazione tedesca Amaro Drom, rientra nel quadro "Gioventù per l'Europa". L'età dei partecipanti dovrebbe essere tra i 20 e 25 anni. Visto che lo scopo di questo seminario consiste nel promuovere futuri progetti, sarebbe veramente importante che i partecipanti siano ragazzi attivi.

Vi sarei grata se poteste diffondere l'informazione.

Resto a vostra disposizione per ulteriori approfondimenti.

Vi auguro una buona giornata,

Barbara Bello <BGBELLO@libero.it>

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/04/2009 @ 09:56:02, in lavoro, visitato 1339 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

Ma la liberazione non è per tutti, non è per gli stranieri, non è per Rom e Sinti, i cosiddetti zingari.

Questi ultimi –davvero ultimi in ogni cosa a partire dai diritti più elementari- non sono liberi in questo paese: nemmeno possono partecipare al corteo che ricorda la fine della Lotta di Resistenza e la nascita conseguente della Costituzione repubblicana. Se lo fanno, possono perdere il posto di lavoro, se riconosciuti dal padrone in una fotografia, in un filmato, di quelli che ci facciamo tra di noi per ricordare questa giornata, o che ci fanno fotografi e operatori di giornali e televisioni.

Ecco nella foto l’Unità (dedicata ai morti sul lavoro), come dovrebbero presentarsi: MASCHERATI.

[immagine non riportata]

Rom e Sinti, italiani, europei o no, sono NEGATI AL LAVORO, anche se lavorano, faticatamente, in nero, saltuariamente, quando possono, respinti e discriminati. Clandestini anche se regolari.

L’Associazione milanese Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti ha tenuto per un anno e mezzo uno sportello sindacale, col sostegno di Camera del Lavoro e Fillea Cgil, dentro nel campo di via Triboniano: uno scandalo. Che c’entrano gli zingari col sindacato, col lavoro (in molti se lo sono chiesto), dato che sono notoriamente TUTTI ladri e ladri di bambini? La leggenda è più forte di ogni realtà: ne basta uno per cancellare tutti gli altri e confermare che così stanno le cose. Per Rom e Sinti la colpa è sempre collettiva, mai individuale. Basta l’indirizzo del campo per perdere o non trovare lavoro. Perché nel nostro paese, il peggiore per loro in Europa, devono vivere in ghetti noti e additati, veri lager, da cui è difficile uscire; in cui l’infanzia, oggetto di commosse quanto astratte considerazioni, viene offesa e repressa ogni giorno. Se vanno a scuola, la perderanno al primo licenziamento del genitore che lavora, al primo inutile feroce sgombero.

Gli SGOMBERI sono l’inefficace violenta politica del governo e dell’amministrazione comunale milanese, incuranti della Costituzione, delle leggi, dei trattati internazionali sottoscritti, delle Dichiarazioni Universali, delle proteste del Parlamento Europeo.

SICUREZZA PER TUTTI – LA SICUREZZA È UN BENE COLLETTIVO, NON PRIVATO

Sicurezza è non morire sul lavoro ogni giorno; sicurezza è non subire violenza fra le mura sicure di casa; sicurezza è aver di che vivere ogni mese sino alla fine del mese; sicurezza è non avere un paese in cui regioni intere sono in mano a potenti organizzazioni criminali.

Per i Rom, clandestini sono i diritti

sede legale: Via Triboniano 212 – 20156 Milano (Italia). Tel. +39.(02).48409114
Costituita il 18 luglio 2004, registrata a Milano il 22 novembre 2004 , n° 104485 serie 3. Codice fiscale 97389270154

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Daniele (del 25/04/2009 @ 09:10:49, in musica e parole, visitato 1673 volte)
 ...musica zingara dalla Romania in Piemonte
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ricevo da Roberto Malini

Nella foto di Steed Gamero, Codrean Ciuraru, Rom romeno. Ha subito diversi episodi di intolleranza e violenza razzista, anche da parte di agenti delle forze dell'ordine. Dopo aver denunciato i suoi aguzzini in divisa, è stato minacciato e costretto a fuggire all'estero. Il suo caso è uguale a quelli di centinaia di suoi concittadini di etnia Rom in Italia.

Bruxelles, 22 aprile 2009. L'Agenzia europea per i diritti fondamentali (Fra) pubblica oggi il suo rapporto su minoranze e migranti. Il rapporto Fra ha un valore statistico assoluto, basandosi su un campione di 25 mila interviste, oltre che sui rapporti delle Organizzazioni per i Diritti Umani che basano le loro ricerche su verifiche effettive, testimonianze e documenti. Secondo i dati, il 50 per cento dei Rom, in Europa, percepisce una forte esclusione sociale e ha subito nel corso degli ultimi dodici mesi almeno un'aggressione razzista. Seguono africani sub-sahariani (41%) e nordafricani (36%). Riguardo ai rapporti con le autorità, l'82% non denuncia le violenze subite; secondo il 62% ''tanto non cambierebbe niente''. I nordafricani, secondo il rapporto, percepiscono maggiormente l'atmosfera discriminatoria nel paese in cui vivono: sono il 94% degli intervistati), seguiti dai Rom in Ungheria (discriminazione percepita dal 90%). In Italia, il pregiudizio è percepito dal 77% dei romeni (ma se si dovesse considerare un campione di Rom romeni, arriveremmo al 98%) e dal 76% degli albanesi. Sempre nel nostro Paese, l’89% dei romeni e l’82% degli albanesi e dei nordafricani non ha conoscenza di associazioni che possano realmente aiutarli di fronte a episodi di discriminazione. Il 52% dei nordafricani, in Italia, è stato colpito da atti razzisti negli ultimi dodici mesi: è il settimo gruppo fra i dieci più discriminati in Europa. Riguardo ai controlli delle forze dell'ordine, il 74% dei nordafricani ritiene che le autorità prendano di mira i migranti, solo a causa della loro etnia. Morten Kjaerum, direttore dell’Agenzia europea per i diritti fondamentali (Fra), ha dichiarato che è ormai necessario promuovere politiche più mirate per curare il male sociale del razzismo affinché “migliaia di casi di crimini razzisti non restino invisibili".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/04/2009 @ 09:12:07, in Italia, visitato 1654 volte)

Da Kelebek

Chiedo scusa della mia assenza, che spero sia provvisoria... in questi giorni ci si sveglia più verso le tre che verso le quattro per lavorare. Comunque voglio dare più risalto a un commento fatto ieri sera da Maria su questo blog. Trattandosi di un commento, si tratta di un testo scritto di getto, senza riferimenti. Ma credo che sia importante pubblicarlo comunque. Tra parentesi, è interessante la differenza tra la pratica tradizionale dei Rom - altroché Family Day - in cui è normale che i membri meno sfortunati della grande familja allargata si prendano cura dei bambini dei più disastrati, e la visione di certi magistrati e operatori sociali. Ovviamente, chi ha tolto i bambini al padre/zio potrebbe avere ragione in termini strettamente legali: la persecuzione, più che nella loro azione, sta nella mancanza di reazione o di interesse di altri per la vicenda. Ti segnalo l'ennesima ignobile persecuzione contro una persona rom. Si tratta del bosniaco Zafir Hamidovic fermato con i suoi due figli perchè la bambina somigliava a Denise Pipitone, la piccola scomparsa alcuni anni fa. L'hanno accusato di essere il rapitore di Denise; il dna lo ha scagionato da questa accusa ma parzialmente in quanto soltanto il bambino è risultato essere suo figlio; la bambina è figlia di un cugino e Zafir l'ha in affido fin da piccola. Una cosa è accertata, la piccola NON è Denise Pipitone. Malgrado, però, le cose si siano parzialmente chiarite, o chiarite per l'accusa più infamante, i due bambini gli sono stati tolti e affidati a una casa famiglia. Sono passati 15 giorni, i piccoli sono traumatizzati sconvolti, la madre disperata come il padre ha detto piangendo. Ecco io mi domando, se zafir non fosse stato un rom bosniaco avrebbe dovuto subire questo terribile affronto, non ancora sanato, in quanto i bambini non gli sono stati restituiti? Adesso è indagato per due reati di cui uno riguarda l'aver mentito riguardo alla bambina, il non aver detto subito, voglio dire, che era figlia "adottiva". E nemmeno il bambino comunque, suo con certezza a prova di dna, non gli è stato ad oggi ridato. Se Zafir Hamidovic fosse stato un'italiano, un inglese, un americano, un francese, avrebbe avuto simile trattamento? Credo di no, quantomeno avrebbe subito gli inevitabili accertamenti in modo ben meno pesante . Ma zafir è un rom bosniaco e quindi non merita nessun rispetto o cautela, e i bambini nessuna misericordia. maria

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/04/2009 @ 09:08:02, in lavoro, visitato 1701 volte)

Da Roma_Italia

Laura Clarke, 15/04/2009

L'Antica Sartoria Rom produce vestiti su misura ispirati al design romanì del XIX secolo

Entrare nel laboratorio tessile di Via Nomentana  952 è come entrare in un altro mondo. Qui l'uniformità unisex delle confezioni odierne lascia il passo ad indumenti di straordinaria femminilità e stile. Manichini vestiti di velluto o cashmere, corsetti e lunghe file di gonne a fiori punteggiano il locale. L'uniformità del locale fa da forte contrasto ai colori degli abiti in mostra: verde mela, blu cielo, rosso fuoco, rosa albicocca. Questa è l'Antica Sartoria Rom, una cooperativa di Romnià che producono abiti su misura ispirati al disegno tradizionale romanì del XIX secolo.

L'iniziativa prese vita nel campo di Via della Martora - Via Collatina a Roma est, dove un gruppo di donne rom voleva guadagnarsi da vivere ma senza imparare un nuovo lavoro. "La formazione professionale è complicata per gli adulti," dice la coordinatrice del progetto Alessandra Carmen Rocco, un'Italiana diplomata artistica con un diploma di conservatorio, che si è avvicinata ai Rom per la sua passione per la loro musica. "Prima di tutto, di solito non è pagata, poi c'è l'opposizione dei mariti, e per finire, chi guarderà tutti i bambini?"

Inizialmente, le donne consideravano due opzioni: babysitting ("le donne rom sono eccellenti babysitter, dato che le ragazze curano i fratelli e le sorelle più giovani sin dalla tenera età," dice Rocco) ed aprire un ristorante ("I Rom cucinano molto bene e la loro cucina è il risultato del contatto con le diverse comunità ospitanti), ma tutti e due gli schemi sono stati rapidamente abbandonati per ragioni pratiche. Poi un giorno le donne hanno prodotto a mano un vestito e così è nata l'idea della sartoria.

"Il progetto si adattava perfettamente perché le ragazze rom imparano a cucire a mano da molto giovani," spiega Rocco. "Inoltre, i Rom hanno mantenuto la distinzione tra il proprio modo di vestire e quello della comunità ospitante. Le tradizioni - gonne lunghe, cinturini stretti, corsetti attillati - sono rimasti." Le donne hanno continuato a fare una serie di indumenti, che vendono per i campi. Inizialmente i vestiti hanno sollevato entusiasmo, ma visto che erano fatti a mano, sono presto stati messi da parte, dando una cattiva nomea all'iniziativa.

Nel frattempo il gruppo ha deciso di focalizzarsi nel cucire vestiti ispirati agli stili tradizionali del XIX secolo. "Le donne vivono in condizioni che ricordano [quei tempi], senza elettricità o acqua corrente,e vogliono che i loro vestiti riflettano questo," spiega Rocco. I membri hanno contattato le anziane Romnià che vivono nei campi attorno a Roma, per sapere come la gente si vestiva in quel periodo e sono tornate con una serie di modelli. Poi i fondi sono stati assicurati dalla provincia di Roma per acquistare macchine da cucire, impiantare un laboratorio e fornire una formazione più approfondita.

All'inizio le donne hanno presentato i propri lavori alla Centrale Montemartini in Via Ostiense nel dicembre 2003. Da allora sono apparse all'evento AltaRoma haute couture il presso il Parco Auditorium della Musica, a MACRO, parte di una collezione preparata dal designer milanese Romeo Gigli (vedi QUI ndr), al Club La Palma nell'area Portonaccio per il lancio della cooperativa nel 2006 e, più recentemente, alla Città dell’Altra Economia al Testaccio. Dopo anni di lavoro in locali inadeguati, nel 2005 finalmente è stato garantito loro dal consiglio municipale locale l'uso indefinito dello spazio in via Nomentana, come riconoscimento del contributo dato dal rogetto all'integrazione degli stranieri nell'area.

La sartoria produce principalmente vestiti da donne - gonne, top, cappotti, scialli - ma anche vestiti e gilet maschili, gli indumenti sono fatti soltanto con fibre naturali e tipicamente includono intricati ricami disegnati usando pezzi di vetro, perline, lustrini e cristalli Swarovsk. Molti dei tessuti sono originari direttamente della Romania e sono portati in Italia dalla capo cucitrice Gabi Raducan che, a differenza di molti Rom di oggi, continua a seguire uno stile di vita nomade, viaggiando su e giù tra i due paesi. I prezzi variano dai 90 ai 1.000 €uro o più, a seconda del vestito, tipo e quantità del materiale usato e del ricamo adoperato. Attualmente il laboratorio impiega sette donne, che guadagnano 500 €uro al mese. Molti clienti sono dei privati che si avvicinano alla sartoria per varie ragioni compresa la ricerca di un abito da matrimonio.

Il 2009 è iniziato male con l'allagamento del laboratorio dovuto alle pesanti precipitazioni della fine dell'anno scorso. Inoltre la comunità rom di Roma sta fronteggiando un sovvertimento dovuto ai piani delle autorità cittadine di smantellare i numerosi campi non autorizzati e trasferire i loro abitanti fuori dal Grande Raccordo Anulare (GRA). Però, Rocco dice che la mossa non ha riguardato le lavoratrici tessili, che vivono nel campo autorizzato di Via della Cesarina, non lontano dal laboratorio.

 A dispetto di queste difficoltà ha grandi speranze per quest'anno. In primo luogo le donne stanno organizzando un'altra esposizione di moda dove introdurranno anche una linea di vestiti per bambini. In aggiunto hanno appena lanciato un sito web per presentare e promuovere il loro lavoro, che offre ai potenziali clienti un'idea migliore della bellezza ed unicità degli indumenti che offrono.

Antica Sartoria Rom
Via Nomentana 952
tel. 339/2357366 (Carmen)
anticasartoriarom@libero.it
www.anticasartoriarom.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/04/2009 @ 09:51:52, in scuola, visitato 1566 volte)

Da Nordic_Roma

HELSINGIN SANOMAT By Kristiina Markkanen

"Laalo, blaato, dzjelto (rosso, blu, giallo), i bambini rom leggono ad alta voce in una stanzetta del centro diurno Viherlaakso di Lahti.

Stanno avendo una lezione in kàlo-finnico-romanes, il nome ufficiale della lingua della minoranza finnica rom. Le sorelle Teresa e Maritsa Borg stanno colorando dei palloni mentre imparano il nome dei colori in romanes.

Le ragazze sono state fortunate: l'insegnante Marianne Florin lavora nello stesso centro diurno come sovvenzionata, in altre parole come assistente, il cui salario arriva parzialmente dal budget del Ministero dell'Impiego e dell'Economia.

Marianne Florin ha esperienza in questi circoli linguistici, anche se il suo livello di competenza del romanes non è molto alto.

D'altra parte, una lezione a settimana non è sufficiente per consentire a Maritsa e Teresa di parlare fluentemente il romanes. Sfortunatamente, non avranno l'opportunità di continuare i loro studi in romanes alla scuola.

La situazione a Lahti è tipica.

Soltanto pochissimi bambini rom di Finlandia hanno imparato la propria lingua madre - dipende dall'anno, circa 150 bambini apprendono il romanes al centro diurno o a scuola.

Si tratta del 5-10% dei bambini rom di Finlandia. Oggigiorno, non molti imparano la lingua a casa.

Il Tavolo Nazionale Finnico dell'Istruzione (FNBE) ha provato ad incoraggiare l'insegnamento del kàlo-finnico-romanes nelle scuole e nel 2009, i crediti dedicati sono stati raddoppiati.

Nei fatti, sono stati lanciati in Finlandia alcuni progetti per appoggiare i bambini rom ed i loro genitori riguardo la lingua romanes.

"Il prossimo autunno introdurremo i gruppi d'immersione nella lingua, i cosiddetti nidi linguistici, tanto per adulti che bambini che imparano il romanes. Abbiamo anche intenzione di organizzare due campi estivi linguistici", dice Leena Nissilä, Consigliera Anziana del FNBE.

Ci sono numerose ragioni sulla scarsità di insegnamenti in romanes.

I comuni non sono obbligati a fornire questa lingua, né sono interessati nell'organizzare questo insegnamento, c'è scarsità di insegnanti qualificati, oppure i Rom stessi mancano di comprensione o coraggio per chiedere l'insegnamento in romanes ai loro figli.

Elämä ja Valo è un'associazione a Lahti dei Rom di Finlandia.

Qualche anno fa l'associazione segnalò il fatto che la lingua romanes sarebbe stata a rischio di estinzione in Finlandia entro un decennio.

Cos'hanno da dire i ricercatori? La lingua romanes cesserà di esistere in Finlandia?

"Il numero di quanti attualmente usano la lingua nella comunicazione di tutti i giorni non può essere molto alto", dice il professore Matti Leiwo dell'Università di Jyväskylä con un profondo sospiro.

Secondo lui la lingua dei Rom finnici è in pericolo, su questo non c'è dubbio.

Il ricercatore Kimmo Grönfors dell'Università di Helsinki dice che il kàlo-finnico-romanes è come minimo in serio pericolo.

Non esistono statistiche sull'abilità nella lingua romanes, ma secondo le ultime stime, ci sono almeno 10.000 Rom in Finlandia, di cui forse la metà conosce la lingua bene o in modo soddisfacente.

"Siamo circa il 50% a parlare bene il romanes, ma non i nostri figli", dice l'insegnante di romanes Tuula Åkerlund di Romano Missio, un'organizzazione di servizio sociale del popolo rom che si prende cura dei bambini.

"Semplicemente quando i bambini sono piccoli non capiamo che potremmo insegnare loro due lingue", dice Åkerlund con rammarico.

Tuula Åkerlund puntualizza anche che la generazione più anziana non vuole che la lingua sia insegnata agli estranei. Il linguaggio è stato l'unica ricchezza del povero popolo viaggiante.

"La generazione che ha provato l'oppressione ed il disprezzo è ancora viva. Dal linguaggio ha ottenuto comfort, è per questo che lo vogliono mantenere solo nel circolo famigliare", spiega Åkerlund.

[...]

Buongiorno! - Tsihko diives!
La Finlandia appoggia l'allargamento EU - Fintiko themmesko dzinta EU: sko bohliboske.
Ti amo! - Me kamlavaa tuut!
Un Finnico che appartiene alla popolazione maggioritaria - Fintiko komunis
Un Caucasico, una persona di origine europea - gaajo
Helsinki (la capitale) - Baro fooros
Finlandia - Finitiko them o Fintiko them
Università - Apruno skoola
Night caffè - rassako kaljakiero
Pace - Freediba
Numeri: 1 = iek, 2 = dui, 3 = triin, 4 = staar, 5 = pangh, 6 = hou, 7 = efta, 8 = ohta, 9 = enja, 10 = deh

Nota: L'8 aprile era il Giorno Internazionale dei Rom, per celebrare la cultura rom e far crescere la consapevolezza sulle questioni affrontate dal popolo rom. L'11 febbraio il Museo Cittadino di Helsinki ha inaugurato una mostra internazionale intitolata Attenzione, Zingari! La Storia di un Fraintendimento, sul passato e il presente dei Rom d'Europa. La mostra sarà aperta sino al 30 agosto da mercoledì a domenica dalle 11 alle 17 - giovedì sino alle 19. Entrata libera. Indirizzo: Hakasalmi Villa, Mannerheimintie 13 D (accanto al Finlandia Hall).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/04/2009 @ 09:07:36, in Europa, visitato 1787 volte)

Da Czech_Roma

19 aprile 2009, 12:49 GMT

Praga - Dice la polizia che una bambina rom ed i suoi genitori sono stati seriamente feriti, sembra da una bomba molotov lanciata nella loro casa durante la notte nel nord est della Repubblica Ceca. Le vittime dicono che qualcuno ha lanciato una molotov nella loro casa nella città di Vitkov, dandole fuoco poco prima di mezzanotte, ha detto la portavoce della polizia, Sona Stetinska, all'agenzia stampa tedesca DPA.

Ha aggiunto che la polizia non sarà in grado di confermare la causa dell'incendio se non potrà esaminare il luogo, cosa che è complicata dal pericolo di crollo dell'edificio.

Il Primo Ministro uscente, Mirek Topolanek, ha detto di essere "seriamente preoccupato dal sorgente estremismo", chiedendo alle autorità di determinare se l'incidente possa essere motivato razzialmente.

La polizia ha detto che il motivo del presunto attacco non è immediatamente condiviso. "Non possiamo confermare che si trattasse di motivo razziale, ma neanche possiamo negarlo," ha detto la portavoce.

La bambina di 22 mesi, salvata dalla casa in fiamme dai genitori, trasportata in aereo in un ospedale nella capitale regionale Ostrava, è in condizioni critiche, hanno detto dal servizio di soccorso.

Ha diverse gravi bruciature nell'80% del corpo ed ha inalato i fumi, ha detto in una dichiarazione il portavoce Lukas Humpl.

Nella dichiarazione si dice che la madre, 27 anni, ha bruciature alle gambe ed un braccio, mentre i padre, 33 anni, ha serie bruciature alla schiena e agli arti.

L'incidente ha avuto luogo in mezzo ad una crescente attività politica dell'estrema destra e dei gruppi neonazisti.

La stessa sera, estremisti di destra avevano percorso in una marcia largamente pubblicizzata la città nord-occidentale di Usti nad Labem, che ospita un simil-ghetto della comunità rom, 430 km. ad est di Vitkov.

Le città ceche hanno combattuto per proibire le marce estremiste, mentre i loro organizzatori sfruttano le leggi che salvaguardano la libertà di assemblea.

"E' chiaro che esiste un collegamento tra l'attività politica degli estremisti e la violenza diretta verso gli abitanti," ha detto il premier. Ha auspicato che la prossima riunione di governo discuta la questione lunedì.

Nonostante questa retorica, i gruppi di estrema destra hanno continuato senza problemi le loro attività. Recentemente il governo ha fallito nel suo sforzo di sciogliere una di queste organizzazioni, il Partito dei Lavoratori.

Attacchi a sfondo razziale con bombe molotov, alcuni dei quali mortali, hanno recentemente scosso l'Ungheria.

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/12/2019 @ 13:51:10
script eseguito in 199 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 10561 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
12/12/2019 @ 08:20:56
Di ANNA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source